Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Tucker, Putin e l’Apocalisse atomica. Aleksandr Dugin spiega il peso dell’intervista del secolo

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce e ripubblica questo testo di Alessandro Dugin uscito sul suo profilo su X e precedentemente pubblicato dal sito Arktos.

 

Ci limitiamo ad aggiungere che non sarebbe la prima volta che Carlson ferma una guerra, ancorché mondiale.

 

Nel giugno 2019, Donald Trump, su pressione del suo consigliere John Bolton – un neocon riuscito ad imbarcarsi con l’amministrazione del Donald – aveva spedito dei jet a colpire una base iraniana in ritorsione all’abbattimento di un drone USA da parte di Teheran. Con i bombardieri già in volo, a meno di dieci minuti dal bersaglio – e quindi dall’escalation – Trump chiamò Carlson e gli chiese se stava facendo bene.

 

Tucker rispose che no, che gli americani lo avevano eletto per fare altro, non la guerra. Il presidente richiamò gli aerei, e si ebbe, ancora per un po’, la pace. Bolton fu licenziato. Ora lo stesso neocon Bolton dichiara che se vincesse le elezioni Trump di fatto smantellerebbe una volta per tutte la NATO.

 

I nodi, sempre gli stessi, vengono al pettine. La posto in gioco è ancora più alta: ora c’è da impedire la Terza Guerra Mondiale, la guerra termonucleare totale la cui finestra di Overton è già partita da un pezzo. In mezzo agli ultimi tentativi di fermare la follia, questo ragazzo che aveva iniziato nei giri dei neocon, per poi rendersi conto dell’abisso di orrore e pericolo globale che essi rappresentano.

 

Diciamolo pure: è un periodo, storicamente ed umanamente, davvero interessante. 

 

(Piccola postilla: un anno fa Carlson, ancora su Fox, si accorse che i libri di Dugin erano misteriosamente spariti dai cataloghi di Amazon. Renovatio 21 ne aveva informato debitamente i lettori mesi prima)

 

 

Perché l’intervista di Tucker Carlson è considerata fondamentale sia per l’Occidente che per la Russia?

 

Cominciamo dalla parte più semplice: la Russia. Qui, Tucker Carlson è diventato un punto focale per due opposti polari all’interno della società russa: patrioti ideologici e occidentalizzatori d’élite che tuttavia rimangono fedeli a Putin e all’Operazione Militare Speciale.

 

Per i patrioti, Tucker Carlson è semplicemente «uno di noi». È un tradizionalista, un conservatore di destra e un convinto oppositore del liberalismo. Ecco come appaiono gli emissari del XXI secolo presso lo zar russo.

 

Putin non interagisce spesso con rappresentanti di spicco del campo fondamentalmente conservatore. L’attenzione che il Cremlino gli riserva accende il cuore del patriota, ispirando la continuazione di un percorso conservatore-tradizionalista nella stessa Russia. Adesso è possibile e necessario: il potere russo ha definito la sua ideologia. Abbiamo intrapreso questa strada e non ci allontaneremo da essa. Eppure i patrioti hanno sempre paura che lo faremo. NO.

 

Gli occidentalizzatori, invece, hanno tirato un sospiro di sollievo: vedete, in Occidente non tutto è male, e ci sono persone buone e obiettive, ve lo abbiamo detto! Cerchiamo di essere amici di questo Occidente, pensano gli occidentalizzatori, anche se il resto dell’Occidente liberale globalista non vuole essere amico ma ci bombarda soltanto con sanzioni, missili e bombe a grappolo, uccidendo le nostre donne, i nostri bambini e i nostri anziani.

 

Siamo in guerra con l’Occidente liberale, quindi lasciamo che ci sia almeno amicizia con l’Occidente conservatore. Così, i patrioti russi e gli occidentalizzatori russi (sempre più russi e meno occidentali) giungono ad un consenso nella figura di Tucker Carlson.

 

In Occidente tutto è ancora più fondamentale. Tucker Carlson è una figura simbolica.

 

Ora è il principale simbolo dell’America che odia Biden, i liberali e i globalisti e si prepara a votare per Trump.

 

Trump, Carlson e Musk, oltre al governatore del Texas Abbott, sono i volti dell’incombente rivoluzione americana, questa volta una rivoluzione conservatrice. A questa risorsa già potente si collega la Russia.

 

No, non si tratta del sostegno di Putin a Trump, cosa che potrebbe facilmente essere liquidata nel contesto della guerra con gli Stati Uniti. La visita di Carlson riguarda qualcos’altro. Biden e i suoi maniaci hanno effettivamente attaccato una grande potenza nucleare per mano dei terroristi scatenati di Kiev, e l’umanità è sull’orlo della distruzione. Niente di più, niente di meno.

 

I media globalisti continuano a girare una serie Marvel per bambini, in cui Spiderman Zelens’kyj vince magicamente con superpoteri e maiali magici contro il «Dr. Cattivo». Tuttavia, questa è solo una serie povera e sciocca.

 

In realtà tutto va verso l’uso delle armi nucleari e possibilmente la distruzione dell’umanità. Tucker Carlson effettua un test di realtà: l’Occidente capisce cosa sta facendo, spingendo il mondo verso l’apocalisse?

 

Esistono un vero Putin e una vera Russia, non questi personaggi e ambientazioni messi in scena dalla Marvel. Guarda cosa hanno fatto i globalisti e quanto siamo vicini a ciò!

 

Non si tratta del contenuto dell’intervista con Putin. È il fatto che una persona come Tucker Carlson visiti un Paese come la Russia per incontrare una figura politica come Putin in un momento così critico.

 

Il viaggio di Tucker Carlson a Mosca potrebbe essere l’ultima possibilità per fermare la scomparsa dell’umanità.

 

L’enorme attenzione prestata da un miliardo di persone a questa intervista cruciale da parte dell’umanità stessa, così come la rabbia frenetica e disumana di Biden, dei globalisti e dei cittadini del mondo intossicati dal decadimento, testimoniano la consapevolezza dell’umanità della gravità della situazione.

 

Il mondo può essere salvato solo fermandosi adesso.

 

Per questo, l’America deve scegliere Trump. E Tucker Carlson. Ed Elon Musk. E Abbott. Allora abbiamo la possibilità di fermarci sull’orlo dell’abisso.

 

Rispetto a questo, tutto il resto è secondario. Il liberalismo e la sua agenda hanno portato l’umanità a un vicolo cieco. Ora la scelta è questa: o i liberali o l’umanità.

 

Tucker Carlson sceglie l’umanità, motivo per cui è venuto a Mosca per incontrare Putin. Il mondo intero ha capito perché è venuto e quanto sia importante.

 

Aleksandr Dugin

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Gage Skidmore via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic

Nucleare

«Il mondo è sull’orlo dell’abisso» dice il politologo russo

Pubblicato

il

Da

Il mondo è «sull’orlo dell’abisso» e sta attraversando una profonda trasformazione, ha avvertito il famoso politologo russo Aleksandr Dynkin. Lo riporta il sito governativo russo RT.   L’ultima volta che il mondo è stato così vicino alla catastrofe è stato 60 anni fa, durante la crisi missilistica cubana, ha dichiarato giovedì Dynkin, direttore dell’Istituto di economia mondiale e relazioni internazionali presso l’Accademia russa delle scienze, durante una tavola rotonda a Mosca.   L’evento, intitolato «Guerra e pace nel XXI secolo», si è svolto nell’ambito dei preparativi per l’imminente cerimonia di premiazione del Premio Internazionale per la Pace Leone Tolstoj.   Per centinaia di anni l’ordine mondiale globale è stato stabilito in Europa e, più di recente, negli Stati Uniti, ha affermato Dynkin. Tuttavia, in seguito al conflitto in Ucraina, l’architettura internazionale sarà per la prima volta plasmata con la partecipazione di Russia, Cina e India, ha sostenuto, aggiungendo che l’«Oriente politico» sarà un partner paritario dell’«Occidente politico».   A differenza dell’UE e degli USA, Cina e India si sono rifiutate di condannare la Russia per il conflitto in Ucraina. Il primo ministro indiano Narendra Modi ha visitato Mosca questa settimana e ha incontrato il presidente russo Vladimir Putin per la prima volta dallo scoppio delle ostilità nel 2022.

Iscriviti al canale Telegram

La perdita di influenza globale, unita ai «problemi cognitivi» dell’attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden, potrebbe spingere l’Occidente a prendere misure e decisioni «sconsiderate», ha avvertito il Dynkin.   Mercoledì, Biden ha aperto il vertice della NATO a Washington dichiarando che il blocco militare atlantico è «più potente che mai» mentre affronta un «momento cruciale» nel conflitto tra Russia e Ucraina.   Il Premio Internazionale per la Pace Leone Tolstoy verrà assegnato per la prima volta a settembre a Mosca. Il premio prende il nome dall’autore russo del venerato romanzo Guerra e pace, noto per le sue convinzioni fermamente contrarie alla guerra. Tolstoj partecipò alla guerra di Crimea (1853-1856) e fu il primo corrispondente in prima linea della Russia.   I relatori hanno tracciato parallelismi con il Premio Nobel per la Pace, ma hanno avvertito che l’alternativa russa al riconoscimento non deve essere politicizzata, facendo riferimento all’assegnazione del Premio Nobel del 2009 all’allora Presidente degli Stati Uniti Barack Obama durante le guerre in Iraq e Afghanistan.   I discorsi sul precipizio dinanzi all’umanità arrivano nella settimana in cui la Russia ha annunciato la possibilità di un cambio della sua dottrina nucleare.   Come riportato da Renovatio 21, l’analista geostrategico russo Sergej Karaganov ha ribadito la necessità di una revisione della strategia militare atomica di Mosca, arrivando a ipotizzare la nuclearizzazione di una città europea in risposta al sostegno della guerra ucraina. Lo studioso, negli anni dopo il muro, era stato vicino a vari pensatoi occidentali come i rockfelleriani Council for Foreign Relations e Commissione Trilaterale.   Le parole del Dynkin sono arrivate prima delle drammatiche notizie del tentato assassinio in Pennsylvania di Donald Trump, vero uomo di pace, l’unico che – Orban dixit – è in grado di evitare al mondo la Terza Guerra.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)    
Continua a leggere

Nucleare

Il Cremlino sta valutando modifiche alla dottrina nucleare russa

Pubblicato

il

Da

I responsabili politici russi stanno valutando la possibilità di apportare modifiche alla dottrina nucleare del Paese in risposta alle crescenti tensioni con la NATO, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov.

 

Parlando ai giornalisti giovedì, il funzionario ha affermato che la dichiarazione della NATO approvata dagli stati membri in un vertice a Washington questa settimana richiederebbe una «risposta ponderata, coordinata ed efficace» da parte di Mosca «per contenere» il blocco militare atlantico.

 

In questo contesto, Peskov ha definito la NATO uno «strumento di confronto» profondamente coinvolto nel conflitto ucraino, aggiungendo che «il lavoro sulla dottrina nucleare è in corso, queste discussioni che coinvolgono esperti sono effettivamente in corso». Le armi nucleari non sono l’unica deterrenza a disposizione della Russia, ha aggiunto Peskov, senza fornire ulteriori dettagli.

Iscriviti al canale Telegram

La Dichiarazione del Summit di Washington emessa dalla NATO mercoledì ha designato Mosca come «la minaccia più significativa e diretta alla sicurezza degli Alleati», condannando al contempo la sua operazione militare contro l’Ucraina. Ha anche ribadito che «la deterrenza nucleare è la pietra angolare della sicurezza dell’Alleanza», aggiungendo che la NATO avrebbe continuato a investire in capacità nucleari. Il blocco ha anche condannato quella che ha definito la «retorica nucleare irresponsabile e la segnalazione nucleare coercitiva» di Mosca.

 

Il documento è stato pubblicato dopo che il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha rivelato che i membri del blocco stavano discutendo di mettere in modalità standby più armi nucleari per contrastare potenziali minacce da Russia e Cina. Mosca ha condannato la dichiarazione come escalation.

 

Secondo la sua attuale dottrina nucleare, la Russia può usare il suo arsenale nucleare solo «in risposta all’uso di armi nucleari e di altri tipi di armi di distruzione di massa contro di essa o i suoi alleati, e anche in caso di aggressione contro la Russia con l’uso di armi convenzionali quando l’esistenza stessa dello Stato è minacciata».

 

A giugno, tuttavia, il presidente russo Vladimir Putin ha rivelato che Mosca sta valutando modifiche alla dottrina nucleare, spiegando che il «potenziale avversario del Paese sta lavorando su… nuovi elementi associati all’abbassamento della soglia per l’uso di armi nucleari». Secondo Putin, i rivali di Mosca sono particolarmente concentrati sui «dispositivi nucleari esplosivi a bassissima resa».

 

«Sappiamo che i circoli di esperti in Occidente stanno prendendo in considerazione l’idea che tali armi possano essere utilizzate e non c’è nulla di particolarmente terribile in questo. Dobbiamo prestare attenzione a questo», ha sottolineato Putin.

 

Allo stesso tempo, Mosca ha più volte affermato che una guerra nucleare non deve mai essere combattuta, respingendo le accuse occidentali di minaccia alla pace, e dicendo pubblicamente che la Russia «non brandisce» armi atomiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, a poche ore dall’inizio del conflitto, quando l’escalation sembrava inevitabile, Putin disse ai giornalisti occidentali che i loro Paesi stavano venendo trascinati in una guerra nucleare in Europa che non avrebbe avuto vincitori. Nessuno dei nostri giornali riportò l’importanza di questa dichiarazione.

 

Il presidente russo tre settimane fa ha dichiarato il potenziamento dell’arsenale atomico del Paese.

 

La dottrina nucleare russa era stata negli scorsi anni sempre ribadita dal portavoce Peskov. «Abbiamo una dottrina militare, tutto è scritto lì. Non dà nessun’altra interpretazione, tranne ciò che c’è nero su bianco», aveva confermato il vice ministro degli Esteri di Mosca Aleksandr Grushko.

 

L’ultima versione della dottrina nucleare russa, pubblicata nel 2020 afferma che Mosca si riserva il diritto di utilizzare armi atomiche solo se tali armi o altre armi di distruzione di massa sono mirate al Paese o se trovarsi di fronte a una minaccia esistenziale delle armi convenzionali.

Aiuta Renovatio 21

Lo stesso Peskov a inizio conflitto aveva detto pubblicamente che l’operazione militare speciale di Mosca serviva ad impedire la guerra nucleare.

 

Come riportato da Renovatio 21, ci sono tuttavia dentro la Russia voci insistenti che chiedono di cambiare la dottrina nucleare di Mosca. L’ex consigliere per la politica estera del vice capo dell’amministrazione presidenziale russa, Sergej Karaganov ha dichiarato che la Russia dovrebbe rivedere la propria dottrina nucleare e abbassare la soglia nucleare per dissuadere l’Occidente dal perseguire politiche sconsiderate.

 

Il politologo, membro onorario del presidio del Consiglio Russo per la Politica Estera e di Difesa (SVOP), in passato ha più volte sollevato in diversi articoli la questione delle armi nucleari e ha suggerito alla Russia di prendere in considerazione la possibilità di effettuare, prima o poi, attacchi nucleari preventivi contro obiettivi in ​​Europa.

 

Come riportato da Renovatio 21, a settembre la NATO ha pubblicato sul suo sito un articolo di un funzionario della difesa americano in pensione – Gregory Weaver, un consigliere per la difesa nucleare e missilistica dei capi di Stato maggiore congiunti – che invitava il blocco a combattere e vincere una guerra nucleare limitata contro la Russia. Se gli Stati Uniti e la Cina dovessero scontrarsi su Taiwan, l’autore sostiene che probabilmente ne seguirebbe una guerra su vasta scala in Europa.

 

Come noto, il programma NATO consente il dispiegamento di bombe nucleari statunitensi sul territorio di altre nazioni NATO non nucleari. L’utilizzo di una simile strategia di condivisione transnazionale delle testate programmata ora dalla Russia con la Bielorussia, tuttavia, suscita le ire del Patto Atlantico, e le richieste allucinanti di Paesi come la Polonia, che sull’argomento in realtà insiste da tempo.

 

In un articolo del 23 giugno pubblicato dal Bulletin of the Atomic Scientists, Alexander Vershbow, diplomatico americano ed ex vicesegretario generale della NATO, ha anche sollecitato l’espansione del dispiegamento di armi nucleari tattiche in Europa oltre i limitati passaggi richiesti dalla postura nucleare dell’amministrazione Biden.

 

Il Pentagono, che anche lamenta la «rapida espansione» dell’arsenale atomico della Cina, nel frattempo sta sviluppando nuovi tipi di atomiche 24 volte più potenti di quella sganciata su Hiroshima e certificando i bombardieri B-2 per il trasporto della bomba nucleare B61-12.

 

Vertici politici e militari nordcoreani da mesi danno la guerra termonucleare come imminente.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Mil.ru via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0

Continua a leggere

Nucleare

Gli USA approvano un nuovo programma di missili intercontinentali a testata nucleare nonostante l’aumento dei costi

Pubblicato

il

Da

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti continuerà a sviluppare il suo nuovo missile balistico intercontinentale (ICBM) Sentinel nonostante un aumento dell’81% dei costi, mentre Washington cerca di aggiornare la sua “triade nucleare”.   Il programma Sentinel ICBM, che dovrebbe sostituire i vecchi missili nucleari Minuteman III, dovrebbe ora costare 140,9 miliardi di dollari, quasi il doppio della stima iniziale di 77,7 miliardi di dollari, ha affermato il Pentagono in una dichiarazione di lunedì.   Il costo crescente del programma di testate nucleari ha innescato quella che è nota come violazione Nunn-McCurdy, che si verifica se il costo di sviluppo di un nuovo programma aumenta del 25% e richiede una revisione del Dipartimento della Difesa per giustificarne la continuazione. In seguito a questa revisione, il Pentagono ha scoperto che non ci sono alternative praticabili al Sentinel.

Iscriviti al canale Telegram

William LaPlante, sottosegretario alla Difesa per gli acquisti, ha affermato che il suo ufficio era «pienamente consapevole dei costi».   «Ma siamo anche consapevoli dei rischi che corrono non modernizzando le nostre forze nucleari e non affrontando le minacce molto reali che ci troviamo ad affrontare», ha aggiunto nella dichiarazione.   Gran parte dell’aumento dei costi è stato attribuito non solo alla costruzione del nuovo missile, ma anche alla modernizzazione su larga scala delle strutture a terra, tra cui i centri di controllo del lancio, le basi missilistiche nucleari e i centri di collaudo.   L’approvazione del Sentinel ICBM ha attirato notevoli critiche, spingendo oltre 700 scienziati statunitensi in rappresentanza di istituzioni in tutto il paese a inviare una lettera al presidente degli Stati Uniti Joe Biden e al Congresso lunedì. Gli scienziati hanno esortato il Pentagono ad abbandonare il programma di testate nucleari «costoso, pericoloso e non necessario».   Gli scienziati sostengono che «non esiste una valida motivazione tecnica o strategica per spendere decine di miliardi di dollari per costruire nuove armi nucleari».   «Queste armi, immagazzinate in silos in tutti gli stati delle pianure, mettono le comunità come bersaglio e aumentano il rischio di una guerra nucleare, senza offrire significativi benefici in termini di sicurezza», ha affermato Tara Drozdenko, direttrice del Global Security Program presso l’Union of Concerned Scientists.   La dimensione dell’arsenale nucleare statunitense è attualmente limitata dal New START, un trattato negoziato con la Russia nel 2010. Dovrebbe scadere nel 2026, senza indicazioni che possa essere rinnovato.   L’anno scorso, la Russia ha formalmente sospeso la sua partecipazione al New START, citando le sanzioni statunitensi sul conflitto in Ucraina e l’incoraggiamento degli attacchi di Kiev alle basi aeree strategiche russe. Tuttavia, Mosca ha continuato a osservare le disposizioni del trattato, limitando il numero di armi nucleari e sistemi di lancio, scrive RT.   L’LGM-30 Minuteman III è la terza iterazione della serie di missili balistici intercontinentali Minuteman, il primo dei quali è entrato in servizio nel 1962. Il missile prende il nome dalle famose milizie «minutemen» della Guerra d’Indipendenza americana, che formavano la base delle forze americane irregolari che combattono l’esercito britannico.   Il primo Minuteman fu progettato per attaccare le città dell’Unione Sovietica nel caso in cui gli Stati Uniti fossero stati attaccati per primi, ma dopo che gli Stati Uniti svilupparono missili balistici lanciati da sottomarini, il Minuteman II fu sviluppato con maggiore precisione e peso di lancio per colpire obiettivi militari sovietici più resistenti.   Successivamente, nel 1970, fu presentato il Minuteman III, che poteva trasportare tre testate nucleari: un nuovo sviluppo pericoloso chiamato disposizione MIRV (veicolo di rientro multiplo indipendente).   Quando fu introdotto, il Minuteman III era progettato per trasportare tre testate nucleari W62 Mk12, ciascuna delle quali aveva una potenza esplosiva di 170 kilotoni. Questo era molto inferiore a quello della testata W56 posizionata sui missili Minuteman I e II, che avevano una precisione ridotta e quindi erano dotati di enormi testate da 1,2 megatoni.   Successivamente, le W62 furono sostituite con testate più grandi W78, che avevano una potenza esplosiva di 330-350 kilotoni ciascuna, circa 10 volte più potenti delle bombe che distrussero Hiroshima e Nagasaki nel 1945.

Aiuta Renovatio 21

Quando gli Stati Uniti e la Russia ratificarono il trattato START II nel 1993, l’accordo bandì i missili MIRV e gli Stati Uniti rimossero due delle tre testate sui missili Minuteman III, lasciandone solo una ciascuno.   Tuttavia, a partire dal 2005, l’USAF iniziò a sostituire alcuni dei W78 sui Minuteman III con le testate W87 che si trovavano sui missili balistici intercontinentali Peacekeeper LGM-118 ora dismessi, perché i nuovi W87 avevano alcune caratteristiche di sicurezza che i vecchi W78 non erano stati progettati. con. Il W87 è stato introdotto con una potenza esplosiva nucleare di 300 kilotoni, ma il Pentagono ha tentato di aggiornarla a 450 kilotoni ad un certo punto, e non si sa se abbiano avuto successo.   I primi missili Minuteman III sono entrati in servizio con l’USAF nel 1970, con la costruzione di tutti i Minuteman III completata nel 1976, facendo sì che il più recente Minuteman III abbia non meno di 47 anni.   Come riportato da Renovatio 21i test di lancio del Minuteman III di due mesi fa seguiva una serie di test per missili ipersonici cancellati dalle forze USA.   Gli Stati Uniti sembrano essere ancora dietro rispetto alla tecnologia ipersonica già sviluppata dalla Russia e da altri Paesi. La Repubblica Popolare Cinese disporrebbe di armi ipersoniche, anche, a quanto sembra, in formato drone. Nel club delle potenze ipersoniche vi sarebbero anche, a quanto comunicano, la Corea del Nord e l’Iran.   Al ritardo degli USA nel settore ipersonico si aggiunge una beffa emersa con uno scoop del Washington Post: i sistemi ipersonici della Cina Popolare, che sarebbero praticamente pronti, sarebbero stati sviluppati con tecnologia tranquillamente venduta e trasferita da società americane.   A inizio anni l’aeronautica USA ha fatto sapere di voler spendere 73 miliardi di dollari in forze nucleari.   Come riportato da Renovatio 21, in questi stessi giorni la Russia sta approntando i missili intercontinentali Sarmat RS-28 (detti in codice NATO «Satan 2») e montando i missili ipersonici Kinzhal su un ulteriore tipo di velivolo d’attacco, il cacciabombardiere Su-34.   La tecnologia missilistica ipersonica ha fatto saltare l’equilibrio tra superpotenze atomiche e il concetto di deterrenza.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia
Continua a leggere

Più popolari