Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Un’altra vittima di Epstein fa causa a Ghislaine Maxwell

Pubblicato

il

La scorsa settimana presso la Corte Suprema di New York, una sedicente vittima dell’operazione di traffico sessuale di Jeffrey Epstein ha citato in giudizio gli eredi di Epstein e la sua complice, la trafficante di sesso minorile Ghislaine Maxwell.

 

Elizabeth Stein, che si è fatta avanti per la prima volta nel 2021, ha denunciato anni di abusi, stalking e manipolazione da parte della coppia culminati in tentativi di suicidio, ricoveri multipli e una diagnosi di disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

 

Stein divenne parte di quello che l’accusa descrive come «il piano organizzato decennale di Epstein e Maxwell per procurare giovani donne per il loro piacere sessuale e per quello dei loro amici e conoscenti, molti dei quali alti funzionari governativi e titani aziendali» tra il 1994 e il 1997, secondo il deposito.

 

La Stein avrebbe incontrato Maxwell durante uno stage presso il designer Henri Bendel, la cui boutique di Manhattan era di proprietà del «mentore» di Epstein e CEO di Limited Brands Les Wexner, quando Maxwell aveva chiesto a Stein di aspettarla al negozio e di consegnare i suoi acquisti all’hotel dove alloggiava con Epstein.

 

Blandendo la ventunenne con «adulazione, regali, finto interesse per il suo futuro e false promesse di avanzamento nella sua carriera e vita personale», la coppia ha convinto la Stein a salire nella loro stanza prima di spingerla ad un rapporto a tre e quindi mandandola via con una sostanziosa «mancia» in contanti.

 

La causa descrive come la coppia l’avrebbe «svergognata quando ha rifiutato i loro favori e le loro aperture e l’ha perseguitata con lo scopo malizioso e malevolo di trasformarla in carne sessuale da consumare per loro stessi e per gli altri». La Stein, si dice, si sarebbe sentita impotente nel resistere alle avances della coppia dopo che Maxwell l’ha fatta licenziare per aver rifiutato una promozione che Maxwell le aveva assicurato, quindi l’avrebbe seguita nella sua posizione successiva.

Sostieni Renovatio 21

La Maxwell e l’Epstein avrebbero sottoposto la Stein a stupri di gruppo e altre aggressioni, incluso un viaggio nella villa epsteiniana a Palm Beach dove fu trattenuta per diversi giorni contro la sua volontà mentre veniva violentata dalla coppia e dai loro ospiti. Dopo aver appreso di essere rimasta incinta, la Stein dice di essere stata indotta all’aborto da Maxwell, di essere caduta in depressione e di «avere avuto un incidente con la macchina».

 

Successivamente, Epstein e Maxwell l’avrebbero perseguitata con messaggi in cui avvertivano che «la stavano ancora osservando e l’avrebbero trovata». La ragazza avrebbe sviluppato tendenze suicide e ha richiesto ripetuti ricoveri ospedalieri, emergendo con una diagnosi di disturbo da stress post-traumatico e necessitando di cure mediche continue.

 

La causa accusa Epstein e Maxwell di aggressione, violenza sessuale, inflizione intenzionale di disagio emotivo e negligenza grave, chiedendo sanzioni pecuniarie e un processo con giuria. È stata depositata il giorno prima della chiusura della finestra di archiviazione creata dall’Adult Survivors Act dello stato, che consentiva alle vittime di citare in giudizio i propri aggressori anche se il termine di prescrizione era scaduto.

 

La Maxwell sta attualmente scontando una pena di 20 anni presso l’Istituto correzionale federale di Tallahassee per traffico di ragazze minorenni a fini sessuali, dove ha adottato la «fede ebraica del defunto padre», ricevendo di conseguenza, con l’aiuto di un’organizzazione del movimento ebraico Chabad-Lubavitch, il beneficio di differenze nei pasti e nell’estensione del tempo libero.

 

Come riportato da Renovatio 21, Ghislaine Maxwell è una delle figlie del magnate dei media inglese Robert Maxwell, che aveva cambiato nome nascondendo le sue origini ebraico-carpatiche: vero nome Ján Ludvík Hyman Binyamin Hoch, nato a Slatinske Doly in Rutenia (ora Ucraina) in una famiglia povera e numerosa che praticava l’ebraismo ortodosso e parlava solo yiddish.

 

Il padre della Maxwell, che aveva altri 10 figli, è altresì sospettato di essere stato una spia atomica israeliana. Una sua appartenenza al Mossad è stata più volte messa sul piatto da giornalisti come il premio Pulitzer Seymour Hersh, che ne parlò alla presentazione di un suo libro sull’atomica di Tel Aviv, The Samson Option: secondo le sue ricerche, fu Maxwell ad avvisare gli israeliani delle intenzioni del fisico nucleare Vanunu, poi rapito a Roma nel 1986 e sparito per molti anni.

 

Maxwell senior pare essere stato dietro a diversi altri intrighi nucleari israeliani, così come – la cosa ha prodotto varie inchieste anche a livello politico – pare sia stato tramite Maxwell che la Cecoslovacchia armò Israele contrabbandando i velivoli necessari alla supremazia aerea per la guerra arabo-israeliana del 1948. Il ruolo di agente israeliano di altissimo livello ricoperto da Maxwell è descritto anche nel libro del 2003 Robert Maxwell, Israel’s Superspy.

 

L’uomo finì in disgrazia, con disastri finanziari nel suo gruppo editoriale e accuse di frode verso i suoi stessi dipendenti. Scomparve una notte nell’oceano al largo delle Canarie mentre si trovava sul suo panfilo, il Lady Ghislaine. Al suo funerale, in Israele, parteciparono i massimi vertici della politica e diversi ex direttori del Mossad. Alcuni ritengono che il testimone possa essere passato alla figlia preferita, Ghislaine.

 

Ghislaine è stata latitante per mesi. Durante la latitanza era uscita una sua foto dal dehors di un fast food a Los Angeles, che la ritraeva mentre leggeva un libro sulle spie della CIA morte. Nella foto, la donna guardava l’obiettivo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Economia

I banchieri europei hanno un «club segreto»

Pubblicato

il

Da

Da oltre settant’anni un’organizzazione segreta e molto influente riunisce due volte l’anno i capi delle più grandi banche europee in hotel di lusso e palazzi reali in tutto il continente per discutere, tra le altre questioni, delle politiche globali. Lo riporta un articolo del Financial Times pubblicato a inizio settimana.   Il pezzo della rivista economica internazionale sottolinea che l’esistenza dell’Institut International d’Etudes Bancaires (IIEB) è appena conosciuta al di fuori dei suoi membri, mentre il gruppo non ha un sito web e gli ordini del giorno delle sue riunioni non sono resi pubblici.   Secondo quanto riferito, i membri sono scoraggiati dal condividere i dettagli delle discussioni. «Non è come Davos, dove chiunque può entrare», ha detto al FT un membro di lunga data a condizione di anonimato. «Questo è davvero esclusivo».

Sostieni Renovatio 21

Alcuni membri si sono lamentati della mancanza di trasparenza all’interno del gruppo, che è stato istituito per incoraggiare legami più stretti tra le banche in un momento di tensioni geopolitiche e sfide alla stabilità finanziaria in tutta Europa. «Siamo stati membri per decenni, quando l’organizzazione aveva lo scopo di avvicinare le banche europee», ha detto al FT Par Boman, presidente della banca svedese Handelsbanken. «Ma dopo la crisi finanziaria abbiamo ritenuto che la sua stravaganza e la mancanza di trasparenza non si adattassero ai nostri valori».   Secondo l’articolo, l’IIEB è stato fondato a Parigi nel 1950 dai capi di quattro istituti di credito di tutto il continente: Crédit Industriel et Commercial, Union Bank of Switzerland, Société Générale de Belgique e Amsterdamsche Bank. L’obiettivo era quello di tenere regolarmente discussioni ad alto livello sugli sviluppi nel settore bancario, nonché sull’economia e sul sistema monetario.   Gli argomenti in discussione, scrive FT, rifletterebbero le preoccupazioni dei banchieri europei in determinati periodi di tempo. Negli anni ’50, ad esempio, si trattava della creazione di filiali nelle ex colonie, mentre negli anni ’60 l’attenzione si era spostata sul ruolo globale del dollaro USA, sui problemi con il sistema di tassi di cambio fissi di Bretton Woods e sulla minaccia di acquisizione da parte degli USA delle banche europee.   Verso la fine del secolo, le discussioni dell’IIEB riguardavano maggiormente l’impatto dell’euro, il crescente mercato dei derivati ​​e le operazioni di fusione e aquisizione tra le grandi banche, scrive la rivista.   «Mentre i creditori europei sono sotto pressione per migliorare le loro valutazioni poco brillanti – essendo rimasti molto indietro rispetto ai loro rivali statunitensi in termini di redditività negli ultimi anni – e con il continente che si prepara ad un’ondata di accordi transfrontalieri da tempo annunciata, l’IIEB sta entrando in una delle sue periodi più importanti da quando è stato fondato all’indomani della Seconda Guerra Mondiale», scrive il giornale.

Aiuta Renovatio 21

Oltre ad essere un forum in cui i migliori finanziatori europei possono scambiarsi idee, l’IIEB funge da club sociale d’élite dove, per tre giorni, i coniugi dei banchieri possono godersi cene di gala, tour privati ​​di monumenti storici e shopping di lusso.   Il rapporto rileva che non c’è stata quasi nessuna copertura mediatica delle attività dell’IIEB durante i suoi oltre settant’anni di esistenza, nonostante l’importanza degli argomenti in discussione.   La storia ricorda da vicino quella della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), un ente bancario transnazionale creato nel dopoguerra a Basilea, in Svizzera) dove confluivano i banchieri centrali del pianeta – in pratica, una sorta di Banca Centrale delle Banche Centrali, di cui nessuno ha mai sentito parlare prima per davvero.   Sull’argomento della BRI esiste libro che ne descrive esistenza e proporzioni, Tower of Basel: The Shadowy History of the Secret Bank that Runs the World (2014)

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
       
Continua a leggere

Misteri

Nuova foto dell’autopsia di Jeffrey Epstein dimostra che non si è ucciso

Pubblicato

il

Da

Il fratello di Jeffrey Epstein, il pedofilo e trafficante sessuale condannato che si sarebbe ucciso in prigione in attesa del processo, ha pubblicato una foto dell’autopsia precedentemente non dichiarata, che, a suo avviso, sfata la versione ufficiale secondo cui il suicidio era la causa della morte.

 

Mark Epstein ha discusso della foto e di altre prove in un’intervista venerdì con la conduttrice del podcast statunitense Megyn Kelly. L’ immagine grafica mostra una grande cicatrice rossa al centro del collo del pedofilo deceduto, che secondo suo fratello non era coerente con i rapporti delle autorità secondo cui si sarebbe impiccato nella sua cella di prigione di New York City.

 

Se Jeffrey Epstein fosse stato trovato appeso alla cuccetta superiore, come riportato, i segni delle legature avrebbero dovuto andare sotto il mento e dietro le orecchie, ha detto suo fratello. «Da quella foto, il segno della legatura sul collo è più al centro del collo e va dritto indietro», ha detto. «In un’impiccagione, arriva molto in alto nella parte anteriore del collo perché sprofondi in quel cappio».

Sostieni Renovatio 21

Jeffrey Epstein è stato trovato morto nella sua cella al Metropolitan Correctional Center di New York nel 2019, mentre era in attesa del processo con l’accusa di traffico sessuale. La sua morte è stata giudicata un suicidio dal capo medico legale della città. Un medico assunto dalla famiglia di Epstein che era presente per l’autopsia ha affermato che alcune prove, comprese fratture multiple al collo, suggerivano che fosse stato assassinato.

 

I dubbi espressi sui risultati ufficiali hanno alimentato la speculazione secondo cui Epstein sarebbe stato ucciso per impedire la possibile esposizione delle persone ricche e politicamente potenti nella sua lista di clienti. I documenti giudiziari precedentemente sigillati di un caso che coinvolgeva una delle presunte vittime del pedofilo sono stati rilasciati il ​​mese scorso ma non contenevano nessuna delle informazioni bomba che alcuni osservatori si aspettavano.

 

Mark Epstein ha ipotizzato che un altro detenuto nella sezione della prigione dove era detenuto suo fratello lo avesse ucciso. La telecamera in quella sezione non funzionava la notte della morte di Epstein, secondo le autorità governative, che si sono rifiutate di rilasciare le riprese di una telecamera fuori dall’ala o di rivelare l’identità degli altri detenuti.

 

«Tutto quello che ho ottenuto da loro, per ogni domanda che ho posto, è stato: “Dopo un’indagine approfondita, abbiamo stabilito che si trattava di un suicidio”», ha detto Mark Epstein. «Questa è stata la risposta che ho ricevuto a ogni domanda». Ha affermato che non sono state seguite le normali pratiche investigative, come lasciare il corpo sul posto fino all’arrivo del medico legale.

 

Mark Epstein ha anche sollevato dubbi sulla foto dell’autopsia delle gambe di suo fratello, che non presentava segni di livido, contrariamente alle affermazioni ufficiali sulla posizione del suo corpo.

 

«Se fosse appeso come hanno detto, ci sarebbero prove di livido nelle gambe e nelle natiche», ha detto.

 

L’uomo aveva mosso le stesse accuse anche in un’intervista a Tucker Carlson un mese fa, mostrando anche un video di come le sue richieste di visura della documentazione pubblica venissero respinte senza motivazioni.

Aiuta Renovatio 21

I misteri attorno alla morte e alla vita di Epstein invece che diradarsi sembrano addensarsi sempre più.

 

Come riportato da Renovatio 21, è emerso che la top model russa Ruslana Korshunova si sarebbe suicidata lanciandosi dal suo appartamento di Nuova York nel 2008, dopo aver visitato la famigerata «pedo-isola» epsteiniana quando aveva solo 18 anni.

 

Due anni fa Jean-Luc Brunel, socio parigino di Epstein esperto in modelle, fu trovato pure lui impiccato in cella.

 

Un anno fa Steven Hoffenberg, finanziere considerato mentore di Epstein, è stato trovato morto nel suo appartamento.

 

Come riportato da Renovatio 21, il caso più inquietante è tuttavia quello di Mark Middleton, ex consigliere di Bill Clinton considerato filo conduttore tra l’ex presidente e il miliardario pedofilo, trovato appeso a un albero con un colpo di fucile al petto all’inizio di maggio 2022 fuori da un ranch in Arkansas.

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Internet

Meta avverte il suo stesso CEO Mark Zuckerberg: potrebbe morire in uno scontro di MMA con Musk

Pubblicato

il

Da

L’interesse di Mark Zuckerberg per il combattimento in gabbia potrebbe avere un «impatto negativo materiale» sugli affari di Meta, nel caso in cui il fondatore di Facebook dovesse subire un grave infortunio o addirittura morire mentre si esercita, il colosso dei social media ha avvertito gli investitori. Lo riporta RT.   Nell’ambito del suo rapporto annuale presentato questo mese alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti per il 2024, Meta – la società madre di Facebook e Instagram – ha avvertito di possibili rischi per la sua attività e potenzialmente per il prezzo delle sue azioni su alcune delle attività curriculari dello Zuckerberg.   «Attualmente dipendiamo dalla continuità dei servizi e dalle prestazioni del nostro personale chiave, incluso Mark Zuckerberg», ha affermato Meta nel rapporto. Aggiunge che Zuckerberg partecipa a «varie attività ad alto rischio, come gli sport da combattimento… che comportano il rischio di lesioni gravi e morte».

Sostieni Renovatio 21

«Se il signor Zuckerberg dovesse diventare indisponibile per qualsiasi motivo, potrebbe esserci un impatto negativo sostanziale sulle nostre operazioni», continua il documento.   Zuckerberg, 39 anni, ha iniziato ad allenarsi nell’arte marziale del Brazilian Ju-Jitsu durante il lockdown del COVID-19, raccontando l’anno scorso al podcaster Lex Fridman che così facendo lo ha portato a essere «picchiato» spesso. Il CEO di Meta ha successivamente iniziato ad allenarsi nelle arti marziali miste (MMA).   L’anno scorso lo Zuckerberg aveva anticipato uno scontro contro il collega magnate Elon Musk a seguito di uno scontro online tra i due, con il CEO dell’Ultimate Fighting Championship (UFC) Dana White che tentava senza successo di formare un accordo per organizzare quello che aveva predetto sarebbe stato «il più grande incontro mai visto nella storia del mondo».   A novembre, Zuckerberg ha rivelato sulla piattaforma Instagram di Meta di aver subito uno strappo a uno dei suoi legamenti crociati anteriori mentre si allenava per un incontro di MMA che, secondo lui, avrebbe dovuto svolgersi all’inizio del 2024.   Una foto di accompagnamento mostrava il magnate dei social media in un letto d’ospedale con pesanti cinghie sulla gamba sinistra, mentre teneva un pugno chiuso. Si prevede che l’infortunio, che ha richiesto un intervento chirurgico, richiederà diversi mesi per guarire, ma ha dichiarato nel post di Instagram che «non vede l’ora» di combattere una volta ripresosi.   Lo Zuckerberg, che è il maggiore azionista di Meta, si è allenato con diversi apprezzati combattenti di arti marziali miste, tra cui i campioni UFC passati e presenti Israel Adesanya e Alexander Volkanovski. Recentemente gli è stata assegnata la cintura blu nel Ju Jitsu brasiliano sotto la guida dell’esperto di arti marziali Dave Camarillo.   In una lunga intervista nel podcast di Joe Rogan, Musk aveva dichiarato di avere anche lui una storia di allenamenti nelle arti marziali, tra cui il Judo, rivelandosi di essersi danneggiato una vertebra cercando di eseguire un lancio Judo contro un lottatore di Sumo che gli amici gli avevano fatto trovare ad una festa di compleanno.

Aiuta Renovatio 21

Il Musk ha altresì rivelato, con dovizia di particolari, i calcoli di fisica che lo spingono a pensare che prevarrebbe comunque sullo Zuckerbergo nonostante le tecniche impiegate. Musk, 52 anni, è alto 1 metri e 88; il suo peso è stato considerato intorno ai 90 chili o più. Il fondatore di Facebook, 40 anni, è invece minuto: è alto 1 metro e 71 e peserebbe 70 chili.   Musk negli anni ha lanciato diverse accuse a Zuckerberg e alla sua piattaforma, suggerendo anche dubbi sul ruolo dei suoi investimenti per «l’integrità elettorali» durante il voto presidenziale americano 2024.   Secondo quanto raccontato dallo stesso imprenditore di Tesla, egli avrebbe parlato per via telefonica con il ministro della Cultura Sangiuliano per avere il colosseo come sfondo per l’incontro di lotta con Zuckerberg.   In un’altra occasione Musk, provando una nuova componente dell’autopilota delle macchine Tesla si sarebbe fatto portare a casa di Zuckerberg a San Francisco, suonando il campanello e domandando di celebrare subito la sfida nel ring domestico del giovane miliardario ebreo del New Jersey. Pare gli sia stato detto che lo Zuckerberg «era via».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube  
Continua a leggere

Più popolari