Connettiti con Renovato 21

Bioetica

La Casa Bianca difende la ricerca su tessuti di feto abortito: «È importante investire nella scienza»

Pubblicato

il

 

 

L’addetta stampa di Joe Biden, Jen Psaki, ha elogiato il suo capo per aver revocato il divieto dell’era Trump di utilizzare tessuti fetali abortiti nella ricerca scientifica, sostenendo che è «importante investire nella scienza».

 

Durante un briefing con la stampa lo scorso martedì, un giornalista ha citato il disgusto di un sacerdote cattolico per la revoca da parte di Biden del divieto di tessuto fetale, chiedendo come la Casa Bianca «risponde a queste critiche».

 

L’addetta stampa di Joe Biden, Jen Psaki, ha elogiato il suo capo per aver revocato il divieto dell’era Trump di utilizzare tessuti fetali abortiti nella ricerca scientifica, sostenendo che è «importante investire nella scienza»

«Penso che la Casa Bianca sia rispettosamente in disaccordo», ha risposto la Psaki. «Riteniamo che sia importante investire nella scienza e cercare opportunità per curare le malattie e questo è ciò che penso si spera di fare».

 

«Riteniamo che sia importante investire nella scienza e cercare opportunità per curare le malattie e questo è ciò che penso si spera di fare»

 

All’inizio di questo mese, il segretario alla Salute e ai Servizi Umani USA Xavier Becerra aveva annunciato che il governo federale avrebbe revocato le restrizioni sulla ricerca sui tessuti fetali messe in atto da Trump.

 

«La mossa riprende efficacemente la filiera industriale dell’aborto a scopo di lucro della sinistra con sovvenzioni finanziate dai contribuenti a college e scuole di medicina» scrive Infowars.

 

Durante l’era Obama/Biden, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha pagato milioni di dollari per i feti sminuzzati – inclusi bulbi oculari, cervello e fegato – da broker di tessuti umani come Advanced Bioscience Resources (ABR) per centinaia di dollari ciascuno.

La mossa riprende efficacemente la filiera industriale dell’aborto a scopo di lucro della sinistra con sovvenzioni finanziate dai contribuenti a college e scuole di medicina

 

Infatti, secondo i registri di posta elettronica della FDA del 2012 recentemente ottenuti da una richiesta FOIA del gruppo Judicial Watch, durante il mandato di Obama la FDA ha pagato un prezzo medio di  2.000 dollari per ogni bambino abortito, aggiungendo fino a 12.000 dollari per una scatola di tessuto per neonati abortito.

 

«Questi documenti sul traffico di organi fetali scioccano la coscienza e mostrano un uso potenzialmente illegale di dollari delle tasse per acquistare organi del nascituro ucciso con l’aborto», ha detto all’inizio di questo mese il presidente di Judicial Watch a Tom Fitton.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Riesaminare la bioetica dell’«autonomia del corpo»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La parola d’ordine che attraversa la rumorosa controversia sull’abrogazione da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti di Roe v. Wade è «autonomia riproduttiva». Questo concetto è sollevato su un piedistallo come l’ideale liberale per il quale le donne americane dovrebbero lottare.

 

Ma ci sono altri, più sfumati, punti di vista sull’autonomia, visti soprattutto attraverso una lente femminista.

 

In una rivista europea chiamata Medicine, Health Care and PhilosophyJi Young Lee, dell’Università di Copenaghen, sostiene che «questa lettura liberale dell’autonomia riproduttiva ci offre solo una comprensione etica limitata di ciò che è in gioco in molti tipi di scelte riproduttive, in particolare quando si tratta di usi diversi delle tecnologie riproduttive e della riproduzione di terze parti».

 

La studiosa continua affermando:

 

«Plausibilmente, quindi, l’autonomia riproduttiva è una buona cosa – qualcosa a cui sarebbe del tutto ragionevole, se non ideale, aspirare nel processo decisionale riproduttivo. Tuttavia, gli ambienti sociali oppressivi e inegualitari che costituiscono il nostro mondo non ideale complicano il potere eticamente esplicativo di un quadro liberale di autonomia riproduttiva. Questo perché il quadro liberale da solo non coglie completamente la questione di chi beneficia di quali opzioni riproduttive, l’ entità dei rischi e dei danni coinvolti nei vari interventi riproduttivi e le ragioni per il motivo per cui le persone sono spinte a fare determinate scelte riproduttive».

 

«Ritengo che questi fattori costituiscano tre limiti principali del quadro liberale. Questo dovrebbe fornirci ragioni sufficienti per dubitare dello status dell’autonomia riproduttiva liberale come ideale etico prevalente per il processo decisionale riproduttivo».

 

Il modello liberale di autonomia, sostiene, privilegia il libero processo decisionale. Ma una visione più sana, che lei chiama «autonomia relazionale», tiene conto dei costi della decisione e delle ragioni per cui la decisione viene presa. Non basta avere «opzioni»; bisogna anche esaminare il contenuto ei limiti delle opzioni.

 

Usa l’esempio del congelamento degli ovuli, un metodo riproduttivo che consente alle donne di avere una carriera e anche di vivere la maternità. Aziende come Facebook e Apple lo stanno offrendo come vantaggio occupazionale.

 

Ma chi ne beneficia davvero: le donne o l’azienda?

Conclude che i bioeticisti hanno bisogno di «prendere le visioni relazionali dell’autonomia come base di partenza per ulteriori discussioni, e da lì porre domande critiche sulla natura e sul contenuto del processo decisionale riproduttivo che non si basano semplicemente sulle condizioni liberali della scelta».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Gruppi ebraici USA definiscono le restrizioni all’aborto una violazione della loro libertà religiosa

Pubblicato

il

Da

Alcuni gruppi ebraici hanno denunciato il recente rovesciamento della sentenza della Corte Suprema  del 1973 Roe vs. Wade – la legge che assicurava copertura costituzionale all’aborto, assurto quindi a «diritto» federale fruibile in ogni Stato dell’Unione – come una violazione dei loro diritti di libertà religiosa.

 

Alcuni di questi gruppi, riporta Lifesitenews, avrebbero espresso la convinzione che il bambino non nato sia parte del corpo della madre ed è quindi considerabile come una persona umana solo una volta che fatto il suo primo respiro.

 

Venerdì il Women’s Rabbinic Network (WRN) ha rilasciato una dichiarazione affermando che «i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo non vedono un feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«La Torah, la Mishnah e il Talmud, i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo, non vedono il feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«Infatti, la parola anima – neshama – significa anche respiro, perché l’ebraismo insegna che la vita non inizia al concepimento o al battito del cuore, ma con il primo respiro. Pertanto, costringere qualcuno a portare una gravidanza che non desidera o che mette in pericolo la sua vita è una violazione della legge ebraica perché dà la priorità al feto rispetto all’adulto vivo che è incinta» scrive la Rete rabbinica delle donne WRN.

 

«Questo deve essere inteso come una violazione della Costituzione degli Stati Uniti che garantisce la nostra libertà di praticare la nostra religione e anche la nostra libertà dai dettami di altre religioni».

 

«Le persone che hanno il potere fisico di creare, nutrire e dare la vita hanno anche il potere di decidere quando e se è il momento giusto per farlo».

 

In risposta a queste affermazioni, il rabbino ortodosso prolife  Yehuda Levin ha accusato questo movimento, affermando: «È davvero blasfemo, è doppiezza, ed è disonestà (…) E la mia unica domanda è: queste persone che dicono queste cose, che ci credano nel loro cuore o meno, stanno solo dissimulando?»

 

Fornendo una prospettiva più ampia, il conduttore radiofonico conservatore Dennis Prager ha cercato di rispondere brevemente alla domanda «Perché gli ebrei sono di sinistra?» durante una trasmissione del 2013 su C-SPAN.

 

«Quando gli ebrei lasciarono l’ebraismo rimasero religiosi, ma la religione che affermavano tendeva a essere una qualsiasi forma di sinistra piuttosto che l’ebraismo (…) Rifiutavano la religiosità tradizionale, e così accettavano una nuova religiosità laica (…) Gli ebrei prendevano una nuova religione in sostituzione di ebraismo, e questo era, lo chiami, femminismo, ambientalismo, marxismo, socialismo e, per alcuni, anche comunismo».

 

Affrontando un’apparente tendenza di questi numerosi gruppi ebraici a incorporare ideologie secolari nelle loro formulazioni religiose, il rabbino Levin ha dichiarato LifeSiteNews che «queste persone, queste libertà, tentano di scimmiottare ogni valore liberale, o la sua mancanza, e cercano di applicarlo ai valori ebrei, il che è totalmente segno di doppiezza. È totalmente falso».

 

Secondo l’ente statistico Pew Research Center, gli adulti che si identificano come ebrei costituiscono il 2,4% della popolazione adulta negli Stati Uniti e l’83% di questi ritiene che l’uccisione di bambini prenati dovrebbe essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi – una percentuale inferiore solo rispetto a Unitari, atei e agnostici.

 


Il 17 maggio 140 organizzazioni ebraiche,  inclusa  la famosa Anti-Defamation League (ADL), hanno sponsorizzato  quella che hanno chiamato una «Marcia ebraica per la giustizia sull’aborto» affermando che «l’accesso all’aborto è un valore ebraico» e «vietare gli aborti è un questione della libertà religiosa».

 

Non è una soluzione legale nuova.

 

Si tratta del medesimo argomento utilizzato dal gruppo chiamato «The Satanic Temple» («Il Tempo satanico»), che ha ancora una volta spiegato che intende aggirare le conseguenti restrizioni all’aborto attraverso una «esenzione religiosa», considerando l’uccisione dei feti come parte di un credo religioso, quindi tutelato dalla Costituzione USA.

 

 

 

I fan di Lucifero si sono così definiti, con ebbrezza etimologica «il principale faro di luce nella battaglia per l’accesso all’aborto».

 

È proprio così: la luce, per Satana, è il sacrificio umano degli innocenti.

 

 

 

 

 

Immagine di Fibonacci Blue via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

Aborto negli Stati Uniti: l’Europa vuole salvare il soldato Biden

Pubblicato

il

Da

Mentre negli Stati Uniti imperversa la messa in discussione di un presunto diritto all’aborto, dopo la storica decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza Roe vs. Wade, il Parlamento Europeo ha appena votato una mozione di denuncia delle «minacce» contro la salute riproduttiva delle donne d’oltreoceano.

 

 

La vediamo il più delle volte al seguito dello zio Sam, ma quando si tratta di farsi paladina dei valori progressisti, la vecchia Europa non esita a prendere in mano la bacchetta, pronta a dare lezioni contro i conservatori di ogni tipo.

 

Così, l’8 giugno 2022, il Parlamento europeo ha convocato un dibattito evocativo sul tema : «Minacce contro il diritto all’aborto nel mondo: la possibile messa in discussione del diritto all’aborto negli Stati Uniti da parte della Corte Suprema».

 

Nel mirino della censura di Strasburgo: il progetto esaminato dalla più alta corte d’oltre Atlantico, volto a contestare l’attuale giurisprudenza sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) nel Paese a stelle e strisce, e che da allora ha preso corpo dopo la pubblicazione della sentenza Dobbs da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

 

Il quadro per la risoluzione europea è stato redatto dal deputato Predrag Fred Matic – autore del disastroso rapporto omonimo – e da una trentina di parlamentari.

 

Il loro obiettivo: sostenere la politica dell’amministrazione Biden – attualmente in una posizione delicata nell’opinione pubblica americana – invitando l’Unione Europea (UE) e i suoi Stati membri a «iscrivere il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea» (punto 24).

 

Il testo parlamentare non esita a dichiararsi «profondamente preoccupato per le potenziali conseguenze per i diritti delle donne nel mondo, se la Corte Suprema degli Stati Uniti ribaltasse Roe vs. Wade» (paragrafo 16).

 

Non sorprende che la risoluzione sia stata adottata il 9 giugno con 364 voti favorevoli, 154 contrari e 37 astensioni. Gli eurodeputati di Renew (centristi), S&D (sinistra) e The Left (estrema sinistra) hanno votato a favore del testo, mentre il gruppo PPE (destra) è rimasto diviso sulla questione.

 

Gli eurodeputati appartenenti alle formazioni più conservatrici (ECR e ID) hanno votato contro, protestando contro le ingerenze delle istituzioni europee: «Quello che sta succedendo qui è un’enorme irregolarità», ha dichiarato Margarita de la Pisa Carrión, a nome ECR.

 

E per aggiungere contro dei deputati progressisti: «Cosa pretendete di fare? Essere al di sopra della giurisdizione americana? Interferire illegalmente in un sistema legale democratico? È vergognoso e screditante per l’istituzione che rappresentate».

 

Ma non è detto che la risoluzione europea avrà l’effetto migliore: a pochi mesi dalle cruciali elezioni di metà mandato, che Joe Biden al momento non sembra poter vincere, l’ingerenza dei deputati di Strasburgo potrebbe non essere gradita dall’opinione americana, sensibile in materia.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Più popolari