Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Perché hanno ammazzato Vincent Lambert

Pubblicato

il

 

 

 

I giornali titolano tutti, senza eccezione, che è morto Vincent Lambert.

 

Sbagliano tutti profondamente. La verità è che Vincent Lambert è stato ammazzato.

 

E non si dica che sono sottigliezze. A nessuno sarebbe saltato in mente, quando assassinarono Kennedy, di uscire col titolo: morto Kennedy. Oppure, dopo l’attentato a Falcone: deceduto Falcone. Oppure, ancora, dopo che Alì Agca ha sparato a Woytila: il papa ricoverato. 

 

Non è una semplice morte, quella di Vincent. È un assassinio, aggravato dalla circostanza della particolare crudeltà verso la vittima. Un assassinio politico, se volete. Un assassinio di Stato, certamente

Si tratta di dire la verità, oppure di nasconderla, in religioso ossequio alla propaganda che vuole imporre il paradigma della dipartita obbligatoria per i soggetti non abbastanza produttivi. La stessa propaganda che vuole farci credere all’inganno della morte munita del prefisso «dolce», quella graziosamente concessa al sofferente per motivi umanitari.

 

Vincent Lambert, come Eluana, come Terry Schiavo, come tutti gli innocenti sacrificati sull’altare della democrazia del terzo millennio, frutto maturo della triade rivoluzionaria (liberté, egalité, fraternité) hanno patito un’agonia atroce sotto gli occhi impotenti di chi implorava pietà. Sono stati barbaramente uccisi dai mostri in uniforme che popolano ospedali, aule di «giustizia», stanze della politica, e sagrestie, pontificie accademie, sacri palazzi. 

 

Un assassinio compiuto con il placet corale della nuova generazione cresciuta inconsapevolemente nel modello utilitarista ed edonista che pretende di eliminare il dolore: sei malato, meglio che tu muoia

Non è una semplice morte, quella di Vincent. È un assassinio, aggravato dalla circostanza della particolare crudeltà verso la vittima. Un assassinio politico, se volete. Un assassinio di Stato, certamente. Un assassinio di Stato combinato con la spinta prepotente della cosiddetta medicina moderna, che ha pervertito Ippocrate sino a divenire il suo contrario e si è fatta, senza resistenze, distributrice non più di cura, ma di morte a volontà.

 

Un assassinio compiuto con il placet corale della nuova generazione cresciuta inconsapevolemente nel modello utilitarista ed edonista che pretende di eliminare il dolore: sei malato, meglio che tu muoia. La moglie che chiede la morte per Vincent è la fotocopia del marito di Terry Schiavo. Poveretti – pensano oggi i ben-pensanti – meritano di guardare avanti, di rifarsi una vita: di ottenere lo scioglimento del vincolo matrimoniale via eutanasia. Un’alternativa come un’altra alla Sacra Rota, nel tempo dell’amoris laetitia. 

 

Un assassinio compiuto grazie alla «giustizia» francese, non diversa da quella di qualsiasi altro Paese, che ha ballato il suo valzer intorno al «problema», in pilatesca attesa che arrivassero tutti gli altri, i medici, la politica, l’opinione pubblica, per pronunciare in coro la condanna a morte dell’innocente indifeso. 

 

Quando non lanciano spot promozionali per il programma massonico,gli impiegati della chiesa o tacciono obbedienti o apparecchiano l’ormai consueto siparietto di opposizione sintetica

Un assassinio compiuto, soprattutto, grazie al silenzio della chiesa. Quando non lanciano spot promozionali per il programma massonico, i suoi impiegati o tacciono obbedienti o apparecchiano l’ormai consueto siparietto di opposizione sintetica: tre modalità diverse per un identico obiettivo, giusto per rimestare un po’ le acque e tenere al guinzaglio i papisti irriducibili.

 

Bergoglio, che si spende per negri, pagani e musulmani con una ostinazione probabilmente inimmaginabile allo stesso conte Kalergi, voleva che andasse esattamente come è andata, cioè come comandano i suoi veri padroni. E del resto, la disintegrazione della civiltà cristiana passa per la sostituzione etnica e culturale così come per l’eutanasia. L’Europa va ridotta a una banlieue violenta, ad un caos totale senza più alcun punto di riferimento dove la vita umana – del feto, del bambino, del malato, dell’anziano, di chiunque – non vale più niente ed è consegnata all’arbitrio dei potenti affinché ne dispongano secondo i propri interessi.

La disintegrazione della civiltà cristiana passa per la sostituzione etnica e culturale così come per l’eutanasia

 

Doveva morire, Vincent, senza fastidiose interferenze. Da Santa Marta in giù, sono stati tutti zitti per lasciare che la macchina della morte compisse indisturbata la sua marcia. Solo quando la clessidra era agli sgoccioli, dopo otto giorni di agonia senza nutrimento e senz’acqua, ma guarda che tempismo, Bergoglio ha cinguettato. Lo ha fatto in incertam personam – «preghiamo per i malati che sono abbandonati e lasciati morire», senza nemmeno nominare il figlio di Dio che in quelle ore veniva finito sotto la nuova ghigliottina. 

 

A sacrificio avvenuto, qualche prefica si è battuta il petto, ad pompam, come si usa. E il cinguettatore ha di nuovo cantato, per la seconda volta, battendo un telegramma di condoglianze con nome e cognome. Tanto ormai, tutto era compiuto.

 

L’Europa va ridotta a una banlieue violenta, ad un caos totale senza più alcun punto di riferimento dove la vita umana – del feto, del bambino, del malato, dell’anziano, di chiunque – non vale più niente ed è consegnata all’arbitrio dei potenti affinché ne dispongano secondo i propri interessi

Nel frattempo il ventriloquo Paglia, plenipotenziario vaticano sui temi della vita e della famiglia, spiega con misericordia dal pulpito di Famiglia Cristiana che «nel dramma il conflitto non aiuta» e che «la Conferenza episcopale francese ha sottolineato di non avere la competenza per esprimersi sul caso specifico, evitando di sostituirsi alla coscienza di coloro cui spetta la decisione, ma fornendo piuttosto il proprio contributo per istruire il cammino che conduce al giudizio».

 

Essa «si è pertanto limitata ad alcune considerazioni generali, senza la pretesa di entrare nella valutazione del caso concreto, anche per l’impossibilità di disporre di tutta l’informazione necessaria. Il doloroso conflitto familiare circa l’ipotesi di sospendere alimentazione e idratazione artificiali, essendo precluso l’accesso alla volontà del paziente – elemento indispensabile per la valutazione della proporzionalità delle cure –, ha condotto a una situazione di stallo che dura ormai da anni».

 

Ricorda, il presidente della Pontificia Accademia per la vita (?) le parole del suo superiore, secondo cui «occorre evitare un indiscriminato prolungamento delle funzioni biologiche, perdendo di vista il bene integrale della persona (Discorso al Convegno sul suicidio assistito della Associazione medica mondiale, 16 novembre 2017)». E conclude dicendo che «davanti a queste drammatiche lacerazioni, si tratta di assumere anzitutto un atteggiamento di raccoglimento e di preghiera vicendevole, perché si possano trovare vie di comunicazione che favoriscano la riconciliazione più che la controversia, sul piano familiare e sociale». 

 

Non abbiamo commenti, né per i cinguettii, né per gli sproloqui di contorno. Non ci rimane che il disprezzo. Puro e semplice.

 

Nel giorno dedicato a San Benedetto, patrono dell’Europa, un suo figlio prediletto, sacrificato agli idoli della tecnoplutocrazia massonico-ecclesiastica, è accolto tra le braccia del Padre. Altri pagheranno per averlo ucciso o abbandonato.

 

Roberto Dal Bosco

Elisabetta Frezza

 

Continua a leggere

Bioetica

Stiamo già vivendo in una realtà transumanista?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’anno scorso un esperto di transumanesimo di Oxford ha pubblicato Future Superhuman: Our transhuman lives in a make-or-break century.

 

Elise Bohan, un’australiana, ha sostenuto che i «sacchi di carne dal cervello di scimmia» (ovvero gli esseri umani) devono essere aggiornati con la tecnologia per affrontare le sfide del 21° secolo.

 

Il suo libro ha offerto l’occasione per un interessante dibattito con Mary Harrington, editorialista di Unherd, un magazine online britannico.

 

Harrington è una scettica transumanista. Dice che viviamo già in una società transumanista in cui ci affidiamo alla tecnologia per soddisfare i bisogni primari. E l’esperienza è stata del tutto negativa.

 

«Questa era è iniziata a metà del ventesimo secolo, con un’innovazione biomedica che ha cambiato radicalmente ciò che significa essere un essere umano, nell’ordine sociale umano: la tecnologia riproduttiva».

 

«La pillola è stata la prima tecnologia transumanista: si proponeva di non correggere qualcosa che non andava nella “normale” fisiologia umana – nel senso migliorativo della medicina fino a quel momento – ma invece ha introdotto un paradigma completamente nuovo. Si proponeva di interrompere la normalità nell’interesse della libertà individuale».

 

«Quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato ha implicitamente accettato la convinzione che la piena personalità femminile adulta dipenda strutturalmente da tecnologie che interrompono la normale fertilità femminile. E secondo la definizione con cui ho aperto, ciò rende quasi ogni donna adulta nel mondo sviluppato una transumanista».

 

L’autrice osserva che la tecnologia, nonostante le sue promesse liberatorie, è una merce rara che è governata dal dominio del mercato:

 

«E laddove la tecnologia viene utilizzata per “liberarci” dal tipo di dati – come la normale fertilità femminile – che prima erano gestiti, pragmaticamente, da norme sociali o legali, ciò che la sostituisce non è una “persona” umana libera dalla “natura”, ma un mercato in cui quella ‘natura’ diventa un insieme di problemi di domanda e offerta»

 

«Siamo già nell’era transumanista. Ma la storia finora suggerisce che, lungi dal fornire utopia, ciò che offre principalmente è una mercificazione del corpo umano che avvantaggia in modo sproporzionato coloro che hanno già potere e privilegi».

 

Harrington sottolinea inoltre che il transumanesimo è incompatibile con l’umanesimo vecchia maniera. Se il transumanesimo dovesse prevalere, ci sarebbe una massiccia rivoluzione culturale ed etica:

 

«Non puoi avere il transumanesimo senza buttare via l’umanesimo. E se le persone sono solo “sacchi di carne dal cervello di scimmia” come descrive Elise, che hanno urgente bisogno di essere migliorate, quale possibile ragione potremmo avere per opporci a un mercato di organi umani? O all’infanticidio? O all’ingegnerizzare geneticamente le masse perché siano più docili? Tutti questi sono repellenti solo se messi contro un’antropologia umanista».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Aborto dei down, il 95% delle irlandesi interrompe la gravidanza se il bambino ha la sindrome

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

L’aborto è stato legalizzato in Irlanda solo nel 2018. Una delle conseguenze è che il Rotunda Hospital di Dublino, un importante ospedale per la maternità, riferisce che il 95% delle donne che credono che il loro bambino avrà la sindrome di Down abortisce. La cifra equivalente nel 2018 era del 50%.

 

Tecnicamente, questo è illegale secondo la legislazione attuale, quindi le madri devono andare all’estero. L’Irish Times riferisce che

 

«La Rotunda effettua attualmente circa 30-40 interruzioni all’anno che comportano un’anomalia fatale del feto. In altri 20-30 casi l’anomalia fetale non soddisfa i criteri previsti dalla legislazione e le donne coinvolte si recano all’estero per abortire».

 

Il medico responsabile, il professor Fergal Malone, cerca di essere «non direttivo».

 

«Il 95% che sceglie di viaggiare prende quella decisione da solo. Non sosteniamo assolutamente la risoluzione. La realtà è che la stragrande maggioranza sceglie di terminare. Non ho idea se sia la cosa giusta. Non lo sosteniamo, questa è solo l’esperienza vissuta».

 

Niall O’Dowd, il fratello del fondatore del media Irish Central, ha un figlio con sindrome di Down, Conor. È costernato dalla statistica.

 

«Ciò che è davvero scioccante, tuttavia, è che non vi è stata alcuna dichiarazione al riguardo da parte del governo irlandese, delle organizzazioni per i disabili in generale o del gruppo di sostegno Down Syndrome Ireland in particolare. Una nuova politica sociale, l’eliminazione dei bambini Down, sembra essere stata creata sotto i nostri occhi, tramite interviste, senza commenti, domande o interventi».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

I laureati in medicina e i loro giuramenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un’indagine sui giuramenti prestati da studenti di medicina negli Stati Uniti e in Canada nel 2014 e nel 2015 suggerisce che i medici stanno iniziando la loro carriera con nozioni vaghe, confuse e incoerenti di etica medica.

 

In un articolo su The New Bioethics, tre medici hanno analizzato i giuramenti di 150 di tutte le 153 scuole mediche statunitensi e canadesi e li hanno confrontati con i giuramenti prestati nel 2000.

 

La maggior parte (54,7%) di essi sono varianti dell’antico giuramento di Ippocrate, anche se un numero crescente (14,9%) chiede solo giuramenti scritti dagli stessi studenti.

 

Nel 1989 nessuna scuola di medicina chiedeva un giuramento scritto dagli studenti.

 

Ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti negli ultimi 15 anni:

 

  • I giuramenti a una divinità sono diminuiti dal 17,7% al 7,7%, ma i giuramenti a se stessi sono aumentati a oltre il 40%.

 

  • Resta invariato l’impegno al rispetto del diritto positivo (34,0% delle scuole) ma calano vertiginosamente le promesse di aderire alle «leggi dell’umanità», dal 39,7% al 16,7% delle scuole.

 

  • Gli impegni ad astenersi da comportamenti sessuali scorretti con i pazienti e le loro famiglie erano bassi nel 2000 e in realtà sono scesi al 2%.

 

  • I divieti di omicidio intenzionale sono diminuiti drasticamente e sono recitati solo nel 2% delle scuole, anche se la percentuale in cui gli studenti promettono di rispettare il valore della vita umana rimane invariata al 30,7%.

 

  • I divieti di aborto sono quasi inesistenti all’1,3%.

 

  • L’impegno a sottoporre la propria coscienza alle regole dei governi e delle istituzioni o la preferenza del paziente sono stati inclusi dal 24,7% delle scuole. Ma una percentuale altrettanto ampia si è impegnata a obbedire sempre alla propria coscienza (28,7%) ea praticare secondo giudizio il 35,3%.

 

Le incoerenze e le differenze nei giuramenti indicano maggiori divisioni e incertezze nella cultura occidentale, affermano gli autori.

 

«Forse non dovrebbe sorprendere che il discorso bioetico sia dominato da dibattiti controversi che ruotano essenzialmente attorno alla domanda: “Che cosa il medico pretende di fare e non fare per il suo paziente?” È abbastanza chiaro dal nostro studio che i giuramenti moderni non rispondono in modo coerente o coerente a questa domanda. Un quadro morale comune per la medicina rischia di scomparire».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Wellcome images via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari