Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Energia nucleare, scienziati tedeschi pubblicano la «Dichiarazione di Stoccarda»

Pubblicato

il

Un gruppo di 20 scienziati tedeschi ha redatto un appello per fermare l’uscita dal nucleare prevista in Germania per quest’anno.

 

L’invito sarà pubblicato presto, ha detto a Die Welt il promotore André Thess, professore di accumulo di energia all’Università di Stoccarda.

 

Il loro argomento principale è evitare una crisi energetica, ma anche raggiungere gli obiettivi climatici.

 

«Chiediamo l’immediata abrogazione dei paragrafi sull’eliminazione graduale del nucleare e una revisione della licenza operativa relativa alla sicurezza per consentire alle centrali nucleari tedesche di continuare a funzionare», scrivono gli scienziati nella dichiarazione.

 

«Con un focus unilaterale su solare, eolico e gas naturale, la Germania è stata portata in crisi energetica», avvertono gli scienziati.

 

La dichiarazione sarà inviata alla commissione per le petizioni del Bundestag, il Parlamento tedesco, che dovrebbe quindi pubblicarla per iniziare la raccolta di firme. Secondo la legge tedesca, qualora si raccogliessero almeno 50.000, gli scienziati potranno spiegare le loro richieste nel comitato del Bundestag.

 

I firmatari della «Dichiarazione di Stoccarda» temono i problemi economici causati dal phase-out nucleare: «L’aumento dei prezzi dell’energia e il calo della sicurezza dell’approvvigionamento mettono in pericolo la competitività e la prosperità», scrivono.

 

Attenersi all’eliminazione graduale del nucleare tedesco porrebbe un freno alla cosiddetta «protezione del clima» perché l’energia del carbone sarà necessaria per garantire l’approvvigionamento energetico, come sta già accadendo in Germania, che sta grottescamente tornando a fonti di energia ottocentesche.

 

«C’è un consenso crescente nella comunità scientifica sul fatto che la Germania non possa più ignorare le dichiarazioni del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici sull’energia nucleare come tecnologia di protezione del clima», ha detto Thess a Die Welt.

 

In uno sviluppo correlato, l’agenzia di certificazione tedesca TÜV ha dichiarato che il riavvio delle tre centrali nucleari dismesse, Brokdorf, Grohnde e Gundremmingen C, è fattibile e sicuro.

 

«Questi impianti sono tra le centrali elettriche più sicure e tecnicamente migliori al mondo. Erano e sono in ottime condizioni», ha detto al Bild  Joachim Bühler, membro del consiglio di amministrazione dell’associazione TÜV.

 

Il riavvio degli impianti nucleari, che sono stati chiusi nel 2021, quindi «non sarebbe questione di anni, ma piuttosto di pochi mesi o settimane».

 

«Siamo convinti che le tre centrali siano in condizioni di sicurezza che consentirebbero di riportarle in linea», ha affermato Bühler.

 

A suo avviso, sarebbe possibile prolungare la vita operativa di tutte le centrali nucleari in Germania – quelle tre dismesse nel 2021 e le tre ancora attive – fino a tre anni.

 

La rapidità con cui gli impianti dismessi potrebbero essere messi in linea è «principalmente una questione di volontà politica», ha affermato.

 

Un sondaggio d’opinione condotto lo scorso mese dall’Istituto Infratest aveva dimostrato che il 61% è favorevole a mantenere aperte le centrali nucleari oltre la chiusura definitiva prevista per la fine del 2022. Sempre il mese scorso il ministro delle finanze tedesco, il liberale Christian Linder, aveva proposto di prolungare l’eliminazione graduale dei reattori nucleari che dovrebbero cessare le operazioni entro la fine dell’anno. Come abbiamo visto, il balletto sulle dismissioni delle centrali atomiche riguarda ora anche la Gran Bretagna, mentre il Sud Corea si prepara a riabbracciare il nucleare.

 

EIRN nota l’intelligenza del ministro dell’Economia verde Robert Habeck, quello che continua a parlare di future rivolte per la mancanza di gas russo mentre non fa nulla prevenirle, il quale ha «idiotamente affermato che riattivare le centrali nucleari non ha senso perché la Germania “ha bisogno di gas e non di elettricità”».

 

«Questa è chiaramente una sciocchezza, dal momento che gli impianti a gas producono il 10% dell’elettricità. Poiché il gas sta diventando scarso, quel 10% può essere sostituito da centrali nucleari, risparmiando così gas per il riscaldamento».

 

Come riportato da Renovatio 21, la Germania ha riaperto le centrali a carbone. Tale materia prima, tuttavia, è importata sempre dalla Russia, come il gas.

 

Il piano di transizione ecologica della Merkel è fallito miseramente; lo si è capito a novembre 2021 quando emerse che in Germania non c’era vento per far girare le turbine eoliche.

 

La Germania sta preparandosi allo shock energetico dei prossimi mesi, organizzando «luoghi di riscaldamento» per coloro che a casa potrebbero morire di freddo – quei poveri cittadini che possiamo chiamare «sfollati energetici».

 

Il governo della vicina Polonia sta invitando i cittadini a raccogliere legna per l’inverno.

 

La regressione della civiltà europea non è mai stata più visibile.

 

 

 

 

 

Immagine di Indolences via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

La Cina continua i suoi studi per la fusione nucleare

Pubblicato

il

Da

Un articolo del China’s Science and Technology Daily del 28 novembre descrive quanto sia avanzato il programma di fusione termonucleare cinese e quanto sia concentrato sul fare nuove scoperte.

 

L’articolo si concentra sul nuovo Comprehensive Research Facility for Fusion Technology (CRAFT), che è stato commissionato nel dicembre 2018 e dovrebbe essere completato nel 2024, presso l’Università di Scienza e Tecnologia di Hefei, sede anche del Tokamak superconduttore avanzato sperimentale (EST).

 

La struttura è composta da 14 edifici e copre 400.000 m². Il team di scienza della fusione termonucleare presso l’Institute of Plasma di Hefei ha condotto ricerche sulle prestazioni globali dei materiali, sulle prestazioni dei superconduttori, dei magneti superconduttori, delle camere a vuoto del reattore di fusione, dei componenti del divertore e dell’interazione tra plasma e materiali.

 

«Allo stato attuale, sono state completate più di 100 attività fondamentali di costruzione e progettazione, pre-ricerca e verifica dei test dei componenti principali, dalla fase di ricerca e sviluppo in laboratorio e test del sottosistema allo sviluppo, integrazione in loco e fase di debug di alcuni componenti chiave», ha dichiarato al Science and Technology Daily il ricercatore di materiali Hefei Liu Zhihong.

 

Il CRAFT, tuttavia, non è un reattore a fusione in sé, ma è progettato per sviluppare tutte le tecnologie per la fase successiva della ricerca sulla fusione oltre il progetto International Thermonuclear Experimental Reactor (ITER) con sede in Francia, ovvero il Chinese Fusion Engineering Testing Reactor.

 

Si tratterà della penultima fase prima dello sviluppo dei reattori dimostrativi DEMO per succedere a ITER, che sarà pianificato in diversi Paesi prima dello sviluppo di reattori commerciali.

 

Nel frattempo la Cina sta portando la sua tecnologia nucleare anche all’estero.

 

Il tokamak cinese HS HT-6M, uno dei quattro dispositivi di fusione sviluppati dall’Istituto cinese di fisica del plasma dell’Accademia delle scienze, è stato smontato in 462 parti principali e imballato con cura in sei container, per essere spedito a metà dicembre nella sua nuova casa in Thailandia Institute of Nuclear Technology (TINT), in un edificio creato appositamente.

 

Questa è un’operazione enorme: il tokamak, ora ribattezzato Thailand Tokamak 1 (TT-1) pesa 84 tonnellate.

 

Il 18 novembre l’agenzia di notizie statale cinese Xinhua ha scritto che il TT-1 dovrebbe arrivare in Thailandia all’inizio di gennaio 2023. Circa 60 scienziati e ingegneri cinesi saranno inviati in Thailandia in tre gruppi per aiutare ad assemblare, regolare e testare la macchina prima della sua lancio ufficiale all’inizio del prossimo anno.

 

Ingegneri e scienziati thailandesi si sono formati per mesi presso l’Istituto di fisica del plasma nel programma di fusione di Hefei, per prepararsi a gestirlo. Ciò si basava su un accordo firmato da Thailandia e Cina nel 2018 alla presenza della regina thailandese Maha Chakri Sirinhorn.

 

 

Come riportato da Renovatio 21, la Cina ha fatto sapere in questi anni di aver compiuto passi in avanti in fatto di tecnologia con una dimostrazione di un reattore atomico raffreddato ad alta temperatura su modulo a letto di ghiaia (HTR-PM).

 

In Cina alcune centrali nucleari godono degli investimenti di Hunter Biden. In un caso non chiarissimo dell’anno passato, dopo un allarme ad un impianto cinese uno scienziato nucleare si è suicidato lanciandosi nel vuoto.

 

 

 

 

 

Immagine di Rswilcox via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

«Rischio di disastro nucleare alla centrale di Zaporiggia»

Pubblicato

il

Da

Alexey Likhachev, amministratore delegato dell’agenzia nucleare russa Rosatom, ha avvertito oggi che c’è la possibilità di un disastro nucleare nella centrale di Zaporiggia, che è sotto il controllo delle forze russe, nelle attuali circostanze dei costanti attacchi subiti dalle forze ucraine.

 

Il regime di Kiev ha ripreso a bombardare l’impianto nei giorni scorsi. «Stiamo informando la comunità internazionale che l’impianto è a rischio di un disastro nucleare e Kiev crede chiaramente che un piccolo incidente nucleare sarebbe accettabile», ha dichiarato Likhachev all’agenzia russa TASS.  «Tuttavia, le radiazioni non chiederanno a Kiev che tipo di incidente vuole. Sarà un precedente che cambierà per sempre il corso della storia. Quindi occorre fare tutto il possibile per assicurarsi che nessuno possa nemmeno pensare di danneggiare la sicurezza delle centrali nucleari».

 

L’avvertimento di Likhachev ha fatto seguito a un giorno in cui l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) ha rilasciato non una, ma due dichiarazioni in cui si citava il direttore generale Rafael Grossi che si rifiutava di riconoscere che l’Ucraina stava bombardando l’impianto. Nella prima dichiarazione, l’agenzia ha espresso estrema preoccupazione per il nuovo bombardamento dell’impianto.

 

«Chiunque ci sia dietro, deve fermarsi immediatamente», ha detto Grossi. «Come ho già detto molte volte, stai giocando con il fuoco!»

 

La seconda dichiarazione riportava che mentre non c’erano perdite di radiazioni, gli impatti dei proiettili si avvicinavano molto ai sistemi di sicurezza e protezione.

 

«Anche se non vi è stato alcun impatto diretto sui principali sistemi di sicurezza e protezione nucleare dell’impianto, i bombardamenti si sono avvicinati pericolosamente a loro. Stiamo parlando di metri, non di chilometri. Chiunque stia bombardando la centrale nucleare di Zaporozhye, sta correndo enormi rischi e giocando d’azzardo con la vita di molte persone», ha detto il funzionario AIEA.

 

In entrambe le dichiarazioni, il Grossi ha ribadito la sua richiesta di una zona smilitarizzata attorno allo stabilimento.

 

L’ambasciatore Mikhail Uljanov, inviato della Russia alle Nazioni Unite presso le organizzazioni internazionali a Vienna, ha affermato che la risoluzione approvata dal consiglio dei governatori dell’AIEA la scorsa settimana ha in realtà l’effetto di dare carta bianca al regime di Kiev per continuare a bombardare l’impianto.

 

«Ieri e oggi le forze armate ucraine hanno intrapreso pesanti bombardamenti della centrale nucleare di Zaporiggia. Sembra che abbiano percepito la recente fuorviante risoluzione del Board of Governors dell’AIEA sponsorizzata da Canada e Finlandia come una carta bianca per la ripresa del bombardamento della più grande centrale nucleare d’Europa», ha scritto sul suo account Twitter.

 

La risoluzione, osserva la TASS, chiede alla Russia di interrompere le sue attività nelle centrali nucleari ucraine.

 

Come riportato da Renovatio 21, risale ad un mese fa il tentativo da parte delle forze di Kiev di re-impadronirsi della centrale che sta al di là del fiume rispetto alla città di Zaporiggia, oggi sotto controllo ucraino.

 

Due giorni fa è emerso che l’Ucraina avrebbe bombardato un sito di stoccaggio di scorie radioattive.

 

 

 

 

Immagine screenshot video da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

L’Ucraina ha bombardato un sito di stoccaggio di scorie radioattive

Pubblicato

il

Da

Le truppe ucraine hanno bombardato la più grande centrale nucleare d’Europa negli ultimi due giorni, sostiene Renat Karchaa, consigliere dell’ente nucleare statale russo Rosenergoatom, riportato dal sito governativo russo RT.

 

Karchaa ha detto che la centrale nucleare di Zaporiggia è stata presa di mira domenica mattina a seguito di uno sbarramento sparato contro la struttura il giorno precedente, quando sei proiettili hanno colpito il sistema di raffreddamento di uno dei rettori e due hanno colpito il deposito di scorie radioattive.

 

Secondo quanto riportato i dipendenti dell’impianto sarebbero rimasti illesi.

 

Secondo il ministero della Difesa russo, l’impianto è stato bombardato due volte domenica, mentre sabato sono stati sparati 11 «proiettili di artiglieria di grosso calibro». Il ministero ha poi affermato che i proiettili sono caduti vicino ai reattori e che il fuoco è stato diretto anche contro le linee elettriche.

 

«È impossibile valutare le conseguenze dei bombardamenti perché c’è il pericolo di nuovi attacchi», ha detto Karchaa. L’impianto non era stato preso di mira così tanto dalla fine di settembre. secondo il funzionario.

 

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), il cui team sta monitorando la situazione sul campo, ha affermato che domenica «più di una dozzina di esplosioni sono state udite in un breve periodo di tempo». Ha aggiunto che gli esperti potevano vedere alcune delle esplosioni dalle loro finestre.

 

«Chiunque ci sia dietro, deve fermarsi immediatamente. Come ho già detto molte volte, stai giocando con il fuoco! Lo ha detto il direttore generale dell’AIEA, Rafael Mariano Grossi».

 

La scorsa primavera c’era stata la dura condanna del segretario generale ONU Antonio Guterres che parlò di attacchi «suicidi» alla centrale.

 

I soldati russi hanno sequestrato l’impianto poco dopo che Mosca ha lanciato la sua operazione militare in Ucraina alla fine di febbraio.

 

La regione di Zaporiggia, insieme ad altri tre ex territori ucraini, alla fine si è unita alla Russia dopo aver tenuto referendum sulla questione a settembre.

 

Come riportato da Renovatio 21, un mese fa le forze ucraine avevano cercato di riconquistare la centrale con un’operazione di sbarco attraverso il fiume Dnepr, sulla cui riva sinistra sorge il più grande impianto nucleare del continente. Tuttavia, l’attacco era stato respinto. Nei giorni successivi si erano avute esplosioni nella città di Zaporiggia, che si trova invece sotto il controllo delle autorità ucraine.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari