Connettiti con Renovato 21

Genetica

Considera i super-spargitori di spermatozoi

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 traduce e pubblica questo articolo di Biodedge.

 

 

 

Un controverso studio genetico pubblicato nel 2003 ha suggerito che un uomo su 200 oggi vivo è un discendente del conquistatore mongolo Gengis Khan. In Asia centrale, questa cifra sale a circa l’8%, ovvero circa 16 milioni di uomini.

 

Una cosa impossibile oggi, giusto? Non siatene certi. C’erano superdiffusori, per prendere in prestito il gergo delle notizie sul COVID-19, che diffusero i loro geni in lungo e in largo negli anni ’60, ’70 e ’80 del secolo scorso, ma si chiamano dottori, non signori della guerra. C’è qualche ricerca sulle conseguenze di questo fenomeno?

 

C’erano superdiffusori, per prendere in prestito il gergo delle notizie sul COVID-19, che diffusero i loro geni in lungo e in largo negli anni ’60, ’70 e ’80 del secolo scorso, ma si chiamano dottori, non signori della guerra

Gli ultimi due casi a venire a conoscenza di BioEdge provengono dal Sud Africa e dagli Stati Uniti.

 

Fiona Darroch scrive su The Guardian della sua scoperta all’età di 52 anni che il suo padre biologico era in realtà un medico della fertilità sudafricano di nome Tony Walker. Sembra che «abbia assistito in questo modo più di 100 famiglie, molte con più figli».

 

«Riteniamo, in base a quello che abbiamo potuto scoprire dal personale della clinica, che abbia usato il suo sperma per almeno 100 famiglie, alcune con più, quindi probabilmente abbiamo da 200 a 300 fratelli da quello che possiamo calcolare», ha detto la signora Darroch a SBS . I suoi fratelli sono sparsi in tutto il mondo, negli Stati Uniti, Irlanda, Nuova Zelanda, Sud Africa, Australia e Regno Unito.

 

Il dottor Walker si è suicidato nel 1977 all’età di 62 anni, quindi non può offrire più luce su questo problema.

 

Questi non sono casi isolati

E in una piccola città dell’Oregon centro-occidentale, un altro medico ha scoperto di essere il padre di almeno 19 bambini. Quando il dottor Bryce Cleary ha aperto un conto con Ancestry.com, ha saputo che un certo numero di persone lo aveva identificato come il loro padre biologico. Aveva donato lo sperma quando era uno studente di medicina negli anni ’80. Secondo il Washington Post, molti dei suoi figli «vivevano a meno di due ore da casa sua, e potrebbero non sapere mai veramente quanti figli di donatore esistono».

 

Questi non sono casi isolati.

 

L’anno scorso il dottor Norman Barwin è stato ufficialmente espulso dall’albo in Canada per aver inseminato i suoi pazienti con il proprio sperma o con lo sperma di uomini sconosciuti. Ha ricevuto l’Ordine del Canada e diversi dottorati onorari, nonché era un ex presidente di Canadians for Choice, Canadian Fertility Society, Planned Parenthood Federation of Canada e Planned Parenthood Ottawa. Sembra che tra i 50 ei 100 bambini siano stati concepiti dopo che le loro madri avevano ricevuto lo sperma sbagliato. Di questi 11 sono stati geneticamente abbinati a Barwin attraverso il test del DNA.

Il dottor Bertold Wiesner, che ha operato su una scala per rivaleggiare con Gengis Khan. Si ritiene che abbia generato 600 bambini per donne che hanno visitato la sua clinica di Londra negli anni ’40, ’50 e ’60

 

Il dottor Donald Cline , di Indianapolis, ha messo incinta almeno tre dozzine di donne negli anni ’70 e ’80. Più di 60 persone affermano che è il loro padre biologico.

 

Si ritiene che un medico olandese, il dottor Jan Karbaat, abbia generato 56 figli di donne che hanno visitato la sua clinica a Rotterdam tra il 1980 e il 2009.

 

Poi c’era il dottor Bertold Wiesner, che ha operato su una scala per rivaleggiare con Gengis Khan. Si ritiene che abbia generato 600 bambini per donne che hanno visitato la sua clinica di Londra negli anni ’40, ’50 e ’60.

 

«Scioccante, vergognoso. Il numero di medici suona meno come poche mele marce e più come una pratica generalizzata di inganno, in gran parte nascosta fino a tempi recenti da un mix di bassa tecnologia e alto stigma»

Dov Fox, bioetico dell’Università di San Diego e autore di Birth Rights and Wrongs , ha riassunto la bizzarra tendenza in una sola parola: «grossolano».

 

«In un altro paio di parole: scioccante, vergognoso. Il numero di medici suona meno come poche mele marce e più come una pratica generalizzata di inganno, in gran parte nascosta fino a tempi recenti da un mix di bassa tecnologia e alto stigma».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge

Continua a leggere

Epidemie

Il governo USA ha insabbiato la fuga del virus geneticamente modificato: parla l’ex vicepresidente del partner di laboratorio di Wuhan: il governo degli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

Un libro scritto dall’ex vicepresidente dell’organizzazione medica non governativa EcoHealth Alliance conferma che il COVID-19 è stato creato artificialmente ed è fuggito dall’Istituto di Virologia di Wuhan, questa volta in un nuovo libro sulla situazione. Lo riporta il quotidiano britannico The Sun.

 

«EcoHealth Alliance e i laboratori stranieri non disponevano delle misure di controllo adeguate per garantire un’adeguata biosicurezza, bioprotezione e gestione del rischio, il che ha portato alla fuga del virus dall’Istituto di virologia di Wuhan» sostiene Andrew Huff, che ha anche prestato servizio come soldato di fanteria dell’esercito in Iraq e come ricercatore presso il Department of Homeland Security degli Stati Uniti.

 

Lo Huff ha pubblicato un libro, The Truth About Wuhan («la verità su Wuhan») in cui scrive che «la Cina sapeva fin dal primo giorno che si trattava di un agente geneticamente modificato» e che «il governo degli Stati Uniti è responsabile del trasferimento di pericolose biotecnologie ai cinesi».

 

Huff afferma che già nel 2015 aveva espresso ai funzionari di EcoHealth le sue preoccupazioni sul fatto che la società «non avesse una visibilità sufficiente o una conoscenza diretta di ciò che stava accadendo nei laboratori stranieri appaltati e gestiti”, che il governo federale ha emesso avvertimenti nel 2018 che l’Istituto di Virologia di Wuhan non aveva gli esperti necessari per gestire in sicurezza la ricerca sul coronavirus, che «ha buone ragioni per credere che il governo degli Stati Uniti sia stato allertato dell’epidemia nell’agosto o nell’ottobre 2019» e che quando il COVID è scoppiato per la prima volta alla fine del 2019.

 

Di conseguenza, scrive il libro in uscita, la Cina «e alcuni dei loro collaboratori del governo degli Stati Uniti presso il Dipartimento di Stato, USAID e il Dipartimento della Difesa sono entrati in una modalità di insabbiamento totale».

 

«Ero terrorizzato da quello che ho visto. Stavamo proprio consegnando loro la tecnologia delle armi biologiche» dice lo Huff in un ulteriore commento raccolto dal Sun.

 

Huff ha lasciato EcoHealth Alliance nel 2016 «a causa di un gran numero di preoccupazioni etiche relative al lavoro scientifico e all’EcoHealth Alliance nel suo insieme» e alla fine del 2019 gli è stato offerto un lavoro presso la Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), che ritiene potesse servire a infliggerli un obbligo legale di tacere.

 

Huff sta attualmente facendo causa a EcoHealth, la quale nega le sue affermazioni, insistendo sul fatto che, poiché «non ha mai lavorato presso o con l’Istituto di Virologia di Wuhan, le sue affermazioni in questo senso non possono essere attendibili».

 

Nell’ambito di tale causa, ha precedentemente attestato che il «processo di sviluppo della SARS-CoV2 è stato anche descritto in dettaglio nella proposta presentata e in ultima analisi finanziata dai National Institutes of Health (HHS NIH), dal National Institute of Allergy and Malattie infettive (NIAID) diretto da Anthony Fauci, da EcoHealth Alliance con l’Istituto di Virologia di Wuhan e un’università americana elencati come collaboratori.

 

Lo scorso maggio, i membri repubblicani della House Intelligence Committee hanno pubblicato un rapporto in cui si trovavano «prove circostanziali significative” che il COVID si è diffuso da una fuga di notizie nel laboratorio di Wuhan. Sotto l’ex direttore e consigliere COVID della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, il National Institute of Allergy & Infectious Diseases (NIAID) ha approvato i finanziamenti per EcoHealth per esplorare la ricerca sul guadagno di funzione (Gain of Function, o GoF), che comporta il rafforzamento intenzionale dei virus per studiarne meglio il potenziale effetti, sui coronavirus, in diversi siti, incluso l’Istituto di Virologia di Wuhano.

 

Fauci e i suoi difensori hanno insistito sul fatto che il lavoro approvato da NIAID non era una ricerca di guadagno di funzione e non avrebbe potuto portare a COVID, ma a gennaio la testata di giornalismo investigativo americano Project Veritas hanno rilasciato documenti che hanno ottenuto dimostrando che, prima di andare a NIAID, EcoHealth aveva precedentemente lanciato la sua richiesta di finanziamento alla DARPA, che l’aveva respinta sulla base del fatto che il progetto avrebbe violato una moratoria preesistente sulla ricerca GoF e non avrebbe tenuto conto dei suoi potenziali rischi.

 

«Da allora, le e-mail trapelate hanno rivelato che i migliori ricercatori del NIAID, del National Institutes of Health (NIH), del Wellcome Trust di Londra e dell’Erasmus University Medical Center dei Paesi Bassi erano a conoscenza della possibilità di fughe dal laboratorio già nel febbraio 2020, ma temevano pubblicamente riconoscerlo avrebbe compromesso “la scienza e l’armonia internazionale”» riassume Lifesitenews.

 

Ricordiamo come il Fauci, nel 2021, disse che la bioingegneria sul virus valeva «il rischio di una pandemia che provoca incidenti in laboratorio». Fauci, dice il senatore del Kentucky Rand Paul, «potrebbe essere il responsabile dell’intera pandemia». La Disney però ha fatto su di lui un documentario agiografico.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso direttore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros già sei mesi fa riconosceva in privato che il COVID potrebbe essere fuggito dal laboratorio.  Ufficialmente, sempre a metà 2022, anche l’OMS ammise l’ipotesi. Pochi mesi prima, personale dell’indagine OMS sulle origini del COVID aveva sostanzialmente ammesso che la Cina aveva ordinato alla sua squadra cosa scrivere.

 

Alcuni documenti dimostrerebbero che gli USA avevano un contratto per studiare il coronavirus in Ucraina tre mesi prima che il COVID esistesse ufficialmente come fatto sanitario.

 

Un articolo investigativo della collaboratrice di Vanity Fair Katherine Eban, basato su oltre 100.000 documenti dell’EcoHealth Alliance, mostra una realtà inquietante di «contratti di sovvenzione oscuri, supervisione fragile dei NIH e perseguimento di sovvenzioni governative per ricerche globali sempre più rischiose».

 

La bizzarra storia di questo patogeno che viene per coincidenza dalla stessa città che ospita il grande laboratorio BSL-4 non è ancora finita. Tuttavia, altra coincidenza che piace segnalare a Renovatio 21, nell’azienda francese che ha costruito il laboratorio cinese lavorava Stephen Bancel, futuro CEO di Moderna. Patrick Degorce, uno dei primi investitori quando ancora una diecina di anni fa Moderna (che significherebbe «Mode RNA») era solo un’idea peraltro non troppo divulgata all’esterno, è il finanziere hedge fund che fu mentore e collega dell’enigmatico Rishi Sunak, attuale premier britannico.

 

Per aver ipotizzato, ancora a inizio 2020 seguendo alcune fonti che il COVID potesse avere un’origine laboratoriale, Renovatio 21 è stata piazzata in liste internazionali di diffusori di fake news e bannata plurime volte dal noto social network, che è arrivato a disattivare gli account personali di chi gestiva la pagina – account e pagine sono tornati solo dopo essere stati in tribunale.

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Il piano per il rilascio di zanzare OGM in California sotto attacco di legislatori e ambientalisti

Pubblicato

il

Da

«Le persone non hanno acconsentito a far parte di questo esperimento di biopesticidi all’aperto», ha affermato il co-direttore di Californians per Pesticide Reform.

 

 

Mentre i sostenitori dell’ambiente chiedono alle autorità di regolamentazione di «guidare con una solida scienza» la proposta di rilascio di migliaia di zanzare geneticamente modificate (GE) su base settimanale nella California centrale, otto legislatori democratici giovedì hanno chiesto ai funzionari di respingere la proposta senza un approfondimento revisione dei suoi potenziali impatti.

 

La società di biotecnologie Oxitec mira a fare della California il secondo stato, dopo la Florida , ad avere un rilascio sperimentale delle sue zanzare geneticamente modificate e ha richiesto un permesso per condurre ricerche con il suo prodotto in 48 siti di test nella contea di Tulare.

 

Il rilascio sperimentale mirerebbe alla specie di zanzara Aedes aegypti e mirerebbe a ridurne la popolazione nella contea di Tulare.

 

Secondo il California Department of Pesticide Regulation (DPR), che può approvare o negare l’autorizzazione alla ricerca, tra 5.000 e 30.000 zanzare GE verrebbero rilasciate settimanalmente in ciascun sito e il permesso sarebbe in vigore fino al 30 aprile 2024.

 

Sebbene Oxitec abbia precedentemente evidenziato la conclusione dell’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti (EPA) secondo cui tali rilasci non influiscono negativamente sull’uomo o sull’ambiente, i legislatori della California hanno affermato in una lettera al DPR che una revisione della proposta da parte dell’EPA non è sufficiente.

 

«Sono ancora necessarie ricerche scientifiche significative per comprendere le potenziali preoccupazioni per la salute pubblica e l’ambiente associate al rilascio di questo nuovo insetto prima di qualsiasi approvazione», hanno scritto i legislatori.

 

«Siamo consapevoli del fatto che mentre l’EPA statunitense ha approvato il rilascio delle zanzare GE in California, l’agenzia non ha condotto una revisione scientifica approfondita degli impatti di questo insetto sulla salute pubblica o sull’ambiente. La California deve richiedere maggiori e migliori informazioni prima di qualsiasi approvazione».

 

I legislatori hanno suggerito al DPR di condurre una revisione pubblica dei dati della Florida riguardanti il ​​rilascio sperimentale di zanzare GE da parte dello Stato, tenere riunioni pubbliche in cui i membri della comunità possono esprimere preoccupazioni e ascoltare esperti indipendenti e istituire un comitato scientifico consultivo indipendente per esaminare la proposta di Oxitec.

 

«Prima di consentire l’uso di zanzare geneticamente modificate, il regolamento del Dipartimento per i pesticidi della California dovrebbe fornire regole chiare e una revisione dei rischi per la salute pubblica e l’ambiente derivanti dal rilascio degli insetti in un processo pubblico», ha affermato il membro dell’Assemblea Laura Friedman, che rappresenta Glendale.

 

«Ci sono troppi fattori sconosciuti quando si tratta di come potrebbe influenzare la nostra biodiversità a lungo termine, incluso come ciò potrebbe influenzare le popolazioni di uccelli, pipistrelli, specie di pesci e altri insetti».

 

Rebecca Spector, direttrice della West Coast presso il Center for Food Safety, ha applaudito i legislatori per «aver intrapreso azioni per proteggere la salute pubblica e l’ambiente dagli impatti sconosciuti delle zanzare geneticamente modifcate».

 

«Chiedono giustamente a DPR di condurre una revisione più completa e riunioni pubbliche per i residenti che saranno interessati, prima di approvare questo permesso», ha affermato Spector.

 

Angel Garcia, residente nella contea di Tulare e co-direttore di Californians for Pesticide Reform, ha definito la spinta a condurre l’esperimento «una questione di giustizia ambientale».

 

«I residenti della contea di Tulare sono già colpiti da alcuni dei peggiori problemi di inquinamento e il cambiamento climatico ha già esacerbato la distruzione ambientale, l’iniquità economica e sociale», ha affermato Garcia. «Le persone non hanno acconsentito a far parte di questo esperimento di biopesticidi all’aperto».

 

 

Julia Conley

 

 

 

Pubblicato originariamente su Common Dreams e ripubblicato su licenza CC BY-NC-ND 3.0

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Super ceppo letale COVID creato in laboratorio a Londra

Pubblicato

il

Da

Un nuovo ceppo potenzialmente mortale di COVID è stato creato in un laboratorio dell’Università di Londra. Lo riporta il Daily Mail.

 

I ricercatori dell’Imperial College London avrebbero  ibridato separatamente il ceppo Wuhan originale della malattia con entrambe le varianti Omicron e Delta.

 

Gli scienziati non hanno ancora rivelato quanto sia efficace la tensione che hanno creato e ha negato che il lavoro costituisca un guadagno di funzione, il processo ora ampiamente ritenuto responsabile della tensione originale a Wuhan.

 

Parte della comunità scientifica ha reagito a questa ennesima roulette russa pandemica fatta con virus Frankenstein. «È una pazzia, sia in termini di ridondanza che di spreco», e che non ha «applicazioni pratiche prevedibili» ha scritto il rinomato esperto di biologia molecolare Richard Ebright. Si tratta di una follia «soprattutto in termini di rischio di innescare una nuova ondata di pandemia in caso di rilascio accidentale o deliberato dei virus generati in laboratorio».

 

«Questo dovrebbe essere un campanello d’allarme», ha esortato il biologo, aggiungendo che «se il mondo desidera evitare nuove ondate di pandemie causate da potenziali agenti patogeni pandemici potenziati generati in laboratorio, allora è urgentemente necessario limitare l’insensato rischio elevato, ricerca a basso beneficio che crei potenziali agenti patogeni pandemici potenziati e per attuare un’efficace supervisione nazionale, con forza di legge, su tale ricerca».

 

 

«Non c’è alcuna giustificazione per rendere intenzionalmente più trasmissibili i potenziali virus pandemici. Le conseguenze di un incidente potrebbero essere troppo orribili e tali virus ingegnerizzati non sono necessari per i vaccini» continua l’Ebright.

 

La notizia del nuovo ceppo COVID da laboratorio londinese arriva dopo la scioccante rivelazione per cui la Boston University che avrebbe creato in provetta una variante in grado di uccidere l’80% delle cavie infettate con il virus. Anche lo studio bostoniano è stato accolto con reazioni di sgomento, incredulità e con l’accusa di follia e sconsideratezza contro gli scienziati responsabili.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Senato americano ha appena pubblicato un documento che sostiene vi siano «prove sostanziali» che il SARS-CoV-19 sia fuoriscito dall’Istituto di Virologia di Wuhan.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari