Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Il Reset attraverso la barbarie: il jihadismo ucronazista nel nostro futuro

Pubblicato

il

 

 

Una ventina di anni fa vidi ad una cena affollata il mio amico Bepi. Aveva la faccia gonfia, piena di ematomi. Lo avevo visto ad un altro incontro qualche sera prima, e non aveva niente: quelle che stavo vedendo erano quindi ferite fresche. Lui era fatto così: nonostante fosse ancora ferito, era uscito lo stesso, perché – buono come il pane – era uno a cui piaceva stare in compagnia, e usciva tutte le sere con la sua inseparabile morosa.

 

Infatti eccola lì: piena di lividi anche lei.

 

Cos’era successo? Bepi iniziò a raccontarmi. Con altri amici (diciamo che erano una mezza dozzina o più) si erano fermati nottetempo ad un baracchino sulla provinciale per mangiare il classico panino del nottambulo. Nessuno degli elementi del gruppo era tanto diverso da lui: gente pacifica, quelli di cui dici volentieri che «non farebbero male a una mosca». Non te li vedi che provocano o giudicano, o che si mettono in mostra. Ragazzi tranquilli privi di malizia, che mai nella mia vita avevo visto creare problemi.

 

Mentre aspettavano il panino, un tizio enorme si era avvicinato ad una ragazza del gruppo – conosco anche lei, non è appariscente, né in alcun modo scortese. Di lì non si è capito cosa sia successo (la fila? Una spinta? Un commento personale?), ma Bepi mi dice che il tipo gigantesco comincia a picchiarla. Alla fine, mi ha detto, alla ragazzina avrebbero detto che aveva un distacco della retina.

 

I maschi del gruppo, a quel punto sono scattati in difesa della ragazza. Da dietro le auto sono spuntati altri omoni massicci e hanno cominciato a picchiare senza preavviso, senza pietà tutti: maschi e femmine. Bepi mi disse di ricordare che parlavano in una lingua slava, e che avevano qualche tatuaggio sulle braccia. Erano tre, quattro, non si sa: ma fecero un macello. Alla fine, i poveri ragazzi italiani, tutti universitari, tutti ex compagni di liceo, tutti di splendide famiglie piccolo-borghesi per bene, erano stati sistemati per le feste. Sopraffatti. Feriti. Incapaci di rispondere minimamente alla velocità e alla ferocia con cui erano stati attaccati.

 

Finirono quindi la nottata con le forze dell’ordine. I quali, mi raccontò l’amico, potevano avere idea di chi potesse essere. Veterani della guerra di Bosnia. Violentissimi. Irrintracciabili. Incontenibili. Spavaldi, non avevano la minima paura di poliziotti o carabinieri italiani. Anzi, mi fece capire Toni, sembra quasi che siano le forze dell’ordine italiane ad avere paura di loro.

 

Quindi, un bel salto al Pronto Soccorso per tutti.

 

Cerco di ricordare questo episodio, di cui oggi non posso verificare nulla. Sono tuttavia abbastanza sicuro che non trovarono i responsabili. Così, quell’esplosione di violenza impunita sfuma nella memoria fino a diventare una storiella, un raccontino senza peso, senza conseguenze. Forse è così. È solo un piccolo incubo svanito, una fantasia letteraria.

 

Non era difficile credere a questo racconto una venti anni fa. Perché nella decade precedente era cominciata quella sequela infinita di «rapine in villa», per le quali i giornali locali e nazionali scomodavano il capolavoro di Kubrick Arancia meccanica. Forse non ricordate, ma il copione era sempre lo stesso: gruppo di personaggi con accento dell’Est entrava nelle case isolate e faceva razzia, presente la famiglia, che veniva legata, molestata, picchiata a sangue.

Si diceva che fosse un effetto collaterale della ritrovata «pace» nei Balcani: gli ex combattenti, tutti imbevuti degli orrori indicibili della guerra di decomposizione della ex-Yugoslavia, invece che tornare ad integrarsi nelle loro società prima si facevano un giretto in Italia, ad accumulare un po’, continuando l’assetto esistenziale del razziatore

 

Si diceva che fosse un effetto collaterale della ritrovata «pace» nei Balcani: gli ex combattenti, tutti imbevuti degli orrori indicibili della guerra di decomposizione della ex-Yugoslavia, invece che tornare ad integrarsi nelle loro società prima si facevano un giretto in Italia, ad accumulare un po’, continuando l’assetto esistenziale del razziatore, portando in una società «virginale» come quella della placida Italia degli anni Novanta la  violenza, di cui erano oramai maestri. Qualcosa che li rendeva, tra i teneri italiani, legibus soluti.

 

Il fenomeno, nel tempo, si ridimensionò fino a scomparire. La comunità balcanica immigrata si integrò in Italia stupendamente. Gli albanesi, per esempio: partito scontando pregiudizi e sospetti italiani, si riscattarono in modo esemplare. Dei serbi si può dire forse ancora meglio. Dei bosniaci, non sappiamo: del resto sappiamo che in Bosnia in quegli anni operava Bin Laden, e che pochi anni fa emerse come il Paese che in percentuale sulla popolazione totale esportava verso l’ISIS il maggior numero di foreign fighters è il Kosovo. Qui, dietro casa.

 

La guerra è una cosa orrenda. La guerra è una cosa orrenda perché talvolta resta dentro agli uomini. Soprattutto la guerra moderna: quella che non finisce davvero, quella che non risolve, non assegna veramente il ruolo dello sconfitto e del vincitore, perché tutto cade in una nebbiolina di eufemismo orwelliano. Non è guerra, è «intervento umanitario». Le bombe sono «intelligenti». I separatisti sono «terroristi», anzi lo sono gli irredentisti. Non è invasione e conquista, è «esportazione della democrazia». Non è massacro, è «regime-change», «nation-building», etc.

 

C’è stato un tempo quando i soldati, prima di tornare a Roma, dove li aspettavano feste ed onori, si fermavano giorni fuori dalla città. Per lavarsi: ed erano lavacri che andavano ben oltre la pulizia corporale. Essi sapevano che ciò che avevano visto e fatto, non doveva seguirli con loro nella società della pace. La violenza doveva essere espunta dal loro essere, strofinata via. Perché il senso di tutto questo era propria tenere la violenza lontana dalla propria comunità: questo è, alla fine, il significato della guerra.

 

Tutto ciò non avviene più. Non c’è una decompressione tra l’aberrazione sanguinaria del teatro della battaglia e la propria famiglia. Potete vedere chiaramente questo problema nel film di Clint Eastwood American Sniper, quando il protagonista, tornato in patria, non riesce ad andare subito dalla famiglia, nell’incomprensione totale della moglie. Qualcuno ha perfino proposto l’idea che la quantità di veterani finiti male dopo il Vietnam fosse dovuta proprio a questa mancanza rituale: nessuna parata li ha accolti quando sono tornati a casa, anzi: c’era un’ammasso di hippy drogati che voleva sputare loro addosso.

Così, molti uomini continuano a portare la guerra dentro di loro; anzi, desiderano che essa continui, e sono disposti a portarla dovunque essi vanno, perché il disastro pulsionale che li abita chiede di essere estrovertito. Il loro paesaggio interiore deve diventare lo scenario esteriore

 

Così, molti uomini continuano a portare la guerra dentro di loro; anzi, desiderano che essa continui, e sono disposti a portarla dovunque essi vanno, perché il disastro pulsionale che li abita chiede di essere estrovertito. Il loro paesaggio interiore deve diventare lo scenario esteriore.

 

Qualcuno sostiene che questo sia un grande fattore nel massacro, ora dimenticato, che sconvolse l’Algeria sempre negli anni Novanta. A perpetrare la catena giornaliera di eccidi di crudeltà parossistica erano, tra gli altri, gli afghansi, ossia quei guerrieri che da tutto il mondo islamico si erano recati in Afghanistan a combattere, finanziati dai sauditi e coordinati dalla CIA, i russi.

 

La cosiddetta Guerra Civile Algerina, fece probabilmente 150 mila morti. Come la guerra afghano-sovietica, anche quella algerina spanse il suo veleno. La vigilia di Natale 1994 un gruppo di terroristi del GIA (una delle sigle islamiste algerine) si impadronì di un volo commerciale dell’Air France, uccise tre passeggeri, e programmò di farlo schiantare sulla Tour Eiffel (ricorda qualcosa?), prima di essere eliminato da un blitz dei gendarmi francesi. Nel 1995, gli islamisti algerini misero bombe nei sistemi di traporto pubblico delle prime due città francesi, Parigi e Lione, uccidendo 8 persone e ferendone 190.

 

No, se non è fermata, la guerra nel cuore degli uomini non finisce: si trasforma, diventa ulteriore brama di sangue, diventa terrore, che è solo il richiamo purpureo di altra guerra.

 

Avrete capito dove voglio arrivare.

 

Se la guerra in Ucraina finirà, cosa succederà ai battaglioni neonazisti – quelli ora leccati dai telegiornali, quelli le cui lustrine runiche sono acquistabili su Amazon – che in questo momento stanno combattendo contro i russi?

 

È lecito pensare che alcuni di essi scapperanno qui in Italia, visto che il nostro è il Paese europeo con il maggior numero di persone della diaspora ucraina?

No, se non è fermata, la guerra nel cuore degli uomini non finisce: si trasforma, diventa terrore, che è solo il richiamo purpureo di altra guerra

 

Oppure, è lecito pensare che saremo visitati, come negli anni Novanta, da bande di ex militari tatuati, come i balcanici degli assalti in villa?

 

A differenza dei bosniaci, essi sono molto più determinati, abitati da una fede granitica, che è quella che mostrano con bandiere e fiaccolate, quella visibile in otto anni di guerra in Donbass.

 

Com’è stato possibile nazificare una parte così larga della gioventù ucraina?

 

Mi riesco a dare solo una spiegazione: mentre gli oligarchi si ingrassavano con i miliardi di aiuti internazionali (ricordiamolo: l’Ucraina, nel 1992, era partita con zero debito pubblico, ora deve al mondo 57 miliardi di dollari), la popolazione comune viveva schiacciata in una semipovertà forse peggiore di quella sovietica.

 

A quel punto, qualcuno ha pensato bene di dare qualcosa a cui le nuove generazioni potessero attaccarsi (invece che rivoltarsi contro l’oligarcato). Un’ideologia nazionalista totalizzante, fatta di odio e di richiami ancestrali – più, ovviamente il calcio, perché anche qui, come accadeva nei Balcani, in vari casi c’è continuità tra la curva ultras e gli squadroni più efferati.

Hanno radicalizzato la gioventù ucraina, non diversamente da come negli anni passati hanno fatto i wahabiti con la gioventù musulmana

 

In pratica, hanno radicalizzato la gioventù ucraina, non diversamente da come negli anni passati hanno fatto i wahabiti con la gioventù musulmana. Invece che rivoltarsi contro i miliardari del petrolio per reclamare la prosperità minima di una distribuzione della ricchezza, eccoteli a sognare la jihad globale, e seminare morte all’esterno del loro Paese.

 

Chiunque avesse interesse a nuocere alla Russia – o meglio: a separarla dall’Ucraina de-europeizzandola, come da manuale geopolitico americano – non poteva che godere della radicalizzazione ucraina. Qualche oligarca, lo sappiamo, ci ha messo qualche soldo. Tuttavia, sarebbe da capire se lo ha fatto anche qualche entità straniera.

 

Il jihadismo ucronazista, creato artificialmente per colpire la Russia, potrebbe infine colpire anche noi. La storia recente ce lo indica chiaramente.

 

E non sembra che qualcuno dei nostri governanti lo stia capendo: perché, anzi, stiamo mandando laggiù carichi di armi. Le quali non sono esattamente, come i sacchetti di plastica ora obbligatori al supermercato e i partiti politici, biodegradabili. Quelle armi che stiamo spedendo laggiù, secondo voi, a chi andranno? E cosa ne sarà nel dopoguerra, qualunque esso sia?

Quando la violenza non è fermata dal sacrificio, essa continua. Contamina, si espande, divampa

 

Un’idea ce la possiamo fare. Quando la violenza non è fermata dal sacrificio, essa continua. Contamina, si espande, divampa. Possiamo solo pregare che non arrivi anche qui, ma la mole che stiamo vedendo è tale che la prospettiva dell’Europa di non esserne colpita è altamente improbabile.

 

Forse è parte anche questo del piano: useranno il caos sanguinario per resettarci. Ci estenueranno, ci sfibreranno, tra sofferenza e instabilità (ucraina, africana, finanziaria, pandemica) fino a che non saremo noi a chiedere di rebootare tutto, accettando qualsiasi cosa. L’abdicazione ad ogni nostro diritto, la rinuncia alla proprietà, i razionamenti perenni, la sterilizzazione, la sottomissione biologica ed elettronica.

 

È il Reset attraverso la barbarie.

 

Ci siamo già dentro.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oligarcato

Vaccini mRNA: Bill Gates, dopo averci guadagnato, contesta la loro efficacia

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha sollevato alcune sopracciglia in un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi con gli attuali vaccini COVID-19».

 

 

Bill Gates, a lungo riconosciuto come uno dei principali sostenitori mondiali dei vaccini, ha insospettito alcuni durante un recente discorso in Australia quando ha ammesso che ci sono «problemi» con gli attuali vaccini COVID-19.

 

Parlando al Lowy Institute australiano nell’ambito di un discorso intitolato «Prepararsi alle sfide globali: in conversazione con Bill Gates», il fondatore di Microsoft ha fatto la seguente ammissione:

 

«Dobbiamo anche risolvere i tre problemi dei vaccini [COVID-19]. Gli attuali vaccini non bloccano l’infezione. Non sono ampi, quindi quando emergono nuove varianti perdi la protezione e hanno una durata molto breve, in particolare nelle persone che contano, che sono gli anziani».

 

Tali dichiarazioni sono state una sorpresa per alcuni alla luce del supporto di lunga data di Gates e degli investimenti in produttori di vaccini e organizzazioni che promuovono la vaccinazione globale. Tuttavia, sono stati gli ultimi di una serie di sviluppi nelle ultime settimane che hanno messo sempre più in discussione i vaccini COVID-19, in particolare.

 

 

«Questa è una truffa»: gli investimenti di Gates nei vaccini a mRNA rivelano «un conflitto di interessi»

Diversi analisti e commentatori sono stati critici nei confronti di Gates, ma non per disaccordo con le dichiarazioni che ha fatto in Australia. Invece, hanno sostenuto che in precedenza aveva investito pesantemente nei vaccini a mRNA mentre allo stesso tempo incoraggiava una campagna di vaccinazione globale contro il COVID-19 e sosteneva la vaccinazione obbligatoria.

 

Parlando il 25 gennaio nella trasmissione Rising di The Hill TV, i co-conduttori Briahna Joy Gray e Robby Soave hanno affrontato le dichiarazioni di Gates. Soave inizialmente era d’accordo con le critiche di Gates agli attuali vaccini a mRNA, dicendo:

 

«È puntuale davvero sui problemi che stiamo riscontrando: la breve durata della protezione, non un impatto significativo distinguibile sulla trasmissione dei casi… non un vantaggio enorme per molte persone altrimenti sane e giovani».

 

Tuttavia, Soave – che il 19 gennaio ha rivelato i « file di Facebook» che indicano che il CDC ha influenzato in modo significativo la moderazione e la censura dei contenuti sulla piattaforma relativa ai vaccini COVID-19 – ha poi sottolineato i precedenti investimenti di Gates che hanno contribuito allo sviluppo della tecnologia del vaccino mRNA.

 

Soave ha dichiarato: «Bill Gates è stato uno dei principali sostenitori della tecnologia mRNA… era un investitore in BioNTech, che ha sviluppato il vaccino mRNA per Pfizer».

 

«Stavamo solo scavando», ha continuato Soave, «e abbiamo visto che ha venduto molte di quelle azioni a… quanto profitto è stato?»

 

«10 volte», ha risposto Gray. «Nel 2019 ha investito 55 milioni di dollari in BioNTech e ora vale più di 550 milioni di dollari. Ha venduto alcune azioni… alla fine dello scorso anno, credo, con un prezzo delle azioni superiore a 300 dollari, che ha rappresentato un enorme guadagno per lui rispetto a quando ha investito».

 

Soave ha poi scatenato commenti critici rivolti a Gates:

 

«Seguiamo questa traiettoria: [Gates] investe molto in BioNTech, “i vaccini a mRNA sono fantastici, questo è il futuro”, parla della tempistica del vaccino e di come possiamo svilupparlo più velocemente, “potremmo dover tagliare alcune scorciatoie sulla sicurezza “… Tutto sommato… lo vende… fa un’enorme quantità di denaro… ma ora è sì, va bene, potrebbe essere migliore, ma ciò di cui abbiamo veramente bisogno è questo spray per l’alito».

 

Soave si riferiva a una dichiarazione fatta da Gates durante il suo recente discorso in Australia, immediatamente prima delle sue osservazioni sui vaccini a mRNA, dove ha detto:

 

«Pensiamo che possiamo anche avere, molto presto in un’epidemia, una cosa che puoi inalare che significherà che non puoi essere infettato, un bloccante, un bloccante inalato».

 

Gray ha sollevato la questione dei conflitti di interesse tra individui come Gates che ricoprono posizioni significative con i produttori di farmaci e vaccini e la spesa da parte del governo federale di ingenti somme di denaro dei contribuenti per acquistare questi prodotti.

 

«Questa è una truffa. Queste società estraggono denaro, denaro dei contribuenti per così dire, per pagare cure mediche che non sono indicate dai professionisti medici e sono meno utili di quelle che già abbiamo» ha detto la Grey.

 

«Allo stesso tempo, l’amministrazione Biden sta aprendo le sue porte, le porte girevoli, a persone di questi vari settori come Jeff Zients, che è il nuovo capo dello staff di Joe Biden… che ha trascorso tutta la sua carriera in aziende di questo tipo, investendo nei tipi di società che hanno sovraccaricato il governo per pagamenti Medicare e Medicaid e tipi esatti di pagamenti in eccesso. È una truffa enorme e incredibilmente comune».

 

Zients era in precedenza lo «zar COVID» dell’amministrazione Biden e ha pubblicamente spinto per la vaccinazione universale .

 

Soave ha poi affermato che le dichiarazioni di Gates, e la più ampia questione dei conflitti di interesse tra i sostenitori di farmaci e vaccini e il governo federale, danno credito alle affermazioni a lungo fatte da «no-vax e simili».

 

«Il fatto che non ci siano più interrogativi sul suo conflitto di interessi qui da parte del mainstream è profondamente inquietante, e per le persone che sono state scettiche su questo aspetto di Pfizer e sullo sviluppo di farmaci intorno a COVID e che sono state criticate dai media come pazzi , no-vax e simili, francamente penso che questo problema della corruzione farmaceutica e delle persone che spingono vari interventi, avendo un investimento nel profitto, avrebbe dovuto essere un problema su cui la sinistra stava guidando».

 

«Dobbiamo essere più trasparenti sul fatto che le persone che hanno input su quale sarà la politica del governo, cosa sarà richiesto alle persone, l’amministrazione Biden ha cercato di richiedere alle persone di ottenere questo, non dovrebbe essere noto almeno quando ci sono centinaia di milioni di dollari di interessi finanziari in gioco per le persone che lo consigliano? E la loro melodia cambia man mano che segue i soldi!»

 

Anche il giornalista investigativo Jordan Schachtel ha fatto osservazioni aspre dopo le dichiarazioni di Gates in Australia, scrivendo sul suo blog:

 

«Il fondatore di Microsoft Bill Gates, che è stato uno degli architetti dell’isteria COVID e ha avuto un impatto maggiore di qualsiasi altro individuo sulle disastrose politiche globali sulla pandemia, ha finalmente riconosciuto che le iniezioni di mRNA che ha promosso per due anni non sono altro che spazzatura farmaceutica scaduta».

 

«Traduzione: Gates ammette che gli scatti sono impossibili da allineare con le varianti in rapido sviluppo, scadono alla velocità della luce e non interrompono la trasmissione. E non lavorano per l’unica parte a rischio della popolazione».

 

Schachtel ha definito questo «un incredibile capovolgimento rispetto all’uomo che una volta pubblicizzava le iniezioni come cura per il coronavirus», attingendo alla precedente dichiarazione di Gates : «tutti coloro che fanno il vaccino non si limitano a proteggere se stessi, ma ne riducono la trasmissione ad altre persone e consentono società per tornare alla normalità».

 

Nel 2021, Gates ha descritto i vaccini a mRNA come «magici», dicendo che sarebbero stati un «punto di svolta» nei prossimi cinque anni.

 

 

Gates mette in guardia sulla “prossima pandemia”, elogia i blocchi, chiede più simulazioni di pandemia

Come riportato dal Daily Mail del 23 gennaio, il discorso di Gates in Australia è stato degno di nota per alcune dichiarazioni aggiuntive che ha fatto.

 

Gates «ha chiesto una maggiore cooperazione globale utilizzando la pandemia di COVID-19 come esempio di come i Paesi potrebbero migliorare la loro risposta se lavorassero insieme», sostenendo che «i leader politici dovevano mettere da parte le loro differenze e lavorare insieme per prepararsi al prossimo virus».

 

Gates ha anche elogiato le rigide politiche di blocco dell’Australia, dicendo:

 

«Alcune delle cose che risaltano sono che l’Australia e circa altri sette paesi hanno fatto presto diagnosi su scala di popolazione e avevano politiche di quarantena».

 

«Ciò significava che avete mantenuto basso il livello di infezione in quel primo anno in cui non c’erano vaccini».

 

Gates ha anche chiesto più «simulazioni pandemiche» per assistere i leader mondiali nell’affrontare le «future pandemie».

 

«L’unica cosa che è ancora in bilico è se avremo la capacità globale e a livello regionale e nazionale che significherebbe che quando si presenta una minaccia (malattia infettiva) agiamo in modo tale che non diventi globale».

 

«Dobbiamo fare ogni cinque anni un esercizio completo a livello nazionale e regionale di preparazione alla pandemia e hai bisogno di un gruppo globale che segua tutti».

 

Come parte di tale preparazione, Gates ha invitato i Paesi a disporre di «strumenti di riserva», inclusi i vaccini, per la prossima pandemia:

 

«Quindi c’è una classe che contiene il morbillo, una classe di influenza, una classe di coronavirus e una quarta classe, tutte di cui abbiamo bisogno per avere strumenti di riserva, sia antivirali che vaccini in grado di affrontarli. È molto fattibile. Quindi, sul fronte degli strumenti, possiamo essere molto più preparati».

 

Schachtel ha osservato che Gates era uno sponsor dell’Evento 201, una simulazione condotta il 18 ottobre 2019, che «prediceva» una pandemia globale di coronavirus. Uno degli sponsor dell’Event 201 è stata la Bill and Melinda Gates Foundation (BMGF).

 

Il BMGF è partner di GAVI, The Vaccine Alliance e occupa un posto nel suo consiglio di amministrazione. A sua volta, GAVI collabora strettamente con ID2020 Alliance, un forte sostenitore dei «passaporti vaccinali», come riportato in precedenza da The Defender. Microsoft e BMGF sono membri fondatori di ID2020.

 

Secondo lo stesso rapporto di The Defender, la BMGF nel settembre 2022 ha promesso 1,27 miliardi di dollari a sostegno di «progetti globali di salute e sviluppo».

 

E come riportato in precedenza da The Defender, la BMGF aveva precedentemente impegnato, nel giugno 2020, 750 milioni di dollari per lo sviluppo del vaccino AstraZeneca presso l’Università di Oxford e un finanziamento condizionale di 150 milioni di dollari al Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo per numero di dosi prodotte e vendute.

 

Il Serum Institute ha anche ricevuto una sovvenzione di 4 milioni di dollari dal BMGF nell’ottobre 2020 per sostenere la ricerca e lo sviluppo come parte della risposta COVID-19, mentre nell’agosto 2020 il Serum Institute, in collaborazione con il BMGF e Gavi, ha accettato di produrre a 100 milioni di dosi di vaccini COVID-19 per i paesi a basso e medio reddito.

 

In un post sul suo blog ufficiale nel dicembre 2020, Gates ha scritto che la sua fondazione «si è assunta parte del rischio finanziario» per il vaccino, quindi se il vaccino Oxford-AstraZeneca non fosse stato approvato, il Serum Institute non avrebbe «dovuto prendere una perdita completa».

 

 

Le osservazioni di Gates sono le ultime di una serie di pressioni negative per COVID, vaccini a mRNA

Le osservazioni di Gates in Australia – e l’attenzione che hanno ricevuto dalla stampa – rappresentano l’ultima di una serie di rappresentazioni mediatiche tutt’altro che lusinghiere sul COVID-19 e sui vaccini a mRNA nelle ultime settimane.

 

Il 22 gennaio, il Wall Street Journal ha pubblicato un editoriale molto critico riguardo alla non divulgazione da parte della FDA dei dati relativi all’efficacia dei booster bivalenti COVID-19. Allysia Finley, membro del comitato editoriale del giornale, ha scritto:

 

«Le agenzie federali hanno compiuto il passo senza precedenti ordinando ai produttori di vaccini di produrli e raccomandandoli senza dati a sostegno della loro sicurezza o efficacia».

 

Ha anche accusato i produttori di vaccini di «pubblicità ingannevole».

 

Il 13 gennaio, durante un’apparizione televisiva in diretta sulla BBC, il cardiologo Dr. Aseem Malhotra ha «sganciato una bomba di verità» quando ha suggerito «non sollecitato» che i vaccini a mRNA rappresentano un rischio cardiovascolare .

 

Un video sotto copertura rilasciato da Project Veritas, pubblicato il 25 gennaio, mostrava Jordon Trishton Walker, direttore della ricerca e sviluppo, operazioni strategiche di Pfizer, ammettere che l’azienda farmaceutica sta «esplorando» la mutazione di COVID-19 «noi stessi» attraverso «l’evoluzione diretta», per poi «sviluppare preventivamente nuovi vaccini» contro di loro.

 

Un video successivo mostrava Walker che aggrediva il fondatore di Project Veritas James O’Keefe quando questi lo metteva a confronto con la registrazione delle sue dichiarazioni.

 

Giovedì il senatore repubblicano del Wisconsin Ron Johnson ha chiesto un’indagine del Congresso contro i produttori di vaccini e il processo di approvazione del vaccino COVID-19, in risposta alle rivelazioni di Project Veritas.

 

«Le agenzie sanitarie federali sono state catturate da Big Pharma e gravemente abbandonate nei loro doveri durante la pandemia», ha affermato Johnson.

 

«È tempo che il Congresso indaghi a fondo sui produttori di vaccini e sull’intero processo di approvazione del vaccino COVID», ha aggiunto.

 

E oggi, il senatore repubblicano della Florida Marco Rubio a inviato una lettera al CEO di Pfizer Albert Bourla in risposta ai video di Project Veritas, affermando:

 

«Scrivo in risposta a rapporti preoccupanti sull’intenzione di Pfizer di mutare il virus SARS-CoV-2 (COVID) attraverso il guadagno di funzione, o “evoluzione diretta”, come dettagliato dal direttore della ricerca e dello sviluppo di Pfizer, Jordan Walker».

 

«Come è stato dimostrato più e più volte, i tentativi di mutare un virus, in particolare uno potente come COVID, sono pericolosi. Se le affermazioni dettagliate nel video sono vere, Pfizer ha anteposto il suo desiderio di profitto alla preoccupazione per la salute nazionale e globale e deve ritenersi responsabile».

 

Anche le dichiarazioni rilasciate dal fumettista Scott Adams famoso per «Dilbert» riguardo ai vaccini COVID-19 hanno attirato l’attenzione. In un video datato 22 gennaio, Adams ha dichiarato: «i no-vax hanno chiaramente vinto, voi siete i vincitori!» a causa della loro sfiducia nei confronti del governo e delle società.

 

Ed Elon Musk, proprietario e CEO di Twitter, rispondendo ai commenti separati fatti da Adams sulla significativa prevalenza di eventi avversi correlati al vaccino COVID-19 , ha twittato: «Ho avuto importanti effetti collaterali dalla mia seconda dose di richiamo. Mi sentivo come se stessi morendo per diversi giorni. Si spera che non ci siano danni permanenti, ma non lo so».

 

Musk ha proseguito con un secondo tweet , affermando: «E mio cugino, che è giovane e in ottima salute, ha avuto un grave caso di miocardite. É dovuto andare in ospedale».

 

Diversi commenti di giornalisti twittati in risposta alle dichiarazioni di Musk si riferivano aneddoticamente a un numero crescente di persone che subivano tali lesioni da vaccino COVID-19.

 

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

 

© 27 gennaio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Concerto cacofonico a Davos

Pubblicato

il

Da

Sconvolgente concerto musicale al World Economic Forum di Davos, dove è andata in scena musica dai tratti apparentemente cacofonici.

 

Una clip che sta facendo il giro della rete mostra come sul palco del Festival dell’Oligarcato globalista sia passata un’esibizione canora che ha lasciato molti un po’ attoniti, se non scioccati.

 

A cantare questa torturante serie di suoi è la musicista israeliana Noa, parola che peraltro in lingua veneta significa «nuota».

 

La cantante Noa aveva composto circa un quarto di secolo fa una canzone per il film di Benigni La vita è bella: a questo punto il giudizio estetico che ci possiam fare diviene ancora più chiaro.

 

 

La rete ovviamente si è sbizzarrita.

 

Menzione speciale al genio che ha piazzato, a fianco dei musicisti che si esibiscono sullo sfondo di loghi WEF, un Hunter Biden ignudo che balla muovendo ritmicamente il pube.

 

 

Ma davvero questi governano il mondo?

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Davos, il capo di Pfizer Bourla non risponde alle domande dei giornalisti

Pubblicato

il

Da

Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, è stato intercettato a Davos, mentre camminava verso un evento del World Economic Forum, da una coppia di giornalisti che ha posto delle domande rimaste senza risposta.

 

Il video è particolarmente impietoso. Per la coppia di intervistatori, si tratta di un colpaccio. Bourla, come noto, ha più volte rifiutato l’invito di presentarsi al Parlamento Europeo (pur mantenendo un rapporto via SMS, ora spariti con la presidente della Commissione UE Ursula Von der Leyen ), tuttavia trova il tempo di andare in Svizzera al festival oligarchico di Klaus Schwab.

 

I due giornalisti che, chissà come, sono riusciti a raggiungere il Bourla e a fargli una serie di domande sono il canadese Ezra Levant di Rebel News (testata che si è fatta valere durante la protesta dei camionisti di inizio 2022) e l’israelo-australiano Avi Yemini, noto per i suoi indomiti reportage da Melbourne, dove più volte ha preso le botte.

 

 

 

Le domande fatte deambulando nel nevischio al CEO Pfizer, in realtà, sono piuttosto corrette.

 

«Signor Bourla, quando ha saputo che il vaccino non ferma il contagio? Per quanto lo ha saputo senza dirlo pubblicamente?».

 

«Noi ora sappiamo che il vaccino non ferma la trasmissione, ma perché tenerlo segreto?»

 

«È arrivato il momento di chiedere scusa al mondo, signore? Ridare indietro ai Paesi tutti i soldi per il vaccino che non funziona?»

 

«Non ha vergogna per quello che ha fatto negli ultimi due anni?»

 

«Ne è orgoglioso? Ha fatto milioni alle spalle della sussistenza delle persone… come si sente a camminare per strada come milionario sulle spalle delle persone comuni»

 

«Cosa pensa quando è sul suo yacht, signore? Cosa pensa quando è sul suo jet privato?»

 

«Teme la responsabilità per il prodotto? Teme per le miocarditi?»

 

«E riguardo alle morti improvvise?»

 

«Cosa ha da dire riguardo ai giovani che crollano con attacchi cardiaci ogni giorno? Perché non risponde a queste domande semplici»

 

«Quanti soldi ha fatto personalmente dal vaccino?»

 

«Quanti booster pensa dovremmo prendere perché siate soddisfatti con i vostri guadagni?»

 

«Chi incontra qui [a Davos] in segreto? Può rivelare con chi si è incontrato?»

 

«A chi paga le commissioni? Nel passato Pfizer ha pagato multe per 2,3 miliardi per marketing ingannevole; è coinvolto nello stesso comportamento un’altra volta?»

 

«Siete sotto indagine, come lo siete stati per il marketing ingannevole?»

 

«Ogni altro prodotto nel mondo, se non funziona come promesso, consente un rimborso. Non dovreste rimborsare Paesi che hanno dato miliardi per vostro vaccino non efficace?»

 

«Lei è abituato solo a media favorevoli? Così da non saper rispondere a nessuna domanda?»

 

Il Bourla non risponde ad alcuna domanda, non proferisce verbo, a parte, alla prima domanda, un «buona giornata» bofonchiato forse sperando di togliersi di dosso i due giornalisti e le loro domande.

 

Il video si conclude con i due cronisti che gli gridano «Vergogna», e poi parlottano fra loro, cercando di controllare l’adrenalina e forse la realizzazione di aver fatto un colpaccio giornalistico: il CEO del grande produttore di vaccini mRNA non dice una parola, neanche di circostanza, neanche di ironia. Semplicemente, tira dritto, e, significativamente a testa bassa – fino a che non raggiunge un luogo dove può essere protetto, possibilmente un altro nido oligarchico protetto da buttafuori e soldati.

 

Come riportato da Renovatio 21, in passato il Bourla ha parlato degli antivaccinisti come «criminali» che guadagnano «con la disinformazione».

 

Riguardo a notizie non favorevoli alla vaccinazione considerate fake, è notevole la confessione fatta nel 2021 in cui Bourla si è vantato pubblicamente di essere informato da CIA e FBI inerentemente alla «diffusione della disinformazione».

 

In fatto di rapporti con la stampa è emerso l’anno passato che uno dei vertici dell’agenzia notizia Reuters è membro del consiglio di amministrazione di Pfizer.

 

È inoltre noto che vi sia un rapporto diretto tra il Vaticano e la Big Pharma del siero mRNA, realizzato in incontri multipli, fino ad un certo punto segreti, tra il papa e il CEO del colosso.

 

Cinque mesi fa si è appreso che il quadridosato Bourla è risultato positivo al COVID-19.

 

A Davos, dove è un habitué, l’anno scorso il Bourla aveva parlato di «microchip biologici dentro ai farmaci».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari