Connettiti con Renovato 21

Utero in affitto

Bangkok: polizia indaga sul traffico di minori nati da madri surrogate

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

Una neonata sparita da un asilo nido nei giorni scorsi potrebbe essere vittima di organizzazioni criminali che spediscono bambini all’estero in maniera illegale. Per una gravidanza una donna viene pagata fino a 13mila euro. L’aumento della domanda potrebbe far rivedere la legge che consente la pratica solo a certe condizioni.

 

 

Gli inquirenti thailandesi stanno indagando sul caso di una bambina di un anno scomparsa da un asilo nido di Bangkok.

 

La piccola potrebbe essere stata portata all’estero da una gang criminale che utilizzerebbe centri per la cura dei neonati o per il collocamento di lavoratrici domestiche come paravento per coprire un traffico di minori nati da madri surrogate thai.

 

Le indagini hanno finora accertato che nella città di Nongkhai, al confine con il Laos, almeno una ventina di bambini sarebbero stati ceduti a committenti stranieri da parte di un agguerrito racket con diramazioni in diverse altre città del Paese.

Almeno una ventina di bambini sarebbero stati ceduti a committenti stranieri da parte di un agguerrito racket con diramazioni in diverse altre città del Paese

 

Nonostante l’approvazione della legge per contrastare il fenomeno, nel solo 2020 il Dipartimento per le investigazioni speciali (DSI) ha confermato che almeno 300 bambini e neonati sono stati fatti uscire dal Paese in maniera illegale.

 

Con lo scoppio della pandemia da COVID-19, i lockdown e la conseguente chiusura delle frontiere, un gran numero di piccoli nati da madri surrogate sono stati consegnati ad asili compiacenti o addirittura fondati per questo scopo in attesa di potere essere mandati all’estero.

 

La Thailandia nel recente passato ha svolto un ruolo chiave nel sud-est asiatico per le pratiche di maternità surrogata, oggi esportate anche altrove.

Nel 2020 almeno 300 bambini e neonati sono stati fatti uscire dal Paese in maniera illegale

 

La polizia da tempo segnala che organizzazioni transnazionali coinvolte nella promozione illecita della maternità surrogata sono attive in diverse regioni, a partire da quelle nord-orientali, più povere, densamente popolate e a ridosso dei confini con la Cambogia, il Laos e la Cina.

 

Ancora oggi i cinesi sarebbero i principali beneficiare di questi traffici.

 

Alle donne che si rendono disponibili a portare a termine una gravidanza su commissione viene offerto mezzo milione di baht (circa 13 mila euro) per ciascun nato, cifra che aumenta nel caso di gemelli.

Ancora oggi i cinesi sarebbero i principali beneficiare di questi traffici.

 

Dall’approvazione nel 2015 della legge per la tutela dei bambini nati da tecniche di riproduzione assistita (Protection of Children Born from Assisted Reproductive Technologies Act, ART Act), sarebbero almeno 500 i bambini nati da madri surrogate e trasferiti a genitori adottivi.

 

La legge consente la pratica solo nel caso di provata infertilità della madre, all’interno di una ristretta cerchia parentale, senza alcun scambio di denaro, da parte di donne già con figli e con il consenso del marito. Tuttavia la richiesta di madri surrogate residenti in Thailandia resta elevata.

 

Questa situazione di illegalità persistente, di forte domanda e di necessità per molte donne di cercare fonti di reddito legali stanno portando a un ripensamento sullo scopo e i limiti della legge: entro un paio di mesi si potrebbe avere una revisione che prevede l’allentamento degli aspetti più restrittivi e una riapertura alle richieste straniere attraverso canali legali.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

IVF

Ecco il bambino surrogato da un milione di dollari

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Rabbrividisco di vergogna mentre scrivo questo, ma prima di leggere la sua intervista sulla rivista People, non avevo mai sentito parlare di Adrienne Bailon-Houghton. Ecco, l’ho detto. Me lo sono tolto dal petto. Al lavoro.

 

La signora Bailon è un’attrice, cantante, personaggio televisivo e imprenditrice americana di 40 anni. Recentemente ha sposato il musicista Israel Houghton, cantante, cantautore, produttore e leader cristiano ed è diventata matrigna dei suoi sei figli avuti da tre precedenti relazioni. Comprensibilmente voleva un figlio tutto suo.

 

Ci provava da sei anni. Non si rendeva conto che sarebbe stato così difficile. «Penso che come pubblico dovremmo essere sensibili al fatto che non tutte rimangono incinte subito», ha detto in uno show televisivo. «Penso che per quanto mi riguarda pensavo che sarebbe successo così facilmente per me e semplicemente non è successo in questo modo».

 

Ha effettuato otto cicli di fecondazione in vitro e innumerevoli tentativi di inseminazione artificiale.

 

Finalmente, 20 mesi fa, è arrivato un ragazzo, Adam. Con l’aiuto di un «angelo della surrogazione», cioè.

 

Quanto è costato il tutto? A nord di 1 milione di dollari.

 

«E questo non è realistico per la persona media. E lo riconosco», ha detto la signora Bailon a People.

 

Ma, dice, «Vale ogni lacrima, ogni delusione, ogni preghiera ritardata, ogni ciclo di fecondazione in vitro, ogni aborto spontaneo. Qualunque cosa».

 

Chi era la surrogata? Non lo sappiamo. Quanto è stata pagata? Non lo sappiamo. Avrà un ruolo nella vita di Adam? Quasi certamente no.

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Cina

Storie di utero in affitto in Cina

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Questa storia nasce dall’intersezione tra la politica cinese del figlio unico, l’assenza volontaria di figli, la maternità surrogata e le norme tradizionali di pietà filiale.   Come riportato dal South China Morning News, un uomo di Yiyang, nella provincia di Hunan, nella Cina centrale, desiderava disperatamente un nipote. Ma sua figlia, 29 anni, ha rifiutato di avere figli o di sposarsi. Così, all’insaputa della moglie, ha organizzato tramite un’agenzia una studentessa universitaria come madre surrogata. Era impregnata del suo stesso sperma.   Sua moglie è tornato a casa un giorno nel 2022 e trovò una tata con un bambino. Lo sconosciuto disse alla moglie che la bambina apparteneva a lei e a suo marito. E infatti, poiché il marito aveva rubato la carta d’identità della moglie, lei e il marito erano stati registrati come genitori del bambino.   La moglie infuriata ha detto ai media: «Mio marito ha detto [a mia figlia]: “La tua scelta significa che non sarò mai nonno. Che senso ha crescerti? Non avere un bambino significa non essere filiale, secondo la cultura tradizionale cinese”». Ora minaccia di divorziare da lui.   Anche la figlia è sconvolta. Lei sostiene che suo padre è del tutto incapace di allevare un figlio da solo. Teme di essere legalmente obbligata ad allevare lei stessa il bambino se i suoi genitori procedessero con il divorzio.   L’orgoglioso padre è ignaro dell’opposizione della sua famiglia. Il suo commento è stato che, poiché la bambina era così carina e sana, la prossima volta avrebbe potuto chiedere all’agenzia di maternità surrogata un maschio.   Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Utero in affitto

«Maternità surrogata forzata»: casi in Gran Bretagna

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

Un ente di beneficenza britannico che lavora con le vittime della schiavitù moderna ha riferito di aver ricevuto per la prima volta tre segnalazioni di «maternità surrogata forzata».

 

Unseen ha affermato che le chiamate alla sua hotline anti-schiavitù nel 2023 hanno raggiunto il livello record: 11.700 contatti. Il numero delle potenziali vittime nel settore sanitario è aumentato di quasi un terzo.

 

Unseen ha definito la «maternità surrogata forzata» come il forzare o costringere una donna a portare avanti una gravidanza per un altro individuo.

 

«I criminali stanno trovando modi nuovi e sorprendentemente spietati per sfruttare le vittime», ha affermato il commissario anti-schiavitù, Eleanor Lyons. «In modo allarmante, per la prima volta abbiamo assistito alla segnalazione di casi di maternità surrogata forzata».

 

Non sono stati rilasciati dettagli per il timore di identificare le vittime della tratta.

 

Nel 2023 Unseen ha notato tre tipi emergenti di schiavitù moderna: maternità surrogata, prelievo di organi e truffe. Sebbene i numeri fossero piccoli, sono stati descritti come «preoccupanti». La maggior parte della schiavitù implica sfruttamento lavorativo, sessuale o criminale.

 

Michael Cook

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Più popolari