Connettiti con Renovato 21

Cervello

Scienziati controllano pianta carnivora tramite chip cerebrali

Pubblicato

il

 

 

Un team di scienziati ha preso con successo il controllo di una pianta carnivora del tipo Dionea muscipula impiantandovi un minuscolo microchip. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

 

Questo «neurone artificiale» è stato in grado di costringere le piante ad aprirsi e chiudersi – convenzionalmente un modo per divorare la preda – imitando i metodi del cervello di elaborazione e trasferimento delle informazioni.

 

I neuroni artificiali realizzati dal team di ricerca dell’università svedese di Linköping imitano quelli biologici aumentando la concentrazione di ioni in un transistor elettrochimico organico.

 

Questo approccio comporta una serie di vantaggi, dicono, tra cui un notevole risparmio energetico rispetto ai circuiti convenzionali a base di silicio.

 

I neuroni dei ricercatori ettono corrente elettrica all’interno delle cellule della Dionea muscipula per attivare i riflessi naturali della pianta e costringerla a chiudersi di scatto.

 

«Al di fuori delle piante carnivore, tale tecnologia potrebbe avere anche un vasto numero di altri usi, dai dispositivi medici impiantabili alla robotica morbida intelligente» scrive Futurism.

 

«Essere in grado di imitare il funzionamento dei neuroni biologici con dispositivi elettronici potrebbe consentire lo sviluppo di tecnologie di intelligenza artificiale» ha detto Simone Fabiano, professore associato all’università di  Linköping e autore senior del nuovo studio pubblicato su Nature.

 

Come riportato da Renovatio 21, la ricerca sugli impianti cerebrali è sempre più accelerata grazie alla concorrente spinta di imprese private – compresi grandi gruppi informatici – e di enti pubblici come la DARPA, l’enigmatico ramo ricerca e sviluppo del Pentagono USA.

 

Un mese fa era emerso che Neuralink, una delle aziende del patron di Tesla Elon Musk, sarebbe pronta a impiantare il suo chip su esseri umani.

 

A fine 2021, scienziati coreani avevano fatto sapere di aver creato un’interfaccia neurale in grado di fornire farmaci in remoto al cervello.

 

Da diversi anni oramai si sperimentano chip cerebrali nel trattamento di problemi mentali come il disordine da stress post-traumatico (PSTD) e la depressione.

 

I rischi di cambiamento sociale, prima che di pericolo sanitario, di una tecnologia di interfaccia uomo macchina non sono ancora stati del tutto considerati.

 

Come riportato l’interfaccia uomo macchina, possibile attraverso l’impianto di microchip cerebrali e non, è considerata dal fondatore del WEF di Davos e propugnatore del Grande Reset Klaus Schwab come una necessità per il mondo a venire, predicando «una fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica».

 

«I dispositivi esterni di oggi, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello» aveva spiegato il guru del Great Reset.  «I microchip impiantabili attivi che rompono la barriera cutanea del nostro corpo» cambieranno il modo in cui ci interfacciamo con il mondo «e ci costringeranno a chiederci «cosa significhi essere umani».

 

In uno slancio di tracotanza non facilmente spiegabile, lo Schwabbo era arrivato a dichiarare che «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo».

 

 

Microchip, nanotecnologie intracorporee, biosensori saranno la nuova normalità?

Continua a leggere

Cervello

L’ameba «mangia-cervello» torna a diffondersi negli Stati Uniti

Pubblicato

il

Da

Un americano del Missouri è diventato l’ultima vittima di una rara e mortale infezione cerebrale causata da un microrganismo chiamato Naegleria fowleri, noto anche come «ameba mangia-cervello».

 

Il Dipartimento di sanità pubblica dell’Iowa ha annunciato la chiusura temporanea della spiaggia del Lago dei Tre Fuochi nella contea di Taylor, dove la vittima potrebbe essere stata esposta al pericoloso microrganismo, aggiungendo che i test per Naegleria fowleri sono condotti lì «in collaborazione con il CDC», l’ente per il controllo delle epidemie USA.

 

Secondo il CDC, la pericolosa «ameba mangia-cervello», che generalmente prospera in corpi caldi di acqua dolce, è stata trovata negli ultimi anni negli Stati del nord degli Stati Uniti con maggiore frequenza «con l’aumento della temperatura dell’aria e dell’acqua aumenta», riporta NBC news.

 

Uno studio del CDC pubblicato nel 2020, già riportato a suo tempo da Renovatio 21, ha rilevato che cinque dei sei casi di meningoencefalite amebica primaria (PAM), come viene chiamata l’infezione cerebrale causata da Naegleria fowleri, si sono verificati durante o dopo il 2010.

 

«L’aumento dei casi nella regione del Midwest dopo il 2010 e l’aumento delle latitudini massime e mediane delle esposizioni dei casi suggeriscono un’espansione verso nord delle esposizioni di N. fowleri», afferma lo studio.

 

Va rilevato inoltre che negli ultimi 15 anni, una malattia neurodegenerativa estremamente rara che mangia il cervello umano lasciando buchi è diventata sempre più comune in Giappone, ma il caso PAM statunitense sembra molto diverso.

 

Bisogna tuttavia prevenire il panico presso la popolazione: chi è in assenza di cervello non ha nulla da tenere. Dopo le rivelazioni di questi due anni, si tratta di un numero stellare di persone, che può dormire sonni tranquilli, perché nel loro caso l’ameba non ha nulla da mangiare.

 

Un’epidemia legata ai prioni aveva invece generato nel 2019 un’epidemia di cervi zombie – e non scherziamo. La sindrome degli «zombie deer», nota anche come malattia del deperimento cronico, è conosciuta da 50 anni, e vede il cervello delle povere bestiole «mangiato» dalle proteine infette, creando così comportamenti zombeschi negli ungulati cornuti.

 

Continua a leggere

Cervello

La coscienza oltre i traumi cerebrali più devastanti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il New York Times ha recentemente pubblicato un necrologio di Terry Wallis, un uomo di 57 anni dell’Arkansas morto in una struttura di riabilitazione il 29 marzo.

 

Ciò che ha reso il signor Wallis straordinario è che era una specie di Rip Van Winkle neurologico: si è svegliato nel 2003 dopo 19 anni in uno stato di minima coscienza.

 

Nel 1984, il signor Wallis, allora ventenne e sposato con una figlia neonata, guidava un pick-up con due passeggeri. Scivolò, si schiantò contro la ringhiera di un ponte sul letto asciutto di un fiume. Un passeggero è morto, l’altro è uscito senza gravi ferite e il signor Wallis è venuto fuori dal rottame in coma e tetraplegico.

 

Veniva regolarmente visitato dalla sua famiglia, ma non rispondeva sempre. Ma all’improvviso, l’11 giugno 2003, salutò sua madre e iniziò rapidamente a comunicare con le persone intorno a lui, comprese sua moglie e sua figlia, che ora ha 19 anni, con un figlio suo.

 

«In un periodo di tre giorni, dopo aver detto “Mamma” e “Pepsi”, aveva riacquistato la fluidità verbale”» ha detto il dottor Nicholas Schiff , neuroscienziato della Weill Cornell Medicine di Manhattan che ha studiato il cervello del signor Wallis. «Era disorientato», ha detto il dottor Schiff al NYT, e «pensava che fosse ancora il 1984, ma per il resto conosceva tutte le persone della sua famiglia e aveva quella scioltezza».

 

Ha anche riguadagnato un po’ di movimento nelle braccia e nelle gambe. Dopo il suo risveglio, è stato accudito dai suoi genitori e da sua figlia. (Il suo matrimonio era finito con il divorzio.)

 

«Penso che l’eredità di Terry alle neuroscienze al più alto livello», ha detto il dottor Schiff, «è quello di infondere il nostro interesse duraturo, non diluito e profondo nella comprensione di come la coscienza umana possa riprendersi dopo una grave lesione cerebrale».

 

Il signor Wallis si è ripreso due anni prima che Terri Schiavo, una donna della Florida con danni cerebrali, fosse lasciata morire di fame nel 2005, un caso che è andato alla Corte Suprema degli Stati Uniti ed è stato denunciato in tutto il mondo.

 

Naturalmente, molte persone hanno chiesto perché anche lei non si fosse ripresa. Alcuni medici hanno insistito sul fatto che fosse possibile; altri, altrettanto fervidamente, che non poteva.

 

Con il senno di poi, sembra che Terry Wallis fosse in uno «stato minimamente cosciente»: la sua ferita era meno grave e parte del suo cervello è riuscito a rigenerarsi. Terri Schiavo potrebbe essere stato in uno stato vegetativo persistente.

 

Qualunque siano i fatti medici, entrambi erano chiaramente vivi, anche se non erano coscienti.

 

La rimozione dell’idratazione e della nutrizione da Terri Schiavo, che ha portato alla sua morte, è stata descritta come un omicidio da molti osservatori.  

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

È possibile trapiantare le teste?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il paradiso ha significati diversi per persone diverse. Per alcuni transumanisti HEAVEN è l’acronimo di (HEad Anastomosis VENture), il tentativo di un chirurgo italiano e uno cinese di trapiantare una testa viva su un corpo vivente. Hanno lavorato a questo progetto per diversi anni e affermano di aver avuto un certo successo con gli animali.

 

Questo ambizioso esperimento di Sergio Canavero e Xiaoping Ren solleva tante domande filosofiche quante ne pone domande neurologiche e chirurgiche.

 

L’attuale numero del Journal of Medicine & Philosophy esamina alcune complicazioni, partendo dal presupposto che sia anche possibile rimuovere una testa da un corpo e trapiantarla su un altro corpo.

 

  • Chi si può dire chi sopravviva a una procedura come questa? È la persona il cui corpo è stato usato o la persona la cui testa è ora su un diverso set di spalle?

 

  • Il cervello è davvero il fulcro dell’identità personale?

 

  • Come possiamo valutare la base etica di una simile impresa se non siamo d’accordo su punti fondamentali della metafisica?

 

  • È etico usare una procedura come questa per mantenere in vita una persona indefinitamente, facendo circolare un cervello attraverso un corpo dopo l’altro?

 

Uno dei contributori, J. Clint Parker, della East Carolina University, chiede se il progetto contribuisce alla prosperità umana:

 

«L’iniziativa del dott. Canavero solleva profonde domande su quale tipo di vita vale la pena vivere e, soprattutto, quale tipo di vita vale la pena vivere per sempre. Anche se c’è qualcosa di importante nel resistere, è bene che gli esseri umani durino per sempre come sono ora? La posta in gioco sembra aumentare man mano che si vive più a lungo, e sembra probabile che piuttosto che dare agli esseri umani un’esistenza migliore, il trapianto di testa, almeno per il prossimo futuro, porterebbe probabilmente a un’esistenza ridotta. Anche se ha funzionato perfettamente, sembra ampiamente improbabile che semplicemente anastomizzare un nuovo corpo su una testa manterrebbe il cervello perennemente giovane».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari