Connettiti con Renovato 21

Gender

DDL Zan. Per favore, andiamo oltre

Pubblicato

il

 

 

Qualche lettore si sarà accorto di come abbiamo ignorato la questione della disfatta del DDL Zan.

 

L’affossamento del decreto sull’omotransfobia ha scaldato il cuore delle destre, e galvanizzato i residui di cattolicesimo para-istituzionale rimasto.

 

Calderoli al Corriere ha dichiarato di aver «goduto» quando ha visto in azione la sua tagliola: il giornale di via Solferino riconosce al dentista orobico una capacità ineguagliata di creare trappole grazie alla sua maxi-competenza delle regole del Parlamento.

 

Il video dei deputati che applaudono a DDL sconfitto ha fatto il giro della rete.

 

 

Tutta questa storia è fantozziana, grottesca, orrorifica.

A noi ricorda, non sappiamo bene perché, una scena fantozziana.

 


Perché fantozziana è tutta questa storia. Fantozziana, grottesca, orrorifica.

I migliori amici di Zan sono i cattolici «attivisti». Sono quelli che, portati dal guinzaglio del manovratore ad abbaiare sul sintomo, ignorano totalmente il quadro generale, e quindi la gravità dell’azione del Male. Sono loro che stanno dando una vera mano alla riedificazione di Sodoma – non i liberali, i goscisti, i massoni già conquistati fuori, ma dentro chissà…

 

Hanno evitato il problema grazie ai voti di quello che ha istituito in Italia le «unioni civili», cioè il matrimonio gay detto in lingua orwelliana.

 

Lui è in volo verso il paradiso spiritualliberale dell’Arabia Saudita, dove la liwat – la sodomia – è punita con lapidazione fino alla morte se l’uomo è sposato, mentre se è scapolo solo 100 frustate in pubblica piazza e esilio per un anno.

 

Aggiungeteci che il suo ospite wahabita, che da buon fiorentino Renzi definisce un principe rinascimentale, è accusato di essere mandante dello squartamento del giornalista Jamal Khashoggi. Chissà se il leader di Italia Viva, già esperto di docuserie TV, ha visto il documentario Netflix The Dissident, dove fa rabbrividire un dettaglio rivelato: Khashoggi sarebbe stato ucciso nella stanza riunioni del consolato, dove c’è un dispositivo per le teleconferenze.

 

Hanno evitato il problema grazie ai voti di quello che ha istituito in Italia le «unioni civili», cioè il matrimonio gay detto in lingua orwelliana.

Ma stiamo divagando.

 

Cosa credono di aver risolto? Credono che non si ripresenterà tra sei mesi, più agguerrito che mai, magari con il vento in poppa della UE, della CEDU, del Dipartimento di Stato USA, di papa Francesco?

Credono davvero – seguaci della scienza della tachipirina più vigile attesa – che curando il sintomo sparisca la malattia?

 

La malattia, loro, la sanno nominare? No, perché essi stessi ne sono infetti. Quelli che gioiscono, e si spellano le mani per il tracollo del DDL del bavaglio genderista, sono in realtà degli zombie. Da decenni.

 

La malattia si chiama Stato moderno. Esso è fondato sulla corruzione progressiva dell’integrità spirituale dell’uomo. Compromesso dopo compromesso, partiti di destra e cattolici hanno accettato tutto – e generato il mostro che adesso fingono di saper, voler combattere.

 

Cosa credono di aver risolto? Credono che non si ripresenterà tra sei mesi, più agguerrito che mai, magari con il vento in poppa della UE, della CEDU, del Dipartimento di Stato USA, di papa Francesco?

Hanno accettato il divorzio, e come risultato abbiamo avuto la disintegrazione della famiglia e un cospicuo aumento di omosessuali: senza il padre per casa, può capitare.

 

Hanno accettato la contraccezione, e come risultato abbiamo avuto lo sdoganamento dell’aborto.

 

Hanno accettato l’aborto, e come risultato abbiamo avuto l’accettazione delle fecondazione in provetta, che oggi uccide più embrioni di quanti ne uccida la legge 194/78.

 

Hanno accettato (anzi, hanno promosso) la riproduzione artificiale in vitro, e il risultato è che ci troviamo con feti torturati in laboratorio per produrre vaccini e ogni altra ricerca scientifica, ratti umanizzati, embrioni chimera, SHEEFS («entità umane sintetiche con caratteristiche embrionali») e via, giù per l’abisso della biologia sintetica.

 

Credono davvero – come la scienza della tachipirina più vigile attesa – che curando il sintomo sparisca la malattia?

Ora, dovremmo gioire perché hanno fermato una legge che riguarda i travestiti?

 

Davvero: siete seri?

 

Nel momento in cui ogni vostro diritto costituzionale è calpestato, ogni vostra libertà infusa in voi dalla legge naturale è violata, state a difendere questa micro-cazzata?

 

La malattia, loro, la sanno nominare? No, perché essi stessi ne sono infetti. Quelli che gioiscono, e si spellano le mani per il tracollo del DDL del bavaglio genderista, sono in realtà degli zombie. Da decenni.

Sì. Perché questo è quello che sono, oramai da anni, le lotte «cattoliche» in Italia: un’arma di distrazione di massa. Ti fanno ringhiare contro la liberticida legge Zan, mentre il manovratore permette ad una multinazionale straniera di toglierti la libertà di espressione.

 

Davvero: con Facebook che censura e espelle probabilmente una buona parte del pensiero conservatore del Paese, ci parlate della libertà di parola salvata con l’affossamento della Zan? Finché i politici non muovono un dito per ripristinare la sovranità della legge italiana (e della civiltà del diritto) sui server dei social media, come si fa a non sentirsi presi per i fondelli?

 

Svegliatevi: la Zan non sarà passata, ma se provate a dire cosa pensate sui social media, venite cancellati in un nanosecondo. Mica solo in Italia: guardate al caso del deputato USA Jim Banks, sospeso da Twitter perché aveva osato dire che Rachel Levine, nato Richard Levine – la prima assistente segretaria alla Salute transessuale nella storia del governo americano – è un uomo (il Levine ci aveva messo del suo: è stata fotografato con una uniforme da ammiraglio).

 

Non c’è che dire: la libertà di parola, grazie alla destra italiana e ai grupponi pro-vita, ora è salva.

 

La malattia si chiama Stato moderno. Esso è fondato sulla corruzione progressiva dell’integrità spirituale dell’uomo. Compromesso dopo compromesso, partiti di destra e cattolici hanno accettato tutto – e generato il mostro che adesso fingono di saper, voler combattere.

Che volete farci. Dovete accettarlo, e rallegrarvi sommamente. Dovete focalizzarvi sulle baruffe chiozzotte di Fedez con barbuti pro-life a caso, cui si dà massima copertura mediatica: nel frattempo, il manovratore inietta a voi e ai vostri figli tanti barili di mRNA da trasformarvi, se vogliono, in un caimano jacaré.

 

Gioite perché potete ancora dire «transessuale» ad un transessuale, in un mondo dove però se volete andare a lavorare come prima ci sono lacrimogeni e manganelli. Alé applausi. Goduria.

 

È il solito discorso. Specchietto per le allodole. Stalking horse. Tutti vi dicono di sbavare contro un bersaglio di cartapesta, così non vi accorgete che la manovra per fregarvi è un’altra.

 

Per un momento, quindi, ci siamo pure sentiti sollevati, ammettiamo: ma non per la legge affossata, ma perché abbiamo immaginato la soffitta per tutta la ridda di enti inutili che hanno messo in scena la battaglia cosmetica contro l’omosessualismo istituzionale di questi anni. I vari Family Day in vacanza, in naftalina, in freezer, nel cassonetto differenziato, dove volete, basta non vederli più. Dai, hanno vinto. Un po’ di meritato riposo, no?

Nel momento in cui ogni vostro diritto costituzionale è calpestato, ogni vostra libertà infusa in voi dalla legge naturale è violata, state a difendere questa micro-cazzata?

 

La lista degli enti inutili divenuti ora ancora più inutili, dai partiti in giù, è lunghissima. Tuttavia c’è un pensiero che ci assilla.

 

Come sia possibile credere che vari gruppi che prendono gli ordini da una realtà ora costituita probabilmente in maggioranza da omosessuali – la chiesa cattolica moderna – stiano davvero facendo una lotta al gender, davvero non lo comprendiamo.

 

La cosa porterebbe al paradosso dei paradossi, che in realtà conosciamo bene: i migliori amici di Zan e Fedez sono proprio quelli con cui si azzannano sui media. Sono quei cattolici che «ho tanti amici gay», «niente contro i gay», «ognuno è libero», etc. Sono loro che stanno dando una vera mano alla riedificazione di Sodoma – non i liberali, i goscisti, i massoni: quelli sono già conquistati fuori, ma dentro chissà…

 

Come sia possibile credere che vari gruppi che prendono gli ordini da una realtà costituita oramai in maggioranza da omosessuali – la chiesa cattolica moderna – stiano davvero facendo una lotta al gender, davvero non lo comprendiamo.

No, i migliori amici di Zan sono i cattolici «attivisti». Sono quelli che, portati dal guinzaglio del manovratore ad abbaiare sul sintomo, ignorano totalmente il quadro generale, e quindi la gravità dell’azione del Male.

 

Se hai accettato il divorzio, cioè la distruzione della famiglia, come puoi opporti al matrimonio omosessuale?

 

Se hai accettato l’aborto, cioè il sacrificio umano, come puoi opporti alla fecondazione in provetta?

 

E se hai accettato la fecondazione in provetta, come puoi opporti all’utero in affitto, e quindi alla possibilità dei gay di «avere» figli, perfino con relazione semi-genetica?

 

E da lì, ti potrai opporre al trapianto di utero? E all’utero artificiale?  E alla gametogenesi? E all’obbligo del bambino interamente sintetico creato con il CRISPR?

 

Non puoi. Non logicamente, non giuridicamente, non all’interno di quello Stato moderno basato su una (supposta, molto supposta) assenza di etica. Ed è il motivo per cui la battaglia della democristianeria, ora festante per qualche minuto ancora, è persa in partenza.

 

Nell’ora presente, dove il mondo è divenuto un’inferno di sorveglianza bioelettronica, dove ci è impedito di riunirci, di esprimerci, di abbracciarci, di mostrare il nostro volto, dove la guerra civile biotica potrebbe essere alle porte, dove la libertà di movimento è compromessa, dove l’abominio del sacrificio umano dell’innocente è distribuito via ago a miliardi di esseri umani, della legge Zan e del suo iter parlamentare davvero non ce ne frega un cazzo

Quindi, scusate se tiriamo dritto. Andiamo oltre senza curarci di questa paginetta ridicola nella storia della lotta contro la Necrocultura.

 

Nell’ora presente, dove il mondo è divenuto un’inferno di sorveglianza bioelettronica, dove ci è impedito di riunirci, di esprimerci, di abbracciarci, di mostrare il nostro volto, dove l’apartheid biomolecolare è realtà, dove la guerra civile biotica potrebbe essere alle porte, dove la libertà di movimento è compromessa, dove l’abominio del sacrificio umano dell’innocente è distribuito via ago a miliardi di esseri umani, della legge Zan e del suo iter parlamentare davvero non ce ne frega un cazzo.

 

Perdonate il francesismo. Ma è proprio così.

 

Per favore, passiamo oltre.

 

 

 

Gender

Putin paragona il gender al coronavirus

Pubblicato

il

Da

Lo scorso giovedì, durante un’ampia conferenza stampa annuale trasmessa in televisione, durata circa quattro ore, il presidente russo Vladimir Putin ha  paragonato la teoria gender e la spinta per i diritti dei trans a «nuovi ceppi» di una «pandemia» molto simile al coronavirus.

 

In risposta a una domanda di un giornalista della testata statale RT sulle sue opinioni riguardo ai «problemi nella società occidentale», alla «cancel culture» e alle opinioni dell’autrice di Harry Potter JK Rowling sul gender, Putin ha espresso le sue opinioni sulla correttezza delle concezioni tradizionali di genere e sulla sua opposizione ai diritti e all’inclusione per le persone transgender.

 

«Se qualcuno pensa che donne e uomini siano la stessa cosa, allora va bene. Ma c’è il buon senso», ha detto. «Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà».

«Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà» 

 

«Spero che la nostra società abbia la protezione morale interna dettata dalle tradizionali confessioni religiose della Federazione Russa», ha affermato Putin, che si è augurato che la società russa «disponga di sufficienti sistemi immunitari interni profondi di protezione contro questo oscurantismo». «Ed è necessario combatterlo non con ordini diretti, grida e accuse, ma con il sostegno ai nostri valori tradizionali», ha affermato il capo di Stato russo.

 

Putin ha dichiarato che nel caso degli atleti, se un uomo «si dichiara donna e decide di competere nel sollevamento pesi o in qualche altro sport, gli sport femminili cesserebbero di esistere del tutto». 

 

Il presidente russo ha citato l’esempio di un incidente negli Stati Uniti dove un criminale che scontava una pena per stupro ha dichiarato di essere una donna e dopo il trasferimento in una prigione femminile ha commesso lo stesso crimine nella sua cella.

 

Putin non è nuovo a questo tipo di discorsi. 

 

Come riportato da Renovatio 21, in un intervento alla riunione annuale del Club Valdai a Sochi lo scorso ottobre, il presidente della Federazione Russa ha affermato che il fatto che ai bambini in Occidente venga «insegnato che un maschio può diventare una femmina e viceversa» è qualcosa  «ai limiti di un crimine contro l’umanità».

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

Continua a leggere

Gender

Dottoressa transessuale fa gli aborti ma teme i pronomi sbagliati

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Quinn Jackson, MD , (i suoi pronomi sono: they/he) è un medico di medicina di famiglia a Kansas City, Missouri, e collaboratore di Physicians for Reproductive Health.

 

Il dottor Jackson si distingue nello spazio della salute riproduttiva: un medico trans maschio (cioè nata donna) che lavora in una clinica per aborti di Planned Parenthood.

 

In un articolo su MedPage Today, il dottor Jackson afferma di amare il lavoro.

 

«Credo che l’aborto possa essere un’esperienza molto potente, e per molti dei miei pazienti, la solidarietà tra le donne ne fa parte. Le persone con l’utero subiscono così tanta violenza da parte degli uomini».

 

«Credo che l’aborto possa essere un’esperienza molto potente, e per molti dei miei pazienti, la solidarietà tra le donne ne fa parte. Le persone con l’utero subiscono così tanta violenza da parte degli uomini»

Ciò che preoccupa il dottor Jackson non sono le questioni etiche intorno all’aborto, o anche le nuvole scure che incombono su Roe v Wade [la sentenza della Corte Suprema USA che ha liberalizzato l’aborto e che potrebbe venire rovesciata a breve, ndr], ma i pronomi.

 

Sembra che anche nelle cliniche per aborti le persone persistano nell’usare i pronomi sbagliati per il dottor Jackson.

 

«C’è stato uno sforzo concertato da parte di alcuni nel movimento per i diritti riproduttivi per rendere l’aborto più inclusivo di genere. Alcune cliniche chiedono ai pazienti i loro pronomi e alcuni di questi membri del personale li useranno. Alcune organizzazioni utilizzano “persone incinte” nelle loro comunicazioni. La frase chiave è “alcuni”. Altri continuano a usare un linguaggio e immagini che escludano le persone gender queer e trans dalle conversazioni sull’aborto. I più ipocriti tra noi sposeranno pubblicamente l’inclusione, ma non si presenteranno in modo significativo per il non-binary e il trans-fox. È estenuante. Sì, ti vedo prescrivere ormoni che affermano il genere, ma mi chiami “lei” in ogni riunione a cui partecipiamo».

 

Molte persone lavorano in ambienti tossici, ma è sorprendente che questo includa le cliniche per aborti.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Bioetica

Quale filosofia per la «medicina transessuale»?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Ci sono molti angoli da cui studiare il fenomeno del movimento transgender – psicologico, sociologico, storico, medico, politico… – ma sicuramente il più fondamentale è metafisico.

 

Questa è una parola comunemente usata come sinonimo di astruso e poco pratico. In realtà (si fa per dire) è la più pratica di tutte, poiché la metafisica è quella branca della filosofia che studia cosa significhi essere «reale».

 

Da un punto di vista metafisico, nel dibattito trans sono in gioco questioni di immensa importanza per tutta la nostra civiltà

Ad esempio, la metafisica chiede al transgenderismo: è reale la sensazione di «essere intrappolati nel corpo sbagliato»?

 

Dipende da cosa è fondamentalmente reale: la mente o il corpo.

 

Da un punto di vista metafisico, nel dibattito trans sono in gioco questioni di immensa importanza per tutta la nostra civiltà.

 

Nell’ultimo numero di The Journal of Medicine & Philosophy, Melissa Moschella, della Catholic University of America, fa partire un’analisi metafisica riguardo le affermazioni transgender. È difficile riassumere qui, ma è una buona introduzione all’argomento.

 

«La narrativa del corpo sbagliato dell’identità transgender sembra presupporre un’antropologia dualista secondo la quale l’“io” o il “sé” sono essenzialmente entità coscienti, pensante, emotiva che abita ma non è identica a un particolare corpo»

Sottolinea che le affermazioni trans sono un esempio dell’antica filosofia del dualismo:

 

«La narrativa del corpo sbagliato dell’identità transgender sembra presupporre un’antropologia dualista secondo la quale l’“io” o il “sé” sono essenzialmente entità coscienti, pensante, emotiva che abita ma non è identica a un particolare corpo. Perché solo negando che il corpo sia una componente essenziale e intrinseca dell’identità personale si può affermare che c’è una discrepanza tra il corpo e il sé».

 

In altre parole, la visione trans è che il corpo non è reale; solo ciò che sentiamo, pensiamo e immaginiamo può pretendere di essere reale. Stando così le cose, tutto sarebbe a  posto per i sostenitori trans. Ma per un non dualista questo va contro l’esperienza: «noi siamo corpi, e qualunque corpo siamo è quindi necessariamente il corpo “giusto”».

 

Moschella dice che la visione biologica dell’esperienza umana è la visione reale.

 

«La nostra identità biologica è essenziale e intrinseca alla nostra identità personale. In altre parole, io sono il mio corpo, anche se ci sono aspetti di me che trascendono la dimensione corporea del mio essere»

«Indipendentemente dal fatto che ci siano o meno aspetti della nostra identità che vanno oltre la nostra identità biologica, la nostra identità biologica è essenziale e intrinseca alla nostra identità personale. In altre parole, io sono il mio corpo, anche se ci sono aspetti di me che trascendono la dimensione corporea del mio essere».

 

Identifica una contraddizione nelle affermazioni trans:

 

«Non esiste una sensazione universale di “maschio” o “femminilità”. Probabilmente ci sono tanti modi di “sentirsi” femminili o maschili, qualunque cosa significhi, quante sono le donne e gli uomini. Se “sentirsi femmina” o “sentirsi maschio” deve significare qualcosa, deve esserci una realtà oggettiva, extra-mentale a cui si riferisce. Quella realtà oggettiva non può essere l’identità sessuale biologica stessa, o sarebbe completamente assurdo per un maschio biologico dire: “Mi sento femmina”».

 

Questo ha importanti conseguenze per la bioetica e la medicina transgender:

 

«Se questo giudizio fosse falso… allora asserire affermazioni sull’identità transgender ed eseguire interventi medici e chirurgici sulla base di tali affermazioni non sono risposte veramente responsabili o compassionevoli»

«Se questo giudizio fosse falso… allora asserire affermazioni sull’identità transgender ed eseguire interventi medici e chirurgici sulla base di tali affermazioni non sono risposte veramente responsabili o compassionevoli a coloro che soffrono di disforia di genere, ma è piuttosto probabile che provochi un danno profondo, a almeno nel lungo periodo».

 

Probabilmente è inutile che le parti opposte si arringano a vicenda a meno che non affrontino le questioni intricate della metafisica transgender. L’articolo di Moschella è un buon inizio.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari