La NASA trova l’acqua sulla Luna

 

 

L’Osservatorio stratosferico per l’astronomia a infrarossi (SOFIA) della NASA ha identificato molecole d’acqua nella regione soleggiata della Luna.

 

Lo ha annunciato la stessa agenzia spaziale americana durante una teleconferenza:  «Questa nuova scoperta contribuisce agli sforzi della NASA per conoscere la Luna a sostegno dell’esplorazione dello spazio profondo».

«Questa nuova scoperta contribuisce agli sforzi della NASA per conoscere la Luna a sostegno dell’esplorazione dello spazio profondo »

 

La straordinaria scoperta arriva appena in tempo, mentre si attende l’obiettivo della missione Artemis dell’amministrazione Trump di far atterrare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024.

 

L’intenzione di Artemis è imparare a vivere e lavorare a lungo sulla Luna, un’esplorazione a lungo termine per prepararsi a lanciare gli umani su Marte.

 

Come ha spiegato la teleconferenza, avere una fonte d’acqua è fondamentale per l’esplorazione dello spazio profondo, per l’ossigeno, il bere e il carburante.

La straordinaria scoperta arriva appena in tempo, mentre si attende l’obiettivo della missione Artemis dell’amministrazione Trump di far atterrare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024.

 

Da anni le ricerche conoscono l’acqua ghiacciata nei crateri ombreggiati della Luna. La nuova scoperta dell’osservatorio aereo di SOFIA, volando ad altitudini fino a 45.000 piedi e utilizzando la sua Faint Object Infrared Camera (FORCAST), ha identificato che l’acqua esiste nelle superfici illuminate dal sole della Luna nel cratere di Clavius ​​rilevando una lunghezza d’onda specifica di 6,1 micron , unico per le molecole d’acqua. Era la prima volta che SOFIA osservava la Luna.

 

Si dice che le fonti di queste molecole d’acqua identificate nella superficie illuminata dal sole della Luna siano venti solari o micrometeoriti che potrebbero trasferire l’acqua sulla Luna attraverso impatti ad alta temperatura.

 

«Questa scoperta sfida la nostra comprensione della superficie lunare e solleva interessanti domande sulle risorse rilevanti per l’esplorazione dello spazio profondo”» ha affermato Paul Hertz, direttore della divisione di astrofisica presso la sede della NASA.

L’intenzione di Artemis è imparare a vivere e lavorare a lungo sulla Luna, un’esplorazione a lungo termine per prepararsi a lanciare gli umani su Marte.

 

Casey Honniball, un borsista post-dottorato presso il Goddard Space Flight Center della NASA, autore principale della ricerca pubblicata il 26 ottobre su Nature Astronomy sostiene che, «senza un’atmosfera densa, l’acqua sulla superficie lunare illuminata dal sole dovrebbe essere persa nello spazio. Eppure in qualche modo lo stiamo vedendo- Qualcosa sta generando l’acqua e qualcosa deve intrappolarla lì». «

 

i sono molte domande a cui bisogna rispondere sul ghiaccio d’acqua che è stato identificato sulla Luna. Quanto è stabile? Sarà reintegrato o perso per sempre? Quanto costa? Come viene creata l’acqua? Come viene conservato? Per raccoglierlo e studiarlo dovremo scendere sulla superficie lunare. I voli di follow-up di SOFIA si aggiungeranno al lavoro delle future missioni lunari, come Volatiles Investigating Polar Exploration Rover (VIPER) della NASA, per creare le prime mappe delle risorse idriche della Luna per la futura esplorazione spaziale umana.