Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Mascherine i bambini: «tragico, non scientifico e dannoso»

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo per gentile concessione dell’American Institute for Economic Research

 

 

 

 

Come hanno fatto questa mascherina chirurgica blu e la mascherina di stoffa bianca a dominare la nostra vita quotidiana?

 

Ebbene, in effetti, le mascherine chirurgiche e le mascherine in tessuto bianco (spesso fatte in casa) sono diventate il simbolo e il promemoria più controverso e litigioso della nostra battaglia con SARS-CoV-2 e la malattia che provoca, il Covid-19.

La mascherina è diventata così politicizzata che impedisce la considerazione razionale delle prove (anche attraverso le linee politiche) e guida livelli di acrimonia, azioni invidiose, disprezzo e malvagità tra chi lo indossa ma si sente minacciato dall’individuo che non vuole o non può indossare una mascherina

 

La mascherina è diventata così politicizzata che impedisce la considerazione razionale delle prove (anche attraverso le linee politiche) e guida livelli di acrimonia, azioni invidiose, disprezzo e malvagità tra chi lo indossa ma si sente minacciato dall’individuo che non vuole o non può indossare una mascherina.

 

Ma quanto è pericoloso questo virus? Sulla base degli studi condotti dal professor John PA Ioannidis della Stanford University, sappiamo che abbiamo a che fare con un virus che ha un tasso di mortalità per infezione (IFR) di 0,05 in persone di età pari o inferiore a 70 anni (intervallo: dallo 0,00% allo 0,57% con un mediana dello 0,05% nelle diverse località globali; con una mediana corretta dello 0,04%).

 

Ciò si confronta abbastanza bene con l’IFR della maggior parte dei virus influenzali (e anche più basso), eppure le reazioni draconiane e massicce alla SARS-CoV-2 non sono mai state impiegate durante la stagione influenzale.

 

Data questa conoscenza, è più che sconcertante il motivo per cui i nostri governi, per volere dei loro consulenti per la salute pubblica, abbiano accettato come fatto compiuto ciò che chiamiamo un «grande inganno» o menzogna, convincendoci delle inevitabili e gravi conseguenze se qualcuno viene infettato da SARS-CoV-2.

È più che sconcertante il motivo per cui i nostri governi, per volere dei loro consulenti per la salute pubblica, abbiano accettato come fatto compiuto ciò che chiamiamo un «grande inganno» o menzogna, convincendoci delle inevitabili e gravi conseguenze se qualcuno viene infettato da SARS-CoV-2

 

Sì, il pubblico è stato ingannato fin dal primo giorno dai governi e dai loro consulenti medici e dalla cabala medica dei media con il suo incessante messaggio che eravamo tutti a rischio uguale di malattie gravi o morte se infetti, giovani e vecchi. Hanno sovvertito la scienza. Ciò ha causato paura e isteria irrazionali e ha resistito nel tempo. Questo tipo di inganno e la conseguente paura infondata sono stati guidati dai media nonostante «una differenza di rischio mille volte maggiore tra vecchi e giovani».

 

Suggeriamo che questo sia sempre stato noto, eppure questa disinformazione e le relative falsità sono state diffuse apparentemente sia intenzionalmente che consapevolmente dai nostri leader e dai media. Tale fusione dei rischi tra la popolazione giovane e anziana con le comorbilità e il rischio è sbagliata e crea inutili timori per tutti. È ben noto che esiste un rischio stratificato distinto (fortemente associato all’aumento dell’età e alle comorbilità).

 

Inoltre, i dati ora suggeriscono (anche se ancora in studio) che i bambini non solo hanno un rischio estremamente basso come menzionato sopra, ma anche che hanno naturalmente la capacità di eludere il virus SARS-CoV-2 a causa della mancanza dei recettori ACE-2 nelle loro narici. Ci sfugge il motivo per cui questo inganno continua a essere servito al pubblico e non sia stato fermato immediatamente.

 

Cosa mostrano le prove? Bene, si stanno accumulando prove sui potenziali danni dell’uso della mascherina. Ad esempio, lo studio sulla doppia mascherina del febbraio 2021 del CDC ha riferito che il mascheramento può impedire la respirazione, il che può innescare una serie di altri problemi, tra cui attacchi di ansia acuti in individui sensibili. È ancora più probabile che questi danni si verifichino nei bambini, in particolare nei bambini più piccoli.

Questa disinformazione e le relative falsità sono state diffuse apparentemente sia intenzionalmente che consapevolmente dai nostri leader e dai media

 

L’evidenza scientifica totale suggerisce anche che le mascherine (mascherine chirurgiche e di stoffa) attualmente utilizzate sono inefficaci nel ridurre la trasmissione. Anche se abbiamo cercato di prendere in giro «un aiuto minimo» e dire «possono aiutare un po’», queste mascherine COVID-19 sono in gran parte inefficaci. 

 

In molti rapporti questa è la conclusione. Ad esempio, una pubblicazione molto recente ha affermato che le mascherine per il viso diventano irrilevanti e non funzionano dopo 20 minuti a causa della saturazione. 

 

«Quelle mascherine sono efficaci solo finché sono asciutte”, ha affermato la professoressa Yvonne Cossart del Dipartimento di malattie infettive dell’Università di Sydney. Non appena si saturano dell’umidità del respiro, smettono di fare il loro lavoro e trasmettono le goccioline».

Lo studio sulla doppia mascherina del febbraio 2021 del CDC ha riferito che il mascheramento può impedire la respirazione, il che può innescare una serie di altri problemi, tra cui attacchi di ansia acuti in individui sensibili. È ancora più probabile che questi danni si verifichino nei bambini, in particolare nei bambini più piccoli

 

In una luce simile, ci sono indicazioni che indossare una mascherina che è già stata utilizzata, che è molto comune, è più rischioso che se non si indossasse affatto la mascherina. Le prove sugli obblighi relativi alle mascherine sono anche chiare in quanto sono inefficaci e non funzionano per prevenire la diffusione di virus respiratori come SARS-CoV-2.

 

Non abbiamo una grande quantità di prove scientifiche su esattamente quando è sicuro o non sicuro per i bambini essere mascherinati, ma ecco una buona regola empirica. Così come non si metterebbe un bambino sul sedile anteriore dell’auto senza disattivare l’airbag, così si dovrebbe pensare due volte prima di richiedere a un bambino altrimenti sano di indossare una mascherina o addirittura costringerlo alla distanza sociale a scuola.

 

Sui pericoli delle mascherine in generale, una recente mini-revisione ha riportato che «non ci sono dati sufficienti per quantificare tutti gli effetti negativi che potrebbero ridurre l’accettabilità, l’aderenza e l’efficacia delle mascherine».

 

Siamo d’accordo che l’adeguata ricerca sull’efficacia comparativa di tipo primario non è ancora disponibile, ma abbiamo forti informazioni aneddotiche, riportate dal mondo reale come indicato sopra, insieme ad alcune prove primarie, che abbiamo ritenuto appropriate per motivare sufficientemente la discussione.

 

Da aprile a ottobre 2020 negli Stati Uniti, le visite al pronto soccorso legate a problemi di salute mentale (ad es. ansia) per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono aumentate di quasi il 25% e sono aumentate del 31% per quelli di età compresa tra 12 e 17 anni rispetto allo stesso periodo nel 2019. 

 

Durante il mese di giugno 2020, il 25% delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni negli Stati Uniti ha riferito di aver pensato al suicidio. Sebbene parte di ciò possa essere correlato alla pandemia, sospettiamo che sia in gran parte una funzione della nostra risposta alla pandemia.

L’evidenza scientifica totale suggerisce anche che le mascherine (mascherine chirurgiche e di stoffa) attualmente utilizzate sono inefficaci nel ridurre la trasmissione. Anche se abbiamo cercato di prendere in giro «un aiuto minimo» e dire «possono aiutare un po’», queste mascherine COVID-19 sono in gran parte inefficaci

 

Una delle osservazioni più nettamente rivelatrici e preoccupanti viene dalla dott.ssa Margarite Griesz-Brisson MD, PhD, che è uno dei principali neurologi e neurofisiologi europei focalizzato sulla neurotossicologia, medicina ambientale, neuro-rigenerazione e neuroplasticità. Ha dichiarato: «La ri-respirazione della nostra aria espirata creerà senza dubbio una carenza di ossigeno e un’inondazione di anidride carbonica. Sappiamo che il cervello umano è molto sensibile alla privazione di ossigeno». 

 

Ci sono neuroni, ad esempio nell’ippocampo che non possono sopravvivere più di 3 minuti senza un adeguato apporto di ossigeno. Dato che tali cellule sono così sensibili alla privazione di ossigeno, la loro funzionalità deve essere influenzata da bassi livelli di ossigeno.

 

La privazione di ossigeno può causare cambiamenti metabolici e i cambiamenti metabolici che avvengono nelle cellule neuronali sono di vitale importanza per il funzionamento cognitivo e la plasticità cerebrale ed è noto che quando si verificano drastici cambiamenti metabolici nel cervello, ci sono conseguenti cambiamenti di stress ossidativo (stato ossidativo cellulare) e questi hanno un ruolo significativo nella gestione del funzionamento dei neuroni (non pretendiamo che il mascherinamento produca una completa assenza di ossigeno ovviamente).

 

I sintomi premonitori acuti sono mal di testa, sonnolenza, vertigini, ridotta capacità di concentrazione e riduzione delle funzioni cognitive. Dato che lo sviluppo di malattie neurodegenerative può richiedere anni per svilupparsi, quali sono gli effetti potenzialmente deleteri dell’uso delle mascherine, specialmente nei bambini, quando le mascherine vengono utilizzate per la maggior parte della giornata? 

Da aprile a ottobre 2020 negli Stati Uniti, le visite al pronto soccorso legate a problemi di salute mentale (ad es. ansia) per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono aumentate di quasi il 25% e sono aumentate del 31% per quelli di età compresa tra 12 e 17 anni rispetto allo stesso periodo nel 2019.

 

Noi e in particolare i genitori, dobbiamo considerare questo e soppesare i benefici contro i danni. Ci sono benefici sufficienti per giustificare l’uso rispetto ai potenziali danni? Se i danni superano i benefici, allora non possiamo in buona coscienza sostenere l’uso della mascherina. 

 

Inoltre, gli impatti continui e stressanti del mascherinamento (e della chiusura delle scuole) avranno anche un impatto noto e deleterio sul sistema immunitario dei bambini (e degli adulti).

 

Altri danni medici riguardano l’idea che i bambini e gli adolescenti abbiano un sistema immunitario estremamente attivo e adattivo, un sistema che deve essere sfidato per mantenere la funzionalità. Tuttavia, limitando severamente le attività dei bambini a causa dei blocchi e del mascherinamento (l’attività fisica/gli esercizi di fitness sono quasi impossibili indossando una mascherina), probabilmente stiamo ostacolando il loro sistema immunitario. 

 

L’evidenza indica che l’attività fisica regolare e l’esercizio frequente migliorano la competenza immunitaria e la regolazione.

Ci sono neuroni, ad esempio nell’ippocampo che non possono sopravvivere più di 3 minuti senza un adeguato apporto di ossigeno. Dato che tali cellule sono così sensibili alla privazione di ossigeno, la loro funzionalità deve essere influenzata da bassi livelli di ossigeno

 

Un bambino non esposto alla natura ha poche difese contro una malattia minore, che può diventare opprimente a causa della mancanza di un sistema immunitario “sintonizzato” e “tassato”. 

 

Un sistema immunitario robusto accorcia la durata di una malattia come conseguenza della presenza di un’immunità anamnestica preprogrammata. 

 

Prevenire i bambini da tali interazioni con la natura e i germi può portare a infezioni schiaccianti e gravi conseguenze per la salute e la vita di un bambino. 

 

Potremmo preparare i nostri figli per un futuro disastro quando emergeranno completamente e senza mascherine dalle restrizioni sociali, per poi essere alla mercé di infezioni opportunistiche normalmente benigne con un sistema immunitario ora indebolito. Questo non può essere ignorato poiché consideriamo le conseguenze delle nostre azioni odierne in questa pandemia e i discutibili blocchi, le chiusure delle scuole e le politiche sulle mascherine.

 

Un registro tedesco (non uno studio di massima qualità) utilizzato da 20.353 genitori che hanno riportato i dati di quasi 26.000 bambini, ha rilevato che «il tempo medio di utilizzo della mascherina era di 270 minuti al giorno. I disturbi causati dall’indossare la mascherina sono stati segnalati dal 68% dei genitori. Questi includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/scuola materna (44%), malessere (42%) difficoltà di apprendimento (38% ) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

La privazione di ossigeno può causare cambiamenti metabolici e i cambiamenti metabolici che avvengono nelle cellule neuronali sono di vitale importanza per il funzionamento cognitivo e la plasticità cerebrale ed è noto che quando si verificano drastici cambiamenti metabolici nel cervello, ci sono conseguenti cambiamenti di stress ossidativo (stato ossidativo cellulare) e questi hanno un ruolo significativo nella gestione del funzionamento dei neuroni

 

Vengono sollevate preoccupazioni in merito al danno psicologico e al motivo per cui una mascherina non è «solo una mascherina». C’è un enorme danno psicologico per neonati e bambini, con potenziali impatti catastrofici sullo sviluppo cognitivo dei bambini. 

 

Questo è ancora più critico in relazione ai bambini con bisogni speciali o a quelli all’interno dello spettro autistico che hanno bisogno di essere in grado di riconoscere le espressioni facciali come parte del loro sviluppo.

 

Le prove accumulate suggeriscono anche che l’uso prolungato della mascherina nei bambini o negli adulti può causare danni, tanto che il Dr. Blaylock afferma che «la linea di fondo è che [se] non sei malato, non dovresti indossare una mascherina». 

 

Inoltre, il dottor Blaylock scrive: «Indossando una mascherina, i virus esalati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello».

 

Insomma, come detto, la ricerca comparativa ottimale sui danni non si è sufficientemente accumulata ma quanto riportato è sufficiente per informarci e guidarci nel nostro dibattito sui potenziali danni dell’uso delle mascherine (chirurgiche e di stoffa), soprattutto nei bambini. 

Vengono sollevate preoccupazioni in merito al danno psicologico e al motivo per cui una mascherina non è «solo una mascherina». C’è un enorme danno psicologico per neonati e bambini, con potenziali impatti catastrofici sullo sviluppo cognitivo dei bambini. 

 

Ma abbiamo prove del mondo reale. Sebbene ulteriori prove aiuteranno a chiarire l’entità del rischio, i dettagli esistenti sono abbastanza chiari e di enorme utilità poiché consideriamo i benefici rispetto ai danni dell’uso della mascherina. 

 

Anche il potenziale di un danno minimo è sufficiente per impedire la giustificazione di tale uso.

 

Ricordiamo che anche il dottor Fauci ci ha detto nel 2020 che le mascherine non sono necessarie e non sono efficaci come si potrebbe pensare (marzo 2020 con Jon LaPook, 60 Minutes). Disse «non c’è bisogno di andare in giro con una mascherina».

 

Il dottor Fauci vi stava davvero raccontando la scienza allora, e la scienza non è cambiata. La sua affermazione «non sta fornendo la protezione perfetta che la gente pensa…» potrebbe essere cambiata, ma la scienza rimane cristallina sull’efficacia.

«Indossando una mascherina, i virus esalati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello»

 

Chiediamo ai genitori di tenerne conto e di valutare attentamente i vantaggi rispetto agli svantaggi/danni delle mascherine per i loro figli. 

 

Questo in realtà non è un problema di «scienza» poiché i bambini non diffondono prontamente il virus ai bambini, agli adulti, agli insegnanti o a casa. Non si ammalano gravemente o muoiono per questo. Inoltre, gli insegnanti hanno un rischio molto basso di malattie gravi o di morte e l’ambiente scolastico rimane uno degli ambienti più sicuri e a più basso rischio.

 

La scienza è chiara e quindi la domanda diventa, qual è il vantaggio delle mascherine per i bambini? Il mascherinamento dei bambini è davvero più relativo all’impressione che stiano facendo qualcosa anche se è inefficace o potenzialmente dannoso?

 

Se i possibili danni superano il beneficio trascurabile e discutibile in un gruppo a così basso rischio, allora perché devono indossare mascherine al chiuso e all’aperto a scuola?

Se i possibili danni superano il beneficio trascurabile e discutibile in un gruppo a così basso rischio, allora perché devono indossare mascherine al chiuso e all’aperto a scuola? 

 

Le mascherine nei bambini con un rischio così vicino allo zero di trasmissione e malattia da COVID non sono necessarie ed è illogico e irrazionale utilizzarle. 

 

Questo è simile alla necessità di vaccinare i bambini, in particolare i bambini piccoli. I bambini non facevano parte della ricerca sui vaccini e anche il rischio molto basso per i bambini solleva domande molto preoccupanti sul perché. Una mossa per vaccinare i bambini basata sulle prove di rischio esistenti non ha basi scientifiche e non vi è alcun beneficio netto.

 

Perché allora il dottor Fauci ha chiesto questo? Qual è il vantaggio? È simile a quando il dottor Fauci inizialmente ha chiesto il doppio mascherinamento, solo per poi ritrattare la dichiarazione? Una «ipotesi» o «speculazione» o «ipotesi» che possa funzionare non è scienza! La ritrattazione del “vaccino per bambini” viene dal dottor Fauci? 

 

(…)

 

Chiudere, mascherinare i bambini è assurdo, illogico, insensato e potenzialmente pericoloso come cercare di fermare «ogni caso di COVID» o «fermare il COVID a tutti i costi».

 

Le mascherine non sono necessarie per i bambini in base al rischio quasi zero nei bambini. Il rischio di morire di COVID-19 è «quasi zero» per i giovani.

 

La questione delle mascherine nei bambini è davvero una questione di gestione del rischio per i genitori e per qualsiasi decisore. 

 

 

Paul E. Alexander

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Epidemia da vaccino: il governo britannico ammette che il nuovo focolaio di poliomielite è «probabilmente» causato dal vaccino

Pubblicato

il

Da

Un nuovo focolaio del virus della poliomielite è stato identificato a Londra, in Inghilterra, per la prima volta dal 1984. Lo hanno riportato vari media.

 

Secondo l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA), una versione mutata del virus della poliomielite è stata rintracciata nel sistema fognario di Londra da aprile.

 

Sebbene nessun caso sia stato confermato e nessun individuo sia stato ricoverato in ospedale per paralisi, gli esperti affermano che trovare lo stesso patogeno nell’Est e nel Nord della capitale inglese segnala un focolaio.

 

Nonostante il governo del Regno Unito abbia ammesso che nessun caso è stato confermato, ha emesso un’emergenza nazionale.

 

I funzionari sanitari britannici stanno ora esortando i cittadini a controllare i registri vaccinali dei loro figli per assicurarsi che siano aggiornati.

 

«L’ultimo caso di poliomielite contratto in Gran Bretagna risale al 1984 e il Paese è stato dichiarato libero dalla poliomielite nel 2003. Prima dell’introduzione di un vaccino negli anni ’50, le epidemie avrebbero provocato la paralisi di migliaia di persone ogni anno e centinaia di deceduti» ha scritto il quotidiano Sun riporta»

Tuttavia, secondo l’UKHSA, sarebbe stato stato in primo luogo il vaccino antipolio orale a innescare l’epidemia.

 

L’agenzia ritiene che una persona del Pakistan, dell’Afghanistan o della Nigeria abbia rilasciato il virus attraverso le feci dopo essere stata vaccinata per via orale contro la poliomielite.

 

Un epidemiologo consulente presso l’UKHSA, la dottoressa Vanessa Saliba ha affermato che il rischio per il pubblico è basso e ha riconosciuto che il caso probabilmente deriva da un vaccino contro la poliomielite.

 

«Il poliovirus derivato dal vaccino è raro e il rischio per il pubblico in generale è estremamente basso», ha affermato. «Il poliovirus derivato dal vaccino ha il potenziale per diffondersi, in particolare nelle comunità in cui l’assorbimento del vaccino è inferiore».

 

« In rare occasioni può causare paralisi in persone che non sono completamente vaccinate , quindi se tu o tuo figlio non siete in regola con le vaccinazioni contro la poliomielite è importante contattare il vostro medico di famiglia per recuperare il ritardo o se non siete sicuri controllate il vostro rosso prenotare» ha aggiunto la dottoressa Saliba.

 

Ricapitolando, la narrativa dell’establishment è che il vaccino sta causando l’epidemia, quindi le persone devono fare il vaccino per proteggersi dall’epidemia indotta dallo stesso vaccino.

 

Non una grinza.

 

In un segmento di Sky News caricato su Twitter mercoledì, un analista ha dichiarato: ûÈ probabile che sia successo che qualcuno che ha viaggiato in uno di questi Paesi che è stato vaccinato contro la poliomielite è tornato e quel vaccino è diventato presente nelle loro feci e in qualche modo ha mutato e infettato altre persone».


 

Come riportato da Renovatio 21, nel novembre del 2019, i media globali e la stessa OMS hanno ammesso che i focolai poliomielite indotta da vaccini, con casi più numerosi di quelli da poliomielite selvaggia.

 

Della diffusione della polio da vaccino, quando si vantava l’eradicazione della polio selvaggia, è stata accusata la campagna vaccinale africana di Bill Gates.

 

Il problema epidemiologico causato dal vaccino è tale che tra il 2019 e il 2020 è stata istituita una «Strategia per la risposta al poliovirus derivato da vaccino circolate di tipo 2020-202)» ad opera dell’Iniziativa Globale per l’Eradicazione della Polio (GPEI). Della situazione ha dato notizia anche il ministero della Salute italiano.

 

Children’s Health Defense, il gruppo di Robert F. Kennedy jr., ha pubblicata dettagliate analisi mettendo in questione anche il sistema di diagnosi, che forse mascheravano la vera entità del problema.

 

Su un altro versante, c’è da ricordare come sia stato detto che le campagne di vaccino antipolio in India abbiano provocato 490 mila casi di paralisi.

 

Il vaccino polio ha una storia piuttosto controversa. Invitiamo il lettore a leggerla nell’articolo sul tema pubblicato due anni fa da Renovatio 21.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Focolaio di vaiolo delle scimmie a Los Angeles dopo il Gay Pride

Pubblicato

il

Da

Los Angeles registra 22 casi di vaiolo delle scimmie dopo gli eventi legati al Pride Month, poiché i funzionari sanitari affermano che l’epidemia è dilagante tra la comunità gay. Lo riporta il Daily Mail.

 

«Chiunque può contrarre e diffondere il vaiolo delle scimmie, ma alcuni dei recenti casi identificati sono stati tra gay, bisessuali e altri uomini che hanno rapporti sessuali con uomini che hanno partecipato a grandi eventi in cui potrebbe essersi verificata l’esposizione al vaiolo delle scimmie», ha affermato il Dipartimento della Salute Pubblica di Los Angeles e in un comunicato.

 

L’avvertimento arriva dopo un mese di celebrazioni del Pride in città che includevano l’evento intitolato Pride in the Park l’11 giugno, un concerto che ha attirato oltre 20.000 persone e includeva un’esibizione della cantante ex-Disney Christina Aguilera e la parata omosessuale per la città avvenuta il 12 giugno.

 

Secondo il Los Angeles Times, migliaia di persone hanno affollato le strade della città per celebrare il ritorno della sfilata dopo una pausa di due anni a causa del lockdown COVID-19.

 

Al 2 giugno, c’erano solo tre casi di vaiolo delle scimmie in tutta la California, aveva detto allora NBC News.

 

Ora ci sarebbero 51 casi di vaiolo delle scimmie segnalati in tutto lo Stato e 199 casi a livello di tutti gli USA, secondo l’ente di controllo epidemiologico americano CDC.

 

Los Angeles si è affrettata ad offrire un vaccino chiamato JYNNEOS agli «individui a più alto rischio di vaiolo delle scimmie». Il JYNNEOS è stato approvato per la prima volta dall’ente regolatorio FDA nel 2019.

 

A New York, epicentro delle celebrazioni del mese dell’orgoglio omosessuale, si sono registrati 35 casi

 

«La maggior parte dei primi casi negli Stati Uniti riguardava persone appena tornate da un viaggio all’estero. Ma la malattia si è diffusa rapidamente, soprattutto tra i gay» scrive il Daily Mail.

 

«In tutto il mondo, i funzionari sanitari hanno già avvertito che c’è un picco nei casi di vaiolo delle scimmie nelle comunità maschili gay e bisessuali».

 

«Il vaiolo delle scimmie, originario dell’Africa occidentale, è stato rilevato più di 3.000 volte in 40 paesi dove quest’anno non si trova in genere» nota la testata londinese.

 

Circa due settimane fa, la sanità britannica aveva dichiarato che il 99% dei casi di monkeypox avvenivano tra uomini gay.

 

Un funzionario dell’OMS ha dichiarato che nonostante tutto i festeggiamenti omosessualisti devono continuare. Andy Seale, un consulente strategico del Dipartimento dell’OMS per i programmi globali di HIV, epatite e infezioni sessualmente trasmissibili, ha poi aggiunto che le marce LGBT sarebbero «adatte alle famiglie». Abbiamo visto…

 

L’ente mondialista della Sanità ha poi promesso, per rimuovere qualsiasi eventuale stigma razzista, di cambiare il nome al vaiolo delle scimmie.

 

Come riportato da Renovatio 21, il CDC ha comunicato che sarebbe in corso tra i gay della Florida anche un’epidemia di meningococco, considerata una delle peggiori della storia USA.

 

 

 

 

Immagine di DV ROSS via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

L’epidemia di meningococco tra i gay in Florida è una delle peggiori nella storia degli USA: CDC

Pubblicato

il

Da

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) sta indagando su uno dei peggiori focolai di meningococco tra uomini gay e bisessuali nella storia degli Stati Uniti, secondo un recente comunicato stampa. Lo riporta Fox News.

 

Le autorità stanno correndo ai ripari chiedendo ai partecipanti delle sfilate per l’orgoglio omosessuale di vaccinarsi quanto prima.

 

«A causa dell’epidemia in Florida e del numero di eventi Pride che si terranno in tutto lo stato nelle prossime settimane, è importante che gli uomini gay e bisessuali che vivono in Florida vengano vaccinati e coloro che si recano in Florida parlino con il proprio medico per ottenere un Vaccino MenACWY»  ha affermato il dott. José R. Romero, direttore del Centro nazionale per l’immunizzazione e le malattie respiratorie.

 

L’agenzia sanitaria ha riportato almeno 24 casi e 6 decessi tra uomini gay e bisessuali legati a questa malattia, con circa la metà dei casi di focolaio tra uomini ispanici.

 

I casi relativi all’attuale focolaio sono la maggior parte tra coloro che vivono nello Stato della Florida , ma hanno anche colpito alcuni che si sono recati nello Stato.

 

I sintomi tipici della meningite possono iniziare come sintomi simil-influenzali che progrediscono rapidamente in febbre, mal di testa e torcicollo poiché i batteri infettano il rivestimento protettivo del cervello e del midollo spinale.

 

La setticemia meningococcica, nota anche come meningococco, provoca sanguinamento nella pelle e in altri organi mentre i batteri si moltiplicano e distruggono le pareti dei vasi sanguigni, il che spesso porta a un’eruzione cutanea violacea nelle fasi successive della malattia.

 

I sintomi della setticemia includono anche affaticamento, vomito, diarrea, estremità fredde, respiro rapido e forti dolori muscolari, articolari, toracici o addominali.

 

Si tratta di un’ulteriore brutta notizia epidemiologica per la comunità omosessuale mondiale, già accostata da istituzioni sanitarie ai casi di vaiolo delle scimmie scoppiati di recente., dove gli omosessuali, ha dichiarato la Sanità britannica, rappresenterebbero ora il 99% dei casi.

 

L’OMS sta tuttavia prendendo provvedimenti contro lo stigma del vaiolo delle scimmie: l’ente sanitario mondialista si appresta a cambiare il nome della malattia, una mossa che certamente aiuterà a sconfiggerla subito.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari