Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Green Agenda: questa crisi energetica è diversa da tutte le altre

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Il prezzo dell’energia da tutte le fonti convenzionali sta esplodendo a livello globale. Lungi dall’essere accidentale, è un piano ben orchestrato per far crollare l’economia mondiale industriale che è già stata indebolita drammaticamente da quasi due anni di ridicola quarantena COVID e relative misure. Quello che stiamo vedendo è un’esplosione dei prezzi nel petrolio, nel carbone e ora soprattutto, nell’energia del gas naturale. Ciò che lo rende diverso dagli shock energetici degli anni ’70 è che questa volta si sta sviluppando mentre il mondo degli investimenti aziendali, utilizzando il fraudolento modello di investimento verde ESG, sta disinvestendo in futuro petrolio, gas e carbone mentre i governi dell’OCSE abbracciano orrendamente inefficienti , solare ed eolico inaffidabili che assicureranno il crollo della società industriale forse già nei prossimi mesi. Salvo un drammatico ripensamento, l’UE e le altre economie industriali stanno deliberatamente commettendo un suicidio economico.

 

 

Quello che solo pochi anni fa era accettato come ovvio era che garantire un’energia abbondante, affidabile, efficiente e conveniente definisce l’economia. Senza energia efficiente non possiamo produrre acciaio, cemento, materie prime minerarie o qualsiasi altra cosa che sostenga le nostre economie moderne.

 

Negli ultimi mesi il prezzo mondiale del carbone per la produzione di energia è raddoppiato. Il prezzo del gas naturale è aumentato di quasi il 500%. Il petrolio è diretto a 90 dollari al barile, il più alto degli ultimi sette anni. Questa è una conseguenza pianificata di quello che a volte viene chiamato il Grande Reset di Davos o la follia «zero carbonio» dell’Agenda verde.

Il prezzo dell’energia da tutte le fonti convenzionali sta esplodendo a livello globale. Lungi dall’essere accidentale, è un piano ben orchestrato per far crollare l’economia mondiale industriale che è già stata indebolita drammaticamente da quasi due anni di ridicola quarantena COVID e relative misure

 

Circa due decenni fa l’Europa ha iniziato un importante passaggio alle fonti rinnovabili denominate erroneamente o Energia verde, principalmente solare ed eolica.

 

La Germania, il cuore dell’industria dell’UE, ha guidato la trasformazione con la mal concepita Energiewende dell’ex cancelliere Merkel, dove le ultime centrali nucleari della Germania chiuderanno nel 2022 e le centrali a carbone verranno gradualmente eliminate.

 

Tutto questo si è ora scontrato con la realtà che Green Energy non è affatto in grado di far fronte a gravi carenze di approvvigionamento. La crisi era del tutto prevedibile.

 

 

I polli verdi pagano le conseguenze

Con i diffusi blocchi per il COVID dell’industria e dei viaggi nel 2020, il consumo di gas naturale dell’UE è diminuito drasticamente.

 

Il più grande fornitore di gas dell’UE, la russa Gazprom, nell’interesse di un mercato ordinato a lungo termine, ha debitamente ridotto le sue consegne al mercato dell’UE anche in perdita. Un inverno 2019-2020 insolitamente mite ha consentito allo stoccaggio di gas dell’UE di raggiungere il massimo. Un inverno lungo e rigido lo ha quasi cancellato nel 2021.

 

Contrariamente alle affermazioni dei politici dell’UE, Gazprom non ha fatto politica con l’UE per forzare l’approvazione del suo nuovo gasdotto NordStream 2 in Germania. Con la ripresa della domanda dell’UE nei primi sei mesi del 2021, Gazprom si è affrettata a soddisfarla e ha persino superato i livelli record del 2019, e anche a spese del rifornimento dello stoccaggio di gas russo per il prossimo inverno.

 

Con l’UE ora fermamente impegnata in un’agenda per l’energia verde, Fit for 55, e il rifiuto esplicito del gas naturale come opzione a lungo termine, mentre allo stesso tempo uccide il carbone e il nucleare, l’incompetenza dei modelli climatici del gruppo di esperti che giustificavano una società elettrica priva di CO2 al 100% entro il 2050 è arrivata al pettine.

Quello che stiamo vedendo è un’esplosione dei prezzi nel petrolio, nel carbone e ora soprattutto, nell’energia del gas naturale. Ciò che lo rende diverso dagli shock energetici degli anni ’70 è che questa volta si sta sviluppando mentre il mondo degli investimenti aziendali, utilizzando il fraudolento modello di investimento verde ESG

 

Poiché gli investitori finanziari di Wall Street e Londra hanno visto il vantaggio di enormi profitti dall’agenda dell’energia verde, lavorando con il World Economic Forum di Davos per promuovere il ridicolo modello di investimento ESG, le compagnie petrolifere, del gas e del carbone convenzionali non stanno investendo i profitti nella produzione ampliata. Nel 2020 la spesa mondiale per petrolio, gas e carbone è diminuita di circa 1 trilione di dollari. Questo non tornerà.

 

Con BlackRock e altri investitori che hanno quasi boicottato ExxonMobil e altre società energetiche a favore dell’energia «sostenibile», un inverno eccezionalmente freddo e lungo in Europa e una mancanza record di vento nel nord della Germania, ha innescato un panico acquisto di gas sui mercati mondiali di gas naturale liquefatto (GNL) in primi di settembre.

 

Il problema è che il rifornimento è arrivato troppo tardi, poiché la maggior parte del GNL disponibile dagli Stati Uniti, dal Qatar e da altre fonti che normalmente sarebbero disponibili era già stata venduta alla Cina, dove una politica energetica altrettanto confusa, incluso un divieto politico sul carbone australiano, ha portato a chiusure di impianti e un recente ordine del governo per garantire gas e carbone «ad ogni costo».

 

Il Qatar, gli esportatori di GNL statunitensi e altri si sono riversati in Asia lasciando letteralmente l’UE al freddo.

Il Qatar, gli esportatori di GNL statunitensi e altri si sono riversati in Asia lasciando letteralmente l’UE al freddo.

 

 

Deregolamentazione dell’energia

Quello che pochi capiscono è come i mercati dell’energia verde di oggi siano truccati per avvantaggiare speculatori come hedge fund o investitori come BlackRock o Deutsche Bank e penalizzare i consumatori di energia.

 

Il prezzo principale del gas naturale scambiato in Europa, il contratto futures TTF olandese, è venduto dall’ICE Exchange con sede a Londra. Si ipotizza quali saranno i futuri prezzi all’ingrosso del gas naturale nell’UE tra uno, due o tre mesi. L’ICE è sostenuto, tra gli altri, da Goldman Sachs, Morgan Stanley, Deutsche Bank e Société Générale. Il mercato è in quelli che vengono chiamati contratti futures sul gas o derivati.

 

Le banche o altri possono speculare per pochi centesimi sul dollaro, e quando si è diffusa la notizia di quanto fosse basso lo stoccaggio di gas dell’UE per il prossimo inverno, gli squali finanziari sono andati in delirio. All’inizio di ottobre i prezzi dei futures per il gas TTF olandese erano esplosi di un 300% senza precedenti in pochi giorni. Da febbraio è molto peggio, poiché un carico standard di GNL da 3,4 trilioni di BTU (British Thermal Units) ora costa 100-120 milioni di dollari, mentre alla fine di febbraio il suo costo era inferiore a 20 milioni di dollari. È un aumento del 500-600% in sette mesi.

Quello che pochi capiscono è come i mercati dell’energia verde di oggi siano truccati per avvantaggiare speculatori come hedge fund o investitori come BlackRock o Deutsche Bank e penalizzare i consumatori di energia

 

Il problema di fondo è che, a differenza di quanto accaduto per la maggior parte del dopoguerra, dalla promozione politica di «rinnovabili» solari ed eoliche inaffidabili e ad alto costo nell’UE e altrove (es. Texas, febbraio 2021) i mercati delle utenze elettriche e i loro prezzi sono stati deliberatamente deregolamentati per promuovere alternative verdi e forzare l’uscita di gas e carbone sulla dubbia argomentazione che le loro emissioni di CO2 mettono in pericolo il futuro dell’umanità se non vengono ridotte a zero entro il 2050.

 

I prezzi a carico del consumatore finale sono fissati dai fornitori di energia che integrano i diversi costi a condizioni competitive. Il modo diabolico in cui vengono calcolati i costi dell’elettricità nell’UE, presumibilmente per incoraggiare solare ed eolico inefficienti e scoraggiare le fonti convenzionali, è che, come ha affermato l’analista energetico francese Antonio Haya, «l’impianto più costoso di quelli necessari per coprire la domanda (impianto marginale) stabilisce il prezzo per ogni ora di produzione per tutta la produzione abbinata all’asta».

 

Quindi il prezzo odierno del gas naturale stabilisce il prezzo per l’elettricità idroelettrica a costo sostanzialmente zero.

 

Data l’impennata del prezzo del gas naturale, questo sta definendo i costi dell’elettricità nell’UE. È un’architettura diabolica dei prezzi che avvantaggia gli speculatori e distrugge i consumatori, comprese le famiglie e l’industria.

 

I mercati delle utenze elettriche e i loro prezzi sono stati deliberatamente deregolamentati per promuovere alternative verdi e forzare l’uscita di gas e carbone sulla dubbia argomentazione che le loro emissioni di CO2 mettono in pericolo il futuro dell’umanità se non vengono ridotte a zero entro il 2050

Una causa aggravante fondamentale per la recente carenza di abbondante carbone, gas e petrolio è la decisione di BlackRock e di altri fondi monetari globali di allontanare gli investimenti dal petrolio, dal gas o dal carbone, tutte fonti energetiche perfettamente sicure e necessarie, per l’accumulo di fonti di energia gravemente inefficienti e solare o eolico inaffidabile.

 

Lo chiamano investimento ESG. È l’ultima moda a Wall Street e in altri mercati finanziari mondiali da quando il CEO di BlackRock Larry Fink è entrato a far parte del consiglio di amministrazione del Klaus Schwab World Economic Forum nel 2019. Hanno creato società di certificazione ESG che assegnano rating ESG «politicamente corretti» alle società di azioni , e punire coloro che non rispettano.

 

La corsa agli investimenti ESG ha fruttato miliardi a Wall Street e ai suoi amici. Ha anche frenato lo sviluppo futuro di petrolio, carbone o gas naturale per la maggior parte del mondo.

 

 

La «malattia tedesca»

Ora, dopo 20 anni di investimenti folli nel solare e nell’eolico, la Germania, un tempo fiore all’occhiello dell’industria dell’UE, è vittima di quella che possiamo chiamare la malattia tedesca.

 

Come l’economica malattia olandese, l’investimento forzato nell’energia verde ha portato alla mancanza di energia affidabile a prezzi accessibili. Tutto per un’affermazione non dimostrata di 1,5°C dell’IPCC che dovrebbe porre fine alla nostra civiltà entro il 2050 se non riusciamo a raggiungere lo Zero Carbonio.

 

È un’architettura diabolica dei prezzi che avvantaggia gli speculatori e distrugge i consumatori, comprese le famiglie e l’industria.

Per portare avanti l’agenda dell’UE per l’energia verde, paese dopo paese, con poche eccezioni, hanno iniziato a smantellare petrolio, gas e carbone e persino il nucleare. Le ultime centrali nucleari rimaste in Germania chiuderanno definitivamente il prossimo anno. Nuove centrali a carbone, con scrubber di ultima generazione, vengono demolite ancor prima di essere avviate.

 

Il caso tedesco diventa ancora più assurdo.

 

Nel 2011 il governo Merkel ha adottato un modello energetico sviluppato da Martin Faulstich e dal Consiglio consultivo statale per l’ambiente (SRU) che ha affermato che la Germania potrebbe raggiungere il 100% di produzione di elettricità rinnovabile entro il 2050. Hanno sostenuto che l’uso del nucleare non sarebbe stato necessario, né la costruzione di impianti a carbone con cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).

 

Nasce così la catastrofica Energiewende della Merkel. Lo studio sosteneva che funzionerebbe perché la Germania potrebbe contrattare per acquistare energia idroelettrica in eccesso, priva di CO2, dalla Norvegia e dalla Svezia.

 

Tutto per un’affermazione non dimostrata di 1,5°C dell’IPCC che dovrebbe porre fine alla nostra civiltà entro il 2050 se non riusciamo a raggiungere lo Zero Carbonio

Ora con estrema siccità e un’estate calda, le riserve di energia idroelettrica di Svezia e Norvegia sono pericolosamente basse entrando in inverno, solo il 52% della capacità. Ciò significa che i cavi elettrici per la Danimarca, la Germania e ora il Regno Unito sono in pericolo. E come se non bastasse, la Svezia è divisa sulla chiusura delle proprie centrali nucleari che le forniscono il 40% dell’elettricità. E la Francia sta discutendo di tagliare fino a un terzo delle sue centrali nucleari libere, il che significa che anche la fonte per la Germania non sarà sicura.

 

Già il 1° gennaio 2021, a causa dell’eliminazione graduale del carbone da parte del governo tedesco, sono state chiuse 11 centrali elettriche a carbone con una capacità totale di 4,7 GW. È durato solo 8 giorni quando molte delle centrali a carbone hanno dovuto essere ricollegate alla rete a causa di un prolungato periodo di scarsità di vento.

 

Nel 2022 l’ultima centrale nucleare tedesca chiuderà e altre centrali a carbone chiuderanno definitivamente, tutto per il nirvana verde.

 

Se l’UE continua con quest’agenda suicida, si ritroverà in un deserto deindustrializzato in pochi anni

Nel 2002 l’energia nucleare tedesca era fonte per il 31% della potenza, energia elettrica senza emissioni di carbonio.

 

Per quanto riguarda l’energia eolica che costituisce il deficit in Germania, nel 2022 circa 6000 turbine eoliche con una capacità installata di 16 GW saranno smantellate a causa della scadenza dei sussidi di immissione in rete per le turbine più vecchie.

 

Il tasso di approvazione di nuovi parchi eolici è bloccato dalla crescente ribellione dei cittadini e dalle sfide legali all’inquinamento acustico e ad altri fattori. Si sta preparando una catastrofe evitabile.

 

Non ci vuole uno scienziato missilistico per rendersi conto che questa è una strada per la distruzione economica. Ma questo è in effetti l’obiettivo dell’energia «sostenibile» delle Nazioni Unite 2030 o del Grande Reset di Davos: riduzione della popolazione su vasta scala.

La risposta della Commissione UE a Bruxelles, piuttosto che ammettere i palesi difetti nella loro agenda per l’energia verde, è stata quella di raddoppiarla come se il problema fosse il gas naturale e il carbone.

 

Lo zar del clima dell’UE Frans Timmermans ha dichiarato assurdamente: «Se avessimo avuto il Green Deal cinque anni prima, non saremmo in questa posizione perché allora avremmo meno dipendenza dai combustibili fossili e dal gas naturale».

 

Se l’UE continua con quest’agenda suicida, si ritroverà in un deserto deindustrializzato in pochi anni. Il problema non è il gas, il carbone o il nucleare. È l’inefficiente energia verde proveniente dal solare e dall’eolico che non sarà mai in grado di offrire energia stabile e affidabile.

 

Noi umani siamo le rane che vengono bollite lentamente. E ora i poteri forti stanno davvero alzando il fuoco.

L’agenda per l’energia verde dell’UE, degli Stati Uniti e di altri governi, insieme agli investimenti ESG promossi da Davos, garantirà solo che mentre andiamo avanti ci sarà ancora meno gas o carbone o nucleare su cui ricorrere quando il vento si fermerà, c’è un siccità nelle dighe idroelettriche o mancanza di sole.

 

Non ci vuole uno scienziato missilistico per rendersi conto che questa è una strada per la distruzione economica. Ma questo è in effetti l’obiettivo dell’energia «sostenibile» delle Nazioni Unite 2030 o del Grande Reset di Davos: riduzione della popolazione su vasta scala.

 

Noi umani siamo le rane che vengono bollite lentamente. E ora i poteri forti stanno davvero alzando il fuoco.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Alimentazione

Mucche con il pannolone contro il riscaldamento globale?

Pubblicato

il

Da

L’emittente Fox News ha mandato in onda un servizio che sostiene che potrebbero essere in programma mascherine e pannoloni per i bovini, i cui gas, come noto, sono considerati uno dei driver del Cambiamento Climatico – e di qui la spinta ad abbandonare l’alimentazione a basa di manzo per passare a quella a base di insetti.

 

«Non indosserò una mascherina. Non permetterò alle mie mucche di indossare una maschera» diceva in un collegamento TV un’allevatrice del Tennessee, la quale aveva sperimentalmente piazzato una mascherina su una delle sue mucche durante l’intervista per testare la teoria, ma spiegava «non ce l’ha» e «fa fatica a respirare».

 

Secondo Fox sarebbe coinvolto un grande gruppo caseario internazionale, tuttavia nel documento di impegno di riduzione delle emissioni di metano scritto pubblicato a gennaio dalla multinazionale non si fa menzione di sistemi di contenimento di rutti e venti prodotti dai ruminanti. La notizia quindi viene rubricata da Renovatio 21 sotto la categoria «Satira», ma fino ad un certo punto.

 

Il bestiame, in particolare mucche e bovini, produce metano, ritenuto dalla vulgata mainstream un pericoloso gas serra che riscalda l’atmosfera, come parte del loro normale processo digestivo.

 

Il conduttore della trasmissione Tucker Carlson ha quindi chiesto alla mandriana se sarebbe stato fattibile mettere un pannolino su una mucca e si è chiesto se l’intera faccenda fosse uno scherzo. «Penso che queste persone siano andate fuori. Non è possibile che io metta un pannolino sulla mia mucca», replicava la cowgirla.

 

Ad ogni modo qui a Renovatio 21 avevamo preparato l’immagine, che vedete qui sopra. Ne siamo abbastanza fieri.

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Il Messico bandisce gli esprimenti di geoingegneria

Pubblicato

il

Da

Il Ministero dell’Ambiente e delle Risorse Naturali del Messico ha rilasciato una dichiarazione all’inizio di questo mese che proibisce la sperimentazione con la geoingegneria solare nel Paese.

 

L’annuncio del governo arriva dopo che i media hanno rivelato l’esistenza di una startup con sede in Messico che avrebbe utilizzato mongolfiere per diffondere particelle di zolfo nella stratosfera per combattere il «riscaldamento globale».

 

La società, Make Sunsets, spera di generare entrate vendendo «crediti di raffreddamento» per pagare i voli che spruzzano carichi di particelle di zolfo, che è essenzialmente uno schema di crediti di carbonio lanciato da gruppi globalisti come il World Economic Forum, l’Unione Europea e altri.

 

In uno strano commento al MIT Technology Review, il CEO di Make Sunsets, Luke Iseman, ha dichiarato: «Scherziamo sul taglio, non scherziamo sul fatto che questa è in parte un’azienda e in parte una setta».

 

Il governo messicano ha osservato nel suo comunicato stampa sull’argomento che gli studi mostrano impatti ambientali negativi dovuti al rilascio di questi aerosol e che possono causare squilibri meteorologici.

 

La dichiarazione spiegava anche: «C’è una moratoria internazionale che rimane in vigore contro il dispiegamento della geoingegneria».

 

A causa di questi problemi, il divieto del paese alla geoingegneria solare intende «proteggere le comunità e gli ambienti ambientali».

 

La geoingegneria, per anni guardata come l’ennesima follia complottista, ha mostrato pubblicamente la testa con gli esperimenti finanziati da Bill Gates di oscuramento del Sole.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scienziato che progetta tale operazione di cosiddetta «geoingegneria solare» ha scritto un lungo, incredibile editoriale sul New York Times rivendicandone i pregi, anche qualora spruzzare sostanze chimiche nell’aria potrebbe comportare morti tra la popolazione.

 

Come scritto in un denso articolo di William Engdahl recentemente pubblicato da Renovatio 21, la tecnologia di controllo del clima ha solide radici nella scienza e nella strategia del Novecento.

 

Di tecnologie di questo tipo, da quanto finora noto, dispongono Paesi come Cina e USA.

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Bombe meteorologiche e fiumi atmosferici: qualcuno sta giocando con il tempo?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Negli ultimi mesi il mondo sta sentendo termini insoliti per descrivere eventi meteorologici estremi. Ora termini come bomba meteorologica o fiume atmosferico sono usati nei quotidiani bollettini meteorologici televisivi per descrivere lo scarico di volumi record di pioggia o neve in regioni del mondo in modo estremamente distruttivo. La Mafia Verde afferma, senza uno straccio di prova fattuale, che è tutto a causa dell’eccessiva «impronta di carbonio» dell’uomo. Lo usano come scusa per raddoppiare l’eliminazione graduale di petrolio, gas, carbone e energia nucleare a favore di una «energia verde» impraticabile e sovvenzionata dai contribuenti: eolica o solare inaffidabile. Potrebbe essere che queste strane calamità meteorologiche siano davvero «create dall’uomo», ma non dalle emissioni di CO2?

 

 

Dalla fine di dicembre, in particolare gli Stati Uniti hanno subito gravi eventi meteorologici a causa della tempesta «bomba meteorologica» che ha seppellito gran parte della costa orientale in una neve record da Buffalo fino alla Florida.

 

Allo stesso tempo, la costa occidentale degli Stati Uniti dallo Stato di Washington lungo la costa della California è stata sottoposta a inondazioni estreme a causa di ondate dopo ondate dei cosiddetti fiumi oceanici che trasportano enormi volumi d’acqua dal Pacifico provocando gravi inondazioni.

 

Senza presentare alcuna prova scientifica, gli ideologi verdi hanno affermato che tutto è dovuto al riscaldamento globale causato dall’uomo – ora chiamato «cambiamento climatico» per confondere il problema originale – e sostengono una transizione accelerata verso un mondo distopico senza carbonio.

 

Si può sostenere un caso serio che potrebbe essere stato creato dall’uomo. Ma non a causa delle troppe emissioni di CO2 o di altri gas serra causati dall’uomo. Potrebbe essere dovuto alla manipolazione deliberata e dannosa dei nostri principali modelli meteorologici.

 

 

Geoingegneria?

La tecnologia di manipolazione meteorologica è una delle aree altamente segrete ed è stata tenuta lontana dal dibattito aperto dalla fine della Seconda Guerra Mondiale. Viene spesso chiamata geoingegneria o, più recentemente, il meno minaccioso «intervento sul clima». Qualunque sia il nome, coinvolge l’uomo che scherza con le complessità del clima terrestre, con risultati potenzialmente catastrofici. Cosa sappiamo delle possibilità?

 

A seguito della Conferenza sul clima di Parigi del 2015 e del successivo Accordo di Parigi, Peter Wadhams, professore di fisica oceanica all’Università di Cambridge, insieme ad altri importanti scienziati del riscaldamento globale, ha lanciato un invito aperto alla geoingegneria per «risolvere» la presunta crisi climatica e prevenire il riscaldamento globale sopra 1,5°C sopra i livelli preindustriali, un obiettivo del tutto arbitrario.

 

Quello che affermano gli scienziati post-Parigi è che «abbiamo le spalle al muro e ora dobbiamo iniziare il processo di preparazione per la geoingegneria. Dobbiamo farlo sapendo che le sue possibilità di successo sono scarse e i rischi di implementazione sono grandi».

 

Quello che non dicono è che la manipolazione meteorologica geoingegneristica è stata sviluppata in segreto dalle agenzie militari e di intelligence degli Stati Uniti per decenni.

 

 

«Controllare il tempo nel 2025»

Nel giugno 1996 l’aeronautica americana ha pubblicato un rapporto dal titolo provocatorio Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather nel 2025 («Il tempo come moltiplicatore di forza: controllare il tempo nel 2025»).

 

Il rapporto delineava le possibilità della geoingegneria artificiale per, tra le altre cose, aumentare le precipitazioni o le tempeste, negare le precipitazioni (indurre siccità), eliminare la copertura nuvolosa di un nemico e altri eventi. È stato prodotto «per esaminare i concetti, le capacità e le tecnologie che gli Stati Uniti richiederanno per rimanere la forza aerea e spaziale dominante in futuro».

 

Il rapporto osservava all’inizio che «la modifica del tempo può essere suddivisa in due categorie principali: soppressione e intensificazione dei modelli meteorologici. In casi estremi, potrebbe coinvolgere «la creazione di modelli meteorologici completamente nuovi, l’attenuazione o il controllo di forti tempeste o persino l’alterazione del clima globale su vasta scala e/o di lunga durata». (corsivo nostro).

 

Il documento dell’Air Force, che curiosamente è stato cancellato dal suo sito web solo nel 2021, afferma anche che «le enormi capacità militari che potrebbero derivare da questo campo vengono ignorate a nostro rischio e pericolo (…) un’applicazione appropriata della modifica del tempo può fornire il dominio dello spazio di battaglia a un grado mai immaginato prima (…) La tecnologia è lì, in attesa che noi mettiamo tutto insieme».

 

Entro il 2025 affermava: «possiamo possedere il tempo». Il rapporto rileva che nell’era Eisenhower, «nel 1957, il Comitato consultivo del presidente per il controllo meteorologico ha riconosciuto esplicitamente il potenziale militare della modifica del clima, avvertendo nel loro rapporto che potrebbe diventare un’arma più importante della bomba atomica». È stato quasi sette decenni fa.

 

Tornando alla guerra del Vietnam alla fine degli anni ’60, il Segretario di Stato Henry Kissinger e la CIA autorizzarono una geoingegneria top secret, nome in codice Operazione PopEye, dalla Thailandia su Cambogia, Laos e Vietnam. Usando aerei militari WC-130 e jet RF-4, le forze statunitensi hanno spruzzato ioduro d’argento e ioduro di piombo nelle nubi temporalesche dei monsoni stagionali per trasformare le strade di rifornimento del Vietnam del Nord in pozzi di fango impraticabili.

 

La missione era creare abbastanza pioggia per tutto l’anno per mantenere bloccati i sentieri di Ho Chi Minh. L’operazione segreta di geoingegneria è stata resa pubblica dal pluripremiato giornalista Seymour Hersh nel 1972, con conseguenti udienze al Congresso, ma poco più.

 

Pochi anni dopo, nel 1976, fu approvata una legge sdentata che «obbligava» a tutti gli attori a riferire annualmente al NOAA [National Oceanic and Atmospheric Administration, agenzia scientifica e normativa USA che si occupa delle previsioni meteorologiche e del monitoraggio delle condizioni oceaniche e atmosferiche e, ndt] del governo su qualsiasi modifica meteorologica intrapresa. Ditelo alla CIA o al Pentagono.

 

 

Riscaldatori ionosferici e tecnologia della risonanza atmosferica

Dagli anni ’70 il lavoro sulla geoingegneria artificiale è diventato più sofisticato e anche molto più segreto.

 

Il metodo tradizionale di «danza della pioggia», l’inseminazione delle nuvole da parte di aerei che disperdono, tipicamente, particelle di ioduro d’argento su nuvole contenenti goccioline d’acqua per indurre la pioggia è stato utilizzato sin dagli anni Quaranta. Tuttavia, dagli anni Novanta, all’incirca nel periodo in cui la US Air Force ha pubblicato Weather as a Force Multiplier: Owning the Weather nel 2025, sono stati sviluppati nuovi metodi significativi con portata ed effetto molto maggiori, e ben prima del 2025.

 

In particolare, il rapporto dell’aeronautica americana del 1996 affermava che «la modifica della ionosfera è un’area ricca di potenziali applicazioni e ci sono anche probabili applicazioni derivate che devono ancora essere previste».

 

Molta attenzione e preoccupazione internazionale è stata data a un progetto di ricerca ionosferica dell’Aeronautica Militare e dell’Office of Naval Research degli Stati Uniti, HAARP – cioè «programma di ricerca aurorale attiva ad alta frequenza» – a Gakona, in Alaska.

 

Nel gennaio 1999, l’Unione Europea ha definito il progetto una «preoccupazione globale» e ha approvato una risoluzione chiedendo maggiori informazioni sui suoi rischi per la salute e l’ambiente. Washington ha ignorato la chiamata. La maggior parte dei dati della ricerca HAARP è stata secretata per motivi di «sicurezza nazionale», portando a un’ampia speculazione su attività sinistre.

 

Nel 1985, mentre lavorava per la ARCO Oil Company grazie a una sovvenzione della DARPA del Pentagono, un brillante fisico, il dottor Bernard J. Eastlund, depositò un brevetto (US n. 4,686,605), per un «Metodo e apparato per alterare una regione nell’atmosfera terrestre, nella ionosfera e nella magnetosfera».

 

La descrizione del brevetto affermava che uno specifico irraggiamento di potenti onde radio nella ionosfera potrebbe causare il riscaldamento ed «elevare» la ionosfera terrestre. Potrebbe essere usato per controllare il tempo, alterare le correnti a getto, cambiare i tornado o creare o negare la pioggia.

 

La ARCO è stata contattata dall’esercito americano e ha venduto loro i diritti di brevetto dal loro allora dipendente Eastlund. Secondo quanto riferito, l’esercito americano ha poi ceduto i diritti di brevetto da uno dei principali appaltatori militari, Raytheon. Secondo quanto riferito, la Raytheon è anche coinvolta nella costruzione di tutti i principali array di radar per il riscaldamento della ionosfera a livello globale.

 

 

Coincidenza? Un portavoce di HAARP ha negato di aver utilizzato il brevetto di Eastlund in HAARP. Tuttavia, non hanno menzionato nessuno degli altri siti.

 

HAARP è un phased array molto potente di antenne radar puntate sulla ionosfera. A volte viene indicato come un riscaldatore ionico. La ionosfera è uno strato ad alta quota dell’atmosfera con particelle altamente cariche di energia. Se la radiazione viene proiettata nella ionosfera, enormi quantità di energia possono essere generate e utilizzate per annientare una data regione.

 

Inizialmente il suo sito web, ora cancellato, affermava che HAARP era «uno sforzo scientifico volto a studiare le proprietà e il comportamento della ionosfera… sia per scopi civili che di difesa».

 

HAARP a Gakona è stato ufficialmente chiuso dalle forze armate statunitensi nel 2013. Nel 2015 hanno trasferito ufficialmente le operazioni di HAARP al loro partner civile, l’Università dell’Alaska a Fairbanks. La chiusura ha fornito la scusa per interrompere la trasmissione in diretta dei segnali di HAARP su un sito web pubblico, che aveva fornito una forte evidenza di collegamenti tra le attività di HAARP e le principali catastrofi meteorologiche come l’uragano Katrina o il terremoto di Chengdu in Cina del 2008. Il funzionamento della struttura è stato trasferito all’Università dell’Alaska nel 2015.

 

Alcuni ricercatori hanno ipotizzato che Gakona HAARP sia un furbo diversivo, un sito innocente aperto al controllo accademico, mentre una seria manipolazione della ionosfera militare avviene in altri siti top secret.

 

Entro il 2015 le agenzie militari e governative statunitensi come il NOAA si erano spostate ben oltre le capacità di HAARP. Hanno supervisionato la costruzione di antenne phased array di calore radar ionosferico molto più potenti in tutto il mondo. Ciò includeva un HIPAS più potente, una struttura da 70 megawatt a est di Fairbanks. Comprendeva anche l’Osservatorio di Arecibo, precedentemente noto come Osservatorio della ionosfera di Arecibo–- impianto da 2 megawatt a Porto Rico; Mu Radar – Impianto da 1 megawatt in Giappone. E la madre di tutti gli array radar per il riscaldamento atmosferico, EISCAT, una struttura da 1 gigawatt a Tromsø, nel nord della Norvegia.

 

HAARP è solo una semplice struttura da 3,6 megawatt. Molti altri siti di riscaldatori ionosferici phased array sono classificati segreti o forniscono poche informazioni.

 

Si ritiene che uno di questi si trovi alla base dell’aeronautica militare di Vandenberg nel sud della California. Un altro a Millstone Hill, Massachusetts, un altro a Taiwan e nelle Isole Marshall. Poiché il Pentagono e altre pertinenti agenzie governative degli Stati Uniti scelgono di dire poco o nulla sulla loro interconnessione e utilizzo nell’alterazione climatica, siamo lasciati a fare ipotesi.

Secondo quanto riferito, l’appaltatore militare Raytheon, che ha ottenuto i brevetti Eastlund da ARCO, è coinvolto in molti di questi siti a livello globale.

 

 

Anche la Cina?

Poiché il lavoro del governo degli Stati Uniti sulla geoingegneria è stato classificato e tenuto lontano da una discussione pubblica aperta, non è possibile dimostrare in un tribunale che eventi come i tornado di bombe della costa orientale o l’uragano Ian della Florida del settembre 2022, uno dei più potenti le tempeste che hanno mai colpito gli Stati Uniti, o le inondazioni record del gennaio 2023 dovute a ripetute ondate di tempeste del fiume atmosferico che sferzavano la California dopo una straordinaria siccità, sono semplicemente mostri naturali.

 

Non ci sono prove scientifiche che sia dovuto ad un surplus di CO2 nell’atmosfera. Ma come suggerisce quanto sopra, esiste un’enorme mole di prove che indicano attori malintenzionati con poteri dello Stato, che utilizzano la geoingegneria per non trarne vantaggio, anche se la geoingegneria artificiale potrebbe trarne vantaggio.

 

Nel 2018 i media cinesi hanno riferito che la Shanghai Academy of Spaceflight Technology dello stato stava lanciando un vasto progetto di geoingegneria, Tianhe che si traduce come «Fiume del cielo» Il progetto, che secondo quanto riferito sarà basato sull’altopiano tibetano, fonte di alcuni dei più grandi fiumi del mondo, ha lo scopo di spostare enormi volumi d’acqua dal sud, ricco di piogge, all’arido nord. Doveva entrare in funzione nel 2020, ma da allora non sono stati pubblicati dettagli.

 

Discussione recente del progetto di Bill Gates con il fisico di Harvard David Keith per rilasciare particelle di carbonato di calcio in alto sopra la terra per imitare gli effetti della cenere vulcanica che blocca il sole, o i recenti esperimenti di Make Sunsets per lanciare palloni meteorologici da Baja Mexico di biossido di zolfo per bloccare il sole, sono chiaramente intesi come diversivi per nascondere quanto sia avanzata la vera geoingegneria del nostro tempo.

 

 

William F. Engdahl

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari