Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

I nazisti stanno davvero con Biden e l’Ucraina

Pubblicato

il

Il leader di un appariscente gruppo suprematista bianco ha dichiarato ai media statunitensi di sostenere l’attuale presidente americano Joe Biden rispetto al suo predecessore Donald Trump perché «manda razzi in Ucraina». Il video ha fatto il giro della rete, mentre la polizia americana minimizza affermando che il gruppo «sta cercando attenzione».

 

L’ex marine americano Christopher Pohlhaus, che online si autodefinisce «The Hammer» («il martello»), sabato ha guidato una marcia di diverse dozzine di membri della «Blood Tribe» («Tribù di sangue») nell’area di Orlando. Vestito di rosso e nero e sventolando striscioni con la svastica, il gruppo del Pohlhaus salutava il traffico con il braccio teso e gli immancabili «Heil Hitler», nonché le classiche serie di molteplici «Sieg Heil».

 

L’incontro, a cui ha partecipato anche una sigla che si presenta come Goym Defense League (Lega di difesa dei goym, parola ebraica che significa «non ebrei) ha attirato l’attenzione dei media locali, con il giornalista indipendente Brendan Gutenschwager che si è fermato per intervistare Pohlhaus. Nonostante il presidente Joe Biden abbia descritto la supremazia bianca come «la minaccia terroristica più letale in patria», Pohlhaus ha espresso sostegno al presidente democratico.

 

«Il mio voto è inutile» ha lamentato il Polhaus, per poi lasciare una contro intuiva dichiarazione: «penso che Biden sia migliore di Trump perché manda razzi in Ucraina. Salute all’Ucraina! Heil Azov!»

 

 

 

Con «Heil Azov», Pohlhaus si riferiva al Battaglione Azov, una milizia neonazista formalmente incorporata nella Guardia nazionale ucraina nel 2014 e distrutta dalle forze russe durante l’assedio di Mariupol l’anno scorso. Il Battaglione, come noto, combatte indossando uniformi adornate con simboli nazisti, tra cui la runa wolfsangel (uncino del lupo) e il «Sonnenrad», o Sole Nero, un segno della mistica più oscura delle SS.

 

Come riporato da Renovatio a 21, il mese scorso, un po’ a sorpresa, il presidente ucraino Zelens’kyj si è fatto vedere in video dal fronte, con Andrej Biletsky, il fondatore dell’Azov. Il battaglione, hanno sostenuto recentemente i russi, sarebbe stato addestrato da istruttori NATO nel 2021.

Sostieni Renovatio 21

Da notare come il filmato con la dichiarazione di voto del nazista sia praticamente sparito sia da Twitter che da YouTube. La versione che vedete qui sopra ha un taglio proprio nel momento in cui il tatuato con la svastica bercia il suo supporto a Biden e all’Ucraina armata di missili americani. (A questo link forse è ancora visibile)

 

Nel video, dietro al Pohlhaus era visibile Kent «Boneface» McClellan, un personaggio che avevamo già incontrato nel contesto della guerra ucraina. Estremista della Florida figlio del cantante del gruppo nazi-punk Brutal Attack, «Boneface» ha militato con il Battaglione Azov e altre milizie ucronaziste.

 

In un’intervista dell’anno scorso, McClellan aveva ammesso di essere stato in Donbass durante le atrocità, dicendo che ciò che aveva visto con il battaglione Tornado – compresa una scena di linciaggio di un uomo e una donna, ritenuti ebrei, finita in un video che i fact-checker per anni hanno definito falso – era  «di gran lunga la cosa più orribile che abbia mai visto o affrontato in vita mia».

 

Nel video Boneface esclama il saluto banderista «Slava Ukraini».

 

Molti commentatori online di destra hanno proclamato Pohlhaus un infiltrato dei federali, e la Blood Tribe un’operazione di trappola gestita dal governo.

 

L’organizzazione è attiva dal 2021 e si è presentata alle proteste più tradizionali della destra durante tutto quest’anno, ad esempio eseguendo il saluto nazista ad un evento evento «Drag Queen Story Hour» – appuntamenti in cui portano i bambini da transessuali che raccontano loro «favole», dove spesso arrivano a protestare gruppi di genitori – in Ohio a marzo. I conservatori che picchettano l’evento LGBTQ affermano che i neonazisti sono intervenuti per offuscare la loro immagine.

 

Secondo un articolo del Maine Wire, Pohlhaus è titolare di una proprietà nello stato con Fred Ramey, un ex attivista del Partito Democratico che ha fatto una campagna per l’attuale segretario ai trasporti omosessuale Pete Buttigieg quando si è candidato alla presidenza nel 2020. L’estremista avrebbe avuto accuse federali di droga contro di lui.

 

Le forze dell’ordine locali vedono i Blood Tribe come piantagrane in cerca di attenzione. «Sappiamo che questi gruppi manifestano in aree di alto profilo per agitare e incitare la gente con simboli e insulti antisemiti», ha affermato in una nota l’ufficio dello sceriffo della contea di Orange. «Stanno cercando attenzione, e in particolare l’attenzione dei media».

Aiuta Renovatio 21

Tuttavia, questo non è l’unico segno di nazismo esplicito uscito in settimana.

 

Petro Poroshenko, l’ex presidente dell’Ucraina, è stato fotografato mentre indossava sulla sua divisa militare un simbolo creato dai nazisti, durante un incontro con le truppe ucraine la scorsa settimana.

 

Il politico spesso mette in mostra nei suoi social media e nelle pubbliche relazioni forniture come droni quadricotteri, attrezzature domestiche o persino veicoli blindati, per sottolineare il suo contributo personale allo sforzo bellico contro la Russia.

 

Le immagini pubblicate sui suoi account sui social media sabato scorso lo mostrano mentre indossa una toppa militare con il Sonnenrad, più gettonato che mai in questi ultimi mesi.

 

 

La toppa sembra provenire dalla 36ª Brigata Marina delle Forze Armate ucraine. Una precedente foto dell’ex presidente lo mostrava mentre stringeva la mano a Valery Prozapas, membro del partito Solidarietà Europea di Poroshenko e capitano in servizio nella 36ª Brigata, che indossava uno stemma identico.

 

La 10ª Brigata d’assalto da montagna, che Poroshenko stava visitando mentre sfoggiava la toppa sulla spalla della giacca, si chiama «Edelweiss» dopo che Zelens’kyj ha formalmente assegnato la designazione all’unità a febbraio.

 

L’esercito ucraino nega che il nome abbia qualcosa a che fare con la 1ª divisione da montagna della Wehrmacht dell’era nazista, nota per i crimini di guerra commessi dalle sue truppe sul fronte orientale, e che utilizzava la stella alpina come insegna.

 

 

La prevalenza di simpatizzanti neonazisti tra le truppe ucraine dopo il colpo di stato del 2014 a Kiev è stata ampiamente documentata da ricercatori e stampa internazionale. Tuttavia, ciò è stato ampiamente ignorato dai media occidentali da quando sono scoppiate le ostilità tra Russia e Ucraina lo scorso anno.

 

A giugno, il New York Times aveva sostenuto che l’uso diffuso dell’iconografia nazista in Ucraina era una «questione spinosa», sottolineando che essa non riflette la vera ideologia di coloro che la esponevano.

Sostieni Renovatio 21

Fino a pochi mesi fa, mai nella vita avremo pensato di veder giustificati, e pure celebrati i simboli del nazismo. In Italia crediamo vi siano ragazzi che per bravate con simboli e saluti romani sono a processo da anni per la legge Mancino. Ora gli stessi giornali, gli stessi partiti che hanno creato ed alimentato per decenni il babau istituzionale del neonazismo, inneggiano a battaglioni neonazisti, dicendo che sono in realtà lettori di Kant, e poi pure li armano con il soldo del contribuente.

 

Lo sciacquo del nazi, la denazificazione virtuale, è qualcosa di impressionante, a cui, ammettiamo, non eravamo pronti.

 

Abbiamo visto articoli sull’effettiva cifra nazista di quei battaglioni ucraini sparire da internet.

