Connettiti con Renovato 21

Scuola

Vietnam, allarme suicidi nelle scuole dopo la pandemia

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews.

 

 

I gesti estremi di alcuni adolescenti che si sono tolti la vita al rientro in classe dopo il blocco forzato delle lezioni imposto dal COVID-19 interrogano gli educatori. La psicologa Phạm Thị Thúy: «Troppe pressioni da parte di genitori e insegnanti».

 

 

Milioni di studenti vietnamiti – dopo il blocco imposto dalla pandemia – sono tornati a scuola per l’anno scolastico 2022-2023.

 

Tuttavia, molti di loro – insieme a genitori e docenti – sono ancora colpiti dagli effetti del COVID-19. La percentuale di giovani che soffrono di depressione aumenta di giorno in giorno, così come il numero di suicidi.

 

«È un dato di fatto che molti studenti non si sentono felici per le pressioni degli insegnanti, dei test scolastici e persino per il comportamento degli amici», spiega il preside della Nguyễn Du High School nella città di Hồ Chí Minh, Huỳnh Thanh Phú.

 

Anche in Vietnam sta crescendo dunque l’allarme per le forme di depressione tra gli studenti.

 

«Le scuole e i genitori si preoccupano solo del rendimento di questi giovani e non dei loro possibili problemi psicologici» aggiunge la psicologa Phạm Thị Thúy. «Questo aumenta il rischio di depressione a tutte le età, ma specialmente per gli adolescenti, che non si sentono amati».

 

A confermarlo drammaticamente è anche la crescita del numero di studenti che hanno deciso di togliersi la vita.

 

Nguyễn N.V., per esempio, studente della provincia di Bình Định, quando è arrivato a Hồ Chí Minh City per il nuovo anno scolastico, si è gettato nel fiume con uno zaino contenente 10 chili di pietre sulla schiena.

 

Nella stessa città, il 21 febbraio, anche una studentessa della NHT High School, si è suicidata saltando dal 3° piano. Un gesto estremo, seguito da quello di un sedicenne al 10° anno della Amsterdam High School for the Gifted nella città di Hà Nội, che il 1 aprile si è lanciato dal 28° piano del suo condominio.

 

Molti educatori si stanno chiedendo: quali pressioni hanno causato questi suicidi?

 

I gesti sono comuni tra gli studenti provenienti sia da famiglie agiate sia da quelle più in difficoltà. Secondo la psicologa Phạm Thị Thúy sarebbero dettati proprio dalle continue richieste di alte prestazioni da parte di genitori e insegnanti.

 

Al fine di ridurre il rischio di depressione per gli studenti, l’esperta suggerisce sia alle famiglie sia agli enti locali e ai settori dell’educazione di «porre al primo posto il criterio dell’amore in tutte le relazioni sociali e di insegnare ai bambini ad amarsi, rispettando e curando se stessi». Solo così, aggiunge,  «saranno in grado di prevenire e affrontare gli eventi negativi nelle loro vite.

 

«Le persone – conclude – hanno bisogno di affetto e comprensione reciproca in comunità residenziali appropriate».

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Gender

Membro del consiglio scolastico canadese conferma: alcuni studenti si «identificano» come animali

Pubblicato

il

Da

Si trattava di una voce raccolta dal sito pro-life Lifesitenews. Ora sembra aver trovato conferma: vi sarebbero, in alcune scuole dell’Ontario, bambini che si «identificano» come animali.

 

«Identificarsi» è come sappiamo una delle possibilità del nostro tempo: nasci uomo, ma puoi «identificarti» come donna. Se quindi conta ciò che si prova e la propria volontà per definire il proprio essere, non si vede perché non ci si possa quindi «identificare» anche in una creatura di un’altra specie, magari neanche solo terrestre, magari neanche solo esistente.

 

«Sono un bambino, ma mi identifico con un orso bianco»: è qualcosa di pienamente compatibile con il mondo moderno e le sue istituzioni, si scopre. Anzi è un diritto dell’infanzia.

 

«Ho informazioni di prima mano che abbiamo studenti che si identificano come animali, e uno in particolare che posso confermare al 100 percento», ha confermato giovedì il vicepresidente del onsiglio scolastico distrettuale della contea di Renfrew David Kaiser in un’intervista telefonica con LifeSiteNews.

 

«Non credo sia normale. Non credo che un bambino pensi normalmente o naturalmente se sta in piedi di fronte ai suoi studenti in classe e si identifica come un animale. Sento che è qualcosa per cui c’è bisogno di supporto».

 

La questione dell’identificazione degli animali nelle scuole dell’RCDSB è emersa per la prima volta diverse settimane fa, dopo che il giornale locale Eganville Leader ha pubblicato una lettera di un cittadino preoccupato, che scriveva: «i dettagli sono difficili da trovare, ma è stato confermato che uno studente si identifica come una rana in una scuola pubblica e un’altra scuola pubblica ha una lettiera in bagno per uno studente che si identifica come un gatto».

 

Ci sembra giusto: se hanno creato il bagno a sé per i bambini che credono di essere dell’altro sesso (che qualcuno in Italia chiama «trans-bagno») perché mai negare una lettiera con la sabbietta profumata per il bambino che si identifica in un gatto?

 

Un articolo pubblicato dall’Eganville Leader il 18 ottobre pubblicava la risposta del Kaiser insisteva sul fatto che nessuna «lettiera per gatti» fosse stata collocata in nessuna delle scuole del distretto, tuttavia confermando che una scuola ne aveva effettivamente richiesta una.

 

«Sebbene la situazione possa sembrare scioccante o assurda per molti, poiché l’agenda LGBT continua a guadagnare influenza –  con recenti rapporti che suggeriscono che le scuole canadesi hanno spinto gli studenti all’identificazione “non binaria”– “identificarsi” come un animale non è più senza precedenti» scrive LSN.

 

«In effetti, ci sono state numerose segnalazioni da varie altre scuole , sia in Canada che in Australia , che mostrano simili occorrenze di identificazione degli animali tra gli studenti».

 

C’è da ricordare il recente caso di «identificazione» andato in scena in una scuola canadese.

 

Proprio il mese scorso, una scuola superiore di Oakville, in Ontario, ha difeso pubblicamente uno dei suoi insegnanti dopo che sono emerse riprese video dell’uomo – vestito da donna – che indossava enormi, gargantuesche protesi mammarie in classe mentre faceva lezione davanti a ragazzini basiti.

 


 

Anche qui, niente di nuovo per la teoria gender, che afferma, in sostanza, che puoi essere quello che vuoi, e la natura – il tuo corpo – non può limitare in alcun modo la tua identità.

 

Il professore in questione si identificava chiaramente nelle donne con seni di dimensioni inedite. La scuola, e alcuni genitori, lo hanno difeso.

 

Altri hanno detto che si trattava di una molestia, che l’uomo stava infliggendo una sua perversione ad una classe di minori.

 

Anche l’Italia deve prepararsi all’urto del gender animale?

 

Dopo i banchi rotanti della Azzolina, quante lettiere a rotelle dovrà ordinare il nuovo governo?

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Bambini olandesi portati a mangiare insetti a scuola: video

Pubblicato

il

Da

Uno scioccante video che viene dai Paesi Bassi sta facendo il giro della rete.

 

Ai bambini olandesi a scuola ora servono da mangiare insetti, come da diktat dei signori del mondo.

 

Il video di RTV Oost mostra uno specialista in alimentazione a base insetti e un politico olandese che distribuiscono pasti con tarme della farina a scolari di circa 10  anni a Zwolle, che con riluttanza trangugiano il pasto a base di invertebrati.

 

«Oltre ai deliziosi piatti a base vegetale abbiamo questo sacchetto con tarme della farina» dice il tizio, che distribuisce quindi i vermi ai bambini, che ingollano dopo un conto alla rovescia: «3…2… 1».

 

 

L’operazione ripresa fa parte della cosiddetta campagna «Missione avventurosa di assaggio delle proteine», un’iniziativa sviluppata dal gruppo Dutch Food Week e dalla Wageningen University & Research (WUR).

 

Il programma riguarderebbe centinaia di scuole.

 

L’obiettivo dichiarato della campagna per il consumo di insetti è quello di determinare «cambiamenti comportamentali» nei bambini per abbracciare «cibo sostenibile».

 

«I bambini delle scuole sono oggi esposti a una nuova esperienza alimentare. Parte di un pacchetto didattico sul cibo sano e sostenibile. È un mezzo collaudato: cambiamenti comportamentali attraverso i bambini (ancora) disinibiti. Perché, se lo apprezzano, allora ha un futuro» scrive RTV Oost , che ha filmato l’evento.

 

L’Olanda non è il solo Paese dove ciò sta avvenendo. Come riportato da Renovatio 21, abbiamo visto di recente esperimenti di alimentazione a base di insetti perpetrati in Africa dal governo britannico, così come l’approvazione della UE alla vendita di invertebrati terrestri nel suo territorio.

 

Tuttavia, è curioso che l’Olanda sia proprio il Paese – peraltro 2° esportatore di prodotti agricoli al mondo – dove il governo sta attaccando con più virulenza la sua stessa agricoltura. Come noto, il governo olandese ha imposto una riduzione del 50% delle emissioni di azoto entro il 2030 in conformità con le idee di Davos, sostenendo che il bestiame rappresenta il 40% delle emissioni di azoto nel Paese.

 

Laddove non c’è carne, ecco che arrivano gli insetti edibili. Anche questa, è una «grande sostituzione»

 

Di fatto la campagna mondiale per la alimentazione a base di insetti è uno degli sforzi del World Economic Forum, l’organizzazione dell’élite globalista che propugna apertamente il Grande Reset, la riformulazione dell’assetto della società mondiale dove gli interessi e gli ordini delle multinazionali e degli Stati convergono e coincidono perfettamente.

 

Come riportato da Renovatio 21, grazie anche agli immani investimenti economici di Bill Gates – che compra terreni agricoli, spinge la carne sintetica e l’agricoltura OGM bioingegnerizzata con il CRISPR – è chiaro che è in corso pure un Grande Reset alimentare, che, dopo il golpe farmaceutico avvenuto col COVID, diviene controllo ancora più pervasivo della biochimica di tutta l’umanità.

 

 

 

 

Continua a leggere

Necrocultura

Maestre d’asilo terrorizzano i bambini con maschere di Halloween

Pubblicato

il

Da

Rivoltante video emerge dalla rete.

 

Un maestro d’asilo nello Stato americano del Mississippi ha terrorizzato un gruppo di bambini piccoli indossando una spaventosa maschera stile Halloween.

 

Nel filmato, la donna mascherata urla in faccia ai bimbi, facendoli piangere e gridare dallo spavento.

 

La donna è quindi visibile mentre si china verso un bambino per accusarlo: «stai facendo il cattivo!». Il bambino impaurito dice di no, mentre questa continua a gridare in faccia «meglio che tu sia buono».

 

 

La donna, in evidente sovrappeso come la sua collega visibile nel filmato, bussa alla porte dell’aula come nemmeno Jack Nicholson in Shining, per poi continuare a rincorrere i pargoli che piangono disperatamente.

 

La scena ha come sottofondo un coro di pianti infantili che oltraggia profondamente lo spettatore.

 

Ci si chiede come ciò sia possibile: ebbene, l’orrore e il terrore sono ora filtrabili sui bambini tramite la «festa» di Halloween – anche in Italia, come da fenomeno degli ultimi due decenni.

 

Parimenti, un altra domanda che ci sentiamo di fare è: gli strenui difensori del politicamente corretto hanno attaccato qualsiasi cosa, ma mai hanno toccato il tema dei film horror.

 

Chi segue Renovatio 21 può avere chiaro il perché: laddove c’è umiliazione dell’essere umano, laddove le persone sono sterminate con crudeltà, laddove la dignità umana è divorata, laddove la speranza viene negata per principio (in una sorta di grande pornografia morale dove il male è trionfante) c’è giocoforza il plauso del mondo moderno guidato dalla Cultura della Morte.

 

Rendiamoci conto: la Necrocultura ha reso presente l’abominio di un mondo dove gli insegnanti possono diventare mostri che terrorizzano i bambini.

 

E non solo gli insegnanti: ci ricordiamo di certi casi di assistenti sociali…

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari