Connettiti con Renovato 21

Cervello

La setta covidiana smascherata: sei condizioni per il controllo mentale

Pubblicato

il

 

 

 

 

 

Sul sito Consent Factory è apparso un interessante articolo sulla forma mentis del COVID. L’autore, CJ Hopkins, aveva anticipato alcuni dei concetti nel suo saggio «The covidian cult» («la setta covidiana») uscito nell’ottobre dell’anno scorso.

 

«La nuova normalità è diventata un movimento ideologico totalitario globale» scrive Hopkins.

 

«Nonostante l’assenza di prove scientifiche effettive di una piaga apocalittica (e l’abbondanza di prove contrarie), milioni di persone continuano a comportarsi come membri di un enorme setta della morte, camminando in pubblico con maschere dall’aspetto medico, ripetendo delle vuote banalità come degli automi affetti da riflessi pavloviani continuativi, e torturando con queste misure bambini, anziani, disabili e chiedendo che tutti si sottopongano a vaccini ancora in fase di sperimentazione»

«Un anno intero dopo che ci hanno mostrato in loop le orribili foto, accuratamente manipolate, di persone che stramazzano al suolo morte, un  tasso di mortalità pari al 3,4% e tutto il resto della propaganda ufficiale, nonostante l’assenza di prove scientifiche effettive di una piaga apocalittica (e l’abbondanza di prove contrarie), milioni di persone continuano a comportarsi come membri di un enorme setta della morte, camminando in pubblico con maschere dall’aspetto medico, ripetendo delle vuote banalità come degli automi affetti da riflessi pavloviani continuativi, e torturando con queste misure bambini, anziani, disabili e chiedendo che tutti si sottopongano a vaccini ancora in fase di sperimentazione».

 

Come siamo arrivati ​​a questo punto, chiede Hopkins?

 

«Perché invece di essere la setta ad esistere come un’isola all’interno della cultura dominante, “la setta è diventata la cultura dominante” e tutti coloro che non si prostrano o non si piegano a questo nuovo culto rischiano seriamente di isolarsi da questa nuova idea di società».

 

Hopkins sintetizza l’idea in sei punti punti prendendo spunto da Margaret Singer che aveva parlato di «sei condizioni per il controllo mentale» nel libro Cults in Our Midst (1995).

 

  1. Tenere la persona all’oscuro di quello che sta succedendo e di come viene cambiata un passo alla volta. I potenziali nuovi membri vengono guidati, passo dopo passo, attraverso un programma di cambiamento comportamentale senza essere a conoscenza dell’agenda finale o del contenuto completo del gruppo.

Invece di essere la setta ad esistere come un’isola all’interno della cultura dominante, «la setta è diventata la cultura dominante» e tutti coloro che non si prostrano o non si piegano a questo nuovo culto rischiano seriamente di isolarsi da questa nuova idea di società

 

«Guardando indietro, è facile vedere come le persone siano state condizionate, passo dopo passo, ad accettare l’ideologia di questa nuova normalità. Sono stati bombardati da una propaganda terrificante, rinchiusi, privati ​​dei loro diritti civili, costretti a indossare mascherine in pubblico, a recitare assurdi rituali di distanziamento sociale, a sottoporsi a continui test di dubbia rilevanza scientifica e tutto il resto». 

 

Chiunque non si attenga a questo programma di cambiamento comportamentale o sfidi la veridicità e la razionalità della nuova ideologia è demonizzato come un teorico della cospirazione o un negazionista COVID o un no-vax. In pratica un eretico della nuova religione.

 

 

  1. Controllare l’ambiente sociale e/o fisico della persona e il suo tempo libero.

Da oltre un anno le sentinelle del new normal controllano l’ambiente sociale e fisico e il modo in cui tutti noi trascorriamo il nostro tempo, con lockdown, rituali di allontanamento sociale, chiusura di attività non essenziali, propaganda ossessiva, isolamento di anziani, restrizioni di viaggio, regole obbligatorie per le mascherine, divieti di protesta e «ghettizzazione» per i no-vax. 

1) Tenere la persona all’oscuro di quello che sta succedendo e di come viene cambiata un passo alla volta

 

La società si è trasformata in qualcosa che assomiglia a un reparto di malattie infettive, o  in un enorme ospedale da cui non c’è scampo. Si vedono allegre foto di gente che cena al ristorante, si rilassa in spiaggia, fa jogging, frequenta scuole, insomma che conduce una vita ordinaria ma sempre con le mascherine in volto.

 

Quello che stiamo osservando è la patologizzazione della società, la patologizzazione della vita quotidiana, la manifestazione fisica (sociale) di un’ossessione morbosa per la malattia e per la morte.

 

 

  1. Creare sistematicamente un senso di impotenza nella persona.

2) Controllare l’ambiente sociale e/o fisico della persona e il suo tempo libero

«Un new normal è obbedientemente seduto a casa, che osserva ossessivamente il conteggio giornaliero dei morti di COVID, condivide i suoi selfie con mascherina sui canali social e immortala il momento tanto atteso della sua vaccinazione sui profili Facebook e Instagram, mentre aspetta il permesso delle autorità per uscire all’aria aperta, far visita ai suoi cari, baciare il suo amante o stringere la mano a un collega».

 

«Il leader carismatico del culto covidiano è questo manipolo di cosiddetti esperti medici e funzionari governativi. Tutto il pubblico pende dalle loro labbra, in uno stato di impotente catarsi e questa impotenza non è vissuta come negativa, anzi è orgogliosamente celebrata. “Lo dice la scienza!”, “L’ha detto la televisione!”; ecco i nuovi messia, i nuovi imbonitori».

 

 

3) Creare sistematicamente un senso di impotenza nella persona

  1. Manipolare un sistema di ricompense, punizioni ed esperienze in modo tale da inibire un comportamento che rifletta la precedente identità sociale della persona.

«Il punto qui è la trasformazione della persona razionale in una persona completamente diversa devota alla nuova normalità». 

 

  1. Manipolare un sistema di ricompense, punizioni ed esperienze al fine di promuovere l’apprendimento dell’ideologia o del sistema di credenze del gruppo e dei comportamenti approvati dal gruppo. Il buon comportamento, la dimostrazione di comprensione e accettazione delle convinzioni del gruppo e la compliance sono premiati, mentre le domande, l’espressione di dubbi o le critiche incontrano disapprovazione e possibile rifiuto. Se uno esprime una domanda, viene fatto sentire che c’è qualcosa di intrinsecamente sbagliato in loro da mettere in discussione.

 

 

Qui Hopkins fa un esempio preciso:

4) Manipolare un sistema di ricompense, punizioni ed esperienze in modo tale da inibire un comportamento che rifletta la precedente identità sociale della persona

 

«Brian è un ex amico/collega del mondo del teatro che è completamente assuefatto dalla nuova normalità ed è furioso che io non l’abbia fatto. Brian scrive su Internet riferendosi a me come un «”eorico della cospirazione” dicendo che ho una sorta di esaurimento nervoso e ho bisogno di cure psichiatriche immediate perché non credo alla narrativa ufficiale. Ora, questo non sarebbe un grosso problema, tranne per il fatto che Brian sta accusando e diffamando me sui canali social, arrogandosi in diritto di farlo, dato che per lui sono un “negazionista Covid”, un “teorico della cospirazione” e un “no-vax” e chi più ne ha più ne metta! Ha dalla sua il potere dello Stato, del mainstream giornalistico e del pensiero unico che scorre irrefrenabile nella mente di moltissimi di noi».

 

«È così che funziona nelle sette e nelle società totalitarie. Non è la Stasi che viene da te, ma sono i tuoi amici e colleghi che ti segnalano a loro come nel film Le vite degli altri. Quello che Brian sta facendo è lavorare su quel sistema di ricompense e punizioni per rafforzare la sua ideologia, perché sa che anche la maggior parte dei miei colleghi è completamente assuefatta a questa nuova idea di società». 

 

5) Manipolare un sistema di ricompense, punizioni ed esperienze al fine di promuovere l’apprendimento dell’ideologia o del sistema di credenze del gruppo e dei comportamenti approvati dal gruppo

«Questa tattica si è ritorta contro Brian, principalmente perché non me ne frega un cazzo di quello che pensano i new mormals di me e sono in una posizione piuttosto privilegiata, perché ho realizzato quello che volevo realizzare. Il punto è che questo tipo di condizionamento ideologico sta accadendo ovunque, ogni giorno, sul lavoro, tra amici, anche tra le familiari. La pressione a conformarsi è intensa, perché niente è più minaccioso per i cultisti devoti, o membri di movimenti ideologici totalitari, di quelli che sfidano le loro convinzioni fondamentali: il confronto con i fatti dimostra che la loro realtà non è affatto la realtà, ma una finzione delirante e paranoica».

 

I movimenti ideologici totalitari hanno dalla loro parte il potere dei governi, dei media, della polizia, dell’industria culturale, del mondo accademico e delle masse compiacenti. E, quindi, non hanno bisogno di persuadere nessuno. Hanno il potere di dettare la realtà. 

6) Proporre un sistema logico chiuso e una struttura autoritaria che non consente alcun feedback e rifiuta di essere modificato se non con l’approvazione della leadership o l’ordine esecutivo

 

«Questa pressione a conformarsi, questo condizionamento ideologico, deve essere combattuto ferocemente, indipendentemente dalle conseguenze, sia pubblicamente che nella nostra vita privata, altrimenti questa nuova normalità diventerà certamente una nuova realtà». 

 

  1. Proporre un sistema logico chiuso e una struttura autoritaria che non consente alcun feedback e rifiuta di essere modificato se non con l’approvazione della leadership o l’ordine esecutivo. Il gruppo ha una struttura piramidale dall’alto verso il basso. I leader devono avere modi verbali per non perdere mai.

«Non siamo ancora arrivati, ma è lì che siamo diretti: a un totalitarismo patologizzato globale»

I movimenti ideologici totalitari hanno dalla loro parte il potere dei governi, dei media, della polizia, dell’industria culturale, del mondo accademico e delle masse compiacenti. E, quindi, non hanno bisogno di persuadere nessuno. Hanno il potere di dettare la realtà

 

Conclude Hopkins:

 

«Quindi, per favore, affrontiamo i Brians che troviamo dinanzi a noi. Non facciamoci coinvolgere dalla loro idea avvelenata di realtà, reagiamo con la forza della ragione e non indietreggiamo di un millimetro».

 

 

 

 

ABBIAMO PARLATO DI

Per approfondire

In affiliazione Amazon

Continua a leggere

Cervello

L’ameba «mangia-cervello» torna a diffondersi negli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

Un americano del Missouri è diventato l’ultima vittima di una rara e mortale infezione cerebrale causata da un microrganismo chiamato Naegleria fowleri, noto anche come «ameba mangia-cervello».

 

Il Dipartimento di sanità pubblica dell’Iowa ha annunciato la chiusura temporanea della spiaggia del Lago dei Tre Fuochi nella contea di Taylor, dove la vittima potrebbe essere stata esposta al pericoloso microrganismo, aggiungendo che i test per Naegleria fowleri sono condotti lì «in collaborazione con il CDC», l’ente per il controllo delle epidemie USA.

 

Secondo il CDC, la pericolosa «ameba mangia-cervello», che generalmente prospera in corpi caldi di acqua dolce, è stata trovata negli ultimi anni negli Stati del nord degli Stati Uniti con maggiore frequenza «con l’aumento della temperatura dell’aria e dell’acqua aumenta», riporta NBC news.

 

Uno studio del CDC pubblicato nel 2020, già riportato a suo tempo da Renovatio 21, ha rilevato che cinque dei sei casi di meningoencefalite amebica primaria (PAM), come viene chiamata l’infezione cerebrale causata da Naegleria fowleri, si sono verificati durante o dopo il 2010.

 

«L’aumento dei casi nella regione del Midwest dopo il 2010 e l’aumento delle latitudini massime e mediane delle esposizioni dei casi suggeriscono un’espansione verso nord delle esposizioni di N. fowleri», afferma lo studio.

 

Va rilevato inoltre che negli ultimi 15 anni, una malattia neurodegenerativa estremamente rara che mangia il cervello umano lasciando buchi è diventata sempre più comune in Giappone, ma il caso PAM statunitense sembra molto diverso.

 

Bisogna tuttavia prevenire il panico presso la popolazione: chi è in assenza di cervello non ha nulla da tenere. Dopo le rivelazioni di questi due anni, si tratta di un numero stellare di persone, che può dormire sonni tranquilli, perché nel loro caso l’ameba non ha nulla da mangiare.

 

Un’epidemia legata ai prioni aveva invece generato nel 2019 un’epidemia di cervi zombie – e non scherziamo. La sindrome degli «zombie deer», nota anche come malattia del deperimento cronico, è conosciuta da 50 anni, e vede il cervello delle povere bestiole «mangiato» dalle proteine infette, creando così comportamenti zombeschi negli ungulati cornuti.

 

Continua a leggere

Cervello

La coscienza oltre i traumi cerebrali più devastanti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il New York Times ha recentemente pubblicato un necrologio di Terry Wallis, un uomo di 57 anni dell’Arkansas morto in una struttura di riabilitazione il 29 marzo.

 

Ciò che ha reso il signor Wallis straordinario è che era una specie di Rip Van Winkle neurologico: si è svegliato nel 2003 dopo 19 anni in uno stato di minima coscienza.

 

Nel 1984, il signor Wallis, allora ventenne e sposato con una figlia neonata, guidava un pick-up con due passeggeri. Scivolò, si schiantò contro la ringhiera di un ponte sul letto asciutto di un fiume. Un passeggero è morto, l’altro è uscito senza gravi ferite e il signor Wallis è venuto fuori dal rottame in coma e tetraplegico.

 

Veniva regolarmente visitato dalla sua famiglia, ma non rispondeva sempre. Ma all’improvviso, l’11 giugno 2003, salutò sua madre e iniziò rapidamente a comunicare con le persone intorno a lui, comprese sua moglie e sua figlia, che ora ha 19 anni, con un figlio suo.

 

«In un periodo di tre giorni, dopo aver detto “Mamma” e “Pepsi”, aveva riacquistato la fluidità verbale”» ha detto il dottor Nicholas Schiff , neuroscienziato della Weill Cornell Medicine di Manhattan che ha studiato il cervello del signor Wallis. «Era disorientato», ha detto il dottor Schiff al NYT, e «pensava che fosse ancora il 1984, ma per il resto conosceva tutte le persone della sua famiglia e aveva quella scioltezza».

 

Ha anche riguadagnato un po’ di movimento nelle braccia e nelle gambe. Dopo il suo risveglio, è stato accudito dai suoi genitori e da sua figlia. (Il suo matrimonio era finito con il divorzio.)

 

«Penso che l’eredità di Terry alle neuroscienze al più alto livello», ha detto il dottor Schiff, «è quello di infondere il nostro interesse duraturo, non diluito e profondo nella comprensione di come la coscienza umana possa riprendersi dopo una grave lesione cerebrale».

 

Il signor Wallis si è ripreso due anni prima che Terri Schiavo, una donna della Florida con danni cerebrali, fosse lasciata morire di fame nel 2005, un caso che è andato alla Corte Suprema degli Stati Uniti ed è stato denunciato in tutto il mondo.

 

Naturalmente, molte persone hanno chiesto perché anche lei non si fosse ripresa. Alcuni medici hanno insistito sul fatto che fosse possibile; altri, altrettanto fervidamente, che non poteva.

 

Con il senno di poi, sembra che Terry Wallis fosse in uno «stato minimamente cosciente»: la sua ferita era meno grave e parte del suo cervello è riuscito a rigenerarsi. Terri Schiavo potrebbe essere stato in uno stato vegetativo persistente.

 

Qualunque siano i fatti medici, entrambi erano chiaramente vivi, anche se non erano coscienti.

 

La rimozione dell’idratazione e della nutrizione da Terri Schiavo, che ha portato alla sua morte, è stata descritta come un omicidio da molti osservatori.  

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

È possibile trapiantare le teste?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il paradiso ha significati diversi per persone diverse. Per alcuni transumanisti HEAVEN è l’acronimo di (HEad Anastomosis VENture), il tentativo di un chirurgo italiano e uno cinese di trapiantare una testa viva su un corpo vivente. Hanno lavorato a questo progetto per diversi anni e affermano di aver avuto un certo successo con gli animali.

 

Questo ambizioso esperimento di Sergio Canavero e Xiaoping Ren solleva tante domande filosofiche quante ne pone domande neurologiche e chirurgiche.

 

L’attuale numero del Journal of Medicine & Philosophy esamina alcune complicazioni, partendo dal presupposto che sia anche possibile rimuovere una testa da un corpo e trapiantarla su un altro corpo.

 

  • Chi si può dire chi sopravviva a una procedura come questa? È la persona il cui corpo è stato usato o la persona la cui testa è ora su un diverso set di spalle?

 

  • Il cervello è davvero il fulcro dell’identità personale?

 

  • Come possiamo valutare la base etica di una simile impresa se non siamo d’accordo su punti fondamentali della metafisica?

 

  • È etico usare una procedura come questa per mantenere in vita una persona indefinitamente, facendo circolare un cervello attraverso un corpo dopo l’altro?

 

Uno dei contributori, J. Clint Parker, della East Carolina University, chiede se il progetto contribuisce alla prosperità umana:

 

«L’iniziativa del dott. Canavero solleva profonde domande su quale tipo di vita vale la pena vivere e, soprattutto, quale tipo di vita vale la pena vivere per sempre. Anche se c’è qualcosa di importante nel resistere, è bene che gli esseri umani durino per sempre come sono ora? La posta in gioco sembra aumentare man mano che si vive più a lungo, e sembra probabile che piuttosto che dare agli esseri umani un’esistenza migliore, il trapianto di testa, almeno per il prossimo futuro, porterebbe probabilmente a un’esistenza ridotta. Anche se ha funzionato perfettamente, sembra ampiamente improbabile che semplicemente anastomizzare un nuovo corpo su una testa manterrebbe il cervello perennemente giovane».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari