Connettiti con Renovato 21

Epidemie

«Le regole del COVID basate su sondaggi invece che sulla scienza»: Jordan Peterson racconta la confessione di un ufficiale del governo

Pubblicato

il

 

 

Un consigliere governativo canadese ha rivelato al famoso psicologo e scrittore Jordan Peterson che le politiche di restrizione COVID del Canada sono completamente guidate dai sondaggi di opinione e non dalla scienza.

 

«In relazione alle restrizioni COVID, ho parlato con un consigliere anziano di uno dei governi provinciali un paio di settimane fa», ha detto Peterson.

 

«Mi ha detto chiaramente che la politica COVID qui è guidata da nient’altro che sondaggi di opinione relativi alla popolarità del governo», ha aggiunto.

 

«Mi ha detto chiaramente che la politica COVID qui è guidata da nient’altro che sondaggi di opinione relativi alla popolarità del governo»

«Nessuna scienza, nessun gioco finale in vista, nessun vero piano, e quindi ciò significa che la parte della popolazione che ha più paura del COVID» sta guidando la politica.

 

Peterson ha indicato cifre che dimostrano che le persone esagerano enormemente il rischio di essere ricoverate in ospedale a causa delle incessanti campagne di allarmismo del governo.

 

Il pensatore canadese, noto per la sincerità con la quale afferma ogni argomento, ha trovato la conversazione «estremamente scoraggiante» perché aveva sperato che le politiche di lockdown fossero «almeno guidate da qualcosa di lontanamente simile a un piano scientificamente informato».

 

Peterson ha detto che il consigliere del governo era «arrabbiato per quello che stava succedendo, tanto da considerare di dimettersi».

 

Peterson ha trovato la conversazione «estremamente scoraggiante» perché aveva sperato che le politiche di lockdown fossero «almeno guidate da qualcosa di lontanamente simile a un piano scientificamente informato»

Il Canada sembra essere uno dei più disinibiti laboratori del mondialismo pandemico. Ricordiamo i vari appelli del premier Justin Trudeau in merito al Grande Reset, che egli chiama proprio così, con l’espressione di Klaus Schwab e di Davos.

 

 

La classe politica canadese pare, quindi, parlare sempre più trasparentemente di un programma di cambiamento imposto dall’alto pienamente in atto. Renovatio 21 ha riportato in merito le confessioni dell’ex premier della Columbia Britannica Bill Vander Zalm.

 

La classe politica canadese pare, quindi, parlare sempre più trasparentemente di un programma di cambiamento imposto dall’alto pienamente in atto

Il documento più significativo, anche se mai confermato, è tuttavia la «misteriosa lettera dal Canada» di cui Renovatio 21 vi ha parlato un anno fa. Si tratta della confessione di un politico canadese che racconta come vi fossero già «corsi di formazione» per amministratori che prevedevano una dettagliata scaletta di eventi poi accaduti (varianti del virus, passaporti vaccinali, emarginazione, persecuzione e perfino deportazione dei dissidenti) che culminavano con la cancellazione del debito in cambio dell’abolizione della proprietà privata e, di fatto, dello stato di diritto – come da slogan di Davos, «non avrai nulla e sarai felice».

 

Peterson pare quindi aver parlato con un ufficiale già partecipe di questa trasparenza canadese verso la grande mutazione politica globale in atto.

 

Peterson, docente universitario di psicologia,  è divenuto celebre qualche anno fa per il suo rifiuto di sottomettersi all’ondata di politicamente corretto che imponeva ai professori di usare trans-pronomi a completa scelta della persona.

 

Divenuto noto per i suoi interventi in TV e su YouTube, lo scorso anno ha raccontato il suo calvario con gli psicofarmaci, in particolare le benzodiazepine, che lo hanno reso dipendente e estremamente malato. Ha passato la maggior parte degli ultimi mesi a cercare, finendo perfino in cliniche serbe e russe, un sistema di disintossicazione.

 

Un problema molto serio, quello della dipendenza dagli psicofarmaci, sui quali c’è attiva, anche in Italia, una spirale del silenzio – e chissà perché. Purtuttavia esistono, anche in Italia, dottori e centri clinici che si stanno ponendo il problema.

 

Peterson è autore di un best-seller tradotto anche in Italiano, un self-help book intitolato 12 regole per la vita: un antidoto al caos.

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

 

 

Immagine di Gage Skidmore via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

Continua a leggere

Epidemie

Cosplayer accusato di essere untore della variante Omicron

Pubblicato

il

Da

 

Secondo alcune testate americane, un uomo del Minnesota completamente vaccinato che si è recato a New York City  per partecipare ad una convention di fan degli anime – gli inevitabili cartoni giapponesi –  è ora la seconda persona ad aver ottenuto questo nuovo ceppo di COVID.

 

 

Tuttavia il Dipartimento della Salute del Minnesota ha affermato che i sintomi dell’uomo non identificato erano «lievi» e si sono «risolti». L’uomo era risultato positivo il 24 novembre, e ora pare essere guarito completamente.

 

Anime NYC, questo il nome dell’evento, ammetteva partecipanti che avessero ricevuto almeno una dose di siero anti-COVID. Si è svolto tra il 19 e il 21 novembre; il paziente omicron ha cominciato ad avvertire sintomi (lievi, come si racconta dei casi della nuova variante) il 22.

 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così

Il governatore dello Stato di Nuova York, Kathy Hochul, ha fatto un video su TikTok chiedendo a tutti partecipanti dell’evento anime di sottoporsi al test COVID.

 


 

L’opinione pubblica e l’amministrazione ha fatto presto ad accusare l’evento di patiti di animazione giapponese, ma potrebbe non essere andata così.

 

«Non abbiamo trovato prove di una trasmissione diffusa alla convention», ha dichiarato al New York Times portavoce del programma di tracciamento dei contatti di New York City, Test and Trace Corps.

 

Gli organizzatori della convention hanno sottolineato che non è chiaro dove l’uomo abbia contratto il virus.

 

«Era solo una persona che era al nostro evento», ha il presidente dell’azienda organizzatricedell’evento. «Non sono stati segnalati altri casi di massa dal nostro evento, e siamo ormai passate le due settimane» dalla fine della convention.

 

Il pubblico alla convention pare abbia raggiunto la cifra di 53 mila partecipanti.

 

Anime NYC è uno di quegli eventi in cui spesso i partecipanti sono cosplayer: persone che si travestono per divenire simili ai loro personaggi preferiti.

 

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare

Essendo molto vistosi, e in teoria fanciullescamente spensierati, non stupisce che con il presente clima da caccia all’untore possano essere finiti nel mirino di chi vuole a tutti i costi capri espiatori da massacrare.

 

Oramai molto diffuso anche in Italia, dove spunta in una quantità di eventi su tutto il territorio nazionale, il cosplay rimane una pratica controversa, che per alcuni andrebbe proibita a norma di legge, per lo meno sopra una certa età.*

 

 

*Scherziamo, ma fino ad un certo punto. Se riguardiamo la foto però la tentazione potrebbe salire.

 

 

 

 

 

Immagine di Richie.S via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons 

Continua a leggere

Epidemie

La Svizzera non pubblica nemmeno i dati completi sui contagi

Pubblicato

il

Da

 

 

C’era una volta il mito della precisione Svizzera. Nella grande lotta ai contagi, domenica 28 novembre la Confederazione Elvetica ha votato per mantenere e ampliare le restrizioni anti-COVID.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili.

 

Più volte su Renovatio 21 abbiamo commentato i dati dei singoli governi per verificare l’efficacia dei vaccini.

 

Piacerebbe sapere su quale base statistica i cittadini elvetici abbiano scelto che cosa votare, visto che i dati sui contagi per stato vaccinale non sono consultabili

Abbiamo visto che in Italia i dati raccolti contengono vizi logici (bias) poiché non dichiarano quanti tamponi vengono fatti rispettivamente dai diversi gruppi (vaccinati e non vaccinati).

 

In tal modo è possibile raccontare che i vaccinati si contagiano  genericamente «molto meno». Quante volte in TV sentiamo ripetere a vanvera la frase “«i vaccinati si contagiano molto meno»?

 

Abbiamo poi visto i dati inglesi, che non riportano direttamente le percentuali dei diversi gruppi nelle tabelle. Ma, quando andiamo ad inserire le percentuali, vediamo che i vaccinati si contagiano il doppio dei non vaccinati – il 200%!

 

Ce ne sarebbe quanto basta per dimostrare che il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente.

 

Il green pass (in versione super, normale o 2G) non solo non serve a nulla, ma è addirittura peggiorativo in vista del contenimento dei contagi: dato che la popolazione vaccinata viene considerata «immune», quando invece non lo è nemmeno lontanamente

Se aggiungiamo che, comunque, anche un anziano vaccinato rimane protetto dai sintomi gravi soltanto del 50%, si spiega come mai questa pandemia sembri infinita.

 

Stanno svuotando il mare con un colapasta.

 

Ebbene, per adesso, il campione nella raccolta dati sul contagio pare essere la Svizzera: non pubblica nemmeno i dati sui contagi divisi per stato vaccinale tra «vaccinati» e «non-vaccinati».

 

Nel report ufficiale si trova un’inutile classificazione tra vaccinati con 2 dosi e vaccinati con 1 dose. Mica male per il mito della precisione svizzera. Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio.

 

Dopo il segreto bancario, abbiamo il segreto del contagio

Infatti nei report periodici elvetici di questo dato non c’è traccia. Evidentemente i dati sui contagi divisi tra vaccinati e non vaccinati in Svizzera sono considerati poco importanti per capire l’andamento della situazione pandemica e l’efficacia dei «vaccini».

 

Molto più interessante dividere i contagi tra “maschi” e “femmine”. L’emergenza in Svizzera, insomma, sembra essere  più una lotta tra scapoli e ammogliati.

 

Si spiega così l’idea demenziale contenuta nelle nuove misure annunciate il 3 dicembre dalla Confederazione Elvetica: l’introduzione di un sistema 2G (solo vaccinati e guariti) facoltativo. Una specie di ultra-green pass creativo. Scrive 20 minuti.

 

«Per tutte le strutture pubbliche soggette all’obbligo del certificato e tutte le manifestazioni al chiuso e all’aperto è inoltre prevista la possibilità di limitare l’accesso alle persone vaccinate e guarite (il cosiddetto dispositivo 2G, dal tedesco geimpft e genesen) e di rinunciare all’obbligo della mascherina. Questa misura è stata pensata anche per le discoteche, dove è difficile immaginabile di consumare restando seduti a un tavolo». 

 

In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina

Avete letto bene. In Svizzera una struttura pubblica potrà a sua discrezione ammettere solo persone vaccinate o guarite (sistema 2G), e permettere loro di non portare la mascherina. La misura – dicono – è stata pensata tra l’altro proprio per dare una mano alle discoteche.

 

Ora, immaginate un trentenne svizzero vaccinato che vada in discoteca senza mascherina e poi si rechi a trovare la nonna.

 

Noi sappiamo, ad esempio, dai dati inglesi che un ottantenne vaccinato rimane al 15 % vulnerabile alla morte se contrae il COVID: 1 su 6 muore comunque. Dai dati italiani – forse più attendibili su questo punto – risulta essere realisticamente 1 su 30.

 

In ogni caso, i nonni svizzeri (seppur vaccinati) avranno un lungo inverno davanti a loro. I nipoti devono ballare in discoteca.
E per fare ballare gli svizzeri è chiaro che devono continuare a ballare anche le statistiche.

 

«Gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi»

Si sa che gli svizzeri sono un popolo abituato ad informarsi costantemente per i numerosi referendum; se solo avessero davanti delle tabelle ben fatte, sarebbero probabilmente uno dei pochi popoli che si accorgerebbe di essere gabbato con misure sanitarie inutili.

 

Quindi – ecco spiegato – le tabelle sui contagi è meglio non fargliele leggere proprio. Così non se ne accorgono.


Viene in mente la battuta del politico svizzero Willi Ritschard:  «gli svizzeri sono un popolo che si alza presto, ma si sveglia tardi».

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Epidemie

La variante Omicron è stata generata dall’incontro di COVID e HIV?

Pubblicato

il

Da

 

 

La variante di Omicron  è stata probabilmente incubata nel corpo di una persona con un sistema immunitario colpito dall’HIV o in un’altra condizione immunocompromessa che può causare un’infezione prolungata da coronavirus, secondo lo scienziato sudafricano che ha rilevato la variante. Lo riporta il Los Angeles Times.

 

Il virologo sudafricano Tulio De Oliveira ha affermato che l’insorgenza di Omicron in un paziente immunocompromesso sarebbe l’origine «più plausibile» per questa variante.

 

«Ci sono buone ragioni per pensarlo» scrive il LA Times.

La variante di Omicron  è stata probabilmente incubata nel corpo di una persona con un sistema immunitario colpito dall’HIV

 

«Ricercatori negli Stati Uniti e in Europa hanno visto la comparsa di coronavirus con mutazioni spaventose in pazienti COVID-19 le cui difese naturali sono state soppresse da farmaci per combattere il cancro, gestire malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide o impedire il rigetto degli organi trapiantati».

 

L’Africa ha una popolazione giovane e vastamente sieropositiva all’HIV. Coloro che hanno quindi un sistema immunitario debilitato nel continente sono milioni. Essi possono «diventare una fabbrica di varianti per il mondo intero», ha affermato l’infettivologo de Oliveira.

 

A giugno, il suo team ha raccontato l’emergere di oltre 30 cambiamenti genetici in campioni di SARS-CoV-2 prelevati da una singola donna sudafricana con HIV avanzato non curato. Le mutazioni che hanno visto, comprese alcune che potrebbero erodere la protezione del vaccino e aumentare la trasmissione della malattia, sono apparse in un periodo di sei mesi.

 

La questione della pericolosità degli africani immunodepressi, in grado non solo di infettare con l’HIV ma di creare anche varianti pericolose del virus, dovrebbe interessare anche la politica migratoria dell’Italia e dell’Europa

Ora De Oliveira teme che uno scenario simile possa aver dato vita a Omicron. La scorsa settimana, ha avvisato l’Organizzazione Mondiale della Sanità che il suo team aveva rilevato una variante con dozzine di nuove mutazioni che circolava nel Gauteng, la provincia più densamente popolata del Sudafrica, e nel vicino Botswana. I campioni studiati dagli scienziati sono stati raccolti tra il 12 e il 20 novembre.

 

Ma esiste per caso una correlazione tra i due virus? Ronza nella testa la dichiarazione di oramai due anni fa di Luc Montagnier, che ipotizzò che all’origine del coronavirus potesse esserci una ricerca per ottenere un vaccino anti-AIDS. Colpì l’immaginazione di molti anche il fatto che in Tailandia, nelle prime settimane del virus, sembravano funzionare i farmaci contro l’AIDS.

 

In tutto il Sud Africa, 2,2 milioni di persone sono infetti HIV non rilevati, non trattati o scarsamente controllati.

 

Il governo che per combattere il virus ci fa mettere la mascherina per uscire di casa, fa entrare impunemente sul suo territorio «fabbriche di varianti», come le chiama il virologo africano?

La questione della pericolosità degli africani immunodepressi, in grado non solo di infettare con l’HIV ma di creare anche varianti pericolose del virus, dovrebbe interessare anche la politica migratoria dell’Italia e dell’Europa.

 

Renovatio 21 lo sostiene da anni: l’immigrazione pone giocoforza un problema epidemiologico, soprattutto nei confronti dell’AIDS, che è una malattia che in Africa, malgrado vari maldestri tentativi di contenerla raccomandando preservativi o implementando vaccini sperimentali, è fuori controllo.

 

Il governo che per combattere il virus ci fa mettere la mascherina per uscire di casa, fa entrare impunemente sul suo territorio «fabbriche di varianti», come le chiama il virologo africano?

 

 

 

 

 

Immagine di jonrawlinson via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

Continua a leggere

Più popolari