Anoressiche a 8 anni. Il lockdown ha abbassato l’età dei disturbi alimentari

 

 

 

In Italia, secondo le ultime stime fornite dai pediatri, ci sarebbero 2 milioni di adolescenti che soffrono di disturbi dell’alimentazione. L’età delle patologie si sarebbe notevolmente abbassata: anoressia e malattie simili ora compaiono in bambine tra gli 8 e i 12 anni.

 

Durante il 2020 si è avuto un incremento consistente dei disturbi alimentari.  In Gran Bretagna il Royal College of Psychiatrist ha stimato che i disturbi alimentari rappresentavano il 20% delle ricette mediche, mentre ora saremmo arrivati all’80%. Il COVID, ammette l’istituto londinese, è la più grande minaccia alla salute mentale dalla Seconda guerra mondiale.

 

L’età delle patologie si sarebbe notevolmente abbassata: anoressia e malattie simili ora compaiono in bambine tra gli 8 e i 12 anni

Il dato più impressionante registrato nel Regno Unito è tuttavia il fatto che i ricoveri di anoressia si siano incredibilmente abbassati in fatti di età.  Con il lockdown hanno cominciato a divenire anoressiche anche bambine che hanno meno di 10 anni.

 

Il fenomeno è consistente anche in Italia. L’ospedale Bambino Gesù di Roma ha fornito dati di fine 2020 che mostrano un incremento del 27% delle richieste di aiuto per anoressia.

 

Come riporta il quotidiano La Verità, l’incremento delle bambine anoressiche sarebbe del 100% tra gli 11 e 13 anni e del 62% tra i 14 e i 15.  Parrebbe che il lockdown avrebbe anche aumentato il numero di maschi anoressici.

 

L’incremento delle bambine anoressiche sarebbe del 100% tra gli 11 e 13 anni e del 62% tra i 14 e i 15

«Casi come questi sono aumentati durante le restrizioni imposte dalla pandemia, e cosa ancora più grave, si è abbassata l’età» ha detto Elena Bozzola, pediatra dell’ospedale e segretario nazionale della Società Italiana di Pediatria, intervistata da La Verità.

 

Nell’articolo, la dottoressa si dice impressionata dall’aver poco prima visitato «una bambina di 9 anni con evidenti segni di anoressia. Non un’adolescente come ci aspetteremmo per questa patologia, ma una bimba».

 

«I reparti del Bambino Gesù si stanno riempiendo di giovanissimi, anche di 9-10 anni, che manifestano disturbi alimentari».

«I reparti del Bambino Gesù si stanno riempiendo di giovanissimi, anche di 9-10 anni, che manifestano disturbi alimentari»

 

L’anoressia fino a poco fa colpiva anni più tardi, durante la fase dell’adolescenza, magari in concomitanza con particolari situazioni famigliari. Si tratterebbe invece, di una mutazione della malattia, chiamiamola pure una «variante», favorita dalla clausura pandemica con i suoi innegabili danni alla psiche.

 

«Qui siamo di fronte agli effetti della chiusura in casa per lungo tempo, allo stop delle attività sportive e di svago, delle relazioni sociali con gli amici. Tutto questo ha fatto prevalere sintomi di depressione e di ansia che portano a disturbi alimentari».

 

Secondo la dottoressa, il fattore scatenante è l’ansia che provano i bambini, che assorbono «come spugne» i sentimenti di paura e disorientamento dei genitori: «se i bambini percepiscono che i genitori hanno paura ad uscire, si lasciano condizionare» fino al rifiuto del contatto con il mondo esterno.

«Qui siamo di fronte agli effetti della chiusura in casa per lungo tempo, allo stop delle attività sportive e di svago, delle relazioni sociali con gli amici. Tutto questo ha fatto prevalere sintomi di depressione e di ansia che portano a disturbi alimentari»

 

«Più è lungo il periodo delle restrizioni più pesanti sono le conseguenze».

 

Il lockdown avrebbe quindi prodotto dei danni a lungo termine. «I segni di questo periodo periodo di restrizione rimarranno per molto tempo ancora. Chi ha sofferto di disturbi alimentari rischia di avere difficoltà nella crescita, problemi di anemia, di basi dosaggi di vitamina e problemi legati al ciclo mestruale».

 

Quest’ultimo punto lo vogliamo sottolineare: il lockdown potrebbe aver cagionato un danno alla fertilità del Paese, alla riproduzione della specie in generale. Provate a immaginare questa prospettiva: a subire questa scelta scellerata non sono solo i nostri bambini, ma anche i loro figli non nati.

 

Pandemia, lockdown: una spirale di morte e disperazione che, con evidenza, vogliono continuare, perché davvero nessuno sembra avere la voglia di interrompere ora.

«I segni di questo periodo periodo di restrizione rimarranno per molto tempo ancora. Chi ha sofferto di disturbi alimentari rischia di avere difficoltà nella crescita, problemi di anemia, di basi dosaggi di vitamina e problemi legati al ciclo mestruale»

 

Del resto, questa è la cultura del coronavirus e dei suoi sicofanti: la Cultura della Morte.

 

Il COVID è il virus della Necrocultura iniettato in ogni società che ha accettato di divenirne schiava.