La casta degli stronzi

 

 

Ci scusiamo per il titolo, ma non ha alternative.

 

SCENA 1 – Un signore entra in un ufficio postale. All’interno c’è un po’ di gente che attende il suo turno, tutti sono distanziati. D’improvviso, un signore che sta al di là del vetro antiproiettile urla a tutti di uscire, perché, secondo lui, ci sarebbe  un assembramento. La gente esce di corsa senza fiatare, e si mette in fila fuori, al gelo. Una signora si sente male.

 

SCENA 2 – Una signora si reca al conservatorio per l’iscrizione del figlio che non riesce a completare in via telematica. Chiede del segretario. Gli dicono che il segretario è in segreteria, ma non si può interagire con lui perché c’è il virus. Nemmeno con mascherina, nemmeno a distanza. Il segretario esiste solo in versione virtuale.  

 

Lo abbiamo capito tutti, ormai. Il coronavirus, sulle cui caratteristiche patologiche ancore si discute, reca con sé una certezza scientifica: ha reso le persone stronze

SCENA 3 – Un signore deve fare una visita con il medico militare per il porto d’armi. Decine di altre persone aspettano il loro turno. La fila si distende per tutto il corridoio, per due rampe di scale e un pezzo del marciapiede all’esterno. La segretaria dello studio ciclicamente esce strillando di stare lontani l’uno dall’altro e insultando chi secondo lei non rispetta le distanze. 

 

SCENA 4 – Una signora deve andare in questura. La fila si deve fare fuori al freddo, dietro il grande recinto di metallo, senza che qualcuno dica alla gente incolonnata da ore se sta facendo la cosa giusta. Ciclicamente, una poliziotta esce e urla a tutti di mettersi in fila correttamente, misurando i canonici due metri di distanza l’uno dall’altro. Una signora straniera in fila, congelata e stremata, si mette a piangere.

 

SCENA 5 – Un signore si presenta in banca, il luogo dove sono depositati i suoi risparmi da decine di anni. Le porte sono chiuse, sbarrate. Suonato il campanello, appare un impiegato che chiede al signore, da dietro alla porta, cosa voglia e le dice che non ci si può presentare senza preavvisi, bisogna prenotare sul sito nazionale della banca. Se è fortunato, forse un posto lo trova per la settimana successiva. Fatta la prenotazione, la settimana successiva l’impiegato, da dietro il vetro blindato, fa una sorta di terzo grado al signore con l’appuntamento che, una volta entrato, viene esortato a firmare elettronicamente un documento della privacy senza nemmeno leggerlo, per non prolungare la permanenza. Davanti alle proteste del signore, il bancario (che si scopre essere il direttore della filiale) perde le staffe. Il signore esce umiliato e infuriato.

Non si tratta solo della razza odiosa dei delatori, quelli che puntavano il dito verso i runner e i mostri della movida, e sui quali contava il Ministro della Salute per realizzare le proprie politiche di repressione

 

Potremmo andare avanti a lungo con episodi di questo tenore. Lo abbiamo capito tutti, ormai. Il coronavirus, sulle cui caratteristiche patologiche ancore si discute, reca con sé una certezza scientifica: ha reso le persone stronze.

 

Non si tratta solo della razza odiosa dei delatori, quelli che puntavano il dito verso i runner e i mostri della movida, e sui quali contava il Ministro della Salute per realizzare le proprie politiche di repressione. No, sulla scena si è materializzata una intera popolazione di malvagi che finora forse viveva nel sottosuolo. 

 

Ora, tutti i personaggi che abbiamo descritto qui sopra – tutti questi stronzi che oramai sbucano ovunque, come le cimici – hanno qualcosa in comune: lo stipendio a fine mese. 

 

Sulla scena si è materializzata una intera popolazione di malvagi che finora forse viveva nel sottosuolo

Non sono mai lavoratori autonomi, partite IVA, professionisti: anzi, costoro, che hanno perso più di metà del fatturato nell’anno trascorso e stanno continuando a sanguinare anche in questo 2021, devono spargere solo gentilezza, e sconti per i clienti superstiti. Quando si hanno poche energie, poi, sicuramente non si intraprende lo sforzo sovrumano di essere stronzi.

 

Quelli che si permettono ora di trattare la gente come capi di bestiame sono tutti individui garantiti ad aeternum dal sistema. Sistema pubblico o sistema privato, non cambia: le banche, le grandi aziende, altro non sono che altrettanti ministeri. Carrozzoni dove dirigenti e dipendenti non hanno più alcuna responsabilità, specie in questo momento, e vivono in inane impunità come da diritto di nascita – come una casta, appunto…

 

Tutti i personaggi che abbiamo descritto qui sopra – tutti questi stronzi che oramai sbucano ovunque, come le cimici – hanno qualcosa in comune: lo stipendio a fine mese

Ma c’è di più, ad alimentare l’attitudine a maltrattare i propri simili, oltre allo stipendio assicurato: l’abitudine al fancazzismo. Il virus ha reso parassiti molti lavoratori: dopo che si è saggiata la bellezza del lockdown con lo stipendio che arriva standosene a casa, costoro vivono la giornata di lavoro come un supplizio, e identificano gli avventori come i responsabili.

 

Una parte della popolazione, insomma, è diventata stronza e lavativa.

 

Finalmente è possibile parlare davvero di «casta»: non più nel senso di Gian Antonio Stella e di Grillo (cioè, l’élite che sbafa privilegi di Stato) ma nel senso più letterale, indologico, del termine. 

 

Una parte della popolazione, insomma, è diventata stronza e lavativa

Come esistono i bramini e gli kshatrya, i vaishya e gli shudra, i garantiti formano una classe psico-sociale a parte, distinta dalle altre, specialmente dai paria, i fuori-casta, gli intoccabili, che si procacciano di che vivere senza stipendio fisso, pagano le tasse e quindi si aspetterebbero che le cose funzionassero quasi come prima.

 

Ma la casta degli stronzi ha saldamente preso in mano le redini del Paese ed ha una sua chiara proiezione politica: commissari, ministri, parlamentari, interi partiti che a nulla hanno contribuito se non a peggiorare le cose (con affari dei quali, in alcuni casi, si sta occupando la magistratura), eppure la loro permanenza sulla poltrona, e il relativo compenso, garantiti dal dharma della burocrazia italiana, costituiscono una certezza inscalfibile. 

 

La casta degli stronzi ha saldamente preso in mano le redini del Paese ed ha una sua chiara proiezione politica: commissari, ministri, parlamentari, interi partiti che a nulla hanno contribuito se non a peggiorare le cose, eppure la loro permanenza sulla poltrona, e il relativo compenso, sono garantiti dal dharma della burocrazia italiana

C’è tuttavia anche una parte di privati che si è arricchita con la pandemia, come per esempio i procacciatori di mascherine e banchi a rotelle, di dispositivi medici e vaccini. Ebbene, questa genìa ora alleata con la casta degli stronzi e dei suoi rappresentanti, in realtà non sussiste come fenomeno a sé: a ben guardare si vede come nei traffici pandemici siano coinvolti figure legate al sottobosco politico e al demi-monde delle forniture pubbliche, che si ingrassano foraggiando la più grande alleata della casta degli stronzi, la Repubblica Popolare Cinese, senza la quale non ci sarebbero gli enormi margini da lucrare.

 

Ci spaventa, tuttavia, la forma di hybris più alta dei rappresentati della nuova casta al potere, l’impunità. La tracotante mancanza di una pur vaga idea di punizione per le malefatte compiute.

 

Pensiamoci. C’è un Paese ridotto a un cumulo di macerie fumanti, e senza bisogno di guerra: per decisione politica. Ci sono migliaia di vite perdute, milioni di vite compromesse: sempre, per decisioni politiche.

 

Nessuno sembra avvertire il peso di questa tragedia allo stato puro, in senso classico. Nessuno medita l’esilio come Edipo, tutti sono pronti a riciclarsi ancora, e poi ancora. Senza pudore e senza vergogna.

 

Ci spaventa, tuttavia, la forma di hybris più alta dei rappresentati della nuova casta al potere, l’impunità. Nessuno sembra avvertire il peso di questa tragedia, nessuno medita l’esilio come Edipo, tutti sono pronti a riciclarsi senza pudore e senza vergogna

Tutto questo non può durare.

 

Prima o poi la pagheranno. E la pagheranno cara.

 

 

Roberto Dal Bosco

Elisabetta Frezza