Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

Medici eutanasici belgi intimiditi dagli avvocati

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’eutanasia è stata normalizzata in Belgio. Secondo i dati ufficiali, circa 1 decesso su 50 è dovuto all’eutanasia e una grande percentuale non viene riportata ufficialmente.

 

L’immagine trasmessa dai media e dalla commissione eutanasia belga è malinconica ma positiva: le persone infelici vengono liberate dalla loro sofferenza, sostenute dai loro cari. Tutti i medici rispettano pienamente la legge e non ci sono difficoltà o abusi.

 

Questo sta cambiando. Una denuncia sull’eutanasia di una donna di nome Tine Nys nel 2010 ha gettato ombre su questo placido panorama.

 

Le sue due sorelle hanno perseguito tre medici attraverso i tribunali per dieci anni fino a quando non sono state processate nel 2020 per averla avvelenata illegalmente. Le sorelle sostenevano che non fosse malata terminale, anche se soffriva di una grave depressione. Tutti e tre i medici sono stati assolti.

 

Potrebbe sembrare un esito felice per i medici coinvolti nell’eutanasia. Tuttavia, ha dimostrato che i medici dell’eutanasia non sono  invulnerabili. Ciò ha apparentemente incoraggiato i parenti di altre persone che sono state soppresse e i loro avvocati. C’è stata un’esplosione di azioni legali che intimidiscono i medici.

 

C’è stata un’esplosione di azioni legali che intimidiscono i medici

Questa settimana un medico ha trascorso una notte in carcere a seguito di una denuncia secondo cui aveva illegalmente eutanasia un uomo di 91 anni nell’ospedale Jan Palfijn di Gand. Non si sa chi abbia sporto denuncia.

 

Un articolo sulla rivista belga Knack di un paio di mesi fa descrive il caso di Karel (uno pseudonimo), un uomo belga sulla cinquantina gravemente handicappato a causa di un’emorragia cerebrale. Ha chiesto l’eutanasia sulla base della sofferenza fisica e mentale ei medici hanno acconsentito.

 

Tuttavia, il giorno stabilito, il medico che ha praticato l’eutanasia ha ricevuto una lettera da un avvocato che agiva per conto dei due figli di Karel e della sua ex moglie negli Stati Uniti. Ha chiesto che il dottore desistere. Diceva, in parte, «se comunque procede a eseguire questa eutanasia, i miei clienti mi hanno ordinato di sporgere immediatamente denuncia per omicidio».

 

Questo non era mai successo prima. Il dottore e l’assistente di Karel sono rimasti scioccati. Ma hanno rispettato. Karel vuole ancora procedere con l’eutanasia, ma il medico non è disposto ad aiutarlo in questo stato di incertezza giuridica.

 

Knack ha intervistato Christophe Lemmens, specialista in diritto sanitario e membro della commissione eutanasia belga. Lemmens afferma che le famiglie spesso si oppongono alle richieste di eutanasia e assumono avvocati per contestare la questione. Questo è un nuovo sviluppo dopo il caso Tine Nys – ed è passato inosservato ai media internazionali. Knack non fornisce cifre. Il signor Lemmens afferma che non ci sono «centinaia» di casi, ma anche poche dozzine sono probabilmente sufficienti per spaventare i medici.

 

La minaccia di un processo per omicidio è potente.

 

Il 78% dei medici eutanasici è meno disposto a praticare l’eutanasia o addirittura a dare consigli al giorno d’oggi, soprattutto per i disturbi psichiatrici

Secondo il dottor Wim Distelmans, che è sia il principale medico belga per l’eutanasia sia il copresidente della Commissione federale per l’eutanasia, il 78% dei medici eutanasici è meno disposto a praticare l’eutanasia o addirittura a dare consigli al giorno d’oggi, soprattutto per i disturbi psichiatrici.

 

La maggior parte delle minacce riguarda pazienti che vogliono essere soppressi a causa di sofferenze psicologiche «insopportabili». I loro parenti credono che la valutazione dei medici sia sbagliata – ed è molto difficile dimostrarlo in entrambi i casi, il che rende la colazione di un avvocato.

 

Lemmens sostiene che la legge è chiara: l’unica voce che conta nella scelta dell’eutanasia è quella del paziente. I suoi parenti non hanno alcuna autorità per fermarlo.

 

«Può essere appropriato in alcuni casi coinvolgere i parenti, ma solo il paziente decide e nessun altro», ha detto a Knack.

 

Sebbene ciò possa essere vero, non ha impedito agli avvocati di molestare i medici. Possono sempre affermare che il paziente non era mentalmente competente.

 

E nel caso dell’eutanasia per sofferenza psicologica, questo può essere abbastanza plausibile.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Ambiente

Ansia ecologica: motivo per ottenere l’eutanasia?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un cittadino di Vancouver di nome Howard Breen, 68 anni, ha presentato domanda di aiuto medico alla morte (MAiD), il percorso canadese verso l’eutanasia legale. Non è malato terminale, ma sta vivendo un’estrema sofferenza mentale a causa del cambiamento climatico.

 

Nel 2017, il suo medico gli ha diagnosticato una eco-ansia clinica e una depressione correlata alla biosfera, secondo la rivista Vice.

 

«Diventa debilitante», ha detto Breen a Vice. «La depressione che provo per lo stato delle cose e la mia incapacità di non essere apprensivo per il futuro dei miei figli in particolare, è una grande preoccupazione per me».

 

 

Breen è un attivista ambientale e un membro di Extinction Rebellion. Ma insiste sul fatto che la sua domanda non è una trovata pubblicitaria. «Ma ha assicurato a VICE News che avere autonomia sul proprio corpo e una morte dignitosa di fronte all’imminente catastrofe climatica non è un’acrobazia. Ha anche il supporto del suo medico di base, sua moglie, due figlie e un figlio».

 

Ha presentato domanda per l’accesso al MAiD nel febbraio 2017, ma la sua richiesta è stata respinta perché uno dei medici valutatori non credeva che l’eco-ansia fosse una condizione ammissibile.

 

Tuttavia, si dice che l’eco-ansia sia reale tra i canadesi, soprattutto dopo l’ondata di caldo e gli incendi boschivi dell’anno scorso.

 

All’inizio di quest’anno la Climate Change and Mental Health Alliance ha affermato che l’ondata di caldo ha aumentato l’ansia del 13%.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Eutanasia in tutti gli Stati australiani

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Lo stato australiano del Nuovo Galles del Sud ha legalizzato l’eutanasia e il suicidio assistito la scorsa settimana. I membri della Camera Alta hanno sostenuto il Voluntary Assisted Dying Bill 2022 con un margine di 23 a 15.

 

Sia il Premier che il leader dell’opposizione si erano opposti al disegno di legge, ma hanno concesso ai parlamentari un voto di coscienza sulla questione estremamente divisiva. Il disegno di legge è passato alla Camera a novembre con un margine di 53 voti contro 36.

 

Ciò significa che la «morte assistita» è ora legale in ogni stato australiano. E le elezioni federali di sabato hanno messo al potere un governo laburista. Il nuovo parlamento subirà immediatamente pressioni per consentire all’Australian Capital Territory, dove si trova Canberra, e al vasto ma scarsamente popolato Northern Territory, di legalizzare anche lì.

 

La morte assistita è stata dibattuta in Australia almeno dal 1995, quando il Territorio del Nord l’ha legalizzata, sebbene il Parlamento federale abbia approvato una legge che l’ha ribaltata nel 1997, impiegando un potere costituzionale raramente utilizzato. All’epoca i parlamentari erano contrari al VAD [morte volontaria assistita, ndr] in modo schiacciante. Ma nel 2017 lo stato del Victoria ha legalizzato la morte assistita; nel 2019 Australia occidentale; nel 2021 Tasmania, Queensland e Australia Meridionale. Il cambiamento culturale è stato rapido.

 

Il deputato indipendente Alex Greenwich ha presentato il disegno di legge in parlamento alla fine dello scorso anno. Greenwich, che è stato anche responsabile della depenalizzazione dell’aborto nel Nuovo Galles del Sudin questo periodo, ha elogiato un «giorno in cui la compassione ha vinto».

 

«Ora la nostra attenzione deve spostarsi sul parlamento federale e spetta ai nostri colleghi e partner federali approvare leggi che consentano ai territori di essere in grado di legiferare per questa compassione», ha affermato.

 

Il ministro per le relazioni con i dipendenti Damien Tudehope ha dichiarato che il disegno di legge aveva «tradito» persone che soffrivano di una malattia terminale. “Alcuni diranno che questo è un grande momento per il Nuovo Galles del Sud», ha detto a The Guardian . «Andro via da qui oggi pensando che questo sia un giorno buio per il nostro Stato».

 

La nuova legge consentirà ai pazienti di scegliere tra suicidio assistito ed eutanasia. Le sue disposizioni sono più o meno le stesse degli altri stati, ma non consente alle istituzioni di rifiutare di consentire ai propri residenti di avere il VAD, con costernazione dei funzionari sanitari cattolici.

 

«Questa legge costringerà le organizzazioni che non sono d’accordo con la morte assistita a consentire ai medici nei loro locali di prescrivere e persino somministrare farmaci soggetti a restrizioni con l’intenzione di porre fine alla vita di un residente, senza nemmeno informare la struttura», ha affermato Brigid Meney, di Catholic Health Australia

 

«Queste leggi ignorano i diritti del personale e dei residenti che possono scegliere di lavorare e vivere in una particolare struttura residenziale a causa della loro opposizione alla morte assistita».

 

Ci vorranno probabilmente altri 18 mesi prima che le persone possano accedere alla morte assistita nel Nuovo Galles del Sud.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di Paul Hocksenar via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

L’ex arcivescovo di Canterbury promuove l’eutanasia in Australia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

L’ex arcivescovo anglicano di Canterbury, George Carey, ha inviato un messaggio al parlamento dello stato australiano del New South Wales, esortandolo ad approvare un disegno di legge sull’eutanasia.

 

In una lettera ottenuta da The Australian indirizzata a tutti i membri della Camera alta del NSW, Lord Carey, che è anche membro della Camera dei Lord nel Regno Unito, ha dichiarato:

 

«“Non è mia intenzione interferire in una questione che appartiene propriamente ai cittadini australiani, ma scrivo come ex arcivescovo di Canterbury che ha cambiato radicalmente idea sulla morte assistita».

 

Lord Carey ha avuto un momento di conversione nel 2014 e successivamente ha pubblicato una lettera aperta in cui ha sostenuto con forza un disegno di legge sulla morte assistita sponsorizzato da Labour Peer Lord Falconer.

 

L’arcivescovo in carica di Canterbury, il capo de facto della Chiesa d’Inghilterra, Justin Welby, dichiarò che sarebbe stato un disastro per gli anziani.

 

Sembra che Lord Carey stia continuando la sua campagna per persuadere i cristiani di tutte le convinzioni a sostenere l’eutanasia.

 

Nella sua lettera del 2014 ha scritto di aver cambiato idea dopo aver parlato con diverse persone morenti:

 

«Ho cominciato a riconsiderare come interpretare la teologia cristiana sull’argomento. Mentre lo facevo, diventavo sempre meno sicuro della mia opposizione al diritto di morire. Mi sembrava che sia la Bibbia che il carattere di Dio attribuissero molta più importanza alla benevolenza a cuore aperto che al rispetto di questa legge particolare. Come ho ricordato a me stesso, uno dei temi chiave dei vangeli è l’amore per i nostri simili».

 

Ha affermato che consentire alle persone di soffrire è in realtà profondamente non cristiano:

 

«Osservando rigorosamente l’insegnamento accettato sulla santità della vita, la Chiesa potrebbe effettivamente sanzionare l’angoscia e il dolore – l’esatto opposto del messaggio cristiano».

 

Gli anni successivi hanno fatto ben poco per smorzare l’entusiasmo dell’ex arcivescovo per l’eutanasia. Semmai, si sente più fortemente al riguardo.

 

Nella sua lettera ai parlamentari del Nuovo Galles del Sud, dice:

 

«Vi esorto a non considerare che il punto di vista religioso sia stabilito su questo argomento e che tutti i leader cristiani e religiosi parlino con un’unica mente. Si pensa spesso che questa sia semplicemente una questione di santità della vita su cui la maggior parte dei cristiani è d’accordo. Eppure c’è un notevole divario tra la guida delle chiese e le opinioni di molti nelle congregazioni».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari