Connettiti con Renovato 21

Suicidio

Primo giorno di scuola in era pandemica: 3 adolescenti suicidi in un solo giorno

Pubblicato

il

 

 

Tre ragazzi suicidi in un solo giorno nella sola città di Milano. È il bilancio di questa ripartenza della scuola in era pandemica.

 

Un quindicenne si è gettato nel vuoto dalla sua abitazione al 12esimo piano nella zona Nord del capoluogo lombardo. Altre informazioni  sul caso non sono filtrate.

 

Una ragazzina di 15 anni, sempre nell’hinterland milanese, si è buttata dal settimo piano. I due casi, da quanto noto sinora, non sono collegati.

 

Così come non pare vi sia correlazione con il possibile tentativo di una dodicenne meneghina che si gettata dal balcone e ora è in ospedale in gravi condizioni.

 

I casi magari non sono collegati, i ragazzini non si conoscevano – non si tratta di un dato secondario, poiché è noto che il suicidio può innescarsi in maniera letteralmente epidemica. Vi sono casi di ondate di suicidio che si portano via decine di ragazzi; ci sono anche casi in cui sarebbe possibile indicare gli untori: è stato detto, ad esempio, che la serie Netflix  Tredici potrebbe essere associata ad un aumento del 28,9% dei casi di suicidio tra i giovani americani di età compresa tra i 10 e i 17 anni nel mese di Aprile 2017, in concomitanza con l’uscita della serie.

 

Vi è stata una brutale ondata di suicidi tra gli adolescenti di Las Vegas durante il lockdown, seria al punto – 19 suicidi in 9 mesi – da far riaprire le scuole anche quando si era nel blocco più assoluto.

 

Tuttavia, anche senza conoscersi, anche senza aver consumato gli stessi materiali culturali tossici, senza aver frequentato la stessa scuola (in didattica a distanza…), qualcosa di comune questi ragazzi milanesi lo avevano: hanno passato gli ultimi due anni chiusi in una gabbia, impossibilitati per mesi a vedere gli amici, ad uscire, ad andare a scuola, a vivere la vita che, secondo la legge naturale, dovrebbe spettare ad ogni adolescenza.

 

Un’età irrequieta, un’età di trasformazione, psicologica e biologica.  Un momento delicato.

 

Non ci stupiamo che il cocktail tossico preparato dall’ingegneria sociale pandemica possa aver rovinato la psiche dei ragazzi che crescono, destabilizzandoli sino ad indurli a pensieri di morte..

 

I numeri parlano chiaro: ad esempio in Inghilterra, solo 25 minori  sono morti di COVID, mentre centinaia sono morti per suicidio e trauma.

 

Negli USA invece parlano di un tasso di suicidi infantili che nel biennio pandemico è cresciuto del 1000%: 10 volte.

Negli USA invece parlano di un tasso di suicidi infantili che nel biennio pandemico è cresciuto del 1000%: 10 volte

 

Come riportato in questi mesi da Renovatio 21, anche in Italia i problemi di salute mentale presso gli adolescenti si sono fatti consistenti, travolgendo non solo le famiglie ma interi reparti ospedalieri.

 

Secondo alcune grida di allarme lanciati dagli stessi dottori, sono crescita vertiginosa anche i disturbi alimentari, che hanno abbassato l’età della malattia: in tempo di lockdown, dicono negli ospedali italiani, si stanno vedendo ricoveri per bambine anoressiche di 8 anni

 

Come scrivono Roberto Dal Bosco ed Elisabetta Frezza in un articolo di inizio anno per Renovatio 21I nostri figli pandemici: malati, violenti, suicidi. Ecco il Signore delle Mosche»)

 

«Vanno ripetendo, nel mentre, che il COVID non colpisce i più giovani. È vero invece il contrario, il COVID colpisce soprattutto i più giovani, anzi, probabilmente è stato concepito per loro, per renderli malati, violenti, suicidi. Per annichilire il futuro…»

 

«Se gli si toglie l’istituzione deputata a transitarlo nel consesso sociale sotto il controllo adulto, allora formerà la tribù e ad essa disperatamente si aggrapperà consacrandosi al demone della violenza che la civiltà è chiamata a esorcizzare».

 

La follia pandemica è il vero combustibile di queste mostruose ondate di sucidi

«L’aggressività scaturita dalla clausura forzata non si dirige soltanto verso l’esterno si scaglia anche contra se: sfoghi improvvisi e apparentemente immotivati; disturbi del sonno; regressione fisica e psichica; rapporti incrudeliti con compagni e professori; masse di ragazzine piombate nell’anoressia».

 

L’immane pressione a cui è sottoposto il mondo entra nei nostri ragazzi, e in mancanza di sfogo esterno, può può che diventare autodiretta.

 

La follia pandemica è il vero combustibile di queste mostruose ondate di sucidi.

Continua a leggere

Alimentazione

Ricercatori collegano le bevande energetiche ai pensieri suicidi nei bambini

Pubblicato

il

Da

Una nuova ricerca ha rivelato che le bevande energetiche potrebbero rappresentare un rischio maggiore per il cervello dei bambini e dei più giovani di quanto si pensasse in precedenza. Lo riporta Epoch Times.

 

Secondo uno studio di Fuse, un Centro per la ricerca nella sanità pubblica presso la Teesside University e l’Università di Newcastle nel Regno Unito, coloro che consumavano bevande energetiche avevano un rischio maggiore di problemi di salute mentale come depressione, pensieri suicidi, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e ansia.

 

Il paper stato pubblicato sulla rivista Public Health il mese scorso.

Sostieni Renovatio 21

I ricercatori hanno affermato di aver esaminato i dati di 57 studi su oltre 1,2 milioni di bambini e giovani provenienti da più di 21 paesi per giungere alle loro conclusioni.

 

È emerso che i ragazzi consumavano più bevande energetiche rispetto alle ragazze, mentre «molti studi» riportavano un’associazione tra il consumo di bevande energetiche e l’assunzione eccessiva di alcol, e il fumo, nonché l’uso di altre sostanze.

 

«Ulteriori effetti sulla salute rilevati nella revisione aggiornata includevano un aumento del rischio di suicidio, disagio psicologico, sintomi del disturbo da deficit di attenzione e iperattività, comportamenti depressivi e di panico, malattie allergiche, resistenza all’insulina, carie dentale e usura erosiva dei denti», scrive l’abstract del documento.

 

Per quanto riguarda gli impatti sulla salute mentale, è emerso che il consumo «frequente» di bevande energetiche «era associato a tentativi di suicidio e a grave stress», mentre «c’erano anche tassi più elevati di ideazione e tentativi di suicidio con l’assunzione di [bevande energetiche] più di una volta al giorno».

 

“L’analisi longitudinale ha riferito che il consumo di [bevande energetiche] era correlato a un aumento della disattenzione dell’ADHD, disturbi della condotta, sintomi depressivi e di panico», continua lo studio.

 

Una coautrice, Shelina Visram, dell’Università di Newcastle, ha dichiarato in un comunicato stampa di essere «profondamente preoccupata per i risultati secondo cui le bevande energetiche possono portare a disagio psicologico e problemi di salute mentale».

 

«Questi sono importanti problemi di salute pubblica che devono essere affrontati», ha aggiunto. «C’è stata inazione politica in questo settore nonostante le preoccupazioni del governo e le consultazioni pubbliche. È giunto il momento di intervenire sul settore in più rapida crescita del mercato delle bevande analcoliche».

Aiuta Renovatio 21

I ricercatori, che risiedono in Gran Bretagna, hanno anche chiesto al governo di vietare o limitare le bevande energetiche per i giovani e i bambini.

 

«Queste prove suggeriscono che le bevande energetiche non hanno posto nella dieta dei bambini e dei giovani», ha detto a Fox News l’autrice Amelia Lake, professoressa di nutrizione per la salute pubblica presso la Teesside University. «I politici dovrebbero seguire l’esempio dei paesi che hanno posto limiti di età sulle vendite ai bambini» perché, come dimostra il loro studio, i ricercatori hanno «trovato un elenco ancora più ampio di risultati sulla salute mentale e fisica associati al consumo di bevande energetiche da parte di bambini e giovani», ha affermato.

 

«Abbiamo ripetuto [la revisione] solo per trovare uno spazio evidente in continua crescita che suggerisce che il consumo di queste bevande è associato a esiti negativi sulla salute», ha continuato la dottoressa Lake.

 

Diversi paesi hanno già provato a regolamentare le bevande energetiche, compreso il divieto di vendita ai minori in Lettonia e Lituania. Secondo quanto riferito, anche altri paesi come la Finlandia e la Polonia stanno cercando di vietare la vendita dei prodotti ai minori di 18 anni.

 

Lo studio, nel frattempo, ha ottenuto una risposta da parte dei funzionari britannici. Un portavoce del Dipartimento britannico della sanità e dell’assistenza sociale ha detto alla BBC che «ci siamo consultati su una proposta per porre fine alla vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni in Inghilterra, e presenteremo la nostra risposta completa a tempo debito» e che «nel frattempo, molti rivenditori e supermercati più grandi hanno introdotto volontariamente il divieto di vendita di bevande energetiche ai bambini sotto i 16 anni».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Suicidio

Suicidi su internet: accusato l’uomo che avrebbe provveduto a spedire le sostanze mortali

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.   Se qualcuno dubita del potere di Internet di cambiare la vita, dovrebbe parlare con la polizia dell’Ontario. Recentemente hanno accusato un uomo di Toronto, Kenneth Law, di 14 capi d’accusa di omicidio di secondo grado per la morte suicida di giovani canadesi.   Tuttavia Law avrebbe spedito 1.200 pacchi di un farmaco letale, il nitrato di sodio, in più di 40 paesi. Le vittime potrebbero essere molte di più.   I media canadesi hanno affermato che Law potrebbe essere collegato a 117 morti a livello internazionale, circa 90 dei quali in Gran Bretagna. I pacchi sono stati spediti anche in Nuova Zelanda, Francia, Irlanda, Italia, Germania e Svizzera.   Law intende dichiararsi non colpevole delle accuse. Il Law, 57 anni, è un ingegnere autorizzato che lavorava come chef. Ha dichiarato bancarotta nel 2020 e nello stesso anno ha creato siti Web per commercializzare i suoi kit suicidi. Vendeva anche maschere antigas.   Le 14 vittime in Ontario avevano un’età compresa tra 16 e 36 anni. Più di una di loro aveva meno di 18 anni, secondo la polizia.   Michael Cook   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

Eutanasia

Tribunale stabilisce che la «morte volontaria assistita» è un suicidio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Lo stigma che circonda il suicidio è tale che i sostenitori della «morte volontaria assistita» insistono con veemenza sul fatto che non si tratta affatto di suicidio.

 

Ad esempio, Go Gentle Australia , uno dei principali gruppi di lobby per VAD [voluntary assisted dying, morte volontaria assistita, ndt], spiega nelle FAQ del suo sito web che:

 

«Le persone che cercano la morte volontaria assistita non hanno tendenze suicide; non vogliono morire ma stanno morendo di una malattia terminale e vogliono semplicemente controllare come e quando ciò accade e quanto dovranno soffrire alla fine. Le leggi australiane affermano espressamente che la morte volontaria assistita non è un suicidio».

 

In Australia, questo è più di un cavillo sulle parole. Nel 2005 il governo federale ha modificato la legge sul codice penale del Commonwealth del 1995. Ha introdotto due sezioni che criminalizzavano la consulenza o l’istruzione delle persone sul suicidio tramite «servizi di trasporto», che includevano la comunicazione tramite telefono e Internet.

 

Aveva buone ragioni per farlo. L’accesso a Internet stava crescendo, i giovani venivano vittime di bullismo o costretti a suicidarsi nelle chat online. Presentando il disegno di legge all’epoca, il procuratore generale spiegò che «le discussioni nelle chat room su Internet hanno portato una persona a tentare il suicidio, e talvolta con successo. Questa ricerca evidenzia che gli individui vulnerabili sono stati costretti così fortemente dagli altri a togliersi la vita che hanno pensato che tirarsi indietro o cercare aiuto avrebbe significato perdere la faccia».

 

Le chat room in Giappone erano particolarmente raccapriccianti. Nel 2003, NBC News riferì che sconosciuti stavano organizzando patti suicidi su Internet. In un caso scioccante, quattro giovani si sono organizzati per darsi il gas in un’auto affacciata sul Monte Fuji.

 

Inoltre, il dottor Philip Nitschke, un promotore e facilitatore australiano del suicidio assistito, ha iniziato a fornire informazioni sulle tecniche di suicidio su Internet. All’epoca le modifiche furono addirittura soprannominate «l’emendamento Nitschke».

 

Tuttavia, dopo che tutti gli stati australiani hanno legalizzato i VAD, il codice penale federale è diventato, secondo le parole dei sostenitori, una barriera all’accesso, perché equipara i VAD al suicidio. Le persone che desiderano accedere al VAD nelle zone rurali potrebbero non riuscire a trovare un medico locale disposto a collaborare. Per altre consultazioni mediche, potranno parlare telefonicamente con uno specialista. Ma per il VAD tale consultazione sarebbe un reato. Presumibilmente causa «ritardi e difficoltà per i pazienti».

 

Così un medico di Victoria, Nicholas Carr, ha recentemente chiesto alla Corte Federale di stabilire che la «morte volontaria assistita» non è un suicidio. Il giudice, il giudice Abraham, ha rifiutato.

 

Dopo un lungo esame della legislazione in materia e dopo aver analizzato la parola «suicidio», ha concluso che «nella misura in cui la legge VAD intende autorizzare i medici a fornire informazioni su particolari metodi di suicidio tramite un servizio di trasporto, intende autorizzare indurli a tenere una condotta che il codice penale considera reato».

 

Adottando un approccio basato sul buon senso alla definizione, il giudice Abraham ha consultato il Macquarie Dictionary australiano e l’Oxford English Dictionary. Hanno sostenuto la sua posizione. Il suicidio è «il togliersi intenzionalmente la propria vita, e l’atto di farlo» e quindi il VAD è un suicidio.

 

Gli avvocati del dottor Carr avevano un’altra argomentazione, ingegnosa. La legislazione federale vieta l’incitamento «al suicidio». La parola «commettere», che è associata al commettere un peccato o alla commissione di un crimine, deve ovviamente significare che sono vietate solo le forme di suicidio stigmatizzate.

 

Il giudice Abraham ha respinto questa obiezione. «Non vi è alcuna base per dedurre, dal testo, dal contesto o dallo scopo delle disposizioni, che la parola “impegnarsi” sia stata scelta dal Parlamento per denotare che il termine “suicidio” si applica solo a determinate circostanze in cui ci si toglie la vita».

 

Quando in Australia c’è uno scontro tra la legge statale e quella federale, prevale la legge federale. Per il momento, nessuno in Australia può utilizzare il telefono o Internet per dare consigli sui VAD. Potrebbe essere difficile elaborare una legge che consenta ai medici di dare consigli sulla «morte volontaria assistita», ma impedirà alle persone di incoraggiare persone squilibrate e in difficoltà a porre fine alla propria vita.

 

Michael Cook

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine su licenza Envato

Continua a leggere

Più popolari