La Cina sta creando una razza superiore con l’ingegneria genetica?

 

 

 

 

Bing Su, un genetista cinese presso l’Istituto di Zoologia di Kunming – un  ente statale – ha recentemente inserito il gene umano MCPH1, che sviluppa il cervello, in una scimmia. Uno scenario che forse agli occidentali ricorda immediatamente un film, Il Pianeta delle Scimmie.

 

L’inserimento potrebbe rendere l’intelligenza di quell’animale più umana di quella dei primati inferiori. Il prossimo esperimento di Su sta inserendo nelle scimmie il gene SRGAP2C, correlato all’intelligenza umana, e il gene FOXP2, connesso alle abilità linguistiche.

 

Bing Su, un genetista cinese presso l’Istituto di Zoologia di Kunming ha recentemente inserito il gene umano MCPH1, che sviluppa il cervello, in una scimmia.

«In una società comunista con ambizioni sfrenate, i ricercatori stanno perseguendo una scienza strana. Cosa succede quando mescoli DNA di maiale e scimmia ? Te lo possono dire gli sperimentatori cinesi. Che ne dici di far crescere organi simili a quelli umani negli animali ? Sì, hanno fatto anche questa», scrive Gordon Chang del Gatestone Institute.

 

La creazione di supersoldati da parte della Cina fu già messa nera su bianco dall’ allora direttore dell’Intelligence nazionale John Ratcliffe, in un editoriale del Wall Street Journal del 3 dicembre: «L’Intelligence statunitense mostra che la Cina ha condotto test umani su membri dell’Esercito popolare di liberazione nella speranza di sviluppare soldati con capacità biologicamente potenziate».

 

I ricercatori militari cinesi starebbero utilizzando lo strumento di modifica genetica CRISPR per migliorare le capacità umane, e la Commissione militare centrale del Partito Comunista «sostiene la ricerca sul miglioramento delle prestazioni umane e una biotecnologia di “nuova concezione”».

I ricercatori militari cinesi starebbero utilizzando lo strumento di modifica genetica CRISPR per migliorare le capacità umane, e la Commissione militare centrale del Partito Comunista «sostiene la ricerca sul miglioramento delle prestazioni umane e una biotecnologia di “nuova concezione”»..

 

L’Esercito popolare di liberazione è completamente coinvolto nelle tecnologie di ingegneria genetica degli esseri umani. Come riferiscono i principali analisti Elsa Kania e Wilson VornDick  , ci sono «sorprendenti paralleli nei temi ripetuti da un certo numero di studiosi dell’Esercito di Libera del Popolo e scienziati di istituzioni influenti».

 

Tutte queste mosse cinesi hanno lo scopo di ottenere «il dominio biologico». «Non ci sono – come osservava  Ratcliffe – confini etici alla ricerca del potere da parte di Pechino».

 

È chiaro che il Partito Comunista non pensa solo ai soldati. Un ricercatore cinese è anche la prima – e finora l’unica – persona a modificare geneticamente embrioni umani che hanno prodotto nati vivi.

 

Tutte queste mosse cinesi hanno lo scopo di ottenere «il dominio biologico». «Non ci sono – come osservava  Ratcliffe – confini etici alla ricerca del potere da parte di Pechino»

He Jiankui, mentre era alla Southern University of Science and Technology di Shenzhen, ha utilizzato lo strumento CRISPR-Cas9 per rimuovere il gene CCR5 al fine di dare alle gemelle , nate alla fine del 2018, l’immunità all’HIV ma forse anche per migliorare l’intelligenza.

 

«L’esperimento ha evocato il programma eugenetico del Terzo Reich per creare una “razza superiore”» scrive Chang.

 

«La Cina è governata da un regime che crede nella perfettibilità del genere umano e, con l’avvento della moderna ricerca genetica e biotecnologica, i pianificatori centrali cinesi ora hanno il genoma umano stesso da perfezionare secondo la loro agenda politica» ha detto a Chang Brandon Weichert di The Weichert Report.

 

«La Cina è governata da un regime che crede nella perfettibilità del genere umano e, con l’avvento della moderna ricerca genetica e biotecnologica, i pianificatori centrali cinesi ora hanno il genoma umano stesso da perfezionare secondo la loro agenda politica»

Gli scienziati cinesi sono già sulla strada del «doping genetico» per rendere le generazioni future più intelligenti e innovative di quelle dei paesi che rifiutano di abbracciare questi metodi controversi.

 

«Ciò a cui state assistendo in Cina – scrive Weichert  – è la convergenza di tecnologia avanzata con scienze biologiche all’avanguardia, capaci di alterare radicalmente tutta la vita su questo pianeta secondo i capricciosi capricci di un regime nominalmente comunista».

 

He, quello delle gemelle, dopo il tumulto internazionale causato dalla notizia del suo lavoro pericoloso e non etico, è stato multato e incarcerato per «aver effettuato illegalmente l’editing genetico di embrioni umani», ma nello stato di sorveglianza quasi totale del Partito Comunista, ovviamente aveva il sostegno dello stato per i suoi esperimenti.

 

I suoi sforzi non sono isolati.  Il team di notizie della rivista Nature ha  riferito nell’aprile 2015 che i ricercatori cinesi dell’Università Sun Yat-sen di Guangzhou, in un altro primo esperimento al mondo, hanno modificato embrioni umani «non vitali» con CRISPR-Cas9. “Una fonte cinese a conoscenza degli sviluppi nel campo ha detto che almeno quattro gruppi in Cina stanno perseguendo l’editing genetico negli embrioni umani”, afferma il sito web della rivista.

«I laboratori di ricerca americani, gli investitori nel settore delle biotecnologie e gli scienziati si sono tutti sforzati di fare ricerca e fare affari nell’arena biotecnologica in erba della Cina esplicitamente perché gli standard etici per la ricerca su questo tema delicato sono molto bassi»

 

L’accusa di Pechino contro He, quindi, sembra un tentativo di calmare il furore e impedire alla comunità scientifica internazionale di ulteriori indagini sulle attività della Cina.

 

«La cosa più preoccupante di questi sforzi è che la Cina ha ottenuto l’accesso al CRISPR e alla ricerca genetica e biotecnologica avanzata, grazie alle loro relazioni con gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali avanzate», dice Weichert a Chang di Gatestone.

 

«I laboratori di ricerca americani, gli investitori nel settore delle biotecnologie e gli scienziati si sono tutti sforzati di fare ricerca e fare affari nell’arena biotecnologica in erba della Cina esplicitamente perché gli standard etici per la ricerca su questo tema delicato sono molto bassi».

 

«Questa si rivelerà una minaccia strategica a lungo termine per gli Stati Uniti che pochi a Washington, a Wall Street o nella Silicon Valley capiscono», dice Weichert, riferendosi alla rapida arma cinese della biotecnologia.

 

«Questa si rivelerà una minaccia strategica a lungo termine per gli Stati Uniti che pochi a Washington, a Wall Street o nella Silicon Valley capiscono»

«Il regime cinese non ha etica o decenza, non è vincolato dalla legge e non ha un senso di moderazione» scrive Chang. «Tuttavia, ha la tecnologia per avviare una nuova specie di esseri umani geneticamente potenziati e che fanno il passo dell’oca».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)