Connettiti con Renovato 21

Gender

Passaporti con sesso «non-binario»: ora anche in USA

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Gli Stati Uniti hanno iniziato a rilasciare passaporti per le persone di genere non-conforme.

 

Il primo passaporto contrassegnato con una «X» come sesso è stato rilasciato questa settimana a Dana Zzyym, un’attivista intersessuale del Colorado.

 

Dal 2015, Zzyym ha combattuto contro il Dipartimento di Stato per ottenere un passaporto che non richiedesse a Zzyym di mentire sul genere selezionando maschio o femmina.

 

«Le persone intersessuali, non binarie e transgender hanno bisogno di documenti di identità che riflettano accuratamente chi siamo, e avere documenti non corrispondenti può creare problemi di sicurezza e visibilità», ha affermato un portavoce di GLAAD, un gruppo di lobby LGBTQ.

 

«Voglio ribadire, in occasione di questo rilascio del passaporto, l’impegno del Dipartimento di Stato a promuovere la libertà, la dignità e l’uguaglianza di tutte le persone, comprese le persone LGBTQI+», ha affermato il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price.

 

«Non vediamo l’ora di offrire questa opzione a tutti i richiedenti di passaporto di routine una volta completato il sistema richiesto e gli aggiornamenti dei moduli all’inizio del 2022».

 

Alcuni paesi consentono alle persone di mostrare un identificatore di genere non binario o di terzo genere sul passaporto, tra cui Argentina, Austria, Australia, Canada, Colombia, Danimarca, Germania, Islanda, Irlanda, Malta, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Pakistan, India e Nepal.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Gender

Putin paragona il gender al coronavirus

Pubblicato

il

Da

Lo scorso giovedì, durante un’ampia conferenza stampa annuale trasmessa in televisione, durata circa quattro ore, il presidente russo Vladimir Putin ha  paragonato la teoria gender e la spinta per i diritti dei trans a «nuovi ceppi» di una «pandemia» molto simile al coronavirus.

 

In risposta a una domanda di un giornalista della testata statale RT sulle sue opinioni riguardo ai «problemi nella società occidentale», alla «cancel culture» e alle opinioni dell’autrice di Harry Potter JK Rowling sul gender, Putin ha espresso le sue opinioni sulla correttezza delle concezioni tradizionali di genere e sulla sua opposizione ai diritti e all’inclusione per le persone transgender.

 

«Se qualcuno pensa che donne e uomini siano la stessa cosa, allora va bene. Ma c’è il buon senso», ha detto. «Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà».

«Mi attengo all’approccio tradizionale secondo cui una donna è una donna, un uomo è un uomo, una mamma è una mamma e un papà è un papà» 

 

«Spero che la nostra società abbia la protezione morale interna dettata dalle tradizionali confessioni religiose della Federazione Russa», ha affermato Putin, che si è augurato che la società russa «disponga di sufficienti sistemi immunitari interni profondi di protezione contro questo oscurantismo». «Ed è necessario combatterlo non con ordini diretti, grida e accuse, ma con il sostegno ai nostri valori tradizionali», ha affermato il capo di Stato russo.

 

Putin ha dichiarato che nel caso degli atleti, se un uomo «si dichiara donna e decide di competere nel sollevamento pesi o in qualche altro sport, gli sport femminili cesserebbero di esistere del tutto». 

 

Il presidente russo ha citato l’esempio di un incidente negli Stati Uniti dove un criminale che scontava una pena per stupro ha dichiarato di essere una donna e dopo il trasferimento in una prigione femminile ha commesso lo stesso crimine nella sua cella.

 

Putin non è nuovo a questo tipo di discorsi. 

 

Come riportato da Renovatio 21, in un intervento alla riunione annuale del Club Valdai a Sochi lo scorso ottobre, il presidente della Federazione Russa ha affermato che il fatto che ai bambini in Occidente venga «insegnato che un maschio può diventare una femmina e viceversa» è qualcosa  «ai limiti di un crimine contro l’umanità».

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

Continua a leggere

Gender

Dottoressa transessuale fa gli aborti ma teme i pronomi sbagliati

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Quinn Jackson, MD , (i suoi pronomi sono: they/he) è un medico di medicina di famiglia a Kansas City, Missouri, e collaboratore di Physicians for Reproductive Health.

 

Il dottor Jackson si distingue nello spazio della salute riproduttiva: un medico trans maschio (cioè nata donna) che lavora in una clinica per aborti di Planned Parenthood.

 

In un articolo su MedPage Today, il dottor Jackson afferma di amare il lavoro.

 

«Credo che l’aborto possa essere un’esperienza molto potente, e per molti dei miei pazienti, la solidarietà tra le donne ne fa parte. Le persone con l’utero subiscono così tanta violenza da parte degli uomini».

 

«Credo che l’aborto possa essere un’esperienza molto potente, e per molti dei miei pazienti, la solidarietà tra le donne ne fa parte. Le persone con l’utero subiscono così tanta violenza da parte degli uomini»

Ciò che preoccupa il dottor Jackson non sono le questioni etiche intorno all’aborto, o anche le nuvole scure che incombono su Roe v Wade [la sentenza della Corte Suprema USA che ha liberalizzato l’aborto e che potrebbe venire rovesciata a breve, ndr], ma i pronomi.

 

Sembra che anche nelle cliniche per aborti le persone persistano nell’usare i pronomi sbagliati per il dottor Jackson.

 

«C’è stato uno sforzo concertato da parte di alcuni nel movimento per i diritti riproduttivi per rendere l’aborto più inclusivo di genere. Alcune cliniche chiedono ai pazienti i loro pronomi e alcuni di questi membri del personale li useranno. Alcune organizzazioni utilizzano “persone incinte” nelle loro comunicazioni. La frase chiave è “alcuni”. Altri continuano a usare un linguaggio e immagini che escludano le persone gender queer e trans dalle conversazioni sull’aborto. I più ipocriti tra noi sposeranno pubblicamente l’inclusione, ma non si presenteranno in modo significativo per il non-binary e il trans-fox. È estenuante. Sì, ti vedo prescrivere ormoni che affermano il genere, ma mi chiami “lei” in ogni riunione a cui partecipiamo».

 

Molte persone lavorano in ambienti tossici, ma è sorprendente che questo includa le cliniche per aborti.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Bioetica

Quale filosofia per la «medicina transessuale»?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

 

Ci sono molti angoli da cui studiare il fenomeno del movimento transgender – psicologico, sociologico, storico, medico, politico… – ma sicuramente il più fondamentale è metafisico.

 

Questa è una parola comunemente usata come sinonimo di astruso e poco pratico. In realtà (si fa per dire) è la più pratica di tutte, poiché la metafisica è quella branca della filosofia che studia cosa significhi essere «reale».

 

Da un punto di vista metafisico, nel dibattito trans sono in gioco questioni di immensa importanza per tutta la nostra civiltà

Ad esempio, la metafisica chiede al transgenderismo: è reale la sensazione di «essere intrappolati nel corpo sbagliato»?

 

Dipende da cosa è fondamentalmente reale: la mente o il corpo.

 

Da un punto di vista metafisico, nel dibattito trans sono in gioco questioni di immensa importanza per tutta la nostra civiltà.

 

Nell’ultimo numero di The Journal of Medicine & Philosophy, Melissa Moschella, della Catholic University of America, fa partire un’analisi metafisica riguardo le affermazioni transgender. È difficile riassumere qui, ma è una buona introduzione all’argomento.

 

«La narrativa del corpo sbagliato dell’identità transgender sembra presupporre un’antropologia dualista secondo la quale l’“io” o il “sé” sono essenzialmente entità coscienti, pensante, emotiva che abita ma non è identica a un particolare corpo»

Sottolinea che le affermazioni trans sono un esempio dell’antica filosofia del dualismo:

 

«La narrativa del corpo sbagliato dell’identità transgender sembra presupporre un’antropologia dualista secondo la quale l’“io” o il “sé” sono essenzialmente entità coscienti, pensante, emotiva che abita ma non è identica a un particolare corpo. Perché solo negando che il corpo sia una componente essenziale e intrinseca dell’identità personale si può affermare che c’è una discrepanza tra il corpo e il sé».

 

In altre parole, la visione trans è che il corpo non è reale; solo ciò che sentiamo, pensiamo e immaginiamo può pretendere di essere reale. Stando così le cose, tutto sarebbe a  posto per i sostenitori trans. Ma per un non dualista questo va contro l’esperienza: «noi siamo corpi, e qualunque corpo siamo è quindi necessariamente il corpo “giusto”».

 

Moschella dice che la visione biologica dell’esperienza umana è la visione reale.

 

«La nostra identità biologica è essenziale e intrinseca alla nostra identità personale. In altre parole, io sono il mio corpo, anche se ci sono aspetti di me che trascendono la dimensione corporea del mio essere»

«Indipendentemente dal fatto che ci siano o meno aspetti della nostra identità che vanno oltre la nostra identità biologica, la nostra identità biologica è essenziale e intrinseca alla nostra identità personale. In altre parole, io sono il mio corpo, anche se ci sono aspetti di me che trascendono la dimensione corporea del mio essere».

 

Identifica una contraddizione nelle affermazioni trans:

 

«Non esiste una sensazione universale di “maschio” o “femminilità”. Probabilmente ci sono tanti modi di “sentirsi” femminili o maschili, qualunque cosa significhi, quante sono le donne e gli uomini. Se “sentirsi femmina” o “sentirsi maschio” deve significare qualcosa, deve esserci una realtà oggettiva, extra-mentale a cui si riferisce. Quella realtà oggettiva non può essere l’identità sessuale biologica stessa, o sarebbe completamente assurdo per un maschio biologico dire: “Mi sento femmina”».

 

Questo ha importanti conseguenze per la bioetica e la medicina transgender:

 

«Se questo giudizio fosse falso… allora asserire affermazioni sull’identità transgender ed eseguire interventi medici e chirurgici sulla base di tali affermazioni non sono risposte veramente responsabili o compassionevoli»

«Se questo giudizio fosse falso… allora asserire affermazioni sull’identità transgender ed eseguire interventi medici e chirurgici sulla base di tali affermazioni non sono risposte veramente responsabili o compassionevoli a coloro che soffrono di disforia di genere, ma è piuttosto probabile che provochi un danno profondo, a almeno nel lungo periodo».

 

Probabilmente è inutile che le parti opposte si arringano a vicenda a meno che non affrontino le questioni intricate della metafisica transgender. L’articolo di Moschella è un buon inizio.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari