Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

«La gestione della barbarie». Il vero motivo per cui stanno armando gli ucraini

Pubblicato

il

 

Seguendo le notizie si ha l’impressione che gli ucraini abbiano perso il controllo anche della narrazione mediatica. In realtà non lo hanno mai avuto. Sono stati coperti, fino all’impossibile, dai media occidentali.

 

I quali hanno fatto ingollare allo spettatore NATO ogni sorta di balla colossale. I martiri dell’isola dei serpenti (che si sono arresi e stanno bene). Il fantasma di Kiev (che è reale quanto Tex Willer). I russi che con i tank passano sopra un’automobile in corsa (era un tank ucraino).

 

Ora la questione dei russi che attaccano la centrale nucleare più grande d’Europa. Ecco subito il premier attore Zelens’kyj che fa un video per tutte le nazioni del mondo: venite qui, combattete al posto nostro.

 

I media hanno mentito, alterato fino alla spudoratezza più schifosa, in un modo perfino più meschino di quanto fatto con questi due anni di pandemia. Del resto, il loro compito non era facile: bisognava in tutti i modi far dimenticare che l’Ucraina di oggi nasce da una rivoluzione colorata, cioè un golpe, nel 2014 – e che nonostante gli aiuti di USA e soci, il suo stato rimane socioeconomicamente disastrato, con l’eccezione dei pasciuti oligarchi, che sono quelli che gli aiuti se li pappano e che hanno messo li Zelens’kyj.

Nonostante anni di aiuti di USA e soci, L’Ucraina rimane socioeconomicamente disastrato, con l’eccezione dei pasciuti oligarchi, che sono quelli che gli aiuti se li pappano e che hanno messo li Zelens’kyj

 

Bisognava inoltre far dimenticare l’altro dato interessante: che le varie milizie volontarie ucraine sono in realtà fatte da veri nazisti, nell’accezione più caricaturale del termine: sadici in maniera parossistica. Potete andare a cercarvi qualche informazione sulla strage di Odessa: decine di corpi bruciati in un sindacato della città, una donna incinta strangolata con il filo del telefono. Potete andarvi a vedere un po’ di foto del Donbass, dove hanno operato in questi otto anni, e dove sono morte 14 mila persone. In rete se ne trovano. Non fatelo, però, se siete di stomaco debole.

 

Tutto è sparito. Le svastiche, le stragi, le crudeltà ripetute.

 

Tuttavia, non è di questo livello di menzogna che vogliamo parlare. C’è qualcosa di ancora più immondo in atto, qualcosa che prelude ad una catastrofe di violenza che può durare decenni.

 

Oggi in un TG RAI ho visto un servizio strappalacrime che avverava un’immagine che avevo scritto due giorni fa: si mostrava una donna ucraina fuggita oltreconfine, portando con sé solo la figlia piccola – perché il figlio diciottenne, diceva la giornalista nel servizio, è dovuto restare in Ucraina. Nessuna spiegazione di questa lacerante separazione veniva offerta. Si scivolava via, tra immagine di pianti e misticismo del profugo a go-go. Difficile sapere quanti spettatori – contribuenti RAI – si siano posti la domanda: come mai questo ragazzino ha dovuta lasciare sua madre? Doveva andare a scuola per il compito di matematica? Doveva lavorare? Aveva voglia di stare con gli amici?

 

La risposta a questa domanda ve la possono dare siti come Renovatio 21, pluribannati e blacklistati a livello internazionale da prima del COVID (tutto vero: e ne stiamo ancora subendo di ogni).

 

Lo abbiamo scritto qualche giorno fa: l’Ucraina sta proibendo agli uomini dai 18 ai 60 anni di lasciare il Paese. Da quel che si dice, il cittadino maschio se viene trovato al confine viene immediatamente arruolato. Alcuni dicono che basta una tangente di 150 dollari per passare oltre. Non sappiamo: tuttavia, il divieto di espatrio per ogni uomo ucraino è realtà, riportata dalla CNN.

La Russia sta mandando a combattere un esercito di professionisti, qualche migliaia di ceceni in tenuta tecnica, più – se i giornali dicono il vero – i mercenari della Wagner.  L’Ucraina vuole mandare chiunque

 

La Russia sta mandando a combattere un esercito di professionisti, qualche migliaia di ceceni in tenuta tecnica, più – se i giornali dicono il vero – i mercenari della Wagner.  L’Ucraina vuole mandare chiunque.

 

Perché? Semplice: un 18enne morto mentre viene spedito al macello, magari in abiti borghesi, è utile alla causa: lui non sa utilizzare il fucile, il russo che lo fredderà quando questi si avvicinerà, sì. La foto del piccolo civile morto sarà il combustibile perfetto per il conflitto che l’Ucraina non può vincere. Sarà un’arma di ricatto morale per gli Stati NATO, che in ogni modo Kiev sta cercando di tirare dentro: a Zelens’kyj e ai suoi burattinai sembra non interessare che ciò significherebbe, molto letteralmente, la Terza Guerra Mondiale.

 

Non è detto che gli importi, anzi: se mai avessero la fortuna di resistere, e in qualche modo Putin fosse rimandato indietro (improbabile), loro sarebbero lì a spartirsi le nuove miliardate di aiuti da USA, UE, FMI, chiunque. Piatto ricco oligarchico per la ricostruzione. Al popolo ucraino, che è stato mandato a morire per legge, non andrà nulla – come del resto è stato in questi anni, dove partita con debito pubblico pari a zero all’indipendenza del 1992 (100 miliardi di dollari che si accollò Mosca), Kiev è arrivata a indebitarsi mostruosamente, con una popolazione sempre più povera e una superclasse oligarchica ricca da fare schifo.

 

Ecco a cosa serve trattenere i civili: a innescare la Terza Guerra Mondiale.

 

Lo si è capito, c’è bisogno di qualcosa di più per convincere le opinioni pubbliche euroamericane della necessità della guerra finale contro la Russia. Guardate la cautela con cui si muovono: minacciano, sanzionano, ma poi, come Biden, dicono che non manderanno neanche mezzo soldato in Ucraina – al momento.

 

Serve loro qualcosa di forte. Un casus belli morale. La centrale atomica «bombardata» già era una bella trovata, tuttavia è già spenta, con la l’ente ONU per l’energia atomica a smentire l’innalzo della radioattività nella zona e perfino i giornali americani ad ammettere che non ci sono prove che la Russia abbia tirato sull’impianto.

Il progetto, quindi, potrebbe essere quello di bombardarci di immagini di eroici ucraini morti

 

Il progetto, quindi, potrebbe essere quello di bombardarci di immagini di eroici ucraini morti.

 

Secondo lo strambo, lucidissimo, youtuber Gonzalo Lira andrà proprio così: ci sarà un accumulo di prove videofotografiche della «brutalità russa», che altro non sarebbe che il massacro di inesperti fatti schiantare contro l’impressionante forza militare di Putin.

 

Lira, che inizia tutte le sue dirette invocando il nome «Tiffany Dover», è un personaggio interessante: scrittore, regista, si è dedicato poi a temi macroeconomici con blog e canali YouTube di successo, dove poi, a quanto mi sembra di aver capito, ha cominciato a dare consigli riguardo alle donne e alla fuga dal mondo sviluppato, dove dice verrà presto implementato un sistema di controllo sociale di cui i vaccini genici sono solo l’inizio.

 

I suoi video di questi giorni sono fondamentali: si trova in Ucraina. È stato per giorni bloccato in un albergo di Kiev, dove ha aspettato di trovare un modo di spostarsi dai figli piccoli a… Kharkov. Ieri non ha postato nessun video, e infatti siamo un po’ preoccupati.

 

Il cileno-americano definisce il governo di Kiev «il regime Zelens’kyj», e i giornalisti occidentali, suoi compagni di albergo, nei suoi video vengono  apostrofati de visu come «system pigs», «maiali del sistema», servi di una narrazione che sta portando alla catastrofe.

Ci sarà un accumulo di prove videofotografiche della «brutalità russa», che altro non sarebbe che il massacro di inesperti fatti schiantare contro l’impressionante forza militare di Putin

 

Di fatto, Lira ha mostrato qualcosa che i professionisti dell’informazione, ammassati nell’albergo di lusso e in piazza Maidan, non hanno fatto passare: lo sprofondare di Kiev nell’illegalità diffusa. Lo scrittore ha mostrato alcuni video dove si vedono scene di violenza tra ucraini, e ha parlato apertamente del fenomeno. Sostiene che sia uno degli effetti collaterali della distribuzione di Kalashnikov alla popolazione.

 

Lo avrete sentito: Zelens’kyj sta dando fucili d’assalto a chiunque lo richieda. Avrete visto la foto social della deputata Kira Rudik, la preferita dei network americani, dove si è lasciata scappare che in Ucraina si combatte per il «nuovo ordine mondiale».

 


Ci mostrano poi le immagine con le file di comuni cittadini in attesa di ricevere un AK-47. C’è lo studente, il programmatore, l’imprenditrice…

I civili, insomma, devono combattere. Alcuni saranno certamente così scemi da lanciarsi contro l’esercito russo: altre photo opportunity sanguinarie

 

I civili, insomma, devono combattere. Alcuni saranno certamente così scemi da lanciarsi contro l’esercito russo: altre photo opportunity sanguinarie.

 

Li armano perché vogliono un sacrificio umano. È necessario. Il loro sangue, filtrato da social e media della menzogna, è la benzina con cui muovere il mondo verso il suo nuovo assetto.

 

Tuttavia, una parte di questi fucili non finiranno a combattere i russi: no, percoleranno verso la criminalità organizzata, che a quanto detto nella capitale sta già sparando. È un classico panorama del collasso. Mafiosi, signori della guerra, gangster armati e organizzati in bande cominceranno a dettar legge in alcune zone e magari ad interloquire con quel che resta dello Stato e con i servizi dei Paesi stranieri interessati, non diversamente dall’Afghanistan o da qualche Paese Africano.

 

L’Ucraina potrebbe scendere, quindi, in quello che gli strateghi dell’ISIS chiamavano Idarat at-Tawahhus, la «gestione della barbarie». I jihadisti dello Stato islamico prevedevano che il crollo di uno Stato offriva possibilità immani: dopo la prima fase di «vessazione e potenziamento», in cui si strema e si impaurisce la popolazione di un territorio, subentra una seconda fase, dove, sulla scia del crollo dell’ordine precedente , prevale la legge della giungla con i sopravvissuti pronti ad «accettare qualsiasi organizzazione, indipendentemente dal fatto che sia composta da persone buone o cattive».

 

Chi sta armando gli ucraini sta preparando non solo il collasso del Paese, ma il suo sprofondare in uno stato selvaggio, di crudeltà inarrivabile. I Balcani degli anni Novanta. Il Ruanda del 1994. La Siria degli anni 2010… probabilmente moltiplicati per un enorme Paese da 40 milioni di persone con immense ricchezze in fatto di materie prime.

Li armano perché vogliono un sacrificio umano. È necessario. Il loro sangue, filtrato da social e media della menzogna, è la benzina con cui muovere il mondo verso il suo nuovo assetto

 

È pensando a questo che assume un carattere criminale, apocalittico la fornitura di armi agli ucraini da parte dei governi occidentali, in particolare l’Italia.

 

Come è stato notato da molti, portare lì le armi (tranquilli, armi di difesa, dice Salvini), per chiunque, di per sé sarà un’impresa: il Mar Nero è controllato dalle navi russe, visibili mentre galleggiano nere e placide fuori da Odessa. Lo spazio aereo è chiuso. Insomma, la logistica di questa consegna delle armi non è esattamente semplice.

 

Quello che si può pensare, quindi, e che se mai queste armi arriveranno, arriveranno tardissimo, probabilmente a Kiev già caduta. Quindi, a chi andranno in mano alle bande, ai battaglioni nazisti, ai criminali. A chiunque si prepara, magari ulteriormente turlupinato, finanziato e armato da qualche servizio segreto occidentale, a sfiancare la Russia per anni con atti di guerriglia et similia.

 

In pratica, Draghi e compagni stanno armando il caos. Il disordine sanguinario che sta per arrivare, e durare fino a che i gestori della barbarie vorranno sparare con le loro armi.

Una parte di questi fucili non finiranno a combattere i russi: no, percoleranno verso la criminalità organizzata, che a quanto detto nella capitale sta già sparando

 

È semplicemente mostruoso: è la garanzia che la violenza durerà anni, decenni. Che l’instabilità non sarà mai risolta, che l’Ucraina diverrà una Cecenia non guarita (cioè, una Cecenia che non ha incontrato Putin). Palazzi distrutti. Povertà diffusa. Sangue. Sangue. Sangue.

 

Tuttavia, ci preme dire che a usare queste armi nella regressione selvaggia del Paese non saranno solo i neonazi, i gangster e i signori della guerra: lo faranno, di certo, anche alcuni civili. Perché oramai la radicalizzazione della popolazione ucraina (in realtà, abbiamo visto con il COVID, di ogni popolazione umana) è oramai arrivata al punto, la società è polarizzata in modo abissale, l’odio e la volontà di punire sono moneta corrente nello stato attuale – non sappiamo se dobbiamo ringraziare di questo gli algoritmi dei social media o il generale crollo dell’unità sociale inevitabile per lo Stato moderno, che non ha nessun vero collante a tenerlo insieme.

 

Sulle armi che stiamo fornendo ci sarà, quindi, altro sangue, e per anni. La rovina dell’Ucraina, granaio d’Europa, si potrebbe prolungare fino a creare shock sistemici globali, per esempio per il grano (cioè la pasta, il pane, i carboidrati che costituiscono la dieta principale della maggioranza dell’ umanità) così come per il neon e il palladio, che sono assolutamente necessari per produrre i microchip, senza i quali oggi non si costruisce né si vende nulla, nemmeno un bollitore per il té.

Draghi e compagni stanno armando il caos. Il disordine sanguinario che sta per arrivare, e durare fino a che i gestori della barbarie vorranno sparare con le loro armi

 

Pensate all’odio, allo squilibrio, alla distruzione tra gruppi umani su tutta quella terra, che non molto tempo fa era una cosa sola, era Rus’.

 

E poi, su tutto: pensate a questa danza del caos a poca distanza da migliaia di bombe atomiche ex sovietiche. Pensate, come Oppenheimer, alla Bhagavad-Gita: «Ora sono diventato la Morte, il distruttore di mondi».

 

La domanda da porsi, a questo punto, è se tutto questo non sia programmato.

 

Una zona di barbarie eterna, da tenere accesa fino a che non si decapiterà la Russia e la si spoglierà delle sue ricchezze naturali – o forse, la distruzione non si fermerà fino a ché si eliminerà la Russia per quel che rappresenta: la sovranità dello Stato, la sovranità dei popoli, il rifiuto dell’omologazione globalizzante, il radicamento in qualcosa che gli esseri umani si tramandano nel tempo, la religione, la famiglia.

 

Sì, l’Ucraina va data alle fiamme per bruciare la Russia. Alle porte d’Europa si creerà una terra che sarà reclamata, strage dopo strage, dalla Cultura della Morte.

 

E l’Italia, credete che sia così lontana?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Immagine di DS10Portfolio via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0); immagine modificata

 

 

 

Geopolitica

L’appello di Lavrov all’Assemblea generale ONU: «salvate l’umanità dall’inferno»

Pubblicato

il

Da

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha parlato ieri all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 24 settembre.

 

«Ci stiamo incontrando in un momento sia impegnativo che drammatico. Le situazioni di crisi sono in aumento e la situazione della sicurezza internazionale si sta deteriorando rapidamente. Invece di impegnarci in un dialogo onesto e cercare compromessi, dobbiamo affrontare la disinformazione, così come incidenti e provocazioni grossolanamente organizzati».

 

«Il futuro ordine mondiale viene deciso oggi, come può vedere chiaramente qualsiasi osservatore imparziale» ha detto Lavrov.

 

«La domanda è se questo ordine mondiale avrà un unico egemone che costringe tutti gli altri a vivere secondo le sue famigerate regole, che beneficiano solo questo egemone e nessun altro. O se questo sarà un mondo democratico e giusto, libero da ricatti e intimidazioni contro gli indesiderati, così come libero da neonazismo e neocolonialismo. La Russia opta fermamente per la seconda opzione. Insieme ai nostri alleati, partner e paesi che la pensano allo stesso modo, chiediamo sforzi per rendere tutto questo una realtà»

 

Lavrov ha sottolineato che sebbene il «modello di sviluppo globale unipolare» abbia governato il mondo per secoli, facendo affidamento sulle risorse in gran parte provenienti dall’Asia e dall’Africa, sempre più nazioni sovrane si oppongono a questa politica e stanno sviluppando un’alternativa multipolare.

 

«Dopo essersi dichiarata vittoriosa nella Guerra Fredda ad un certo punto del passato, Washington si è elevata quasi al rango di messaggero del Signore Dio sulla Terra, dotata di nessun obbligo, ma solo dei diritti sacri di agire impunemente ovunque vuole».

 

Lavrov, come aveva già fatto in precedenza, ha citato come esempi la Jugoslavia, l’Iraq e la Libia: «gli interessi legittimi dell’Occidente erano in gioco in uno di questi Paesi?» ha chiesto il ministro russo, sfidando i suoi colleghi a «dare un nome a un Paese in cui la vita è cambiata in meglio dopo un intervento forte di Washington».

 

 

Il capo della diplomazia russa si è spostato sulla questione della politica strategica, osservando che «nei suoi tentativi di rilanciare il modello unipolare sotto l’etichetta di un ordine basato sulle regole, l’Occidente ha imposto ovunque linee di demarcazione, seguendo la logica di un confronto a blocchi dove sei con noi o contro di noi. Non c’è una terza opzione disponibile o compromessi».

 

Il discorso ha quindi toccato Taiwan, dove secondo Lavrov l’Occidente sta giocando con il fuoco offrendogli supporto militare.

 

Poi, la questione economica: «da molti anni queste sanzioni unilaterali sono state imposte in violazione della Carta delle Nazioni Unite e utilizzate come strumento di ricatto politico. Il cinismo di questa pratica è evidente. Le restrizioni mettono a dura prova la gente comune, impedendo loro di accedere ai beni di prima necessità, inclusi medicinali, vaccini e cibo».

 

«In che modo le azioni della Russia negli ultimi decenni hanno effettivamente violato gli interessi dei suoi oppositori?» ha dichiarato,  citando lo scioglimento volontario dell’Organizzazione del Trattato di Varsavia, il sostegno alla riunificazione tedesca, il ritiro delle forze sovietiche dall’Europa, dall’Asia e dall’America Latina e il riconoscimento dell’indipendenza delle ex repubbliche sovietiche.

 

«Forse la Russia ha interferito con gli interessi occidentali quando ha svolto un ruolo chiave nel fermare le ostilità scatenate dai neonazisti di Kiev nell’Ucraina orientale, e poi ha insistito affinché fosse attuato il pacchetto di misure di Minsk, come approvato all’unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a febbraio 2015, ma poi seppellito da Kiev con il coinvolgimento diretto di Stati Uniti e Unione Europea?»

 

In conclusione ha ricordato che la Russia stava cercando di risolvere i conflitti che coinvolgevano Palestina, Siria, Iraq, Libia, Yemen, Iran, Afghanistan, penisola coreana e continente africano per calmare le tensioni e promuovere lo sviluppo, rifiutando di partecipare a un «gioco a somma zero»

 

Infine una citazione per l’ex segretario generale delle Nazioni Unite (dal 1953 al 1961) Dag Hammarskjöld, ucciso in un misterioso incidente aereo in Zambia nel 1961: «L’ONU non è stata creata per portare l’umanità in paradiso , ma per salvare l’umanità dall’inferno».

 

 

Immagine del Ministero degli Esteri russo via Mid.ru pubblicata secondo indicazioni.

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Lo Sri Lanka pronto ad aderire al sistema russo di pagamenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Sono in corso discussioni tra le banche centrali per permettere il funzionamento delle carte di credito russe in Sri Lanka. L’anno scorso quasi 17 mila turisti russi hanno visitato l’isola. Il Paese è in ripresa economica e spera di ottenere anche un prestito per l’acquisto di carburante.

 

 

Le autorità dello Sri Lanka stanno considerando la possibilità di aderire al sistema di pagamento russo Mir: al momento sono in corso discussioni tra la Banca centrale del Paese e quella di Mosca. Lanciato nel 2017, il Mir è un canale di pagamento e trasferimento di denaro gestito dal Russian National Payment Card System.

 

Secondo alti funzionari governativi interpellati da AsiaNews, il Mir è un sistema di pagamento facile ma «è necessario ottenere l’approvazione della Banca Centrale» per il prosieguo dei colloqui.

 

Il 6 marzo Visa e Mastercard hanno sospeso le operazioni in Russia a seguito dell’invasione dell’Ucraina. Da allora i titolari di carte bancarie Visa e Mastercard emesse in Russia non possono pagare beni e servizi al di fuori del loro Paese. USA e suoi alleati hanno sanzionato Mosca con l’esclusione dal Swift, il principale sistema di pagamenti internazionali, controllato da Washington.

 

L’uso del Mir, invece, permetterebbe ai turisti russi di utilizzare le proprie carte di credito durante il soggiorno in Sri Lanka, una cosa che – dicono i funzionari di governo – le autorità locali «sarebbero liete di permettere».

 

I dati dello Sri Lanka Tourism Authority mostrano che nel 2021, nonostante la pandemia da COVID-19, la Russia era tra i primi Paesi per numero di turisti che hanno visitato l’isola con quasi 17mila ingressi.

 

Poiché le proteste che hanno interessato il Paese nei mesi scorsi «sono ormai terminate e l’isola è una destinazione turistica sicura», i visitatori torneranno soprattutto nei mesi di novembre e dicembre, sostengono le fonti di AsiaNews.

 

Secondo fonti del ministero dei Trasporti, «c’è la speranza che i voli tra lo Sri Lanka e la Russia inizino entro la metà di ottobre».

 

Nel frattempo le autorità di Colombo continuano anche a discutere con Mosca sulla possibilità di ottenere un prestito per l’acquisto di petrolio russo per «alleviare la crisi del carburante in Sri Lanka» che da mesi attanaglia il Paese. L’amministrazione Wickmeresinghe si aspetta un «grande sostegno» dalla Russia per la ripresa economica: secondo fonti del ministero dei Trasporti e delle Autostrade le discussioni per l’ottenimento di un prestito stanno andando «molto bene»

.

Secondo i funzionari locali, già «l’ex presidente Gotabaya Rajapaksa aveva chiesto al presidente russo Vladimir Putin di fornire un prestito allo Sri Lanka per acquistare petrolio dalla Russia».

 

Circa il 50% delle esportazioni russe in Sri Lanka riguardano macchinari e attrezzature, mentre per circa un terzo si tratta di cereali, soprattutto grano.

 

ino al 2018, lo Sri Lanka era uno dei principali acquirenti al mondo di amianto crisotilo russo, utilizzato nell’industria edilizia, ma il governo ha deciso di smettere di utilizzare l’amianto entro il 2029, per cui il volume degli acquisti è diminuito in modo significativo.

 

Lo Sri Lanka esporta in Russia il tè, che rappresenta il 50% delle sue esportazioni, e prodotti tessili, che rappresentano il 40% dell’export.

 

Le relazioni bilaterali tra Mosca e Colombo comprendono anche accordi in materia di scienza, tecnologia e innovazione, turismo, cultura, esplorazione spaziale e pesca.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine di Dennis Sylvester Hurd via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons CC0 Dominio pubblico

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Presidente sudcoreano insulta i parlamentari USA in un fuorionda

Pubblicato

il

Da

È divenuto virale un fuorionda catturato a margine della riunione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York questa settimana dove è possibile udire il neopresidente della Corea del Sud Yoon Suk-yeol insultare i membri del Congresso USA.

 

«Come potrebbe Biden non perdere la dannata faccia se questi stronzi non lo approvano al Congresso?» avrebbe detto il leader sucoreano.

 

Prima di queste osservazioni offensive, Biden, presente sul palco con Yoon, aveva promesso 6 miliardi di dollari per combattere l’HIV e la tubercolosi. L’aiuto tuttavia avrebbe bisogno dell’approvazione del Congresso.

 

La parola inglese con cui è stato tradotto l’insulto di Yoon, «fuckers» (che è possibile tradurre in «stronzi» o anche «pezzi di merda») è divenuta un trend su Twitter.

 

La clip, ancora visibile su YouTube, è stata pubblicata da un’emittente sudcoreana.

 

 

Il presidente Yoon è in carica da maggio, ma ha già fatto parlare di sé per i suoi modo decisi e le politiche divergenti rispetto al passato.

 

Come riportato da Renovatio 21, Yoon ha dichiarato la volontà di far entrare Seul nella «NATO globale», di fatto già unendosi agli atlantici per quanto riguarda le armi cibernetiche.

 

Tre mesi fa è emerso che l’esercito sudcoreano è tornato a descrivere nelle sue pubblicazioni la Corea del Nord come «nemico».

 

Nel nuovo corso politico di Yoon, Seul inoltre ha fatto sapere di star tornando all’energia nucleare.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari