Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Mascherine i bambini: «tragico, non scientifico e dannoso»

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo per gentile concessione dell’American Institute for Economic Research

 

 

 

 

Come hanno fatto questa mascherina chirurgica blu e la mascherina di stoffa bianca a dominare la nostra vita quotidiana?

 

Ebbene, in effetti, le mascherine chirurgiche e le mascherine in tessuto bianco (spesso fatte in casa) sono diventate il simbolo e il promemoria più controverso e litigioso della nostra battaglia con SARS-CoV-2 e la malattia che provoca, il Covid-19.

La mascherina è diventata così politicizzata che impedisce la considerazione razionale delle prove (anche attraverso le linee politiche) e guida livelli di acrimonia, azioni invidiose, disprezzo e malvagità tra chi lo indossa ma si sente minacciato dall’individuo che non vuole o non può indossare una mascherina

 

La mascherina è diventata così politicizzata che impedisce la considerazione razionale delle prove (anche attraverso le linee politiche) e guida livelli di acrimonia, azioni invidiose, disprezzo e malvagità tra chi lo indossa ma si sente minacciato dall’individuo che non vuole o non può indossare una mascherina.

 

Ma quanto è pericoloso questo virus? Sulla base degli studi condotti dal professor John PA Ioannidis della Stanford University, sappiamo che abbiamo a che fare con un virus che ha un tasso di mortalità per infezione (IFR) di 0,05 in persone di età pari o inferiore a 70 anni (intervallo: dallo 0,00% allo 0,57% con un mediana dello 0,05% nelle diverse località globali; con una mediana corretta dello 0,04%).

 

Ciò si confronta abbastanza bene con l’IFR della maggior parte dei virus influenzali (e anche più basso), eppure le reazioni draconiane e massicce alla SARS-CoV-2 non sono mai state impiegate durante la stagione influenzale.

 

Data questa conoscenza, è più che sconcertante il motivo per cui i nostri governi, per volere dei loro consulenti per la salute pubblica, abbiano accettato come fatto compiuto ciò che chiamiamo un «grande inganno» o menzogna, convincendoci delle inevitabili e gravi conseguenze se qualcuno viene infettato da SARS-CoV-2.

È più che sconcertante il motivo per cui i nostri governi, per volere dei loro consulenti per la salute pubblica, abbiano accettato come fatto compiuto ciò che chiamiamo un «grande inganno» o menzogna, convincendoci delle inevitabili e gravi conseguenze se qualcuno viene infettato da SARS-CoV-2

 

Sì, il pubblico è stato ingannato fin dal primo giorno dai governi e dai loro consulenti medici e dalla cabala medica dei media con il suo incessante messaggio che eravamo tutti a rischio uguale di malattie gravi o morte se infetti, giovani e vecchi. Hanno sovvertito la scienza. Ciò ha causato paura e isteria irrazionali e ha resistito nel tempo. Questo tipo di inganno e la conseguente paura infondata sono stati guidati dai media nonostante «una differenza di rischio mille volte maggiore tra vecchi e giovani».

 

Suggeriamo che questo sia sempre stato noto, eppure questa disinformazione e le relative falsità sono state diffuse apparentemente sia intenzionalmente che consapevolmente dai nostri leader e dai media. Tale fusione dei rischi tra la popolazione giovane e anziana con le comorbilità e il rischio è sbagliata e crea inutili timori per tutti. È ben noto che esiste un rischio stratificato distinto (fortemente associato all’aumento dell’età e alle comorbilità).

 

Inoltre, i dati ora suggeriscono (anche se ancora in studio) che i bambini non solo hanno un rischio estremamente basso come menzionato sopra, ma anche che hanno naturalmente la capacità di eludere il virus SARS-CoV-2 a causa della mancanza dei recettori ACE-2 nelle loro narici. Ci sfugge il motivo per cui questo inganno continua a essere servito al pubblico e non sia stato fermato immediatamente.

 

Cosa mostrano le prove? Bene, si stanno accumulando prove sui potenziali danni dell’uso della mascherina. Ad esempio, lo studio sulla doppia mascherina del febbraio 2021 del CDC ha riferito che il mascheramento può impedire la respirazione, il che può innescare una serie di altri problemi, tra cui attacchi di ansia acuti in individui sensibili. È ancora più probabile che questi danni si verifichino nei bambini, in particolare nei bambini più piccoli.

Questa disinformazione e le relative falsità sono state diffuse apparentemente sia intenzionalmente che consapevolmente dai nostri leader e dai media

 

L’evidenza scientifica totale suggerisce anche che le mascherine (mascherine chirurgiche e di stoffa) attualmente utilizzate sono inefficaci nel ridurre la trasmissione. Anche se abbiamo cercato di prendere in giro «un aiuto minimo» e dire «possono aiutare un po’», queste mascherine COVID-19 sono in gran parte inefficaci. 

 

In molti rapporti questa è la conclusione. Ad esempio, una pubblicazione molto recente ha affermato che le mascherine per il viso diventano irrilevanti e non funzionano dopo 20 minuti a causa della saturazione. 

 

«Quelle mascherine sono efficaci solo finché sono asciutte”, ha affermato la professoressa Yvonne Cossart del Dipartimento di malattie infettive dell’Università di Sydney. Non appena si saturano dell’umidità del respiro, smettono di fare il loro lavoro e trasmettono le goccioline».

Lo studio sulla doppia mascherina del febbraio 2021 del CDC ha riferito che il mascheramento può impedire la respirazione, il che può innescare una serie di altri problemi, tra cui attacchi di ansia acuti in individui sensibili. È ancora più probabile che questi danni si verifichino nei bambini, in particolare nei bambini più piccoli

 

In una luce simile, ci sono indicazioni che indossare una mascherina che è già stata utilizzata, che è molto comune, è più rischioso che se non si indossasse affatto la mascherina. Le prove sugli obblighi relativi alle mascherine sono anche chiare in quanto sono inefficaci e non funzionano per prevenire la diffusione di virus respiratori come SARS-CoV-2.

 

Non abbiamo una grande quantità di prove scientifiche su esattamente quando è sicuro o non sicuro per i bambini essere mascherinati, ma ecco una buona regola empirica. Così come non si metterebbe un bambino sul sedile anteriore dell’auto senza disattivare l’airbag, così si dovrebbe pensare due volte prima di richiedere a un bambino altrimenti sano di indossare una mascherina o addirittura costringerlo alla distanza sociale a scuola.

 

Sui pericoli delle mascherine in generale, una recente mini-revisione ha riportato che «non ci sono dati sufficienti per quantificare tutti gli effetti negativi che potrebbero ridurre l’accettabilità, l’aderenza e l’efficacia delle mascherine».

 

Siamo d’accordo che l’adeguata ricerca sull’efficacia comparativa di tipo primario non è ancora disponibile, ma abbiamo forti informazioni aneddotiche, riportate dal mondo reale come indicato sopra, insieme ad alcune prove primarie, che abbiamo ritenuto appropriate per motivare sufficientemente la discussione.

 

Da aprile a ottobre 2020 negli Stati Uniti, le visite al pronto soccorso legate a problemi di salute mentale (ad es. ansia) per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono aumentate di quasi il 25% e sono aumentate del 31% per quelli di età compresa tra 12 e 17 anni rispetto allo stesso periodo nel 2019. 

 

Durante il mese di giugno 2020, il 25% delle persone di età compresa tra 18 e 24 anni negli Stati Uniti ha riferito di aver pensato al suicidio. Sebbene parte di ciò possa essere correlato alla pandemia, sospettiamo che sia in gran parte una funzione della nostra risposta alla pandemia.

L’evidenza scientifica totale suggerisce anche che le mascherine (mascherine chirurgiche e di stoffa) attualmente utilizzate sono inefficaci nel ridurre la trasmissione. Anche se abbiamo cercato di prendere in giro «un aiuto minimo» e dire «possono aiutare un po’», queste mascherine COVID-19 sono in gran parte inefficaci

 

Una delle osservazioni più nettamente rivelatrici e preoccupanti viene dalla dott.ssa Margarite Griesz-Brisson MD, PhD, che è uno dei principali neurologi e neurofisiologi europei focalizzato sulla neurotossicologia, medicina ambientale, neuro-rigenerazione e neuroplasticità. Ha dichiarato: «La ri-respirazione della nostra aria espirata creerà senza dubbio una carenza di ossigeno e un’inondazione di anidride carbonica. Sappiamo che il cervello umano è molto sensibile alla privazione di ossigeno». 

 

Ci sono neuroni, ad esempio nell’ippocampo che non possono sopravvivere più di 3 minuti senza un adeguato apporto di ossigeno. Dato che tali cellule sono così sensibili alla privazione di ossigeno, la loro funzionalità deve essere influenzata da bassi livelli di ossigeno.

 

La privazione di ossigeno può causare cambiamenti metabolici e i cambiamenti metabolici che avvengono nelle cellule neuronali sono di vitale importanza per il funzionamento cognitivo e la plasticità cerebrale ed è noto che quando si verificano drastici cambiamenti metabolici nel cervello, ci sono conseguenti cambiamenti di stress ossidativo (stato ossidativo cellulare) e questi hanno un ruolo significativo nella gestione del funzionamento dei neuroni (non pretendiamo che il mascherinamento produca una completa assenza di ossigeno ovviamente).

 

I sintomi premonitori acuti sono mal di testa, sonnolenza, vertigini, ridotta capacità di concentrazione e riduzione delle funzioni cognitive. Dato che lo sviluppo di malattie neurodegenerative può richiedere anni per svilupparsi, quali sono gli effetti potenzialmente deleteri dell’uso delle mascherine, specialmente nei bambini, quando le mascherine vengono utilizzate per la maggior parte della giornata? 

Da aprile a ottobre 2020 negli Stati Uniti, le visite al pronto soccorso legate a problemi di salute mentale (ad es. ansia) per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni sono aumentate di quasi il 25% e sono aumentate del 31% per quelli di età compresa tra 12 e 17 anni rispetto allo stesso periodo nel 2019.

 

Noi e in particolare i genitori, dobbiamo considerare questo e soppesare i benefici contro i danni. Ci sono benefici sufficienti per giustificare l’uso rispetto ai potenziali danni? Se i danni superano i benefici, allora non possiamo in buona coscienza sostenere l’uso della mascherina. 

 

Inoltre, gli impatti continui e stressanti del mascherinamento (e della chiusura delle scuole) avranno anche un impatto noto e deleterio sul sistema immunitario dei bambini (e degli adulti).

 

Altri danni medici riguardano l’idea che i bambini e gli adolescenti abbiano un sistema immunitario estremamente attivo e adattivo, un sistema che deve essere sfidato per mantenere la funzionalità. Tuttavia, limitando severamente le attività dei bambini a causa dei blocchi e del mascherinamento (l’attività fisica/gli esercizi di fitness sono quasi impossibili indossando una mascherina), probabilmente stiamo ostacolando il loro sistema immunitario. 

 

L’evidenza indica che l’attività fisica regolare e l’esercizio frequente migliorano la competenza immunitaria e la regolazione.

Ci sono neuroni, ad esempio nell’ippocampo che non possono sopravvivere più di 3 minuti senza un adeguato apporto di ossigeno. Dato che tali cellule sono così sensibili alla privazione di ossigeno, la loro funzionalità deve essere influenzata da bassi livelli di ossigeno

 

Un bambino non esposto alla natura ha poche difese contro una malattia minore, che può diventare opprimente a causa della mancanza di un sistema immunitario “sintonizzato” e “tassato”. 

 

Un sistema immunitario robusto accorcia la durata di una malattia come conseguenza della presenza di un’immunità anamnestica preprogrammata. 

 

Prevenire i bambini da tali interazioni con la natura e i germi può portare a infezioni schiaccianti e gravi conseguenze per la salute e la vita di un bambino. 

 

Potremmo preparare i nostri figli per un futuro disastro quando emergeranno completamente e senza mascherine dalle restrizioni sociali, per poi essere alla mercé di infezioni opportunistiche normalmente benigne con un sistema immunitario ora indebolito. Questo non può essere ignorato poiché consideriamo le conseguenze delle nostre azioni odierne in questa pandemia e i discutibili blocchi, le chiusure delle scuole e le politiche sulle mascherine.

 

Un registro tedesco (non uno studio di massima qualità) utilizzato da 20.353 genitori che hanno riportato i dati di quasi 26.000 bambini, ha rilevato che «il tempo medio di utilizzo della mascherina era di 270 minuti al giorno. I disturbi causati dall’indossare la mascherina sono stati segnalati dal 68% dei genitori. Questi includevano irritabilità (60%), mal di testa (53%), difficoltà di concentrazione (50%), meno felicità (49%), riluttanza ad andare a scuola/scuola materna (44%), malessere (42%) difficoltà di apprendimento (38% ) e sonnolenza o affaticamento (37%)».

La privazione di ossigeno può causare cambiamenti metabolici e i cambiamenti metabolici che avvengono nelle cellule neuronali sono di vitale importanza per il funzionamento cognitivo e la plasticità cerebrale ed è noto che quando si verificano drastici cambiamenti metabolici nel cervello, ci sono conseguenti cambiamenti di stress ossidativo (stato ossidativo cellulare) e questi hanno un ruolo significativo nella gestione del funzionamento dei neuroni

 

Vengono sollevate preoccupazioni in merito al danno psicologico e al motivo per cui una mascherina non è «solo una mascherina». C’è un enorme danno psicologico per neonati e bambini, con potenziali impatti catastrofici sullo sviluppo cognitivo dei bambini. 

 

Questo è ancora più critico in relazione ai bambini con bisogni speciali o a quelli all’interno dello spettro autistico che hanno bisogno di essere in grado di riconoscere le espressioni facciali come parte del loro sviluppo.

 

Le prove accumulate suggeriscono anche che l’uso prolungato della mascherina nei bambini o negli adulti può causare danni, tanto che il Dr. Blaylock afferma che «la linea di fondo è che [se] non sei malato, non dovresti indossare una mascherina». 

 

Inoltre, il dottor Blaylock scrive: «Indossando una mascherina, i virus esalati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello».

 

Insomma, come detto, la ricerca comparativa ottimale sui danni non si è sufficientemente accumulata ma quanto riportato è sufficiente per informarci e guidarci nel nostro dibattito sui potenziali danni dell’uso delle mascherine (chirurgiche e di stoffa), soprattutto nei bambini. 

Vengono sollevate preoccupazioni in merito al danno psicologico e al motivo per cui una mascherina non è «solo una mascherina». C’è un enorme danno psicologico per neonati e bambini, con potenziali impatti catastrofici sullo sviluppo cognitivo dei bambini. 

 

Ma abbiamo prove del mondo reale. Sebbene ulteriori prove aiuteranno a chiarire l’entità del rischio, i dettagli esistenti sono abbastanza chiari e di enorme utilità poiché consideriamo i benefici rispetto ai danni dell’uso della mascherina. 

 

Anche il potenziale di un danno minimo è sufficiente per impedire la giustificazione di tale uso.

 

Ricordiamo che anche il dottor Fauci ci ha detto nel 2020 che le mascherine non sono necessarie e non sono efficaci come si potrebbe pensare (marzo 2020 con Jon LaPook, 60 Minutes). Disse «non c’è bisogno di andare in giro con una mascherina».

 

Il dottor Fauci vi stava davvero raccontando la scienza allora, e la scienza non è cambiata. La sua affermazione «non sta fornendo la protezione perfetta che la gente pensa…» potrebbe essere cambiata, ma la scienza rimane cristallina sull’efficacia.

«Indossando una mascherina, i virus esalati non saranno in grado di fuggire e si concentreranno nei passaggi nasali, entreranno nei nervi olfattivi e viaggeranno nel cervello»

 

Chiediamo ai genitori di tenerne conto e di valutare attentamente i vantaggi rispetto agli svantaggi/danni delle mascherine per i loro figli. 

 

Questo in realtà non è un problema di «scienza» poiché i bambini non diffondono prontamente il virus ai bambini, agli adulti, agli insegnanti o a casa. Non si ammalano gravemente o muoiono per questo. Inoltre, gli insegnanti hanno un rischio molto basso di malattie gravi o di morte e l’ambiente scolastico rimane uno degli ambienti più sicuri e a più basso rischio.

 

La scienza è chiara e quindi la domanda diventa, qual è il vantaggio delle mascherine per i bambini? Il mascherinamento dei bambini è davvero più relativo all’impressione che stiano facendo qualcosa anche se è inefficace o potenzialmente dannoso?

 

Se i possibili danni superano il beneficio trascurabile e discutibile in un gruppo a così basso rischio, allora perché devono indossare mascherine al chiuso e all’aperto a scuola?

Se i possibili danni superano il beneficio trascurabile e discutibile in un gruppo a così basso rischio, allora perché devono indossare mascherine al chiuso e all’aperto a scuola? 

 

Le mascherine nei bambini con un rischio così vicino allo zero di trasmissione e malattia da COVID non sono necessarie ed è illogico e irrazionale utilizzarle. 

 

Questo è simile alla necessità di vaccinare i bambini, in particolare i bambini piccoli. I bambini non facevano parte della ricerca sui vaccini e anche il rischio molto basso per i bambini solleva domande molto preoccupanti sul perché. Una mossa per vaccinare i bambini basata sulle prove di rischio esistenti non ha basi scientifiche e non vi è alcun beneficio netto.

 

Perché allora il dottor Fauci ha chiesto questo? Qual è il vantaggio? È simile a quando il dottor Fauci inizialmente ha chiesto il doppio mascherinamento, solo per poi ritrattare la dichiarazione? Una «ipotesi» o «speculazione» o «ipotesi» che possa funzionare non è scienza! La ritrattazione del “vaccino per bambini” viene dal dottor Fauci? 

 

(…)

 

Chiudere, mascherinare i bambini è assurdo, illogico, insensato e potenzialmente pericoloso come cercare di fermare «ogni caso di COVID» o «fermare il COVID a tutti i costi».

 

Le mascherine non sono necessarie per i bambini in base al rischio quasi zero nei bambini. Il rischio di morire di COVID-19 è «quasi zero» per i giovani.

 

La questione delle mascherine nei bambini è davvero una questione di gestione del rischio per i genitori e per qualsiasi decisore. 

 

 

Paul E. Alexander

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bizzarria

«L’unica cosa che manca è l’invasione di zombi»: il premier spagnuolo per una volta tiene ragione

Pubblicato

il

Da

Il premier spagnuolo Pedro Sanchez parla di invasione zombi, che sostiene sia l’unica cosa che il suo Paese non ha affrontato in questi anni. Si potrebbe trattare della prima e unica volta che dice una cosa giusta.

 

Durante un’intervista a TVE, il Sanchez ha spiegato che da quando è entrato in carica nel 2018, il suo governo ha dovuto affrontare un assalto di questioni come la pandemia di COVID-19, l’eruzione del vulcano La Palma, la tempesta Filomena, il vaiolo delle scimmie, nonché il conflitto in Ucraina e il successivo conseguenze economiche.

 

Alla domanda sui sondaggi inclementi per il suo governo, il primo ministro del Regno borbonico ha affermato di aver compreso la frustrazione e la rabbia della gente e di lavorare per «invertire questi sondaggi».

 

Anche la Spagna è stata colpita dalle conseguenze economiche della congiuntura. Come riportato dall’Istituto nazionale di Statistica spagnolo, l’inflazione al consumo nel Paese è balzata al 10,7% a luglio, mentre i prezzi dell’elettricità sono aumentati del 49%, del carburante e del gas del 23,9% e dei generi alimentari del 13,5% negli ultimi 12 mesi.

 

Come riportato da Renovatio 21, già sei mesi fa in Ispagna erano partiti con il razionamento nei supermercati. Il Regno è tuttavia meno esposto nei confronti del gas russo rispetto a Germania e Italia, acquistando il gas in larga parte dall’Algeria. Come segnalato su questo sito, a causa di frizioni diplomatiche con Madrid che avrebbe fatto (inusualmente) dichiarazioni pro Marocco nello scontro tra Rabat e Algeri (che nessun giornale, ovviamente sta riportando), gli algerini hanno improvvisamente alzato dell’8% il costo degli idrocarburi mandati in Spagna, dando così una bella dimostrazione di affidabilità anche ai nuovi clienti, gli italiani, arrivati con il cappello in mano in Maghreb per sostituire il gas russo.

Tornando al Sanchez, il governo spagnuolo ha precedentemente affermato di non avere alcun protocollo in atto per un’apocalisse di zombi, a differenza di paesi come Stati Uniti e Regno Unito, che hanno ufficialmente confermato di avere piani di emergenza in atto – e  non scherziamo: in il piano del Pentagono contro gli zombi si chiama CONOP 888.

 

Come sa il lettore, Renovatio 21 ritiene che l’immensa quantità di film e serie sugli zombi degli ultimi anni sia servita a preparare la popolazione mondiale ad una situazione dove si possa comodamente sterminare i malati come si fa con gli zombi, mitragliandoli o facendoli a pezzi con la motosega, con conseguente ampia riduzione della popolazione terrestre.

 

Se avete presente l’odio fatto crescere nella società contro i no-vax untori sapete di cosa stiamo parlando, alcuni commenti sui social, da parte di zelanti particelle della massa vaccina, andavano proprio in questa direzione.

 

In pratica, gli zombi siamo noi.

 

Ciò detto, Renovatio 21 non vi lascia senza ricordare una curiosità: come noto la parola zombi deriva dalle pratiche di magia nera vudù di Haiti; meno nota, ma molto insistita su questo sito, è la connessione tra i Clinton e Haiti, divenuta di fatto loro catastrofico feudo.

 

I Clinton vi trascorsero la luna di miele, assistendo ad una cerimonia del «papa» del vudù Max Beauvoir – probabilmente l’uomo al mondo che riguardo agli zombi la sapeva più lunga.

 

Bille Hillary parteciparono ad un rito vudù del «re degli zombi»:

 

«Gli spiriti arrivarono, e possederono una donna e un uomo – ricorda il Bill nella sua autobiografia My Life – L’uomo si strofinò una torcia sul suo corpo e camminò sui carboni ardenti senza essere bruciato. La donna, nella frenesia, urlava ripetutamente, poi prese un pollo vivo e gli staccò la testa a morsi».

 

La strana passione dei Clinton per le cose haitiane fu al centro anche di un video elettorale che circolava anni fa-

 

 

Si dice che alcuni manufatti haitiani furono poi trasferiti alla Casa Bianca, almeno fino a che, dicono voci non confermate, non arrivò Melania Trump, che avrebbe fatto eseguire un «esorcismo» presso la casa del presidente.

 

Si tratta solo di voci.

 

È vera invece la storia, segnalata da Renovatio 21 tre anni fa, di una signora fuori forma che ha sposato un bambolotto zombie.

 

Così come è vera la storia dell’ameba-mangia cervello, che ha ucciso un bambino in Nebraska poche settimane fa. I prioni sarebbero invece alla base anche di un’epidemia del 2019 di cervi-zombie:  ai poveri ungulati, già martoriati dalle zecche portatrici di Lyme che ritengono il loro manto peloso il luogo migliore per accoppiarsi,  viene «mangiato» il cervello da proteine infette, ingenerando così nelle tenere bestie cornute comportamenti di zomberia pura.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Armi biologiche

Il dottor Peter McCullough afferma che il COVID è un’arma biologica creata da un’«operazione del governo» USA

Pubblicato

il

Da

Il COVID-19 è un’«arma biologica» di cui è responsabile il governo federale degli Stati Uniti, secondo il dottor Peter McCullough, eminente critico dell’establishment.

 

Internista, cardiologo ed epidemiologo noto per aver analizzato e commentato gli sviluppi dell’epidemia di COVID e la sua risposta politica, McCullough ha rilasciato una recente intervista alla giornalista Kristi Leigh per discutere del libro di cui è coautore con John Leake, The Courage to Face COVID- 19 («Il coraggio di affrontare il COVID-19»).

 

«È stata un’operazione del governo che ha creato SARS-CoV-2 e la proteina spike», dichiara nell’intervista il dottor McCullough. «È il governo degli Stati Uniti che lo ha fatto. E stavano lavorando sulla minaccia e sulla risposta (…) era tutto pianificato (…) il SARS-CoV-2 è un’arma biologica».


 

All’inizio della pandemia, la teoria secondo cui il COVID ha avuto origine in un laboratorio cinese piuttosto che nella natura è stata  condannata come disinformazione: Renovatio 21 fu bandita dai social per aver anche solo riportato qualcuno che ventilava la possibilità che il virus potesse essere una bioarma. La presenza di militari cinesi nel complesso, è fuor di dubbio, dopo e pure prima dello scoppio dell’epidemia..

 

Tuttavia a metà del 2021, con l’aumento di prove sempre più inconfutabili, il mainstream ha iniziato a riconoscere la possibilità che un virus da laboratorio colpisca subito la città – Wuhano – dove è sito quello che è praticamente il laboratorio di massi sicurezza biologica in Cina.

 

A febbraio 2022 l’ex direttore del CDC Robert Redfield arrivò a dire  la versione di Fauci sull’origine del COVID, cioè quella per cui sarebbe partito dal pipistrello,  è «antitetica alla realtà».

 

Lo scorso maggio, i membri repubblicani della House Intelligence Committee degli Stati Uniti hanno pubblicato un rapporto trovando «prove circostanziali significative» che il COVID si è diffuso fuggendo dall’Istituto di Virologia di Wuhan cinese e il senatore repubblicano degli Stati Uniti Rand Paul del Kentucky ha assunto un ruolo di primo piano nel investigando sul direttore uscente del National Institute of Allergy & Infectious Diseases (NIAID) e consigliere della Casa Bianca per il COVID, il dottor Anthony Fauci, sulla sua supervisione nel presunto ruolo del governo degli Stati Uniti.

 

Sotto Fauci, il NIAID ha approvato il finanziamento per EcoHealth Alliance per esplorare la ricerca sul guadagno di funzione (GoF), che comporta il rafforzamento intenzionale dei virus per studiare meglio i loro potenziali effetti sui coronavirus in diversi siti, incluso il WIV.

 

Fauci e i suoi difensori hanno insistito sul fatto che il lavoro approvato dal NIAID non era una ricerca di guadagno di funzione e non avrebbe potuto portare a COVID, ma a gennaio gli investigatori conservatori del Project Veritas hanno rilasciato documenti che hanno ottenuto dimostrando che, prima di passare al NIAID, EcoHealth aveva precedentemente presentato la sua richiesta di finanziamento alla Defense Advanced Research Projects Agency’s (DARPA), che l’ha respinta sulla base del fatto che il progetto avrebbe violato una moratoria preesistente sulla ricerca sul GoF e non ha tenuto conto dei suoi potenziali rischi.

 

Da allora, le e-mail trapelate hanno rivelato che i migliori ricercatori del NIAID, del National Institutes of Health (NIH), del Wellcome Trust di Londra e dell’Erasmus University Medical Center dei Paesi Bassi erano a conoscenza della possibilità di una perdita di laboratorio già nel febbraio 2020, ma temevano pubblicamente riconoscere comprometterebbe «la scienza e l’armonia internazionale».

 

A maggio, il direttore ad interim del NIH Lawrence Tabak ha ammesso al Congresso che l’agenzia ha limitato la disponibilità di dati sulle prime sequenze genomiche di COVID-19, informazioni che potrebbero aiutare a stabilire le origini del virus, su richiesta degli scienziati della Cina comunista.

 

Come riportato da Renovatio 21, la sequenza cronologica della pandemia presenta varie coincidenze e aberrazioni.

 

Otto mesi fa il deputato repubblicano dell’Alabama Mo Brooks disse in TV che il COVID era un’«arma biologica creata nel laboratorio di armi biologiche di Wuhan del Partito Comunista Cinese».

 

 

 

Immagine screenshot da Rumble

Continua a leggere

Animali

COVID, studio israeliano assolve il pipistrello

Pubblicato

il

Da

Un team di ricercatori dello Stato ebraico assolve il pipistrello.

 

Non ci sono prove convincenti che colleghino i chirotteri allo scoppio della pandemia di COVID-19, hanno scoperto scienziati israeliani dell’Università di Tel Aviv dopo aver esaminato numerosi articoli scientifici sulle malattie infettive. Lo riporta RT.

 

«Due anni dopo lo scoppio della pandemia, non sappiamo ancora con certezza quale sia l’origine esatta della variante COVID-19»,  ha dichiarato la dottoressa Maya Weinberg, autrice principale dello studio, che è stato pubblicato nel numero di agosto di iScience.

 

Secondo la Weinberg, incolpare i pipistrelli della pandemia costituisce una «teoria erronea» che «non era basata su prove scientifiche sufficienti e convincenti e ha causato stress e confusione inutili in tutto il mondo».

 

Il possesso di anticorpi per il nuovo coronavirus da parte dei pipistrelli non significa necessariamente che la malattia sia stata trasmessa all’uomo da loro; ciò dimostra solo che gli animali sono stati in grado di sopravvivere alla malattia e sono diventati resistenti ad essa, ha detto la dottoressa israeliana.

 

«I pipistrelli hanno un sistema immunitario altamente efficace che consente loro di affrontare relativamente facilmente virus considerati letali per altri mammiferi».

 

La ricercatrice ha affermato che il suo team ha studiato documenti sull’origine di circa 100 virus, tra cui COVID-19, SARS ed Ebola, scoprendo che quasi la metà delle affermazioni riguardanti i pipistrelli al loro interno erano «basate sull’incidenza di anticorpi o test PCR, piuttosto che isolamento effettivo di virus identici. Inoltre, molti dei risultati riportati non sono convincenti».

 

L’assoluzione, insomma, andrebbe ben oltre il solo COVID. Un’assoluzione totale, per non aver commesso il fatto.

 

Anzi, potremmo avere qui un caso di odiosa discriminazione: «in generale, i pipistrelli sono erroneamente concepiti come serbatoi di molte malattie contagiose», ha detto la Weinberga, che ha sottolineato come, al contrario, gli scienziati «devono studiare in modo approfondito le capacità immunologiche antivirali dei pipistrelli e quindi ottenere mezzi nuovi ed efficaci per far fronte alla lotta dell’umanità contro le malattie contagiose, l’invecchiamento e il cancro».

 

Noi capiamo bene se lo studio voglia significare una semplice negazione della teoria dello spillover uomo-animale o più largamente voglia negare che il virus possa derivare dai pipistrelli di laboratorio, cioè dall’Istituto di Virologia di Wuhano, luogo di lavoro della mitica Shi Zhengli, anche detta «batwoman».

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo aver a lungo negato la presenza di pipistrelli nel laboratorio wuhaniano, sono emerse prove incontrovertibile della loro presenza, così come di «incidenti» di ricercatori morsi dalle bestie violanti, che in un caso orinarono addosso al povero scienziato cinese.

 

Al Pentagono i ricercatori di Wuhan, finanziati in vari modi dal contribuente USA, avevano chiesto milioni di dollari per inserire nei pipistrelli «proteine chimeriche spike COVID con nanoparticelle ipodermiche».

 

Mezzo anno fa il ministero della Difesa russo ha rivelato che il Pentagono eseguiva esperimenti sui coronavirus da pipistrelli nei laboratori che finanziava in Ucraina.

 

Nel frattempo, gli scienziati di Wuhano non hanno aspettato e a inizio anno hanno segnalato di aver trovato un nuovo coronavirus di babbastriglio, stavolta in Africa – mica in Cina, no.

Continua a leggere

Più popolari