Connettiti con Renovato 21

Civiltà

Hanno bocciato il referendum che legalizzava l’omicidio. Cheppalle

Pubblicato

il

 

La Corte costituzionale ha giudicato inammissibile il referendum sull’eutanasia, come lo chiamavano tutti. La realtà, al di là della neolingua orwelliana che oramai imperversa senza limiti, è che non si trattava della semplice «eutanasia», ma più specificatamente della legalizzazione degli omicidi di persone consenzienti.

 

Diciamo subito che l’amarezza qui è tanta. Cheppalle. L’Italia ha perso una grande occasione per diventare una Nazione all’avanguardia, per dimostrare di essere il grande laboratorio politico che è.

 

L’Olanda, il Belgio, possono pure fare tutte le eutanasie che vogliono a vecchi e bambini, ma noi avremo avuto la legalizzazione dell’omicidio. Tiè, superati in un solo colpo, con lo stesso slancio con cui, con il green pass che a breve diverrà portafogli di valuta digitale, supereremo la Cina e il suo credito sociale da totalitaristi dilettanti.

 

Va bene. Il lettore penserà che questa cosa della «legalizzazione dell’omicidio» è un’iperbole di questo sito estremista. Invece, lo ha riconosciuto anche la Consulta presieduta dall’ex premier Giuliano Amato, detto anche «Dottor Sottile».

 

La Corte ha ritenuto inammissibile il quesito perché «a seguito dell’abrogazione, ancorché parziale, della norma sull’omicidio del consenziente, cui il quesito mira, non sarebbe preservata la tutela minima costituzionalmente necessaria della vita umana, in generale, e con particolare riferimento alle persone deboli e vulnerabili».

La Corte ha ritenuto inammissibile il quesito perché «a seguito dell’abrogazione, ancorché parziale, della norma sull’omicidio del consenziente, cui il quesito mira, non sarebbe preservata la tutela minima costituzionalmente necessaria della vita umana, in generale, e con particolare riferimento alle persone deboli e vulnerabili»

 

Il fatto che lo abbia riconosciuto perfino l’altissimo organo giudiziario nazionale non è un colpo di fortuna: è che era proprio così.

 

Il quesito , chiamato «Abrogazione parziale dell’art. 579 del codice penale (omicidio del consenziente)» recitava: «Volete voi che sia abrogato l’art. 579 del codice penale (omicidio del consenziente) approvato con R.D. 19 ottobre 1930, n.1398, comma 1 limitatamente alle seguenti parole “la reclusione da 6 a 15 anni”; comma 2 integralmente; comma 3 limitatamente alle seguenti parole “Si applicano”?».

 

Traduciamo dal gergo referendario.

 

Riportiamo l’attuale testo dell’articolo 579 del Codice Penale, con barrate le parole che il referendum avrebbe eliminato:

 

Chiunque cagiona la morte di un uomo, col consenso di lui, è punito con la reclusione da sei a quindici anni.

Non si applicano le aggravanti indicate nell’articolo 61.

Si applicano le disposizioni relative all’omicidio [575-577] se il fatto è commesso:

  1. Contro una persona minore degli anni diciotto;
  2. Contro una persona inferma di mente, o che si trova in condizioni di deficienza psichica, per un’altra infermità o per l’abuso di sostanze alcooliche o stupefacenti;
  3. Contro una persona il cui consenso sia stato dal colpevole estorto con violenza, minaccia o suggestione, ovvero carpito con inganno [613 2].

 

In pratica, salvo casi di minorenni, ubriachi, ritardati, ricattati o minacciati, sarebbe diventato legale uccidere qualcuno d’accordo con il proprio assassinio.

 

In pratica, salvo casi di minorenni, ubriachi, ritardati, ricattati o minacciati, sarebbe diventato legale uccidere qualcuno d’accordo con il proprio assassinio

Sarebbe stato omicidio solo se la persona è mentalmente minorata o forzata ad essere a dare l’assenso alla sua morte. Altrimenti niente reato.

 

Secondo i promotori, così com’è la norma penale sull’omicidio del consenziente sono un grande ostacolo all’introduzione dell’Eutanasia legale nel Bel Paese. Non hanno mica torto: il reato esiste per proteggere la società dagli omicidi di persone con intenzioni più o meno suicide (sapete, quella tentazione, in tantissime occasioni, passa).

 

Quindi, a tutti gli effetti, la legalizzazione dell’omicidio, ancorché di una persona che vuole farsi uccidere. Si tratta, in modo incontrovertibile, del possibile primo passo verso la legalizzazione dell’omicidio tout court. L’assassinio pure e semplice, divenuto lecito – anzi divenuto un diritto, come lo sarebbe diventato il suicidio per mano altrui, cioè l’omicidio del consenziente.

 

Se pensate che stiamo scherzando, non avete capito niente. O meglio, avete letto solo distrattamente Renovatio 21. O Quantomeno non avete mai sentito parlare di pendìo scivoloso, o di Finestra di Overton, rane bollite, etc.

Sarebbe stato omicidio solo se la persona è mentalmente minorata o forzata ad essere a dare l’assenso alla sua morte. Altrimenti niente reato

 

Il mondo è pieno di persone che vogliono morire, anche nei modi più atroci. Il mondo è altresì stracolmo di persone con la fregola di uccidere – una volta si imboscavano tra i soldati in guerra, ora qualcuno dice che i casi di infermieri «angeli della morte» o di certi poliziotti sadici sono l’equivalente.

 

Ad ogni modo, chiunque capisce che l’incontro tra le due categorie è inevitabile. È, tecnicamente, un mercato: si toccano la domanda e l’offerta. Anzi, vi do un’idea per quando l’omocidio consenziente sarà legalizzato (perché sarà legalizzato): lanciate una piattaforma web di incontro tra assassini e suicidi. Codici di sconto. Pagamenti online, con carta di credito, paypallo o anche criptovaluta, con una fee del 10% che va alla piattaforma. Codici di sconto, buoni regalo. Promozioni: «invita a morire un amico». Sconti famiglia: il quarto omicidio è gratis.

 

Scherziamo, ma fino ad un certo punto. Con l’omicidio consenziente liberato, è inevitabile che spunti un mercimonio onnipresente, quanto legale, della morte. Perché, davvero, c’è tanta gente che non ha voglia di vivere – ed è un tratto saliente del nostro tempo, il tempo della Grande Depressione interiore. E c’è, davvero, tanta gente che non vede l’ora di essere libera di uccidere.

 

Dite che è fantascienza? Maddeché. Facciamo degli esempi concreti.

Il mondo è pieno di persone che vogliono morire, anche nei modi più atroci. Il mondo è altresì stracolmo di persone con la fregola di uccidere. Chiunque capisce che l’incontro tra le due categorie è inevitabile. È, tecnicamente, un mercato: si toccano la domanda e l’offerta

 

Anni fa la Germania, civile e felice locomotiva d’Europa, annotò ripetuti episodi di «cannibalismo consenziente».

 

Il plot è: due si incontrano su un forum apposito (l’embrione della piattaforma di morte a pagamento che vi abbiamo suggerito sopra), in genere uno si vuol far mangiare, l’altro invece desidera la scorpacciata.

 

Si trovano a casa di uno dei due (immaginate la cortesia e l’ordine teutonici: toc toc. «Ja?» «Guten tag, sono io, der Kannibal» «Guten tag! La stavo aspettando, entri pure, bitte») e poi pare tutta la performance culinaria.

 

La quale performance culinaria, nel caso dell’antropofago ex informatico dell’esercito federale tedesco Armin Meiwes (detto anche «il cannibale di Rotenburg an der Fulda») ha dettagli solitamente agghiaccianti: il mangiato, l’ingegnere elettronico bisessuale Bernd Jürgen Brandes,  venne riempito di antidolorifici, e partecipò alle prime fasi del banchetto. Brandes, infatti, chiese a Meiwes di mutilargli il membro, per poi assaggiarlo come pietanza alimentare.

 

I due, che si erano conosciuti su un sito segreto e visti a casa di Meiwes, procedettero a cucinare il pene saltandolo con sale e olio, offrendone generosamente anche una parte ai cani del Brandes.

 

Sì, insomma, autofagia consenziente: non ci avete mai pensato ma c’è anche quella.

Anni fa la Germania, civile e felice locomotiva d’Europa, annotò ripetuti episodi di «cannibalismo consenziente»

 

Tuttavia la cosa che mi ha sempre disturbato di più è la rivelazione della stampa per cui il Meiwes leggeva un libro di Star Trek mentre attendeva che l’altro si dissanguasse in vasca da bagno. Dopo tre ora, Meiwes baciò Brandes e lo sgozzò. Era consenziente.

 

Quindi, Meiwes squartò il cadavere del consenziente per metterne le carni in frigo, seppellendo gli scarti nel giardino. Del procedimento di macellazione del consenziente, la Polizei trovò documentazione video. Per oltre dieci mesi, mangiò le carni del Brandes a suo piacimento tirandole fuori dal congelatore. Il morto era consenziente anche per quello, probabilmente, visto che aveva pure espresso il desiderio che fosse creato un posacenere a partire dal suo cranio.

 

Dopo essere stato arrestato nel 2002  – lo scopersero solo per la soffiata di un giovane austriaco che aveva notato che sul sito era tornato a caccia di carne umana – fu processato di omicidio preterintenzionale, perché, appunto, la vittima era consenziente. Gli avvocati chiesero l’infermità mentale, ma non fu concessa. La condanna fu comunque assai mite: 8 anni. Un tribunale tedesco poi ordinò un appello, che comminò l’ergastolo cambiando l’accusa in omicidio volontario a sfondo sessuale. Venne anche affermata la mancanza di consenso da parte di Brandes. Ma era davvero così?

 

Meiwes, che in carcere è divenuto vegetariano, ha scritto nella sua autobiografia che in Germania vi sarebbero almeno 800 cannibali. È facile pensare che molti di essi soddisfino la loro immonda pulsioni andando alla ricerca di prede consenzienti.

 

Un decennio dopo si ebbe il caso di Detlev Guenzel, poliziotto tedesco che uccise e sminuzzò il cadavere di Wojciech Stempniewicz, membro della CDU, il partito democristiano tedesco – particolare che fa riflettere: i democristiani finiscono sempre per farsi mangiare, politicamente e, a questo punto, pure stricto sensu.

 

I due, come sempre, si erano conosciuti su un sito per feticisti del cannibalismo. Il democristiano sarebbe stato imbavagliato, legato e appeso in cantina, quindi accoltellato e passato con la sega elettrica dal poliziotto. Lo stato dei resti dell’uomo hanno impedito agli inquirenti di ricostruire la morte. Nonostante i sospetti degli inquirenti, nessun segno, tuttavia, può provare che avesse mangiato qualche parte del politico CDU.

 

Al processo, il difensore di Guenzel insistette sul fatto che la vittima aveva espresso chiaramente il desiderio di morire, «donandosi» così all’entusiasta carnefice. Alla corte è stato detto che Stempniewicz voleva essere assassinato e poi mangiato «per soddisfare i suoi desideri sessuali». Insomma, un altro «consenziente».

 

Di fatto, ecco che anche a lui fu comminata una prima sentenza piuttosto lieve: anche qui, 8 anni. La Corte federale di giustizia aveva ribaltò il primo verdetto che riteneva troppo indulgente per una condanna per omicidio. A seguito di un nuovo processo iniziato all’inizio di novembre 2013, un tribunale regionale della città orientale di Dresda ha concordato con il verdetto iniziale di non infliggere la pena massima di 15 anni perché la vittima aveva un desiderio di morte – cioè, era consenziente. Guenzel fu quindi condannato a 8 anni e setti mesi. Sentenza inoppugnabile. Immaginiamo, quindi, che oggi il poliziotto assassino di consenziente sia fuori.

 

Voi dite che stiamo pescando esempi lontani, orripilanti e spettacolosi.

 

Ma no. I casi in Italia sarebbero già migliaia. Alcuni sono già sotto i riflettori.

 

La scorsa estate si ipotizzò un caso di omicidio di consenziente in Sicilia. Un ragazzo 26enne, forse triste per non essere riuscito ad entrare in Polizia, venne ritrovato sulla spiaggia ucciso da un colpo della sua arma da fuoco, legalmente detenuta per uso sportivo. Un suicidio, pareva a tutti. Poi però gli inquirenti cambiarono rotta: forse a sparare potrebbe essere stato un amico minorenne, finito quindi indagato per il reato di «omicidio del consenziente». È inutile dire che, se fosse passato il referendum, il suo caso sarebbe stato diverso: se il consenziente vuole essere ucciso, e non è incapacitato nella sua decisione, non c’è omicidio, non c’è reato. Punto.

Ora, il lettore può immaginare quanti cannibali di democristiani, quanti amici assassini salterebbero fuori con la legalizzazione

 

Ora, il lettore può immaginare quanti cannibali di democristiani, quanti amici assassini salterebbero fuori con la legalizzazione.

 

È per questo che, vi diciamo, ci dispiace molto della bocciatura della Consulta.

 

Abbiamo tutti capito qual è la direzione di ogni nazione del mondo moderno: l’Inferno, la costruzione di una società retta da leggi infernali, diaboliche, anticristiche.

 

Quindi, se l’Italia avesse avviato la legalizzazione dell’omicidio, si sarebbe subito proiettata nel futuro. In Belgio c’è l’eutanasia dei bambini, purché (anche lì…) «consenzienti»? Tssse, in Italia uccidiamo gente a tutte le età. In Olanda, dato 2020, una persona su 25 è morta di eutanasia? Tssse, noi italiani in qualche mese frantumiamo il record neerlandese con il mignolo della mano sinistra.

Abbiamo tutti capito qual è la direzione di ogni nazione del mondo moderno: l’Inferno, la costruzione di una società retta da leggi infernali, diaboliche, anticristiche.

 

L’Italia, grande laboratorio politico, intuiva il filosofo Augusto Del Noce. L’Italia, diciamo noi, come avanguardia della Necrocultura, il sistema operativo installatosi in ogni nazione del mondo: la Cultura della Morte per cui ogni idea che miri a degradare, pervertire, uccidere, diminuire gli esseri umani deve essere sostenuta e realizzata.

 

È un grande dolore per chi sogna una slatentizzazione definitiva della Necrocultura. Oggi come oggi, gli omicidi in Italia si possono fare solo con gli aborti e gli espianti di organi su cosiddetta «morte cerebrale»: in ambo in casi si tratta di esseri umani con il cuore che batte, per cui, per quanto mi riguarda, sono omicidi, e sono legali, anzi in alcuni casi sono incoraggiati, e garantiti dal danaro del contribuente, statalizzati. Omicidi di Stato. A frotte. In continuazione. In questo stesso momento.

 

Tuttavia, pensate a quanta iniziativa privata, come quella che vi abbiamo descritto, si sarebbe liberata con la legalizzazione dell’omicidio del consenziente. La possibile privatizzazione dell’omicidio: e sappiamo quanto al potere italiano piacciano le privatizzazioni.

 

Pensate che scherziamo. Oppure pensate che, alla fine, si tratterebbe soltanto di una mutazione sociale di poco conto, alla quale, alla fine, ci abitueremo. Di fatto, si faranno uccidere solo vecchi e malati, magari qualche depresso, se ci scappa anche qualche cuore infranto. Facciano quello che vogliono. A noi cosa cambia? Chi sono io per giudicare?

Pensate a quanta iniziativa privata si sarebbe liberata con la legalizzazione dell’omicidio del consenziente. La possibile privatizzazione dell’omicidio: e sappiamo quanto al potere italiano piacciano le privatizzazioni

 

Vogliamo invece farvi un quadretto ipotetico.

 

Immaginatevi un’altra emergenza, non più epidemica, ma climatica. I giornali non parlano d’altro, i politici nemmeno – vi ricordiamo, en passant, che la settimana scorsa l’ambientalismo è entrato nella nostra Costituzione, con unanimità pressoché totale del Parlamento e nessun dibattito pubblico sul tema.

 

Immaginate che comincino a dirvi: l’uragano Tizio, è colpa del cambiamento climatico, lo dicono gli scienziati. La siccità è colpa del cambiamento climatico, fidati della scienza. L’eruzione del vulcano filippino, è colpa del cambiamento climatico, c’è consenso scientifico. Il terremoto, è colpa del cambiamento climatico, lo dice l’ONU. Politici e media ripetono la formula fino all’ipnosi o alla psicosi, come avete visto sono capaci di fare.

Immaginatevi un’altra emergenza, non più epidemica, ma climatica. Ecco che propongono l’eutanasia volontaria di cittadini sorteggiati per ridurre il Climate Change. Magari offrendo un milione in euro digitale e un anno di vita al massimo.

 

Lo sapete già: «cambiamento climatico» è la foglia di fico che mettono per non dire più una parola che ha stufato, sovrappopolazione. Quindi, accetteremo tutti, come abbiamo accettato la siringa mondiale mRNA, che siamo noi esseri umani la causa del problema e qualcosa va fatto.

 

Sterilizzazioni di massa? Perché no, sappiamo come si fanno, ne hanno fatte nel secolo scorso negli USA, in Canada, in India

 

Ma basterà? No. Un po’ come dicono i fautori della geoingegneria solare (cioè, oscurare il cielo, indomito progetto harvardiano finanziato da Bill Gates), per placare il riscaldamento ridurre la produzione e il consumo non basterà: bisogna agire più attivamente oscurando il sole. Anche qui si dirà: impedire alle future generazioni di nascere, non sarà abbastanza. Bisogna sfoltire già ora il numero dei viventi.

 

Ecco che propongono l’eutanasia volontaria, o l’omicidio del consenziente. Una parte della popolazione, lo dice la scienza, va sacrificata al cambiamento climatico, come del resto facevano gli antichi.

E quindi, ecco gli incentivi giusti per lasciarsi uccidere – per diventare assassinati consenzienti, parti del «genocidio consenziente» di cui la pandemia è la prova generale

 

Chi dovrà offrirsi in Olocausto per scongiurare catastrofi e lockdown? Magari i meno bravi. I meno belli. I meno abbienti. I meno allineati. Oppure, no. Qualcosa di più equo, estrazioni randomatiche: sei stato scelto per offrirti in sacrificio per il bene collettivo.

 

C’è un grosso motivo per cui dovresti accettare: i soldi. Nel tuo wallet elettronico (quello creatosi con il green pass), ti versano un milione in euro digitale, e ti danno un anno per spenderlo prima di acconsentire ad essere terminato. Sono tanti buoni motivi per accettare: c’è quello che si spara finalmente il viaggio in Tailandia che ha sempre sognato, il migliore albergo di Phuket, festoni senza limite. C’è chi vuole lasciare i soldi al figlio piccolo (sempre che abbiano consentito la sua esistenza). C’è chi vuole darli in eredità alla madre malata, sperando di salvarla dall’eutanasia per i tumorati. C’è chi lo fa perché non crede in niente, e qualche decennio in più o in meno nella vita non gli cambia nulla, anzi. C’è chi lo fa invece perché crede nella neochiesa, che promuoverà l’eutanasia climatica come atto d’amore cristiano. C’è chi lo fa perché, semplicemente, obbedisce agli ordini – quanti ne stiamo vedendo oggi…

 

E quindi, ecco gli incentivi giusti per lasciarsi uccidere – per diventare assassinati consenzienti, parti del «genocidio consenziente» di cui la pandemia è la prova generale.

Gratta la Civiltà, e ci trovi sotto la barbarie. Gratta la vita, e ci trovi sotto la Morte massiva. Gratta la legge naturale, e sotto ci trovi l’Inferno.

 

Ciò che scrivo qui sopra non è più di tanto frutto di invenzione. Sono oramai conosciuti  i casi dei giovani olandesi che fanno una mega-festa prima dell’eutanasia organizzata. Nel documentario Moth («falena»), passato dalla TV di Stato olandese, si  vede una ragazza, afflitta da una malattia che non dichiarano, decidere di essere eutanatizzata il giorno del suo 26 compleanno. Seguono immagini di brindisi in discoteca con gli amici. «Vorrei lasciare la vita felicemente. Preferisco farlo a 26 anni piuttosto che a 30 dopo anni di sofferenza».

 

L’idea che della gente vada a festeggiare qualcuno che stia per lasciarsi uccidere personalmente ci mette in cortocircuito il cervello. Pazienza, forse è un problema nostro: in moltissimi, invece, saranno pronti ad abbracciare la pratica, un nuovo sacramento con le sue celebrazioni collaterali, come le cresime e le prime comunioni.

 

Abbiamo capito. Renovatio 21 lo ripete spesso. Gratta la Civiltà, e ci trovi sotto la barbarie. Gratta la vita, e ci trovi sotto la Morte massiva. Gratta la legge naturale, e sotto ci trovi l’Inferno.

Ogni omicidio è, in fondo, un sacrificio umano. E cioè il contrario del sacrificio divino, quello di Dio per gli uomini, quello che ha iniziato la Civiltà cristiana ora sul punto di essere rovesciata del tutto

 

Sì, l’Inferno avanza sulla Terra con la cancellazione della legge naturale. Mai come oggi, con il COVID, ne abbiamo dimostrazione.

 

La Necrocultura è installata negli Stati e nelle menti degli uomini. Tutto è predisposto perché sia volta legalizzato davvero l’omicidio.

 

Perché?

 

Perché ogni omicidio è, in fondo, un sacrificio umano. E cioè il contrario del sacrificio divino, quello di Dio per gli uomini, quello che ha iniziato la Civiltà cristiana ora sul punto di essere rovesciata del tutto.

Secondo voi, questi sacrifici, a chi vengono offerti? E quindi, i nostri padroni, chi stanno servendo?

 

E quello che la Necrocultura sta facendo – dagli aborti per i topi umanizzati alla predazione degli organi, dagli embrioni sintetici ai vaccini mRNA, dai suicidi medicalizzati alle inesauste minacce di guerra termonucleare – altro non è se il progressivo ritorno del sacrificio umano.

 

Facciamo un’ultima domanda: secondo voi, questi sacrifici, a chi vengono offerti?

 

E quindi, i nostri padroni, chi stanno servendo?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Immagine di pandapaco via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0 Unported (CC BY-NC-ND 3.0)

 

 

 

Civiltà

L’anarco-tirannia uccide: ieri ad Udine, domani sotto casa vostra

Pubblicato

il

Da

È morto Shinpei Tominaga, l’imprenditore giapponese – ma italiano d’adozione – colpito da un pugno a Udine mentre tentava di sedare una rissa.

 

L’uomo è mancato in ospedale dove era tenuto in vita dalle macchine. Il giapponese, che tentava di mettere fine ad un pestaggio che si stava consumando davanti ai suoi occhi, sarebbe stato colpito da un pugno sferrato da un 19enne veneto. Secondo quanto riportato, il ragazzo avrebbe confessato.

 

Il giovane veneto si sarebbe accompagnato da due amici, uno con un nome apparentemente nordafricano, un altro con un cognome che pare ghanese. Si tratta, secondo una TV locale, di una «banda ben nota», che «all’inizio era una baby gang che ora non è più così baby, anzi, ed è di una grande pericolosità per tutti i cittadini». Il trio si sarebbe scontrato «con due ucraini residenti a Pescara, in città per lavoro in un cantiere edile».

Iscriviti al canale Telegram

Secondo RaiNews, il GIP «ha convalidato l’arresto per rissa aggravata di tutti e cinque i partecipanti».

 

La dinamica dei fatti sarebbe stata ricostruita dalla Questura «grazie ai testimoni e alle telecamere, pubbliche e private», scrive il sito della radiotelevisione pubblica italiana.

 

«Poco dopo le 3, due dei ragazzi veneti fumano per strada, conversando tranquillamente con i due ucraini. Sopraggiunge il terzo amico e cerca subito uno scontro fisico. Seguono degli spintoni». Uno degli ucraini «viene colpito con un pugno, rovina a terra, dove viene picchiato con pugni, calci e con la sedia di un bar».

 

«Uno dei tre corre a prendere un coltello da cucina nel bed and breakfast in cui alloggiavano, poco distante».

 

«Interviene una donna di passaggio, termina la prima fase dell’aggressione. I due ucraini si rifugiano nel vicino ristorante kebab. Vengono inseguiti dai tre ventenni».

 

È qui che avviene l’incontro fatale con l’imprenditore giapponese.

 

«Tominaga chiede loro di stare tranquilli, lasciar perdere. Un pugno al volto, e il 56enne cade per terra e sbatte violentemente la testa, finendo in arresto cardiaco». Non basta: sarebbero stati «aggrediti – anche con uno sgabello – i due amici che erano con Tominaga».

 

«I tre avevano già precedenti, a vario titolo, per rapina, lesioni e minacce».

 

Per quanto riguarda invece gli ucraini, «niente misura cautelare in carcere. Per uno di loro disposto il divieto di dimora in Friuli Venezia Giulia».

 

A parte il ragazzo che avrebbe sferrato il cazzotto fatale, parrebbe quindi una rissa tra immigrati. Una delle tante che si consumano, finendo al massimo in un trafiletto di cronaca locale (ma spesso neanche quello), in aree urbane oramai divenute preda della prepotenza dei «migranti» – le zone, in cui, generalmente, abbondano di kebabbari.

 

Stavolta però la notizia sta avendo eco nazionale, perché c’è scappato il morto, sul quale vogliamo dire due parole.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Con Shinpei – che i giornali chiamano Shimpei, con la «m»: nella lingua giapponese il suono «mp» non esiste, ma non è escluso che se lo fosse italianizzato lui stesso – il nostro Paese non perde poco.

 

Innanzitutto, ricordiamo il suo lavoro: export di mobili verso il Giappone. Il mobile, in particolare la sedia, trova in Friuli un distretto di eccellenza, distrutto negli ultimi due decenni dalla concorrenza cinese. Tuttavia chi cerca la qualità della manifattura non si può far incantare dalla merce a buon mercato dei mandarini: il popolo del Sol Levante è noto per la sua appassionata pignoleria, da cui proviene il suo rispetto per l’Italia.

 

Shinpei, quindi, per l’Italia faceva un lavoro inestimabile: teneva in vita l’economia del prodotto di qualità, di per sé una vera resistenza alla globalizzazione, cioè alla cinesizzazione, che ha devastato la piccola e media impresa dell”Alta Italia consegnandoci all’incubo di disintegrazione della classe media e di deindustrializzante che stiamo vivendo.

 

Di più: Shinpei, che aveva la famiglia in Giappone, in realtà l’Italia la conosceva bene, e con probabilità l’amava davvero. Era cresciuto a Roma, dove il padre Kenichi Tominaga commercializzava i cartoni giapponesi divenuti centrali per l’infanzia di tanti italiani: con Orlando Corradi aveva fondato una casa di distribuzione chiamata Doro TV Merchandising, la cui sigla con il cagnolino è nei ricordi di moltissimi, che vendeva gli anime ai network televisivi pubblici e privati italiani. Goldrake e Conan li ha portati da noi il babbo di Shinpei.

 

Pezzi di storia, pezzi di relazioni vere, e profonde, tra due Paesi sviluppati, l’Italia e il Giappone, terminati dalla barbarie presente, che ora tocca senza problemi anche le città di provincia.

 

No, non si è al sicuro anche nella tranquilla cittadina a statuto speciale, nemmeno se sei con tre amici per strada, nemmeno se ti offri di aiutare un ragazzo insanguinato. Quello che ti aspetta, uscito di casa nell’Italia contemporanea, è la morte – un sacrificio gratuito sorto dalla fine della civiltà in Europa.

 

Su Renovatio 21 abbiamo adottato il concetto, introdotto nei primi anni Duemila dallo scrittore statunitense Samuel Todd Francis (1947-2005), chiamato «anarco-tirannia», cioè quella sorta di sintesi hegeliana in cui lo Stato moderno regola tirannicamente o oppressivamente la vita dei cittadini – tasse, multe, burocrazia – ma non è in grado, o non è disposto, a far rispettare le leggi fondamentali a protezione degli stessi. La rivolta etnica delle banlieue francesi della scorsa estate ne sono l’esempio lampante, lo è anche, se vogliamo, il grottesco e drammatico video in cui il poliziotto tedesco attacca il connazionale che stava tentando di contrastare un immigrato armato di coltello, il quale per ringraziamento pugnala e uccide lo stesso poliziotto.

 

C’èst à dire: nella condizione anarco-tirannica, il fisco ti insegue ovunque, la giustizia ti trascina in tribunale perché non portavi la mascherina o perché hai espresso idee dissonanti, ma se si tratta di fermare il ladro, il rapinatore, etc., non sembra che nessuno, viste le percentuali di reati rimasti impuniti, faccia davvero qualcosa. E qualora prenda il criminale, ben poco viene fatto perché il crimine non sia ripetuto. Nel caso presente, i tre fermati, ribadiamo, «avevano già precedenti, a vario titolo, per rapina, lesioni e minacce».

 

La legge, le forze dell’ordine, lo Stato non sembrano aver fatto moltissimo per fermare il crimine, e convertire il criminale, che prosegue ad agire come in assenza di un potere superiore a lui – appunto, l’anarchia. Anarchia per i criminali, tirannide per i cittadini comuni, incensurati, onesti, contribuenti. Va così.

 

Al di là dell’amarezza, è il caso di comprendere cosa significa materialmente – cioè, biologicamente – l’avvio dell’anarco-tirannia per le vostre vite. L’anarco-tirannide produce giocoforza la vostra insicurezza, perché minaccia direttamente i vostri corpi. Lo stato di anarchia è quello in cui, non valendo alcuna autorità, la violenza non può essere fermata.

 

Se ci fate caso, in tanti teorici dell’anarchia spunta ad un certo punto quest’idea del mondo che va portato verso il baccanale dionisiaco, con l’orgia e la violenza come grottesco strumento per testimoniare la supposta libertà dell’essere umano, slegato da ogni legge anche morale. Non è il caso che gli scritti di uno massimi teorici dell’anarchismo odierno, siano stati accusati di essere pedofili.

Sostieni Renovatio 21

E quindi, uscire di casa, per un bicchiere con gli amici, è di per sé un’azione pericolosa. La strada, la vita quotidiana stessa, diventa una minaccia. È già così in tante aree cittadini: circolarvi di notte è qualcosa di pericoloso. Ecco la formazione delle no-go zones, che sono – se mai ce n’era ulteriore bisogno – la dimostrazione fisica della possibilità di lasciare che si neghi la Costituzione, la nel suo articolo 16 prevede la libera circolazione dei cittadini su tutto il suolo nazionale.

 

Qui, nel contesto di aggressioni continue e randomatiche, non vi è solo la vostra incolumità fisica, in gioco: c’è la vostra natura morale ad essere pervertita, perché – come nella tragedia di Udine – le virtù cristiane, come tentare di terminare un conflitto o aiutare qualcuno in difficoltà, viene punita con il sangue.

 

È la fine dello stato di diritto, e al contempo della legge naturale, della fibra morale che unisce la società. È l’instaurazione del regime del più forte, trionfo ideale del nazismo, dove il debole deve accettare di essere sacrificato dall’aggressore vittorioso. È un’espressione che forse avete sentito dire a qualche bullo delle medie quando, oltre che l’obbiettivo, finiva per picchiare qualcun altro: «si è messo in mezzo».

 

Nel mondo nuovo, decristianizzato dall’immigrazione, dallo Stato e dal papato stesso, chi fa da paciere può finire ucciso. Quindi, meglio farsi gli affari propri, non intromettersi…

 

«Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinunzino all’azione», è un aforisma falsamente attribuito al filosofo settecentesco Edmund Burke, che tuttavia contiene una verità incontrovertibile. In una situazione di rischio fatale, chi mai ha voglia di fare la cosa giusta, e aiutare il prossimo?

 

Ecco raggiunto il vero scopo del processo dell’anarco-tirannide. Una società atomizzata, dove la paura costante del prossimo, dove l’ansia primaria per la sopravvivenza previene la possibilità della coesione sociale, così da lasciar liberi i padroni del vapore di far quel che vogliono senza timore di resistenza popolare.

 

Una società divenuta preda del malvagio è una società che può essere manipolata a piacimento. Nessun gruppo umano si oppone ai comandi del vertice, per quanto soverchianti e contraddittori: e lo abbiamo visto in pandemia. Quindi l’anarco-tirannia è, diciamo, una fase del Regno Sociale di Satana.

 

E quindi, cosa dobbiamo fare?

 

Quale politica per prevenire che le nostre vite divengano incubi?

 

Facciamo qualche semplice proposta.

 

Innanzitutto, si deve andare oltre al rifiuto più assoluto l’immigrazione: si deve chiedere, secondo una parola sempre più usata nel mondo germanofono, la remigrazione. Milioni e milioni di migranti, portati qui per infliggerci questa ingegneria sociale del male, vanno espulsi dal Paese, e questo a costo di svuotare interni quartieri.

 

Secondo: si deve istituire una forma di punizione dura al punto da essere considerata un vero deterrente: la galera, al momento, non lo è. Ricordiamo che, per quanto possano aver detto preti e papi postconciliari, la pena di morte non è contraria alla dottrina cattolica. E ricordiamo che i lavori forzati, che aiuterebbero economicamente il Paese, darebbero finalmente un senso all’esistenza dei carcerati: in passato si è detto che non è possibile farli lavorare davvero perché nella Costituzione, segnata dalla mentalità sovietica dei padri costituenti PCI permessa dai padri costituenti DC – c’è scritto che il lavoro va retribuito. Noi qui rammentiamo che anche quel tabù lo abbiamo perso: la Costituzione, negli ultimi anni, è stata violata in ogni modo.

 

Terzo: è necessario che qualcuno si intesti davvero il discorso politico sul porto d’armi inteso come nel concetto americano di carry: vi sono stati americani in cui si ha l’open carry, ossia la possibilità di circolare per strada visibilmente armati, in altri si ha il concealed carry, dove l’arma può essere portata seco quando nascosta. È inutile evitare il pensiero, nella giungla anarco-tirannica, l’unica deterrenza, e oltre l’unica forma di difesa, potrebbe divenire l’essere armati sempre ed ovunque – cosa triste ed orrenda, forse, ma anche qui, va così.

 

Purtroppo, causa di recenti incresciosi episodi consumatisi nel capodanno di parlamentari di Fratelli d’Italia, è difficile che il governo Meloni voglia avventurarsi in questa direzione, che pure dovrebbe essere la sua. C’è da ringraziare chi, secondo quanto ricostruito, avrebbe avuto l’idea geniale di tirare fuori una pistola in pubblico…

 

Quanto ai tempi che ci aspettano, abbiamo iniziato a scriverne un paio di anni fa. Quando terminerà la guerra ucraina, una quantità di veterani di Kiev, tra cui i molti tatuati neonazisti, potrebbero finire da noi. Forse esiliati, forse solo in tour a trovare la mamma, la zia, la sorella badante. Difficile che, a questo punto, quei ragazzi non si raggrupperanno in bande amalgamate da lingua, storia, esperienza (chi ha fatto la guerra insieme, non si molla mai) e credenza fanatico-religiosa nell’ideale ucronazista.

Aiuta Renovatio 21

C’è da dire che forse arriveranno anche armati, perché la quantità di armi inviate da USA e Paesi NATO – già finite a mafie in Finlandia, in Spagna, ai narcos in Messico, ai terroristi in Siria – è talmente vasta che qualcosa resterà con loro. A differenza del tranquillo contribuente italiano, la futura banda post-bellica – fenomeno cui abbiamo assistito negli anni Novanta con i gruppi di veterani della guerra di Bosnia che assaltavano le ville – sarà armata fino ai denti.

 

La situazione che si ingenererà per la giungla fuori da casa vostra ha un nome: gli strateghi dell’ISIS, nel loro mirabile manuale, la chiamavano Idarat at-Tawahhus, cioè «gestione della barbarie», o «gestione della ferocia».

 

I jihadisti teorici dello Stato Islamico concepivano il crollo di uno Stato come l’apertura di possibilità immani: dopo una prima fase che definivano «vessazione e potenziamento» – dove si estenua la popolazione di un territorio con estrema violenza e paura – si fa partire una seconda fase, dove, sulla scia del crollo dell’ordine dello Stato e l’instaurazione di una «legge della giungla» sempre più belluina, prevale tra i sopravvissuti pronti ad «accettare qualsiasi organizzazione, indipendentemente dal fatto che sia composta da persone buone o cattive».

 

Appunto: «fatti gli affari tuoi». «Non ti immischiare».

 

Siamo davvero disposti ad accettare la trasformazione della società in un incubo satanico?

 

Davvero vogliamo assistere alla fine della civiltà guardando inani dalla finestra, e pregando che il caos non arrivi a trucidare anche noi ed i nostri cari?

 

Quali gruppi umani possono davvero opporsi a questo processo di morte e distruzione?

 

Domande a cui bisogna rispondere quanto prima. Nel frattempo, le brave persone, gli innocenti, i virtuosi, vengono ammazzati, sacrificati all’altare dell’anarco-tirannide progettata per sottomettervi.

 

Roberto Dal Bosco

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine d’archivio generata artificialmente

Continua a leggere

Civiltà

Tecnologia e scomparsa della specie umana: Agamben su progresso e distruzione

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo scritto di Giorgio Agamben apparso sul sito dell’editore Quodlibet su gentile concessione dell’autore.   Quali che siano le ragioni profonde del tramonto dell’Occidente, di cui stiamo vivendo la crisi in ogni senso decisiva, è possibile compendiarne l’esito estremo in quello che, riprendendo un’icastica immagine di Ivan Illich, potremmo chiamare il «teorema della lumaca».   «Se la lumaca», recita il teorema, «dopo aver aggiunto al suo guscio un certo numero di spire, invece di arrestarsi, ne continuasse la crescita, una sola spira ulteriore aumenterebbe di 16 volte il peso della sua casa e la lumaca ne rimarrebbe inesorabilmente schiacciata».   È quanto sta avvenendo nella specie che un tempo si definiva homo sapiens per quanto riguarda lo sviluppo tecnologico e, in generale, l’ipertrofia dei dispositivi giuridici, scientifici e industriali che caratterizzano la società umana.   Questi sono stati da sempre indispensabili alla vita di quello speciale mammifero che è l’uomo, la cui nascita prematura implica un prolungamento della condizione infantile, in cui il piccolo non è in grado di provvedere alla sua sopravvivenza. Ma, come spesso avviene, proprio in ciò che ne assicura la salvezza si nasconde un pericolo mortale.   Gli scienziati che, come il geniale anatomista olandese Lodewjik Bolk, hanno riflettuto sulla singolare condizione della specie umana, ne hanno tratto, infatti, delle conseguenze a dir poco pessimistiche sul futuro della civiltà. Nel corso del tempo lo sviluppo crescente delle tecnologie e delle strutture sociali produce una vera e propria inibizione della vitalità, che prelude a una possibile scomparsa della specie.   L’accesso allo stadio adulto viene infatti sempre più differito, la crescita dell’organismo sempre più rallentata, la durata della vita – e quindi la vecchiaia – prolungata.

Sostieni Renovatio 21

«Il progresso di questa inibizione del processo vitale», scrive Bolk, «non può superare un certo limite senza che la vitalità, senza che la forza di resistenza alle influenze nefaste dell’esterno, in breve, senza che l’esistenza dell’uomo non ne sia compromessa. Più l’umanità avanza sul cammino dell’umanizzazione, più essa s’avvicina a quel punto fatale in cui progresso significherà distruzione. E non è certo nella natura dell’uomo arrestarsi di fronte a ciò».   È questa situazione estrema che noi stiamo oggi vivendo. La moltiplicazione senza limiti dei dispositivi tecnologici, l’assoggettamento crescente a vincoli e autorizzazioni legali di ogni genere e specie e la sudditanza integrale rispetto alle leggi del mercato rendono gli individui sempre più dipendenti da fattori che sfuggono integralmente al loro controllo.   Gunther Anders ha definito la nuova relazione che la modernità ha prodotto fra l’uomo e i suoi strumenti con l’espressione: «dislivello prometeico» e ha parlato di una «vergogna» di fronte all’umiliante superiorità delle cose prodotte dalla tecnologia, di cui non possiamo più in alcun modo ritenerci padroni. È possibile che oggi questo dislivello abbia raggiunto il punto di tensione massima e l’uomo sia diventato del tutto incapace di assumere il governo della sfera dei prodotti da lui creati.   All’inibizione della vitalità descritta da Bolk si aggiunge l’abdicazione a quella stessa intelligenza che poteva in qualche modo frenarne le conseguenze negative.   L’abbandono di quell’ultimo nesso con la natura, che la tradizione filosofica chiamava lumen naturae, produce una stupidità artificiale che rende l’ipertrofia tecnologica ancora più incontrollabile.   Che cosa avverrà della lumaca schiacciata dal suo stesso guscio? Come riuscirà a sopravvivere alle macerie della sua casa? Sono queste le domande che non dobbiamo cessare di porci.   Giorgio Agamben

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Civiltà

Musk parla di civiltà multiplanetaria e di vita aliena. Il direttore del programma spaziale russo gli dà ragione

Pubblicato

il

Da

Lunedì, parlando ad una conferenza del Milken Institute a Los Angeles, Elon Musk ha ipotizzato che le sonde spaziali potrebbero eventualmente trovare resti di antiche civiltà nello spazio. Potrebbe esserci qualcosa di vero in tali opinioni del capo di SpaceX, ha detto il direttore generale di Roskosmos, Yurij Borisov.

 

«Musk è un’autorità in questo campo, probabilmente bisogna credergli», ha detto Borisov all’agenzia russa TASS martedì, quando gli è stato chiesto dei commenti dell’imprenditore tecnologico.

Sostieni Renovatio 21

Roslosmos ha avuto un’amichevole rivalità con SpaceX negli ultimi anni, quando la NASA ha iniziato a delegare la maggior parte dei progetti spaziali americani alla società privata di Musk.

 

«Vogliamo assicurarci che il programma Apollo non sia il punto più alto dell’esplorazione spaziale umana», ha affermato Musk lunedì all’evento del Milken Institute.

 

Spiegando la sua argomentazione di lunga data sulla necessità che l’umanità diventi una «civiltà multiplanetaria», Musk ha sostenuto che qualsiasi specie che non riesce a farlo, fondamentalmente aspetta solo di essere spazzata via.

 

«Vogliamo superare il filtro Fermi dell’essere una civiltà su un unico pianeta», ha aggiunto Musk. «Se inviamo sonde laggiù potremmo trovare i resti di civiltà aliene morte da tempo».

 

Tuttavia, Musk ha respinto l’idea che gli alieni potrebbero visitare la terra o vivere tra gli umani come visto nei film hollywoodiani.

 

«Non ho visto alcuna traccia di alieni», sul nostro pianeta, ha detto Musk, aggiungendo che il sistema Starlink di SpaceX ha circa 6.000 satelliti, «e nemmeno una volta abbiamo dovuto manovrare attorno a un UFO». Questa assenza di visitatori alieni suggerisce in realtà che «la civiltà è precaria e rara», ha aggiunto.

 

Musk ha spesso parlato dei suoi piani per colonizzare Marte entro il 2050, costruendo una flotta di 1.000 astronavi nel prossimo decennio.

 

Borisov ha assunto la direzione di Roscosmos nel luglio 2022, dopo aver precedentemente ricoperto il ruolo di vice primo ministro per le industrie della difesa e dello spazio. Mentre Musk ha fatto del raggiungimento di Marte la sua ossessione (contestata da Bill Gates, con cui si è spesso scontrato), Borisov ha guidato gli sforzi di Roscosmos per sviluppare razzi più pesanti e costruire una stazione spaziale russa che sostituirebbe la vecchia ISS.

Aiuta Renovatio 21

In altre interviste l’imprenditore di origine sudafricana aveva suggerito che le civiltà morte che potremmo trovare nell’esplorazione spaziale potrebbero essere implose a causa di sistemi di intrattenimento continui che divorziano l’individuo dalla realtà, come la realtà virtuale, di cui è campione la società del rivale Mark Zuckerberg.

 

Come riportato da Renovatio 21, il Musk ha parlato spesse volte della fragilità della civiltà e dei rischi che corre in continuazione. In particolare, sembra preoccupato fortemente dall’implosione demografica, scagliandosi in modo impressionante contro il denatalismo, una tendenza totalmente contraria a quella della corrente, con la società mondiale che ancora vive del mito, artificiale ed antiumano, della sovrappopolazione.

 

L’anno scorso, collegato ad un incontro in Arabia Saudita, aveva dichiarato che un «governo unico mondiale» costituisce un «rischio di civiltà» consistente.

 

Da anni Musk sostiene che un altro rischio per la civiltà è costituito dall’Intelligenza Artificiale, che ha descritto dieci anni fa come «l’evocazione di un demone». Dopo aver fondato OpenAI come società senza fine di lucro e averla vista trasformarsi, una volta allontanatosene, in una società a scopo di lucro (ora finanziata con diecine di miliardi dalla Microsoft di Bill Gates, che ora alimenta, pure in modo inquietante, i suoi prodotti con l’IA), Musk ha fatto causa all’azienda di ChatGPT citando «profondi rischi per la società e l’umanità».

 

Come riportato da Renovatio 21, le dichiarazioni di Borisov sugli alieni si differenziano da quelle del predecessore alla Roskosmos Demetrio Rogozin, il quale due anni fa aveva avuto a dichiarare che la vita su altri pianeti esiste sicuramente e probabilmente include forme di vita più sviluppate e avanzate di quelle sulla Terra, arrivando a non escludere che la Terra sia già sotto osservazione extraterrestre e che gli attuali livelli della tecnologia umana e della comprensione della scienza potrebbero semplicemente non essere abbastanza avanzati allo stadio attuale per rendersene conto.

 

«Non siamo gli unici che possono studiare i microbi, ma possiamo essere studiati come i microbi», aveva scherzato Rogozin. Scherzato non si sa fino a che punto.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Più popolari