Lacrime di coccodrillo eugenetico: nuova legge cinese vieta l’alterazione del genoma umano. Ci crediamo tutti.

 

 

 

La Cina ha aggiornato il suo codice penale per includere il divieto di modificare il genoma umano.

 

La notizia fa a pugni con quanti sostengono che invece la Cina stia spingendo verso l’ingegneria genetica di supersoldati

«Pratiche mediche illegali» sono state aggiunte all’articolo 336, che include «l’impianto di embrioni umani geneticamente modificati o clonati in corpi umani o animali, o l’impianto di embrioni animali geneticamente modificati o clonati in corpi umani».

 

La notizia fa a pugni con quanti sostengono che invece la Cina stia spingendo verso l’ingegneria genetica di supersoldati.

 

«Senza dubbio questa è una risposta retrospettiva allo scandalo dell’editing genetico in Cina» scrive Bioedge.

I genomi degli embrioni delle gemelline erano stati modificati nel tentativo di conferire resistenza genetica al virus HIV – un’idea che in era COVID dovrebbe far riflettere

 

Ricorderete la pietra dello scandalo: il 26 novembre 2018, He Jiankui, biofisico ricercatore presso la Southern University of Science and Technology (SUSTech) di Shenzhen, annunciò che il suo team aveva aiutato una coppia cinese a dare alla luce due gemelle geneticamente modificate.

 

I genomi degli embrioni erano stati modificati nel tentativo di conferire resistenza genetica al virus HIV – un’idea che in era COVID dovrebbe far riflettere. Più tardi saltò fuori che i geni alterati potevano inoltre conferire facoltà mentali superiori. Questa seconda informazione fu taciuta dai più. Indicava che si trattava di un progetto eugenetico in tutto per tutto.

 

Vi furono molte reazioni in Cina e all’estero. Più di 300 scienziati cinesi hanno firmato una lettera aperta in cui denunciava l’esperimento di He.

Più tardi saltò fuori che i geni alterati potevano inoltre conferire alle gemelline facoltà mentali superiori

 

Il comitato organizzatore del secondo vertice internazionale sull’editing del genoma umano affermò  che il progetto di He era progettato in modo irragionevole, non necessario dal punto di vista medico e non etico.

 

Il governo cinese reagì rapidamente. He scomparve, e riemerse mesi dopo in tribunale, dove fu ritenuto colpevole di «modifica genetica illegale di embrioni umani a fini riproduttivi e attività di trattamento medico riproduttivo, e di disturbo dell’ordine della gestione medica, con gravi conseguenze».

Quelle delle Cina ci paiono nient’altro che lacrime di coccodrillo

 

Secondo un articolo di Sixth Tone, una testata in lingua inglese sulla Cina, ciò avrebbe portato a questa nuova legge. Nessuno statuto aveva effettivamente proibito quello che He stava facendo, solo i regolamenti del 2003 del Ministero della Scienza e della Tecnologia cinese e dell’allora Ministero della Salute.

 

L’autore dell’articolo, Shao Bowen, commenta: «Sebbene la nuova legge chiarisca alcune di queste domande, non era in vigore al momento dell’esperimento di He. Piuttosto, l’insistenza dei pubblici ministeri affinché fosse perseguito sembrava meno una decisione puramente legale e più una decisione presa per inviare un chiaro messaggio di tolleranza zero per esperimenti immorali sugli embrioni umani».

 

È davvero stupido il pensiero per cui la Cina, per motivi etici – si tratta del Paese medaglia d’oro per aborti forzati e predazione degli organi – stia amputando il progresso tecnologico in un ambito in cui è in vantaggio

Quelle delle Cina ci paiono nient’altro che lacrime di coccodrillo.

 

Secondo alcuni, il governo cinese era pienamente a conoscenza degli esperimenti – che secondo la testata medica Stat furono finanziati con fondi pubblici –, così come al corrente era l’intero sistema di ricercatori che conoscevano e supportavano i suoi studi. Ora i professoroni, anche americani, si stracciano le vesti e piangono anche loro come loricati nilotici.

 

Al contempo, è davvero stupido il pensiero per cui la Cina, per motivi etici – si tratta del Paese medaglia d’oro per aborti forzati e predazione degli organi – stia amputando il progresso tecnologico in un ambito in cui è in vantaggio.

 

Ribadiamo: le notizie su supersoldati cinesi creati con il CRISPR continuano a montare, e non solo dalla tarda propaganda dell’America dell’era Trump.

 

Il campione di pallacanestro Yao Ming, 2 metri e 29, è un bell’esempio della direzione eugenetica che la Cina aveva intrapreso ancora moltissimi anni fa:

Il campione di pallacanestro Yao Ming, 2 metri e 29, è un bell’esempio della direzione eugenetica che la Cina aveva intrapreso ancora moltissimi anni fa: Ming uscì fuori facendo accoppiare il figlio dell’uomo più alto di Shanghai con una stangona giocatrice di pallacanestro, su caloroso incoraggiamento del Politburo pechinese a caccia, dopo i decenni di nullità sportiva sotto Mao, di blasoni agonistici.

 

La storia è stata raccontata diversi anni fa nel libro Operation Yao Ming.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di The He Lab via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)