 

Abbiamo visto Stepan Bandera, collaboratore di Hitler considerato genocida (anche dai polacchi, oltre che dagli ebrei), osannato al gay pride di Monaco di Baviera.

 

Abbiamo visto Luke Skywalker chattare con neonazi entusiasti.

 

Abbiamo visto un veterano ucronazista  premiato a Disneyworld, e una collega ancora più discussa premiata alla Casa Bianca.

 

Abbiamo visto il Battaglione Azov invocato da cori a Nuova York.

 

Abbiamo visto le bandiere ucraine, con quelle della NATO, alla marcia del 25 aprile a Milano.

 

Il mondo moderno, tuttavia, è meno follo di quanto pensiate: chi segue Renovatio 21 sa che Hitler, per la sua voglia di eugenetica e la sua volontà di disintegrare le opposizioni ritenute non riformabili (e, aggiungiamo, per i danari che ricevette da Wall Street), è in realtà il padre del mondo moderno, o meglio, un esperimento dei padroni del mondo, forse uscito un po’ dal seminato, o forse no.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Geopolitica

Il New York Times pubblica la presunta bozza del fallito accordo di pace tra Russia e Ucraina

Pubblicato

il

Da

Sabato il New York Times ha pubblicato diversi documenti che sostiene siano bozze di un accordo di pace negoziato a Istanbul da Mosca e Kiev, nei primi mesi del conflitto ucraino.   Secondo il quotidiano neoeboraceno, gli Stati Uniti e la Polonia erano «allarmati» dalle proposte, temendo che avrebbero portato al «disarmo» dell’Ucraina.   Il NYT americano ha pubblicato tre documenti. Uno, datato 17 marzo 2022, sarebbe un progetto di testo di trattato proposto dalla parte ucraina. La versione in lingua inglese presumibilmente ottenuta dal giornale sarebbe stata fornita da Kiev ai suoi sostenitori occidentali.   Secondo i termini del documento, l’Ucraina aveva accettato lo status di «neutralità permanente» in cambio di garanzie di sicurezza da parte di Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Russia e Cina. Si suppone inoltre che abbia promesso di non aderire ad alcun blocco militare e di porre fine a qualsiasi accordo incompatibile con il suo status neutrale.

Iscriviti al canale Telegram

Kiev doveva inoltre riconoscere la Crimea come Russia e le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk come Stati indipendenti, nonché ripristinare le infrastrutture distrutte nella regione dalle sue forze tra il 2014 e il 2022. Il documento fissa inoltre limiti alla quantità di attrezzature militari pesanti, anche se la Russia ha affermato che in realtà non «prevede una riduzione delle forze armate», secondo il quotidiano.   Il documento pubblicato dal NYT è anche pieno di note critiche da entrambe le parti che definiscono alcune disposizioni o formulazioni «inaccettabili». Secondo quanto riferito, le annotazioni non mostrano né l’opposizione ucraina all’idea di riconoscere la Crimea come parte della Russia né la concessione formale dell’indipendenza alle repubbliche del Donbass.   Secondo il NYT, la bozza di accordo non è piaciuta ai funzionari statunitensi. In un incontro con le loro controparti ucraine, gli americani lo avevanodefinito «disarmo unilaterale», ha detto al giornale un alto funzionario anonimo.   Secondo quanto riferito, anche la Polonia era allarmata e voleva impedire la conclusione dell’accordo. A questo scopo il presidente Andrzej Duda si sarebbe incontrato a marzo con i leader della NATO, affermato il reportage.   Il secondo documento, datato fine marzo, sarebbe un comunicato congiunto interno che ampliava l’elenco dei garanti della sicurezza per l’Ucraina e aggiungeva che lo status della Crimea sarebbe stato determinato da Mosca e Kiev entro un periodo di 10-15 anni.   Secondo quanto riferito, il terzo documento ottenuto dal NYT sarebbe un progetto di trattato di accordo datato 15 aprile 2022. Secondo le sue disposizioni, l’Ucraina doveva ancora diventare una nazione permanentemente neutrale in cambio di garanzie di sicurezza, ma le era permesso di aderire all’UE e partecipare nelle sue «missioni di mantenimento della pace». La decisione sullo status della Crimea doveva essere rinviata.   Kiev, secondo le note, aveva rifiutato di discutere le sanzioni contro la Russia e le reciproche rivendicazioni legali presentate a vari organismi internazionali. Si è inoltre rifiutato di prendere in considerazione questioni relative allo status della lingua russa in Ucraina o al divieto della propaganda nazista e neonazista, secondo il documento.   Mosca avrebbe chiesto che l’eventuale futura assistenza militare all’Ucraina fosse fornita solo sulla base di una decisione collettiva di tutti i garanti della sicurezza. Questa richiesta si è rivelata il problema più grande per Kiev, ha affermato il NYT, aggiungendo che le parti non sono riuscite a raggiungere un accordo sulla gamma di armi che l’Ucraina avrebbe potuto avere.   Alcuni membri della delegazione ucraina presenti ai colloqui credevano ancora di essere molto vicini a raggiungere un accordo. «Siamo riusciti a trovare un vero compromesso», ha detto lo scorso dicembre Aleksandr Chaly, uno dei negoziatori ucraini. «A metà aprile, alla fine di aprile, eravamo molto vicini a concludere la nostra guerra con una soluzione pacifica».   All’inizio di questa settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha anche affermato che le due parti sono riuscite a raggiungere un accordo che «era generalmente accettabile sia per Mosca che per Kiev». È stato redatto un progetto di trattato che è stato siglato dal capo della delegazione ucraina, ha detto il presidente. «Ciò significa che Kiev… era soddisfatta di tale soluzione».

Sostieni Renovatio 21

Mosca non ha ancora commentato ufficialmente l’autenticità dei documenti, che secondo il NYT sono stati confermati da partecipanti anonimi ai colloqui. Le due parti non si siedono al tavolo delle trattative dalla primavera del 2022, quando Kiev si ritirò dalle discussioni.   Il principale negoziatore ucraino a Istanbul, il parlamentare David Arakhamia, ha dichiarato lo scorso novembre che l’allora primo ministro britannico Boris Johnson si era recato a Kiev appositamente per convincere il presidente ucraino Zelens’kyj a ritirarsi dai colloqui.   Da allora la Russia ha ripetutamente segnalato la sua disponibilità al dialogo, accusando Kiev e i suoi sostenitori occidentali di rifiutarsi di impegnarsi nella diplomazia.   Come riportato da Renovatio 21, una bozza degli accordi di pace fu mostrata l’anno scorso da Putin in una riunione con politici africani durante un vertice a San Pietroburgo.   In un’intervista alla stampa del’ottobre scorso l’ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder ha sostenuto che gli USA e avevano costretto Kiev a rifiutare la pace con Mosca.   Tre mesi fa anche il Wall Street Journal aveva pubblicato i dettagli del fallito accordo tra Mosca e il governo Zelens’kyj.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.
 
Continua a leggere

Geopolitica

Dodici Paesi si rifiutano di firmare la dichiarazione di Zelens’kyj sulla «conferenza di pace»

Pubblicato

il

Da

Dodici Oaesi partecipanti alla «conferenza di pace» in Ucraina ospitata dalla Svizzera si sono rifiutati di firmare il comunicato finale. La notizia si basa sull’elenco dei paesi che hanno approvato il documento, ha riferito domenica l’agenzia di stampa governativa russa RIA Novosti.

 

Secondo l’elenco, Armenia, Brasile, India, Arabia Saudita, Sud Africa e Emirati Arabi Uniti sono tra gli Stati che non hanno firmato la dichiarazione, così come quattro organizzazioni, tra cui l’ONU e l’OSCE.

 

Nel frattempo, 79 nazioni, tra cui Ungheria, Serbia, Argentina, Turchia e Georgia, nonché quattro organismi internazionali, si sono unite all’Ucraina per approvare il documento.

Iscriviti al canale Telegram

Il comunicato finale non è ancora stato reso pubblico, ma secondo la Reuters, citando una bozza del 13 giugno, attribuisce la colpa della «guerra contro l’Ucraina» alla Russia, accusandola di causare «sofferenze e distruzioni umane su larga scala» e «creando rischi e crisi con ripercussioni globali».

 

Il documento chiede il rispetto dell’integrità territoriale dell’Ucraina «entro i confini riconosciuti a livello internazionale» – in particolare, il ripristino del controllo ucraino sulla centrale nucleare di Zaporiggia, nonché l’accesso ai porti marittimi nel Mar Nero e nel Mar d’Azov. Il documento richiede inoltre il rilascio di tutti i prigionieri di guerra attraverso uno «scambio completo» e il ritorno dei bambini ucraini «deportati e sfollati illegalmente».

 

Finora non è chiaro il motivo per cui diversi partecipanti non hanno sostenuto il documento. Tuttavia, domenica il ministro degli Esteri dell’Arabia Saudita, il principe Faisal bin Farhan Al Saud, ha affermato che qualsiasi progresso significativo verso una soluzione pacifica al conflitto richiederebbe la partecipazione della Russia.

 

Il cancelliere austriaco Karl Nehammer aveva precedentemente previsto che non tutti i partecipanti avrebbero firmato la dichiarazione, perché «è una questione di scelta specifica delle parole».

 

La Russia non è stata invitata a partecipare alla conferenza e ha affermato che non avrebbe preso parte anche se invitata a causa del focus esclusivo sulle richieste di Kiev.

 

Ai colloqui sono stati invitati più di 160 partecipanti, ma quasi la metà ha rifiutato a causa dell’assenza di una delegazione russa. L’elenco finale dei partecipanti comprendeva rappresentanti di 92 paesi e otto organismi internazionali.

 

Come riportato da Renovatio 21, vari Stati, tra cui diversi latinoamericani, avevano ignorato il vertice di pace voluto da Kiev.

 

Scrivendo domenica su Telegram, l’ex presidente russo Dimitrij Medvedev, attualmente vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, ha paragonato il vertice alla Fattoria degli animali di Giorgio Orwell. Il romanzo, considerato un velato riferimento all’Unione Sovietica dell’era Stalin, riflette su come gli ideali di uguaglianza e libertà possano essere distorti e traditi dopo che un leader spietato prende il sopravvento.

Sostieni Renovatio 21

L’ex presidente russo ha affermato che l’evento svizzero è «puro surrealismo» e che «nessuno dei partecipanti al “forum per la pace” sa cosa stanno facendo lì e quale è il loro ruolo».

 

Ha continuato dicendo che i «pastori» svizzeri invitavano solo «animali degni di fiducia», tra cui un «pazzo e gracile maiale» e il suo aiutante, così come «un gregge di ottuse pecore alpine occidentali che belano allegramente di pace, così come come una muta di cani europei incatenati per custodire il bestiame». Medvedev non ha specificato a chi fossero dirette queste osservazioni.

 

Secondo l’ex presidente, i «cani» «abbaiano e sputano saliva velenosa» per mantenere l’ordine, cosa che secondo lui è giustificata dal momento che «le pecore spesso belano fuori posto e confondono le dichiarazioni memorizzate».

 

In un apparente riferimento al presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha affermato che il gregge è guidato da «un proprietario anziano e debole di mente» che soffre di «demenza progressiva». Ha aggiunto che gli Stati Uniti, invece di inviare Biden, hanno inviato «un deputato dalla testa morbida che… ha detto una frase imparata a memoria ed è tornato rapidamente a casa», riferendosi alla vicepresidente Kamala Harris.

 

«Per riassumere, il pascolo del bestiame nelle Alpi è solo un triste mucchio di cacca che sta bruciando i soldi dei contribuenti», ha detto Medvedev.

 

Secondo un precedente rapporto di Bloomberg, Biden avrebbe saltato il vertice perché coincideva con una raccolta fondi per la campagna in California con George Clooney prima delle elezioni presidenziali di novembre. Zelens’kyj ha criticato l’assenza del presidente americano, suggerendo che «sarebbe stata accolta solo con applausi da Putin».

 

Numerosi funzionari occidentali hanno riconosciuto che il conflitto ucraino non può essere risolto senza la partecipazione di Mosca ai colloqui.

 

Come riportato da Renovatio 21, il politologo John Mearsheimer aveva definito «ridicolo» l’incontro. Putin aveva respinto la formula di Kiev e sollevato dubbi sulla legittimità di Zelens’kyj, il cui mandato è scaduto. Il presidente russo in passato ha ripetuto che la Russia «non ha mai rinunciato ai colloqui di pace con l’Ucraina».

 

Pochi giorni fa Putin aveva chiarito le sue condizioni per dei veri colloqui di pace, subito respinte da Zelens’kyj e dagli USA, come detto a chiare lettere nel bizzarro discorso del segretario della Difesa Lloyd Austin all’incontro dei ministri della guerra NATO a Bruxelles della settimana scorsa.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Simon Walker / No 10 Downing Street via Flickr pubblicata su licenza CC BY-NC-ND 2.0
 

Continua a leggere

Geopolitica

Il segretario della Difesa USA Austin rigetta la proposta di pace di Putin. E ribalta orwellianamente la storia recente di Russia e NATO

Pubblicato

il

Da

Il Segretario di Stato Lloyd Austin ha rigettato la proposta di pace avanzata dal presidente russo Vladimir Putin, giustificando con argomenti che contrastano apertamente con la storia recente.   «Ancora una volta, ricordiamo un punto chiave», ha dichiarato ieri nel suo discorso di apertura durante una conferenza stampa a Bruxelles, al termine della riunione di due giorni dei ministri della Difesa della NATO.   «La guerra di Putin non è il risultato dell’allargamento della NATO. La guerra di Putin è una causa dell’allargamento della NATO, e la NATO è più risoluta e più capace che mai» ha dichiarato l’Austin.   Tale affermazione risulta piuttosto incredibile: non sembra importare al vertice militare USA che la NATO fosse già 1.000 km più vicina a Mosca che durante la Guerra Fredda, molto prima che il presidente russo Vladimir Putin ordinasse l’inizio dell’operazione militare speciale nel febbraio 2022.

Iscriviti al canale Telegram

Non importa nemmeno che l’avanzata del blocco atlantico a Est, in aperta violazione della parola data a Gorbachev da Bush senior dopo la caduta del muro, fosse iniziata durante ancora prima della presidenza Putin e concretata nei suoi primi anni, quando Mosca era addirittura – tramite gli accordi di Pratica di Mare ottenuti da Silvio Berlusconi – divenuta partner della NATO.   La cosa più tremenda è che Austin si aspetta che chi lo ascolta non ricordi nulla di quanto avvenuto in questi anni, quasi il cervello della gente fosse formattabile, resettabile. Per il segretario americano non sembra esistere la storia: come in 1984 di Orwell, la storia è riscrivibile a piacimento, secondo quanto ordina il vertice, e il popolo si deve adeguare, accettando la modifica delle fonti e partecipando attivamente al minuto d’odio contro il nemico dell’occasione.   Il problema è che nemmeno si spende più tempo per argomentare la falsificazione della storia. Tale è la superficialità delle élite dominanti occidentali, tale è il senso di schiavitù al quale credono di aver sistemato le masse. Obbedite e basta, sembrano dirci, balla dopo balla.   Quindi, non c’è da sorprendersi che Austin abbia rifiutato ieri la proposta di pace di Putin. «Putin ha occupato – occupa illegalmente il territorio sovrano ucraino», ha detto in risposta alla domanda di un giornalista. «Non è nella posizione di dettare all’Ucraina cosa deve fare per raggiungere la pace. Penso che questo sia esattamente il tipo di comportamento che non vogliamo vedere. Non vogliamo vedere il leader di un paese svegliarsi un giorno e decidere di voler cancellare i confini e annettere il territorio del suo vicino».   «Putin può porre fine a questa guerra oggi», ha continuato Austin. «Sapete, ha iniziato questa guerra senza alcuna provocazione. Ha perso: ha avuto centinaia di migliaia di soldati feriti e uccisi in questa invasione ingiusta e immotivata». Ulteriori balle insopportabili per chiunque ricorda gli otto lunghi anni in cui la popolazione russofona del Donbass ha subito violenze da parte di Kiev con un computo dei morti che va fagli 8.000 ai 14.000. Senza contare le voci sui guastatori beccati dai russi poco prima dell’invasione, senza contare le ammissioni di Merkel e Hollande sull’inganno degli accordi di Minsk.   Nulla conta per Austin, che, in pieno autismo diplomatico, dichiara che Putin «potrebbe porre fine a tutto questo oggi se scegliesse di farlo. E lo invitiamo a farlo e a lasciare il territorio sovrano ucraino».   Il papavero del Pentagono ha inoltre riferito che «abbiamo riaffermato ieri nel Consiglio NATO Ucraina il nostro impegno duraturo per un’Ucraina libera e sovrana. Come le nazioni di buona volontà di tutto il mondo, i nostri alleati della NATO continuano a difendere la sovranità e l’autodifesa dell’Ucraina e, mentre ci prepariamo per il vertice di Washington, il partenariato NATO-Ucraina continua ad approfondirsi».   «Il vertice farà passi avanti verso un ponte credibile verso l’eventuale adesione dell’Ucraina, e gli Stati Uniti sostengono il continuo sostegno della NATO attraverso il pacchetto globale di assistenza».   Poiché Austin aveva dichiarato che l’espansione della NATO non era una causa della guerra in Ucraina, un giornalista gli ha chiesto se fosse sul tavolo una maggiore espansione della NATO.   «Non vedo alcun desiderio o indicazione che perseguiremo l’espansione in qualsiasi momento nel prossimo futuro», ha affermato. «Ci saranno… sospetto che ci saranno sempre Paesi che vorranno aderire alla NATO».   Non è chiaro se si riferisse direttamente all’Ucraina, che ha, per bocca di Zelens’kyj, rifiutato al medesimo modo la proposta del Cremlino.

Sostieni Renovatio 21

Lo stato confusionale in cui versano i vertici occidentali è oramai incontrovertibile, e certificato dalle tristi immagini provenienti dal G7 in Puglia, con Biden che vaga per lo spazio senza sapere bene dove andare e perché.   Come riportato da Renovatio 21, l’Austin quattro mesi fa aveva avvertito i membri orientali della NATO di prepararsi a combattere la Russia sostenendo che Mosca «non si fermerà».   A inizio anno ad Austin era stato diagnosticato il cancro. Lo stato di salute aveva messo in allarme l’alto funzionario del Consiglio di Sicurezza russo Mikhail Popov,, il quale ha espresso preoccupazione per il rischio di una «catastrofe» nucleare derivante dai problemi di salute del capo del Pentagono e dal declino delle facoltà del presidente americano Joe Biden.   Il Popov lamentava del problema di una catena di comando nucleare USA spezzata: «uno Stato che possiede armi nucleari e afferma costantemente di essere l’egemone mondiale» disse il russo, aggiungendo che la diagnosi di cancro del segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e l’età avanzata di Biden «hanno sollevato interrogativi sul sistema di sicurezza globale» e sulla catena di comando degli Stati Uniti. Bisogna, a questo punto, chiedersi davvero «come viene generalmente presa la decisione di utilizzare armi nucleari negli Stati Uniti?»   Al ritorno dal meeting dei ministri della Difesa NATO a cui ha parlato Austin l’aereo Falcon 900 su cui viaggiava il ministro italiano Guido Crosetto è stato costretto ad un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Ciampino dopo che il vano bagagli si era riempito di fumo.   Durante il meeting si era discusso di un pacchetto di 40 miliardi di dollari all’anno per l’Ucraina, verso il quale il ministro italiano si era detto contrario perché «già facciamo fatica ad arrivare al 2% del PIL» da dare alla Difesa militare.   Crosetto – che è stato vittima di recente di un malore improvviso che ha richiesto l’ospedalizzazione negli ultimi mesi si è speso contro le pulsioni belligeranti di Macron, che vuole un intervento occidentale in Ucraina.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di NATO North Atlantic Threaty via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic
 
Continua a leggere

Più popolari