Connettiti con Renovato 21

Epidemie

In Indonesia, chi non porta la mascherina scava tombe per i morti di COVID-19

Pubblicato

il

 

 

 

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews.

 

 

Si spera che opzioni come scavare tombe siano educative e mostrino «in prima persona l’effetto reale e serio del COVID-19». Domenica a Jakarta sono state introdotte restrizioni sociali su larga scala, la seconda volta che le autorità sono state costrette a farlo dall’inizio della pandemia. Con i casi ancora in crescita, le infrastrutture sanitarie della città potrebbero essere vicine a un punto di rottura.

Si spera che opzioni come scavare tombe siano educative e mostrino «in prima persona l’effetto reale e serio del COVID-19»

 

 

Chi si rifiuta di indossare la mascherina è costretto a scavare tombe per le vittime del COVID-19. È la singolare iniziativa presa dalle autorità locali in una parte dell’Indonesia rurale per convincere i riottosi a fare la loro parte per aiutare a fermare la pandemia.

 

Così, già il 9 settembre nel Cerme district of Gresik Regency, East Java, tre uomini di mezza età e cinque minori hanno ricevuto tale punizione.

 

East Java, tre uomini di mezza età e cinque minori hanno ricevuto tale punizione

Sebbene indossare la mascherina sia obbligatorio in pubblico in tutta l’Indonesia, c’è una parte della popolazione che è riluttante a indossarla e a praticare l’allontanamento sociale.

 

(…)

 

L’Indonesia ha approvato una legge che impone alle persone di indossare mascherine in pubblico, ma ha lasciato che fossero i funzionari locali a determinare le punizioni per inosservanza. Una squadra congiunta chiamata «tre pilastri» – composta dalle forze armate nazionali, dalla polizia nazionale e dalle forze dell’ordine locali» è incaricata di far rispettare le restrizioni in tutto il Paese.

Una squadra congiunta chiamata «tre pilastri» – composta dalle forze armate nazionali, dalla polizia nazionale e dalle forze dell’ordine locali» è incaricata di far rispettare le restrizioni in tutto il Paese.

 

A Cerme, i «tre pilastri» danno a chi è sorpreso a non indossare la mascherina la possibilità di pagare una multa di 150mila rupie (circa 9 euro) o di accettare quella che il governo chiama «punizione sociale», che spesso comporta flessioni o pulizia. Ma, secondo il leader del distretto, Suyono, se attualmente la maggior parte delle persone ha accettato la punizione sociale, spera che opzioni come scavare tombe siano educative e mostrino «in prima persona l’effetto reale e serio del Covid-19».

 

Le autorità di Giacarta hanno adottato un’idea simile all’inizio di questo mese. Un uomo è stato obbligato a sedersi in una bara in pubblico dopo essere stato sorpreso a non indossare la mascherina. Tuttavia, non è chiaro se questi tipi di sanzioni abbiano aumentato l’uso di mascherine. Il Paese non è riuscito ad appiattire la curva per mesi e le infezioni sono ancora in aumento. Solo le Filippine hanno registrato più casi nel sud-est asiatico.

Un uomo è stato obbligato a sedersi in una bara in pubblico dopo essere stato sorpreso a non indossare la mascherina

 

Domenica a Jakarta sono state introdotte restrizioni sociali su larga scala, la seconda volta che le autorità sono state costrette a farlo dall’inizio della pandemia.

 

Con i casi ancora in crescita, le infrastrutture sanitarie della città potrebbero essere vicine a un punto di rottura. Le unità di emergenza in tutti i 20 ospedali di Jakarta autorizzati a trattare i pazienti con Covid-19 sono piene, hanno detto lunedì i funzionari.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione Asianews e le sue campagne.

Continua a leggere

Cina

Paura COVID-19, Pechino dà un colpo alla Corea del Nord: no alla piena riapertura dei confini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

I cinesi non si fidano delle rassicurazioni nordcoreane sul contenimento della pandemia. Rimane chiusa la ferrovia Dandong-Sinuiju, da dove passa di solito il 70% del commercio tra le due parti. I cittadini cinesi trovati a commerciare con i nordcoreani devono pagare una multa fino a 43mila euro.

 

 

 

Il governo cinese non asseconda le richieste del regime di Kim Jong-un e non riapre il confine al commercio terrestre tra le province di Jilin e Liaoning e la Corea del Nord. La Cina è ancora minacciata da focolai di Covid-19 e teme che contatti diffusi con i nordcoreani possano aggravare la situazione.

 

Pyongyang sostiene di aver messo sotto controllo l’emergenza pandemica scoppiata a maggio. Le autorità di Pechino non si fiderebbero delle rassicurazioni che arrivano dai nordcoreani, e ciò nonostante Kim abbia ordinato misure draconiane sul modello di quelle cinesi per contenere la propagazione del coronavirus.

 

La Corea del Nord è isolata a livello internazionale, tranne che dalla Cina e in parte dalla Russia, sottoposta da anni a misure punitive decise dal Consiglio di sicurezza dell’ONU per il suo programma nucleare e missilistico. Il Paese è alle prese con una cronica crisi economica, che la recente ondata di infezioni da COVID-19 e una serie di alluvioni hanno reso ancor più profonda.

 

Il 90% del commercio nordcoreano dipende dagli scambi con la Cina. Secondo dati delle dogane cinesi, nei primi sei mesi dell’anno l’import-export bilaterale si è fermato a 333 milioni di euro: un calo del 73% rispetto allo stesso periodo del 2019 – prima della pandemia.

 

In condizioni normali il 70% degli scambi commerciali tra i due Paesi corrono lungo la ferrovia che collega Dandong in Cina e Sinuiju. Nikkei Asia rivela che Pyongyang ha chiesto la riapertura della tratta, ricevendo però il rifiuto cinese. Per prevenire la diffusione del COVID dalla Cina, il servizio era stato bloccato una prima volta nel gennaio 2020 su iniziativa nordcoreana; riattivato a gennaio di quest’anno, è stato bloccato di nuovo ad aprile.

 

Al momento l’unico passaggio aperto per il commercio sino-nordcoreano è quello di Nampo, porto della Corea del Nord sul Mar Giallo. Le navi cinesi vi attraccano di solito da Shanghai o Dalian.

 

A quanto riporta Daily NK, che cita una propria fonte sul versante cinese del confine, le autorità cinesi impongono multe fino a 300mila yuan (circa 43 mila euro) ai propri cittadini trovati a commerciare con i nordcoreani.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Il quadridosato capo di Pfizer positivo al COVID-19

Pubblicato

il

Da

Il CEO di Pfizer Albert Bourla è risultato positivo al test per il COVID-19. Lo ha annunciato lui stesso in un tweet del 15 agosto.

 

«Vorrei informarvi che sono risultato positivo al test per il COVID-19» scrive l’amministratore delegato del colosso farmaceutico.

 

«Sono grato di aver ricevuto quattro dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e mi sento bene mentre avverto sintomi molto lievi. Mi sto isolando e ho iniziato un corso di Paxlovid».

 

Il Bourla sostiene  di avere sintomi lievi e dice di sentirsi bene.

 

 


 

«Siamo arrivati ​​così lontano nei nostri sforzi per combattere questa malattia che sono fiducioso che avrò una pronta guarigione. Sono incredibilmente grato per gli instancabili sforzi dei miei colleghi Pfizer che hanno lavorato per rendere disponibili vaccini e trattamenti per me e per le persone in tutto il mondo”, ha affermato Bourla».

 

Il Bourla quindi si è messo in quarantena e ha iniziato a prendere il Paxlovid, la sempre più controversa pillola COVID-19 sviluppata proprio da Pfizer, presa anche da altri due quadridosati finiti positivi al COVID: il presidente americano Joe Biden e il suo «plenipotenziario pandemico» Anthony Fauci.

 

Sia Biden che Fauci hanno sperimentato quello che chiamano «Paxlovid rebound», un «rimbalzo» (recrudescenza) da Paxlovid: dopo essere risultati negativi, i consumatori di Paxlovid tornano positivi e sintomatici.

 

Malgrado questi casi siano evidenti, nessuno sembra preoccuparsi della cosa: non ci è notizia di un ritiro del costoso farmaco, né di studi sulla questione del Paxlovid Rebound.

 

Vogliamo qui ricordare che il Bourla è tra coloro che in precedenza avevano promosso i vaccini COVID-19 come efficaci al 100% contro le infezioni.

 

In un vecchio tweet dell’1 aprile 2021 – possibilmente non un pesce d’aprile – il veterinario americano di origine greco-ebraica gioiva per i risultati di uno studio che avrebbe dimostrato che il vaccino di Pfizer era efficace al 100% nella prevenzione dei casi di COVID-19 in Sud Africa.

 


 

Come riportato da Renovatio 21, il Bourla ha spesso accusato i critici del vaccino con insulti minacciosi («criminali»), mentre si lasciava scappare il fatto che riceve – per motivi che non comprendiamo bene – briefing da CIA e FBI riguardo alla «diffusione della disinformazione».

 

Habitué del World Economic Forum, anni fa aveva dichiarato sul palco di Davos la prospettiva di piazzare «microchip biologici dentro i farmaci».

 

Bizzarramente, cinque mesi fa il Bourla ha dichiarato che scegliere la strada dell’mRNA per i vaccini COVID fu «controintuitiva».

 

«L’mRNA era una tecnologia, ma avevamo meno esperienza, solo due anni di lavoro su questo, e in realtà, l’mRNA era una tecnologia che non ha mai fornito un singolo prodotto fino a quel giorno, né un vaccino, né nessun altro medicinale», ha ammesso il Bourla durante un’intervista del Washington Post.

 

«Quindi è stato molto controintuitivo e sono rimasto sorpreso quando mi hanno suggerito che questa è la strada da percorrere, e l’ho messo in dubbio», ha continuato il vertice Pfizer. «E ho chiesto loro di giustificare come si può dire una cosa del genere, ma erano molto, molto convinti che questa fosse la strada giusta da percorrere».

 

È emerso negli scorsi mesi che il Bourla ha incontrato privatamente Bergoglio almeno due volte, rafforzando l’idea di un legame solido tra il Vaticano e la Pfizer, fornitore del vaccino in uso nel Sacro Palazzo.

 

 

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Teoria delle origini del COVID, Twitter sospende l’account del ministero degli Esteri russo

Pubblicato

il

Da

Twitter ha temporaneamente congelato l’account ufficiale in lingua inglese del ministero degli Esteri russo per un periodo di sette giorni, secondo quanto riferito per un tweet del 4 agosto che incolpa gli Stati Uniti per la pandemia di coronavirus.

 

Il tweet incriminato affermava che «gli Stati Uniti e i loro alleati in Ucraina e altrove» potrebbero essere «coinvolti» nell’«emergere del COVID-19».

 

In una dichiarazione di martedì il Cremlino ha condannato la repressione di Twitter come un altro tentativo di censurare la prospettiva del governo russo.

 

Su Telegram la portavoce del ministero degli Esteri Maria Zakharova ha criticato la mossa come «un altro goffo tentativo di zittirci» dicendo che l’affermazione della Russia è stata fatta sulla base di «documenti e dati freschi» – ma che la società di social media statunitense non ha la competenza per rivedere e giudicare esso.


 

L’accusa iniziale si concentrava in particolare sulle presunte azioni dell’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale USAID, sotto la direzione di Samantha Power.

 

 

Mentre il tweet era ancora visibile online, Twitter aveva aggiunto un’etichetta di avvertimento in cui afferma di aver violato le sue regole sulla «condivisione di informazioni false o fuorvianti che potrebbero danneggiare le popolazioni colpite dalla crisi».

 

Nell’account verificato  MFA Russia – l’account del ministero Esteri di Mosca – vi è uno iato tra il 4 agosto e i post di oggi 12 agosto, quindi si suppone che l’account sia stato probabilmente bloccato.

 

Come riportato da Renovatio 21, gli Stati Uniti e l’Unione Europea che vietano le reti televisive di stato russe, con azioni intraprese anche da YouTube.

 

Le comunicazioni tra Mosca e i governi occidentali si sono interrotte e in molti casi ha comportato l’espulsione colpo per segno di diplomatici.

 

In generale, l’atmosfera è diventata tale che è più difficile per i giornalisti e cittadini occidentali valutare con precisione la prospettiva o le dichiarazioni del Cremlino su una determinata questione.

 

Renovatio 21 aveva notato che il sito ufficiale del Cremlino Kremlin.ru, dove vengono riportate le dichiarazioni di Putin con video e foto, a lungo è stato irraggiungibile.

 

I siti di RT e Sputnik, testate in lingue straniere legate direttamente dal governo russo,  sono invece costantemente bloccati in Europa.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari