Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Per la pandemia in Giappone aumentano i suicidi di donne e giovani

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Secondo le statistiche del governo, il numero dei suicidi nel mese di agosto è aumentato del 15,4% a 1.854. Nonostante una percentuale minore di suicidi, il numero di donne che si suicidano è aumentato di circa il 40%. Il numero di suicidi di studenti dalle elementari alle superiori è più che raddoppiato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

 

 

Il numero di suicidi in Giappone mostra che la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto soprattutto sulle donne, sulle ragazze adolescenti e sui bambini.

Secondo le statistiche del governo, il numero dei suicidi nel mese di agosto è aumentato del 15,4% a 1.854

 

Dal punto di vista economico, il coronavirus ha colpito soprattutto le donne, che hanno maggiori probabilità di avere un lavoro irregolare nei settori della vendita al dettaglio o dei servizi. Le donne hanno costituito quasi il 66% delle recenti perdite di posti di lavoro in Giappone.

 

Il Giappone è tra le poche principali economie che rilascia dati tempestivi sui suicidi in quanto si tratta di un problema sociale persistente. I numeri suggeriscono ciò che potrebbe accadere in tutto il mondo mentre i Paesi sono alle prese con le ricadute della disoccupazione di massa e dell’isolamento sociale che stanno influenzando alcuni gruppi di persone più degli altri.

 

In Giappone, il tasso di suicidi è diminuito, tranne che tra i giovani, ma rimane una delle principali cause di morti premature: quest’anno il suicidio ha causato oltre 13.000 vittime, mentre il numero totale di vittime COVID-19 è inferiore a 2.000.

I numeri suggeriscono ciò che potrebbe accadere in tutto il mondo mentre i Paesi sono alle prese con le ricadute della disoccupazione di massa e dell’isolamento sociale

 

Secondo le statistiche del governo, il numero dei suicidi nel mese di agosto è aumentato del 15,4% a 1.854. Nonostante una percentuale minore di suicidi, il numero di donne che si suicidano è aumentato di circa il 40%.

 

Il numero di suicidi di studenti dalle elementari alle superiori è più che raddoppiato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

 

«I numeri aggiornati dei suicidi possono aiutare a determinare rapidamente quali gruppi sono ad alto rischio», ha detto Yasuyuki Sawada, capo economista della Asian Development Bank e professore dell’Università di Tokyo che ha scritto libri sulla prevenzione del suicidio e sull’impatto economico del fenomeno .

Il numero di suicidi di studenti dalle elementari alle superiori è più che raddoppiato, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

 

 

«Se i governi locali possono determinare quale fascia di età o quali occupazioni stanno mostrando maggiori rischi di suicidio, le misure di prevenzione possono essere attuate rapidamente».

 

Uno studio statunitense pubblicato a maggio ha previsto che nel prossimo decennio altre 75.000 persone potrebbero volere la «morte per disperazione» a causa della crisi del coronavirus.

 

In India, il 65% dei terapisti ha riferito un aumento dell’autolesionismo e del pensiero di suicidio tra i pazienti dall’inizio della pandemia, secondo uno studio pubblicato a settembre dalla Suicide Prevention India Foundation.

Uno studio statunitense pubblicato a maggio ha previsto che nel prossimo decennio altre 75.000 persone potrebbero volere la «morte per disperazione» a causa della crisi del coronavirus

 

Secondo un rapporto pubblicato questa settimana, oltre il 60% dei 130 Paesi esaminati dall’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che i servizi di salute mentale per le popolazioni vulnerabili sono stati interrotti a causa della pandemia.

 

La tendenza in Giappone rivela che la pandemia sta aggiungendo anche nuovi fattori di stress potenzialmente mortali: le chiamate ai numeri di emergenza per la violenza domestica sono aumentate mentre le famiglie rimangono intrappolate a casa insieme.

 

Nella vicina Corea, che ha il più alto tasso di suicidi nell’OCSE, un picco di donne che si suicidano si è verificato anche in aprile, marzo e giugno, sebbene il numero complessivo di suicidi tra gennaio e luglio sia diminuito rispetto all’anno precedente.

Nella vicina Corea, che ha il più alto tasso di suicidi nell’OCSE, un picco di donne che si suicidano si è verificato anche in aprile, marzo e giugno

 

In generale, la depressione è più comune nelle donne e la dipendenza è più comune negli uomini, quindi la pandemia prolungata potrebbe aver influenzato l’aumento del tasso di suicidi delle donne, ha detto Paik Jong-woo, capo del Centro coreano per la prevenzione dei suicidi.

 

«Le misure di salute pubblica e di prevenzione delle malattie infettive non sono sufficienti per salvare vite da sole», ha affermato Toshihiko Matsumoto, direttore del dipartimento di ricerca sulla dipendenza dalla droga presso il National Institute of Mental Health del Giappone. Ha sottolineato la necessità di spazi in cui le persone possano essere lontane dalla pressione familiare evitando anche condizioni di affollamento con rischio di infezione.

 

I bambini presentano una situazione ancora più complessa.

 

Lo stress o l’infelicità manifestati dai genitori potrebbero anche trasferirsi ai figli, privi di sbocchi sociali quando le scuole sono chiuse e le attività extrascolastiche non sono disponibili

Sotto la pressione della pandemia, i genitori stressati «potrebbero non capire segnali provenienti dai loro figli e non essere abbastanza aperti nei confronti dei loro problemi», ha detto Mayumi Hangai, un medico del Centro nazionale per la salute e lo sviluppo infantile che ha esaminato i livelli di stress dei bambini durante il coronavirus.

 

Lo stress o l’infelicità manifestati dai genitori potrebbero anche trasferirsi ai figli, privi di sbocchi sociali quando le scuole sono chiuse e le attività extrascolastiche non sono disponibili. Sebbene il Giappone abbia registrato un calo complessivo dei suicidi negli ultimi dieci anni, i giovani di età inferiore ai 20 anni sono l’unico segmento ad aver visto un aumento.

 

In Asia, il bilancio potrebbe essere aggravato da un maggiore stigma sui problemi di salute mentale rispetto alle società occidentali. In Giappone, ad esempio, c’è una pressione sociale a non mostrare i propri sentimenti.

 

«Abbiamo sentito bambini di appena cinque anni parlare di morire o di voler scomparire»

I suicidi all’inizio sono scesi in primavera durante lo stato di emergenza ordinato dal governo per frenare la diffusione del virus. È emersa anche una solidarietà collettiva come quella ispirata dalle guerre e dai disastri naturali. Ma quando l’economia ha iniziato a riaprirsi, parti della popolazione sono rimaste indietro, come i lavoratori licenziati o quelli che hanno continuato a essere bloccati a casa.

 

In Giappone, le scuole sono ricominciate a giugno dopo una chiusura di tre mesi, che ha visto un aumento delle segnalazioni di bullismo e ha aggiunto stress per il recupero dei compiti.

 

«I bambini si sentono ancora più sotto pressione per recuperare il ritardo», ha detto Hiroyuki Nishino, il capo di Tamariba, un’organizzazione senza scopo di lucro che aiuta i bambini in difficoltà.

Secondo Lifelink, un’organizzazione no profit con sede a Tokyo che gestisce una linea di assistenza per i suicidi, circa il 20% delle chiamate ricevute da maggio ad agosto proveniva da bambini delle scuole elementari, medie e superiori

 

L’interruzione causata dal COVID-19 sta anche esacerbando il fenomeno profondamente radicato del futoko: bambini che si rifiutano di andare a scuola. Questi ragazzi sono ad alto rischio di suicidio. «Abbiamo sentito bambini di appena cinque anni parlare di morire o di voler scomparire», ha detto Nishino.

 

Secondo Lifelink, un’organizzazione no profit con sede a Tokyo che gestisce una linea di assistenza per i suicidi, circa il 20% delle chiamate ricevute da maggio ad agosto proveniva da bambini delle scuole elementari, medie e superiori.

 

Le app di messaggistica sono state efficaci per aiutare i bambini a chiedere aiuto in quanto alcuni possono usarle senza che lo sappiano i genitori, ha affermato Yasuyuki Shimizu, capo di Lifelink. Ciò è particolarmente cruciale quando il problema è la violenza domestica.

 

A luglio, il governo giapponese ha stanziato un budget supplementare di 1,1 miliardi di yen (10,4 milioni di dollari USA) per la prevenzione del suicidio, oltre ai 2,6 miliardi di yen approvati ad aprile. I governi di Giappone e Corea, nonostante aspre controversie sul commercio e sui diritti territoriali, si scambiano regolarmente idee sulle strategie di prevenzione del suicidio, secondo un funzionario del Korea Suicide Prevention Center.

 

Sulla scia del COVID-19 sono urgentemente necessari finanziamenti e investimenti in infrastrutture per la salute mentale per servire le popolazioni vulnerabili, hanno detto gli esperti. I servizi di salute mentale sono cronicamente sottofinanziati ovunque, anche se gli studi hanno dimostrato che investire 1 dollaro USA nella cura della depressione e dell’ansia può restituire 5 dollari in produttività economica, secondo l’OMS.

 

«Il sostegno finanziario del governo è importante, ma lo è anche il riconoscere che la salute mentale è un problema», ha detto Sawada di ADB. «Le misure per affrontare la salute mentale dovrebbero essere anche un pilastro della politica di salute pubblica».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Un uomo in Israele muore dopo essere stato infettato da un’ameba mangia-cervello

Pubblicato

il

Da

Un giovane è morto di encefalite in Israele pochi giorni dopo aver contratto l’ameba Naegleria fowleri, chiamata anche «ameba mangia-cervello», che penetra nel cervello umano attraverso il naso, in un secondo caso simile registrato nel Paese, ha riferito domenica il quotidiano online, citando l’ospedale in cui il paziente era stato curato.

 

L’uomo potrebbe aver contratto l’infezione mentre nuotava nel lago Kinneret, noto anche come Mar di Galilea, nel nord del paese, dove la temperatura dell’acqua in estate raggiunge i 30 gradi, un ambiente favorevole allo sviluppo di tali microrganismi

 

Tuttavia, il Ministero della Salute israeliano ha successivamente prelevato campioni sulla spiaggia dove l’uomo aveva fatto il bagno, ma non ha trovato alcuna prova di contaminazione da amebe nell’acqua.

 

La Naegleria fowleri è un’ameba che prospera in laghi di acqua dolce calda, fiumi e sorgenti termali, ma può essere trovata anche nell’acqua del rubinetto, secondo l’ente epidemico americano CDC. L’ameba potrebbe causare infezioni cerebrali se l’acqua che la contiene entra nel cervello attraverso il naso. Tale infezione cerebrale è rara, ma quasi sempre fatale con un tasso di mortalità del 97%, secondo l’autorità statunitense.

Iscriviti al canale Telegram

Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato un cittadino dello Stato americano della Georgia era morto per infezione dell’ameba mangia-cervello.

 

Si trattava all’epoca della terza persona a morire negli Stati Uniti in un solo anno a causa della mostruosa creatura microscopica, che pare diffondersi sempre più a Nord.

 

Uno studio del CDC pubblicato nel 2020, ha rilevato che cinque dei sei casi di meningoencefalite amebica primaria (PAM), come viene chiamata l’infezione cerebrale causata da Naegleria fowleri, si sono verificati durante o dopo il 2010.

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2022 un cittadino del Missouri e un bambino del Nebraska sono stati ammazzati dall’ameba mangia-cervello.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’anno scorso è emersa la rilevazione di vibrio vulnificus, cioè di un tipo di batteri «carnivori», nelle spiagge della Florida.

 

Negli ultimi 15 anni, una malattia neurodegenerativa estremamente rara che mangia il cervello umano lasciando buchi è diventata sempre più comune in Giappone, ma il caso PAM statunitense sembra molto diverso.

 

Prioni sarebbero stati invece alla base di un’epidemia di cervi-zombie nel 2019.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia; modificata

Continua a leggere

Epidemie

Dottoressa tedesca condannata a oltre 2 anni di carcere per aver concesso esenzioni alle mascherine e vaccini anti-COVID

Pubblicato

il

Da

Un medico tedesco è stato condannato a due anni e otto mesi di carcere per aver concesso esenzioni per mascherine e vaccini anti-COVID.   Alla dottoressa Bianca Witzschel, 67 anni, è stato anche vietato di esercitare la professione medica per tre anni e multata di circa 47.000 euro, che secondo il tribunale equivale all’importo che avrebbe versato per aver concesso circa 1.000 esenzioni.   Il sito Apollo News riferisce che si dice che Witzschel abbia rilasciato certificati «falsi» che esentavano i pazienti dall’indossare maschere o dal ricevere il vaccino sperimentale COVID in 1.003 casi in tutta la Germania tra il 2021 e il 2022.

Iscriviti al canale Telegram

La corte ha anche punito Witzschel per il possesso di una pistola stordente senza licenza.   La sentenza menziona anche il fatto che la 67enne si sarebbe identificata come membro del movimento «Reichsbürger» – un gruppo che si dice rifiuterebbe il moderno Stato tedesco.   Il giudice tedesco ha completamente ignorato le prove secondo che le iniezioni sperimentali di COVID hanno causato di morti e gravi danni nella popolazione, e perfino prove della crescente consapevolezza politica di ciò, come e la drammatica recente dichiarazione dell’ex ministro del governo giapponese Kazuhiro Haraguchi che si scusa per la catastrofe inflitta ai cittadini.   La corte tedesca ha parimenti ignorato le prove diffuse che le mascherine non fermano la diffusione del COVID e può effettivamente danneggiare le persone.   Il caso del medico è stato trattato dalle autorità tedesche come quello di un criminale eccezionalmente pericoloso e violento. Witzschel era detenuta dal 28 febbraio 2023. Il primo giorno del processo si è svolto il 14 novembre, otto mesi dopo la sua incarcerazione.   Il processo non è iniziato nella solita aula penale del tribunale distrettuale di Dresda, ma in un’ala di massima sicurezza della prigione di Dresda sull’Hammerweg. Inoltre, alla dottoressa Witzschel è stato condotto in aula da diversi agenti di sicurezza il primo giorno del processo, ha riferito Apollo News.   Prima del processo, le autorità avevano già effettuato perquisizioni su larga scala nelle case dei testimoni. La polizia ha perquisito 140 abitazioni private, soprattutto in Baviera. Sono state sequestrate complessivamente 174 esenzioni. Secondo Apollo News, nelle perquisizioni domiciliari sono stati coinvolti 360 agenti di polizia.   Dopo l’arresto di Witschel nel febbraio 2023, il giornalista Boris Reitschuster ha paragonato gli immensi sforzi e le risorse che le autorità tedesche hanno dedicato al suo caso a criminali molto peggiori e violenti che spesso ricevono un trattamento più indulgente.   «Se lo Stato lascia quasi regolarmente liberi criminali gravi perché il sistema giudiziario è sopraffatto e i molestatori di bambini, ad esempio, se la cavano ripetutamente senza pene detentive, mentre allo stesso tempo i crimini con un background politico vengono perseguiti in modo eccessivo, allora il giornalismo deve contrastarlo» ha scritto lo Reitschuster.   Secondo la testata a finanziamento statale Tagesschau, i sostenitori di Witzschel hanno dovuto essere scortati fuori dall’aula quando il giudice ha letto la sentenza, perché hanno iniziato a lamentarsi ad alta voce e hanno cantato l’inno nazionale tedesco.   Nella sua spiegazione della sentenza, il giudice ha affermato riguardo al COVID: «Abbiamo avuto un’epidemia paragonabile al colera del 19° secolo».

Sostieni Renovatio 21

Il giornalista Stefan Magnet ha commentato in risposta a X, dicendo: «il giudice che ha condannato il dottor Witzschel a una lunga pena detentiva ha paragonato il coronavirus, nella sua giustificazione, alle epidemie di colera del 19° secolo! Allora moriva una persona infetta su due!»   «È completamente folle il modo in cui agisce oggi questo sistema giudiziario», ha aggiunto.   Oltre all’evidenza di decessi e feriti gravi dovuti ai colpi di COVID, è stato inoltre dimostrato che le iniezioni sono inefficaci nel prevenire la trasmissione del virus, scrive RT.   Numerosi studi hanno dimostrato che le mascherine non aiutano a mitigare la diffusione del COVID-19 e possono avere effetti negativi sulla salute di chi le indossa.   Uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine nel novembre 2022 non ha rilevato alcuna differenza tra i respiratori N95 e le maschere chirurgiche nel fermare la diffusione di COVID-19. Questi risultati sono stati rispecchiati in una meta-analisi Cochrane del gennaio 2023 sull’efficacia delle mascherine.   Uno studio del maggio 2023 pubblicato su Ecotoxicology and Environmental Safety indica che i respiratori N95 possono esporre chi li indossa a livelli pericolosi di composti tossici legati a convulsioni e cancro.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Epidemie

Un uomo muore in Messico per il primo caso umano conosciuto di influenza aviaria H5N2

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 59 anni in Messico è morto a seguito di un’infezione da un sottotipo di influenza aviaria: è il primo caso noto di ceppo H5N2 che infetta un essere umano. Dal 1996 si sono verificati circa 900 casi umani di un altro ceppo, l’H5N1, e circa la metà delle persone infette sono morte.

 

Gli esperti affermano che non vi è alcuna minaccia per il grande pubblico e che nessuno vicino al 59enne ha contratto il virus, secondo i rapporti.

 

Il paziente, morto ad aprile, era stato ricoverato in ospedale a Città del Messico dopo aver sviluppato febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale, ha detto mercoledì l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 

«Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, il virus A (H5N2) è stato segnalato nel pollame in Messico», ha affermato l’OMS in una nota.

 

Sebbene sia l’H5N1 che l’H5N2 colpiscano sia gli uccelli d’allevamento che quelli selvatici, il paziente in Messico non aveva avuto alcuna esposizione nota al pollame o ad altri animali prima che gli fosse stata formalmente diagnosticata l’influenza. Ma era stato costretto a letto per settimane per altri motivi di salute prima del contagio.

Sostieni Renovatio 21

«A causa della natura in continua evoluzione dei virus influenzali, l’OMS continua a sottolineare l’importanza della sorveglianza globale», ha affermato l’OMS in una nota, aggiungendo che l’attuale rischio per la popolazione generale è «basso». «Questo caso non modifica le attuali raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza dell’influenza».

 

I ricercatori chiariscono che il caso non è correlato a un’epidemia di H5N1 – un ceppo diverso da quello avvenuto in Messico – negli Stati Uniti che ha infettato mandrie di mucche da latte; quattro casi umani di influenza aviaria sono stati segnalati negli Stati Uniti dal 1 aprile.

 

L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato in USA dai vertici dell’ente di controllo del farmaco FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID»OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.

 

Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.

 

Secondo uno studio preprint recentemente pubblicato, anche H5N1 potrebbe essere un virus fuggito al laboratorio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Più popolari