Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Tentati suicidi fra i giovani, il numero è aumentato con la pandemia

Pubblicato

il

Il quotidiano milanese riporta nuovi numeri sui casi di tentato suicidio tra i giovani forniti dall’ospedale pediatrico Bambin Gesù.

 

Il numero di bambini che decidono di farla finita è aumentato durante tutta la decade, tuttavia «l’impennata dei casi si è avuta maggiormente nei due anni della pandemia da COVID».

 

Nel biennio pandemico si sarebbero quindi registrati +75% dei casi rispetto al biennio precedente, cioè anni senza restrizioni, DAD e terrorismo psicologico costante.

 

Tra il 2018 e il 2019 vi sarebbero stati 369 casi, mentre nel 2020-2021 si è arrivati alla cifra sbalorditiva di 649 casi «in media un caso ogni giorno».

 

Nel biennio pandemico il numero di casi di bambini che formulano ideazione suicidiaria è pari a 477, cioè l’88% in più rispetto al 2018-2019).

 

I tentativi di suicidio vero e proprio tra ragazzini sono arrivati a 172 – un incremento del 50%.

 

Aumento anche per i comportamenti autolesionistici, conteggiati dall’ospedale in 103, un aumento dell’8% rispetto ai due anni prima.

 

Un altro numero impressionante fornito è quello per cui l’80% dei casi di aspiranti suicidi è composto da bambine. Un dato su cui riflettere davvero, sul quale dovrebbero fare qualche pensiero anche le femministe sottomesse alla sinistra progressista pro-lockdownara.

 

L’età media di tentato suicidio riportato è di circa 15 anni.

 

Come scritto da Renovatio 21, ancora due anni fa, è indiscutibile che le restrizioni pandemiche abbiano trasformato i nostri figli in senso negativo, rendendoli più malati (è l’ipotesi recente dell’inspiegabile apparizione delle epatiti infantili), ma anche più violenti (con il grande incremento di atrocità, sempre più belluine e spudorate, commesse anche da adolescenti anche fuori dalle baby gang) e infine suicidi, come testimoniato del resto in tutto il mondo – nel Regno Unito è stato calcolato nel 2020 che, stando ai numeri, un bambino ha 10 volte più probabilità di morire per suicidio che non per COVID. Un anno fa emerse che forse 25 erano morti di COVID, centinaia erano morti invece per suicidio e traumi.

 

Anche nel lontano Vietnam, si è registrato un’inaspettato aumento di suicidi nelle scuole riaperte dopo le chiusure pandemiche. Suicidi giovanili in aumento perfino in un Paese specializzato sul tema, il Giappone.

 

Il Nevada nel 2020 fu il primo Stato a porsi seriamente il problema di riaprire le scuole il prima possibile dopo che si verificò un’ondata di suicidi tra i ragazzini, che di fatto raddoppiò il tasso usuale.

 

Fu drammatico il primo giorno di scuole 2021 in Italia, che contò ben 3 adolescenti suicidi nelle stesse ore.

 

Secondo la Royal Society Open Science, in Gran Bretagna i lockdown hanno portato alla depressione almeno 60 mila bambini.

 

Per non parlare del misterioso aumento di neonati morti su cui hanno dato l’allarme le autorità sanitarie scozzesi.

 

Non mancano gli studi per cui la pandemia abbia prodotto bambini con turbe psichiche, quoziente intellettivo inferiore e con ritardi dello sviluppo psicologico, in ispecie riguardo l’apprendimento della lingua e il riconoscimento dei volti umani – qualcosa per il quale secondo gli esperti dobbiamo ringraziare l’uso della mascherina.

 

In aumento durante la pandemia anche i casi di anoressia, con un allucinante abbassamento di età delle bimbe colpite, che ora vi si ammalano tra gli 8 e i 12 anni.

Continua a leggere

Essere genitori

Spot dell’ospedale fa sembrare la miocardite una malattia comune fra i bambini

Pubblicato

il

Da

Un ospedale di Nuova York sta pubblicando uno spot pubblicitario per aumentare la consapevolezza della miocardite nei bambini, suggerendo apparentemente che l’infiammazione del cuore nei bambini è una condizione comune.

 

Il video del New York Presbyterian Hospital racconta la storia di una bambina che «aveva un forte mal di pancia che si è rivelato essere una miocardite, una grave infiammazione del cuore (…) ma i dottori mi hanno dato medicine e usato macchinari per controllare il mio cuore» dice la bambina.

 

Il messaggio è rassicurante: «mi hanno salvata», dice la bimba riferendosi ai dottori dell’ospedale.

 

La didascalia del video afferma che «Il nostro team multidisciplinare di terapia intensiva pediatrica ha lavorato per regolare il suo battito cardiaco e l’ha fatta tornare a sentirsi se stessa».

 

I casi di miocardite nei bambini erano fino a poco fa ritenuti assai rari, con studi che indicano che nei bambini ce ne sono da 1 a 2 su 100.000. Di solito essi potevano derivare da virus del raffreddore. La maggior parte di questi casi si risolve da sola o con il trattamento.

 

Ora invece, improvvisamente, le istituzioni sanitarie si sentono di produrre e distribuire uno spot come questo. Dove, badate bene, mai e poi mai viene fatta la parola «vaccino»…

 

 

I casi di bambini ammalatisi di miocardite dopo il vaccino COVID sono stati riportati da Renovatio 21 spesse volte. Ed è nota anche una certa ritrosia da parte di autorità sanitarie come quelle della Svezia riguardo alle vaccinazioni sotto i 12 anni.

 

Lasciamo ai lettori trarre le proprie conclusioni, tuttavia ricordiamo il bambino di miocardite riconosciuto dal CDC, l’ente epidemiologico USA, che tuttavia ha ritenuto di andare avanti con la terza dose dai 5 agli 11 anni.

 

Un documento FDA (l’ente regolatorio per il cibo e i medicinali USA) aveva segnalato con per calcolare il rischio di miocardite post-vaccino nei bambini 5-12 anni servirebbe uno studio di 5 anni.

 

Uno studio preliminare condotto durante la campagna di vaccinazione nazionale thailandese contro il COVID-19 ha mostrato quella che un medico ha descritto come un’associazione «sbalorditiva» tra la miocardite e il vaccino Pfizer-BioNTech.

 

 

La questione dell’infezione cardiaca riguardante il vaccino era stata evidenziata dalla stessa Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ancora nell’estate 2021 negli «aggiornamenti su alcuni punti emersi dalla valutazione del rischio di insorgenza di miocardite e pericardite dopo vaccinazione con vaccini a mRNA».

 

«Dopo la vaccinazione con i vaccini a mRNA anti COVID-19 Comirnaty* e Spikevax* – si legge – sono stati osservati casi molto rari di miocardite e pericardite. I casi si sono verificati principalmente nei 14 giorni successivi alla vaccinazione, più spesso dopo la seconda dose e nei giovani di sesso maschile».

 

«I dati a disposizione – precisa l’ente regolatorio farmaceutico nazionale – suggeriscono che il decorso della miocardite e pericardite dopo la vaccinazione non è diverso da quello della miocardite o della pericardite in generale».

 

«Gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di miocardite e pericardite», raccomanda l’AIFA.

 

«Gli operatori sanitari – aggiunge – devono istruire i soggetti vaccinati a rivolgersi immediatamente al medico qualora dopo la vaccinazione sviluppino sintomi indicativi di miocardite o pericardite, quali dolore toracico, respiro affannoso o palpitazioni».

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Vaccino, il 55% dei bambini piccoli ha avuto una «reazione sistemica» dopo l’iniezione: sondaggio CDC

Pubblicato

il

Da

Più del 55% dei bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni ha avuto una «reazione sistemica» dopo la prima dose dei vaccini Pfizer-BioNTech o Moderna COVID-19 , secondo i dati diffusi il 1 settembre dai Centers for Disease Control e prevenzione o CDC, l’ente di Stato americano per il controllo delle epidemie. Lo riporta Epoch Times, ripreso da The Defender, organo stampa di Children’s Health Defense, l’associazione di Robert Kennedy jr.

 

Viene inoltre dichiarato che quasi il 60% ha avuto una reazione alla seconda dose del vaccino Moderna, nell’indagine del CDC su oltre 13.000 bambini.

 

Una reazione viene definita «sistemica» quando si ha una risposta che va oltre il sito di iniezione.

 

Le reazioni sistemiche più comuni sono state affaticamento, febbre, irritabilità e pianto.

 

I genitori di oltre il 6% dei bambini nello studio affermano invece che il loro bambino non sarebbe in grado di svolgere le normali attività dopo la seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna.

 

Il CDC ha raccolto i dati attraverso un programma chiamato V-Safe , un sistema di monitoraggio basato su smartphone che funziona tramite un’app che i genitori scaricano sui loro telefoni.

 

Tra il 18 giugno e il 21 agosto, i genitori di oltre 10.000 bambini piccoli hanno segnalato reazioni al CDC tramite V-Safe nei sette giorni successivi alla vaccinazione del loro bambino contro il COVID-19 .

 

I genitori di 8.338 bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni che hanno ricevuto il vaccino Moderna hanno riportato informazioni tramite V-Safe, con il 55,7% che ha riportato una reazione sistemica dopo la prima dose e circa il 58% dopo la seconda dose.

 

Per il vaccino Pfizer, i genitori di 4.749 bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni hanno presentato rapporti che mostravano che il 55,8% ha avuto una reazione sistemica dopo la prima dose e circa il 47% dopo la seconda dose del vaccino.

 

 

Le reazioni riportate più frequentemente nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni sono state irritabilità o pianto, sonnolenza e febbre. Le reazioni più comuni nei bambini di età compresa tra 3 e 5 anni sono state dolore al sito di iniezione, affaticamento e febbre.

 

 

 

I dati hanno anche mostrato una categoria di reazione più grave etichettata «qualsiasi impatto sulla salute».

 

Circa il 10% di tutti i bambini di età compresa tra 6 mesi e 2 anni ha avuto un «impatto sulla salute» dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino Moderna o Pfizer.

 

Oltre a V-Safe, sono stati presentati dati che riassumono i rapporti del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) e del Vaccine Safety Data Link (VSD), che include i dati di diverse grandi organizzazioni di manutenzione sanitaria negli Stati Uniti.

 

Le informazioni sono state presentate al Comitato consultivo per le pratiche di immunizzazione del CDC il 1 settembre come parte di una panoramica di tutti i dati relativi alla sicurezza dei vaccini COVID-19.

 

Come riportato da Renovatio 21, un mese fa è emerso che un funzionario CDC avrebbe utilizzato dati di uno studio preliminare errato che esagerava il numero di bambini morti di COVID nelle sue presentazioni ai consulenti CDC e FDA che erano responsabili della raccomandazione dei vaccini Pfizer e Moderna per neonati e bambini piccoli.

 

Sei mesi fa è stato riportato che il CDC avrebbe rimosso decine di migliaia di decessi legati al COVID, inclusi quasi un quarto dei decessi che aveva attribuito a persone di età inferiore ai 18 anni

 

Quattro mesi fa il CDC ha riconosciuto la morte di un bambino morto per miocardite, tuttavia l’autorizzazione per iniettare la terza dose del siero ai bambini dai 5 agli 11 anni è andata avanti. A febbraio il CDC allargò i tempi tra una dose e l’altra per le persone di età superiore ai 12 anni, adducendo come motivazione il fatto che così si può ridurre il rischio di miocardite.

 

A Marzo lo Stato della Florida, governato da Ron De Santis, aveva deciso di rompere come il CDC cominciando a sconsigliare le iniezioni ai bambini sani come invece fa l’ente per il controllo epidemico.

 

Continua a leggere

Essere genitori

Un lato positivo del COVID? Più genitori che mai che mettono in discussione i vaccini pediatrici

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

I tassi di vaccinazione di bambini e adolescenti hanno iniziato a precipitare con l’inizio della pandemia e, per quanto riguarda le preoccupazioni emerse sulla sicurezza dei vaccini COVID-19, alcuni genitori hanno anche iniziato a mettere in discussione la necessità della lunga lista di altri vaccini raccomandati dai funzionari della sanità pubblica.

 

 

Nel 2020, gli ordini del governo di rimanere a casa — insieme alla perdita di posti di lavoro prodotta dal lockdown, alla paura pubblica dovuta al COVID-19 e ad altri fattori — hanno portato a un drastico calo dell’utilizzo di persona dei servizi sanitari tra adulti e bambini, sia negli Stati Uniti che a livello globale.

 

Le visite pediatriche sono state alcuni delle vittime illustri.

 

Negli Stati Uniti, i tassi di vaccinazione di bambini e adolescenti sono crollati drasticamente, diminuendo in quell’anno di ben il 91% a seconda della fascia di età, tra cui una diffusione notevolmente inferiore di vaccini contro difterite, tetano e pertosse (DTaP o DTP), vaccini contro la meningite e vaccini contro il papillomavirus umano (HPV).

 

I funzionari della sanità pubblica si aspettavano che questa «sbornia pandemica» si dissipasse entro il 2021, ma il cambiamento nel comportamento di ricerca sul vaccino da parte dei genitori per i loro figli persisteva.

 

A livello internazionale, 6 milioni di bambini in meno in tutto il mondo hanno ricevuto almeno una dose di vaccino DTP nel 2021 rispetto al 2019, spingendo il capo dell’UNICEF a lamentare «il più grande calo dell’immunizzazione infantile in una generazione».

 

E nelle Filippine — dove il presidente ha minacciato di incarcerare chi avesse rifiutato il vaccino COVID-19 — la percentuale di bambini che hanno ricevuto una prima dose di DTP nel 2021 era solo del 57% rispetto al 92% di un decennio prima.

 

Negli Stati Uniti, lo Stato di Washington ha riferito che la somministrazione di vaccini antinfluenzali nei bambini di età inferiore ai 5 anni è diminuita di circa il 25% nel novembre 2021, rispetto alle due stagioni influenzali precedenti. E il registro statale del Michigan di marzo 2022 ha mostrato che il 24% in meno di bambini «erano considerati vaccinati» rispetto a marzo 2020.

 

Quando il Michigan ha confrontato i suoi dati sullo stato della vaccinazione del 2020 con il periodo 2016-2019, ha scoperto che la copertura vaccinale era diminuita in «tutte le coorti d’età, ad eccezione della copertura dell’epatite B alla nascita».

 

In questo frangente, i funzionari statali stanno apertamente ipotizzando che i vaccini COVID-19 — finora respinti dai genitori del 97% dei minori di 5 anni – siano la ragione per cui i genitori sono sempre più indecisi sulla vaccinazione infantile in generale.

 

Facendo riferimento a questi «dubbi diffusi», un portavoce della sanità pubblica del Michigan ha detto che i genitori che una volta accettavano senza dubbi la vaccinazione infantile ora stanno dicendo: «Aspettate un minuto. Ho davvero bisogno di questi vaccini?» e si chiedono: «Come sono fatti questi vaccini?»

 

Secondo un altro funzionario del Michigan, la «vaccinazione» — la «parola con la V» — è diventata una «parola di innesco» per i genitori arrabbiati che credono che il governo non solo abbia oltrepassato la sua autorità durante il COVID-19, ma stia fraudolentemente spingendo vaccini non sicuri sui loro piccoli.

 

 

Meno bambini che muoiono non è un «disastro»

Nell’ottobre 2020, tre scienziati degli Stati Uniti e del Regno Unito hanno redatto la Grande Dichiarazione di Barrington e condannato — piuttosto cupamente — il forte declino delle vaccinazioni infantili derivante dai lockdown imposti dal COVID-19.

 

In qualità di storici sostenitori della vaccinazione — professionalmente coinvolti nello sviluppo del vaccino, nella promozione del pericoloso vaccino HPV e nell’accettazione dei vaccini COVID-19 come soluzione alle chiusure— i tre autori della dichiarazione hanno posizionato il calo dei tassi di vaccinazione infantile in cima alla loro lista delle «disastrose» conseguenze dei lockdown.

 

Lungi dall’assistere a un disastro, tuttavia, gli osservatori entro giugno 2020 avevano iniziato a notare un meraviglioso lato positivo — un effetto pandemico «sorprendente» sul tasso di mortalità tra i neonati, in particolare, con oltre 200 decessi neonatali in meno a settimana, pari a una riduzione del 30% dei decessi infantili previsti nei primi mesi di vita.

 

Per spiegare il «mistero» che salva la vita dei neonati, questi analisti, insieme al Chief Scientific Officer Brian Hooker di Children’s Health Defense (CHD), hanno sottolineato come i vaccini per neonati non somministrati abbiano coinciso con un «calo precipitoso» nelle segnalazioni di sindrome da morte improvvisa dei neonati (SIDS) al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

 

I decessi per SIDS — che per definizione colpisce bambini normali e sani — e i decessi improvvisi e inspiegabili nei bambini di età superiore a 1 anno si verificano tipicamente in stretta vicinanza temporale alla vaccinazione, con nove decessi su 10 per SIDS a seguito delle visite di due o quattro mesi.

 

Un’analisi di tre decenni di dati VAERS ha rilevato che il 75% dei casi di SIDS post-vaccinazione segnalati si sono verificati entro sette giorni dalle vaccinazioni infantili.

 

I patologi giapponesi che hanno identificato i casi di SIDS che si verificano entro una settimana dalla vaccinazione concordano sul fatto che «esistono casi sospetti», incoraggiando i patologi forensi a «dedicare maggiore attenzione alla vaccinazione» negli eventi SIDS.

 

Naturalmente, i «fact-checker» contestano l’associazione ipotizzata tra i minori tassi di vaccinazione del 2020 e la diminuzione dei decessi nei bambini piccoli.

 

 

Indizi aggiuntivi

CHD ha esaminato dozzine di studi che mostrano una salute notevolmente migliore nei bambini non vaccinati, mentre non ha trovato «studi che mostrano risultati di salute superiori nei bambini vaccinati».

 

Tuttavia, poiché gli effetti della vaccinazione sono complessi, cumulativi e sinergici con altre esposizioni tossiche — e poiché la maggior parte dei dati sulle malattie croniche non ha ancora incluso la pandemia — non è così facile eliminare altri aspetti positivi derivanti dai tassi di vaccinazione infantile più bassi del 2020.

 

Tuttavia, ci sono alcuni indizi.

 

Si consideri il calo delle visite al pronto soccorso (PS) e il fatto che il calo maggiore si è verificato in persone di età inferiore ai 15 anni.

 

Normalmente, si stima che un bambino su sette si sottoponga a una visita di PS ogni anno.

 

Un’analisi che confronta le visite pediatriche di PS del 2020 agli accessi di PS nel decennio precedente ha rilevato diminuzioni «sostanziali» per alcune diagnosi — in particolare dolore addominale, infezioni dell’orecchio, asma, polmonite, infezioni delle vie respiratorie superiori e delle vie urinarie e traumi — mentre le visite per diagnosi come convulsioni e complicazioni del diabete sono risultate stabili.

 

Sebbene non esista un modo sicuro per sapere perché gli accessi in PS siano diminuiti per determinate condizioni specifiche, tutte le diagnosi in questione appaiono nei foglietti illustrativi del vaccino come eventi post-vaccinazione, insieme a quasi 400 altri sintomi e condizioni acuti e cronici.

 

Il dolore addominale può non sembrare grave, ma può essere un segno di pancreatite acuta (infiammazione improvvisa del pancreas), tanto che i medici consigliano «sempre» di considerare la pancreatite acuta «nella diagnosi differenziale del dolore addominale nei bambini».

 

La pancreatite acuta ha seguito la somministrazione di vaccini contro l’epatite A e BHPVinfluenza e morbillo-parotite-rosolia (MPR), tra gli altri, nei bambini, negli adolescenti e negli adulti.

 

E si registra una valanga di segnalazioni di casi (ad esempio, da Stati UnitiGiapponePolonia e Nuova Zelanda) che descrivono la pancreatite grave all’indomani della vaccinazione COVID-19.

 

Inoltre, la pancreatite acuta e cronica iniziò misteriosamente ad aumentare nei bambini in seguito all’espansione del programma vaccinale infantile negli anni ’90 e 2000, e il diabete giovanile e i tumori pancreatici nei giovani adulti — due condizioni associate alla pancreatite — iniziarono ad aumentare subito dopo.

 

 

Vaccini COVID — una linea di demarcazione?

La maggior parte degli osservatori ha attribuito l’improvviso calo della vaccinazione infantile di routine nel 2020 esclusivamente a cure non usufruite imposte dalle circostanze («il divario tra il bisogno percepito e l’utilizzo effettivo dei servizi sanitari»).

 

Ora, tuttavia, sono i vaccini COVID-19 — e in particolare l’autorizzazione non scientifica della somministrazione per adolescenti e bambini piccoli — che sembrano essere la ragione principale per cui molti genitori non «percepiscono più il bisogno» di tornare di corsa nel gregge del vaccino.

 

Anche il propagandistico New York Times ha ammesso a un nuovo e robusto contingente di «scettici» del vaccino i cui dubbi sono stati forgiati nel crogiolo delle restrizioni COVID-19, degli obblighi vaccinali COVID-19 e, tragicamente per alcuni, della reazione avversa di un bambino ai vaccini COVID-19.

 

Come un medico ha twittato dalla «prima linea della medicina» all’inizio di agosto, «I genitori hanno FINITO di dare ai loro figli qualsiasi e tutte le [emoji della siringa]. Non solo, ma sono disgustati da ciò che avevano già permesso che venisse iniettato nei loro figli. Vorrebbero poter tornare indietro».

 

La vecchia strategia della sanità pubblica per riconquistare questi genitori ribelli sembra essere (sorpresa, sorpresa) assillare i genitori a «effettuare il maggior numero possibile di vaccini in una singola visita» — rafforzata dalla falsa affermazione che è a vantaggio del bambino ottenere un sacco di iniezioni in una sola volta — mentre alimenta anche le preoccupazioni per una rinascita delle cosiddette malattie «prevenibili con il vaccino».

 

Così, a seguito di un singolo caso di paralisi attribuito alla «poliomielite», lo stato di New York sta attivamente cercando di evocare un’epidemia di poliomielite, senza mai menzionare i decenni di manipolazione della diagnosi di «poliomielite» intesa a mascherare le cause non virali della paralisi che includono vaccinazione e avvelenamento.

 

La Florida, nel frattempo, sta esortando gli studenti universitari e altri gruppi a ottenere vaccini contro il meningococco a seguito della morte di sette uomini gay e bisessuali, presumibilmente da malattia meningococcica.

 

Perché i morti hanno sviluppato la meningite, tanto per cominciare? Nessuno ha condiviso informazioni sullo stato della vaccinazione COVID-19, ma i ricercatori di tutto il mondo segnalano la meningite come evento avverso post-vaccinazione COVID negli adolescenti e negli adulti, ad esempio in GiapponeSingaporeCoreaIraqBelgio e Germania.

 

La meningite è anche un evento avverso elencato per i vaccini DTaP, epatite A e B, influenza e MPR e vaccini contenenti Haemophilus influenzae di tipo b (Hib) e componenti della poliomielite.

 

E un medico di 28 anni che si è offerto volontario negli studi clinici brasiliani per il vaccino COVID-19 di AstraZeneca è morto dopo aver ricevuto il vaccino contro la meningite somministrato al «gruppo di controllo».

 

 

Ciò di cui i bambini hanno davvero bisogno

Purtroppo, qualunque sia il lato positivo temporaneo o duraturo che può essere emerso dalla pausa indotta dal COVID-19 nella vaccinazione infantile, i bambini e i loro genitori devono ancora affrontare molte sfide.

 

Secondo uno studio dei Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, lo stato ponderale di bambini e adolescenti che erano già in sovrappeso o obesi è peggiorato in modo significativo durante il 2020 e l’insicurezza alimentare dei bambini sta aumentando sia a livello nazionale che internazionale.

 

Inoltre, i massicci cambiamenti sociali e comportamentali comandati attraverso restrizioni governative hanno fatto scrivere terribili titoli di giornale sulla salute mentale dei giovani — anche se gli esperti avvertono che questi potrebbero portare in maniera controproducente a una sovradiagnosi e a una sovramedicazione con farmaci noti per causare violenza e suicidio.

 

Anziché più vaccini o farmaci che non hanno mai mantenuto il loro slancio o le loro promesse, ciò di cui i bambini e i giovani hanno bisogno per crescere sono i fondamenti della salute pubblica più lenti, ma più sicuri — come una nutrizione solida, alloggi sicuri e sicurezza economica — e l’amorevole attenzione dei loro genitori.

 

 

Lo staff di The Defender

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

© 12 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari