La bioingegneria sul virus vale «il rischio di una pandemia che provoca incidenti in laboratorio». Lo disse Fauci nel 2012

 

 

 

 

Lo «zar» della risposta pandemica USA, il potente virologo Anthony Fauci, ha sostenuto nel 2012 che i rischi di un incidente di laboratorio che scatena una pandemia sarebbesuperati dai potenziali benefici della manipolazione dei virus tramite la ricerca di Gain of Function («Guadagno di Funzione»).  Tali osservazioni, precedentemente non emerse, sono state  riportate dalla giornalista Sharri Markson su  The Australian.

 

«In un’improbabile ma concepibile svolta degli eventi, cosa succede se quello scienziato viene infettato dal virus, che porta a un focolaio e alla fine innesca una pandemia?» ha scritto Fauci nell’American Society for Microbiology nel 2012, aggiungendo che «molti fanno domande ragionevoli: data la possibilità di uno scenario del genere, per quanto remoto, gli esperimenti iniziali avrebbero dovuto essere eseguiti e/o pubblicati in primo luogo e quali sono stati i processi coinvolti in questa decisione?»

«Gli scienziati che lavorano in questo campo potrebbero dire che i benefici di tali esperimenti e la conoscenza risultante superano i rischi. È più probabile che si verifichi una pandemia in natura e la necessità di stare al passo con una tale minaccia è una delle ragioni principali per eseguire un esperimento che potrebbe sembrare rischioso».

«Gli scienziati che lavorano in questo campo potrebbero dire – come in effetti ho detto – che i benefici di tali esperimenti e la conoscenza risultante superano i rischi  – ha continuato Fauci  –È più probabile che si verifichi una pandemia in natura e la necessità di stare al passo con una tale minaccia è una delle ragioni principali per eseguire un esperimento che potrebbe sembrare rischioso».

 

Nel documento, il dottor Fauci scrive anche:

 

«All’interno della comunità di ricerca, molti hanno espresso la preoccupazione che importanti progressi della ricerca possano interrompersi solo per il timore che qualcuno, da qualche parte, possa tentare di replicare questi esperimenti in modo approssimativo. Questa è una preoccupazione valida».

 

«Il dottor Fauci ha guidato la risposta degli Stati Uniti all’epidemia, ma ora sta affrontando serie domande sul suo ruolo nel finanziamento degli esperimenti radicali condotti all’interno dell’Istituto di virologia di Wuhan» scrive la giornalista australiana.

 

Il dottor Fauci l’11 maggio ha ribaltato la sua posizione sul fatto che COVID-19 fosse trapelato dall’Istituto di virologia di Wuhan e ha affermato di non essere «convinto» che il virus si sia sviluppato naturalmente e che le autorità avessero bisogno di scoprire «esattamente cosa sia successo». Gli esperimenti sul «Guadagno di Funzione», spesso con coronavirus derivati ​​da pipistrelli, si concentrano sulla manipolazione, giunzione e ricombinazione di filamenti di virus di malattie altamente infettive e poco conosciute.

 

All’inizio di questo mese, il senatore Rand Paul, un medico, ha interrogato il dottor Anthony Fauci in un’audizione davanti al comitato per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni. Paul ha affermato che il National Institutes of Health (NIH) aveva usato un intermediario per incanalare denaro all’Istituto di virologia di Wuhan tramite l’EcoHealth Alliance, che ha lavorato con il laboratorio su progetti sul coronavirus dei pipistrelli. Fauci ha negato:

 

«Non abbiamo finanziato la ricerca sul guadagno di funzione su questo virus nell’Istituto di virologia di Wuhan», ha detto. La storia pare però essere diversa. Il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti, guidato da Fauci, aveva finanziato una serie di progetti che coinvolgevano scienziati del dell’Istituto di virologia di Wuhan, incluso gran parte del lavoro del laboratorio di Wuhan con i coronavirus dei pipistrelli.

 

Nel 2017, l’agenzia di Fauci ha ripreso a finanziare una controversa sovvenzione senza l’approvazione di un organo di supervisione del governo. Per il contesto, nel 2014, l’amministrazione Obama aveva sospeso temporaneamente i finanziamenti federali per la ricerca sul guadagno di funzione sui coronavirus dei pipistrelli

Secondo il Daily Caller , nel 2017, l’agenzia di Fauci ha ripreso a finanziare una controversa sovvenzione senza l’approvazione di un organo di supervisione del governo. Per il contesto, nel 2014, l’amministrazione Obama aveva sospeso temporaneamente i finanziamenti federali per la ricerca sul guadagno di funzione sui coronavirus dei pipistrelli. Quattro mesi prima di tale decisione, il NIH ha effettivamente trasferito questa ricerca all’Istituto di virologia di Wuhan  tramite una sovvenzione al gruppo no profit EcoHealth Alliance, guidato da Peter Daszak.

 

La prima rata di $ 666.442 della sovvenzione NIH di $ 3,7 milioni a EcoHealth è stata pagata nel giugno 2014, con pagamenti annuali simili fino a maggio 2019 nell’ambito del progetto chiamato «Capire il rischio di emergenza del coronavirus dei pipistrelli».

 

In particolare, ha scritto il Washington Post, l’Istituto di virologia di Wuhan «aveva apertamente partecipato nella ricerca del guadagno-di-funzione, in collaborazione con le università e le istituzioni degli Stati Uniti» per anni sotto la guida della dottoressa Shi Zhengli, detta anche simpaticamente «Batwoman».

 

Gli esperimenti wuhaniani sul virus del pipistrello pagati da Fauci erano stati ordinati senza passare per la catena di comando, e destando incredulità e allarme nella comunità scientifica che ne era informata.

 

Agli esperimenti si erano opposti eminenti scienziati, tra cui il Cambridge Working Group, un insieme di 200 ricercatori che ha emesso un avviso pubblico nel 2014.

 

«I rischi di incidenti con “potenziali agenti patogeni pandemici” di nuova creazione sollevano nuove gravi preoccupazioni», si legge nella lettera del gruppo. «La creazione in laboratorio di nuovi ceppi altamente trasmissibili di virus pericolosi, in particolare, ma non solo, l’influenza, pone rischi sostanzialmente maggiori».

 

«Un’infezione accidentale in un ambiente del genere potrebbe innescare epidemie difficili o impossibili da controllare. Storicamente, i nuovi ceppi di influenza, una volta che hanno stabilito la trasmissione nella popolazione umana, hanno infettato un quarto o più della popolazione mondiale entro due anni».

«Un’infezione accidentale in un ambiente del genere potrebbe innescare epidemie difficili o impossibili da controllare. Storicamente, i nuovi ceppi di influenza, una volta che hanno stabilito la trasmissione nella popolazione umana, hanno infettato un quarto o più della popolazione mondiale entro due anni».

 

Steven Salzberg, della Johns Hopkins School of Medicine, nel 2015 aveva affermato che i benefici della ricerca sul Guadagno di Funzione erano «minimi nella migliore delle ipotesi» e potrebbero «essere ottenuti in modo molto più sicuro attraverso altre vie di ricerca».

 

Dopo la castrofe internazionale, sarebbe da chiedere a Fauci se davvero ne è valsa la pena.

 

Tuttavia, è meglio ricordare le parole di Rand Paul: «Fauci potrebbe essere il responsabile dell’intera pandemia».

 

 

 

 

Immagine © Renovatio 21

 

 

Chi è l’illustre dottor Fauci?