Linee cellulari per vaccini, feti squartati vivi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feti estratti col cesareo e squartati quando hanno ancora il cuore battente – e, incontrovertibilmente, in uno stato in cui sono capaci di provare dolore – per fornire cellule e tessuti alla ricerca scientifica, compresa quella che produce le linee cellulari «immortalizzate» usate per i vaccini e nei vaccini: qualcuno racconta la mostruosa verità.

«In molti casi, essendo fatto apposta per scopi scientifici, tirano fuori i bambini con il taglio cesareo e sono in alcuni casi ancora vivi quando i ricercatori iniziano ad estrarre i tessuti, al punto che il cuore ancora batte e generalmente non viene dato loro nessun anestetico, perché ciò danneggerebbe le cellule che i ricercatori stanno cercando di estrarre»

 

L’intervista della scorsa settimana fatta  da John Henry Westen di Lifesitenews all’esperta di vaccini Pamela Acker ha riservato un momento di orrore assoluto – nella tragica situazione per cui l’orrore qui coincide con la verità che nessuno osa dire.

 

Innanzitutto la dottoressa Acker (autrice del libro Vaccine: a Catholic Perspective) sfata il mito degli aborti spontanei usati per la produzione di linee cellulari, in particolare la HEK-293 utilizzata nel caso dei due vaccini COVID attualmente in circolazioen.

 

«Un’altra domanda che ha la gente è perché la linea cellulare HEK-293 non può provenire da un aborto spontaneo visto che l’ospedale ha perso la documentazione riguardante questo specifico bambino usato per lo sviluppo della linea cellulare, così che non sappiamo se sia stato un aborto volontario o spontaneo».

 

«Negli aborti spontanei il bambino muore molto prima che il tessuto sia rimosso dal corpo della madre, quell’aborto spontaneo non sarebbe per nulla utilizzabile per iniziare una linea cellulare. Non ci sarebbe alcun modo di ottenere una linea cellulare viva da un tessuto morto»

«Bene, in realtà abbiamo tutte le ragioni per pensare che si sia trattato di un aborto volontario, fatto apposta perché i ricercatori coinvolti in queste cose hanno detto pubblicamente che devi ottenere quei tessuti in 5 minuti dal momento dell’aborto affinché siano ottimamente utilizzabili. E se aspetti un’ora, sono inutilizzabili» sostiene la dottoressa.

 

Si tratta di capire capire che  l’aborto spontaneo non è «logisticamente», né scientificamente e quindi economicamente valido per un’estrazione di cellule buone per  lo sviluppo di linee immortalizzate.

 

«Negli aborti spontanei il bambino muore molto prima che il tessuto sia rimosso dal corpo della madre, quell’aborto spontaneo non sarebbe per nulla utilizzabile per iniziare una linea cellulare. Non ci sarebbe alcun modo di ottenere una linea cellulare viva da un tessuto morto».

 

 

C’è alla base del processo una vera e propria pianificazione della predazione dei tessuti del bambino ammazzato: «deve essere un bambino abortito dove sapevano che quei tessuti sarebbero stati usati per la ricerca, così possono ottenerli in una finestra tra i 5 e i sessanta minuti, preferibilmente nei primi 5 minuti, al fine della conservazione di quei tessuti»

C’è alla base del processo una vera e propria pianificazione della predazione dei tessuti del bambino ammazzato: «deve essere un bambino abortito dove sapevano che quei tessuti sarebbero stati usati per la ricerca, così possono ottenerli in una finestra tra i 5 e i sessanta minuti, preferibilmente nei primi 5 minuti, al fine della conservazione di quei tessuti».

 

«Questo va dritto nello scandalo delle parti di bambino,– interviene John Henry Westen – dove ricercatori universitari chiedono alle madri: “Oh, stiamo cercando un rene, o un braccio, o qualsiasi cosa per farci degli esperimenti, visto che abortire comunque, puoi aiutarci?”».

 

All’aberrazione di una simile richiesta, apprendiamo, può aggiungersene un’altra ancora più disumana: «Certe volte chiedono anche di aspettare un po’ di più, così il feto è ancora più sviluppato, Così il laboratorio ha un campione migliore».

 

«Questo è accaduto anche con i vaccini – continua Westen –  non erano solo aborti pianificati. Erano aborti ed estrazioni di tessuto fetale pianificati, da fare in 5 minuti. La mancanza di senso dell’argomento secondo cui tratta
di aborti spontanei è completamente dimostrata».

«Ricercatori universitari chiedono alle madri: “Oh, stiamo cercando un rene, o un braccio, o qualsiasi cosa per farci degli esperimenti, visto che abortire comunque, puoi aiutarci?”. Certe volte chiedono anche di aspettare un po’ di più, così il feto è ancora più sviluppato, Così il laboratorio ha un campione migliore».

 

Tuttavia l’inferno in cui è finita la scienza farmaceutica è persino più sconvolgente di così.

 

«Io dico che è perfino peggio di così – dice la Acker – è persino molto più esplicitamente violento di quanto ho appena descritto. Perché in molti casi, essendo fatto apposta per scopi scientifici, tirano fuori i bambini con il taglio cesareo, bambini che sono in alcuni casi ancora vivi quando i ricercatori iniziano ad estrarre i tessuti, al punto che il cuore ancora batte e generalmente non viene dato loro nessun anestetico, perché ciò danneggerebbe le cellule che i ricercatori stanno cercando di estrarre».

 

Per riassumere, dopo il cesareo i ricercatori «rimuovono i tessuti quando il bambino è vivo e in uno stato di dolore estremo. Ciò rende la cosa ancora più sadica… »

«Questo è accaduto anche con i vaccini – continua Westen –  non erano solo aborti pianificati. Erano aborti ed estrazioni di tessuto fetale pianificati, da fare in 5 minuti»

 

La dottoressa Acker ricorda un paragone che tante volte qui su Renovatio 21 abbiamo fatto, e che il lettore può vedere ben rappresentato nel film del grande cineasta Mel Gibson Apocalypto:

 

«Il mio parroco ha appena fatto un’omelia paragonandolo a ciò che facavano gli aztechi. Gli aztechi quando consacravano i loro templi letteralmente  strappano via il cuore battente delle vittime assasinate in cima al tempio, e gettavano i corpi a lato»

 

«È esattamente la stessa cosa che stanno facendo questi ricercatori».

«Gli aztechi quando consacravano i loro templi letteralmente  strappano via il cuore battente delle vittime assasinate in cima al tempio, e gettavano i corpi a lato. È esattamente la stessa cosa che stanno facendo questi ricercatori»

 

Sì, non c’è dubbio alcuno. Lo diciamo da anni oramai: il sacrificio umano ha solo cambiato nome e PR, per il resto rimane nella sostanza lo stesso abominio di sempre.

 

Morire per la Scienza dei vaccini (e i danari della farmaceutica) o morire per un dio crudele che chiede ecatombi per far rinascere il sole (e quindi per morire per il re, i sacerdoti e il loro potere), ma che differenza fa?

 

Credeteci: per farlo capire alla gente non sappiamo più cosa dobbiamo fare.