Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Il Sud Corea annuncia il ritorno al nucleare

Pubblicato

il

La Corea del Sud ha avanzato una politica energetica che porterà la quota nucleare del mix energetico nazionale al 30% entro il 2030 e chiede la costruzione della terza e quarta unità della centrale nucleare di Shin Hanul.

 

Il presidente Yoon Suk-yeol, entrato in carica a maggio, ha promesso di invertire la politica dell’ex presidente Moon Jae-in di eliminare gradualmente l’energia nucleare.

 

Una nuova politica è stata annunciata questa settimana durante una riunione di gabinetto.

 

«Tra la spinta globale alla neutralità del carbonio e l’escalation del conflitto Russia-Ucraina e le incertezze della catena di approvvigionamento energetico globale, la sicurezza energetica e il raggiungimento degli obiettivi di neutralità del carbonio sono ora più critici che mai», ha affermato il Ministero del Commercio, dell’Industria e dell’Energia in un dichiarazione.

 

Il ministro ha affermato che per ristabilire un mix energetico «fattibile e ragionevole», la costruzione di Shin Hanul 3 e 4 dovrebbe riprendere «con l’obiettivo di espandere il rapporto di energia nucleare fino a un minimo del 30% entro il 2030».

 

Il ministero ha aggiunto: «Questo 30% dipende dalla premessa che le centrali nucleari ancora in costruzione raggiungeranno il normale funzionamento e che quelle attualmente in funzione continueranno a funzionare».

 

È così stabilito  l’obiettivo di esportare dieci centrali nucleari entro il 2030 e di sviluppare un progetto coreano per un piccolo reattore modulare.

 

Come riportato da Renovatio 21, nonostante le misteriose difficoltà tecniche avute a inizio anno, la Francia ritiene di continuare con il nucleare.

 

Anche la popolazione tedesca, secondo un recente sondaggio, sta diventando cauta rispetto all’imperativo della rinuncia all’atomo stabilito dalla Merkel. Alcuni politici stanno discutendo la questione – il termine proposto per l’energia nucleare in Germania è la fine di quest’anno.

 

Lo Stato di Israele è fra quelli che sta continuando la ricerca sul nucleare.

 

La Cina intanto comunica il mondo  i suoi avanzamenti tecnologici mostrando un reattore atomico raffreddato ad alta temperatura su modulo a letto di ghiaia (HTR-PM).

 

Come riportato da Renovatio 21, nella partita non poteva mancare il Bill Gates, il quale starebbe costruendo una centrale nucleare sperimentale in una piccola cittadina americana.

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

«Rischio di disastro nucleare alla centrale di Zaporiggia»

Pubblicato

il

Da

Alexey Likhachev, amministratore delegato dell’agenzia nucleare russa Rosatom, ha avvertito oggi che c’è la possibilità di un disastro nucleare nella centrale di Zaporiggia, che è sotto il controllo delle forze russe, nelle attuali circostanze dei costanti attacchi subiti dalle forze ucraine.

 

Il regime di Kiev ha ripreso a bombardare l’impianto nei giorni scorsi. «Stiamo informando la comunità internazionale che l’impianto è a rischio di un disastro nucleare e Kiev crede chiaramente che un piccolo incidente nucleare sarebbe accettabile», ha dichiarato Likhachev all’agenzia russa TASS.  «Tuttavia, le radiazioni non chiederanno a Kiev che tipo di incidente vuole. Sarà un precedente che cambierà per sempre il corso della storia. Quindi occorre fare tutto il possibile per assicurarsi che nessuno possa nemmeno pensare di danneggiare la sicurezza delle centrali nucleari».

 

L’avvertimento di Likhachev ha fatto seguito a un giorno in cui l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) ha rilasciato non una, ma due dichiarazioni in cui si citava il direttore generale Rafael Grossi che si rifiutava di riconoscere che l’Ucraina stava bombardando l’impianto. Nella prima dichiarazione, l’agenzia ha espresso estrema preoccupazione per il nuovo bombardamento dell’impianto.

 

«Chiunque ci sia dietro, deve fermarsi immediatamente», ha detto Grossi. «Come ho già detto molte volte, stai giocando con il fuoco!»

 

La seconda dichiarazione riportava che mentre non c’erano perdite di radiazioni, gli impatti dei proiettili si avvicinavano molto ai sistemi di sicurezza e protezione.

 

«Anche se non vi è stato alcun impatto diretto sui principali sistemi di sicurezza e protezione nucleare dell’impianto, i bombardamenti si sono avvicinati pericolosamente a loro. Stiamo parlando di metri, non di chilometri. Chiunque stia bombardando la centrale nucleare di Zaporozhye, sta correndo enormi rischi e giocando d’azzardo con la vita di molte persone», ha detto il funzionario AIEA.

 

In entrambe le dichiarazioni, il Grossi ha ribadito la sua richiesta di una zona smilitarizzata attorno allo stabilimento.

 

L’ambasciatore Mikhail Uljanov, inviato della Russia alle Nazioni Unite presso le organizzazioni internazionali a Vienna, ha affermato che la risoluzione approvata dal consiglio dei governatori dell’AIEA la scorsa settimana ha in realtà l’effetto di dare carta bianca al regime di Kiev per continuare a bombardare l’impianto.

 

«Ieri e oggi le forze armate ucraine hanno intrapreso pesanti bombardamenti della centrale nucleare di Zaporiggia. Sembra che abbiano percepito la recente fuorviante risoluzione del Board of Governors dell’AIEA sponsorizzata da Canada e Finlandia come una carta bianca per la ripresa del bombardamento della più grande centrale nucleare d’Europa», ha scritto sul suo account Twitter.

 

La risoluzione, osserva la TASS, chiede alla Russia di interrompere le sue attività nelle centrali nucleari ucraine.

 

Come riportato da Renovatio 21, risale ad un mese fa il tentativo da parte delle forze di Kiev di re-impadronirsi della centrale che sta al di là del fiume rispetto alla città di Zaporiggia, oggi sotto controllo ucraino.

 

Due giorni fa è emerso che l’Ucraina avrebbe bombardato un sito di stoccaggio di scorie radioattive.

 

 

 

 

Immagine screenshot video da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

L’Ucraina ha bombardato un sito di stoccaggio di scorie radioattive

Pubblicato

il

Da

Le truppe ucraine hanno bombardato la più grande centrale nucleare d’Europa negli ultimi due giorni, sostiene Renat Karchaa, consigliere dell’ente nucleare statale russo Rosenergoatom, riportato dal sito governativo russo RT.

 

Karchaa ha detto che la centrale nucleare di Zaporiggia è stata presa di mira domenica mattina a seguito di uno sbarramento sparato contro la struttura il giorno precedente, quando sei proiettili hanno colpito il sistema di raffreddamento di uno dei rettori e due hanno colpito il deposito di scorie radioattive.

 

Secondo quanto riportato i dipendenti dell’impianto sarebbero rimasti illesi.

 

Secondo il ministero della Difesa russo, l’impianto è stato bombardato due volte domenica, mentre sabato sono stati sparati 11 «proiettili di artiglieria di grosso calibro». Il ministero ha poi affermato che i proiettili sono caduti vicino ai reattori e che il fuoco è stato diretto anche contro le linee elettriche.

 

«È impossibile valutare le conseguenze dei bombardamenti perché c’è il pericolo di nuovi attacchi», ha detto Karchaa. L’impianto non era stato preso di mira così tanto dalla fine di settembre. secondo il funzionario.

 

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), il cui team sta monitorando la situazione sul campo, ha affermato che domenica «più di una dozzina di esplosioni sono state udite in un breve periodo di tempo». Ha aggiunto che gli esperti potevano vedere alcune delle esplosioni dalle loro finestre.

 

«Chiunque ci sia dietro, deve fermarsi immediatamente. Come ho già detto molte volte, stai giocando con il fuoco! Lo ha detto il direttore generale dell’AIEA, Rafael Mariano Grossi».

 

La scorsa primavera c’era stata la dura condanna del segretario generale ONU Antonio Guterres che parlò di attacchi «suicidi» alla centrale.

 

I soldati russi hanno sequestrato l’impianto poco dopo che Mosca ha lanciato la sua operazione militare in Ucraina alla fine di febbraio.

 

La regione di Zaporiggia, insieme ad altri tre ex territori ucraini, alla fine si è unita alla Russia dopo aver tenuto referendum sulla questione a settembre.

 

Come riportato da Renovatio 21, un mese fa le forze ucraine avevano cercato di riconquistare la centrale con un’operazione di sbarco attraverso il fiume Dnepr, sulla cui riva sinistra sorge il più grande impianto nucleare del continente. Tuttavia, l’attacco era stato respinto. Nei giorni successivi si erano avute esplosioni nella città di Zaporiggia, che si trova invece sotto il controllo delle autorità ucraine.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

Allarme per possibili blackout in Francia

Pubblicato

il

Da

La Francia rischia di rimanere a corto di elettricità per diversi giorni questo inverno a causa della disponibilità di centrali nucleari inferiore al solito. Lo riferisce una nota del colosso energetico Electricité de France (EDF) ripresa da varie testate internazionali.

 

Da quanto si apprende da EDF, le riparazioni e la manutenzione di quasi la metà delle sue centrali nucleari potrebbero trasformare il paese, un esportatore tradizionale di energia, in un importatore.

 

Il governo francese ha invitato le imprese e le famiglie a risparmiare energia per evitare blackout. In caso di una possibile carenza di energia elettrica, il gestore di rete RTE lancerà un allarme rosso «Ecowatt» con tre giorni di anticipo chiedendo una riduzione dei consumi.

 

«Rimaniamo in una situazione di particolare vigilanza», ha affermato l’amministratore delegato di RTE Xavier Piechaczyk alla testata economica statunitense Bloomberg. «Se fa caldo, non sentirete parlare di Ecowatt rosso. Se fa molto freddo, ne sentirete molti, e se siamo in un inverno normale, medio, vi saranno pochi episodi di Ecowatt rosso», ha spiegato.

 

La Francia, che genera circa il 70% della sua elettricità da 56 reattori nucleari, tutti gestiti da EDF – azienda recentemente ri-nazionalizzata da Macron – aveva solo 31 centrali in funzione lunedì mattina. La società ha dichiarato la scorsa settimana che mira ad avere più di 40 unità in funzione a dicembre e gennaio.

 

Secondo quanto riferito, RTE aggiornerà la sua valutazione per le prossime quattro settimane il 18 novembre, sulla base delle previsioni per la disponibilità degli impianti nucleari, il consumo di energia e le condizioni meteorologiche.

 

L’azienda sta adottando un approccio «cauto» poiché la storia mostra che la manutenzione può richiedere più tempo del previsto, ha affermato Piechaczyk.

 

Il clima sembra «relativamente mite fino alla fine di novembre», mentre il Paese sta anche beneficiando di un calo del consumo di energia poiché i produttori esitano a prezzi più alti. «Il fatto che la Francia consumi meno ci dà un po’ di margine, ma la flotta nucleare rischia di essere ancora meno disponibile di quanto avevamo previsto, quindi dovremo valutare se si va in pareggio».

 

L’allerta Ecowatt tiene conto del fatto che una dozzina di grandi produttori ridurrebbero i consumi con contratti prestabiliti, ha affermato il capo di RTE, osservando che rappresenterebbe una riduzione di circa 1,2 gigawatt, l’equivalente della capacità di un reattore nucleare.

 

Il Wall Street Journal una diecina di giorni fa aveva riportato crepe inaspettate negli impianti di dozzine di reattori nucleari francesi.

 

Renovatio 21 aveva riportato della crisi di circa metà dei reattori nucleari francesi ancora sei mesi fa. Già a gennaio, Renovatio 21 aveva riferito di una strana serie di «danni inaspettati» e riparazioni alle centrali atomiche francesi.

 

Parigi ancora due anni fa aveva dichiarato apertamente la sua intenzione di continuare il percorso con il nucleare. Quest’anno il presidente Macron ha parlato addirittura di «rinascita dell’industria nucleare francese». Cionondimeno, egli ha poi avvertito di razionamenti energetici in arrivo, invitando brutalmente la popolazione ad accettare «la fine dell’abbondanza».

 

La EDF, tornata da pochissimo sotto il controllo dello Stato, ha poi bizzarramente rifiutato la proposta del governo di Londra di procrastinare la dismissione programmata della centrale atomica inglese di Hinkley Point B, di proprietà del colosso statale francese.

 

L’estate scorsa era emerso come i francesi stessero cercando di mantenere in funzione le centrali nucleari nonostante l’ondata di caldo, che non assicurava acque di temperatura sufficientemente bassa per il sistema di raffreddamento dei reattori.

 

L’Italia dipende dall’elettricità francese per il 6%. Ha destato scalpore la possibilità che la Francia possa chiudere il rubinetto dell’energia per l’Italia, mandando potenzialmente la rete elettrica italiana o parte di essa in blackout.

 

I blackout sembrano essere un fenomeno che, come il COVID, accompagnerà quasi tutte le nazioni del pianeta.

 

Come noto, in Italia sono già state colpite Milano e Torino. Blackout sono stati annunciati in Danimarca e Svezia. Vi sono stati continui blackout in Texas, tuttavia da mesi si prevedono interruzioni di corrente in tutti gli USA. Ora blackout sono annunziati in California.

 

La Svizzera si sta preparando ai blackout, anche se è appena nato un comitato politico per evitarli. Vi sono stati Blackout in Cina, dove le aziende occidentali si chiedono abbia senso quindi investire. Per paura di nuove interruzioni, la Cina sta ordinando un aumento dell’uso di carbone.

 

Due mesi fa intere zone di Sydney, in Australia, sono andate al buioBlackout anche in Pakistan, con annessa chiusura delle fabbriche – mentre la società collassa e scivola verso la guerra civile. La Gran Bretagna si prepara a blackout invernali.

 

Blackout, ovviamente, anche in uno dei laboratori del Nuovo Ordine Mondiale, lo Sri Lanka, senza carburante, cibo né elettricità. Blackout in Giappone. Blackout a Taiwan. Blackout in Kazakistan Uzbekistan, Kirghizistan. Blackout in Turchia.

 

Blackout minacciati in Indonesia, dove non vogliono più quindi esportare carbone per timore di non avere energia sufficiente per la rete elettrica. Blackout paventati nei mesi scorsi in Austria e Romania, e in Germania con spot apocalittici. Blackout pure in Canada, dove però riescono simpaticamente ad incolpare i castori.

 

Secondo uno studio a breve un miliardo di persone nel mondo sono a rischio blackout.

 

Di rischio blackout, il 13 gennaio di quest’anno, ha riferito alle presidenze del Parlamento italiano il COPASIR, Il Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, cioè l’organo del Parlamento della Repubblica Italiana che esercita il controllo parlamentare sull’operato dei servizi segreti.

 

 

Continua a leggere

Più popolari