Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Il Reset attraverso la barbarie: il jihadismo ucronazista nel nostro futuro

Pubblicato

il

 

 

Una ventina di anni fa vidi ad una cena affollata il mio amico Bepi. Aveva la faccia gonfia, piena di ematomi. Lo avevo visto ad un altro incontro qualche sera prima, e non aveva niente: quelle che stavo vedendo erano quindi ferite fresche. Lui era fatto così: nonostante fosse ancora ferito, era uscito lo stesso, perché – buono come il pane – era uno a cui piaceva stare in compagnia, e usciva tutte le sere con la sua inseparabile morosa.

 

Infatti eccola lì: piena di lividi anche lei.

 

Cos’era successo? Bepi iniziò a raccontarmi. Con altri amici (diciamo che erano una mezza dozzina o più) si erano fermati nottetempo ad un baracchino sulla provinciale per mangiare il classico panino del nottambulo. Nessuno degli elementi del gruppo era tanto diverso da lui: gente pacifica, quelli di cui dici volentieri che «non farebbero male a una mosca». Non te li vedi che provocano o giudicano, o che si mettono in mostra. Ragazzi tranquilli privi di malizia, che mai nella mia vita avevo visto creare problemi.

 

Mentre aspettavano il panino, un tizio enorme si era avvicinato ad una ragazza del gruppo – conosco anche lei, non è appariscente, né in alcun modo scortese. Di lì non si è capito cosa sia successo (la fila? Una spinta? Un commento personale?), ma Bepi mi dice che il tipo gigantesco comincia a picchiarla. Alla fine, mi ha detto, alla ragazzina avrebbero detto che aveva un distacco della retina.

 

I maschi del gruppo, a quel punto sono scattati in difesa della ragazza. Da dietro le auto sono spuntati altri omoni massicci e hanno cominciato a picchiare senza preavviso, senza pietà tutti: maschi e femmine. Bepi mi disse di ricordare che parlavano in una lingua slava, e che avevano qualche tatuaggio sulle braccia. Erano tre, quattro, non si sa: ma fecero un macello. Alla fine, i poveri ragazzi italiani, tutti universitari, tutti ex compagni di liceo, tutti di splendide famiglie piccolo-borghesi per bene, erano stati sistemati per le feste. Sopraffatti. Feriti. Incapaci di rispondere minimamente alla velocità e alla ferocia con cui erano stati attaccati.

 

Finirono quindi la nottata con le forze dell’ordine. I quali, mi raccontò l’amico, potevano avere idea di chi potesse essere. Veterani della guerra di Bosnia. Violentissimi. Irrintracciabili. Incontenibili. Spavaldi, non avevano la minima paura di poliziotti o carabinieri italiani. Anzi, mi fece capire Toni, sembra quasi che siano le forze dell’ordine italiane ad avere paura di loro.

 

Quindi, un bel salto al Pronto Soccorso per tutti.

 

Cerco di ricordare questo episodio, di cui oggi non posso verificare nulla. Sono tuttavia abbastanza sicuro che non trovarono i responsabili. Così, quell’esplosione di violenza impunita sfuma nella memoria fino a diventare una storiella, un raccontino senza peso, senza conseguenze. Forse è così. È solo un piccolo incubo svanito, una fantasia letteraria.

 

Non era difficile credere a questo racconto una venti anni fa. Perché nella decade precedente era cominciata quella sequela infinita di «rapine in villa», per le quali i giornali locali e nazionali scomodavano il capolavoro di Kubrick Arancia meccanica. Forse non ricordate, ma il copione era sempre lo stesso: gruppo di personaggi con accento dell’Est entrava nelle case isolate e faceva razzia, presente la famiglia, che veniva legata, molestata, picchiata a sangue.

Si diceva che fosse un effetto collaterale della ritrovata «pace» nei Balcani: gli ex combattenti, tutti imbevuti degli orrori indicibili della guerra di decomposizione della ex-Yugoslavia, invece che tornare ad integrarsi nelle loro società prima si facevano un giretto in Italia, ad accumulare un po’, continuando l’assetto esistenziale del razziatore

 

Si diceva che fosse un effetto collaterale della ritrovata «pace» nei Balcani: gli ex combattenti, tutti imbevuti degli orrori indicibili della guerra di decomposizione della ex-Yugoslavia, invece che tornare ad integrarsi nelle loro società prima si facevano un giretto in Italia, ad accumulare un po’, continuando l’assetto esistenziale del razziatore, portando in una società «virginale» come quella della placida Italia degli anni Novanta la  violenza, di cui erano oramai maestri. Qualcosa che li rendeva, tra i teneri italiani, legibus soluti.

 

Il fenomeno, nel tempo, si ridimensionò fino a scomparire. La comunità balcanica immigrata si integrò in Italia stupendamente. Gli albanesi, per esempio: partito scontando pregiudizi e sospetti italiani, si riscattarono in modo esemplare. Dei serbi si può dire forse ancora meglio. Dei bosniaci, non sappiamo: del resto sappiamo che in Bosnia in quegli anni operava Bin Laden, e che pochi anni fa emerse come il Paese che in percentuale sulla popolazione totale esportava verso l’ISIS il maggior numero di foreign fighters è il Kosovo. Qui, dietro casa.

 

La guerra è una cosa orrenda. La guerra è una cosa orrenda perché talvolta resta dentro agli uomini. Soprattutto la guerra moderna: quella che non finisce davvero, quella che non risolve, non assegna veramente il ruolo dello sconfitto e del vincitore, perché tutto cade in una nebbiolina di eufemismo orwelliano. Non è guerra, è «intervento umanitario». Le bombe sono «intelligenti». I separatisti sono «terroristi», anzi lo sono gli irredentisti. Non è invasione e conquista, è «esportazione della democrazia». Non è massacro, è «regime-change», «nation-building», etc.

 

C’è stato un tempo quando i soldati, prima di tornare a Roma, dove li aspettavano feste ed onori, si fermavano giorni fuori dalla città. Per lavarsi: ed erano lavacri che andavano ben oltre la pulizia corporale. Essi sapevano che ciò che avevano visto e fatto, non doveva seguirli con loro nella società della pace. La violenza doveva essere espunta dal loro essere, strofinata via. Perché il senso di tutto questo era propria tenere la violenza lontana dalla propria comunità: questo è, alla fine, il significato della guerra.

 

Tutto ciò non avviene più. Non c’è una decompressione tra l’aberrazione sanguinaria del teatro della battaglia e la propria famiglia. Potete vedere chiaramente questo problema nel film di Clint Eastwood American Sniper, quando il protagonista, tornato in patria, non riesce ad andare subito dalla famiglia, nell’incomprensione totale della moglie. Qualcuno ha perfino proposto l’idea che la quantità di veterani finiti male dopo il Vietnam fosse dovuta proprio a questa mancanza rituale: nessuna parata li ha accolti quando sono tornati a casa, anzi: c’era un’ammasso di hippy drogati che voleva sputare loro addosso.

Così, molti uomini continuano a portare la guerra dentro di loro; anzi, desiderano che essa continui, e sono disposti a portarla dovunque essi vanno, perché il disastro pulsionale che li abita chiede di essere estrovertito. Il loro paesaggio interiore deve diventare lo scenario esteriore

 

Così, molti uomini continuano a portare la guerra dentro di loro; anzi, desiderano che essa continui, e sono disposti a portarla dovunque essi vanno, perché il disastro pulsionale che li abita chiede di essere estrovertito. Il loro paesaggio interiore deve diventare lo scenario esteriore.

 

Qualcuno sostiene che questo sia un grande fattore nel massacro, ora dimenticato, che sconvolse l’Algeria sempre negli anni Novanta. A perpetrare la catena giornaliera di eccidi di crudeltà parossistica erano, tra gli altri, gli afghansi, ossia quei guerrieri che da tutto il mondo islamico si erano recati in Afghanistan a combattere, finanziati dai sauditi e coordinati dalla CIA, i russi.

 

La cosiddetta Guerra Civile Algerina, fece probabilmente 150 mila morti. Come la guerra afghano-sovietica, anche quella algerina spanse il suo veleno. La vigilia di Natale 1994 un gruppo di terroristi del GIA (una delle sigle islamiste algerine) si impadronì di un volo commerciale dell’Air France, uccise tre passeggeri, e programmò di farlo schiantare sulla Tour Eiffel (ricorda qualcosa?), prima di essere eliminato da un blitz dei gendarmi francesi. Nel 1995, gli islamisti algerini misero bombe nei sistemi di traporto pubblico delle prime due città francesi, Parigi e Lione, uccidendo 8 persone e ferendone 190.

 

No, se non è fermata, la guerra nel cuore degli uomini non finisce: si trasforma, diventa ulteriore brama di sangue, diventa terrore, che è solo il richiamo purpureo di altra guerra.

 

Avrete capito dove voglio arrivare.

 

Se la guerra in Ucraina finirà, cosa succederà ai battaglioni neonazisti – quelli ora leccati dai telegiornali, quelli le cui lustrine runiche sono acquistabili su Amazon – che in questo momento stanno combattendo contro i russi?

 

È lecito pensare che alcuni di essi scapperanno qui in Italia, visto che il nostro è il Paese europeo con il maggior numero di persone della diaspora ucraina?

No, se non è fermata, la guerra nel cuore degli uomini non finisce: si trasforma, diventa terrore, che è solo il richiamo purpureo di altra guerra

 

Oppure, è lecito pensare che saremo visitati, come negli anni Novanta, da bande di ex militari tatuati, come i balcanici degli assalti in villa?

 

A differenza dei bosniaci, essi sono molto più determinati, abitati da una fede granitica, che è quella che mostrano con bandiere e fiaccolate, quella visibile in otto anni di guerra in Donbass.

 

Com’è stato possibile nazificare una parte così larga della gioventù ucraina?

 

Mi riesco a dare solo una spiegazione: mentre gli oligarchi si ingrassavano con i miliardi di aiuti internazionali (ricordiamolo: l’Ucraina, nel 1992, era partita con zero debito pubblico, ora deve al mondo 57 miliardi di dollari), la popolazione comune viveva schiacciata in una semipovertà forse peggiore di quella sovietica.

 

A quel punto, qualcuno ha pensato bene di dare qualcosa a cui le nuove generazioni potessero attaccarsi (invece che rivoltarsi contro l’oligarcato). Un’ideologia nazionalista totalizzante, fatta di odio e di richiami ancestrali – più, ovviamente il calcio, perché anche qui, come accadeva nei Balcani, in vari casi c’è continuità tra la curva ultras e gli squadroni più efferati.

Hanno radicalizzato la gioventù ucraina, non diversamente da come negli anni passati hanno fatto i wahabiti con la gioventù musulmana

 

In pratica, hanno radicalizzato la gioventù ucraina, non diversamente da come negli anni passati hanno fatto i wahabiti con la gioventù musulmana. Invece che rivoltarsi contro i miliardari del petrolio per reclamare la prosperità minima di una distribuzione della ricchezza, eccoteli a sognare la jihad globale, e seminare morte all’esterno del loro Paese.

 

Chiunque avesse interesse a nuocere alla Russia – o meglio: a separarla dall’Ucraina de-europeizzandola, come da manuale geopolitico americano – non poteva che godere della radicalizzazione ucraina. Qualche oligarca, lo sappiamo, ci ha messo qualche soldo. Tuttavia, sarebbe da capire se lo ha fatto anche qualche entità straniera.

 

Il jihadismo ucronazista, creato artificialmente per colpire la Russia, potrebbe infine colpire anche noi. La storia recente ce lo indica chiaramente.

 

E non sembra che qualcuno dei nostri governanti lo stia capendo: perché, anzi, stiamo mandando laggiù carichi di armi. Le quali non sono esattamente, come i sacchetti di plastica ora obbligatori al supermercato e i partiti politici, biodegradabili. Quelle armi che stiamo spedendo laggiù, secondo voi, a chi andranno? E cosa ne sarà nel dopoguerra, qualunque esso sia?

Quando la violenza non è fermata dal sacrificio, essa continua. Contamina, si espande, divampa

 

Un’idea ce la possiamo fare. Quando la violenza non è fermata dal sacrificio, essa continua. Contamina, si espande, divampa. Possiamo solo pregare che non arrivi anche qui, ma la mole che stiamo vedendo è tale che la prospettiva dell’Europa di non esserne colpita è altamente improbabile.

 

Forse è parte anche questo del piano: useranno il caos sanguinario per resettarci. Ci estenueranno, ci sfibreranno, tra sofferenza e instabilità (ucraina, africana, finanziaria, pandemica) fino a che non saremo noi a chiedere di rebootare tutto, accettando qualsiasi cosa. L’abdicazione ad ogni nostro diritto, la rinuncia alla proprietà, i razionamenti perenni, la sterilizzazione, la sottomissione biologica ed elettronica.

 

È il Reset attraverso la barbarie.

 

Ci siamo già dentro.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alimentazione

Allucinante video di Bill Gates sulla pannocchia: la bioingegneria del Grande Reset alimentare diventa cringe

Pubblicato

il

Da

Il magnate globale Bill Gates ha lanciato sul suo canale un allucinante video che parla di pannocchie.

 

Nel filmato il primo finanziatore dell’OMS appare con una maglietta con stampata sopra una pannocchia mentre parla con una voce distorta di bambina.

 

La musica mostra una serie di immagini montate rapidamente, come un videoclip, dove foto apparentemente ritoccate di Gates bambino si alternano a immagini di grano, campi e a scritte didascaliche sull’importanza del granturco.

 

Nel filmato il miliardario continua a cantare con la voci di bimba anche mentre addenta con avidità una gialla pannocchia.

 

Si tratta con certezza di una delle vette di quello che oggi si chiama cringe.

 

 

Il video è pensato sin dal titolo («It has the juice – and it’s at risk») per trasmettere l’idea che le coltivazioni di grano sono a rischio: di qui immagini catastrofiche di campi resi infertili, aiutano a capire le didascalie, dall’«impatto del cambiamento climatico».

 

Il filmato è stato postato nel canale YouTube ufficiale di Bill Gates, lo stesso che, come sa il lettore di Renovatio 21, aveva ospitato i suoi stranissimi e costosissimi spot all’ingegneria genetica CRISPR-CAS9, nei quali peraltro parlava proprio dei suoi investimenti per bioingegnerizzare l’agricoltura.

 

Come noto, Bill Gates nel 2020 è divenuto il primo proprietario terriero degli USA – curiosa coincidenza in un mondo dove il suo amico di Davos Klaus Schwab dice al resto dell’umanità «non avrai nulla e sarai felice».

 

Come l’immane investimento in latifondi si incastri con il resto dei suoi investimenti, dall’elettronica ai vaccini, lo spiegò in un articolo di due anni fa Robert F. Kennedy jr.

 

«Per un uomo ossessionato dal controllo monopolistico, l’occasione di dominare anche la produzione alimentare deve sembrare irresistibile» scrisse Kennedy.

 

«L’approccio tipico di Gates ai problemi globali pone la tecnologia e i suoi partner dell’industria chimica, farmaceutica e petrolifera al centro di ogni soluzione. La “strategia innovativa” di Gates per la produzione alimentare è stata quella di imporre il fallimentare sistema americano di agricoltura basata su OGM, prodotti chimici e combustibili fossili ai poveri agricoltori africani».

 

«Il numero di africani che soffrono di fame estrema è aumentato del 30 per cento nei 18 Paesi presi di mira da Gates. La povertà rurale si è metastatizzata in modo drammatico e il numero di persone che soffrono la fame in queste nazioni è salito a 131 milioni»

 

«Sotto il sistema di piantagioni di Gates, le popolazioni rurali africane sono diventate schiave sulla propria terra di una tirannica servitù di strumenti high-tech, meccanizzazione, orari rigidi, condizionalità gravose, crediti e sussidi che sono le caratteristiche distintive della “Rivoluzione Verde” di Bill Gates» accusa Kennedy jr.

 

«Gates ha imparato a ingrassare sulle crisi globali, che si tratti di pandemie, clima, carestia o estinzione di massa. Il cambiamento climatico ha fornito a Gates una scusa per creare monopoli su sementi, cibo e agricoltura (…)Nel costruire il suo impero agricolo, Gates si è ripetutamente dimostrato disposto a ignorare le voci di scienziati e agricoltori e di calpestare leggi, trattati, tradizioni, diritti civili, scienza e sensibilità».

 

«Gates rafforza la sua logica in materia di brevetti utilizzando la tecnologia CRISPR per modificare selettivamente il patrimonio genetico dei semi, apportando modifiche sufficienti per resistere alle sfide dei brevetti (…) Centralizzando le Banche dei Semi e manipolando le leggi sulla proprietà intellettuale, Gates ha lanciato una campagna di «colonialismo genetico» per depredare i contadini del mondo e gli agricoltori indigeni dei loro sudati semi e della loro conoscenza».

 

Queste considerazioni era condivise anche dall’analista geopolitico William F. Engdahl, il quale ha dettagliato in un articolo di due anni fa come la Fondazione Gates abbia operato una sorta di prova generale in Africa distruggendone di fatto l’economia alimentare.

 

Engdahl spiegò che la Gates Foundation è un azionista significativo di Monsanto, ora parte di Bayer. «La Fondazione Bill e Melinda Gates ha ereditato l’agenda dei Rockefeller dal complesso medico-industriale all’istruzione alla trasformazione dell’agricoltura».

 

L’agenda alimentare Rockefeller, è possibile leggere in un altro articolo pubblicato da Renovatio 21, è risalente…

 

«La globalizzazione della produzione alimentare mondiale e la creazione dell’agrobusiness, prima guidata dalla Fondazione Rockefeller e oggi con la Fondazione Gates che assume un ruolo più visibile, è forse il fattore più minaccioso per la salute e la mortalità mondiale, molto più di quanto qualsiasi coronavirus abbia dimostrato di esserlo» spiegava Engdahl, che dava dettagli su programmi disastrosi avvenuti in Africa i quali riguardavano esattamente il mais.

 

Come riportato da Renovatio 21, con ogni evidenza Gates sta preparando un Grande Reset alimentare.

 

«La Gates Foundation, alimentata da una “empia alleanza” tra il grande capitale, le istituzioni scientifiche e tecnologiche e gli stati, abbia stabilito un impero globale sulla vita» scrive un vecchio articolo di Children’s Health Defense.

 

Si tratta della diligente conseguenza di chi vuole il controllo – cifra principale della cibernetica – sull’umanità: si persegue il controllo dell’uomo per via biochimica tramite i canali di assunzione di sostanze dell’organismo, i medicinali (come i vaccini…) e financo gli alimenti.

 

Pensateci un secondo. Cerchiamo di ripetere il concetto.

 

Dopo aver ottenuto l’accesso al sistema sanitario mondiale – cioè a sostanze immesse nel corpo dell’umanità per via sottocutanea – Gates sta ottenendo il controllo sul sistema alimentare, cioè sulle sostanze immesse per via digerente.

 

C’è un salto di qualità: i farmaci si possono rifiutare, dei vaccini si può fare a meno. Del cibo no.

 

È il dominio biochimico sulla vita che si sta realizzando, giorno dopo giorno, sotto i nostri occhi.

 

Anche a suon di video talmente cringe da farceli sanguinare.

 

 

 

 

Continua a leggere

Oligarcato

Il filosofo WEF Harari parla del futuro dell’oligarchia mondiale

Pubblicato

il

Da

Yuval Noah Harari, membro del World Economic Forum (WEF) e principale consulente del suo fondatore Klaus Schwab, ha parlato lo scorso venerdì al Warwick Economics Summit del 2022 fornendo informazioni sulla mentalità dell’élite globale venerdì durante un vertice economico.

 

Harari, intervistato dal giornalista Bill Weir della CNN, ha iniziato il suo discorso lanciando il classico allarme sul cambiamento climatico, che dovrebbe essere combattuto dai politici con finanziamenti simili a quelli che si assegnano agli eserciti in tempo di guerra.

 

Lo Harari sostiene che le Nazioni del pianeta dovrebbero dare il 2% del loro PIL per prevenire un «catastrofico» evento climatico.

 

Durante il vertice, il filosofo omosessuale israeliano ha promosso l’idea che la gente non ha bisogno di viaggiare in isole lontane in vacanza per essere felice e che non ha bisogno di spendere soldi in prodotti di bellezza che danneggiano l’ambiente per sentirsi belli.

 

Il pensatore WEF ha quindi affermato che le Nazioni più potenti e ricche del mondo sono le principali responsabili della presunta crisi climatica, non riuscendo ad affrontare l’inquinamento creato da molti dei paesi più poveri del Pianeta e dai cittadini ricchi.

 

 

Per quanto riguarda l’America, Harari ha affermato che gli Stati Uniti hanno già rinunciato al loro posto di leader globale, aggiungendo che «nessuno si sta davvero facendo avanti per riempire quel vuoto».

 

L’idea che pare emergere è quella di un governo mondiale che non consideri gli Stati-nazione.

 

«Non abbiamo davvero bisogno di un solo Paese per essere il leader. Idealmente, molti Paesi, molte organizzazioni a livello di base dovrebbero contribuire ciascuno con le proprie idee, la propria motivazione verso un progetto comune», ha affermato Harari, dipingendo di fatto la necessità di oligarchia globale che superi le nazioni.

 

Harari ha continuato parlando di un possibile futuro dove l’energia e le risorse tecnologiche per vivere sono appannaggio solo di una élite.

 

«C’è un pericolo molto grande che con il cambiamento climatico, quando le persone parlano di come sarà il nostro futuro, non ci siamo più “noi”. Non esiste il “nostro futuro”. L’umanità potrebbe dividersi in una maggioranza – forse – di persone che soffrirebbero tremendamente e una minoranza che avrà le risorse, la ricchezza [e] la tecnologia per proteggersi e persino fiorire in una sorta di arca di Noè tecnologica», aggiungendo che  «ciò è estremamente pericoloso».

 

Nei suoi interventi, Harari si è scagliato contro «l’ascesa dei populisti e dei partiti ultranazionalisti in diverse parti del mondo» che sarebbe dovuta a politici che spaventano gli elettori con «fantasie che in un paio di decenni saranno sostituiti da immigrati e stranieri».

 

Harari di fatto non crede che stia avvenendo alcuna trasformazione mondiale tramite l’immigrazione massiva.

 

Parlando del timore per il cambiamento indotto dalle migrazioni di massa, ha dichiarato: «anche se questo probabilmente non è vero, e anche se sono passati quaranta o cinquant’anni e anche se si basa su dati demografici complicati, è abbastanza potente da catapultare al potere tutti i tipi di ultranazionalisti e populisti», ha spiegato.

 

Uno spettatore dell’evento ha chiesto ad Harari cosa possono fare i globalisti contro autocrati come Xi Jinping in Cina che potrebbero non essere d’accordo con il movimento verde di sinistra. Rispondendo, il consulente del WEF – organizzazione che varie volte ha ospitato Xi, vedendo in lui un salvatore nell’anno dell’elezione di Trump – ha suggerito abbastanza comicamente che i cittadini hanno ancora la capacità di creare cambiamenti anche in nazioni come la Cina.

 

Continua a leggere

Economia

L’Armageddon energetico europeo viene da Berlino e Bruxelles, non da Mosca

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il 22 agosto il prezzo di mercato in borsa del gas naturale nell’hub del gas tedesco THE (Trading Hub Europe) era scambiato oltre il 1000% in più rispetto a un anno fa. Alla maggior parte dei cittadini viene detto dal regime di Scholz che il motivo è la guerra di Putin e della Russia in Ucraina. La verità è del tutto diversa. I politici dell’UE e i principali interessi finanziari stanno usando la Russia per coprire quella che è una crisi energetica Made in Germany e Bruxelles. Le conseguenze non sono casuali.

 

 

Non è perché politici come Scholz o il ministro tedesco dell’Economia verde Robert Habeck, né il vicepresidente della Commissione europea per l’energia verde Frans Timmermans siano stupidi o all’oscuro. Corrotti e disonesti, forse sì. Sanno esattamente cosa stanno facendo. Stanno leggendo un copione.

 

Fa tutto parte del piano dell’UE per deindustrializzare una delle concentrazioni industriali più efficienti dal punto di vista energetico del pianeta.

 

Questa è la Green Agenda 2030 delle Nazioni Unite, altrimenti nota come Great Reset di Klaus Schwab.

 

 

Mercato del gas dell’UE deregolamentato

Ciò che la Commissione Europea e i ministri del governo in Germania e in tutta l’UE nascondono con cura è la trasformazione che hanno creato nel modo in cui il prezzo del gas naturale viene determinato oggi.

 

Per quasi due decenni la Commissione UE, appoggiata dalle megabanche come JP MorganChase o dai grandi hedge fund speculativi, ha iniziato a gettare le basi per quella che oggi è una completa deregolamentazione del mercato del gas naturale.

 

È stata promossa come la «liberalizzazione» del mercato del gas naturale dell’Unione Europea. Ciò che ora consente è che il trading sul mercato libero in tempo reale non regolamentato fissi i prezzi piuttosto che i contratti a lungo termine.

 

A partire dal 2010 circa, l’UE ha iniziato a spingere un cambiamento radicale nelle regole per la determinazione dei prezzi del gas naturale. Prima di quel momento la maggior parte dei prezzi del gas era fissata in contratti fissi a lungo termine per la consegna via gasdotto.

 

Il più grande fornitore, la russa Gazprom, ha fornito gas all’UE, soprattutto alla Germania, in contratti a lungo termine ancorati al prezzo del petrolio.

 

Fino agli ultimi anni quasi nessun gas veniva importato tramite navi GNL. Con una modifica delle leggi statunitensi per consentire l’esportazione di GNL dall’enorme produzione di gas di scisto nel 2016, i produttori di gas statunitensi hanno iniziato un’importante espansione della costruzione di terminali di esportazione di GNL.

 

La costruzione dei terminal richiede in media dai 3 ai 5 anni. Allo stesso tempo Polonia, Olanda e altri Paesi dell’UE hanno iniziato a costruire terminali di importazione di GNL per ricevere il GNL dall’estero.

 

I giganti petroliferi angloamericani, allora chiamati le Sette sorellem emersi dalla seconda guerra mondiale come fornitore leader mondiale di petrolio, crearono un monopolio globale del prezzo del petrolio.

 

Come notò Henry Kissinger durante gli shock petroliferi degli anni ’70, «Controlla il petrolio e controlli intere nazioni».

 

Dagli anni ’80 le banche di Wall Street, guidate da Goldman Sachs, hanno creato un nuovo mercato nel «petrolio di carta», o futures e negoziazione di derivati ​​di futuri barili di petrolio. Ciò ha creato un enorme casinò di profitti speculativi che era controllato da una manciata di banche giganti a New York e nella City di Londra.

 

Quegli stessi potenti interessi finanziari hanno lavorato per anni per creare un simile mercato globalizzato del «gas di carta» in futures che potevano controllare.

 

La Commissione Europea e il loro programma del Green Deal per «decarbonizzare» l’economia entro il 2050, eliminando petrolio, gas e combustibili da carbone, hanno fornito la trappola ideale che ha portato al picco esplosivo dei prezzi del gas nell’UE dal 2021.

 

Per creare quel «singolo» controllo del mercato, l’UE è stata sollecitata dagli interessi globalisti per imporre modifiche alle regole draconiane e di fatto illegali a Gazprom per costringere il proprietario russo di varie reti di gasdotti di distribuzione nell’UE ad aprirle al gas concorrente.

 

Le grandi banche e gli interessi energetici che controllano la politica dell’UE a Bruxelles avevano creato un nuovo sistema di prezzi indipendente parallelo ai prezzi stabili a lungo termine del gasdotto russo che non controllavano.

 

Entro il 2019 la serie di direttive burocratiche sull’energia della Commissione europea di Bruxelles ha consentito al mercato del gas completamente deregolamentato di fissare di fatto i prezzi del gas naturale nell’UE, nonostante la Russia fosse ancora di gran lunga la principale fonte di importazione di gas.

 

Una serie di «hub» commerciali virtuali è stata istituita per negoziare contratti future sul gas in diversi Paesi dell’UE. Entro il 2020 il TTF (Title Transfer Facility) olandese era divenuto il centro commerciale dominante per il gas dell’UE, il cosiddetto benchmark del gas dell’UE.

 

In particolare, TTF è una piattaforma virtuale di scambi di contratti di gas a termine tra gli scambi tra banche e altri investitori finanziari, «da banco». Ciò significa che di fatto non è regolamentato, al di fuori di qualsiasi borsa regolamentata. Questo è fondamentale per comprendere il gioco in corso nell’UE oggi.

 

Nel 2021 solo il 20% di tutte le importazioni di gas naturale nell’UE erano gas GNL, i cui prezzi erano in gran parte determinati da operazioni a termine nell’hub TTF, il benchmark di fatto del gas dell’UE, di proprietà del governo olandese, lo stesso governo che distruggeva le sue fattorie per un’affermazione fraudolenta sull’inquinamento da azoto.

 

La quota maggiore di importazione di gas europeo proveniva dalla Gazprom russa, che forniva oltre il 40% delle importazioni dell’UE nel 2021. Quel gas avveniva tramite contratti di gasdotti a lungo termine il cui prezzo era di gran lunga inferiore al prezzo di speculazione TTF di oggi.

 

Nel 2021 gli Stati dell’UE hanno pagato una sanzione stimata per un costo di circa 30 miliardi di dollari in più per il gas naturale nel 2021 rispetto a quanto se fossero rimasti con i prezzi di indicizzazione del petrolio di Gazprom. Le banche lo adoravano. L’industria statunitense e consumatori no.

 

Solo distruggendo il mercato russo del gas nell’UE gli interessi finanziari e i sostenitori del Green Deal potrebbero creare il loro controllo sul mercato del GNL.

 

 

Chiusura del gasdotto dell’UE

Con il pieno sostegno dell’UE per il nuovo mercato all’ingrosso del gas, Bruxelles, la Germania e la NATO hanno iniziato sistematicamente a chiudere all’UE gasdotti stabili e a lungo termine.

 

Dopo aver rotto i legami diplomatici con il Marocco nell’agosto 2021 sui territori contesi, l’Algeria ha annunciato che il gasdotto Maghreb-Europe (MGE), lanciato nel 1996, avrebbe cessato l’attività il 31 ottobre 2021, alla scadenza del relativo accordo.

 

Nel settembre 2021 Gazprom ha completato il suo gasdotto sottomarino Nord Stream 2 multimiliardario dalla Russia attraverso il Mar Baltico fino alla Germania settentrionale. Raddoppierebbe la capacità del Nord Stream 1 a 110 miliardi di metri cubi all’anno, consentendo a Gazprom di essere indipendente dalle interferenze con le consegne di gas attraverso il gasdotto Soyuz che attraversa l’Ucraina.

 

La Commissione UE, sostenuta dall’amministrazione Biden, ha bloccato l’apertura del gasdotto con sabotaggi burocratici e, infine, il 22 febbraio il cancelliere tedesco Scholz ha sanzionato il gasdotto per il riconoscimento russo della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Lugansk.

 

Con la crescente crisi del gas da allora, il governo tedesco ha rifiutato di aprire il Nord Stream 2 nonostante sia finito.

 

Quindi, il 12 maggio 2022, sebbene le consegne di Gazprom al gasdotto Soyuz attraverso l’Ucraina siano state ininterrotte per quasi tre mesi di conflitto, nonostante le operazioni militari russe in Ucraina, il regime Zelens’kyj controllato dalla NATO a Kiev ha chiuso un importante gasdotto russo attraverso Lugansk, che da cui si abbuffavano di gas russo sia la sua Ucraina che gli stati dell’UE, dichiarando che sarebbe rimasto chiuso fino a quando Kiev non avrà il pieno controllo del suo sistema di gasdotti che attraversa le due repubbliche del Donbass.

 

Quella sezione del gasdotto Ucraina Soyuz ha tagliato un terzo del gas attraverso Soyuz all’UE.

 

Certamente non ha aiutato l’economia dell’UE in un momento in cui Kiev chiedeva più armi da quegli stessi paesi della NATO. Soyuz ha aperto nel 1980 sotto l’Unione Sovietica portando gas dal giacimento di Orenburg.

 

Poi è arrivato il gasdotto Jamal Russian attraverso la Bielorussia e attraverso la Polonia fino alla Germania.

Nel dicembre 2021, due mesi prima del conflitto in Ucraina, il governo polacco ha chiuso la parte polacca del gasdotto tagliando la fornitura di gas Gazprom a prezzi bassi alla Germania e alla Polonia.

 

Invece, le compagnie del gas polacche hanno acquistato gas russo nello stoccaggio delle compagnie del gas tedesche, attraverso la sezione polacco-tedesca del gasdotto Jamal a un prezzo più alto in un flusso inverso.

 

Le compagnie tedesche del gas hanno ottenuto il loro gas russo tramite un contratto a lungo termine a un prezzo contrattuale molto basso e lo hanno rivenduto alla Polonia con un enorme profitto.

 

Questa follia è stata deliberatamente minimizzata dal ministro dell’Economia verde Habeck e dal cancelliere Scholz e dai media tedeschi, anche se ha costretto i prezzi del gas tedesco ancora più alti e ha peggiorato la crisi del gas tedesco.

 

Il governo polacco ha rifiutato di rinnovare il contratto del gas con la Russia e invece acquista gas sul mercato libero a prezzi notevolmente più elevati. Di conseguenza non scorre più gas russo verso la Germania attraverso Jamal.

 

Infine, la fornitura di gas tramite il gasdotto sottomarino Nord Stream 1 è stata interrotta a causa della necessaria riparazione di una turbina a gas prodotta da Siemens. La turbina è stata inviata a una struttura speciale della Siemens in Canada, dove il regime anti-russo di Trudeau l’ha trattenuta per mesi prima di rilasciarla finalmente su richiesta del governo tedesco.

 

Eppure hanno deliberatamente rifiutato di consegnarlo al suo proprietario russo, ma invece a Siemens Germania, dove si trova, poiché i governi tedesco e canadese si rifiutano di concedere un’esenzione dalle sanzioni legalmente vincolanti per il trasferimento in Russia.

 

In questo modo anche il gas Gazprom attraverso il Nord Stream 1 viene drasticamente ridotto al 20% del normale.

 

A gennaio 2020 Gazprom ha iniziato a inviare gas dal suo gasdotto TurkStream attraverso la Turchia e poi in Bulgaria e Ungheria.

 

Nel marzo 2022 la Bulgaria ha interrotto unilateralmente, con il sostegno della NATO, le sue forniture di gas da TurkStream.

 

L’ungherese Viktor Orban, al contrario, si è assicurato la continuazione con la Russia del gas TurkStream. Di conseguenza oggi l’Ungheria non ha crisi energetiche e importa gas dall’oleodotto russo a prezzi fissi molto bassi.

 

Sanzionando o chiudendo sistematicamente le consegne di gas da gasdotti a lungo termine ea basso costo verso l’UE, gli speculatori di gas tramite il TTP olandese sono stati in grado di sfruttare ogni singhiozzo o shock energetico nel mondo, sia che si tratti di una siccità record in Cina o del conflitto in Ucraina , alle restrizioni all’esportazione negli Stati Uniti, a fare offerte ai prezzi del gas all’ingrosso dell’UE attraverso tutti i limiti.

 

A metà agosto il prezzo dei future al TTP era superiore del 1.000% rispetto a un anno fa e aumentava quotidianamente.

 

 

La follia tedesca del prezzo più alto

Il sabotaggio deliberato dei prezzi dell’energia e dell’elettricità diventa ancora più assurdo.

 

Il 28 agosto, il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner, unico membro del gabinetto del Partito liberale (FDP), ha rivelato che, nei termini poco chiari delle complesse misure di riforma del mercato elettrico dell’UE, i produttori di elettricità da solare o eolico ricevono automaticamente lo stesso prezzo per la loro elettricità «rinnovabile» chevendono alle società elettriche per la rete al costo più alto, ovvero quello del gas naturale!

 

Lindner ha chiesto una modifica «urgente» alla legge tedesca sull’energia per disaccoppiare i diversi mercati. Il fanatico ministro dell’Economia verde Robert Habeck ha subito risposto che «stiamo lavorando sodo per trovare un nuovo modello di mercato», ma avvertendo che il governo deve essere attento a non intervenire troppo: «Servono mercati funzionanti e, allo stesso tempo, dobbiamo stabilire le regole giuste per non abusare delle posizioni nel mercato».

 

Habeck infatti sta facendo tutto il possibile per costruire l’Agenda Verde ed eliminare gas, petrolio e nucleare, le uniche fonti energetiche al momento affidabili. Si rifiuta di prendere in considerazione la riapertura di tre centrali nucleari chiuse un anno fa o di riconsiderare la chiusura delle restanti tre a dicembre.

 

Pur dichiarando in un’intervista a Bloomberg che «non affronterò questa domanda ideologicamente», nel respiro successivo ha dichiarato: «l’energia nucleare non è la soluzione, è il problema».

 

Habeck e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno ripetutamente dichiarato che maggiori investimenti nell’eolico e nel solare inaffidabili sono la risposta a una crisi del prezzo del gas che le loro politiche hanno deliberatamente creato.

 

Sotto ogni aspetto la crisi energetica suicida in corso in Europa è stata «Made in Germany», non in Russia.

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

 

 

Continua a leggere

Più popolari