Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Energia nucleare, scienziati tedeschi pubblicano la «Dichiarazione di Stoccarda»

Pubblicato

il

Un gruppo di 20 scienziati tedeschi ha redatto un appello per fermare l’uscita dal nucleare prevista in Germania per quest’anno.

 

L’invito sarà pubblicato presto, ha detto a Die Welt il promotore André Thess, professore di accumulo di energia all’Università di Stoccarda.

 

Il loro argomento principale è evitare una crisi energetica, ma anche raggiungere gli obiettivi climatici.

 

«Chiediamo l’immediata abrogazione dei paragrafi sull’eliminazione graduale del nucleare e una revisione della licenza operativa relativa alla sicurezza per consentire alle centrali nucleari tedesche di continuare a funzionare», scrivono gli scienziati nella dichiarazione.

 

«Con un focus unilaterale su solare, eolico e gas naturale, la Germania è stata portata in crisi energetica», avvertono gli scienziati.

 

La dichiarazione sarà inviata alla commissione per le petizioni del Bundestag, il Parlamento tedesco, che dovrebbe quindi pubblicarla per iniziare la raccolta di firme. Secondo la legge tedesca, qualora si raccogliessero almeno 50.000, gli scienziati potranno spiegare le loro richieste nel comitato del Bundestag.

 

I firmatari della «Dichiarazione di Stoccarda» temono i problemi economici causati dal phase-out nucleare: «L’aumento dei prezzi dell’energia e il calo della sicurezza dell’approvvigionamento mettono in pericolo la competitività e la prosperità», scrivono.

 

Attenersi all’eliminazione graduale del nucleare tedesco porrebbe un freno alla cosiddetta «protezione del clima» perché l’energia del carbone sarà necessaria per garantire l’approvvigionamento energetico, come sta già accadendo in Germania, che sta grottescamente tornando a fonti di energia ottocentesche.

 

«C’è un consenso crescente nella comunità scientifica sul fatto che la Germania non possa più ignorare le dichiarazioni del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici sull’energia nucleare come tecnologia di protezione del clima», ha detto Thess a Die Welt.

 

In uno sviluppo correlato, l’agenzia di certificazione tedesca TÜV ha dichiarato che il riavvio delle tre centrali nucleari dismesse, Brokdorf, Grohnde e Gundremmingen C, è fattibile e sicuro.

 

«Questi impianti sono tra le centrali elettriche più sicure e tecnicamente migliori al mondo. Erano e sono in ottime condizioni», ha detto al Bild  Joachim Bühler, membro del consiglio di amministrazione dell’associazione TÜV.

 

Il riavvio degli impianti nucleari, che sono stati chiusi nel 2021, quindi «non sarebbe questione di anni, ma piuttosto di pochi mesi o settimane».

 

«Siamo convinti che le tre centrali siano in condizioni di sicurezza che consentirebbero di riportarle in linea», ha affermato Bühler.

 

A suo avviso, sarebbe possibile prolungare la vita operativa di tutte le centrali nucleari in Germania – quelle tre dismesse nel 2021 e le tre ancora attive – fino a tre anni.

 

La rapidità con cui gli impianti dismessi potrebbero essere messi in linea è «principalmente una questione di volontà politica», ha affermato.

 

Un sondaggio d’opinione condotto lo scorso mese dall’Istituto Infratest aveva dimostrato che il 61% è favorevole a mantenere aperte le centrali nucleari oltre la chiusura definitiva prevista per la fine del 2022. Sempre il mese scorso il ministro delle finanze tedesco, il liberale Christian Linder, aveva proposto di prolungare l’eliminazione graduale dei reattori nucleari che dovrebbero cessare le operazioni entro la fine dell’anno. Come abbiamo visto, il balletto sulle dismissioni delle centrali atomiche riguarda ora anche la Gran Bretagna, mentre il Sud Corea si prepara a riabbracciare il nucleare.

 

EIRN nota l’intelligenza del ministro dell’Economia verde Robert Habeck, quello che continua a parlare di future rivolte per la mancanza di gas russo mentre non fa nulla prevenirle, il quale ha «idiotamente affermato che riattivare le centrali nucleari non ha senso perché la Germania “ha bisogno di gas e non di elettricità”».

 

«Questa è chiaramente una sciocchezza, dal momento che gli impianti a gas producono il 10% dell’elettricità. Poiché il gas sta diventando scarso, quel 10% può essere sostituito da centrali nucleari, risparmiando così gas per il riscaldamento».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Germania ha riaperto le centrali a carbone. Tale materia prima, tuttavia, è importata sempre dalla Russia, come il gas.

 

Il piano di transizione ecologica della Merkel è fallito miseramente; lo si è capito a novembre 2021 quando emerse che in Germania non c’era vento per far girare le turbine eoliche.

 

La Germania sta preparandosi allo shock energetico dei prossimi mesi, organizzando «luoghi di riscaldamento» per coloro che a casa potrebbero morire di freddo – quei poveri cittadini che possiamo chiamare «sfollati energetici».

 

Il governo della vicina Polonia sta invitando i cittadini a raccogliere legna per l’inverno.

 

La regressione della civiltà europea non è mai stata più visibile.

 

 

 

 

 

Immagine di Indolences via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

L’AIEA: sanzionare l’industria nucleare russa costerà miliardi all’UE

Pubblicato

il

Da

L’Unione europea dipende dalle forniture di uranio russe e sanzionarle sarebbe irrealistico, ha detto lunedì il capo dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), Rafael Grossi. Lo riporta RT.

 

Grossi era a Bruxelles per informare i ministri degli Esteri dell’UE sul programma di arricchimento nucleare iraniano quando, durante un’intervista esclusiva con Reuters, è emersa la questione di possibili sanzioni nucleari contro la Russia.

 

«Molte aziende in Occidente dipendono dalle forniture russe – uranio arricchito o carburante», ha dichiarato il Grossi. «Il consenso è che sanzionare Rosatom non sarebbe realistico e poco pratico. Ciò metterebbe l’industria nucleare in una fase di stallo in molti Paesi».

Sostieni Renovatio 21

Alcuni stati membri dell’UE hanno proposto di estendere l’embargo del blocco – imposto sul conflitto in Ucraina – al combustibile nucleare venduto da Mosca. Il colosso statale russo dell’energia nucleare, Rosatom, possiede quasi il 50% delle infrastrutture globali per l’arricchimento dell’uranio e rappresentava quasi il 36% delle esportazioni mondiali nel 2022.

 

Rosatom sta attualmente costruendo più di 20 reattori nucleari in tutto il mondo, dalla Turchia e dall’Ungheria, membro dell’UE, all’Egitto, alla Cina e all’India.

 

Lo scorso novembre, il governo degli Stati Uniti ha notato un fatto «gravemente preoccupante»: quasi il 20% del combustibile nucleare utilizzato dalle centrali elettriche americane proveniva dalla Russia. Il sottosegretario all’Energia Kathryn Huff ha sostenuto che è «fondamentale» per gli Stati Uniti porre fine alla loro «dipendenza» dalla Russia come questione di sicurezza nazionale e come risposta al cambiamento climatico.

 

Circolano anche voci di piani statunitensi per vietare l’importazione di uranio russo a partire dal 2028.

 

Il tentativo di «ridurre la dipendenza» dal combustibile nucleare russo costerebbe all’UE miliardi e sembra improbabile, ha detto Grossi a Reuters. Ha anche osservato che la domanda globale di uranio arricchito è in realtà in aumento.

Aiuta Renovatio 21

«Francamente, vedo una maggiore presenza di capacità russe di arricchimento dell’uranio nel mondo piuttosto che una diminuzione», ha detto a Reuters.

 

Grossi visiterà presto Mosca e incontrerà il presidente russo Vladimir Putin prima di proseguire per Teheran per colloqui con il governo iraniano sul loro programma nucleare.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche gli USA dipendono dal combustibile nucleare russo, continuando a spendere miliardi per l’uranio di Mosca, avendo perso la capacità di trattare la sostanza in patria.

 

La Russia, nel frattempo, ha approvato un prestito per costruire due centrali nucleari in Ungheria.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di IAEA Imagebank via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

 

Continua a leggere

Nucleare

Deputato ucraino chiede le armi nucleari

Pubblicato

il

Da

A meno che l’Ucraina non ottenga la piena adesione alla NATO, non avrà altra scelta che sviluppare o in qualche modo ottenere un arsenale di armi nucleari, secondo il deputato Aleksey Goncharenko. Lo riporta RT.   Il deputato ucraino ha fatto pressione sul segretario di Stato americano Antony Blinken sulla questione sabato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, chiedendo quali altre opzioni ha l’Ucraina contro la Russia oltre a diventare membro della NATO, allearsi con una potenza nucleare o «ripristinare il nostro potenziale nucleare». Blinken, tuttavia, ha eluso la domanda.   «Ancora una volta lo dirò direttamente e apertamente: sostengo il ritorno delle armi nucleari in Ucraina. E credo che questa sia la nostra unica opzione per sopravvivere», ha scritto il Goncharenko in un post su Telegram domenica sera, sottolineando che Blinken non ha risposto alla sua domanda.   Il deputato ucraino ha continuato dicendo che «se la NATO non vuole accettarci», allora «bisogna costruire missili nucleari», aggiungendo che Kiev sopporterebbe volentieri qualsiasi potenziale sanzione per la violazione del trattato di non proliferazione.

Sostieni Renovatio 21

«Non ne abbiamo bisogno di mille. Abbiamo bisogno di 20» missili nucleari, ha dichiarato, senza spiegare come si aspetta di ottenere le armi nucleari.   L’Ucraina non ha quasi alcuna possibilità di produrre armi nucleari da sola, ha riconosciuto l’anno scorso il capo del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale del Paese, Aleksey Danilov, suggerendo che Kiev potrebbe alla fine ospitare un arsenale di fabbricazione occidentale.   Dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, l’Ucraina aveva ereditato circa un terzo delle testate nucleari del Paese, insieme alle relative infrastrutture. Nel 1994 rinunciò volontariamente alle armi in cambio di garanzie di sicurezza da parte di Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia nell’ambito del Memorandum di Budapest. Tuttavia, i funzionari russi affermano che l’ingerenza occidentale negli affari interni dell’Ucraina ha minato l’accordo.   Il presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj ha segnalato che Kiev potrebbe tentare di rivendicare il suo status nucleare, poco prima dell’inizio dell’operazione militare di Mosca nel 2022.   Secondo il presidente russo Vladimiro Putin, l’Ucraina era in trattative per acquisire armi nucleari prima dell’inizio del conflitto, mentre l’ex leader russo Demetrio Medvedev ha affermato che le minacce di Kiev di riavviare il suo programma nucleare sono state tra i principali fattori che hanno spinto la Russia a lanciare l’operazione militare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Intelligence

La storia delle armi atomiche russe nello spazio è propaganda per aumentare i fondi USA a Kiev?

Pubblicato

il

Da

La comunità dell’Intelligence statunitense ritiene che la Russia stia sviluppando un’arma anti-satellite spaziale, ma non esiste alcuna minaccia immediata, ha detto giovedì ai giornalisti un alto funzionario della Casa Bianca.

 

La possibile esistenza di tale tecnologia è stata sollevata mercoledì da Mike Turner, presidente della House Intelligence Committee, che ha chiesto una rapida desecretazione per consentire ai legislatori statunitensi, all’amministrazione Biden e agli alleati americani di «discutere apertamente le azioni per rispondere a questa minaccia».

 

Il Turner, va notato, non menzionava la Russia, tuttavia fonti hanno riferito ai giornali statunitensi che si stava riferendo a una sorta di ordigno nucleare russo destinato a colpire i satelliti spaziali. Il portavoce del Cremlino Demetrio Peskov ha detto che la Casa Bianca sta «cercando, con le buone o con le cattive, di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina, che è stata bloccata alla Camera.

Sostieni Renovatio 21

«È chiaro che la Casa Bianca sta cercando (…) di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina ha dichiarato il portavoce russo. «Vedremo quali trucchi utilizzerà la Casa Bianca».

 

Il consigliere per le comunicazioni per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha definito il suggerimento di Peskov «una sciocchezza», insistendo sul fatto che la preoccupazione di Washington era genuina. Biden «ha diretto una serie di azioni iniziali», inclusi briefing per i leader del Congresso, impegno diplomatico diretto con la Russia e contatti con altre nazioni. Kirby ha espresso rammarico per il fatto che Turner non abbia seguito il protocollo per declassare la classificazione delle informazioni.

 

La Russia ha sviluppato capacità anti-satellite per anni, ha affermato. Le nuove informazioni raccolte in queste settimane avrebbero quindi consentito alla comunità dell’intelligence statunitense di «valutare con un maggiore senso di fiducia esattamente come la Russia continua a perseguirla», ha aggiunto. ABC News ha affermato che, sebbene il sistema non sarebbe utilizzato per attaccare obiettivi sulla Terra, i funzionari statunitensi lo considerano ancora «molto preoccupante e molto sensibile».

 

Secondo Kirby non è previsto un effettivo dispiegamento a breve. Se la Russia facesse ciò che gli Stati Uniti credono di voler fare, violerebbe il Trattato sullo Spazio Extra-atmosferico (Outer Space Treaty, o OST), ha affermato l’ammiraglio. Il trattato vieta lo spiegamento di armi di distruzione di massa nello spazio e ne richiede l’esplorazione pacifica in quanto «provincia dell’intera umanità».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Sia la Russia che gli Stati Uniti sono firmatari dell’OST. Mosca sostiene da anni che il maggiore utilizzo dello spazio da parte del Pentagono per scopi militari viola lo spirito dell’accordo del 1967, quando si tentava di allentare le tensioni della Guerra Fredda e della concomitante corsa allo spazio. Da allora hanno aderito al trattato più di 100 paesi.

 

Kirby ha rifiutato di dichiarare se il presunto ordigno russo debba essere «un’arma nucleare, un’arma a propulsione nucleare o un’arma con capacità nucleare», come descritto in uno dei rapporti.

 

Alcuni commentatori negli Stati Uniti hanno suggerito che la mossa di Turner fosse intesa a rafforzare la sua spinta a riautorizzare la Sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (FISA). Consente al governo degli Stati Uniti di raccogliere le comunicazioni digitali degli stranieri e funge da tempo da scappatoia per spiare i cittadini americani. La controversa autorità scadrà ad aprile in assenza di un’azione da parte del Congresso.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scorso anno il generale B. Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali per la US Space Force ha dichiarato che la Russia starebbe usando armi spaziali nel conflitto in Ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, i russi starebbero costruendo armi anti-satellite (ASAT) basate sul laser per distruggere i satelliti spia statunitensi, mentre , la Cina ha studiato modi per disabilitare o distruggere i satelliti di Musk, considerati a questo punto un fattore geopolitico determinante.

 

A inizio 2022, a poche settimane dallo scoppio della guerra ucraina, la NATO aveva pubblicato un documento ufficiale – NATO’s overarching Space Policy («Politica spaziale globale NATO») che introduce la dottrina spaziale del Patto Atlantico: le minacce spaziali devono essere incluse nell’articolo 5, la celeberrima clausola di mutua difesa della NATO che impegna a dare una risposta collettiva nel caso un singolo Paese venga attaccato. In precedenza, la NATO aveva già avviato un centro spaziale, parte del comando aereo di Ramstein, in Germania.

Aiuta Renovatio 21

La Russia aveva risposto duramente definendo il documento «unilaterale ed incendiario». «Possiamo vedere dove si sta effettivamente dirigendo il mondo spaziale occidentale. Si sta dirigendo verso la guerra», aveva detto al canale televisivo Rossiya 24 in un’intervista l’allora direttore dell’agenzia russa spaziale Roskosmos Dmitrij Rogozin la scorsa estate.

 

Una guerra spaziale, va ricordato, potrebbe impedire all’umanità l’accesso allo spazio per secoli o millenni, a causa dei detriti e della conseguente sindrome di Kessler. Tuttavia, pare che gli eserciti si stiano davvero preparando alla guerra orbitale.

 

Come riportato da Renovatio 21Russia e Cina negli ultimi mesi hanno intensificato gli sforzi di integrazione dei loro sistemi di navigazione satellitare alternativi al GPS. Anche l’India cerca di uscire dal cono dei satelliti occidentali, arrivando a esplicitare la volontà di piazzare il suo sistema di navigazione, il NavIC, negli iPhone.

 

Ad ogni modo, un incidente nucleare spaziale già ha coinvolto la Russia e il Nord America in passato.

 

Nel 1978, l’incidente del satellite sovietico Kosmos 954 sul suolo canadese ha generato l’unica richiesta presentata in conformità con la a Convenzione sulla responsabilità internazionale per i danni causati da oggetti spaziali (chiamato generalmente Space Liability Convention), un trattato del 1972 che amplia le norme sulla responsabilità create nel Trattato sullo spazio extraatmosferico.

 

Il satellite russo di osservazione era equipaggiato con un reattore nucleare e, durante il suo rientro nell’atmosfera, disperse detriti radioattivi sulla parte settentrionale del Canada; alcuni di questi detriti radioattivi sono precipitati nel Great Slave Lake, vicino a Fort Resolution, nei Territori del Nord-Ovest. Il governo di Ottawa ha avviato un’operazione di bonifica a lungo termine denominata Operazione Morning Light, il cui costo è stato valutato in 6 milioni di dollari canadesi.

 

Si dice che l’Unione Sovietica alla fine rimborsò solo 3 milioni a titolo di compensazione.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari