Connettiti con Renovato 21

Big Pharma

Chi è l’illustre dottor Fauci?

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl con il consenso dell’autore

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Gli Stati Uniti e il mondo intero sono alle prese con decisioni drastiche sulle misure di quarantena, di emergenza e altri passi da effettuare. In molti casi le misure radicali, come la chiusura dell’economia mondiale, sono giustificate dalle proiezioni sulla morbilità del COVID-19 in futuro.

 

Se c’è una persona che incarna l’attuale strategia di gestione del coronavirus a Washington, è il direttore dell’Istituto Nazionale Americano per le Allergie e le Malattie Infettive (NIAID) del NIH, il dottor Tony Fauci. Ciò che i principali media tralasciano, convenientemente, nel discutere il ruolo di Fauci è la sua storia altamente controversa e conflittuale da quando è entrato a far parte della NIAID nel 1984 all’inizio dell’ondata di panico per l’AIDS. Il suo ruolo quindi getta una luce preziosa sulle sue azioni straordinarie e altamente controverse di oggi.

 

Ciò che i principali media tralasciano nel discutere il ruolo di Fauci è la sua storia altamente controversa e conflittuale da quando è entrato a far parte della NIAID nel 1984 all’inizio dell’ondata di panico per l’AIDS

Tony Fauci, membro di spicco della Task Force per il Coronavirus della Casa Bianca, viene promosso dai principali media statunitensi come CNN, MSNBC o il New York Times come il grande esperto di tutti gli aspetti legati all’epidemia di Covid19.

 

Ha respinto gli sforzi del Presidente per promuovere un noto trattamento contro la malaria come cura per i pazienti affetti da una grave forma di Coronavirus come «aneddotici», anche se sette anni prima aveva dato il proprio sostegno allo stesso farmaco.

 

Ha pubblicamente preso proiezioni da un istituto creato nello Stato di Washington dalla Gates Foundation, la stessa che praticamente possiede l’OMS e quote importanti dei principali produttori di vaccini, per affermare che fino a 200.000 americani potrebbero morire per COVID19.

 

Fauci ha pubblicamente preso proiezioni da un istituto creato nello Stato di Washington dalla Gates Foundation, la stessa che praticamente possiede l’OMS e quote importanti dei principali produttori di vaccini, per affermare che fino a 200.000 americani potrebbero morire per COVID19

Fauci ha dichiarato che il COVID19 è «probabilmente circa 10 volte più letale dell’influenza stagionale», il che significherebbe quest’anno 300-600.000 decessi per Coronavirus, mentre in una nota rivista medica ha equiparato la morbilità del Covid-19 all’influenza stagionale.

 

Alla domanda su quanto tempo durerà il fermo di gran parte dell’economia americana, Fauci ha risposto che si riaprirà solo quando ci saranno zero nuovi casi testati positivi, impossibile dato che il test è difettoso. Ha anche sostenuto i test dei nuovi vaccini direttamente sugli umani, senza precedenti sperimentazioni sugli animali, compresi i vaccini non testati con mRNA geneticamente modificato.

 

Fauci ha più influenza di chiunque altro sulla politica nazionale degli Stati Uniti per quanto riguarda la pandemia di COVID-19, incluso il Presidente. Gran parte dei media lo tratta con reverenza, come uno scienziato senza eguali, uno dei migliori del mondo. Ma uno sguardo più ravvicinato alla carriera di Anthony Fauci offre un’immagine nettamente diversa, in effetti molto allarmante.

 

 

Fauci ha dichiarato che il COVID19 è «probabilmente circa 10 volte più letale dell’influenza stagionale», il che significherebbe quest’anno 300-600.000 decessi per Coronavirus, mentre in una nota rivista medica ha equiparato la morbilità del Covid-19 all’influenza stagionale

Lo Zar dell’AIDS in America

Tony Fauci è rimasto al vertice del NIAID di Washington per ben 36 anni. Oggi ha di gran lunga superato l’età di pensionamento, ha 79 anni, e gestisce i fondi, determinando quali compagnie farmaceutiche o ricercatori universitari otterranno i preziosi contributi governativi dal budget annuale di 5 miliardi di dollari del NIAID.

 

Torniamo al 1984 quando Fauci fu nominato capo del NIAID durante l’era Reagan. Quell’anno un ricercatore per l’AIDS, Robert Gallo, che lavorava sotto Fauci, tenne una conferenza stampa per annunciare di aver «scoperto» il virus dell’AIDS. Aveva affermato che si trattava di HIV – virus dell’immunodeficienza umana.

 

La scioccante rivelazione che fece il giro del mondo ignorava le prove scientifiche ottenute con le procedure ufficiali, comprese le necessarie analisi al microscopio elettronico. Era un caso di «scienza per conferenza stampa» come il prof. Peter H. Duesberg, scienziato critico, lo aveva descritto. Duesberg era un ricercatore pluripremiato di Berkeley che isolò il primo gene del cancro attraverso il suo lavoro sui retrovirus nel 1970 e mappò la struttura genetica di questi virus.

 

Fauci ha anche sostenuto i test dei nuovi vaccini direttamente sugli umani, senza precedenti sperimentazioni sugli animali, compresi i vaccini non testati con mRNA geneticamente modificato.

Per Gallo e Fauci, non aveva alcuna importanza poiché milioni di fondi per la ricerca erano confluiti nel NIAID per la ricerca del nuovo virus, l’HIV.

 

Fauci e Gallo affermarono che l’AIDS era altamente contagioso, anche per trasmissione sessuale, specialmente tra uomini omosessuali. In particolare, prima che Gallo affermasse di aver scoperto il virus dell’HIV/AIDS, il NIAID aveva svolto ricerche sul ruolo di droghe, popper o nitriti, comprovati immunosoppressori, nella morte dei primi malati di AIDS. Queste ricerche furono rapidamente abbandonate a favore della ricerca di una «cura» per l’AIDS.

 

Ai media venne detto che l’AIDS era la «minaccia alla salute pubblica del secolo». Gallo continuò a guadagnare milioni grazie al suo esame del sangue brevettato per l’HIV, nonostante il test spesso fornisse falsi positivi e non abbia testato direttamente il presunto virus ma gli anticorpi attivi, qualcosa che la pratica dell’immunologia ha ritenuto non valida, poiché la presenza di anticorpi semplicemente suggeriva una reazione a un’infezione passata e non necessariamente la presenza di AHIV. A quel tempo, negli anni ’80, Fauci era responsabile della ricerca sull’AIDS presso il NIAID, incarico che ricopre tuttora.

 

 

Test falsi?

La questione dei test HIV/AIDS è cruciale. Mentre un mondo spaventato chiedeva a gran voce un test, Gallo e Fauci promossero i loro test sugli anticorpi profondamente imperfetti.

 

La questione dei test HIV/AIDS è cruciale. Mentre un mondo spaventato chiedeva a gran voce un test, Gallo e Fauci promossero i loro test sugli anticorpi profondamente imperfetti

Nel 2006 Gallo ha affermato: «I test HIV erano estremamente precisi dal momento in cui sono stati sviluppati nel 1984 e sono diventati molto più precisi nel tempo …» Altamente preciso nel 1984 ma ancora più preciso nel tempo? Gallo ha aggiunto in risposta alle critiche, «Un test PCR per la presenza del virus stesso può determinare con precisione lo stato dell’HIV in un bambino».

 

In una brusca confutazione delle affermazioni di Gallo, affermazioni approvate da Fauci e dal NIAID, nonché dal CDC, il Dr. Roberto A. Giraldo e Dr. Etienne de Harven, lo scienziato che ha prodotto la prima microfotografia elettronica di un retrovirus, hanno sottolineato che entrambi i test ELISA con Western Blot e un test genetico, il test PCR o “Viral Load”, i test principali utilizzati per determinare se la persona abbia contratto l’AIDS, non sono validi.

 

«Nessuno di questi test rileva lo stesso virus HIV, né rileva particelle di HIV.» Aggiungono che ci sono «più di 70 diverse condizioni documentate che possono far sì che i test anticorpali reagiscano positivamente senza un’infezione da HIV». Tra i casi che possono risultare in falsi positivi vi sono l’influenza, il raffreddore, la lebbra o la gravidanza. Gli stessi test vengono utilizzati oggi per determinare la positività al SARS-CoV-2.

«Più di 70 diverse condizioni documentate che possono far sì che i test anticorpali reagiscano positivamente senza un’infezione da HIV». Tra i casi che possono risultare in falsi positivi vi sono l’influenza, il raffreddore, la lebbra o la gravidanza. Gli stessi test vengono utilizzati oggi per determinare la positività al SARS-CoV-2

 

Hanno concluso: «Il fatto che dopo 25 anni di intensa ricerca l’HIV non sia stato né isolato né purificato in termini di virologia classica ci indica che la visione infettiva dell’AIDS come malattia virale contagiosa si basa su un microbo apparentemente inesistente!».

 

Giraldo e de Harven hanno dichiarato: «La presunta esistenza dell’HIV è stata confermata dallo studio delle proteine, dell’attività della trascrittasi inversa (RT) e dei frammenti di RNA che sono stati trovati nei surnatanti di coltura, non dall’analisi diretta delle particelle virali purificate».

 

Il CDC richiede un test anticorpale positivo per l’HIV per determinare la diffusione dell’AIDS negli Stati Uniti. Eppure in Africa dal 1985 l’OMS non richiede test HIV o altri esami di laboratorio. Solo i sintomi del paziente possono includere perdita di peso, diarrea cronica, febbre prolungata, tosse persistente e simili, sintomi endemici di povertà cronica, malnutrizione e mancanza di servizi igienici.

 

Eppure questa frode ha plasmato la carriera di Tony Fauci per oltre 35 anni. Fauci come capo del NIAID ha ottenuto milioni dalla Fondazione Bill & Melinda Gates e dalla Fondazione Clinton insieme a decine di miliardi da parte dei contribuenti statunitensi per questa ricerca fasulla. Stranamente, l’articolo del 2006 di Giraldo e de Harven è stato improvvisamente ritirato dalla rivista nel 2019, appena prima dello scoppio dell’epidemia di Coronavirus di Wuhan.

 

Fauci come capo del NIAID ha ottenuto milioni dalla Fondazione Bill & Melinda Gates e dalla Fondazione Clinton insieme a decine di miliardi da parte dei contribuenti statunitensi per questa ricerca fasulla

Nonostante conoscesse le regole stabilite della virologia, Fauci, come capo del NIAID, raccomandò il farmaco chemioterapico Burroughs Wellcome, l’AZT come “farmaco preventivo” per i pazienti con diagnosi di HIV anche senza sintomi!

 

Burroughs Wellcome ha fornito al NIAID uno studio deliberatamente distorto per l’AZT. Fauci ha persino sostenuto l’AZT per le donne in gravidanza nonostante i gravi rischi per il feto. Un segnale della gravidanza in tutte le donne è un livello più elevato di antigeni poiché il sistema immunitario naturale combatte qualsiasi infezione per proteggere il feto.

 

L’AZT o Retrovir, un farmaco inefficace contro la leucemia, ha dimostrato di essere un farmaco altamente tossico.

 

È stato approvato per il test dell’AIDS in un tempo record di 5 giorni da Fauci e dal governo degli Stati Uniti nel 1987. Oggi, nonostante oltre trent’anni di ricerche finanziate e miliardi di dollari, non esiste un vaccino efficace per l’HIV/AIDS.

 

 

Oggi, nonostante oltre trent’anni di ricerche finanziate e miliardi di dollari, non esiste un vaccino efficace per l’HIV/AIDS

Fauci e Gilead

Secondo gli osservatori del ruolo di Tony Fauci come capo del NIAID, il suo focus è stato quello che viene chiamato riduzionismo scientifico, descritto come «una teoria a singolo germe in stile 19° secolo per una complessa rete di fattori che hanno fatto crollare il sistema immunitario di un sottoinsieme di uomini gay all’inizio degli anni ’80». Si è rifiutato di esplorare la documentazione secondo cui una varietà di farmaci letali e altre tossine come i nitriti potessero svolgere un ruolo chiave. Di conseguenza ha sprecato decine di miliardi di dollari dei contribuenti dal 1984 in esperimenti senza uscita. Uno dei più nefasti fu durante la sua collaborazione con Gilead Sciences.

 

Nel 2007 Fauci iniziò a finanziare studi clinici sui farmaci AZT in pazienti «negativi» all’HIV, secondo la teoria che la chemioterapia li avrebbe «protetti» dal diventare «positivi». Cioè, testare farmaci tossici per l’HIV su persone sane per «assicurare» che non avrebbero mai contratto l’AIDS

Non soddisfatto di aver sviluppato un test falso positivo per l’AIDS e di aver ottenuto l’approvazione accelerata della FDA per l’AZT per il trattamento di pazienti sieropositivi con gravi sintomi di malattia, Fauci decise di collaborare con Gilead (come il «balsamo biblico di Gilead») per quelli che vennero chiamati esperimenti PrEP.

 

Nel 2007 Fauci iniziò a finanziare studi clinici sui farmaci AZT in pazienti «negativi» all’HIV, secondo la teoria che la chemioterapia li avrebbe «protetti» dal diventare «positivi». Cioè, testare farmaci tossici per l’HIV su persone sane per «assicurare» che non avrebbero mai contratto l’AIDS.

 

Se sembra folle, è perché lo era. Gilead ha fornito il farmaco, Truvada, al NIAID tra il 2007-2012 per i test umani di fase III su soggetti HIV negativi. Sono stati condotti quattro test su 2.000 fino a 5.000 soggetti ciascuno. Il progetto era chiamato «profilassi pre-esposizione» o «PrEP».

 

Ai soggetti sani sono state somministrate dosi del farmaco chemioterapico Truvada sulla base della tesi che potrebbe impedire loro di diventare un giorno sieropositivi. Il CDC, nella sua raccomandazione del maggio 2014, ha invitato i medici a prescrivere Truvada per i negativi nei cosiddetti «gruppi a rischio», un via libera ufficiale del governo per un farmaco estremamente redditizio.

 

La FDA ha ignorato due dei quattro test di Truvada che avevano fallito ed erano stati bloccati

La FDA ha ignorato due dei quattro test di Truvada che avevano fallito ed erano stati bloccati. Nonostante ciò e grazie alla manipolazione dei dati da parte del NIAID di Fauci e di Gilead, la FDA ha approvato il pericoloso farmaco Truvada per la PrEP.

 

Oggi Gilead elenca gli effetti collaterali di Truvada: problemi renali, inclusa insufficienza renale; peggioramento dell’epatite B; eccesso di acido lattico nel sangue (acidosi lattica), che può portare alla morte; gravi problemi al fegato, che possono portare alla morte; problemi alle ossa.

 

Dichiarano che Truvada “può aiutare a ridurre il rischio di contrarre l’HIV-1 attraverso i rapporti sessuali, se assunto ogni giorno e combinato a pratiche sessuali sicure”.

 

Gli effetti collaterali di Truvada: problemi renali, inclusa insufficienza renale; peggioramento dell’epatite B; eccesso di acido lattico nel sangue (acidosi lattica),; gravi problemi al fegato,; problemi alle ossa. Ma Dichiarano che Truvada «può aiutare a ridurre il rischio di contrarre l’HIV-1 attraverso i rapporti sessuali, se assunto ogni giorno e combinato a pratiche sessuali sicure»

La truffa Fauci-Gilead per la promozione di Truvada per le persone sane per “ridurre il rischio” dell’HIV è un indicatore del livello di negligenza medica e in alcuni casi di un evidente abuso criminale della salute umana che l’attuale guru del coronavirus della Casa Bianca, A. Fauci, rappresenta.

 

 

Fauci e COVID-19

Nell’ottobre 2019, Fauci e il suo NIAID hanno ricevuto $100 milioni dalla Gates Foundation per sviluppare terapie «genetiche» per l’HIV e le malattie delle cellule falciformi. Ciò significa che Fauci, ai tempi delle prime affermazioni del nuovo coronavirus a Wuhan, in Cina, stava ancora promuovendo una truffa lunga 35 anni sull’HIV.

 

Fauci fa anche parte della cabala della Gates Foundation. Nel 2012 Fauci è stato nominato uno dei cinque membri del Leadership Council del Global Vaccine Action Plan creato dalla Fondazione Gates.

 

Questo è molto importante per comprendere il suo ruolo oggi come «papa» del coronavirus nell’amministrazione Trump. Il suo NIAID o qualsiasi altro laboratorio al mondo hanno rigorosamente, con microscopia elettronica, isolato e purificato camipioni di COVID-19 in pazienti positivi al SARS-CoV-2? O i test del virus sono difettosi come quelli per l’HIV promossi da Fauci e dalla sua cricca?

Fauci fa anche parte della cabala della Gates Foundation. Nel 2012 Fauci è stato nominato uno dei cinque membri del Leadership Council del Global Vaccine Action Plan creato dalla Fondazione Gates.

 

Inoltre, il NIAID sta lavorando con Gilead per condurre studi umani di fase II sul farmaco del Gilead, Remdesivir, come potenziale trattamento per pazienti adulti ospedalizzati con diagnosi di COVID-19.

 

 

Una coincidenza?

Rilevante anche il fatto che tutti i migliori consulenti scientifici della Task Force del Presidente degli Stati Uniti sul COVID-19 sono legati da decenni alla falsa e distruttiva ricerca sull’HIV/AIDS e alla propagazione di false teorie. Accanto a Tony Fauci della NIAID si trova la Dott.ssa Deborah L. Birx, nominata da Obama Coordinatrice globale per l’AIDS negli Stati Uniti, che ha lavorato sotto la direzione di Tony Fauci al NIAID dal 1983-1986.

 

Robert Redfield è l’attuale direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, centro del recente scandalo dei test sul coronavirus. Redfield ha cofinanziato, insieme al contestato Robert Gallo, ex collega di Fauci negli scandali sull’AIDS dei primi anni ’80 al NIH, l’Istituto di virologia umana con sede presso l’Università del Maryland. Redfield e Birx hanno anche scritto numerosi articoli scientifici su presunti vaccini contro l’HIV, nessuno dei quali si è rivelato efficace.

 

Fauci, Birx e Redfield, tutti incestuosamente complici delle frodi e negligenze dell’HIV/AIDS, oggi decidono il futuro non solo della salute pubblica americana, ma anche dell’intera economia mondiale. Non è una bella situazione. Come dimostra il loro lavoro sulla provata frode HIV/AIDS, i test del coronavirus non provano affatto la presenza di un virus mortale in nessun paziente. Se è così, si tratta forse della più grande frode criminale nella storia della medicina.

 

 

William F. Engdahl

 

Traduzione di Alessandra Boni

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il capo di Pfizer: «microchip biologici dentro ai farmaci». Ecco il Grande Reset

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer al World Economic Forum di Davos parla di farmaci dotati di microchip ingeribili.

 

Albert Bourla, l’oramai notissimo veterinario greco-ebreo-americano a capo del colosso farmaceutico del vaccino COVID mRNA, ha annunziato al consesso organizzato in questi giorni dal guru del Grande Reset Klaus Schwab questa innovazione biomedica.

 

Si tratterebbe, al momento, di un farmaco che segnalerebbe ai sistemi informatici di essere stato assunto dal cittadino.

 

 

«Imagine the compliance», dice il Bourla: immaginate l’obbedienza. Chiaramente, parlando di obbedienza, egli lascia capire che il suo cliente non è il paziente, ma lo Stato moderno che ha reso ogni suo cittadino un paziente, se non una cavia obbligata a farmaci sperimentali sconosciuti.

 

C’è poco da aggiungere, se non ricordare che al WEF di Davos, il regno di Klaus Schwabbo e del Grande Reset, questa solfa in realtà è stata già ascoltata.

 

Basta riportare alla mente le parole di una delle figure più gettonate del «partito di Davos», il filosofo Yuval Harari.

 

«Ciò che abbiamo visto finora è che aziende e governi raccolgono dati su dove andiamo, chi incontriamo, quali film guardiamo» teorizza il pensatore gay israeliano. «La fase successiva è la sorveglianza sotto la nostra pelle».

 

 

«In precedenza, la sorveglianza era principalmente sopra la pelle. Ora sta andando sotto la pelle. I governi vogliono sapere non solo dove andiamo o chi incontriamo. Vogliono soprattutto sapere cosa sta succedendo sotto la nostra pelle».

 

Importante l’ammissione per cui «Il COVID è fondamentale perché questo è ciò convince le persone. ad accettare, a legittimare la sorveglianza biometrica totaleSe vogliamo fermare questa epidemia, non dobbiamo solo monitorare le persone. Dobbiamo monitorare cosa sta succedendo sotto la pelle».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo stesso Schwab ha parlato di «Quarta Rivoluzione Industriale» come «fusione della nostra identità fisica, digitale e biologica» ottenibile con l’impianto di chip cerebrali con cui controllare l’animo del pubblico, e ridefinire il controllo ad esempio dei viaggi internazionali grazie a «scansioni» cerebrali per i passeggeri in aeroporto: «anche attraversare un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo

 

 

In pratica, si tratta di discussioni su nuovi strumenti di sottomissione.

 

E mica si vergognano a parlarne pubblicamente, anzi.

 

Come riportato da Renovatio 21, Bourla – il cui peso politico gli permette incontri secretati con il capo della UE e con il papa –  ha recentemente dichiarato di ricevere brief da CIA e FBI sulle forze contrarie alla vaccinazione. I «no vax» sono stati definiti da Bourla come criminali.

 

In realtà, si tratta solamente persone che non offrono la loco compliance, cioè la loro obbedienza. Cittadini di tutto il mondo che non vogliono essere né cavie, né schiavi, né bestie chippate.

 

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

La Pfizer testa il vaccino contro la malattia di Lyme sui bambini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Martedì Pfizer ha affermato che i risultati degli studi clinici di fase 2 del suo vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme hanno prodotto risultati «positivi», anche tra i partecipanti agli studi pediatrici. Il vaccino «offre a Pfizer la possibilità di aggiungere un driver di crescita alla sua gigantesca unità vaccinale», ma alcuni esperti affermano che il trattamento è una soluzione migliore.

 

 

 

Martedì Pfizer ha affermato che i risultati degli studi clinici di fase 2 del suo vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme hanno prodotto risultati «positivi», anche tra i partecipanti agli studi pediatrici.

 

Il produttore di farmaci sta sviluppando il vaccino VLA15 in collaborazione con l’azienda biotecnologica francese Valneva, che Pfizer ha descritto come «un’azienda di vaccini speciali focalizzata sulla prevenzione di malattie con gravi bisogni insoddisfatti».

 

VLA15 è un «vaccino a subunità proteica multivalente», che prende di mira «la proteina di superficie esterna A (OspA) del Borrelia», il batterio che causa la malattia di Lyme, ha riferito Pfizer.

 

Lo studio di fase 2 ha incluso soggetti adulti e bambini di età compresa tra 5 e 17 anni. Complessivamente, sono stati arruolati nello studio 600 partecipanti sani.

 

«VLA15 ha dimostrato forti dati di immunogenicità e sicurezza in studi preclinici e clinici», ha affermato Pfizer.

 

Secondo le due società, i risultati «positivi» derivanti dalla Fase 2, inclusi i «dati pediatrici positivi», consentiranno loro di procedere con uno studio pianificato di Fase 3.

 

Nella fase 2, le aziende hanno testato il vaccino sperimentale VLA15 con due diversi programmi di somministrazione: un regime a due dosi a distanza di sei mesi e un regime a tre dosi con iniezioni di follow-up somministrate a due e sei mesi dopo la somministrazione iniziale.

 

Entrambi i programmi prevedevano dosi di 180 μg.

 

«VLA15 è risultato essere più immunogeno rispetto agli adulti con entrambi i programmi di vaccinazione testati» e «il profilo di sicurezza e tollerabilità osservato nella fascia di età da 5 a 17 anni era simile al profilo precedentemente riportato negli adulti», hanno affermato le società.

 

Simile alle affermazioni fatte da Pfizer sulle dosi di richiamo dei vaccini COVID-19 , il produttore di farmaci ha anche affermato che mentre il regime a due dosi di VLA15 ha dimostrato l’immunità, una terza dose di VLA15 «ha aumentato il livello di anticorpi contro una proteina di superficie esterna».

 

Le aziende non hanno segnalato eventi avversi gravi correlati al vaccino durante lo studio di fase 2.

 

Come riportato in precedenza da The Defender, nei documenti presentati alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, Pfizer ha sorvolato sugli effetti negativi del suo vaccino COVID-19, ammettendo in quegli stessi documenti che l’azienda ha assunto più di 600 nuovi dipendenti per elaborare le segnalazioni di danni da vaccino.

 

Il successo riportato del regime a tre dosi porterà le due società a continuare con la somministrazione di tre dosi nella Fase 3 dello studio, anche per i bambini.

 

La sperimentazione di fase 3 di VLA15, inclusa la partecipazione di bambini di età pari o superiore a 5 anni, dovrebbe iniziare nel terzo trimestre di quest’anno, in attesa dell’approvazione normativa.

 

Gli studi VLA15 sembrano essere la continuazione di una tendenza in cui le aziende farmaceutiche vedono i vaccini come una cura per qualsiasi cosa, dal comune raffreddore all’HIV al cancro.

 

Tuttavia, mentre molti dei nuovi vaccini in fase di sviluppo utilizzano la tecnologia dell’RNA messaggero (mRNA), questo non è il caso del VLA15.

 

 

«Opportunità di crescita» per Pfizer

La FDA nel luglio 2017 ha rilasciato a Valneva una designazione accelerata che consente specificamente una revisione accelerata di «farmaci per trattare condizioni gravi e soddisfare un’esigenza medica insoddisfatta».

 

Valneva ha venduto i diritti di VLA15 a Pfizer per un costo iniziale di 130 milioni di dollari nel 2020, momento in cui le due società hanno annunciato una collaborazione per lo sviluppo e la commercializzazione continui del vaccino.

 

Secondo i termini dell’accordo tra le due società, la prima dose dello studio di Fase 2 ha comportato un pagamento aggiuntivo di 10 milioni di dollari da Pfizer a Valneva.

 

Secondo Fierce Biotech, uno studio di Fase 3 di successo «potrebbe dare a Pfizer una chiara opportunità di crescita» e «offre a Pfizer la possibilità di aggiungere un driver di crescita alla sua mastodontica unità vaccinale», poiché il numero di casi di malattia di Lyme segnalati nel Gli Stati Uniti sono triplicati dalla fine degli anni ’90.

 

Questo aumento potrebbe essere dovuto a cambiamenti nell’uso del suolo che hanno portato più esseri umani in prossimità delle zecche che trasmettono il Borrelia.

 

Citando i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC), Pfizer ha affermato che circa 476.000 americani vengono diagnosticati e curati per la malattia di Lyme ogni anno, più altri 200.000 casi segnalati ogni anno in Europa.

 

La malattia di Lyme è considerata la malattia trasmessa da vettori più diffusa nell’emisfero settentrionale.

 

L’aumento delle infezioni di Lyme ha portato il CDC a dichiarare che «sono necessari urgentemente nuovi strumenti per prevenire le malattie trasmesse dalle zecche».

 

VLA15 è l’unico vaccino contro la malattia di Lyme attualmente in fase di sviluppo clinico attivo, secondo Pfizer, tuttavia non rappresenta il primo tentativo di sviluppare un vaccino contro la malattia di Lyme.

 

Negli anni ’90, SmithKline Beecham si è assicurata l’approvazione per un vaccino Lyme, che è stato successivamente ritirato dal mercato.

 

Nello stesso periodo, anche Pasteur Mérieux Connaught – ora noto come Sanofi – ha chiesto l’approvazione per un vaccino contro la malattia di Lyme, prima di abbandonare lo sforzo.

 

 

Necessità della domanda degli esperti

Mentre il CDC ha chiesto «nuovi strumenti» per prevenire la diffusione di malattie trasmesse dalle zecche, alcuni analisti medici hanno messo in dubbio la necessità specifica di un vaccino.

 

Secondo Brian Hooker, Ph.D., Chief Scientific Officer per Children’s Health Defense , esistono già trattamenti efficaci per la malattia di Lyme.

 

Hooker ha detto a The Defender:

 

«La malattia di Lyme, causata dal batterio Borrelia burgdorferi tramite la puntura di zecca della zecca dalle zampe nere, è curabile con gli antibiotici standard».

 

«Invece di introdurre un altro vaccino adiuvato con alluminio per bambini e adolescenti, sembra più prudente concentrarsi sulla diagnosi precoce e sul trattamento della malattia».

 

Gli adiuvanti in alluminio sono già utilizzati nel vaccino HPV e sono stati associati a disturbi neurologici e cardiaci negli adolescenti e nei giovani adulti, ha affermato Hooker.

 

Mark Crispin Miller, professore di studi sui media presso la New York University che ha sperimentato i sintomi della malattia di Lyme, ha fatto confronti tra il vaccino sperimentale contro la malattia di Lyme e i vaccini COVID-19.

 

Miller ha detto a The Defender:

 

«Senza dubbio il CDC/FDA benedirà questo vaccino di Lyme, indipendentemente dai suoi rischi, proprio come hanno spinto i “vaccini” COVID negli ultimi due anni».

 

«E il loro sostegno a questo nuovo vaccino è particolarmente perverso, dal momento che il CDC et al. hanno a lungo negato l’esistenza della “Lyme cronica”, perché il suo trattamento adeguato costerebbe più di quanto le compagnie assicurative vogliano pagare».

 

Nonostante le sue difficoltà con Lyme, Miller ha detto che non vede alcun motivo per perseguire un vaccino Lyme:

 

«Come persona che ha combattuto Lyme per più di 10 anni, e a costi enormi, non vedo alcun motivo per riporre alcuna fiducia in quelle autorità, la cui lunga negazione della realtà di questa condizione ha fatto a me e a innumerevoli altri, grave danno».

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 21 aprile 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari