Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Afghanistan, laboratorio COVID, corruzione dei Biden: un patto tra Washington e Pechino?

Pubblicato

il

 

Abbiamo voglia di unire i puntini. Biden commette un harakiri politico e geopolitico mai visto prima. L’Afghanistan brucia, mentre la storia del COVID infuria, e Biden jr. è sui giornali con video di depravazione e corruzione sempre più inquietanti.

 

Questo sito, a partire dalla sua posizione sui vaccini, è stato pubblicamente definito un sito complottista, per cui, marchiati a vita, possiamo permetterci di supporre qualcosa di inedito e indicibile: dietro a tutto questo potrebbe esserci un patto tra la Casa Bianca e Pechino.

 

Andiamo con ordine.

 

 

Saigon al cubo

Nessuno ha ancora spiegato il motivo per il quale l’amministrazione Biden si è impegnata nella catastrofe che stiamo ora vedendo in Afghanistan.

 

Biden si è offerto a quella che forse è la più colossale figura mai fatta da un presidente americano. Biden è stato beccato a mentire o a proclamare, ostentando sicumera, informazioni totalmente scollate dalla realtà. L’esercito afghano, che ribadiva essere 6 volte quello talebano e molto meglio armato, si è squagliato poche ore dopo i suoi proclami dalla Casa Bianca. Come ha detto Bryan Dean Wright, un veterano della operazioni estere CIA, si è trattato della «conferenza stampa più infame e devastante mai tenuta da un presidente americano».

 

Dietro a tutto questo potrebbe esserci un patto tra la Casa Bianca e Pechino

Ora tutti stanno mettendo in questione la leadership americana, e quindi Biden l’eletto.

 

L’Europa, perfino: la Merkel ha fatto dichiarazioni che sembrano smarcarsi dagli USA, e preludere a chissà cosa.

 

La pazienza dei giornali è finita: Sky News Australia sostiene apertamente che Biden non è fit per il comando degli Stati Uniti.

 

Le proporzioni di questo fiasco presidenziali sono immani: aveva sdegnosamente risposto ai giornalisti che non sarebbe stata un’altra Saigon, e poi abbiamo visto tutti che le immagini sono le stesse. Perfino l’elicottero sembra essere proprio quello, il Chinhook…

 

E poi, il destino della popolazione di Saigon era di finire nelle mani di uno Stato comunista, che certo avrebbe fatto le sue rappresaglie sui «collaborazionisti», ma non siamo sicuri che i Vietcong siano andati in ogni Paese a chiedere la lista delle femmine non sposate dai dodici anni in su. Non vogliamo fare paragoni, tuttavia uno può trovarsi ad immaginare che ciò che succederà agli afghani sarà possibilmente molto peggiore di quello che accadde ai vietnamiti.

 

Della violenza  e della distruzione che seguiranno, degli stupri e delle impicaggioni, delle torture e delle razzie, sarà – per quanto stia cercando di dare la colpo, nell’ordine, all’esercito afghano, al governo afghano, agli afghani in generale e ovviamente a Trump – considerato responsabile Biden.

Nessuno ha ancora spiegato il motivo per il quale l’amministrazione Biden si è impegnata nella catastrofe che stiamo ora vedendo in Afghanistan

 

La domanda che non si pone nessuno è: perché questa débâcle? Possibile che nessuno attorno a lui abbia capito?

 

Ragioniamo: le sue dimensioni sono tali che non è possibile che nessuno avesse previsto che qualcosa potesse andare storto…

 

Nonostante le immagini delle persone che precipitano dai carrelli dei cargo (quanto assomigliano a quei corpi che volavano dalle Due Torri, evento intimamente legato alla storia che stiamo vedendo) nel suo discorso di ieri sera, tornato senza fretta dalle ferie estive come un Gigi Di Maio qualsiasi, Biden non ha fatto un passo indietro che sia uno.

 

Biden, nonostante la promessa di inviare 7000 soldati, ha sostanzialmente ribadito la sua posizione.

 

Forse si era sbagliato nei confronti dell’esercito afghano, e vabbè, del resto gli USA ci hanno solo sacrificato 20 anni di addestramenti e 100 miliardi di dollari – più qualche migliaio di morti, amputati, disastrati nella psiche e nella famiglia, più 60 mila veterani suicidi in patria.

 

È possibile che Biden non abbia solo tollerato questo esito, ma lo abbia in qualche modo fortemente voluto, a scapito di questa enorme, eterna chiazza di sangue sulla sua immagine?

Allora, perché? Perché Biden si è risolto a portare avanti un simile cataclisma, che giocoforza segnerà per sempre lui e l’establishment democratico? Dopo Saigon ci fu l’ambasciata di Teheran… e Carter, per quell’ulteriore umiliazione subita dagli USA in Asia, perse le successive elezioni. Il Partito Democratico rispuntò dodici anni dopo con Clinton, in mezzo ci furono Reagan e Bush padre.

 

E allora, perché?

 

È possibile che Biden non abbia solo tollerato questo esito, ma lo abbia in qualche modo fortemente voluto, a scapito di questa enorme, eterna chiazza di sangue sulla sua immagine?

 

Quella che segue è una pura speculazione. Tuttavia, i fatti su cui essa si appoggia non lo sono. Per niente.

 

 

L’Afghanistan regalato alla Cina. Perché?

La Cina si era già detta pronta a riconoscere il governo talebano. L’inviato RAI a Pechino Giovanna Botteri ieri mostrava con grande sincerità le immagini della TV cinese: mostravano una città dove tutto era in ordine, neanche l’ombra degli ingorghi sulle strade o del massacro all’aeroporto.

 

La Cina, ricordiamolo, sia pur per una piccola linea sulla terra, è un Paese confinante con l’Afghanistan. Tuttavia, lo scambio che l’Afghanistan può avere su quella parte della Cina musulmana – lo Xinjiang, cioè quello che gli uiguri chiamano Turkestan orientale – è grandissimo, e il confine, fatto di montagne che splendono su laghi di limpidezza incantata, è poroso, specie per soggetti che a piedi e con i muli hanno sconfitto i sovietici e (da oggi possiamo dirlo) pure gli americani.

 

Chi scrive vide alla stazione degli autobus della città di Kashgar (dove la memoria di Marco Polo, passato di lì, è onorata) vetture con destinazione Jalalabad – oltre ovviamente a Peshawar e città pachistane limitrofe che fungono da decenni da valvole da e per l’Afghanistan.

 

La Cina si era già detta pronta a riconoscere il governo talebano

I cinesi hanno lavorato con profitto in Afghanistan durante l’era americana, soprattutto nell’estrazione mineraria.

 

Tuttavia, le mire di Pechino non sono solo economiche: se un nemico islamista si installasse in Afghanistan potrebbe riversare verso lo Xinjiang il terrorismo – è il problema del separatismo uiguro, basato sempre più sull’islamismo radicale. Lo Xinjiang, ricordiamolo, è praticamente l’unica provincia cinese dove c’è il petrolio.

 

Non si tratta di fantapolitica. Lo abbiamo visto anche quando il terrore islamico globale si fece un santuario non-confinante con i musulmani cinesi: in Siria hanno combattuto migliaia di uiguri cinesi, prontamente convertiti al takfirismo di Daesh.

 

Ora, lasciare che i talebani creino il loro Emirato senza patti chiari, sarebbe stata una follia politica, comune tra gli occidentali ma impossibile tra i cinesi.

 

Come ha riportato Renovatio 21, che i cinesi stessero armando i talebani lo sapevano tutti. Così come sono ovviamente addentro all’accelerazione talebana gli altri due avversari: l’Iran (l’Afghanistan contiene sacche sciite, e la lingua di alcune tribù è parente del persiano) e la Russia, che procede a prendersi quello che gli americani lasciano (come visibile nell’ultima stagione della serie Homeland).

 

La Cina starebbe preparando un’ammissione pubblica riguardo al virus uscito dal laboratori. In cambio di cosa? Dell’Afghanistan

Ma Iran e Russia non hanno né il danaro, né l’interesse strategico della Cina, e neppure hanno in cantiere la più grande opera infrastrutturale della Storia, la Belt and Road Initiative, ovvero la Nuova Via della Seta.

 

Quello che pare chiaro, insomma, è che l’America abbia consegnato le chiavi di Kabul alla Cina. Lo avrebbe fatto a costo di questo fiasco titanico che ne segnerà la reputazione nei decenni e nei secoli. Lo avrebbe fatto quindi, volontariamente?

 

Lo avrebbe fatto, in cambio di cosa?

 

 

Patto occulto per il mondo post-pandemico

Qualche settimana fa una grande testata, che già in passato aveva dimostrato di avere ottime fonti su Wuhan e dintorni, aveva fatto uscire una strana notizia: la Cina starebbe preparando un’ammissione pubblica riguardo al virus uscito dal laboratorio.  Il che, avendo imparato a conoscere i funzionari del Partito Comunista Cinese, sarebbe clamoroso.

 

La domanda da porsi anche qui è la stessa: in cambio di cosa?

 

Proviamo a dare la nostra risposta speculativa: in cambio dell’Afghanistan.

 

La Cina, ammettendo, si becca anche lei la Top 5 nella figura del secolo, ma è un danno calcolato, pilotato. Anzi, potrebbe aiutare: se diciamo una mezza verità, magari possiamo dissipare quel sospetto tremendo, e cioè che nel laboratorio ci lavorava l’esercito, e il SARS-nCoV-2 era un progetto buono per creare anche bioarmi.

Il COVID è stato definito «la Chernobyl della Globalizzazione». Bisogna purificare, pulire, bonificare, a costo di avvelenarsi un po’. Tutti

 

Immaginatelo come l’inizio di un condono tombale per la catastrofe del COVID. Se Pechino ammette, perché accanirsi? Basta accuse, basta sospetti, basta con la furia populista, e quel pensiero che hanno nel retrocranio tutti: la Cina è responsabile… ma la Cina, sa anche che nella responsabilità della fuga dal laboratorio, ora può tirare dentro anche Fauci e il sistema sanitario americano, che finanziava gli studi sulla manipolazione (gain of function) del coronavirus SARS. Mal comune, mezzo gaudio.

 

Il risultato, alla fine, sarebbe una normalizzazione dei rapporti. Con beneficio della classe dirigente occidentale, funestata dalla situazione attuale: i container non arrivano più dalla Cina (provate a fare un giro nelle grandi catene di articoli sportivi o bricolage per capire come mai molti prodotti non arrivano più…), e quindi il mondialismo stesso è in pericolo.

 

Il COVID è stato definito «la Chernobyl della Globalizzazione». Bisogna purificare, pulire, bonificare, a costo di avvelenarsi un po’. Tutti.

 

Casa Bianca e Dragone fanno tutti e due un passo indietro, e si scambiano favori. Un patto di beneficio reciproco, per un restart del quadro globale, che – almeno per quanto riguarda il rapporto con la Cina «fabbrica del mondo» (e Paese pilota del totalitarismo digitale) – deve tornare allo status quo ante.

 

 

Video hard e miliardi cinesi: l’interesse della Banda Biden

Mettiamo sul piatto anche il caso umano di Joe Biden, che in un negoziato oscuro con il Dragone non potrebbe non avere il suo peso specifico.

 

È uscito in settimana un nuovo video del figlio Hunter, che in una camera di albergo confessa ad una prostituta a caso che in uno dei suoi costosissimi bagordi negli hotel di Las Vega degli spacciatori russi gli avrebbero portato via un computer (sarebbe il terzo che perde…) pieno di video in cui si impegna in «sesso pazzo».

 

Il pezzo davvero incriminante in cui è coinvolto Hunter non riguarda lui e la sua depravazione, ma l’immensa quantità di capitale cinese confluito su un suo fondo.

Non è tuttavia la tragicommedia erotica del figlio di Biden a essere l’unica leva dei servizi stranieri (russi, cinesi, etc.) nei confronti di quella che Rudy Giuliani chiama, ricordando il suo passato di martellatore delle famiglie mafiose di Nuova York, la Biden Crime Family.

 

Il pezzo davvero incriminante in cui è coinvolto Hunter non riguarda lui e la sua depravazione, ma l’immensa quantità di capitale cinese confluito su un suo fondo.

 

Non si tratta di un mistero complottista: l’operazione fu rivendicata pubblicamente da un professore cinese, che lasciava capire che i miliardi cinesi assegnati al fondo di Biden jr. compravano l’influenza sul futuro presidente, perché i rapporti tra Pechino e Washington con Trump si erano intesiti al punto che anche tutti i canali riservati erano inservibili, con grande scorno – disse il cinese – dell’establishment precedente e di Wall Street.

 

 

«Ora vediamo che Biden è stato eletto. L’élite tradizionale, l’élite politica, l’establishment sono molto vicini a Wall Street, giusto?» aveva dichiarato in TV Di Dongsheng, un professore all’Università Renmin di Pechino.

 

Poi, ridacchiando, una domanda retorica: «Trump ha detto che il figlio di Biden ha una sorta di fondo internazionale. Lo avete sentito? Chi lo ha aiutato a mettere in piedi le fondazioni?»

 

Le voci filo-Trump, durante la campagna elettorale, suggerirono che il socio segreto del fondo di Hunter fosse il padre Joe, l’attuale presidente, identificato in alcuni messaggi rinvenuti nel laptop di Hunter come «The Big Guy».

Di motivi per regalare l’Afghanistan alla Cina per Biden ce ne sarebbero molti. Personali, politici, sempre occulti

 

Se ciò fosse provato e fatto emergere pubblicamente, niente potrebbe salvare l’attuale presidenza.

 

Di motivi per regalare l’Afghanistan alla Cina per Biden ce ne sarebbero molti. Personali, politici, sempre occulti.

 

Viviamo un’era di menzogna, lo sapevamo.

 

Quello che non abbiamo ancora realizzato è il prezzo di questa menzogna in termini di vite umane.

 

Guardiamo i poveri afghani sfracellarsi sull’asfalto dell’aeroporto per iniziare a comprenderlo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

Geopolitica

Caccia israeliani colpiscono Gaza

Pubblicato

il

Da

Israele ha lanciato attacchi aerei contro diversi obiettivi «terroristici» a Gaza Stamane, ore dopo che un razzo lanciato dall’area è stato intercettato dal sistema di difesa aerea Iron Dome. Lo riporta RT.

 

«Le Forze di Difesa Israeliane sta attualmente colpendo a Gaza», hanno confermato le Forze di Difesa Israeliane (IDF) in un tweet intorno alle 3 del mattino.

 

Circa 30 minuti dopo ha condiviso alcuni dettagli sugli obiettivi del raid, affermando che «jet da combattimento IDF hanno colpito un sito di produzione per la produzione di materiale chimico grezzo, insieme a un sito di produzione di armi appartenente all’organizzazione terroristica di Hamas».

 

Non ci sono state segnalazioni immediate di vittime, ma i videoclip che circolano sui social media hanno presumibilmente mostrato diverse esplosioni nel centro di Gaza, una delle aree più densamente popolate del mondo.

 

Mercoledì pomeriggio, l’esercito israeliano ha intercettato un razzo lanciato dalla Striscia e, secondo quanto riferito, le sirene di allarme missilistico hanno suonato di nuovo a Sderot e nelle città vicine poco prima degli attacchi notturni. Venerdì scorso, anche diversi razzi lanciati da Gaza su Israele hanno innescato attacchi di rappresaglia contro obiettivi di Hamas.

 

«L’IDF ritiene Hamas responsabile di tutte le attività terroristiche provenienti da Gaza e dovrà affrontare le conseguenze delle violazioni della sicurezza contro Israele”, hanno aggiunto i militari».

 

L’ultima fiammata di violenza arriva dopo che le forze di sicurezza israeliane hanno fatto irruzione nel campo profughi di Jenin, nella parte settentrionale della Cisgiordania, giovedì scorso, uccidendo dieci palestinesi, secondo le autorità locali. Funzionari israeliani hanno affermato che l’esercito intendeva arrestare i sospetti terroristi, che hanno aperto il fuoco e sono stati uccisi.

 

Venerdì notte, sette persone sono state uccise e altre tre ferite fuori da una sinagoga a Gerusalemme est, prima che l’uomo armato, un palestinese di 21 anni, venisse ucciso dalla polizia.

 

In un altro incidente nel quartiere di Silwan della città poche ore dopo, un aggressore palestinese di 13 anni è stato «neutralizzato» da due civili armati che portavano pistole munite di licenza.

 

Lo scorso luglio Israele aveva bombardato Gaza poche ore dopo la partenza del presidente americano Joe Biden, che era arrivato in visita tra incredibili gaffe olocaustiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, tre settimane fa lo Stato ebraico aveva vietato l’esposizione di bandiere palestinesi nei luoghi pubblici.

 

Lo scorso mese aerei da combattimento israeliano avevano colpito ripetutamente l’aeroporto di Damasco; l’aeroporto di Aleppo era stato ancora una volta bombardato cinque mesi fa. Tre mesi fa Israele aveva lanciato un attacco aereo diurno su Damasco.

 

Lo scorso anno era stato riportato che l’esercito israeliano avrebbe attaccato anche una chiesa anglicana a Ramallah.

 

Il sistema di difesa antimissilistica Iron Dome, secondo recenti dichiarazioni nel neopremier israeliano Bibi Netanyahu, potrebbe essere fornito al regime di Kiev.

 

Come riportato da Renovatio 21, Israele ora disporrebbe anche di antiaerea basata su raggi laser.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Major Ofer, Israeli Air Force via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Austria e Ungheria confermano che non invieranno di armi per l’Ucraina

Pubblicato

il

Da

L’Ungheria e l’Austria non invieranno armi all’Ucraina e vorrebbero impedire l’escalation del conflitto in corso, ha dichiarato il ministro della Difesa ungherese Kristof Szalay-Bobrovniczky dopo i colloqui a Budapest con il ministro della Difesa austriaco Klaudia Tanner lo scorso 30 gennaio.

 

«La posizione dell’Ungheria è chiara: non spediamo armi nell’area del conflitto, perché vogliamo evitarne l’escalation, e la nostra posizione coincide con quella dell’Austria», ha detto Szalay-Bobrovniczky, confermando che i due ministri hanno discusso della situazione in Ucraina.  «Anche l’Austria neutrale non spedisce armi dove si svolgono le ostilità».

 

Nel frattempo, Tanner ha affermato di considerare la possibilità che il conflitto in Ucraina possa estendersi all’Europa come il pericolo maggiore. «Non stiamo parlando solo di guerra convenzionale, ma anche di minacce non tradizionali, come la crescita della migrazione, esacerbata dalla guerra» ha detto secondo l’agenzia di stampa ungherese MTI.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’Austria ha espresso varie volte le sue preoccupazioni riguardo alla crisi ucraina, temendo blackout per la popolazione europee e «insolvenze e fallimenti di massa» nelle aziende del territorio UE. Sei mesi fa aveva dichiarato che il divieto europeo al gas russo è «impossibile».

 

Il ministro degli Esteri austriaco è arrivato a dichiarare a Parigi la necessità di includere la Russia nella «sicurezza europea».

 

In Austria il partito più contrario alle sanzioni antirusse, l’FPO, è primo nei sondaggi.

 

L’Ungheria, unico Stato UE che ancora riceve gas russo, è sotto minaccia della UE che vuole trattenerle i fondi, a causa delle sue posizioni (e delle sue azioni diplomatiche) contrarie al regime sanzionatorio contro Mosca, che, secondo il presidente magiaro Viktor Orban «uccideranno l’economia europea».

 

 

 

 

 

 

Immagine di Doppeladler.com via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

342° giorno di guerra

Pubblicato

il

Da

– Israele sta valutando la possibilità di fornire all’Ucraina il sistema di difesa missilistica Iron Dome, ha detto Netanyahu.

 

– L’ambasciatore ucraino a Berlino Makeyev ha affermato che solo le armi nucleari possono dare all’Ucraina garanzie di sicurezza. Ha aggiunto che presto inizierà una discussione su questo argomento.

 

– Dietro le quinte, Israele sta fornendo assistenza all’Ucraina su una scala molto più ampia di quanto sia pubblicamente noto, ha affermato l’ambasciatore israeliano in Germania Ron Prosor in un’intervista all’Ostthuringer Zeitung. «L’esercito israeliano blocca regolarmente la fornitura di armi dall’Iran alla Siria e al Libano, compresi droni e missili iraniani che la Russia usa in Ucraina», ha detto il diplomatico. Ha ammesso che Israele non può bloccare completamente il flusso di droni iraniani, né può passare all’assistenza militare aperta a Kiev. «Non è così facile. I russi sono in Siria. Inoltre, abbiamo una grande comunità ebraica in Russia. Questi sono i due motivi principali per cui manteniamo un basso profilo», ha aggiunto Prosor.

 

– Il dipartimento di Stato USA accusa la Russia di aver violato il trattato start non consentendo le ispezioni e disertando gli incontri tecnici.

 

– Gli Stati Uniti sostengono le autorità di Kiev, anche a causa delle enormi riserve di titanio in Ucraina, scrive Newsweek, citando fonti. Il titanio è cruciale per lo sviluppo di avanzate tecnologie militari occidentali (è ampiamente utilizzato nella produzione di aerei, elicotteri, navi, carri armati e missili a lungo raggio).
Oltre il 90% del fabbisogno di titanio statunitense proviene dalle importazioni. Il livello di dipendenza dell’Occidente dal titanio è indicato anche dal fatto che non è ancora sotto le sanzioni anti-russe. Washington teme che Mosca possa fermare le sue forniture.

 

– Le autorità USA stanno preparando un nuovo pacchetto di aiuti militari da 2,2 miliardi $ per l’Ucraina; questo pacchetto includerà missili GLSDB con una portata di 150 km (Reuters).

 

– Dal primo febbraio è entrato in vigore il decreto del presidente Vladimir Putin sulle misure speciali in risposta al tetto del prezzo del petrolio russo imposto dai paesi del G7 e dall’Unione Europea. Secondo il decreto, è vietata la vendita di petrolio se nei contratti di fornitura è specificato un prezzo massimo. L’esportazione di petrolio a un prezzo limitato è consentita solo con il permesso del presidente.

 

– Intercontinental Exchange Inc. (ICE), che gestisce l’hub del gas europeo TTF (Title Transfer Facility), lancerà un hub del gas parallelo a Londra per aggirare il meccanismo del tetto dei prezzi dell’UE. Secondo un comunicato stampa ICE, un nuovo mercato per futures e opzioni su TTF inizierà a funzionare sul sito londinese di ICE Futures Europe dal 20 febbraio, cinque giorni dopo l’entrata in vigore del tetto massimo per il prezzo del gas.

 

– Il Fondo Monetario Internazionale rivede le stime dell’economia russa nel 2023 da -2,3% a +0,3.

 

– La prima spedizione di legna da ardere dalla Romania è stata consegnata in Moldavia a causa della carenza e del costo elevato del gas per il riscaldamento. Come riportato mercoledì dal Ministero dell’ambiente Moldavo, la prima partita sarà distribuito gratuitamente tra i pensionati.

 

– La compagnia militare privata americana Mozart lascia l’Ucraina, ha annunciato il suo capo Andy Milburn. Allo stesso tempo, ha lasciato intendere che il gruppo potrebbe semplicemente cambiare il nome, indicando che «la missione continua».

 

– Oggi in Ucraina saranno licenziati tutti i dirigenti delle dogane, ha affermato il capogruppo del partito di Zelens’kyj alla Rada David Arahamiya.

 

– I media ucraini riferiscono di perquisizioni a casa dell’oligarca ucraino Kolomoisky (considerato il protettore di Zelens’kyj). Secondo i media, Kolomoisky è accusato di appropriazione indebita di prodotti petroliferi per un valore di 40 miliardi di grivna e di evasione dei dazi doganali. È stata perquisita anche la casa dell’ex ministro dell’Interno ucraino Avakov.

 

– Il capo dell’intelligence militare ucraina Kirill Budanov ha ammesso la presenza in Russia di agenti impegnati in attività di sabotaggio, che le autorità russe potrebbero considerare terroristiche. In un’intervista pubblicata con il Washington Post, ha affermato che ci sono persone sul territorio russo che stanno preparando sabotaggi. Secondo lui, la minaccia rimane «fino al ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina». Budanov ha anche affermato che Kiev sta cercando di reclutare russi «che capiscono che la Russia dovrebbe essere diversa».

 

– Stoltenberg: «Il fatto che la Russia e la Cina si stiano avvicinando e l’investimento della Cina in nuove capacità militari avanzate, implica che la Cina rappresenta una minaccia e sfida anche per la NATO. La sicurezza non è regionale, ma globale».

 

– Il ministero degli Esteri iraniano ha convocato l’incaricato d’affari ucraino a Teheran a causa dei commenti di funzionari ucraini in merito agli attacchi degli UAV alle strutture militari iraniane (Podoljak: «li avevamo avvertiti»). (Reuters).

 

– L’Iran cambierà la sua strategia nei confronti dell’Ucraina. L’agenzia di stampa Nournews, vicina al Consiglio Supremo per la Sicurezza Nazionale dell’Iran, citando una fonte di alto livello, ha riferito che l’Iran riconsidererà la sua strategia nei confronti dell’Ucraina dopo le dichiarazioni di Mikhail Podoljak, in quanto le considera una «confessione» della partecipazione all’attacco su una struttura militare iraniana a Isfahan.

 

– La Russia e l’Iran hanno firmato un accordo per facilitare le operazioni bancarie, viene stabilito un collegamento diretto tra le banche dei Paesi. Come parte dell’accordo, la rete bancaria Iraniana sarà anche direttamente collegata a 106 banche straniere non russe.

 

– La Corea del Sud ha rifiutato di inviare armi letali in Ucraina, perché è proibito dalla legge, scrive il Wall Street Journal. Così che il presidente Yoon Suk-yeol ha risposto al segretario generale della NATO Stoltenberg durante la sua visita a Seoul. Allo stesso tempo, la pubblicazione ha osservato che la Corea del Sud ha firmato importanti accordi per fornire centinaia di carri armati, aerei e altre armi alla Polonia.

 

– La Turchia ha rinunciato a costruire lo stabilimento di produzione dei droni Bayraktar in Ucraina. Haluk Bayraktar, direttore generale dell’azienda Baykar che produce droni da combattimento, ha spiegato in un’intervista perché la costruzione dell’impianto vicino a Kiev è stata fermata. Secondo lui, i funzionari ucraini gli chiedevano 10 milioni di dollari per allacciare il futuro impianto alla rete elettrica. Inoltre, hanno chiesto 2 anni per concordare le formalità al fine di ottenere il permesso, mentre in Turchia ciò costa zero, ei documenti necessari possono essere ottenuti in 2-3 giorni.

 

– La società americana General Atomics offre all’Ucraina l’acquisto di 2 droni Reaper MQ-9 per solo un dollaro. Secondo the Wall Street Journal, Kiev dovrà spendere altri 10 milioni di dollari per il trasporto e, successivamente, altri 8 milioni di dollari all’anno per la manutenzione. L’offerta, che la scorsa settimana l’amministratore delegato di General Atomics Linden Blue ha fatto all’addetto militare ucraino, includerebbe una centrale di controllo a terra per utilizzare i droni “praticamente ovunque”.

 

– Mikhail Saakashvili ha partecipato in videoconferenza a un’udienza del tribunale e ha mostrato le sue condizioni alla corte. L’ex presidente della Georgia ha perso circa 45 chilogrammi a causa di una malattia. Sua madre ha affermato che Saakashvili è «in pessime condizioni» e «gli può succedere di tutto».

 

– Stranieri che hanno ricevuto la cittadinanza russa 2018: 269mila; 2019: 498mila; 2020: 656mila; 2021: 735mila; 2022: 691mila.

 

– Macron non esclude la possibilità di fornire aerei all’ Ucraina.

 

– Biden dice che gli USA non daranno F16 a Kiev.

 

– Vučić: La Serbia parteciperà alla ricostruzione delle città in Ucraina dopo la fine del conflitto. Il presidente serbo Alexander Vučić ha detto che la Serbia ha già ricevuto la proposta dell’ambasciatore ucraino Vladimir Tolkach.

 

– Le autorità del Nagorno Karabak dicono che l’Azerbaigian ha tagliato le forniture di gas provenienti dall’ Armenia.

 

 

 

Rassegna tratta dal canale Telegram La mia Russia.

 

 

Immagine da Telegram

Continua a leggere

Più popolari