Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Ecco l’allarme climatico: ma non quello che pensi tu

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl.

 

 

Nella tragedia invernale estrema in corso in Texas e in molte altre regioni degli Stati Uniti non preparate per il rigido clima invernale, un punto notevole è che gran parte delle vaste batterie dei mulini a vento in tutto lo Stato, dovrebbero generare il 25% dell’energia elettrica statale griglia, si sono congelate e sono in gran parte inutili. Il recente rigido clima invernale non solo negli Stati Uniti continentali, ma anche in ampie parti dell’UE e persino in Medio Oriente, garantisce uno sguardo più attento a un argomento che è stato troppo a lungo ignorato dai rapporti del Comitato intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) , nonché da un nuovo gruppo di accademici noti come Climate Scientists. Cioè, l’influenza del nostro sole sul clima globale.

 

 

Cambiamenti climatici freddi

Il 14 febbraio un fronte freddo artico record ha spazzato il Canada dall’estremo sud fino alle parti più meridionali del Texas, al confine con il Messico. L’impatto immediato è stato l’interruzione di corrente per un massimo di 15 milioni di texani che al 17 febbraio sono rimasti senza calore ed elettricità, poiché quasi la metà delle unità eoliche erano congelate e inutilizzabili a causa delle tempeste di ghiaccio, molte in modo permanente.

 

Il Texas negli ultimi cinque anni ha raddoppiato la sua quota di generazione eolica sulla rete nella fretta di adottare un profilo di energia verde. Con circa il 25% della rete elettrica statale proveniente da fonti eoliche, quasi la metà è fuori servizio, molte in modo permanente, a causa della tempesta.

Nella tragedia invernale estrema in corso in Texas e in molte altre regioni degli Stati Uniti non preparate per il rigido clima invernale, un punto notevole è che gran parte delle vaste batterie dei mulini a vento in tutto lo Stato, dovrebbero generare il 25% dell’energia elettrica statale griglia, si sono congelate e sono in gran parte inutili

 

Tyler, Texas, una volta conosciuta come la «Capitale delle rose d’America», ha visto temperature vicine ai -20° centigradi.

 

Gli impianti di trattamento del gas in tutto il Texas stanno chiudendo mentre i liquidi si congelano all’interno dei tubi riducendo ulteriormente la potenza proprio mentre la domanda di combustibile per riscaldamento esplode. I prezzi del combustibile per riscaldamento in Oklahoma sono aumentati del 4000% in due giorni e stanno aumentando. I prezzi all’ingrosso per la consegna in Texas vengono scambiati fino a $ 9000 per mega-wattora. Due giorni prima delle tempeste il prezzo era di $ 30. In un picco di domanda estivo , un prezzo di $100 è considerato alto.

 

La riduzione delle forniture di gas dal Texas alle compagnie elettriche messicane ha portato a blackout nel nord del Messico, con quasi 5 milioni di famiglie e imprese rimaste senza elettricità il 15 febbraio.

 

 

L’errore dell’energia verde

Inoltre, la produzione di petrolio statunitense, concentrata in Texas, è precipitata di un terzo e più di 20 raffinerie di petrolio della costa del Golfo sono bloccate così come le spedizioni di chiatte per cereali lungo il fiume Mississippi.

 

La riduzione delle forniture di gas dal Texas alle compagnie elettriche messicane ha portato a blackout nel nord del Messico, con quasi 5 milioni di famiglie e imprese rimaste senza elettricità il 15 febbraio

Diversi analisti del modello di rete del Texas deregolamentato sottolineano che se lo Stato avesse mantenuto un «backup di emergenza affidabile» come è possibile con l’energia nucleare o il carbone, il blackout avrebbe potuto essere evitato.

 

Recentemente il Texas ha costretto sei centrali a carbone a chiudere dal 2018, a causa delle regole statali che obbligano le società elettriche a prendere l’energia eolica e solare sovvenzionata, riducendo il costo della propria generazione di carbone. Li ha semplicemente costretti a chiudere le centrali a carbone funzionanti che hanno generato 3,9 GW. Alcune fonti dicono che se queste centrali fossero stati ancora in linea, i blackout avrebbero potuto essere facilmente evitati. A differenza dell’attuale tecnologia eolica o solare, le centrali a carbone e nucleari possono immagazzinare fino a un mese o più capacità in loco per le emergenze elettriche.

 

Mentre negli stati del nord come il Minnesota, dove gli inverni rigidi sono comuni e preparati, il Texas non ha tali requisiti per la capacità di riserva.

 

Diversi analisti del modello di rete del Texas deregolamentato sottolineano che se lo Stato avesse mantenuto un «backup di emergenza affidabile» come è possibile con l’energia nucleare o il carbone, il blackout avrebbe potuto essere evitato

Ad esempio, la Minnesota Public Utilities Commission richiede che gli impianti abbiano una capacità di riserva online sufficiente per garantire che l’alimentazione rimanga attiva in circostanze estreme.

 

Invece, il Texas gestisce un mercato di energia in cui i prezzi all’ingrosso dell’energia elettrica sono visti come un incentivo adeguato per portare in rete più centrali elettriche. Lo scopo del modello di questo mercato dell’energia era quello di rendere più redditizio l’eolico intermittente e il solare per aumentare la loro quota di mercato rispetto alle alternative convenzionali come il carbone o il nucleare.

 

Il modello di rete statale ha costretto le centrali nucleari e del carbone del Texas a vendere elettricità in perdita sul mercato perché non sono in grado di ridurre la loro produzione di elettricità quando l’elevata produzione di vento e solare costringe i prezzi in rosso. Alla fine, ha costretto la chiusura non necessaria delle sei centrali a carbone, proprio quello che volevano i sostenitori dell’energia verde.

Questo difetto ha radici in una campagna decennale dell’IPCC dell’ONU e figure come Al Gore e lobby di scienziati le cui carriere dipendono dall’ignorare il più grande fattore che influenza il clima terrestre e il cambiamento climatico: i cicli solari

 

I difetti nel modello sono evidenti, così come la crescente dipendenza da opzioni eoliche e solari inaffidabili per ottenere una dubbia impronta di carbonio zero.

 

 

Grande minimo solare?

Tuttavia c’è una lezione molto più allarmante da trarre dal disastro del Texas.

 

Stati come il Texas e paesi in tutto il mondo stanno imponendo investimenti di trilioni di dollari in energia verde per creare l’obiettivo 2030 delle Nazioni Unite di Net Zero Carbon entro il 2050, rivolgendosi all’energia solare ed eolica manifestamente inaffidabili per sostituire petrolio, gas e carbone, e persino l’energia nucleare priva di carbonio è l’opposto di ciò di cui abbiamo bisogno se l’analisi del ciclo solare è accurata.

 

A differenza dei modelli al computer degli scienziati del clima che proiettano un aumento lineare della temperatura terrestre come aumento delle emissioni di CO2 «provocate dall’uomo», l’«effetto serra» non dimostrato, la temperatura della Terra e i cambiamenti climatici non sono lineari

Questo difetto ha radici in una campagna decennale dell’IPCC delle Nazioni Unite e figure politiche come Al Gore e una lobby di scienziati le cui carriere dipendono dall’ignorare il più grande fattore che influenza il clima terrestre e il cambiamento climatico, uno che è sicuramente reale: i cicli solari.

 

A differenza dei modelli al computer degli scienziati del clima che proiettano un aumento lineare della temperatura terrestre come aumento delle emissioni di CO2 «provocate dall’uomo», l’«effetto serra» non dimostrato, la temperatura della Terra e i cambiamenti climatici non sono lineari.

 

È stato dimostrato, risalendo a diverse migliaia di anni, che i cambiamenti climatici sono ciclici. E che le emissioni di CO2 non guidano i cicli. Se è così, noi come specie umana potremmo benissimo attuare politiche che lasceranno gran parte del nostro mondo totalmente impreparata e vulnerabile a cambiamenti climatici molto peggiori e più prolungati del recente disastro in Texas.

 

Secondo la NASA statunitense, il pianeta è appena entrato in un nuovo ciclo solare. Prevedono che l’attuale ciclo solare di 11 anni, noto come Ciclo 25, iniziato nel 2020, «sarà il più debole degli ultimi 200 anni». Se è così, ciò lo collocherebbe nel tempo di quello che è noto come Dalton Minimum, che andò all’incirca dal 1790 al 1830.

