Connettiti con Renovato 21

Eutanasia

L’Austria legalizza il suicidio assistito

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

A partire dal giorno di Capodanno il suicidio assistito è diventato legale in Austria. Una sentenza della Corte Suprema aveva dichiarato incostituzionale il precedente divieto perché violava il diritto all’autodeterminazione. Quindi doveva essere approvata una nuova legge per garantire che la pratica fosse regolamentata.

 

Come descritto da Deutsche Welle, la nuova legge è abbastanza convenzionale. Un paziente deve avere più di 18 anni e essere malato cronico o terminale. Ogni caso deve essere valutato da due medici, uno dei quali dovrebbe essere un esperto di medicina palliativa.

 

È previsto un periodo di «raffreddamento» obbligatorio di 12 settimane. Tuttavia, se un paziente è «terminale», il periodo può essere allungato a due settimane.

 

L’individuo poi redigerebbe il proprio «testamento di morte» (direttive anticipate) con un notaio o un difensore del paziente prima di poter ottenere un farmaco letale da un farmacista.

 

Tuttavia, c’è una differenza significativa, che è stata rilevata dall’Australian Care Alliance 

 

«Ciò rende l’Austria la prima giurisdizione a legalizzare l’eutanasia da parte di laici (non operatori sanitari), compresi i familiari, di una persona che non è in grado di autosomministrarsi il veleno letale o che ha perso la capacità decisionale»

«Il “testamento di morte” può specificare le persone che sono autorizzate ad aiutare la persona a porre fine alla sua vita ingerendo il veleno letale prescritto, anche somministrandolo attivamente, apparentemente anche se la persona perde la capacità decisionale».

«Ciò rende l’Austria la prima giurisdizione a legalizzare l’eutanasia da parte di laici (non operatori sanitari), compresi i familiari, di una persona che non è in grado di autosomministrarsi il veleno letale o che ha perso la capacità decisionale».

 

Il Partito popolare austriaco (ÖVP) conservatore al governo austriaco si è unito ai Verdi, ai socialdemocratici dell’opposizione e al partito liberale Neos. Solo il Partito della Libertà d’Austria (FPÖ) di destra si è opposto.

 

Il suicidio assistito e/o l’eutanasia si stanno diffondendo in Europa.

 

I Paesi in cui l’uno o l’altro o entrambi sono attualmente legali sono: Belgio, Lussemburgo, Paesi Bassi, Svizzera e Spagna.

 

In Germania è stato legalizzato con sentenza del tribunale ma non esiste una legge.

 

In Portogallo è stata approvata una legge, ma finora il presidente si è rifiutato di firmarla.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Eutanasia

La Colombia spinge per l’eutanasia. La chiedono i «devoti cattolici»

Pubblicato

il

Da

Da mesi la Colombia discute sulla questione dell’eutanasia. Il valzer della dolce morte, come riportato da Renovatio 21, continua il suo giro nel Paese da mesi, da anni.

 

La Colombia è una nazione che un tempo – come tutti i Paesi latinoamericani – era considerabile, quantomeno a livello popolare, profondamente cattolico,

 

Il panorama sta cambiando con velocità. Il suicidio medico sta divenendo una prassi accettata anche a Bogotà.

 

Finora, questo gennaio, solo due cittadini colombiani, afflitti da condizioni difficili, definite «degenerative» ma non «terminali», sono stati «legalmente soppressi», riporta l’agenzia britannica Reuters.

 

La storia è stata ampiamente riportata a livello internazionale come un grande progresso per la causa del «diritto a morire» per mano di un altro cioè per l’eutanasia, per la quale l’Italia sta per votare ad un referendum che di fatto depenalizzerebbe l’esecutore in caso di omicidio del consenziente.

 

Come ha osservato il British Medical Journal:

 

La donna «che si considera una devota cattolica, aveva iniziato a leggere di un’opzione che pensava potesse alleviare la sua paura di ciò che sarebbe successo: l’eutanasia»

«Due persone che avevano malattie gravi ma non una prognosi terminale hanno concluso legalmente la loro vita in Colombia con l’assistenza di medici. La nuova politica del Paese lo rende il quarto Paese al mondo, dopo Belgio, Canada e Paesi Bassi, a consentire all’eutanasia volontaria di porre fine alla sofferenza di persone che altrimenti non morirebbero presto».

 

Newsweek ha titolato: «Una morte dignitosa». La ABC ha rassicurato i suoi lettori che la morte era “tranquilla”.

 

Il Washington Post ha salutato la «lotta legale storica» ​​che ha aperto la porta per consentire a più persone l’accesso al «diritto» della soppressione on demand.

 

Oxford Analytica prevede che «i casi di eutanasia in Colombia stabiliranno un nuovo precedente».

 

Il mutamento in atto è stato preparato a dovere con il solito uso di ONG e propaganda sui «diritti» (in un momento in cui i diritti umani più primari sono calpestati in tutto il pianeta).

 

«La filiale colombiana della World Federation of Right to Die Association che guida la carica per il “diritto alla morte”, è uno studio legale che si fa chiamare DescLab, il Laboratorio dei diritti economici, sociali e culturali, che sta già tenendo una serie di webinar in Ibero-America, promuovendo la legislazione sul “diritto a morire” e il suo programma educativo per indottrinare gli scolari sul loro “diritto” di scegliere di morire, piuttosto che contribuire alla società» riporta EIRN.

 

«Non è un caso che questo attacco frontale al più fondamentale dei diritti umani, quello del diritto alla vita, si stia intensificando nel mezzo di una pandemia a cui i governi occidentali in generale si sono rifiutati di fare ciò che era necessario per schiacciare il malattia».

 

L’eutanasia è legale in Colombia dal 1997, quando, tre anni dopo che il Paese aveva legalizzato l’uso di cocaina. All’epoca la Corte Costituzionale della Colombia ha legalizzato l’eutanasia in «determinate circostanze».

 

Nel 2014, il tribunale ha ordinato la regolamentazione della «procedura», che è l’uccisione medica deliberata di un altro essere umano.

 

Dal 2015, sono 178 le persone con malattie dichiarate terminali che sono state legalmente «soppresse» in Colombia. Nel luglio 2021, la Corte costituzionale della Colombia ha stabilito che il sistema sanitario pubblico colombiano può uccidere chiunque abbia una malattia «incurabile» che causa un grande dolore fisico o psicologico, per ora la persona deve richiederlo.

 

Il principale campione di eutanasia al Congresso colombiano, il membro del Partito Liberale Juan Fernando Reyes Kuri, intende ripresentare il suo disegno di legge che regola l’eutanasia se verrà rieletto a marzo, in modo che chiunque cerchi di morire «non dovrà andare davanti a un giudice ; i medici dovranno metterlo in atto immediatamente».

La campagna internazionale per spingere l’eutanasia in Colombia, giocata con il favore dei massimi media mondiali, ha coinvolto anche la questione cattolica

 

La campagna internazionale per spingere l’eutanasia in Colombia, giocata con il favore dei massimi media mondiali, ha coinvolto anche la questione cattolica: i fedeli cattolici sono di fatto, almeno in teoria, ancora la maggioranza della popolazione colombiana.

 

Ecco che quindi sono cominciate a circolare storie riguardo al fatto che erano proprio pie persone cattoliche a chiedere di essere soppresse.

 

A ottobre 2021 il Washington Post dedicò un lungo articolo a Martha Sepulveda, 51enne della capitale Bogotà, e alla sua battaglia per «divenire la prima persona in Colombia – un Paese a maggioranza cattolica – a morire per eutanasia legalmente autorizzata senza una prognosi terminale». Alla signora era stata diagnosticata la sclerosi laterale amiotrofica generalmente nota con l’acronimo SLA.

 

Nell’articolo del giornale del gruppo Amazon abbandono descrizioni drammatiche della sua vita non più degna di essere vissuta (un tempo dicevano così): «piangeva la notte, sopraffatta dal pensiero di non poter andare a letto o andare in bagno da sola».

 

Tuttavia la donna «che si considera una devota cattolica, aveva iniziato a leggere di un’opzione che pensava potesse alleviare la sua paura di ciò che sarebbe successo: l’eutanasia».

 

Notate il lavoretto: la parola «eutanasia» e «devota cattolica» stanno nella stessa frase – e nello stesso «caso umano». Un caso che chiaramente doveva fare da guida per tutta la popolazione ancora ancorata al cattolicesimo: farsi uccidere dai medici non è un peccato

Notate il lavoretto: la parola «eutanasia» e «devota cattolica» stanno nella stessa frase – e nello stesso «caso umano». Un caso che chiaramente doveva fare da guida per tutta la popolazione ancora ancorata al cattolicesimo: farsi uccidere dai medici non è un peccato. La finestra di Overton sul suicidio ospedaliero dei cattolici colombiani è bella che aperta.

 

Di fatto, ci casca subito dentro qualche zucchetto: ecco che viene data notizia di un membro della Conferenza episcopale colombiana che esortava la Sepulveda a «riflettere con calma» sulla sua decisione e invitava i cattolici a pregare affinché Dio le concedesse misericordia.

 

Fino al 2021 in Colombia l’opzione era legalmente disponibile solo per coloro che avrebbero dovuto vivere per sei mesi o meno. Sebbene la SLA sia una malattia fatale senza cura, progredisce a ritmi variabili e i pazienti possono sopravvivere per anni o, in alcuni casi, decenni.

 

La corte costituzionale colombiana aveva stabilito a luglio 2021 che il diritto all’eutanasia si applicava non solo ai pazienti terminali, ma anche a quelli con «intense sofferenze fisiche o mentali per lesioni fisiche o malattie gravi e incurabili».

 

Tuttavia un comitato medico aveva stabilito che nel caso della Sepulveda la malattia non pregiudicava completamente «la funzionalità della paziente nelle attività strumentali o nella vita quotidiana come la paziente e la sua famiglia avevano espresso in precedenti cartelle cliniche». La signora, disse il comitato dei medici «ha un’alta probabilità di aspettarsi una vita di più di 6 mesi»; quindi il comitato ha stabilito che non era idonea per l’eutanasia.

 

La finestra di Overton sul suicidio ospedaliero dei cattolici colombiani è bella che aperta

I membri del comitato hanno basato la loro decisione almeno in parte sulla copertura mediatica del caso Sepulveda, partita da quando la sua decisione è diventata pubblica. L’aspirante eutanatizzata «era apparsa in televisione sorridendo e ridendo mentre cenava in un ristorante locale (…) nonostante la sua triste prognosi» ha scritto in occasione del decesso eutanatico il Washington Post.

 

Lo scorso 8 gennaio la signora Sepulveda ha vinto la sua battaglia per morire di eutanasia, ed è morta. Secondo i suoi avvocati lo ha fatto «secondo la sua idea di autonomia e dignità». Poco altro trapela, se non che la «procedura» è stata operata nella città di Medellin. Negli articoli sui giornali internazionali è definita, come lo scorso ottobre, «madre e devota cattolica».

 

Insomma, sono i «devoti cattolici» a chiedere di essere terminati.

 

Immagine ricca di insegnamenti, profondi e attualissimi, anche in termini storici e metastorici.

 

 

Continua a leggere

Eutanasia

Suicidio assistito per i carcerati?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Se il suicidio assistito è legale, sembra ovvio che ci dovrebbe essere parità di accesso. Anche per i detenuti? Questa è la domanda che il bioeticista svizzero Yoann Della Croce affronta sulla rivista Bioethics.

 

I diritti al suicidio assistito per i criminali non sono una questione scottante dei diritti umani, ma ci sono stati prigionieri che li hanno invocati e senza dubbio la domanda aumenterà.

 

Uno stupratore seriale e assassino belga, Frank Van Den Bleeken, ha chiesto l’eutanasia nel 2015. Alla fine, la sua richiesta è stata respinta ed è stato trasferito in una struttura psichiatrica specializzata.

 

I diritti al suicidio assistito per i criminali non sono una questione scottante dei diritti umani, ma ci sono stati prigionieri che li hanno invocati e senza dubbio la domanda aumenterà

Nel 2018 un detenuto svizzero con un cancro ai polmoni incurabile e problemi di salute mentale ha chiesto i servizi di un’organizzazione di suicidio assistito.

 

Tuttavia, le autorità nelle varie giurisdizioni con suicidio assistito ed eutanasia sono riluttanti a consentire ciò. Come mai?

 

In primo luogo, il carcere è un luogo in cui è difficile garantire che le persone compiano scelte veramente autonome.

 

In secondo luogo, sembra che la «morte assistita» sia troppo simile alla pena capitale – e questo è vietato nella maggior parte di queste giurisdizioni.

 

Uno stupratore seriale e assassino belga, Frank Van Den Bleeken, ha chiesto l’eutanasia nel 2015

E terzo, scegliere la morte sembra defraudare la società del suo potere di punire con lunghe carcerazioni.

 

Della Croce ritiene che queste argomentazioni non reggono. La sua argomentazione è troppo dettagliata per essere riassunta, ma questi sono alcuni dei suoi punti principali.

 

In primo luogo, dobbiamo distinguere tra prigionieri che sono malati terminali e che cercano di sfuggire al dolore e prigionieri che soffrono di “«tedio carcerario». Se entrambi sono consentiti per la popolazione libera, perché non per i detenuti?

 

Della Croce sostiene che è disumanizzante rifiutare una richiesta di suicidio assistito. Sostiene che se un prigioniero annoiato afferma di soffrire in modo insopportabile, dovrebbe essere trattato come chiunque altro nella giurisdizione:

 

Le autorità nelle varie giurisdizioni con suicidio assistito ed eutanasia sono riluttanti a consentire ciò. Come mai?

«[Non farlo] è andare giù per un pericoloso pendio scivoloso che alla fine porta alla disumanizzazione dei detenuti e al non considerarli come cittadini alla pari, che, nonostante il contenuto di qualche retorica populista, rimangono».

«I detenuti hanno lo stesso rispetto alla loro sofferenza e non riconoscere la gravità del loro dolore per il fatto di aver commesso atti criminali equivale a trattarli come cittadini di seconda classe a cui dobbiamo meno rispetto e preoccupazione a confronto dell cittadino rispettoso della legge».

 

 

Michael Cook

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Eutanasia

Abusi sugli anziani e suicidio assistito

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Secondo una ricerca dell’Australian Institute of Family Studies (AIFS), quasi un anziano australiano su sei (14,8%) riferisce di aver subito abusi negli ultimi 12 mesi e solo circa un terzo di loro ha cercato aiuto.

 

Il National Elder Abuse Prevalence Study ha rilevato che la forma più comune di abuso sugli anziani era l’abuso psicologico (11,7%), seguito da negligenza (2,9%), abuso finanziario (2,1%), abuso fisico (1,8%) e abuso sessuale (1% ).

 

Alcune persone anziane (3,5%) hanno subito più di un tipo di abuso, con la combinazione più comune di abuso psicologico e abbandono.

 

«Il fatto che solo un terzo delle vittime stia cercando aiuto da una terza parte è una vera preoccupazione. Quando l’abuso rimane nascosto, questo crea le condizioni affinché l’abuso continui», ha affermato Rae Kaspiew, dell’AIFS.

 

Lo studio ha rilevato che i perpetratori erano per lo più membri della famiglia, con i figli adulti che hanno maggiori probabilità di commettere abusi, costituendo quasi un quinto degli autori. Anche amici (12%), vicini (7%) e conoscenti (9%) sono stati citati come comunemente responsabili.

 

I livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita»

«Il fatto che spesso siano le persone a loro più vicine a commettere l’abuso è particolarmente preoccupante, in quanto ciò può creare il desiderio della vittima di mantenere segreto l’abuso per evitare vergogna, imbarazzo e ripercussioni negative per l’autore, soprattutto quando arriva ai membri della famiglia», ha affermato il dottor Kaspiew.

 

La ricerca riporta che l’azione più frequente intrapresa per fermare l’abuso prevede che la vittima parli direttamente con l’autore del reato. Un’altra misura comune è rompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo, anche se il dottor Kaspiew avverte che ciò potrebbe peggiorare l’impatto dell’abuso, aumentando l’isolamento della persona anziana.

 

«Interrompere il contatto con l’autore del reato o evitarlo può servire ad esacerbare ulteriormente gli effetti dell’abuso sulla persona anziana a causa del suo ritiro sociale».

 

«Le dinamiche familiari possono rendere difficile affrontare gli abusi. Ad esempio, quando l’abuso è perpetrato da un figlio adulto, la persona anziana potrebbe essere riluttante a denunciare l’abuso per evitare di perdere il contatto con altri membri della famiglia come i nipoti», ha affermato il dottor Kaspiew».

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità»

 

Quando le vittime cercano aiuto o consiglio da terzi, la famiglia (41%), gli amici (41%) e i medici generici o infermieri (29%) sono le fonti di sostegno più comuni.

 

Il dottor Kaspiew ha affermato che mentre chiunque può subire abusi, ci sono alcune caratteristiche che mettono maggiormente a rischio le persone anziane.

 

Il rapporto ha rilevato che uno status socioeconomico inferiore, essere single, separato o divorziato, vivere in alloggi in affitto, possedere una casa con un debito a fronte e una cattiva salute fisica o psicologica sono tutte caratteristiche associate a un rischio maggiore di abusi.

 

«Gli abusi sugli anziani sono qualcosa che può capitare a chiunque, indipendentemente dalle circostanze. È importante fare tutto il possibile per ridurre l’abuso e il suo impatto, ha affermato il dottor Kaspiew.

 

Come osserva Richard Egan, un osservatore australiano delle tendenze dell’eutanasia, i livelli sorprendentemente alti di abuso dovrebbero essere presi in considerazione nella regolamentazione della «morte volontaria assistita».

 

Cita un famoso neurochirurgo britannico che è un sostenitore della morte assistita:

 

Le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita»

«Come ha affermato il dottor Henry Marsh, neurochirurgo britannico e sostenitore della legalizzazione del suicidio assistito e dell’eutanasia:  “Anche se alcune nonne vengono bullizzate [fino al suicidio], non è forse il prezzo che vale la pena pagare per tutte le persone che potrebbero morire con dignità».

 

Egan sottolinea che le persone anziane a cui è stato fornito un farmaco letale per il loro suicidio assistito potrebbero essere indotte a farlo dai figli o dal partner. Esiste anche una correlazione tra solitudine e richieste di «morte assistita».

 

Conclude che è una seria considerazione nell’inquadrare la legislazione:

 

«Dato ciò che quest’ultimo rapporto sull’abuso agli anziani conferma sulla sua prevalenza e sull’incapacità dei professionisti, inclusi medici di famiglia e altri operatori sanitari di identificarlo e rispondere adeguatamente, non vi sono motivi per presumere che le disposizioni di qualsiasi legge che consenta l’eutanasia o l’assistenza al suicidio siano adeguate per prevenire morti illecite per abuso di anziani con pressioni per richiedere o ingerire un veleno letale. Il semplice canto della “scelta” come mantra non affronta questo rischio reale e sostanziale di abusi letali sugli anziani».

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari