Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Da Ustica al Niger: l’impero francese, l’Africa e l’Italia

Pubblicato

il

C’è un unico filo che collega la strage di Ustica, riemersa improvvisamente in queste ore, ai colpi di Stato e alle ulteriori ondate di sangue che si preparando in Africa occidentale: Niger, Gabon, Mali, Burkina Faso…

 

Ora, quando ho letto che Giuliano Amato avrebbe detto «la verità» su Ustica, sono ovviamente scoppiato a ridere.

 

Come questo eterno personaggio dello Stato profondo italiano, questo strano, storico intoccabile della Repubblica possa dire il vero su uno qualsiasi dei misteri italici – quelli sui quali sono stati concessi decenni di «complottismo socialmente accettabile» stile Purgatori – è qualcosa che di per sé ritengo, letteralmente, incredibile.

 

Parliamo di Amato, e speriamo che il lettore si ricordi cosa la sua presidenza della Corte Costituzionale abbia rappresentato nel caso dei vaccini genici sperimentali.

 

Per chi ha qualche anno sul groppone, sblocchiamo qualche ricordo dei primi anni Novanta: primo ministro dal 1992 al 1993, eseguì l’11 luglio 1992, con mezzo Paese in vacanza, il prelievo forzoso del sei per mille su tutti i conti correnti italiani per «interesse di straordinario rilievo» dovuto a «una situazione di drammatica emergenza della finanza pubblica».  Quello che accade dopo fu ancora più significativo: in settembre lo speculatore Soros attaccò la lira italiana e la sterlina britannica, con il risultato di svalutarle – la moneta italiana perse il 7% sul dollaro – e farle uscire dal sistema monetario europeo.

 

Nonostante la catastrofe, tutti i funzionari dello Stato responsabili della fallita difesa della valuta nazionale fecero carriera.  Ciampi, che era governatore alla Banca d’Italia, fu fatto primo ministro e poi Presidente della Repubblica. Draghi era allora direttore generale del tesoro: divenne più tardi Governatore della Banca d’Italia, poi 3° presidente della Banca Centrale Europea, poi Primo Ministro italiano; va ricordato pochi mesi prima il suo discorso sul panfilo Britannia assieme agli «Invisibili Britannici» (sic). Da lì a poco, con l’inaspettata interruzione di Berlusconi, poi sistemata, divenne premier, e poi presidente della Commissione Europea, Romano Prodi, che assegnerà a Soros una laurea honoris causa all’Università di Bologna nel 1997.

 

 

Amato, socialista stranamente sopravvissuto all’ecatombe giudiziaria di Mani Pulite, mentre Soros si portava via 30 mila miliardi dagli italiani, era premier: venne eletto di nuovo Presidente del Consiglio dei Ministri nel 2000, e poi altri incarichi altissimi, con ruoli da ministro e il vertice della Corte Costituzionale. Non dimentichiamo che fu più volte considerato papabile come Presidente della Repubblica.

 

Le cronache del 2006 ricordano che ad un certo punto, mentre il palazzo romano trattava per l’elezione del Capo dello Stato da cui sarebbe uscito fuori Napolitano (personaggio con una sua rilevanza per la storia euro-africana che stiamo per raccontare), Amato era stato avvistato in un cinema intento a gustarsi Mission Impossible 3. Il pubblico, si narra, accortosi che Amato era in sala, iniziò ad applaudire ed acclamarlo, il suo nome di presidenziabile, in quei giorni di interregno, campeggiava sui giornali. Amato ringraziò, ma tentò di contenere gli entusiasmi. «Sono qui solo per vedere Mission Impossible 3», disse.

 

Che si trattasse di un messaggio sottile – come il dottor sottile – per dire che la missione di quirinalizzarsi era impossibile, o forse possibile, o forse dura, non sappiamo: forse il tizio che Forattini rappresenta sempre come un topolone è davvero solo un fan di Tom Cruise.

 

Del resto, ha rammentato Stefania Craxi in questi giorni, Bettino Craxi, che del collega di partito Amato fu mentore e capo, finì per chiamarlo «l’extraterrestre»: parlava della Prima Repubblica, che aveva conosciuto da dentro come alto funzionario e ministro, inserito nel cuore del partito considerato dal giustizialismo tangentopolitano come il più corrotto e quindi distrutto dalla magistratura, come non vi avesse partecipato, come se l’avesse osservata dallo spazio.

 

È ben strano che, distrutto per via giudiziaria (certo, magari con una spintarella dalla manina yankee, ancora insolentita per Sigonella ed altro) il sovranismo PSI craxiano, arrivino il Britannia e Soros, con al potere… proprio un socialista, Amato.

 

Questo passaggio è necessario per capire che peso possiamo dare alle rivelazioni di Amato sul fatto che quella notte il DC9 di Ustica fu tirato giù da un missile aria-aria sparato da un caccia francese. E va detto che in queste ore Amato sta facendo retromarcia. Dice di aver solo ripetuto una pista già conosciuta, ed è vero. Dice di non essere responsabile rispetto ai titoli che decide di fare La Repubblica.

 

E allora, che cosa c’è dietro questa improvvisa fiammata? Non è che la valanga si può fermare facilmente. Rispuntano giudici ed ex militari che furono testimoni. Riemergono, allucinanti, le storie delle enigmatiche morti di chi poteva sapere qualcosa di quella notte maledetta, come il pilota di caccia Ivo Nutarelli, morto nella collisione aerea delle Frecce Tricolori a Ramstein nel 1988 (70 morti, 450 feriti).

 

 

Amato ritrova la memoria adesso, saltando a piè pari una condanna riguardo al «muro di gomma», come lo chiamava il film di Andrea Purgatori?

 

Non abbiamo idea, confessiamo, del perché lo faccia. Sappiamo, tuttavia, che la pista dell’abbattimento non solo è credibile, ma si inserisce perfettamente nel gioco che stava avvenendo tra Africa, Francia e Italia, e che a quanto sembra non è ancora finito.

 

La Francia è un Paese con cui l’Italia vive una relazione fortemente conflittuale, ma ciò non appare: una quantità di membri del partito dell’establishment sono stati tripudiati con la Legion d’Onore Francese, mentre il capitalismo francese in questi anni ha scorrazzato tra telecomunicazioni, supermercati, industria alimentare, banche e assicurazioni, in pratica ogni settore strategico del nostro Paese.

 

La frizione con Parigi – parentesi: capitale intellettuale dove vivevano tranquilli i terroristi rossi che avevano insanguinato l’Italia con gli anni di piombo – raggiunse forse il suo apice geopolitico proprio con il maestro di Amato Bettino Craxi.

 

Nel 1984 il premier Craxi atterra a Roma dopo un viaggio in Algeria e chiede di vedere subito l’ammiraglio del SISMI Fulvio Martini. Chadli Benjedid, il presidente algerino, aveva rivelato a Craxi che per mettere al sicuro il tratto finale del gasdotto che porta il metano in Italia aveva programmato nientemeno che un’invasione della Tunisia. Craxi lo pregò di non far nulla, e si mosse con una grande manovra segreta internazionale

 

Bourghiba, il presidente pazzo di Tunisi che era l’uomo dei francesi, fu sostituito dal «nostro» Ben Alì. Martini lo racconta nel libro, oggi difficilmente trovabile, Nome in codice Ulisse: «non fu un brutale colpo di stato: fu un’operazione di politica estera, messa in piedi con Intelligenza, prudenza ma anche decisione dagli uomini che guidavano l’Italia in quegli anni. Sì, è vero, l’Italia sostituì Bourghiba con Ben Alì».

 

Martini, il vertice dei servizi militari italiani, incontra il suo omologo del DGSE francese: «era il generale Réné Imbot, ex capo di stato maggiore dell’Armée. Andai da lui, gli spiegai la situazione, gli dissi che l’Italia voleva risolvere le cose nella maniera più cauta possibile, ma che comunque non voleva aspettare che la Tunisia saltasse per aria. Lui fece un errore imperdonabile: mi trattò con arroganza, mi disse che noi italiani non dovevamo neppure avvicinarci alla Tunisia, che quello era impero francese». (Corsivo nostro»)

 

«Io ancora oggi penso che per difendere un impero bisognava avere i mezzi, la capacità ma anche la solidarietà di chi non è proprio l’ultimo carrettiere del Mediterraneo» scrive il generale dei servizi segreti italiani. «Imbot era stato nella Legione straniera per vent’anni, aveva guidato i paracadutisti che parteciparono alla repressione nella casbah durante la battaglia di Algeri. Era un soldato, non capiva la politica, ebbe qualche problema con il suo primo ministro Jacques Chirac».

 

Il cambio di potere in Tunisia, dove ricordiamo Craxi si esiliò e poi morì, ebbe altre conseguenze che vale la pena di ricordare. Nella notte tra il 7 e l’8 novembre del 1987, un attentato terroristico distrusse il radiofaro della Marina militare italiana dell’isola di San Domino, alle Tremiti. La bomba uccise uno dei due «terroristi», uno svizzero quarantatreenne di nome Jean Louis Nater, mentre quell’altro, Samuel Wampfler, un altro svizzero con tanti passaporti e trascorsi rocamboleschi, fu arrestato. Nel 1990 viene condannato a 10 anni, ma non sconta nulla, e sparisce. Si pensò che il colpevole fosse l’allora babau globale Gheddafi, che non aveva lesinato aiuti al terrorismo su ogni latitudine. Qualche giorno prima, il colonnello aveva rivendicato il possesso delle Tremiti, asserendo che lì vi erano i discendenti dei libici deportati dal governo Giolitti (1911), un’idea la cosa risultò totalmente priva di fondamento quando tutta la popolazione si sottopose ad un test del DNA nel 2008.

 

Tuttavia, nel 1996 Corriere della Sera scrive che non si trattava di Gheddafi, ma di una sorta di vendetta, di Parigi. Un avvertimento – diretto contro le nostre forze armate. Terrorismo… dello Stato francese? In Italia?

 

Ben Alì, come noto, fu scacciato solo decenni dopo, nel 2011, all’insorgere della maledetta «Primavera Araba», che iniziò guarda caso proprio da casa sua, con le proteste tunisine scaturite in seguito al suicidio incendiario di un commerciante – con ogni probabilità, un grande piano di Washington e dei suoi satelliti per mettere al potere ovunque, dall’Egitto alla Siria, i Fratelli Musulmani, il primo vero grande prototipo di movimento islamico estremista, ma che nel profondo, come tutto l’islamismo radicale, poteva essere controllato…

 

Pochi mesi dopo, sappiamo cosa accadde a poca distanza dalla Tunisia, in quella Libia che aveva ritrovato l’armonia con l’Italia, con tanto di immagine di Berlusconi e Gheddafi che si danno la mano finita stampata sui passaporti libici.

 

Il regime fu spodestato dalla combinazione di USA (non dimenticate, mai, le sataniche risa di Hillary Clinton informata della morte del rais tripolino), Gran Bretagna e, soprattutto, Francia, dove ancora circola la voce che il presidente dell’epoca, Sarkozy, avesse ricevuto fondi da Gheddafi. L’Italia, controsenso solo per chi non capisce come vanno davvero le cose, gettò all’aria decenni di lavoro di normalizzazione dei rapporti con la nostra ex colonia, dove l’ENI tira fuori tanto petrolio e gas: ecco che Napolitano, lui, sembra appoggiare l’intervento per detronizzare Muhammar.

 

Gheddafi finì trucidato per linciaggio. Voci dei vari siti complottisti, anche ben informati, dicono che in alcuni video si può sentire che tra la folla del massacro qualcuno parla in francese – non siamo in grado di verificare questa voce.

 

Il colonello libico è centrale in questa storia, non solo perché, secondo la pista più nota, il missile francese contro il DC9 in realtà avrebbe voluto colpire un aeromobile su cui viaggiava l’allora uomo nero della comunità internazionale, lo sponsor del terrorismo internazionale, dalle bombe di Lockerbie a quelle di Mandela.

 

Gheddafi, dice una teoria che circolava già all’epoca, sarebbe stato eliminato perché, risolte le sue pendenze con il mondo occidentale (e accettando, stupidamente, la denuclearizzazione totale dello Stato libico) avrebbe avuto in cuore di lanciare una nuova valuta panafricana, in grado di sostituire il franco CFA, la moneta che Parigi distribuisce tra le ex colonie dell’Africa francofona – cioè quello che l’arrogante generale dei servizi parigini chiamava «l’impero francese».

 

La questione del franco CFA tenne banco nel 2018, durante le prime effervescenze «sovraniste» del governo Lega-M5S, il Conte-1. Giorgia Meloni, che pure era all’opposizione, poco tempo dopo ci saltò sopra, e fece show pubblici sulla storia del franco africano di Macron, sventolato a dovere nei talk show televisivi.

 

 

La Meloni aveva l’obiettivo del PD – il partito zeppo di «legionari d’onore» gallici – era ancora forte l’eco del trattato di Caen dell’era del governo Gentiloni, nel quale, si disse, l’Italia avrebbe ceduto acque territoriali alla Francia.

 

E quindi, Amato e Repubblica voglio riaprire le ferite tra la Meloni e l’Eliseo?

 

Oppure si tratta degli effetti di un movimento tellurico più vasto?

 

Perché, lo abbiamo visto in Niger e ora anche in Gabon, e prima ancora in Mali e Burkina Faso, l’«impero francese» è davvero in putrefazione – e bisogna guardare, oltre al caos nelle ex colonie che ripudiano Parigi, anche alla guerriglia nelle banlieue francesi dello scorso luglio, dove il problema è, autenticamente, africano, o afro-islamico.

 

Come riportato della Renovatio 21, nostalgici articoli su giornali internazionali importanti, hanno fatto capire come, a godere della fine dell’impero, ci sia un altro impero finito, quello britannico, che con Parigi si era spartito un bel pezzo dell’Africa. Che chi ora punta il dito contro l’Ustica francese, lo faccia per affiliazione con un mondo che, nei secoli, in fondo non è riuscito a seppellire la rivalità, nemmeno nell’era della catastrofica illusione post-coloniale?

 

Tuttavia, la fine dell’Africa francese non è arrivata d’improvviso.

 

Da anni i francesi sono accusati dai Paesi africani di addestrare le bande di terroristi islamici che dicono di voler combattere con missioni militari come l’operazione Barkhane, a cui ha partecipato anche l’Italia. Lo spostamento verso la Russia, che sull’Africa sta investendo il futuro della geopolitica globale post-occidentale si è così sedimentato. Le accuse più infamanti sono volate, le ONG francesi sono state cacciate, i golpe anti-Parigi si sono moltiplicati.

 

Questo ci riporta al giorno di oggi.

 

La politica francese sta per essere espulsa del tutto dalle ex colonie africane, tuttavia, grazie al Trattato del Quirinale, non da quella italiana: grazie all’accordo siglato da Macron e Mattarella, ai Consigli dei Ministri italiani può presenziare un ministro francese.

 

Eh? Ma perché?

 

È solo un esempio del contenuto del Trattato, che doveva segnare un tentativo di far finire l’egemonia tedesca sull’Europa del dopo-Merkel, e in realtà indica solo l’incredibile meccanica di vassallaggio che l’élite al potere infligge all’Italia.

 

E allora, più che la verità su Ustica, vogliamo dire una verità ancora più grande: la Francia non è nostra amica.

 

Possono essere considerati alleati nella NATO, vicini di casa, cugini d’Oltralpe, «italiani di cattivo umore», quel che volete: ma i francesi delle élite parigine, imbevute da secoli di massoneria, mai faranno un piacere all’Italia. Mai.

 

Anzi, ci chiediamo: che siano magari anche capaci di ammazzarci Gheddafi, mettere una bomba alle Tremiti e sparare, forse per isbaglio, su un aereo civile carico di turisti?

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

Immagine di Fabio Di Francesco via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata

 

 

 

Geopolitica

Fico: «porremo il veto sull’Ucraina nella NATO. Qui non vogliamo una Terza Guerra Mondiale»

Pubblicato

il

Da

Reagendo all’incontro NATO in USA, prima delle notizie del tentato assassinio del candidato presidenziale Donald J. Trump, un altro politico passato per i proiettili ha fatto importanti dichiarazioni sullo stato delle cose

 

Il primo ministro slovacco Robert Fico ha pubblicato su Facebook il seguente testo:

 

«POTEREMO IL VETO ALL’ADESIONE DELL’UCRAINA ALLA NATO PERCHÉ NON VOGLIAMO UN TERZO MONDO QUI La NATO inviterà formalmente l’Ucraina ad unirsi alle sue fila solo quando gli stati membri saranno d’accordo e tutte le condizioni saranno soddisfatte, secondo il suo Segretario generale J. Stoltenberg».

Iscriviti al canale Telegram

«La NATO non richiederà all’Ucraina di rispettare il piano d’azione, che ogni candidato all’adesione all’organizzazione avrebbe dovuto realizzare. Chi ha dato il mandato al presidente [slovacco, ndr] Z. Čaputová di approvare questo invito alla Terza Guerra Mondiale? Nessuno in Slovacchia. Forse l’ambasciata americana a Bratislava o il giovane Soros, dato che quella vecchia presumibilmente non esiste nemmeno. SMER-SD non è d’accordo con questa conclusione e porrà il veto all’adesione dell’Ucraina alla NATO se dovesse governare».

 

«Rispettiamo la rappresentanza politica dell’Ucraina, che vuole l’adesione alla NATO, ma ogni persona sana di mente è consapevole di come l’adesione dell’Ucraina alla NATO peggiorerà la situazione della sicurezza nella nostra regione. In qualsiasi conflitto tra l’Ucraina come membro della NATO e la Russia, la Slovacchia avrà il dovere di combattere dalla parte dell’Ucraina. Grazie, non imploriamo».

 

Fico condivide con Trump le posizioni su molte situazione, in ispecie nei confronti del tema del globalismo e dell’escalation della guerra contro Mosca.

 

Come riportato da Renovatio 21, pochi giorni fa Fico ha preso parte alla riunione del suo gabinetto per la prima volta dal tentato assassinio di maggio.

 

Nonostante abbia ricevuto cinque colpi di arma da fuoco, Fico si è fatto riprendere mentre votava alle recenti ultime europee, lanciando al contempo un monito sulla volontà dell’Occidente di procedere con un escalation contro Mosca. Poco prima dell’attentato, dopo aver letto un «documento riservato», aveva denunciato in una dichiarazione TV l’impiego di truppe NATO in Ucraina. Bratislava il mese scorso ha posto il suo rifiuto all’ingresso di Kiev nella NATO e riaperto alla cooperazione culturale con la Russia. Due mesi prima il premier di Bratislava aveva dichiarato che l’Italia avrebbe ritirato il suo sistema di difesa aerea SAMP-T dalla Slovacchia.

Aiuta Renovatio 21

La guerra ucraina non è l’unico tema che oppone Fico all’establishment globale.

 

Come riportato da Renovatio 21, il premier slovacco aveva ordinato a inizio anno un’indagine sulla risposta al COVID-19 e sui vaccini, con occhio di riguardo agli oltre 21.000 morti in eccesso registrati nel Paese dal 2020.

 

I politici slovacchi pochi mesi fa avevano accusato il Trattato Pandemico OMS di essere uno sforzo «globalista» per indebolire le sovranità nazionali. Lo stesso Fico aveva personalmente tuonato più volte contro l’Accordo politico-sanitario mondialista.

 

Come riportato da Renovatio 21, Orban aveva collegato l’attentato a Fico con i preparativi di guerra da parte dell’Occidente.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di European Union, 2024 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International; immagine tagliata

Continua a leggere

Geopolitica

Il premier Kishida: il Giappone deve avvicinarsi alla NATO

Pubblicato

il

Da

Il Giappone deve rafforzare i legami con la NATO di fronte ai crescenti legami della Russia con i Paesi asiatici, ha affermato lunedì il Primo Ministro giapponese Fumio Kishida prima della sua visita a un vertice NATO negli Stati Uniti. Mosca afferma che i suoi rapporti in miglioramento con Cina e Corea del Nord non sono rivolti a nessun Paese terzo.   In osservazioni scritte alla Reuters, il leader giapponese ha affermato che «l’Ucraina di oggi potrebbe essere l’Asia orientale di domani», esortando la comunità globale a non accettare i tentativi della Russia e dei suoi alleati di sabotare l’ordine internazionale stabilito. Ha in particolare indicato la crescente cooperazione della Russia con la Corea del Nord come motivo di preoccupazione.   «Le sicurezze dell’Euro-Atlantico e dell’Indo-Pacifico sono inseparabili, e l’aggressione della Russia contro l’Ucraina e la sua approfondita cooperazione militare con la Corea del Nord sono forti promemoria di ciò… Il Giappone è determinato a rafforzare la sua cooperazione con la NATO e i suoi partner», ha affermato. L’Occidente ha ripetutamente accusato Pyongyang di fornire alla Russia armi che vengono utilizzate in prima linea, affermazioni che sia la Russia che la Corea del Nord hanno negato.   Pur non nominando la Cina, Kishida ha osservato che «alcuni» altri Paesi rafforzano anche la presunta minaccia russa, presumibilmente fornendo beni a duplice uso che possono essere utilizzati per scopi militari. Questa accusa è stata ripetutamente rivolta dai leader occidentali a Pechino, che nega di averlo fatto. Kishida ha invitato la NATO e i suoi partner a unirsi contro «gli attori internazionali che alimentano il tentativo della Russia di cambiare lo status quo con la forza».

Iscriviti al canale Telegram

Tokyo ha assunto una posizione dura nel conflitto ucraino, schierandosi con la NATO, la quale ha insistito sul fatto che se Mosca dovesse ottenere la vittoria in Ucraina, potrebbe passare ad attaccare i membri del blocco.   Mosca ha denunciato tali affermazioni come «totalmente assurde» e ha difeso i suoi legami con i partner asiatici come normali relazioni internazionali. Il presidente russo Vladimir Putin ha sottolineato il mese scorso che la cooperazione del Paese con la Cina in particolare «non è diretta contro nessuno», ma è il «principale fattore di stabilizzazione sulla scena internazionale» ed è focalizzata sugli interessi del popolo.   Come riportato da Renovatio 21, un allineamento tra Tokyo e la NATO era visibile già al vertice atlantico di Vilnius del luglio 2023.   Il teatro del Pacifico, oceano che non dovrebbe interessare il Trattato del Nord Atlantico ma che riguarda da vicino una Nazione che il segretario NATO dichiara apertis verbis essere l’avversario geopolitico dell’immediato futuro – la Repubblica Popolare Cinese – si fa sempre più caldo, e non solo per manovre di navi da guerracacciadroni e sommergibili.   Come riportato da Renovatio 21, a novembre 2022 la Cina si è opposta con veemenza al coinvolgimento del Giappone nella Difesa cibernetica NATO, programma che include anche la Corea del Sud. I due Paesi asiatici che ospitano basi militari USA hanno così voluto cioè far parte del comando per la guerra cibernetica del Patto Atlantico.   A inizio 2023, un attacco cibernetico ritenuto provenire dalla Cina aveva colpito istituzioni accademiche sudcoreane. Un attacco hacker ha colpito poco dopo la base militare americana di Guam.   Gli USA hanno ufficialmente promesso di difendere il Giappone con armi nucleari, se necessario.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di NATO North Atlantic Threaty via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic  
Continua a leggere

Geopolitica

Biden dice che Putin è un «pazzo assassino». Il Cremlino risponde

Pubblicato

il

Da

L’ultimo insulto del presidente degli Stati Uniti Joe Biden al presidente russo Vladimir Putin è «inaccettabile», ha detto venerdì ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov.

 

Durante una conferenza stampa in seguito al vertice NATO di questa settimana a Washington, Biden ha dichiarato che «alcune delle più antiche e profonde paure» in Europa erano «tornate in vita perché ancora una volta un pazzo assassino era in marcia», riferendosi al presidente russo. Biden ha suggerito che il conflitto in Ucraina è stato «un brusco risveglio» per coloro «che pensavano che il tempo della NATO fosse passato».

 

Commentando il vertice della NATO e l’affermazione di Biden, Peskov ha sottolineato che il Cremlino considera il comportamento del presidente degli Stati Uniti «assolutamente inaccettabile, inammissibile per un capo di Stato».

 

Il portavoce ha aggiunto che tali dichiarazioni «non mettono in buona luce il leader americano» e ha osservato che Mosca continua a «prestare diretta attenzione» a tali sfoghi.

Iscriviti al canale Telegram

A Peskov è stato anche chiesto di commentare le numerose gaffe che hanno caratterizzato il discorso di Biden durante il summit, tra cui la confusione tra Russia e Ucraina, l’annuncio del presidente ucraino Vladimir Zelens’kyj come «presidente Putin» e il riferimento all’ex presidente Donald Trump come vicepresidente degli Stati Uniti al posto di Kamala Harris.

 

Il portavoce russo ha dichiarato che «abbiamo prestato attenzione al fatto che il mondo intero ha prestato attenzione a questo», ma ha affermato che Mosca non può offrire altri commenti su questa questione, se non affermare che «è chiaro che si tratta di lapsus».

 

Ha osservato che la risonanza causata dalle continue gaffe di Biden rientra nel contesto delle discussioni di politica interna degli Stati Uniti e che «questi non sono affari nostri, sono questioni interne agli Stati Uniti».

 

Gli insulti di Biden a Putin non sono cosa nuova. Tre anni fa gli diede dell’«assassino». A febbraio si è superato, dando al presidente russo del «pazzo figlio di puttana».

 

Quando gli chiesero direttamente di rispondere ad uno di questi insulti, anni fa Putin dichiarò che poteva solo augurare a Biden «salute, seriamente», un riferimento sottile che dimostra che la demenza senile del presidente americano era già nota ai vertici russi da tempo.

 

Del resto, Putin ricorda bene i tempi del crepuscolo dell’URSS con Andropov, divenuto leader sovietico ma sempre ospedalizzato per le sue condizioni mediche, di cui ovviamente non si poteva parlare apertamente. Nella serie di interviste realizzate da Oliver Stone, Putin dice che le foto di Obama che premiava il suo vicepresidente Biden gli ricordava da vicino appunto i giorni confusi di Andropov, quando i vertici dell’Unione Sovietica si premiavano fra loro, e il regime stava andando verso il crollo.

 

Putin all’epoca era un giovane agente del KGB. Tuttavia, secondo dichiarazioni del presidente, Biden già lo conosceva bene.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

Continua a leggere

Più popolari