Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Una «pillola psicoattiva» somministrata di nascosto per garantire la conformità al lockdown, l’idea di un professore USA

Pubblicato

il

 

 

Un professore di etica presso la Western Michigan University ha sostenuto la promozione di «pillole morali» psicoattive al fine di alterare il comportamento di coloro che sono scettici sulle leggi del lockdown, suggerendo che tali farmaci potrebbero essere resi obbligatori o somministrati segretamente tramite il sistema idrico.

 

Si tratta di «un articolo così scioccante che all’inizio si pensa di leggere una satira», scrive Lifesitenews.

Un professore in USA: «pillole morali» psicoattive al fine di alterare il comportamento di coloro che sono scettici sul lockdown. Tali farmaci potrebbero essere resi obbligatori o somministrati segretamente tramite il sistema idrico

 

L’articolo è stato pubblicato all’inizio di questa settimana su The Conversation, un sito di notizie incentrato sui contenuti «provenienti dalla comunità accademica e di ricerca” e supportati dalle università di tutto il mondo.

 

Nell’articolo, l’autore Parker Crutchfield sostiene che «[quando] qualcuno sceglie di non seguire le linee guida di salute pubblica sul coronavirus, sta disertando dal bene pubblico» e che tali «disertori» richiedono sostanze chimiche di «miglioramento morale» per aiutarli a «ragionare su quale sia la cosa giusta da fare».

 

«A mio avviso, il problema dei disertori del coronavirus potrebbe essere risolto con un miglioramento morale: come ricevere un vaccino per rinforzare il sistema immunitario, le persone potrebbero assumere una sostanza per rafforzare il loro comportamento cooperativo e pro-sociale. Una pillola psicoattiva potrebbe essere la soluzione alla pandemia?» scrive Crutchfield.

 

«Il problema dei disertori del coronavirus potrebbe essere risolto con un miglioramento morale: come ricevere un vaccino per rinforzare il sistema immunitario, le persone potrebbero assumere una sostanza per rafforzare il loro comportamento cooperativo e pro-sociale. Una pillola psicoattiva potrebbe essere la soluzione alla pandemia?»

«È una proposta di vasta portata che è destinata ad essere controversa”, ammette, ma è comunque quella che Crutchfield ritiene «vale la pena considerare almeno, data l’importanza della cooperazione sociale nella lotta per tenere sotto controllo il COVID-19».

 

Crutchfield afferma che una sfida nell’implementazione di un tale sistema è che «i disertori che hanno bisogno di un miglioramento morale sono anche i meno propensi a sottoscriverlo».

 

«Come alcuni hanno sostenuto, una soluzione sarebbe quella di rendere obbligatorio il miglioramento morale o di amministrarlo segretamente, magari tramite l’approvvigionamento idrico. Queste azioni richiedono la ponderazione di altri valori».

 

Le sostanze chimiche citate da Crutchfield sono l’ossitocina e la psilocibina, il componente attivo dei «funghi magici», che dice «possono indurre una persona ad essere più empatica e altruista, più generosa e generosa».

 

«Una soluzione sarebbe quella di rendere obbligatorio il miglioramento morale o di amministrarlo segretamente, magari tramite l’approvvigionamento idrico»

Crutchfield afferma che la sua ricerca in bioetica «si concentra su domande come come indurre coloro che non collaborano a prendere parte a fare ciò che è meglio per il bene pubblico”.

 

Gli utenti di Twitter, sconvolti dall’articolo di Crutchfield, hanno svolto le proprie ricerche sulla sua storia accademica e hanno pubblicato un articolo del 2019 dal titolo «Il miglioramento biologico morale obbligatorio dovrebbe essere nascosto».

 

Nell’abstract del saggio il professore scrive:

 

Le sostanze chimiche citate da Crutchfield sono l’ossitocina e la psilocibina, il componente attivo dei «funghi magici», che dice «possono indurre una persona ad essere più empatica e altruista, più generosa e generosa»

«Alcuni teorici sostengono che il potenziamento biologico morale dovrebbe essere obbligatorio. Prendo questo argomento un ulteriore passo avanti, sostenendo che se il bioincremento morale dovrebbe essere obbligatorio, la sua amministrazione dovrebbe essere segreta piuttosto che palese. Questo per dire che è moralmente preferibile che il potenziamento biologico morale obbligatorio venga somministrato senza che i destinatari sappiano che stanno ricevendo il potenziamento».

 

«Un programma obbligatorio segreto promuove valori come libertà, utilità, uguaglianza, e l’autonomia meglio di un programma aperto. Pertanto, un programma di bioincremento morale obbligatorio nascosto è moralmente preferibile a un programma di bioincremento morale aperto».

 

Per quanto il lettore possa restare sconvolto dinanzi alla proposta di mettere nell’acqua potabile delle droghe senza il consenso di nessuno, l’idea circola da molto tempo, in vari frangenti della Cultura della Morte.

«Un programma di bioincremento morale obbligatorio nascosto è moralmente preferibile a un programma di bioincremento morale aperto»

 

John Holdren, fisico che è stato advisor scientifico di Clinton e di Obama scrisse nel 1977 un saggio s con Paul Ehrlich (l’inventore dell’espressione «bomba demografica», le cui previsioni sono state tutte smentite)  dal titolo Ecoscience, dove si discuteva delle soluzioni per la sovrappopolazione che avrebbe schiantato il pianeta (si è visto…). A pagina 787 e 788, emerge l’idea di una sterilizzazione massiva non invasiva e, soprattutto,  effettuata all’insaputa della popolazione: ecco pensata la diffusione di sostanze sterilizzanti nell’acqua di rubinetto.

 

Uno strano progetto di avvelenamento collettivo sarebbe stato scoperto anche in quello che all’epoca i giornali chiamarono il primo caso di «pedoterrorismo» del Paese. Si tratta della sedicente «Brigata Pretoriana», presunta organizzazione pedofila di cui non è nota la dimensione, ma di cui, riportarono i giornali, potrebbero essere emerse in documenti sequestrati le strategie di terrore per la causa pedofila, come avvelenare le zuccheriere dei bar con polvere di vetro o LSD:  «Se per educare gli italiani sarò costretto a ucciderne diecimila o centomila per me va bene». L’arrestato, all’epoca, disse che il memoriale ritrovato dalle forze dell’ordine, che descriveva queste tattiche, era solo materiale scaricato da internet; resta che non si tratterebbe di una politica di avvelenamento psicotropico massivo tanto lontano da quello proposto da professori di fama.

John Holdren, fisico che è stato advisor scientifico di Clinton e di Obama scrisse nel 1977 un saggio cdove si discuteva delle soluzioni per la sovrappopolazione : emerge l’idea di una sterilizzazione massiva non invasiva e, soprattutto, effettuata all’insaputa della popolazione, magari con sostanze sterilizzanti nell’acqua di rubinetto

 

Tuttavia, più recenti e significativi sono i progetti di modifica comportamentale svolti dalla DARPA – una sorta di reparto Ricerca&Sviluppo del Pentagono – a base di ossitocina, la sostanza citata anche nel saggio sulle pillole pro-lockdown. L’ossitocina, da alcuni detta la «molecola morale» non è ancora stata del tutto compresa, ma pare svolgere un ruolo decisivo nell’attaccamento delle madri verso i propri figli, ingenerando quindi comportamenti di empatia e di generosità.

 

Gli scienziati militari americani, scrive Annie Jacobsen nel suo libro The Pentagon’s Brain, starebbero studiandone l’utilizzo sui soldati qualora questi resistessero più del dovuto all’idea dell’automazione della guerra, cioè alla presente crescente, sul campo di battaglia, di robot assassini, con i quali, per l’appunto, non è facile empatizzare.

 

Tale programma è chiamato con un nome che a sua volta fa capire la segretezza, e financo l’imbarazzo, che avvolgono il tema della diffusione massiva di sostanze psicotropiche per la modifica comportamentale: il Pentagono lo ha chiamato programma Narrative Networks.

 

L’avvelenamento dell’acqua, dell’aria del cibo, è una realtà non solo progettata, ma perfino rivendicata dall’establishment come dai militari o dai terroristi.

L’avvelenamento dell’acqua, dell’aria del cibo, è una realtà non solo progettata, ma perfino rivendicata dall’establishment come dai militari o dai terroristi.

 

Che qualcosa del genere posa avvenire è oggi francamente molto probabile.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

Continua a leggere

Bioetica

Bioeticista rifiuta l’obbligo vaccinale

Pubblicato

il

Da

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Non tutti i medici – o i bioeticisti – supportano gli obblighi vaccinali.

 

A livello internazionale , la prevalenza dell’esitazione al vaccino contro il COVID-19 negli operatori sanitari varia dal 4,3 al 72%. La media è del 23%. Uno studio in Italia che ha rilevato che il 33% degli operatori sanitari non era sicuro o non aveva intenzione di vaccinarsi.

 

Il mese scorso l’associazione australiana dei medici generici (RACGP) ha emesso una presa di posizione a favore della vaccinazione obbligatoria. Come esempio dello scetticismo con cui alcuni dei suoi membri considerano l’idea, leggetei commenti sotto un articolo nella rivista di notizie RACGP. Un medico ha riassunto le preoccupazioni dei suoi colleghi: «Il RACGP ha improvvisamente buttato nel water la pietra angolare di tutti i principi etici AUTONOMIA».

 

Un bioeticista la pensa più o meno allo stesso modo. All’Università della California Irvine (UCI), Aaron Kheriaty, psichiatra e esperto di etica medica, è stato dimesso dopo essersi rifiutato di farsi vaccinare e aver citato in giudizio l’UCI.

 

Sta documentando il suo caso in un blog Substack, Human Flourishing. L’UCI gli ha vietato di lavorare nel campus o di lavorare da casa.

 

Kheriaty non si oppone alla vaccinazione. Tuttavia, lui e la sua famiglia hanno avuto il COVID e afferma di avere l’immunità naturale. Il suo argomento è che è già immune e che la vaccinazione comporta un piccolo rischio.

 

Scrive: «Come posso continuare a definirmi un esperto di etica medica se non riesco a fare ciò che sono convinto sia moralmente giusto sotto pressione?»

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

Continua a leggere

Bioetica

India, legale l’aborto per povertà

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna. L’appello: anziché abortire questi bambini siano affidati alle Missionarie della Carità, come chiedeva Madre Teresa.

 

 

Una gravidanza in un contesto sociale difficile può essere considerata «un rischio per la salute mentale di una donna». E dunque è ammissibile un aborto terapeutico anche oltre il limite della 20ma settimana, previsto dalla legge. Lo ha stabilito qualche giorno fa l’Alta Corte di Mumbai con una sentenza controversa che dice quanto anche in India il tema della difesa della vita nascente sia una questione aperta.

 

I giudici si sono pronunciati sul caso di una diciottenne non sposata che vuole abortire alla 26ma settimana di gravidanza, nonostante il feto risulti sano e non vi siano rischi per la salute fisica della donna.

 

«Come diceva Madre Teresa: “Non uccidete il bambino, datelo a noi”. Ci sono migliaia di storie di bambini salvati così e che oggi hanno una vita piena di amore e di gioia»

I medici le avevano riscontrato una forma non grave di depressione, che se adeguatamente curata non avrebbe creato gravi problemi. Ma i giudici hanno obiettato che per una diciottenne di una famiglia povera che sopravvive vendendo verdura e conducendo un rickshaw e in cui sono presenti anche altri figli, la gravidanza potrebbe avere un serio impatto sulla sua futura salute mentale. Per questo la Corte ha autorizzato l’aborto presso il JJ Hospital, un ospedale pubblico della città.

 

Va aggiunto che appena qualche settimana fa l’Alta Corte del Kerala si era espressa in maniera opposta su una petizione per molti versi simile presentata da una donna alla 31ma settimana di gravidanza.

 

La decisione è stata accolta con sconcerto da chi si batte per il diritto alla vita.

 

«La legge sull’aborto – commenta ad AsiaNews il dr. Pascoal Carvalho, membro della Pontificia Accademia per la Vita – fa sembrare ormai che un feto non sia un bambino fino al momento della nascita. Nessuna si preoccupa dei suoi diritti. La colpa è di una società che pretende di risolvere in questo modo la propria incapacità di assistere le madri non sposate. Le Missionarie della Carità, a Mumbai e in tutto il mondo, invece accolgono i bambini e combattono il male dell’aborto con le adozioni. Come diceva Madre Teresa: “Non uccidete il bambino, datelo a noi”. Ci sono migliaia di storie di bambini salvati così e che oggi hanno una vita piena di amore e di gioia».

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Philippe Put via Flickr pubblica su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0); immagine tagliata.

Continua a leggere

Bioetica

La bioetica rottama i suoi princìpi

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Secondo un editoriale dell’American Journal of Bioethics, per soddisfare le esigenze delle comunità degli indiani d’America e dei nativi dell’Alaska (AI/AN), i principi di autonomia, beneficenza, non maleficenza e giustizia dovrebbero essere eliminati.

 

Questi principi sono stati creati per le persone orientate all’Occidente senza un forte senso di comunità. Ma le persone di AI/AN sono molto più orientate al processo decisionale comunitario e i principi di Belmont basati sull’autonomia si stanno rivelando inadeguati.

 

Un esempio a cui gli osservatori bioetici tornano più volte è l’abuso di campioni di sangue appartenenti alla tribù Havasupai, in Arizona, da parte di ricercatori dell’Arizona State University nel 1990.

 

I soggetti della ricerca pensavano di donare il sangue per la ricerca sul diabete, ma gli scienziati li hanno usati per studiare la schizofrenia. (I fatti di questa storia sono, tra l’altro, contestati)

 

«Mentre la mancanza di attenzione dedicata alla sovranità tribale o all’oppressione delle persone indigene nel Rapporto Belmont può non sorprendere dato il suo contesto storico, è forse l’attenzione del documento sulle tradizioni morali occidentali e gli impegni per la conservazione dei diritti individuali che è forse più a contrasto con le prospettive indigene sulla ricerca biomedica».

 

«Affermando l’importanza della conoscenza scientifica e della scelta individuale, il Rapporto Belmont rifiuta implicitamente le tradizioni morali non occidentali che celebrano i valori comunitari legati alla solidarietà, alla fratellanza e al beneficio della comunità».

 

«Rottamato» è la parola giusta. Secondo l’editoriale, «è solo attraverso un approccio completamente nuovo che i residui delle tradizioni morali occidentali e delle epistemologie scientifiche possono essere lavati dalla guida e dai regolamenti bioetici che attualmente modellano l’impegno dei ricercatori con le comunità tribali».

 

Ciò che emergerà non è noto, ma gli autori sperano che «si possa sviluppare una serie di linee guida etiche più utili e culturalmente appropriate per quanto riguarda la conduzione della ricerca biomedica che coinvolga le comunità AI/AN».

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari