Lo Stato del Vaticano emette un decreto: coloro che rifiutano il vaccino potrebbero perdere il lavoro

 

 

 

Lo Stato del Vaticano ha recentemente emesso un decreto che include la vaccinazione COVID-19 tra le misure che le sue autorità possono utilizzare per combattere l’attuale «pubblica emergenza sanitaria».

 

Sebbene il decreto non renda esplicitamente obbligatorio l’assunzione di un vaccino COVID-19 in Vaticano e nei territori annessi, suggerisce che le persone impiegate dalla Santa Sede o dalla Curia romana potrebbero perdere il lavoro se non si vaccinano.

 

Sebbene il decreto non renda esplicitamente obbligatorio l’assunzione di un vaccino COVID-19 in Vaticano e nei territori annessi, suggerisce che le persone impiegate dalla Santa Sede o dalla Curia romana potrebbero perdere il lavoro se non si vaccinano.

Il decreto non menziona il COVID-19 ma qualsiasi «emergenza sanitaria pubblica» definita, citando il testo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità del 2001, come «un evento o una minaccia imminente di una malattia o condizione di salute, causato da bioterrorismo, epidemia o malattia pandemica, o agente infettivo nuovo e altamente fatale o tossina biologica, epidemia o malattia pandemica che pone un rischio sostanziale per un numero significativo di risorse umane o determina incidenti o disabilità permanente odi lunga durata».

 

Nell’introduzione del decreto che dettaglia i motivi della sua pubblicazione, la vaccinazione riceve un’attenzione specifica e persino prioritaria, con un linguaggio che indica chiaramente che rifiutare il vaccino metterebbe in pericolo la salute pubblica.

 

Tuttavia, il decreto sembra esitare a dichiarare obbligatorio il vaccino stesso in quanto tale, in quanto il suo rifiuto non è esplicitamente elencato tra gli atti che possono comportare una sanzione amministrativa. Possono essere emesse multe a partire da 25 euro per l’uso improprio di dispositivi di protezione come maschere e multe fino a 1.500 euro per mancato rispetto di una quarantena obbligatoria.

 

Il decreto sembra esitare a dichiarare obbligatorio il vaccino stesso in quanto tale, in quanto il suo rifiuto non è esplicitamente elencato tra gli atti che possono comportare una sanzione amministrativa

Le sette pagine del decreto menzionano le varie misure che possono e devono essere adottate «per garantire la salute e il benessere della comunità lavorativa nel rispetto della dignità, dei diritti e delle libertà fondamentali di ciascuno dei suoi membri», «secondo il principio di necessità , tenendo in considerazione il rischio effettivo per la salute pubblica e seguendo criteri di tempestività, adeguatezza e proporzionalità». Tali misure riguardano «cittadini, residenti nello Stato, (…) personale in servizio nel Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e nei vari organi della Curia Romana e delle Istituzioni ad essa collegate».

 

Secondo il decreto, queste misure includono:

 

  • La limitazione del movimento e del raduno di persone
  • Allontanamento fisico, isolamento e quarantena
  • L’adozione di norme igieniche speciali
  • Protocolli per l’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI)
  • Protocolli terapeutici
  • Protocolli di vaccinazione

 

Il testo implica anche che i lavoratori che rifiutano il vaccino senza «comprovate ragioni di salute» e che sono in grado di rappresentare un rischio per altri «cittadini, residenti, lavoratori e comunità lavorativa» non  possono  ricevere un altro incarico e compenso. In altre parole, perderebbero il lavoro e il reddito

Gli articoli 5 e 6 del Decreto riguardano principalmente il vaccino.  L’articolo 6, §1 è tuttavia molto interessante: afferma che un lavoratore che rifiuta il vaccino per «comprovati motivi di salute» può essere riassegnato a un compito in cui lui o lei non rappresenterà un rischio per la salute degli altri. Al contempo, il testo implica anche che i lavoratori che rifiutano il vaccino senza «comprovate ragioni di salute» e che sono in grado di rappresentare un rischio per altri «cittadini, residenti, lavoratori e comunità lavorativa» non  possono  ricevere un altro incarico e compenso. In altre parole, perderebbero il lavoro e il reddito.

 

Il compito di intervenire in caso di inosservanza delle misure di sanità pubblica imposte dalla “«Autorità Superiore» dello Stato della Città del Vaticano è assegnato con decreto al proprio Corpo di Gendarmeria che può vigilare e infliggere sanzioni pecuniarie a lavoratori e residenti inadempienti .

 

Le sanzioni amministrative pecuniarie sono elencate in un allegato al decreto. La vaccinazione non è menzionata: le sanzioni si applicano alla trasgressione delle norme in materia di «divieto di riunione», obbligo di utilizzare dispositivi di protezione e di utilizzarli «correttamente», «misure di allontanamento sociale», «isolamento fiduciario o quarantena», «requisiti comportamentali» (le «regole di comportamento in luoghi pubblici o luoghi aperti al pubblico stabilite dai provvedimenti emanati dall’autorità competente») e limitazioni alla circolazione e ai movimenti («violazione delle limitazioni alla circolazione e agli spostamenti all’interno dello Stato, e all’ingresso e uscire allo stesso»). 

 

Il Vaticano sta utilizzando e distribuendo l’iniezione di mRNA Pfizer che è stata sviluppata utilizzando linee cellulari derivate da aborti volontari a termine.

Queste due ultime situazioni potrebbero teoricamente mettere in gioco l’obbligo del vaccino. Fare il vaccino potrebbe, ad esempio, essere interpretato come un «requisito comportamentale».

 

Per quanto riguarda le restrizioni alla circolazione e ai movimenti, queste potrebbero anche essere interpretate come applicabili ai residenti in Vaticano che rifiutano un vaccino COVID-19 nella misura in cui il rifiuto di essere vaccinato è presentato dal decreto stesso come un potenziale pericolo per la salute pubblica.

 

Come scrive Lifesitenews, tutto questo deve essere letto alla luce di due fatti.

 

Il primo è che, nell’attuale emergenza sanitaria, oltre il 99,95% della popolazione sopravvive e la maggior parte delle vittime del COVID-19 che effettivamente muoiono a causa della malattia sono molto malate o molto anziane e hanno un’aspettativa di vita molto breve.

 

Ora il Vaticano è diventato uno dei primi Stati ad imporre questi vaccini ai propri lavoratori, sotto minacce più o meno velate e senza menzione di libertà e consenso informato

In secondo luogo, il Vaticano sta utilizzando e distribuendo l’iniezione di mRNA Pfizer che è stata sviluppata utilizzando linee cellulari derivate da aborti volontari a termine.

 

E ora il Vaticano è diventato uno dei primi Stati ad imporre questi vaccini ai propri lavoratori, sotto minacce più o meno velate e senza menzione di libertà e consenso informato.