Connettiti con Renovato 21

Civiltà

Stato-civiltà e mondo moderno. Il discorso integrale di Putin al Club Valdai 2023

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica il discorso integrale tenuto dal presidente della Federazione Russa Vladimir Putin all’edizione 2023 del Club Valdai. Renovatio 21 ha pubblicato sabato scorso un sunto del discorso e delle risposte che ha dato al pubblico durante uno scambio dal vivo durato quattro ore. I discorsi di Valdai di Putin rivestono sempre un’importanza considerevole. Renovatio 21 ha pubblicato negli scorsi anni la trascrizione del discorso 2022 e 2021.

 

 

Partecipanti alla sessione plenaria, colleghi, signore e signori,

 

Sono lieto di dare il benvenuto a tutti voi a Sochi all’incontro anniversario del Valdai International Discussion Club. Il moderatore ha già detto che questo è il 20° incontro annuale.

 

In linea con le sue tradizioni, il nostro, o dovrei dire il vostro forum, ha riunito leader politici e ricercatori, esperti e attivisti della società civile provenienti da molti paesi del mondo, riaffermando ancora una volta il suo elevato status di piattaforma intellettuale rilevante. Le discussioni di Valdai riflettono invariabilmente i più importanti processi politici globali del XXI secolo nella loro interezza e complessità.

 

Sono certo che anche oggi sarà così, come probabilmente lo è stato anche nei giorni precedenti in cui avete discusso tra voi. Resterà così anche in futuro perché il nostro obiettivo è fondamentalmente quello di costruire un mondo nuovo. Ed è in queste fasi decisive che voi, miei colleghi, avete un ruolo estremamente importante da svolgere e avete una responsabilità speciale come intellettuali.

 

Nel corso degli anni di lavoro del club, sia la Russia che il mondo hanno visto cambiamenti drastici, e persino drammatici, colossali. Vent’anni non sono un periodo lungo per gli standard storici, ma in epoche in cui l’intero ordine mondiale si sta sgretolando, il tempo sembra ridursi.

 

Penso che sarete d’accordo sul fatto che negli ultimi vent’anni si sono verificati più eventi che nei decenni in alcuni periodi storici precedenti, e sono stati i grandi cambiamenti a dettare la trasformazione fondamentale dei principi stessi delle relazioni internazionali.

 

All’inizio del XXI secolo, tutti speravano che gli Stati e i popoli avessero imparato la lezione dei costosi e distruttivi scontri militari e ideologici del secolo precedente, vedendone la nocività, la fragilità e l’interconnessione del nostro pianeta, e comprendendo che i problemi globali del l’umanità richiede un’azione congiunta e la ricerca di soluzioni collettive, mentre l’egoismo, l’arroganza e il disprezzo per le sfide reali porterebbero inevitabilmente a un vicolo cieco, proprio come i tentativi dei paesi più potenti di imporre le proprie opinioni e interessi a tutti gli altri. Questo dovrebbe essere diventato ovvio per tutti. Avrebbe dovuto, ma non è stato così. Non è così.

 

Quando ci siamo incontrati per la prima volta alla riunione del club quasi 20 anni fa, il nostro Paese stava entrando in una nuova fase del suo sviluppo. La Russia usciva da un periodo di convalescenza estremamente difficile dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Abbiamo lanciato energicamente e con buona volontà il processo di costruzione di un nuovo ordine mondiale, che consideravamo più giusto. È un vantaggio che il nostro Paese possa dare un enorme contributo perché abbiamo cose da offrire ai nostri amici, ai partner e al mondo nel suo insieme.

 

Purtroppo il nostro interesse per un’interazione costruttiva è stato frainteso, visto come obbedienza, come un accordo secondo cui il nuovo ordine mondiale sarebbe stato creato da coloro che si erano dichiarati vincitori della Guerra Fredda. È stato visto come un’ammissione che la Russia era pronta a seguire la scia degli altri e a lasciarsi guidare non dai nostri interessi nazionali ma da quelli di qualcun altro.

 

Nel corso di questi anni, abbiamo avvertito più di una volta che questo approccio non solo avrebbe portato a un vicolo cieco, ma che sarebbe stato irto della crescente minaccia di un conflitto militare. Ma nessuno ci ha ascoltato né ha voluto ascoltarci. L’arroganza dei nostri cosiddetti partner occidentali ha raggiunto le stelle. Questo è l’unico modo in cui posso dirlo.

 

Gli Stati Uniti e i suoi satelliti hanno intrapreso un percorso costante verso l’egemonia negli affari militari, nella politica, nell’economia, nella cultura e persino nella morale e nei valori. Fin dall’inizio ci è stato chiaro che i tentativi di instaurare un monopolio erano destinati a fallire.

 

Il mondo è troppo complicato e diversificato per essere soggetto a un unico sistema, anche se è sostenuto dall’enorme potere dell’Occidente accumulato in secoli di politica coloniale. Anche i vostri colleghi – molti di loro oggi sono assenti, ma non negano che la prosperità dell’Occidente è stata ottenuta in larga misura saccheggiando le colonie per diversi secoli. Questo è un fatto. Essenzialmente, questo livello di sviluppo è stato raggiunto derubando l’intero pianeta.

Sostieni Renovatio 21

La storia dell’Occidente è essenzialmente la cronaca di un’espansione infinita. L’influenza occidentale nel mondo è un immenso schema piramidale militare e finanziario che ha costantemente bisogno di più «carburante» per sostenersi, con risorse naturali, tecnologiche e umane che appartengono ad altri. Questo è il motivo per cui l’Occidente semplicemente non può e non intende fermarsi. I nostri argomenti, ragionamenti, appelli al buon senso o proposte sono stati semplicemente ignorati.

 

L’ho detto pubblicamente sia ai nostri alleati che ai nostri partner. C’è stato un momento in cui ho semplicemente suggerito: forse dovremmo aderire anche noi alla NATO? Ma no, la NATO non ha bisogno di un Paese come il nostro. No. Voglio sapere, di cos’altro hanno bisogno? Pensavamo di essere diventati parte della folla, di aver messo piede nella porta. Cos’altro avremmo dovuto fare? Non c’era più alcun confronto ideologico. Quale era il problema? Immagino che il problema fossero i loro interessi geopolitici e l’arroganza verso gli altri. La loro autoesaltazione era ed è il problema.

 

Siamo costretti a rispondere alla pressione militare e politica sempre crescente. Ho detto molte volte che non siamo stati noi a dare inizio alla cosiddetta «guerra in Ucraina». Al contrario, stiamo cercando di porvi fine.

 

Non siamo stati noi a orchestrare un colpo di stato a Kiev nel 2014 – un colpo di stato sanguinoso e anticostituzionale. Quando [fatti simili] accadono in altri luoghi, sentiamo subito tutti i media internazionali – soprattutto quelli subordinati al mondo anglosassone, ovviamente – che questo è inaccettabile, questo è impossibile, questo è antidemocratico. Ma il colpo di stato di Kiev era accettabile. Hanno anche citato la quantità di denaro spesa per questo colpo di stato. Tutto era improvvisamente accettabile.

 

A quel tempo, la Russia fece del suo meglio per sostenere il popolo della Crimea e di Sebastopoli. Non abbiamo cercato di rovesciare il governo o di intimidire la popolazione in Crimea e Sebastopoli, minacciandola di pulizia etnica nello spirito nazista.

 

Non siamo stati noi a cercare di costringere il Donbass a obbedire con bombardamenti e bombardamenti. Non abbiamo minacciato di uccidere chiunque volesse parlare la propria lingua madre.

 

Guardate, qui sono tutti persone informate ed istruite. Potrebbe essere possibile – scusate il mio «mauvais ton» – fare il lavaggio del cervello a milioni di persone che percepiscono la realtà attraverso i media. Ma dovete sapere cosa stava succedendo veramente: bombardavano il posto da nove anni, sparando e usando carri armati. Quella è stata una guerra, una vera guerra scatenata contro il Donbass. E nessuno ha contato i bambini morti nel Donbass. Nessuno ha pianto per i morti in altri Paesi, soprattutto in Occidente.

 

Questa guerra, quella che il regime di Kiev ha iniziato con il vigoroso e diretto sostegno dell’Occidente, dura da più di nove anni e l’operazione militare speciale della Russia mira a fermarla. E ci ricorda che i passi unilaterali, indipendentemente da chi li intraprende, porteranno inevitabilmente a ritorsioni. Come sappiamo, ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Questo è ciò che fa ogni Stato responsabile, ogni Paese sovrano, indipendente e che si rispetti.

 

Tutti si rendono conto che in un sistema internazionale dove regna l’arbitrarietà, dove tutte le decisioni spettano a coloro che si credono eccezionali, senza peccato e nel giusto, qualsiasi paese può essere attaccato semplicemente perché non piace a un egemone, che ha perso ogni senso di proporzione – e aggiungerei, qualsiasi senso della realtà.

 

Purtroppo dobbiamo ammettere che i nostri omologhi occidentali hanno perso il senso della realtà e hanno oltrepassato ogni limite. Davvero non avrebbero dovuto farlo.

 

La crisi ucraina non è un conflitto territoriale e voglio chiarirlo. La Russia è il Paese più grande del mondo in termini di superficie e non abbiamo alcun interesse a conquistare ulteriore territorio. Abbiamo ancora molto da fare per sviluppare adeguatamente la Siberia, la Siberia orientale e l’Estremo Oriente russo. Questo non è un conflitto territoriale e non un tentativo di stabilire un equilibrio geopolitico regionale. La questione è molto più ampia e fondamentale e riguarda i principi alla base del nuovo ordine internazionale.

 

Una pace duratura sarà possibile solo quando tutti si sentiranno sicuri e protetti, capiranno che le loro opinioni sono rispettate e che esiste un equilibrio nel mondo in cui nessuno può forzare o obbligare unilateralmente gli altri a vivere o comportarsi come piace a un egemone, anche quando è in contraddizione con la sovranità, gli interessi genuini, le tradizioni o i costumi dei popoli e dei Paesi. In un simile accordo, il concetto stesso di sovranità viene semplicemente negato e, purtroppo, gettato nella spazzatura.

 

Chiaramente, l’impegno verso approcci basati sui blocchi e la spinta a portare il mondo in una situazione di continuo confronto «noi contro loro» è una brutta eredità del XX secolo. È un prodotto della cultura politica occidentale, almeno delle sue manifestazioni più aggressive.

 

Per ribadire, l’Occidente – almeno una certa parte dell’Occidente, l’élite – ha sempre bisogno di un nemico. Hanno bisogno di un nemico per giustificare la necessità di un’azione e di un’espansione militare. Ma hanno anche bisogno di un nemico per mantenere il controllo interno all’interno di un certo sistema di questa stessa potenza egemone e all’interno di blocchi come la NATO o altri blocchi politico-militari. Deve esserci un nemico affinché tutti possano radunarsi attorno al «leader».

 

Il modo in cui gli altri Stati gestiscono la propria vita non è affar nostro. Tuttavia, vediamo come le élite al potere in molti di essi stanno costringendo le società ad accettare norme e regole che le persone – o almeno un numero significativo di persone e persino la maggioranza in alcuni Paesi – non sono disposte ad abbracciare. Ma sono ancora spinti a farlo, con le autorità che inventano continuamente giustificazioni per le loro azioni, attribuiscono crescenti problemi interni a cause esterne e fabbricano o esagerano minacce inesistenti.

 

La Russia è l’argomento preferito di questi politici. Naturalmente ci siamo abituati nel corso della storia. Ma cercano di ritrarre coloro che non sono disposti a seguire ciecamente questi gruppi di élite occidentali come nemici. Hanno utilizzato questo approccio con vari Paesi, inclusa la Repubblica popolare cinese, e hanno provato a fare lo stesso con l’India in determinate situazioni. Adesso ci stanno flirtando, come possiamo vedere molto chiaramente.

Aiuta Renovatio 21

Siamo consapevoli e vediamo gli scenari che stanno utilizzando in Asia. Vorrei dire che la leadership indiana è indipendente e fortemente orientata a livello nazionale. Penso che questi tentativi siano inutili, eppure continuano con loro. Cercano di dipingere il mondo arabo come un nemico; lo fanno in modo selettivo e cercano di agire in modo accurato, ma questo è il punto.

 

Cercano perfino di presentare i musulmani come un ambiente ostile, E così via e così via. Infatti, chiunque agisca in modo indipendente e nel proprio interesse viene immediatamente visto dalle élite occidentali come un ostacolo da rimuovere.

 

Nel mondo vengono imposte associazioni geopolitiche artificiali e vengono creati blocchi ad accesso limitato. Lo vediamo accadere in Europa, dove da decenni viene perseguita una politica aggressiva di espansione della NATO, nella regione dell’Asia-Pacifico e nell’Asia meridionale, dove stanno cercando di distruggere un’architettura di cooperazione aperta e inclusiva. Un approccio basato sui blocchi, se diciamo le cose col loro nome, limita i diritti dei singoli Stati e restringe la loro libertà di svilupparsi lungo il proprio percorso, tentando di chiuderli in una «gabbia» di obblighi.

 

In un certo senso, ciò equivale ovviamente all’espropriazione di parte della loro sovranità, spesso seguita dall’applicazione delle proprie soluzioni non solo nel campo della sicurezza ma anche in altri settori, in primo luogo l’economia, cosa che sta accadendo ora nelle relazioni tra i Paesi Stati Uniti ed Europa. Non c’è bisogno di spiegarlo adesso. Se necessario, ne potremo parlare in dettaglio durante la discussione dopo il mio intervento di apertura.

 

Per raggiungere questi obiettivi, cercano di sostituire il diritto internazionale con un «ordine basato su regole», qualunque cosa ciò significhi. Non è chiaro quali siano queste regole e chi le abbia inventate. È solo spazzatura, ma stanno cercando di piantare questa idea nella mente di milioni di persone. «Devi vivere secondo le regole». Quali regole?

 

E in realtà, se posso permettermi, i nostri «colleghi» occidentali, soprattutto quelli degli Stati Uniti, non si limitano a stabilire arbitrariamente queste regole, ma insegnano agli altri come seguirle e come gli altri dovrebbero comportarsi in generale. Tutto ciò viene fatto ed espresso in modo palesemente maleducato e invadente. Questa è un’altra manifestazione della mentalità coloniale. Ogni volta che sentiamo «devi», «sei obbligato», «ti stiamo avvertendo seriamente».

 

Chi sei tu per farlo? Che diritto hai di avvisare gli altri? Questo è semplicemente fantastico. Forse coloro che dicono tutto questo dovrebbero liberarsi della loro arroganza e smettere di comportarsi in modo tale nei confronti della comunità globale che conosce perfettamente i suoi obiettivi e interessi, e dovrebbero abbandonare questo modo di pensare dell’era coloniale? A volte voglio dirglielo: svegliatevi, quest’era è finita da tempo e non tornerà mai più.

 

Dirò di più: per secoli, tale comportamento ha portato alla replica di una cosa: grandi guerre, con varie giustificazioni ideologiche e quasi morali inventate per giustificare queste guerre. Oggi questo è particolarmente pericoloso.

 

Come sapete, l’umanità ha i mezzi per distruggere facilmente l’intero pianeta e la continua manipolazione mentale, incredibile in termini di scala, porta alla perdita del senso della realtà. Evidentemente bisognerebbe cercare una via d’uscita da questo circolo vizioso. A quanto ho capito, amici e colleghi, è per questo che siete venuti qui per affrontare queste questioni vitali nella sede del Valdai Club.

 

Nel concetto di politica estera della Russia il nostro Paese è caratterizzato come uno Stato-civiltà originale. Questa formulazione riflette in modo chiaro e conciso il modo in cui comprendiamo non solo il nostro sviluppo, ma anche i principi fondamentali dell’ordine internazionale, che speriamo prevalgano.

 

Dal nostro punto di vista, la civiltà è un concetto sfaccettato soggetto a varie interpretazioni. Una volta esisteva un’interpretazione esteriormente coloniale secondo la quale esisteva un «mondo civilizzato» che fungeva da modello per il resto, e si supponeva che tutti si adeguassero a quegli standard. Coloro che non erano d’accordo sarebbero stati costretti a entrare in questa «civiltà» dal manganello del maestro «illuminato».

 

Questi tempi, come ho detto, appartengono ormai al passato e la nostra comprensione della civiltà è molto diversa.

 

Innanzitutto, esistono molte civiltà e nessuna è superiore o inferiore a un’altra. Sono uguali poiché ogni civiltà rappresenta un’espressione unica della propria cultura, tradizioni e aspirazioni della sua gente. Nel mio caso, ad esempio, incarna le aspirazioni del mio popolo, di cui ho la fortuna di far parte.

 

Eminenti pensatori di tutto il mondo che sostengono il concetto di un approccio basato sulla civiltà si sono impegnati in una profonda contemplazione del significato di «civiltà» come concetto. È un fenomeno complesso composto da molte componenti. Senza addentrarci troppo nella filosofia, cosa che qui forse non è appropriata, proviamo a descriverla in modo pragmatico così come si applica agli sviluppi attuali.

 

Le caratteristiche essenziali di uno Stato-civiltà comprendono la diversità e l’autosufficienza, che, a mio avviso, sono due componenti chiave. Il mondo di oggi rifiuta l’uniformità e ogni Stato e società si sforza di sviluppare un proprio percorso di sviluppo che sia radicato nella cultura e nelle tradizioni, e sia intriso di geografia e di esperienze storiche, sia antiche che moderne, nonché dei valori sostenuti dalla sua gente. Questa è una sintesi intricata che dà origine a una comunità di civiltà distinta. La sua forza e il suo progresso dipendono dalla sua diversità e dalla sua natura multiforme.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

La Russia si è modellata nel corso dei secoli come una Nazione di diverse culture, religioni ed etnie. La civiltà russa non può essere ridotta a un unico denominatore comune, ma non può nemmeno essere divisa, perché prospera come un’unica entità spiritualmente e culturalmente ricca. Mantenere l’unità coesa di una tale nazione è una sfida ardua.

 

Nel corso dei secoli abbiamo dovuto affrontare sfide difficili; ce l’abbiamo sempre fatta, a volte a caro prezzo, ma ogni volta abbiamo imparato la lezione per il futuro, rafforzando la nostra unità nazionale e l’integrità dello Stato russo.

 

Questa esperienza che abbiamo acquisito è davvero preziosa oggi. Il mondo sta diventando sempre più diversificato e i suoi processi complessi non possono più essere gestiti con semplici metodi di governance, dipingendo tutti con lo stesso pennello, come diciamo, cosa che alcuni Stati stanno ancora cercando di fare.

 

C’è qualcosa di importante da aggiungere a questo. Un sistema statale veramente efficace e forte non può essere imposto dall’esterno. Cresce naturalmente dalle radici della civiltà di paesi e popoli e, a questo proposito, la Russia è un esempio di come ciò accade realmente nella vita, nella pratica.

 

Affidarsi alla propria civiltà è una condizione necessaria per il successo nel mondo moderno, purtroppo un mondo disordinato e pericoloso che ha perso l’orientamento. Sempre più Stati stanno giungendo a questa conclusione, diventando consapevoli dei propri interessi e bisogni, delle opportunità e dei limiti, della propria identità e del grado di interconnessione con il mondo che li circonda.

 

Sono fiducioso che l’umanità non si stia muovendo verso la frammentazione in segmenti rivali, verso un nuovo confronto tra blocchi, qualunque siano le loro motivazioni, o verso l’universalismo senz’anima di una nuova globalizzazione. Al contrario, il mondo si avvia verso una sinergia di civiltà-stati, grandi spazi, comunità che si identificano come tali.

 

Allo stesso tempo, la civiltà non è un costrutto universale, uno per tutti: non esiste una cosa del genere. Ogni civiltà è diversa, ognuna è culturalmente autosufficiente, attingendo alla propria storia e alle proprie tradizioni per principi e valori ideologici. Il rispetto di sé deriva naturalmente dal rispetto degli altri, ma implica anche il rispetto degli altri. Ecco perché una civiltà non impone nulla a nessuno, ma non permette nemmeno che si imponga nulla. Se tutti vivono secondo questa regola, possiamo vivere in una convivenza armoniosa e in un’interazione creativa tra tutti nelle relazioni internazionali.

 

Naturalmente, proteggere la propria scelta di civiltà è un’enorme responsabilità. È una risposta alle violazioni esterne, allo sviluppo di relazioni strette e costruttive con altre civiltà e, soprattutto, al mantenimento della stabilità e dell’armonia interne. Tutti noi possiamo constatare che oggi l’ambiente internazionale è, purtroppo, instabile e piuttosto aggressivo, come ho sottolineato.

 

Ecco un’altra cosa essenziale: nessuno dovrebbe tradire la propria civiltà. Questa è la via verso il caos universale; è innaturale e, direi, disgustoso. Da parte nostra abbiamo sempre cercato e continuiamo a cercare di offrire soluzioni che tengano conto degli interessi di tutte le parti. Ma le nostre controparti in Occidente sembrano aver dimenticato i concetti di ragionevole autocontrollo, di compromesso e di volontà di fare concessioni in nome del raggiungimento di un risultato che soddisfi tutte le parti. No, sono letteralmente fissati su un solo obiettivo: far valere i propri interessi, qui e ora, e farlo ad ogni costo. Se questa sarà la loro scelta, vedremo cosa ne verrà fuori.

 

Sembra un paradosso, ma la situazione potrebbe cambiare domani, il che è un problema. Ad esempio, elezioni regolari possono portare a cambiamenti sulla scena politica interna. Oggi un Paese può insistere per fare qualcosa ad ogni costo, ma la sua situazione politica interna potrebbe cambiare domani, e inizieranno a promuovere un’idea diversa e talvolta addirittura opposta.

 

Un esempio lampante è il programma nucleare iraniano. L’amministrazione statunitense ha promosso una soluzione, ma l’amministrazione successiva ha ribaltato la situazione. Come si può lavorare in queste condizioni? Quali sono le linee guida? Su cosa possiamo contare? Dove sono le garanzie? Sono queste le «regole» di cui ci parlano? Ciò è insensato e assurdo.

 

Perché sta succedendo questo e perché tutti sembrano a proprio agio? La risposta è che il pensiero strategico è stato sostituito con gli interessi mercenari a breve termine nemmeno di paesi o nazioni, ma dei successivi gruppi di influenza. Ciò spiega l’incredibile, se giudicata in termini di Guerra Fredda, irresponsabilità dei gruppi di élite politica, che si sono liberati di ogni paura e vergogna e si considerano innocenti.

 

L’approccio civilizzatore si oppone a queste tendenze perché si basa sugli interessi fondamentali a lungo termine degli Stati e dei popoli, interessi che sono dettati non dall’attuale situazione ideologica, ma dall’intera esperienza storica e dall’eredità del passato, su cui si basa l’idea di un futuro armonioso riposa.

 

Se tutti fossero guidati da questo, credo che ci sarebbero molti meno conflitti nel mondo e gli approcci per risolverli diventerebbero molto più razionali, perché tutte le civiltà si rispetterebbero a vicenda, come ho detto, e non cercherebbero di cambiare chiunque in base alle proprie nozioni.

 

Amici, ho letto con interesse la relazione predisposta dal Club Valdai per l’incontro di oggi. Dice che attualmente tutti si sforzano di comprendere e immaginare una visione del futuro. Ciò è naturale e comprensibile, soprattutto per gli ambienti intellettuali. In un’epoca di cambiamenti radicali, in cui il mondo a cui siamo abituati si sta sgretolando, è molto importante capire dove stiamo andando e dove vogliamo essere. E, naturalmente, il futuro si sta creando adesso, non solo davanti ai nostri occhi, ma anche con le nostre stesse mani.

Sostieni Renovatio 21

Naturalmente, quando sono in corso processi così massicci ed estremamente complessi, è difficile o addirittura impossibile prevederne il risultato. Indipendentemente da ciò che facciamo, la vita apporterà dei cambiamenti. Ma in ogni caso dobbiamo renderci conto di ciò a cui miriamo, di ciò che vogliamo ottenere. In Russia esiste una tale comprensione.

 

Primo. Vogliamo vivere in un mondo aperto e interconnesso, dove nessuno proverà mai a mettere barriere artificiali sulla via della comunicazione delle persone, della loro realizzazione creativa e della prosperità. Dobbiamo sforzarci di creare un ambiente privo di ostacoli.

 

Secondo. Vogliamo che la diversità del mondo sia preservata e serva da base per lo sviluppo universale. Dovrebbe essere vietato imporre a qualsiasi paese o popolo come dovrebbero vivere e come dovrebbero sentirsi. Solo una vera diversità culturale e di civiltà potrà garantire il benessere delle persone e l’equilibrio degli interessi.

 

In terzo luogo, la Russia rappresenta la massima rappresentanza. Nessuno ha il diritto o la capacità di governare il mondo per gli altri e per conto degli altri. Il mondo del futuro è un mondo di decisioni collettive prese ai livelli in cui sono più efficaci e da coloro che sono veramente in grado di dare un contributo significativo alla risoluzione di un problema specifico. Non è che una persona decida per tutti, e nemmeno tutti decidono tutto, ma chi è direttamente interessato da questa o quella questione deve mettersi d’accordo su cosa fare e come farlo.

 

In quarto luogo, la Russia sostiene la sicurezza universale e una pace duratura fondata sul rispetto degli interessi di tutti: dai Paesi grandi a quelli piccoli. La cosa principale è liberare le relazioni internazionali dall’approccio del blocco e dall’eredità dell’era coloniale e della Guerra Fredda. Da decenni affermiamo che la sicurezza è indivisibile e che è impossibile garantire la sicurezza di alcuni a scapito di quella di altri. In effetti, l’armonia in quest’area può essere raggiunta. Basta mettere da parte la superbia e l’arroganza e smettere di considerare gli altri come partner di seconda classe, emarginati o selvaggi.

 

Quinto: sosteniamo la giustizia per tutti. L’era dello sfruttamento, come ho detto due volte, è passata. I Paesi e i popoli sono chiaramente consapevoli dei propri interessi e delle proprie capacità e sono pronti a fare affidamento su se stessi; e questo aumenta la loro forza. Tutti dovrebbero avere accesso ai benefici del mondo di oggi, e i tentativi di limitarlo per qualsiasi paese o popolo dovrebbero essere considerati un atto di aggressione.

 

Sesto: siamo a favore dell’uguaglianza e del diverso potenziale di tutti i paesi. Questo è un fattore del tutto oggettivo. Ma non meno oggettivo è il fatto che nessuno è più disposto a prendere ordini o a far dipendere i propri interessi e bisogni da qualcuno, soprattutto dai ricchi e dai più potenti.

 

Questo non è solo lo stato naturale della comunità internazionale, ma la quintessenza di tutta l’esperienza storica dell’umanità.

 

Questi sono i principi che vorremmo seguire e ai quali invitiamo tutti i nostri amici e colleghi ad aderire.

 

Colleghi!

 

La Russia era, è e sarà una delle fondamenta di questo nuovo sistema mondiale, pronta per un’interazione costruttiva con tutti coloro che lottano per la pace e la prosperità, ma pronta per una dura opposizione contro coloro che professano i principi della dittatura e della violenza. Crediamo che il pragmatismo e il buon senso prevarranno e che si creerà un mondo multipolare.

 

In conclusione, vorrei ringraziare gli organizzatori del forum per la vostra fondamentale e qualificata preparazione, come sempre, così come ringraziare tutti i presenti a questo incontro anniversario per la vostra attenzione.

 

Grazie mille.

 

Vladimir Putin

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Putin: le élite occidentali si oppongono a tutti i popoli della Russia

Pubblicato

il

Da

Il presidente russo Vladimir Putin ha messo in guardia dai tentativi occidentali di seminare divisione fra le genti russe e dai tentativi di frammentare il suo territorio secondo linee etniche. Lo riporta il sito governativo RT.   Intervenendo alla sessione plenaria del Consiglio internazionale del popolo russo, Putin ha lanciato un appassionato appello alla solidarietà tra i diversi popoli del Paese. Tali sforzi mirano non solo a danneggiare il popolo russo stesso, ma contro tutti i gruppi che compongono il paese, ha dichiarato Putin.   «La russofobia e altre forme di razzismo e neonazismo sono diventate quasi l’ideologia ufficiale delle élite dominanti occidentali. Sono diretti non solo contro i russi, ma contro tutti i popoli della Russia: tartari, ceceni, avari, tuvini, baschiri, buriati, yakuti, osseti, ebrei, ingusci, mari, altaiani. Siamo tanti, non li nominerò tutti adesso, ma, ripeto, questo è diretto contro tutti i popoli della Russia», ha dichiarato il Presidente.   «L’Occidente non ha bisogno di un Paese così grande e multinazionale come la Russia», ha continuato il presidente, aggiungendo che la diversità e l’unità della Russia «semplicemente non si adattano alla logica dei razzisti e dei colonizzatori occidentali».

Sostieni Renovatio 21

Ecco perché, secondo Putin, l’Occidente ha iniziato a suonare «la vecchia melodia» di chiamare la Russia una «prigione di nazioni», descrivendo il popolo russo come «schiavi» e arrivando addirittura a chiedere la «decolonizzazione» della Russia.   «Abbiamo già sentito tutto questo», ha detto, aggiungendo che ciò che gli oppositori della Russia vogliono veramente è smembrare e saccheggiare il paese, se non con la forza, almeno seminando discordia all’interno dei suoi confini.   Putin ha continuato avvertendo che qualsiasi interferenza esterna o provocazione volta a provocare conflitti etnici o religiosi nel Paese sarà considerata un «atto aggressivo» e un tentativo di utilizzare ancora una volta il terrorismo e l’estremismo come strumento per combattere la Russia.   «Reagiremo di conseguenza», ha dichiarato.   Il presidente ha sottolineato che l’attuale lotta della Russia per la sovranità e la giustizia è «senza esagerazione» di «natura di liberazione nazionale» perché è una lotta per la sicurezza e il benessere dei suoi cittadini.   Putin ha anche osservato che il popolo russo, come già fatto in passato, è diventato ancora una volta un ostacolo per coloro che lottano per il dominio globale e cercano di portare avanti la loro «eccezionalità».   «Oggi lottiamo non solo per la libertà della Russia, ma per la libertà del mondo intero», ha detto il presidente, precisando che Mosca è ora «in prima linea nella creazione di un ordine mondiale più equo» e che «senza un governo sovrano, una Russia forte, non è possibile alcun ordine mondiale duraturo e stabile».   Come riportato da Renovatio 21, all’ultima edizione del Club Valdai Putin aveva tenuto un denso discorso dove lasciava intendere una concezione della Russia come Stato-civiltà.   Riguardo alle élite occidentali, parlando di forniture di gas, il presidente russo aveva lamentato due mesi fa la mancanza di «persone intelligenti». Considerando le bollette, è davvero difficile dargli qui torto.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
  Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)   
Continua a leggere

Civiltà

Lampedusa, Elon Musk accusa George Soros di volere «la distruzione della civiltà occidentale». Poi incontra Netanyahu

Pubblicato

il

Da

Elon Musk ha accusato George Soros degli sbarchi di Lampedusa, dicendo che Soros vuole distruggere la civiltà occidentale.

 

L’ultramiliardario sudafro-americano ha fatto l’esternazione in risposta a un post di un utente che condivideva filmati di persone che arrivavano sull’isola italiana di Lampedusa dal Nord Africa che si riferiva a una «invasione guidata da George Soros» dell’Europa.

 

«L’organizzazione Soros sembra non volere niente di meno che la distruzione della civiltà occidentale», ha scritto Musk.

 

Sostieni Renovatio 21

Il commento è stato scritto poco prima che il magnate tecnologico andasse ad incontrare il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu in California.

 

Musk è stato accusato da gruppi per i diritti civili di amplificare l’antisemitismo sulla sua piattaforma – cosa che lui nega. Ieri l’imprenditore ha incontrato Netanyahu per colloqui che secondo entrambi gli uomini si concentreranno sulla tecnologia dell’Intelligenza Artificiale, e non sull’Anti-Defamation League (ADL), l’organizzazione ebraica divenuta accusatrice di qualsiasi realtà devii dalla narrazione dominante, che Musk ha detto di voler denunciare per le accuse di antisemitismo rivolte alla piattaforma.

 

Secondo il Washington Post, l’incontro con Netanyahu serviva a Musk invece per rassicurare gli amici e alleati ebrei di Musk rispetto alle montanti accuse di antisemitismo.

 

La questione ha diverse chiavi di lettura, in realtà: come sa il lettore di Renovatio 21, Soros e Netanyahu non vanno in alcun modo d’accordo, con il figlio del premier dello Stato Ebraico accusato pochi anni fa pure lui di antisemitismo (!) per aver postato un meme in cui Soros compariva come burattinaio.

 

Aiuta Renovatio 21

Al contempo è nota l’avversione di Musk per l’amministrazione Biden, che – secondo alcuni – potrebbe essere dietro ai disordini civili in Israele, con manifestazioni oceaniche contro il governo Netanyahu, a cui sono arrivati ad assediare la casa.

 

Vanno notati, inoltre, i trascorsi tra Musk e Soros, che secondo alcuni potrebbero essere dovuti a manovre di Borsa del megaspeculatore magiaro contro l’impero di Musk – in particolare, i titoli di Tesla.

 

Come riportato da Renovatio 21, il mese scorso Musk aveva annunciato che avrebbe denunciato le ONG sostenute da Soros. Un anno fa, circa 26 ONG finanziate da governi europei come da Soros, avevano invitato i principali inserzionisti di Twitter al boicottaggio dopo che la piattaforma era stata comperata da Musk.

 

Musk era stato accusato di antisemitismo anche per aver detto che Soros gli ricordava il cattivo dei fumetti degli X-Men Magneto, perché, scrisse Elone, il grande donatore del Partito Democratico USA (e di qualche partito anche in Italia, parrebbe) in realtà «odia l’umanità». Nelle storie Marvel, Magneto è un ebreo sopravvissuto all’olocausto che, in effetti, odia l’umanità: ma poco è bastato che si scatenasse una tempesta di accuse di antisemitismo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Continua a leggere

Civiltà

Blackout in tutta Italia. A cosa ci stanno preparando?

Pubblicato

il

Da

Blackout ovunque nel Paese. I giornali ne parlano, ma notiamo che non viene fatto un discorso d’insieme: si reperiscono per lo più gli articoli nelle cronache dei giornali locali.   Intere zone della capitale – Casal Bruciato, Pigneto, Parioli, Tuscolano, Corcolle, San Lorenzo – sono state senza elettricità, a volte anche per 18 ore di fila. Si moltiplicano le testimonianze di disagi infernali per chi deve gestire i malati. Buttate quantità di farmaci e cibo che era contenuto nei frigoriferi.   Anche Ostia e Ostia antica sarebbero rimaste senza luce.   Interruzioni di corrente si verificherebbero da giorni a Napoli, con gravi danni alle imprese, denuncia la Confcommercio della provincia.   A Catania un blackout elettrico definito «enorme» si è protratto per due giorni e passa. È arrivato, di conseguenza, anche lo stacco degli impianti di produzione idrica: senza energia e senza acqua.   Anche Palermo sta soffrendo blackout continui. Per scongiurare i danni economici, qualche attività sta noleggiando gruppi elettrogeni.   Blackout anche a Bari, nel quartiere della Madonnella, in pieno centro. Stessa cosa a Bisceglie. Idem a Vasto, dove il sindaco Menna diffida l’Enel e minaccia di richiedere il risarcimento danni.   Non solo il Sud. A Cremona il blackout è arrivato dopo una maxi-grandinata.   Ora, la spiegazione sparata immediatamente dai giornali la avete ben presente: a generare i blackout sono i condizionatori, tenuti a palla a causa della canicola.   In pratica, vi stanno dicendo: i blackout sono colpa vostra. Non è una novità.   Tuttavia in rete, e fuori dalla rete, si moltiplicano quelli che credono che la raffica di blackout possa aver un secondo effetto programmatico: abituare la popolazione alla mancanza di energia elettrica dovuta alla mancanza di gas russo.   O forse, ancora più nel profondo, instillare nella gente l’idea che la luce non è qualcosa che va dato per garantito, va, magari, meritato – come la libertà di andare a lavorare, andare a scuola, andare al bar, che abbiamo capito si può subordinare ad un vaccino genico sperimentale e ad una piattaforma informatica biosecuritaria.   Avere la luce in casa diverrà un «premio» all’ubbidienza del cittadino, come è stato per il green pass? Possono farlo, hanno speso anni per mettere in piedi la narrativa necessaria a distruggere i consumi, anche quelli più basilari: è l’ecologia ossessivo-compulsiva di Greta Thunberga e degli zeloti ambientalisti imbrattatori di quadri e interruttori del traffico, spalmata in ogni possibile articolo di giornale, serie TV, corso di aggiornamento, Intelligenza Artificiale…   Ti togliamo la luce, ma per il bene del pianeta. A meno che tu… La meccanica premiale della nuova società del controllo bionformatico, dove non siete cittadini ma utenti, dove non avete diritti ma «accessi» temporizzati correlati ai vostri comportamenti, dove lo Stato è una piattaforma elettronica e il danaro un software programmabile, dovrebbe esservi oramai chiara.   Chi segue Renovatio 21 sa che è un discorso che facciamo da tanto tempo. Il tema dei blackout divenne inevitabile a cavallo tra il 2021 e il 2022, prima ancora della guerra ucraina – dopo la quale, divenne discusso, a volte apertamente a volte no, da vari governi.   Un anno fa, quando cominciò lo shock dei prezzi energetici, si calcolava che un miliardo di persone sarebbe presto divenuto a rischio di stare senza corrente.   Seguì quantità di blackout effettivi o minacciati in ogni angolo della Terra: dalla Svezia allo Sri Lanka, dall’Australia al Giappone, dal Texas alla Kazakistan, dal Pakistan alla Turchia, dalla Francia alla Cina, dalla Svizzera a Porto Rico,  – inclusa ovviamente l’Italia.   In Germania l’inverno passato si misero a pensare esattamente  a un green pass energetico così come a pazzesche consegne di contante nelle case della gente in caso di interruzione totale dell’elettricità. Si tratta del Paese che a causa della privatizzazione ha rischiato a inizio anno un blackout del gas, ad un certo punto a marzo 2022 le ferrovie hanno fermato tutti i treni merci a causa della mancanza di corrente elettrica, mentre lo Stato mandava in onda spot apocalittici per preparare i tedeschi (e gli immigrati in Germania, a giudicare dal video) ad un inverno in cui poteva venire a mancare il riscaldamento – dove si era arrivati ad ipotizzare l’esistenza di veri e propri «sfollati energetici».     Paesi UE come l’Austria e la Romania avevano cominciato a parlare a livello politico e in TV di blackout già lo scorso autunno.   Blackout previsti nel Regno Unito, in USA: Paesi del primo mondo, Paesi detti «sviluppati».   Recentemente abbiamo visto blackout in Argentina e quelli, non senza intrighi di contorno, in Sudafrica – qui sei mesi fa hanno tentato di uccidere il capo della società elettrica nazionale avvelenandolo con il cianuro.   E non pensate che siano l’unico mistero occorso in questa storia: Renovatio 21 ha riportato dei diversi strani casi di sabotaggio di infrastrutture elettriche si sono registrati negli USA. Che significa: c’è qualcuno che sta attaccando, anche con armi da fuoco, le centrali elettriche.   Ovunque nel mondo diviene chiaro che le rinnovabili sono parte del problema: totalmente inaffidabili, hanno portato il Texas a serie di blackout anche letali.   Abbiamo visto, l’inverno scorso, il blackout di Buffalo, Stato di New York, e i suoi effetti: razzie e assalti ai negozi. In pratica, blackout e immediata anarco-tirannia.   Come aveva detto l’esperto Mario Pagliaro a Renovatio 21 un mese fa, finora l’Italia si era finora salvata dai blackout grazie al crollo dei consumi industriali. Già di per sé, la situazione era una catastrofe: ora l’Italia consuma e non produce, e la rete non regge, o forse non vogliono che continui a reggersi.   E non è così sbagliato pensare che possa esserci la volontà precisa di qualcuno di staccarvi la spina.  Ricordatevi quegli auspici proferiti nella Davos del Grande Reset dal gruppo estremista chiamato World Economic Forum.   «Dobbiamo accettare che ci sarà dolore nel processo… aprirà a carenze energetiche. Creerà pressioni inflazionistiche… forse dobbiamo cominciare a parlare del fatto che quel dolore in realtà vale la pena di patirlo».     In pratica, vi stanno dicendo: vi infliggeremo i blackout, ma state certi che è per il vostro bene. Conoscete, oramai, questo tipo di discorso.   Il tema dei blackout era stato trattato da un documento del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (COPASIR), l’organo che controlla i servizi segreti italiani.   «L’Italia potrebbe (…) subire indirettamente gli effetti di razionamenti energetici condotti a livello europeo ovvero di fenomeni di blackout in uno dei Paesi dell’Unione che inciderebbero sugli scambi commerciali intra UE e quindi sulla tenuta del sistema produttivo nazionale» scriveva il rapporto dell’Intelligence nazionale.   Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica – l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti italiani – il 13 gennaio ha trasmesso alle presidenze una Relazione sulla sicurezza energetica nell’attuale fase di transizione ecologica».   Il documento fa apertamente riferimento alla possibilità di blackout sul territorio nazionale: «l’Italia potrebbe, comunque, subire indirettamente gli effetti di razionamenti energetici condotti a livello europeo ovvero di fenomeni di blackout in uno dei Paesi dell’Unione che inciderebbero sugli scambi commerciali intra UE e quindi sulla tenuta del sistema produttivo nazionale».   «L’impennata dei prezzi dell’energia elettrica e del gas naturale espone l’Europa al rischio di blackout energetici. Il timore è che in un sistema di approvvigionamento energetico estremamente interconnesso come quello europeo, lo spegnimento di una singola centrale – ad esempio per mancanza di carburante – possa generare una reazione a catena in vari Stati membri».   «Il timore di un possibile blackout si starebbe diffondendo in tutta Europa» dichiaravano le spie italiane. «A partire dall’Austria dove la ministra della Difesa Klaudia Tanner ha paventato il rischio di un possibile “grande blackout”, sino alla Spagna dove i consumatori iberici, nonostante le rassicurazioni delle Istituzioni nazionali, hanno dato il via ad acquisti compulsivi di bombole di butano, fornelli da campeggio, torce e batterie, esaurendo le scorte disponibili». Tale audizione fu trasmessa il 13 gennaio 2022, quando di fatto l’italiano sta ancora digerendo il panettone.   Ma non è l’unico caso in cui la questione è arrivata in superficie. Il ministro dello Sviluppo Economico del governo Draghi Giancarlo Giorgetti davanti ad una platea di imprenditori pure aveva parlato apertis verbis di rischio blackout.   Come ripetuto da Renovatio 21, il blackout è una forma più avanzata di lockdown, perché blocca la Civiltà in modo definitivo, creando danni ancora maggiori, vista la dipendenza che abbiamo nei riguardi dell’elettricità per sanità ed alimentazione.   Ci hanno mostrato la deindustrializzazione, magari convincendoci che saremmo divenuti una società di puri consumatori (reddito di cittadinanza, Universal Basic Income, etc.). Ora distruggono anche i consumi:   Non siete più lavoratori, non siete più consumatori. Cosa siete? Siete niente, non servite a nulle, siete di troppo sul pianeta, andate neutralizzati, sterilizzati e disintegrati, andate fatti sparire. Nel quadro mentale di schiavitù in cui hanno piombato larga parte della popolazione è probabile pure che, bovinamente, moltissimi lo accettino.   I blackout potrebbero servire a ricordarlo: abbiamo noi in mano le vostre vite, vi dicono, sottomettetevi.   Noi, al rischio di rimanere con la sola luce della cera d’api (di cui sappiamo qualcosa, per questioni vetero-liturgiche), non siamo disposti. Per niente.   Prepariamoci organicamente al caos che potrebbe seguire se la corrente se ne andasse del tutto. Per una volta, ascoltiamo quello che ci stanno dicendo i Signori della Morte e del buio: non date per scontato la luce elettrica.   Non sottovalutate i disastri che abbiamo davanti: perché qualcuno lavora attivamente per farli accadere, per fare soffrire la vostra prole, per impedire la continuazione delle vostre famiglie.   Impariamo a non aver paura del buio. Perché, alla fine, sappiate che tutto questo accade perché i padroni del buio che hanno paura di noi.     Roberto Dal Bosco  
Continua a leggere

Più popolari