Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Le app per smartphone spiano i bambini su una «scala scioccante»

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un nuovo studio che mostra che le aziende tecnologiche raccolgono dati dalle app di Apple e Google – utilizzate principalmente dai bambini senza il consenso dei genitori – e che li inviano agli inserzionisti. Esperti  chiedono leggi che rendano gli sviluppatori di app responsabili di determinare se i bambini utilizzano i loro prodotti.

 

 

Un nuovo studio che mostra che le aziende tecnologiche stanno raccogliendo dati dalle app di Apple e Google, utilizzate principalmente dai bambini senza il consenso dei genitori, e che li stanno inviando agli inserzionisti ha spinto alcuni esperti a  chiedere leggi che rendano gli sviluppatori di app responsabili di determinare se i bambini utilizzano i loro prodotti.

 

«Le app spiano i nostri bambini su una scala che dovrebbe scioccarti», scrive il Washington Post, che ha riportato lo studio. «Più di due terzi delle 1.000 app per iPhone più popolari che potrebbero essere utilizzate dai bambini raccolgono e inviano le loro informazioni personali al settore pubblicitario».

 

Lo studio, di Pixalate, una società che si concentra sulla protezione dalle frodi e sulla privacy, ha rilevato che il 79% delle app Android fa lo stesso.

 

I ricercatori hanno scoperto che app popolari come Angry Birds 2 e Candy Crush Saga spiano i bambini che usano le loro app, così come le app utilizzate per colorare e fare i compiti di matematica.

 

Pixalate è stata in grado di identificare più di 391.000 app per bambini negli store Apple e Google, ed è stata in grado di identificare le 1.000 app per bambini più popolari e analizzare come sono stati gestiti i dati sensibili.

 

Di tutte le app identificate da Pixalate, il 7% ha inviato dati sulla posizione o sull’indirizzo Internet al settore pubblicitario.

 

Lo studio ha anche scoperto che le app popolari hanno un maggiore incentivo a monitorare gli utenti perché fanno soldi con la pubblicità mirata.

 

Sia Google che Apple negano qualsiasi illecito e affermano che i loro app store proteggono la privacy dei bambini, secondo il Washington Post.

 

In un altro studio di Pixalate, i ricercatori hanno scoperto che quasi il 90% di 164 app e siti Web educativi ha inviato informazioni al settore della tecnologia pubblicitaria.

 

Uno studio del 2020 ha mostrato che due terzi delle app utilizzate da 124 bambini in età prescolare hanno raccolto e distribuito informazioni identificative.

 

Un rapporto di ricerca del 2017 che ha esaminato l’alfabetizzazione mediatica ha mostrato che molti bambini non sono in grado di differenziare gli annunci dai contenuti e la tecnologia di monitoraggio consente ai marketer di micro-mirare le loro menti.

 

«Stanno prendendo le posizioni generali dei bambini e altre informazioni identificative e le inviano alle aziende che possono tracciare i loro interessi, prevedere cosa potrebbero voler acquistare o persino vendere le loro informazioni ad altri», ha scritto Geoffrey Fowler, autore di editoriali sulla tecnologia per il Washington Post.

 

 

Una scappatoia nel sistema

Il Children’s Online Privacy Protection Act (COPPA) nel 1998 è stato emanato per impedire alle aziende tecnologiche di raccogliere informazioni personali di bambini di età inferiore ai 13 anni senza il consenso dei genitori.

 

«Era abbastanza ovvio quando il disegno di legge è stato originariamente redatto che ci sarebbe stata una reale opportunità per le società senza scrupoli di trarre vantaggio dai giovani”, il senatore democratico del Massachusetts Edward J. Markey, uno degli autori del COPPA , ha detto al Washington Post. «Ora i problemi sono diventati giganti».

 

Secondo SuperAwesome, una società con sede a Londra che aiuta gli sviluppatori di app a navigare le leggi sulla privacy dei bambini, «quando un bambino raggiunge i 13 anni, le società di pubblicità online detengono una media di 72 milioni di punti dati su di loro».

 

«Stanno mettendo i loro profitti sulla salute mentale e sul benessere sociale di ogni bambino in America, perché questo è il potere che hanno oggi», ha affermato Markey.

 

Secondo Fowler, Big Tech e i produttori di app hanno trovato una gigantesca scappatoia nella legge sulla privacy. «Affermano di non avere ‘conoscenze reali’ che stanno prendendo dati dai bambini», ha detto.

 

Ad esempio, Pixel Art: Paint by Number è un’app da colorare gratuita sviluppata da Easybrain per bambini dai 12 anni in su, ma l’app non richiede l’età del bambino né ottiene il permesso di un genitore o tutore per utilizzare l’app.

 

All’apertura dell’app, le informazioni dell’utente, inclusa la posizione generale, l’indirizzo Internet e le informazioni di identificazione, vengono inviate al settore pubblicitario, secondo Pixalate. In nessun momento l’app richiede l’età o l’autorizzazione dell’utente.

 

Easybrain afferma che non è necessario, perché Pixel Art non è per i bambini.

 

Un portavoce di Easybrain, Evan Roberts, ha affermato che la società gestisce «un servizio per il pubblico generale e generalmente non ha la conoscenza effettiva che l’app Pixel Art sta raccogliendo, utilizzando o divulgando informazioni personali da qualsiasi bambino di età inferiore ai 13 anni».

 

Anche se le categorie nell’app, come gelato, unicorni e dinosauri, sembrano destinate ai bambini, il produttore dell’app afferma che è commercializzata per gli adulti.

 

Nel 2021, la Federal Trade Commission (FTC) ha risolto una causa con un’app di colorazione «per adulti» autoidentificata chiamata Recolor che aveva una sezione “bambini”.

 

Il creatore di Candy Crush Saga afferma che «il suo gioco e il suo marketing sono rivolti a giocatori adulti, di età superiore ai 18 anni negli Stati Uniti», tuttavia, il gioco è elencato come “Età: 4+”.

 

Frank List, CEO di Impala Studios, ha affermato che l’app Calculator e Math Solver dell’azienda deve fare di meglio.

 

«Saremo più attenti al marketing chiaro solo per il nostro pubblico mirato», ha detto al Washington Post.

 

 

Apple e Google chiudono un occhio sulla privacy dei dati dei bambini

Apple e Google sembrano avere più potere del governo degli Stati Uniti su come funzionano le app, poiché sono quelli che controllano i due più grandi app store. Eppure, quando si tratta di privacy dei dati dei giovani utenti, questi giganti della tecnologia chiudono un occhio.

 

Google e Apple non indicano se i loro app store sono conformi al COPPA e nessuno dei due app store mostra al genitore o tutore un modo per vedere quali app raccolgono dati sui bambini.

 

C’è una scheda per le app per bambini nel Google Store che etichetta le app come «Approvate dagli insegnanti» e si applicano standard rigorosi. Tuttavia, Pixalate ha affermato che solo il 5% delle app per bambini più popolari è etichettato correttamente nel Google Store.

 

L’Apple Store è un po’ più complicato. Se vuoi trovare la categoria bambino, devi cercarla in fondo al negozio e non c’è modo di cercarla. Nessuna delle app per bambini è etichettata come dotata di protezione della privacy.

 

I controlli parentali nell’Apple Store sono limitati, con il genitore o tutore che ha la possibilità di approvare gli acquisti di app solo dopo aver configurato l’account iOS di un bambino.

 

«Se vuoi assicurarti che la privacy di tuo figlio sia rispettata, ci vorrà del lavoro», ha detto Fowler.

 

I sostenitori della privacy dei bambini credono che l’industria tecnologica non cambierà fino a quando non ci sarà un livello di responsabilità legale per assumersi la responsabilità del problema.

 

Non è stato fino al 2019 che YouTube ha iniziato a etichettare i video destinati ai bambini sul suo servizio dopo essere stata colpita da una causa ed è stato costretto a pagare 136 milioni di dollari alla FTC e 34 milionidi dollari  allo stato di New York per aver violato la COPPA.

 

Il reclamo affermava che YouTube di Google ha violato il COPPA «raccogliendo informazioni personali – sotto forma di identificatori persistenti utilizzati per tracciare gli utenti su Internet – dagli spettatori di canali rivolti ai bambini, senza prima avvisare i genitori e ottenere il loro consenso».

 

Markey ha detto che lui e la rappresentante democratico della Florida Kathy Castor hanno redatto progetti di legge che avrebbero aggiornato la COPPA. Le revisioni riguarderebbero gli adolescenti fino a 16 anni e vieterebbero a titolo definitivo la pubblicità mirata.

 

Le fatture, se approvate, richiederebbero alle app e ai siti Web di assumersi la responsabilità di determinare se i bambini stanno utilizzando i loro servizi.

 

Fowler ha detto che la California sta cercando di creare una versione della legge britannica nota come Age Appropriate Design Code. Le aziende dovrebbero stabilire l’età del consumatore e mantenere un elevato livello di privacy per i bambini.

 

Finora, i legislatori statunitensi hanno parlato ampiamente di privacy ma non sono riusciti ad agire, secondo Fowler.

 

«Se non possiamo occuparci dei bambini, allora mostra quanto sia rotto il nostro sistema politico», ha detto Markey al Washington Post. «Mostra quanto siano potenti le aziende tecnologiche».

 

 

Rachel Militello

 

 

 

© 13 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Controllo delle nascite

Maternità e lavoro: le parole di un grande imprenditore

Pubblicato

il

Da

Un grande imprenditore veneto, Roberto Brazzale, dice la sua riguardo al tema della maternità e del lavoro.

 

Brazzale, attivo nel settore caseario con impianti in Italia e in Repubblica Ceca, parla di come in quest’ultimo Paese la maternità sia stata «messa al centro».

 

Per Praga, la mamma o eventualmente il papà possono rimanere a casa fino a quattro anni. Fino a tre anni hanno la certezza di mantenere il posto di lavoro.

 

Parimenti, il governo ceco offre alle madri (comprese le studentesse, comprese le madri non-lavoratrici) un contributo di 500 euro. L’ottimo sistema di asili cechi, dice Brazzale, costa 60 euro al mese inclusa la mensa.

 

«Fare figli ritorna ad essere bello. Ritorna ad essere un momento aureo della vita. E tutta la società gode di questa bellezza, perché le strade, le piazze, sono piene di mamme, di papà che hanno il tempo di stare con i bambini».

 

Brazzale, anni fa, ha quindi cominciato autonomamente un programma per aiutare le sue dipendenti che diventano madri, «perché è inaccetabile che una lavoratrice abbia il terrore di comunicare al datore di lavoro che aspetta un bambino… ma dove siamo finiti?»

 

«Con i denari del PNRR noi dovremo finanziare 25 anni di congedo parentale triennale» dice Brazzale, di cui Renovatio 21 ha pubblicato l’appello agli industriali nella giornate della vita l’anno passato.

 

Il lettore di Renovatio 21 può rendersi conto di che cosa stiamo parlando: in un momento in cui le aziende USA si affrettano a dire che gli aborti delle loro dipendenti li pagheranno loro (così da tenersele strette a lavorare evitando il periodo a casa col pancione e col bambino, notoriamente nemici del capitale globale), noi abbiamo qui un imprenditore del genere.

 

Che dire: avercene. Avercene.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Parate gay in America: uomini nudi sfilano dinanzi a bambini

Pubblicato

il

Da

Immagini scioccanti dalle parate del mese dell’orgoglio gay (il Pride Month) in Nordamerica emergono in rete.

 

In una sequenza condivisa su Twitter ripresa al gay pride di Seattle, adulti nudi sfilano in bici dinanzi a dei bambini agghindati con i colori dell’arcobaleno LGBT.

 

 

Sempre a Seattle, uomini se ne stanno nudi accanto a bambine e bambini piccoli.

 

 

A Toronto, una bambina che regge a terra una bandiera arcobaleno-trans, osserva un gruppo di uomini in mutande esibirsi in un balletto.

 

 

Il nudismo pare essere uno dei motivi della parata di Toronto. Un cartello di un nudista in sfilata scrive «Accettazione del corpo. Puoi denudarti anche tu!»

 

 

Non sono mancati i soliti vestiti da cane, una tendenza di cui non vogliamo sapere la significazione.

 


In una ulteriore ripresa scioccante, un uomo nudo si è presentato con la maschera del coniglio dei cartoni Bugs Bunny.

 

Come nota un utente Twitter, «Quale modo migliore per dire “Non stiamo adescando  [groom, ndr] i bambini” che sfilare per la strada di fronte a ragazzini con il culo nudo travestiti da un famoso personaggio dei cartoni animati?»

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

La FDA autorizza i vaccini COVID Pfizer e Moderna per i bambini da 6 mesi in su

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

I vaccini COVID-19 di Moderna e Pfizer-BioNTech sono ora autorizzati per l’uso di emergenza nei neonati e nei bambini di appena 6 mesi, secondo quanto riportato dalla CNN.

 

La FDA venerdì ha autorizzato il vaccino di Moderna per l’uso nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 17 anni e il vaccino Pfizer-BioNTech per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni.

 

Mercoledì il comitato consultivo sui vaccini e sui prodotti biologici correlati (VRBPAC) della FDA ha votato all’unanimità 21-0 per raccomandare i vaccini COVID-19 di Pfizer e Moderna per neonati e bambini piccoli, affermando che la totalità delle prove disponibili mostra che i benefici dei vaccini superano i rischi d’uso.

 

La giuria ha ignorato gli appelli degli esperti, dei danneggiati dal vaccino e di un membro del Congresso che rappresentava altri 17 legislatori di sospendere l’autorizzazione fino a quando non fosse stato possibile affrontare adeguatamente le domande sulla sicurezza e l’efficacia dei vaccini COVID-19 per i bambini più piccoli della nazione.

 

Il vaccino a tre dosi di Pfizer coprirebbe i bambini dai 6 mesi ai 5 anni, mentre il vaccino a due dosi di Moderna copre i bambini dai 6 mesi ai 6 anni.

 

Gli Stati hanno già ordinato milioni di dosi rese disponibili prima dell’autorizzazione della FDA da parte dell’amministrazione Biden.

 

Funzionari della Casa Bianca hanno affermato che la somministrazione di vaccini per questi gruppi di età potrebbe iniziare già il 21 giugno.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 17 giugno 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari