Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Vaiolo delle scimmie e «Biopandemismo»: parere CIEB

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica il comunicato del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB).

 

 

Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB)

Parere sul biopandemismo

 

La notizia a reti unificate della diffusione del cosiddetto vaiolo delle scimmie non può sorprendere quanti ricordano ciò che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) andava vaticinando fin dal dicembre 2020, ossia che il COVIDnon avrebbe costituito necessariamente la pandemia più preoccupante («COVID is not necessarily the big one»). (1)

 

Semmai, ciò che colpisce della nuova crisi sanitaria che si profila all’orizzonte – e che già delinea il ricorso all’apposito vaccino autorizzato dall’FDA statunitense nel 2019 – sono alcune singolari coincidenze temporali.

 

Anzitutto il cosiddetto vaiolo delle scimmie compare nel momento stesso in cui le misure restrittive imposte in forza dell’emergenza COVID stavano venendo meno, almeno apparentemente.

 

In secondo luogo la nuova crisi coincide con quella causata dal conflitto in Ucraina, che ha instillato nell’animo degli italiani l’ineluttabilità di future emergenze alimentari e/o energetiche, supinamente accettate soprattutto da quanti, provati da due anni e mezzo di restrizioni di varia portata, non hanno più la capacità o la volontà di esaminare criticamente la complessità di questi fenomeni, né le reciproche relazioni.

 

Un esempio di queste relazioni è fornito dalla possibile estensione all’approvvigionamento alimentare e/o energetico di meccanismi e strumenti premiali analoghi al green pass vaccinale, là dove si prospettassero situazioni di scarsità di cibo ed energia e quindi eventuali razionamenti di queste risorse, come ad esempio sta già accadendo in Iran. (2)

 

Analogamente, le ricorrenti grida di allarme in campo ambientale e climatico recentemente rilanciate dal Presidente del Consiglio – cui il Governo italiano ritiene di rispondere promuovendo una ambigua «transizione ecologica» finalizzata a gravare le PMI di nuovi oneri amministrativi e finanziari, più che a salvaguardare concretamente l’ecosistema – lasciano presagire che anche in questo campo troveranno applicazione gli strumenti premiali inaugurati con l’emergenza COVID.

 

Ma la coincidenza più significativa è senz’altro costituita dal fatto che il cosiddetto vaiolo delle scimmie emerge proprio nel momento in cui stanno per essere varati nuovi e controversi strumenti globali di azione sanitaria.

 

In questo senso va ricordato che a partire dal novembre 2020 – e dunque prima che l’OMS vaticinasse quanto ricordato in apertura – alcuni organismi internazionali, tra cui il Consiglio europeo e il G7, avevano invocato l’avvio, proprio in seno all’OMS, di negoziati volti all’adozione di uno strumento di diritto internazionale in grado di «rafforzare la prevenzione, la preparazione e la risposta alle pandemie».

 

Questi negoziati sono stati effettivamente avviati tra maggio e novembre 2021 e procedono ora a tappe forzate, tra il silenzio dei media e la conseguente indifferenza dell’opinione pubblica, tanto da far prevedere la redazione di una bozza di trattato entro il 1° agosto 2022 e l’approvazione del testo finale entro il 2024. (3)

 

L’entrata in vigore del nuovo strumento giuridico limiterà sensibilmente la sovranità degli Stati contraenti, perché attribuirà all’OMS competenze praticamente esclusive – e dunque in grado di scavalcare quelle nazionali – in materia di gestione delle epidemie e delle pandemie.

 

Nello stesso senso si indirizzano le proposte di emendamento all’International Health Regulations del 2005, che sono state portate all’attenzione dell’OMS il 12 aprile 2022 e che, se saranno approvate dall’Assemblea Generale di questa organizzazione, entreranno in vigore negli ordinamenti interni senza la necessità di esperire procedure nazionali di ratifica. (4)

 

Sulla base di queste considerazioni, il CIEB ritiene ineludibile evidenziare e stigmatizzare la tendenza di talune organizzazioni internazionali e di taluni apparati statali a far accettare come inevitabile la gestione di fenomeni emergenziali mediante un metodo di governance che il CIEB non esita a definire «biopandemismo», inteso come susseguirsi di situazioni di crisi di natura diversa, ma tutte finalizzate all’instaurazione di una condizione di emergenza permanente, che a sua volta serva da pretesto per l’introduzione di forme di controllo digitale e di gestione delle masse mediante metodi di governo neo-paternalistici ispirati ai principi dell’economia comportamentale.

 

Un’applicazione di questo metodo in ambito sanitario è fornita, sul piano europeo, dalla raccomandazione del Consiglio dell’Unione del 7 dicembre 2018, intitolata al «rafforzamento della cooperazione nella lotta contro le malattie prevenibili da vaccino». (5)

 

La raccomandazione, che ha già formato oggetto di un Parere del CIEB (6), equipara qualsiasi malattia prevenibile mediante vaccino ai «grandi flagelli» e invita gli Stati a elaborare e attuare piani di vaccinazione che comprendano non solo l’elaborazione di «informazioni elettroniche sullo stato vaccinale dei cittadini», ma anche «un approccio alla vaccinazione sull’intero arco della vita»: ed è sotto gli occhi di tutti che questa raccomandazione, pur non dispiegando effetti vincolanti sul piano giuridico, ha fornito le basi per la gestione normativa dell’emergenza COVIDvarata dagli Stati membri all’insegna dell’apodittica dichiarazione pronunciata da un altro organo dell’Unione, il Consiglio europeo, il 31 marzo 2021: «Ci saranno altre pandemie e altre gravi emergenze sanitarie. Il punto non è se succederà, ma quando». (7)

 

Ulteriore applicazione del metodo biopandemico può infine rinvenirsi nella proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione relativo alla produzione e alla messa a disposizione sul mercato di materiale riproduttivo vegetale, nota anche come Testo unico sul materiale riproduttivo vegetale, presentata nel 2013 e periodicamente rivitalizzata da certa stampa e da certa politica.

 

La disciplina prevista da tale proposta di regolamento, infatti, facendo leva sull’esigenza di salvaguardare la biodiversità e di assicurare efficaci controlli fitosanitari – a esclusivo vantaggio dei pochi soggetti in grado di sostenere i costi collegati e conseguenti a tali controlli, ossia le multinazionali agro-chimiche – produrrà l’effetto ultimo di limitare od ostacolare, prima di tutto sul piano culturale, le pratiche agricole volte alla riproduzione domestica delle sementi e alla coltivazione su piccola scala di varietà vegetali (cereali, ortaggi, frutta) che ancora oggi contribuiscono all’autosufficienza alimentare di intere comunità. (8)

Tutto ciò premesso, il CIEB:

 

1) esorta l’opinione pubblica a prendere coscienza della deriva verso il biopandemismo nelle sue diverse manifestazioni;

 

2) invita il Governo italiano a opporsi mediante il proprio voto nelle pertinenti sedi internazionali ed europee all’adozione di strumenti giuridici finalizzati a trasferire – in settori sensibilissimi quali la sicurezza sanitaria, alimentare, energetica e ambientale – porzioni di sovranità a organismi non eletti e portatori di conflitti d’interesse;

 

3) invita il Governo italiano a confutare la ricostruzione fornita dal presente Parere e a prendere esplicitamente posizione in merito.

 

CIEB

 

26 maggio 2022

 

 

La versione originale del Parere è pubblicata sul sito: www.ecsel.org/cieb

NOTE

1) Cfr. https://www.theguardian.com/world/2020/dec/29/who-warns-covid-19-pandemic-is-not-necessarily-the-big-one.

2) Cfr. https://todayuknews.com/economy/irans-raisi-cuts-back-on-bread-subsidies/.

3) Cfr. https://www.consilium.europa.eu/it/policies/coronavirus/pandemic-treaty/.

4) Cfr. https://apps.who.int/gb/ebwha/pdf_files/WHA75/A75_18-en.pdf#page=4.

5) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 28 dicembre 2018, n. C-446, pag. 1 e ss.

6) Cfr. il Parere (n. 7) sul ruolo della Raccomandazione del Consiglio dell’Unione europea del 7 dicembre 2018 nel quadro della gestione dell’emergenza COVID.

7) Cfr. il comunicato stampa del Consiglio europeo del 31 marzo 2021.

8) Cfr. il documento COM(2013) 262 def. del 6 maggio 2013.

Continua a leggere

Bioetica

Riesaminare la bioetica dell’«autonomia del corpo»

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

La parola d’ordine che attraversa la rumorosa controversia sull’abrogazione da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti di Roe v. Wade è «autonomia riproduttiva». Questo concetto è sollevato su un piedistallo come l’ideale liberale per il quale le donne americane dovrebbero lottare.

 

Ma ci sono altri, più sfumati, punti di vista sull’autonomia, visti soprattutto attraverso una lente femminista.

 

In una rivista europea chiamata Medicine, Health Care and PhilosophyJi Young Lee, dell’Università di Copenaghen, sostiene che «questa lettura liberale dell’autonomia riproduttiva ci offre solo una comprensione etica limitata di ciò che è in gioco in molti tipi di scelte riproduttive, in particolare quando si tratta di usi diversi delle tecnologie riproduttive e della riproduzione di terze parti».

 

La studiosa continua affermando:

 

«Plausibilmente, quindi, l’autonomia riproduttiva è una buona cosa – qualcosa a cui sarebbe del tutto ragionevole, se non ideale, aspirare nel processo decisionale riproduttivo. Tuttavia, gli ambienti sociali oppressivi e inegualitari che costituiscono il nostro mondo non ideale complicano il potere eticamente esplicativo di un quadro liberale di autonomia riproduttiva. Questo perché il quadro liberale da solo non coglie completamente la questione di chi beneficia di quali opzioni riproduttive, l’ entità dei rischi e dei danni coinvolti nei vari interventi riproduttivi e le ragioni per il motivo per cui le persone sono spinte a fare determinate scelte riproduttive».

 

«Ritengo che questi fattori costituiscano tre limiti principali del quadro liberale. Questo dovrebbe fornirci ragioni sufficienti per dubitare dello status dell’autonomia riproduttiva liberale come ideale etico prevalente per il processo decisionale riproduttivo».

 

Il modello liberale di autonomia, sostiene, privilegia il libero processo decisionale. Ma una visione più sana, che lei chiama «autonomia relazionale», tiene conto dei costi della decisione e delle ragioni per cui la decisione viene presa. Non basta avere «opzioni»; bisogna anche esaminare il contenuto ei limiti delle opzioni.

 

Usa l’esempio del congelamento degli ovuli, un metodo riproduttivo che consente alle donne di avere una carriera e anche di vivere la maternità. Aziende come Facebook e Apple lo stanno offrendo come vantaggio occupazionale.

 

Ma chi ne beneficia davvero: le donne o l’azienda?

Conclude che i bioeticisti hanno bisogno di «prendere le visioni relazionali dell’autonomia come base di partenza per ulteriori discussioni, e da lì porre domande critiche sulla natura e sul contenuto del processo decisionale riproduttivo che non si basano semplicemente sulle condizioni liberali della scelta».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Gruppi ebraici USA definiscono le restrizioni all’aborto una violazione della loro libertà religiosa

Pubblicato

il

Da

Alcuni gruppi ebraici hanno denunciato il recente rovesciamento della sentenza della Corte Suprema  del 1973 Roe vs. Wade – la legge che assicurava copertura costituzionale all’aborto, assurto quindi a «diritto» federale fruibile in ogni Stato dell’Unione – come una violazione dei loro diritti di libertà religiosa.

 

Alcuni di questi gruppi, riporta Lifesitenews, avrebbero espresso la convinzione che il bambino non nato sia parte del corpo della madre ed è quindi considerabile come una persona umana solo una volta che fatto il suo primo respiro.

 

Venerdì il Women’s Rabbinic Network (WRN) ha rilasciato una dichiarazione affermando che «i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo non vedono un feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«La Torah, la Mishnah e il Talmud, i testi più sacri e autorevoli dell’ebraismo, non vedono il feto come un’anima finché non è nato. Piuttosto, un feto è considerato parte del corpo del genitore fino al parto».

 

«Infatti, la parola anima – neshama – significa anche respiro, perché l’ebraismo insegna che la vita non inizia al concepimento o al battito del cuore, ma con il primo respiro. Pertanto, costringere qualcuno a portare una gravidanza che non desidera o che mette in pericolo la sua vita è una violazione della legge ebraica perché dà la priorità al feto rispetto all’adulto vivo che è incinta» scrive la Rete rabbinica delle donne WRN.

 

«Questo deve essere inteso come una violazione della Costituzione degli Stati Uniti che garantisce la nostra libertà di praticare la nostra religione e anche la nostra libertà dai dettami di altre religioni».

 

«Le persone che hanno il potere fisico di creare, nutrire e dare la vita hanno anche il potere di decidere quando e se è il momento giusto per farlo».

 

In risposta a queste affermazioni, il rabbino ortodosso prolife  Yehuda Levin ha accusato questo movimento, affermando: «È davvero blasfemo, è doppiezza, ed è disonestà (…) E la mia unica domanda è: queste persone che dicono queste cose, che ci credano nel loro cuore o meno, stanno solo dissimulando?»

 

Fornendo una prospettiva più ampia, il conduttore radiofonico conservatore Dennis Prager ha cercato di rispondere brevemente alla domanda «Perché gli ebrei sono di sinistra?» durante una trasmissione del 2013 su C-SPAN.

 

«Quando gli ebrei lasciarono l’ebraismo rimasero religiosi, ma la religione che affermavano tendeva a essere una qualsiasi forma di sinistra piuttosto che l’ebraismo (…) Rifiutavano la religiosità tradizionale, e così accettavano una nuova religiosità laica (…) Gli ebrei prendevano una nuova religione in sostituzione di ebraismo, e questo era, lo chiami, femminismo, ambientalismo, marxismo, socialismo e, per alcuni, anche comunismo».

 

Affrontando un’apparente tendenza di questi numerosi gruppi ebraici a incorporare ideologie secolari nelle loro formulazioni religiose, il rabbino Levin ha dichiarato LifeSiteNews che «queste persone, queste libertà, tentano di scimmiottare ogni valore liberale, o la sua mancanza, e cercano di applicarlo ai valori ebrei, il che è totalmente segno di doppiezza. È totalmente falso».

 

Secondo l’ente statistico Pew Research Center, gli adulti che si identificano come ebrei costituiscono il 2,4% della popolazione adulta negli Stati Uniti e l’83% di questi ritiene che l’uccisione di bambini prenati dovrebbe essere legale in tutti o nella maggior parte dei casi – una percentuale inferiore solo rispetto a Unitari, atei e agnostici.

 


Il 17 maggio 140 organizzazioni ebraiche,  inclusa  la famosa Anti-Defamation League (ADL), hanno sponsorizzato  quella che hanno chiamato una «Marcia ebraica per la giustizia sull’aborto» affermando che «l’accesso all’aborto è un valore ebraico» e «vietare gli aborti è un questione della libertà religiosa».

 

Non è una soluzione legale nuova.

 

Si tratta del medesimo argomento utilizzato dal gruppo chiamato «The Satanic Temple» («Il Tempo satanico»), che ha ancora una volta spiegato che intende aggirare le conseguenti restrizioni all’aborto attraverso una «esenzione religiosa», considerando l’uccisione dei feti come parte di un credo religioso, quindi tutelato dalla Costituzione USA.

 

 

 

I fan di Lucifero si sono così definiti, con ebbrezza etimologica «il principale faro di luce nella battaglia per l’accesso all’aborto».

 

È proprio così: la luce, per Satana, è il sacrificio umano degli innocenti.

 

 

 

 

 

Immagine di Fibonacci Blue via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Bioetica

Aborto negli Stati Uniti: l’Europa vuole salvare il soldato Biden

Pubblicato

il

Da

Mentre negli Stati Uniti imperversa la messa in discussione di un presunto diritto all’aborto, dopo la storica decisione della Corte Suprema di annullare la sentenza Roe vs. Wade, il Parlamento Europeo ha appena votato una mozione di denuncia delle «minacce» contro la salute riproduttiva delle donne d’oltreoceano.

 

 

La vediamo il più delle volte al seguito dello zio Sam, ma quando si tratta di farsi paladina dei valori progressisti, la vecchia Europa non esita a prendere in mano la bacchetta, pronta a dare lezioni contro i conservatori di ogni tipo.

 

Così, l’8 giugno 2022, il Parlamento europeo ha convocato un dibattito evocativo sul tema : «Minacce contro il diritto all’aborto nel mondo: la possibile messa in discussione del diritto all’aborto negli Stati Uniti da parte della Corte Suprema».

 

Nel mirino della censura di Strasburgo: il progetto esaminato dalla più alta corte d’oltre Atlantico, volto a contestare l’attuale giurisprudenza sull’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) nel Paese a stelle e strisce, e che da allora ha preso corpo dopo la pubblicazione della sentenza Dobbs da parte della Corte Suprema degli Stati Uniti.

 

Il quadro per la risoluzione europea è stato redatto dal deputato Predrag Fred Matic – autore del disastroso rapporto omonimo – e da una trentina di parlamentari.

 

Il loro obiettivo: sostenere la politica dell’amministrazione Biden – attualmente in una posizione delicata nell’opinione pubblica americana – invitando l’Unione Europea (UE) e i suoi Stati membri a «iscrivere il diritto all’aborto nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea» (punto 24).

 

Il testo parlamentare non esita a dichiararsi «profondamente preoccupato per le potenziali conseguenze per i diritti delle donne nel mondo, se la Corte Suprema degli Stati Uniti ribaltasse Roe vs. Wade» (paragrafo 16).

 

Non sorprende che la risoluzione sia stata adottata il 9 giugno con 364 voti favorevoli, 154 contrari e 37 astensioni. Gli eurodeputati di Renew (centristi), S&D (sinistra) e The Left (estrema sinistra) hanno votato a favore del testo, mentre il gruppo PPE (destra) è rimasto diviso sulla questione.

 

Gli eurodeputati appartenenti alle formazioni più conservatrici (ECR e ID) hanno votato contro, protestando contro le ingerenze delle istituzioni europee: «Quello che sta succedendo qui è un’enorme irregolarità», ha dichiarato Margarita de la Pisa Carrión, a nome ECR.

 

E per aggiungere contro dei deputati progressisti: «Cosa pretendete di fare? Essere al di sopra della giurisdizione americana? Interferire illegalmente in un sistema legale democratico? È vergognoso e screditante per l’istituzione che rappresentate».

 

Ma non è detto che la risoluzione europea avrà l’effetto migliore: a pochi mesi dalle cruciali elezioni di metà mandato, che Joe Biden al momento non sembra poter vincere, l’ingerenza dei deputati di Strasburgo potrebbe non essere gradita dall’opinione americana, sensibile in materia.

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

Continua a leggere

Più popolari