Connettiti con Renovato 21

Psicofarmaci

Gli psicofarmaci uccidono

Pubblicato

il

 

 

Gli psicofarmaci, ormai prescritti dai medici come fossero caramelle al limone, mietono in Scozia una giovane vittima.

Nel caso specifico, si tratterebbe di un farmaco anti-ansia. Lo riporta il Daily Mail.

 

Lucy Curran, una sedicenne di Glasgow in febbraio, ma i media britannici ne hanno dato la notizia solo pochi giorni fa.

 

È facile pensare che  – come per i vaccini, le cure oncologiche, i farmaci sospetti ed ogni altro dogma farmaceutico spacciatoci dall’apparato industrial-sanitario nazionale e dai media – i budget pubblicitari delle aziende farmaceutiche non aiutano mondo lo spirito d’inchiesta dei reporter.

La polizia sospetta un’intossicazione da propranalolo, utilizzato per i disturbi d’ansia. Tra gli effetti collaterali, leggibili perfino su Wikipedia, ci sono cefalea, disturbi del sonno, affaticamento, parestesia, vertigini, stordimento, psicosi, nausea, porpora, disfunzioni sessuali e disturbi della vista.

 

La polizia sospetta «un’intossicazione da propranalolo». Il propranalolo, commercializzato con il nome di Inderal,  è il betabloccante che si usa più spesso per i disturbi d’ansia, anche se comunemente viene prescritto per  patologie cardiache e l’ipertensione arteriosa.

 

Tra gli effetti collaterali, leggibili perfino su Wikipedia, ci sono cefalea, disturbi del sonno, affaticamento, parestesia, vertigini, stordimento, psicosi, nausea, porpora, disfunzioni sessuali e disturbi della vista. Notare il panino fatto con la psicosi – cioè la follia – tra la cefalea e i disturbi della vista.

 

Il dibattito riguardo alla depressione come effetto collaterale del propranalolo è in corso, e la possibilità è segnalato persino sul sito della Farmacovigilanza.

 

Il caso, purtroppo, è il secondo in pochi anni: due anni fa Britney Mazzoncini, anche lei sedici anni, si suicidò con una overdose dello stesso farmaco, dopo che per qualche tempo aveva iniziato ad utilizzare il medicinale per combattere la depressione.

Tra gli effetti collaterali ci sono cefalea, disturbi del sonno, affaticamento, parestesia, vertigini, stordimento, psicosi.

 

 

Lucy invece è morta poco dopo essersi sentita male, venendo prontamente ricoverata al Glasgow Queen Elizabeth University Hospital, inizialmente senza che nessuno riuscisse a dare una spiegazione a questa morte così precoce.


Le analisi postume, però, hanno rilevato un sospetto di intossicazione dal farmaco che la ragazza assumeva abitualmente, prescrittogli dal medico per combattere l’ ansia dalla quale era afflitta. Toni Giugliano, responsabile della Politica e degli Affari Pubblici della Mental Health Foundation in Scozia, ha sottolineato la necessità di indagare sulle modalità di prescrizione dei farmaci antidepressivi, il cui consumo è in vertiginoso aumento nella popolazione, soprattutto quella adolescenziale senza che nessuno pensi ai rischi:

«Abbiamo bisogno di sapere quali farmaci antidepressivi vengono prescritti e per quali ragioni»

 

«Abbiamo bisogno di sapere quali farmaci antidepressivi vengono prescritti e per quali ragioni – ha spiegato il Dott. Giugliano –  il significativo aumento dell’uso di antidepressivi negli ultimi dieci anni trattano problemi di salute fisica e di salute mentale. Alcuni antidepressivi danno sollievo agli emicranici, ad esempio, ma abbiamo bisogno di condurre alcune ricerche che ci facciano capire quale alternative vengono prescritte dai medici generici».

Le case farmaceutiche non hanno nessun interesse a render noto che la maggior parte degli psicofarmaci  possano causare reazioni di tipo violento e che, invece di curare le sindromi psichiatriche , ne accentuino l’intensità

 

Da qualche mese è stata presentata al parlamento scozzese una petizione per far luce su queste inquietanti morti. 

 

D’altronde, ancora una volta, le case farmaceutiche non hanno nessun interesse a render noto che la maggior parte degli psicofarmaci  possano causare reazioni di tipo violento e che, invece di curare le sindromi psichiatriche , ne accentuino l’intensità.

 

Chissà se qualcuno si prenderà a cuore l’argomento. Le lobby farmaceutiche, dal canto loro, siamo certi che si ripareranno dietro al solito slogan: «sono casi rari e isolati». Oppure il grande classico utilitarista: «sono più i benefici che i danni».

Le lobby farmaceutiche, dal canto loro, siamo certi che si ripareranno dietro al solito slogan: «sono casi rari e isolati». Oppure il grande classico utilitarista: «sono più i benefici che i danni»

A parte il fatto che i casi sono in aumento, è curioso constatare come in virtù del cosiddetto «progresso scientifico», l’altrettanto cosiddetta comunità scientifica ammetta la possibilità di sacrificare giovani vittime sull’altare del Farmaco. Ché forse la medesima metodologia sacrificale non viene applicata con i vaccini? 

 

Peccato che, nel caso specifico degli psicofarmaci, i loro effetti possono essere devastanti anche sulla collettività: dietro alle più grandi stragi di piloti che dirottano aerei o di giovani vestiti da Joker che entrano nei cinema sterminando persone innocenti, ci stanno sempre gli antidepressivi. 

Dietro alle più grandi stragi di piloti che dirottano aerei o di giovani vestiti da Joker che entrano nei cinema sterminando persone innocenti, ci stanno sempre gli antidepressivi

 

Ma anche di questo, nessuno parla.

 

Noi ne parleremo. A costo di toccare tasti dolenti e per qualcuno insopportabili. 

 

 

Cristiano Lugli

Continua a leggere

Ambiente

Festival di Glastonbury, l’orina degli spettatori drogati danneggia la fauna ittica

Pubblicato

il

Da

 

 

I partecipanti al famoso festival musicale di Glastonbury del 2019 devono aver assunto collettivamente una quantità davvero importante di droghe, perché quando gli scienziati hanno analizzato l’acqua del vicino fiume Whitelake, hanno trovato tali concentrazioni di MDMA e cocaina da danneggiare la fauna locale.

 

Secondo una ricerca pubblicata all’inizio di questo mese sulla rivista Environmental Research, nelle settimane successive al festival, gli scienziati hanno trovato 104 volte più MDMA a valle della location del raduno rock che a monte.

 

Questo valore – hanno detto gli scienziati della Bangor University al quotidiano britannico Guardian – è abbastanza alto da danneggiare la popolazione locale di anguille europee, che sono una specie rara e protetta.

Nelle settimane successive al festival, gli scienziati hanno trovato 104 volte più MDMA a valle della location del raduno rock che a monte. Inoltre hanno anche trovato 40 volte più cocaina rispetto ai livelli normali

 

Inoltre hanno anche trovato 40 volte più cocaina rispetto ai livelli normali, ma per fortuna questa quantità non è sufficiente a mettere in pericolo le anguille.

 

Per un confronto tecnico-scientifico, i ricercatori hanno anche testato un fiume vicino, il Redlake, che non attraversa il luogo in cui si è tenuto il festival. Ebbene, lì non hanno trovato alcun livello elevato di droga nell’acqua di quel fiume, suggerendo che la contaminazione da droga provenisse dal pubblico del festival. 

 

Apparentemente questo è un problema ben noto a Glastonbury, poiché gli organizzatori del festival hanno detto al Guardian di aver già messo in atto e riscontrato un «successo misurabile» con la loro cosiddetta campagna di sensibilizzazione «Don’t Pee on the Land», «non orinare in terra».

 

«Fare pipì sulla terra a Glastonbury provoca inquinamento della falda freatica, che può influenzare la fauna selvatica e il pesce locale»

«Fare pipì sulla terra a Glastonbury provoca inquinamento della falda freatica, che può influenzare la fauna selvatica e il pesce locale», hanno twittato gli organizzatori del festival nel giugno 2019, prima dell’inizio della kermesse. «L’Agenzia per l’ambiente ha il potere di chiudere il sito se c’è troppo inquinamento. Per favore, fai pipì solo nelle centinaia di servizi igienici e orinatoi in loco».

 

Sfortunatamente per l’ecosistema locale, i troppi partecipanti al festival hanno ignorato gli avvertimenti; l’enorme afflusso di droga nel fiume è un incidente annuale direttamente legato al festival rock.

 

Ma il coautore dello studio Christian Dunn ha tracciato un parallelo con il problema molto più diffuso dei rifiuti farmaceutici, che ha detto al Guardian è «un inquinante nascosto, preoccupantemente poco studiato ma potenzialmente devastante».

 

Si stanno moltiplicando gli studi che rivelano come le sostanze chimiche ormonali – per esempio, la pillola anticoncezionale, che finisce nei fiumi in quantità massive tramite l’urina delle donne – rovinino i pesci persino nella loro discendenza

Come riportato da Renovatio 21, si stanno moltiplicando gli studi che rivelano come le sostanze chimiche ormonali – per esempio, la pillola anticoncezionale, che finisce nei fiumi in quantità massive tramite l’urina delle donne autosterilizzatesi per via steroidea – rovinino i pesci persino nella loro discendenza non esposta. Nel caso dell’orina ricca di ormoni sintetici delle donne sotto pillola Pincus si è parlato anche di una epidemia di pesci transessuali nei fiumi e in mare.

 

Un altro studio inglese uscito quest’anno dimostrava che gli psicofarmaci (in particolare, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, o SSRI: Prozac, Zoloft, etc.) finiti in acqua rendono i pesci codardi e nervosi. Il comportamento delle carpe cruciane esposte agli psicofarmaci SSRI è di natura simile alla loro naturale risposta allo stress all’essere minacciati da un predatore. Lo studio notava che l’impatto sui pesci era simile a quello sugli esseri umani che, nelle prime fasi dell’assunzione di farmaci antidepressivi, possono diventare più depressi, soffrire di episodi di mania e avere tendenze suicide.

 

Il problema dell’inquinamento farmaceutico da farmaci è un argomento stranamente reso tabù in una società sempre più ossessionata dal proprio impatto ecologico.

 

Il problema dell’inquinamento farmaceutico da farmaci è un argomento stranamente reso tabù in una società sempre più ossessionata dal proprio impatto ecologico

Sempre rimanendo in tema di inquinamento sanitario, ricordiamo ai lettori che un altro potenziale materiale inquinante per le nostre acque: le irrinunciabili mascherine. I cittadini di mezzo mondo sembrano oramai conviverci come nulla fosse – con tanto di messaggi sui treni italiani che ti ordinano di cambiarla ogni quattro ore – nella più totale, forse volontaria, ignoranza rispetto ai danni che esse possono provocare al soggetto che le indossa e all’ambiente in cui viviamo.

 

La barriera corallina delle Filippine è ora coperta di mascherine.

 

A fine 2020 si era ipotizzato che in fondo all’oceano sarebbero finiti 1,5 miliardi di dispositivi facciali.

 

 

 

 

Immagine di neal whitehouse piper via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Continua a leggere

Epidemie

La pandemia ha rovinato la salute mentale dei bambini. Che non hanno dove andare

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Gli esperti medici di tutto il Paese affermano che la salute mentale dei bambini si è deteriorata durante la pandemia, con un gran numero di bambini che hanno occupato i letti nei pronto soccorso a causa della carenza di collocamenti, fornitori e risorse per combattere la crisi.

 

 

Dall’inizio della pandemia, gli ospedali pediatrici in tutto il paese hanno registrato un aumento «astronomico» del numero di bambini che necessitano di assistenza per la salute mentale.

 

A peggiorare le cose, gli ospedali che hanno faticato a soddisfare la domanda di servizi di salute mentale prima della pandemia ora si trovano a che fare con ancora meno risorse, come letti, fornitori, terapisti e consulenze, grazie al COVID.

 

La salute mentale tra i giovani si è deteriorata durante la pandemia quando i lockdown hanno aumentato i conflitti familiari e le scuole chiuse hanno lasciato i bambini isolati dalle attività e dai loro coetanei.

 

Una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin

Secondo il Washington Post, dal giugno dello scorso anno alla tarda primavera 2021, una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin.

 

Normalmente, l’ospedale vede solo cinque bambini al mese.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

 

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi», ha affermato Jenna Glover, direttrice della formazione psicologica presso il Children’s Hospital Colorado. «Non l’ho mai visto in tutta la mia carriera».

 

Altri ospedali hanno registrato aumenti ancora maggiori. A gennaio, il Wolfson Children’s Hospital di Jacksonville, in Florida, ha registrato un aumento del 300% del numero di ricoveri di emergenza sanitaria comportamentale da aprile 2020.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

Da gennaio ad aprile 2021, le visite del dipartimento di emergenza sanitaria comportamentale sono aumentate del 72% rispetto allo stesso periodo di due anni fa, ha affermato l’ospedale.

 

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

«Nell’ultimo anno, c’è stata una valanga di bambini e adolescenti fortemente depressi e ansiosi», ha detto la psichiatra infantile di San Francisco Michelle Guchereau. È «straziante» e «sconvolgente» dover voltare le spalle ad alcuni, ha detto.

 

Da aprile a ottobre 2020, gli ospedali statunitensi hanno registrato un aumento del 31% dei ragazzi dai 12 ai 17 anni in cerca di aiuto per la loro salute mentale e un aumento del 24% per i ragazzi dai 5 agli 11 anni.

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi»

 

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

 

Durante la pandemia, l’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago ha raggiunto quello che la dottoressa Jennifer Hoffmann, medico di medicina d’urgenza, ha definito un «punto di crisi». Ci sono state così tante visite al pronto soccorso legate alla salute mentale che ha attivato una risposta solitamente riservata alla gestione dei disastri.

 

«Consente il coordinamento al più alto livello di leadership per affrontare la crisi della salute mentale tra i bambini», ha affermato Hoffmann.

 

L’ospedale di Hoffmann doveva anche collocare i bambini nel pronto soccorso o ricoverarli in letti medici, dove a volte aspettavano giorni prima che fosse disponibile un letto in degenza psichiatrica.

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

Il Dr. John Walkup, presidente del Pritzker Department of Psychiatry and Behavioral Health presso l’ospedale, ha affermato che la pandemia ha esacerbato i problemi di accesso preesistenti.

 

«Negli Stati Uniti non abbiamo mai avuto un sistema di salute mentale adeguato per i bambini – mai – quindi prendi un sistema inadeguato per cominciare, e poi all’improvviso, metti i bambini che sono a rischio elevato… in una condizione molto difficile. E ora hai una crisi degli accessi», ha detto Walkup.

 

Molti dei bambini dell’ospedale di Walkup curati al pronto soccorso avevano un problema di salute mentale che non è mai stato diagnosticato o che è stato trattato in modo inadeguato prima della pandemia. Ora, quando cercano aiuto, non possono ottenere un appuntamento regolare con un terapeuta. Anche prima della pandemia, gli studi hanno dimostrato che a volte possono volerci mesi per ottenere un primo appuntamento.

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

«Quei ragazzi, quando togli la scuola, il sostegno familiare, il sostegno al reddito, il sostegno alimentare, il sostegno alla casa o perdono un parente, quei bambini diventano davvero sintomatici in grande stile», ha detto Walkup.

 

Zach Zaslow, direttore senior degli affari governativi presso il Children’s Hospital Colorado, ha affermato che il suo ospedale finisce per accogliere i bambini nel pronto soccorso o nell’unità di degenza, non perché sia il meglio per i bambini, ma perché «non c’è letteralmente nessun altro posto dove andare».

 

«A volte vengono trasferiti in strutture residenziali fuori dallo stato per ricevere le cure di cui hanno bisogno, il che divide le famiglie», ha raccontato Zaslow. «E può essere traumatizzante anche per i bambini».

 

 

Il Regno Unito sta vivendo una crisi simile

Il Regno Unito sta vivendo una simile crisi di salute mentale pediatrica, con un terzo dei letti ospedalieri di emergenza in alcune parti dell’Inghilterra ora occupati da bambini vulnerabili che non hanno bisogno di cure mediche urgenti ma non hanno nessun altro posto dove andare, affermano gli specialisti.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

 

La polizia è sempre più coinvolta nell’aiutare a trattenere i bambini, o a riportarli indietro quando scappano, e i pediatri si occupano di bambini vulnerabili che non sono malati fisicamente ma hanno mostrato comportamenti così difficili da non poter essere accuditi in altri luoghi.

 

 

Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno psichiatri

Secondo il Washington Post, il problema e i suoi effetti sono complessi.

 

Un articolo sull’Academic Pediatrics Journal ha esaminato gli ostacoli alla gestione dei problemi psicosociali dal 2004 al 2013, e ha scoperto che anche prima della pandemia i pediatri erano sopraffatti dalla cura dei bambini con problemi di salute mentale.

 

Gli psicologi hanno segnalato un aumento del 30% della domanda di servizi per i bambini sotto i 13 anni e un aumento del 16% per gli adolescenti. In un ospedale del Michigan, i ricoveri di adolescenti con disturbi alimentari sono più che raddoppiati durante la pandemia.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista

A partire dal 9 settembre, secondo i dati federali, più di 124 milioni di americani vivono in «aree con carenza professionale» per la salute mentale e il paese ha bisogno di almeno 6.500 professionisti in più per colmare le lacune.

 

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono in media solo 9,75 psichiatri infantili ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 19 anni. Lo scarso accesso a psichiatri infantili e adolescenziali è stato a lungo una preoccupazione sollevata da pediatri e famiglie. L’American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ha affermato che abbiamo bisogno di più di quattro volte il numero attualmente disponibile.

 

I tempi di attesa per i nuovi appuntamenti possono essere di molti mesi e alle famiglie potrebbe essere richiesto di pagare di tasca propria o di percorrere lunghe distanze poiché gli psichiatri si trovano nelle grandi città. Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno nemmeno uno psichiatra.

 

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

Secondo il Guardian, le strutture che forniscono servizi di salute mentale per i bambini sono state sistematicamente indebolite e sottofinanziate dai successivi governi locali e nazionali, anche se i risultati positivi portano a una riduzione della domanda di servizi per adulti, che potrebbe far risparmiare notevoli spese al servizio sanitario nazionale del Regno Unito.

 

Coloro che hanno il potere di rivedere ed espandere il sistema di salute mentale semplicemente non lo stanno facendo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 9 settembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

«Se possono obbligarti a fare un vaccino di cui non hai bisogno, che cosa non possono fare?»

Pubblicato

il

Da

 

 

Gli obblighi vaccinali riguardano «il potere», ha dichiarato Tucker Carlson in una trasmissione TV di Fox News della scorsa settimana.

 

«Queste richieste sono così ovviamente irrazionali, che costringerti ad accettarle senza lamentarti è il punto centrale dell’esercizio».

 

«Queste richieste sono così ovviamente irrazionali, che costringerti ad accettarle senza lamentarti è il punto centrale dell’esercizio»

In un appassionato monologo mandato in onda lo scorso lunedì, l’editorialista TV americano ha notato «è una forma di sadomasochismo, è dominio e sottomissione. Si tratta di potere. Se riescono a farti prendere medicine che non vuoi o di cui non hai bisogno, hanno vinto. Tu sei loro. Tu appartieni a loro. Vogliono questo».

 

«I vaccini – che sono molto meno efficaci di quanto ci era stato detto inizialmente, potenzialmente pericolosi per alcuni e completamente inutili per decine di milioni di altri – sono ora, tuttavia, obbligatori praticamente per tutti in America» ha detto Carlson.

 

«È una forma di sadomasochismo, è dominio e sottomissione. Si tratta di potere. Se riescono a farti prendere medicine che non vuoi o di cui non hai bisogno, hanno vinto. Tu sei loro. Tu appartieni a loro. Vogliono questo»

«Allora perché? Perché esattamente questa è la politica? Nel suo discorso al Paese della scorsa settimana, Joe Biden non si è preso la briga di spiegare perché. A questo punto non sono necessarie spiegazioni. Il tuo consenso non è più necessario».

 

Etichettando il discorso di Biden sull’0bbligo vaccinale come «il discorso più controverso e divisivo mai pronunciato da un moderno presidente americano», Carlson ha osservato che il punto centrale su cui Biden ha martellato è che «i tuoi concittadini americani sono pericolosi per te. Potrebbero ucciderti. E questo include la tua famiglia».

 

«Se possono obbligarti a prendere un vaccino di cui non hai bisogno, che cosa non possono fare?» si è chiesto.

 

«A questo punto non sono necessarie spiegazioni. Il tuo consenso non è più necessario»

«Perché non ti faranno assumere psicofarmaci se sei persistentemente disobbediente? Esprimi la visione sbagliata, fatti un’iniezione di torazina. Perché non potrebbero farlo? Qual è il loro principio limitante?»

 

Non è una domanda retorica. Uno Stato senza basi morali, dove può fermarsi? Se lo Stato moderno arriva a calpestare non solo la dignità dell’uomo e la legge naturale, ma perfino la sua stessa Carta Costituzionale (cioè, la sua ragione di essere), dove può limitarsi?

 

«Si può immaginare un gruppo di medici della CNN che spiega che saremmo tutti molto più al sicuro se i propagandisti malati di mente della destra radicale ricevessero le cure di cui hanno bisogno e smettessero di diffondere le loro pericolose teorie del complotto. Quindi dare loro farmaci psicotropi è una questione urgente di salute pubblica. Ti sembra inverosimile?»

 

«Perché non ti faranno assumere psicofarmaci se sei persistentemente disobbediente? Esprimi la visione sbagliata, fatti un’iniezione di torazina. Perché non potrebbero farlo? Qual è il loro principio limitante?»

A noi qui non sembra inverosimile. Di fatto Renovatio 21 si occupa da anni di un tema fondamentale per la saluta pubblica, quello delle droghe sintetiche legali chiamate «psicofarmaci». Una loro somministrazione obbligata non ci sembra, a questo punto, fantascienza: l’intera Nazione, l’intero mondo è sottoposto oggi ad un TSO ben peggiore.

 

Quanto alla spaccatura dalla società, noi abbiamo un modo di chiamarla: guerra biotica. Una popolazione divisa artatamente, in cui una parte viene aizzata contro l’altra, forte del mandato dell’establishment.

 

È la meccanica da incubo, oramai presente più o meno inconsciamente nel discorso di molti, che sta dietro alle guerre civili, ma qui si tratta di un conflitto nuovo, non più etnico o ideologico, ma biologico, biomolecolare, biotico – legato al bios, alla vita stessa.

 

 

Carlson Warns: “If The Powers That Be Can Force You To Get A Shot, What Can’t They Make You Take”

 

 

Continua a leggere

Più popolari