È stato dimostrato, risalendo a diverse migliaia di anni, che i cambiamenti climatici sono ciclici. E che le emissioni di CO2 non guidano i cicli

 

Macchie solari o macchie scure sulla superficie del sole che di solito sono accompagnate da enormi bagliori di energia magnetica dal sole, sono state misurate quotidianamente da quando il processo è stato avviato presso un osservatorio di Zurigo, Svizzera nel 1749. È stato notato che il numero di macchie solari o solari l’attività è aumentata e diminuita in cicli di circa 11 anni.

 

Ricerche recenti hanno anche identificato cicli più lunghi più complessi di un periodo di circa 200 anni e 370-400 anni. I fisici solari hanno numerato i cicli di 11 anni a partire dal 1749, dandoci dalla metà del 2020 l’inizio del ciclo solare 25.

Se è così, noi come specie umana potremmo benissimo attuare politiche che lasceranno gran parte del nostro mondo totalmente impreparata e vulnerabile a cambiamenti climatici molto peggiori e più prolungati del recente disastro in Texas.

 

Nel 2018 un gruppo di fisici e matematici solari guidato dalla Prof.Valentina Zharkova presso la Northumbria University nel Regno Unito, ha sviluppato un modello complesso basato sul ruolo osservato del campo magnetico di fondo solare nella definizione dell’attività solare.

 

Potrebbero prevedere che il prossimo Minimo Solare, iniziato nel 2020, avrebbe approssimato il periodo più recente e estremo di minimo solare, il cosiddetto Minimo di Maunder, che andò dal 1645 al 1710. Questo è stato definito un Grande Minimo Solare, un periodo prolungato di minimo solare attività solare estremamente bassa, iniziata circa 370 anni fa.

 

Il gruppo di Zharkova ha collegato gli attuali minimi a un drastico calo del campo magnetico interno del sole, una riduzione di circa il 70% dell’intensità del campo magnetico rispetto al suo valore medio, derivante da variazioni regolari nel comportamento del plasma molto caldo che alimenta il nostro sole.

 

I fisici solari hanno numerato i cicli di 11 anni a partire dal 1749, dandoci dalla metà del 2020 l’inizio del ciclo solare 25

In altre parole, potremmo essere nella prima fase di drastici cambiamenti nel clima terrestre che durano diversi decenni. La ricerca di Zharkova prevede che questo periodo del Grand Solar Minimum è iniziato nel 2020 e si aspetta che durerà fino al 2053 circa.

 

Durante il Maunder Minimum, le eruzioni vulcaniche inviando tonnellate di cenere in alto nell’atmosfera hanno creato dense nuvole grigie che hanno ulteriormente bloccato la radiazione solare. L’attività vulcanica e le fasi minime solari sono ben correlate, si ritiene provengano dall’intensificata penetrazione dei raggi cosmici nell’atmosfera terrestre che forzano maggiori eruzioni.

 

Durante il Maunder Minimum, noto nell’emisfero settentrionale come la «piccola era glaciale», le temperature in gran parte dell’emisfero settentrionale sono precipitate. Secondo Zharkova questo è probabilmente accaduto perché l’irraggiamento solare totale è stato notevolmente ridotto, portando a inverni rigidi.

 

Durante il Maunder Minimum, le eruzioni vulcaniche inviando tonnellate di cenere in alto nell’atmosfera hanno creato dense nuvole grigie che hanno ulteriormente bloccato la radiazione solare. L’attività vulcanica e le fasi minime solari sono ben correlate, si ritiene provengano dall’intensificata penetrazione dei raggi cosmici nell’atmosfera terrestre che forzano maggiori eruzioni

Un Grand Solar Minimum molto più mite, chiamato Dalton Minimum, dal 1790 al 1830 circa, sebbene meno estremo del periodo Maunder, portò a una serie di enormi eruzioni vulcaniche tra il 1812-1815 culminate con l’eruzione record in Indonesia del Monte Tambora, il la più grande eruzione vulcanica del mondo durante i tempi storici. A sua volta creò così tanta densità di nuvole dalla cenere che il 1816 era conosciuto in Europa come l’anno senza estate.

 

Le temperature rigide hanno visto la neve a New York nell’estate del 1816. I raccolti in Nord America e in Europa fallirono in quella che è stata chiamata «l’ultima grande crisi di sussistenza nel mondo occidentale». In Cina nel 1816 ci fu una massiccia carestia. Le inondazioni distrussero i raccolti. La stagione dei monsoni è stata interrotta, provocando inondazioni travolgenti nella Valle dello Yangtze. In India, il monsone estivo ritardato ha causato piogge torrenziali tardive che hanno aggravato la diffusione del colera da una regione vicino al Gange nel Bengala fino a Mosca.

 

Le eruzioni vulcaniche sono in un recente aumento dall’eruzione di due enormi vulcani nel novembre 2020 in Indonesia a Lewotolo e Semeru, all’inizio dell’attuale Grande Minimo Solare, legato al calo correlato al sole nella magnetosfera e al più forte afflusso di radiazione cosmica solare penetrazione del magma ricco di silice dei vulcani.

 

Come osserva Sacha Dobler, autore di Solar Behaviour, «Per quanto riguarda la temperatura, ciò che è cruciale non è l’energia che lascia il sole, ma quanta di questa energia è bloccata dalle nuvole e quanto raggiunge la superficie terrestre, e quanto viene riflessa nello spazio dal ghiaccio e dalla neve».

Il Dalton Minimum, dal 1790 al 1830 circa, sebbene meno estremo del periodo Maunder, portò a una serie di enormi eruzioni vulcaniche tra il 1812-1815 culminate con l’eruzione record in Indonesia del Monte Tambora, il la più grande eruzione vulcanica del mondo durante i tempi storici. A sua volta creò così tanta densità di nuvole dalla cenere che il 1816 era conosciuto in Europa come l’anno senza estate

 

Una maggiore penetrazione dei raggi cosmici nell’atmosfera durante i minimi solari si aggiunge alla nucleazione delle nuvole, così come le eruzioni vulcaniche.

 

Dobler aggiunge: «In un grande minimo solare, i raggi cosmici innescano inondazioni improvvise, grandinate e – a causa del disturbo della corrente a getto e della miscelazione degli strati atmosferici –  eventi di precipitazione locali di lunga durata … sono previste ondate di calore e altri incendi».

 

In breve, possiamo aspettarci eventi meteorologici instabili e irregolari nei prossimi dieci o tre decenni se i fisici solari come Zharkova hanno ragione.

 

 

Cambiare corrente a getto

Un effetto significativo dell’importante Grand Solar Minimum nel quale stiamo entrando in questo momento sono i cambiamenti nella posizione della nostra corrente a getto.

 

In breve, possiamo aspettarci eventi meteorologici instabili e irregolari nei prossimi dieci o tre decenni se i fisici solari come Zharkova hanno ragione

In periodi di elevata attività solare, la corrente a getto forma una cintura relativamente stabile attorno all’emisfero settentrionale a livello del Canada meridionale e della Siberia, mantenendo contenuto il rigido freddo invernale.

 

Nei minimi solari come adesso, la corrente a getto, invece di formare un anello stabile, diventa molto irregolare o ondulatq. Questo è ciò che ha permesso il freddo artico senza precedenti fino all’estremo sud del Texas.

 

Questa corrente a getto irregolare e debole consente forti fredde e nevicate in alcune aree e insolite sacche calde in luoghi come la Siberia, nonché periodi insolitamente caldi e secchi o umidi. Man mano che avanziamo più in profondità nell’attuale Grande Minimo Solare entro il 2030 circa, i fisici si aspettano che questo cambiamento climatico «estremo» si intensifichi.

 

Man mano che avanziamo più in profondità nell’attuale Grande Minimo Solare entro il 2030 circa, i fisici si aspettano che questo cambiamento climatico «estremo» si intensifichi

Il sole è per ordini di grandezza la forza più influente che influenza il clima della Terra e i suoi cambiamenti climatici. Sfortunatamente per l’umanità, il gruppo prevalente di scienziati del clima che sostengono la ristretta ipotesi del riscaldamento globale provocato dall’uomo tramite la CO2 non ha modellato alcun effetto del cambiamento della radiazione solare sul nostro clima. L’IPCC respinge il sole come un fattore irrilevante, qualcosa che si sta rivelando estremamente pericoloso.

 

Potrebbe essere che i poteri che stanno dietro artisti del calibro di Bill Gates o Klaus Schwab conoscono bene il minimo solare in arrivo e il fatto che questo sarà probabilmente altrettanto cattivo o peggiore del Dalton Minimum del 1790-1830?

 

Questo spiega la loro selezione del periodo dal 2030 al 2050 nell’obiettivo dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite?

 

Potrebbe essere che i poteri che stanno dietro artisti del calibro di Bill Gates o Klaus Schwab conoscono bene il minimo solare in arrivo? Sarebbe un modo diabolico per accelerare il loro programma di riduzione della popolazione mentre il mondo è colto impreparato per gravi fallimenti dei raccolti e carestie di massa

Se il mondo sta spendendo trilioni e deviando risorse preziose per prepararsi a «zero emissioni di carbonio», mentre i peggiori effetti solari degli ultimi 200 anni o più si verificano in eventi come il Texas e altre parti del mondo, sarebbe un modo diabolico per accelerare il loro programma di riduzione della popolazione mentre il mondo è colto impreparato per gravi fallimenti dei raccolti e carestie di massa.

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Startup trasforma in vodka le emissioni di CO2

Pubblicato

il

Da

Una startup chiamata di Air Company sta producendo vodka a base di emissioni di anidride carbonica. Lo riferisce la CNBC.

 

Si tratta di una nuova frontiera dell’industria sostenibile: la giovane azienda utilizza le emissioni di CO2 delle industrie produttrici di carbonio, che trasforma in vari alcoli, tra cui vodka, profumi e disinfettanti per le mani.

 

Tale progetto alimentare è una svolta su una tendenza più ampia di catturare il carbonio e usarlo per produrre qualsiasi cosa, dal detersivo per bucato al carburante per missili, riporta Futurism.

 

Air Company utilizza prima l’elettrolisi per separare l’idrogeno e l’ossigeno dall’acqua, che viene poi trasformata in etanolo utilizzando un reattore di conversione del carbonio, che utilizza le emissioni di CO2 catturate. Quindi raffina l’etanolo in un liquore da bere.

 

Una bottiglia da 750 ml di Air Vodka costa circa $ 65, un costo ancora piuttosto proibitivo, ma avere la coscienza ambientalmente  pulita costa: non sappiamo se in un futuro superecobonus 110% includeranno anche l’ecovodka.

 

In pratica, ora sarà possibile imbriacarsi sentendosi assolti dal peccato carbonico. Il problema evidente ora è per coloro che «bevono per dimenticare» il climate changio.

 

Si apre un nuovo universo di soddisfazione, invece, per coloro che sono già ebbri del proprio virtuosismo ambientalista, tra raccolta differenziata, bicicletta e steroidi anticoncezionali: l’ebbrezza della propria superiorità eco-morale si assomma ora all’ubriachezza tout court, sempre attenti, però, a non esagerare, perché come noto da secoli, in vino veritas – si moltiplicano quindi le possibilità che al fedele ambientalista imbriaco scappi la verità intima della sua condizione:

 

«Siamo solo degli sfigati che non hanno alcuna idea di cosa stanno facendo ma credono di poter controllare il clima di un pianeta tramite la spazzatura; non avendo più religione ci siamo aggrappati a questa cosa qua; è il modo più economico per sentire che ho fatto qualcosa della mia vita, e poi di far figli ho paura, preferisco tenermi lo stipendio per me e il mio cane e i fine settimana liberi come l’aria».

 

Se capita, comunque, lo dicono solo perché confusi dai fumi dell’ecovodkazza. No?

 

Continua a leggere

Ambiente

Se l’ONU parla dell’umanità in una «spirale di autodistruzione»

Pubblicato

il

Da

Le Nazioni Unite hanno pubblicato il loro ennesimo rapporto disperato e terrificante.

 

Stavolta l’ONU parla dell’umanità intrappolata in una «spirale di autodistruzione».

 

E il lettore di Renovatio 21 sa bene perché le Nazioni Unite parlano così, e quale soluzione offrono.

 

Pubblicato ogni due anni, il rapporto di valutazione globale delle Nazioni Unite sulla riduzione del rischio di catastrofi ha il compito di delineare i modi in cui l’umanità può mitigare il rischio di catastrofe

 

Il rapporto non solo ha rilevato che negli ultimi due decenni si sono verificati circa 300 e 500 disastri di medie e grandi dimensioni all’anno, ma anche che il numero aumenterà a una media di 560 disastri all’anno entro il 2030, o all’incirca 1,5 disastri al giorno.

 

Tali disastri, scrive il rapporto ONU, sono spesse volte correlati al cambiamento climatico, la grande malattia del pianeta dove la correlazione mai è esclusa.

 

In una dichiarazione, l’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di catastrofi (UNDRR) ha accusato «ottimismo, sottovalutazione e invincibilità» per il numero crescente e la gravità dei disastri globali.

 

In pratica, dice l’ONU, i vertici politici dei Paesiche la sostengono, quelli che rinchiudono le loro popolazioni per anni, le impoveriscono e le sottomettono a concetti imbecilli come quello della «transizione ecologica», sono troppo ottimisti.

 

Si può dare di più.

 

«Il mondo deve fare di più per incorporare il rischio di catastrofi nel modo in cui viviamo, costruiamo e investiamo, il che sta mettendo l’umanità in una spirale di autodistruzione», ha affermato nella dichiarazione il vicesegretario generale delle Nazioni Unite Amina Mohammed.

 

«Dobbiamo trasformare il nostro compiacimento collettivo in azione», ha aggiunto la Mohammed, che non si capisce di cosa sia autocompiaciuta. «Insieme possiamo rallentare il tasso di disastri prevenibili mentre lavoriamo per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile per tutti, ovunque».

 

«La portata e l’intensità dei disastri sono in aumento, con più persone uccise o colpite da disastri negli ultimi cinque anni rispetto ai cinque precedenti».

 

La buona notizia, dice l’UNDRR nel suo rapporto, è che l’adozione e l’attuazione dei protocolli suggeriti in precedenza hanno già ridotto sia il numero di persone uccise che il numero totale di persone colpite da disastri negli ultimi dieci anni.

 

Conosciamo bene i protocolli ONU, specie quelli sulla vera causa dei problemi del pianeta, che – ci hanno raccontato per decenni e ancora ci raccontano ora – è la sovrappopolazione.

 

Incapaci di reiterare questa balla, che ha stufato e che di fatto infastidisce la gente che ad un certo punto della vita comincia a desiderare dei bambini da amare incondizionatamente, ora la chiamano «cambiamento climatico».

 

Dietro a qualsiasi operazione ONU sul clima, come a qualsiasi altra azione dell’ente, c’è l’imperativo della riduzione della popolazione terrestre.

 

Per comprenderlo a fondo, potete leggere i libri di mons. Michel Schooyans Il Complotto dell’ONU contro la vita e I volti nascosti dell’ONU.

 

O magari, basterebbe dare un’occhiata ai piani ONU per irrorare il cielo di solfato per ridurre le temperature: ma guarda che strano, proprio la geoingegneria solare promossa e finanziata da Bill Gates.

 

Il calcolo alla base del progetto degli aerei che diffondono sostanze che bloccare i raggi solari lo ha raccontato il professore harvardiano David Keith, il suo principale proponente, al New York Times.

 

«Le morti per inquinamento atmosferico dovute allo zolfo aggiunto nell’aria sarebbero più che compensate dalla diminuzione del numero di morti per caldo estremo, che sarebbe da 10 a 100 volte maggiore».

 

Sarebbe una bella ecatombe utilitarista che piacerebbe agli appetiti antiumani dell’ONU, così da farle scrivere, in futuro, rapporti di catastrofismo più mite.

 

Continua a leggere

Ambiente

Il clima di Nettuno è in disaccordo con gli ecologisti umani

Pubblicato

il

Da

I recenti cambiamenti nei modelli meteorologici estivi di Nettuno hanno sconcertato gli scienziati: si sta raffreddando, quando normalmente dovrebbe riscaldarsi.

 

Nettuno è circa 30 volte più lontano dal Sole di quanto lo sia la Terra, circa 2,8 miliardi di miglia, e dalla triste retrocessione astronomica di Plutone a  «pianeta nano», Nettuno è il pianeta più distante del nostro Sistema Solare.

 

L’atmosfera di Nettuno contiene circa l’80% di idrogeno, il 18,5% di elio e l’1,5% di metano; mentre l’atmosfera terrestre è 78% azoto, 21% ossigeno, 0,9% argon e il resto è una miscela di altri gas.

 

Proprio come ogni altro pianeta che ha un’inclinazione nel suo asse rispetto al piano della sua orbita, Nettuno ha le stagioni. Poiché impiega circa 165 anni per orbitare attorno al Sole, ogni stagione dura circa 40 anni: l’estate di Nettuno è iniziata intorno al 2005.

 

In uno studio pubblicato l’11 aprile 2022 sul Planetary Science Journal, i ricercatori hanno riferito che durante la sua estate, l’emisfero meridionale di Nettuno si è notevolmente raffreddato

 

Live Science ha riferito che in questo studio «i ricercatori hanno compilato immagini a infrarossi di Nettuno scattate da una varietà di telescopi terrestri e spaziali tra il 2003 e il 2020.

 

Il team inizialmente prevedeva che le temperature nell’emisfero meridionale di Nettuno sarebbero aumentate con l’arrivo dell’estate. Tuttavia, le immagini hanno rivelato che le temperature atmosferiche nell’emisfero australe erano scese di 8°C  tra il 2003 e il 2018.

 

«Inoltre, negli ultimi due anni dello studio, le temperature intorno al polo sud di Nettuno sono aumentate di 11° C tra il 2018 e il 2020. I ricercatori sono rimasti perplessi dal cambiamento di temperatura rapido e intenso e non riescono a spiegare perché questo calore sia in controtendenza l’andamento generale nell’emisfero Sud».

 

«Questa non è la prima volta che le temperature atmosferiche di Nettuno lasciano perplessi gli scienziati. Nel 1989, la sonda Voyager 2 della NASA è passata da Urano e Nettuno mentre usciva dal Sistema Solare e ha scoperto che Nettuno era più caldo del suo vicino più prossimo nonostante fosse più lontano dal Sole. Da allora gli scienziati hanno scoperto che ciò è probabilmente dovuto alle differenze gravitazionali tra i due pianeti».

 

Lo studio ipotizza cosa potrebbe spiegare i cambiamenti attuali, incluso il ciclo solare di 11 anni, in cui i poli magnetici del Sole si capovolgono, provocando un ciclo del numero di macchie solari e i successivi cambiamenti nella radiazione solare e nel vento solare.

 

L’attuale ciclo solare 25 è iniziato all’incirca alla fine del 2020 e il numero di macchie solari sta gradualmente aumentando, influenzando il clima spaziale e i satelliti a bassa orbita, la cui vita lavorativa è influenzata dall’aumento della radiazione.

 

L’autore principale Michael Roman, astronomo dell’Università britannica di Leicester, ha affermato:

 

«Penso che Nettuno sia di per sé molto intrigante per molti di noi perché ne sappiamo ancora così poco. Tutto ciò punta verso un’immagine più complicata dell’atmosfera di Nettuno e di come cambia nel tempo».

 

E lo stesso si potrebbe dire per l’atmosfera dinamica, il tempo e il clima della Terra. Per qualche motivo, tuttavia, riguardo al nostro pianeta la climatologia è fatta oggi di soli dogmi catastrofisti e (ovviamente) anti-umani.

 

Ci siamo chiesti su questo sito, varie volte, chi finanzia questi dogmi intrisi di morte e di odio per l’umanità. E a quali scopi essi possono servire.

 

Leggendo Renovatio 21, spesso troverete delle risposte. Mentre Nettuno continuerà tranquillo a aumentare e diminuire la temperatura, incurante di ecologisti, ambientalisti, climatologi, miliardari.

 

Joe Biden poco giorni fa ha detto di voler difendere gli «Uraniani» (sic), cioè gli abitanti di Urano. Ebbene, poco più in là, anche Nettuno merita la protezione della sua democratica libertà di avere il clima che vuole.

 

 

O no?

 

Nel frattempo, sentiamo cosa sull’argomento aveva da dire qualche anno fa uno che di spazio se ne intende, il dottor Spock, preparato abitanti del pianeta Vulcano.

 

Che non è esattamente attaccato a Nettuno, ma va bene così.

 

 

Continua a leggere

Più popolari