Controllo climatico: un gruppo di Stati USA sta utilizzando la tecnologia di modifica meteorologica

 

 

 

Mentre vaste aree della costa occidentale degli USA stanno affrontando alcune delle più gravi siccità che la regione abbia mai visto  gli scienziati dell’atmosfera stanno cercando di trovare soluzioni.

 

Otto stati degli Stati Uniti stanno ora utilizzando una tecnica chiamata cloud seeding per incoraggiare la formazione di nuvole e fornire alle regioni colpite dalla siccità l’acqua di cui hanno molto bisogno, riferisce la testata Scientific American.

 

La tecnica prevede il rilascio nell’aria, spesso dagli aerei, di particelle di ioduro d’argento, che hanno strutture molto simili al ghiaccio

La tecnica prevede il rilascio nell’aria, spesso dagli aerei, di particelle di ioduro d’argento, che hanno strutture molto simili al ghiaccio. Una volta che raggiungono l’interno delle nuvole, attirano le goccioline, che poi si raggruppano e congelano mentre si raccolgono. Il risultato, in teoria: più acqua fresca che raggiunge il suolo.

 

L’idea dell’«inseminazione» delle nuvole esiste da decenni, almeno dagli anni ’40 , ma la pratica è più rilevante oggi con l’aumento delle temperature, aumentando il rischio di siccità.

 

«Certamente ora siamo in una posizione migliore per affrontare questa domanda rispetto a 10 anni fa», ha detto a Scientific American Jeff French, uno scienziato atmosferico dell’Università del Wyoming . «Lo stato della scienza è progredito al punto che è una questione che possiamo e dovremmo cercare di affrontare ora».

 

«Lo stato della scienza è progredito al punto che è una questione che possiamo e dovremmo cercare di affrontare ora»

Finora, l’uso più comune del cloud seeding è stato quello di generare più neve. Questa neve precipita in inverno e poi si scioglie in primavera, fornendo acqua fresca a milioni di persone.

 

«I gestori dell’acqua hanno fondamentalmente due scelte, ed entrambe vengono implementate», ha detto French alla rivista scientifica. «Uno è ridurre in qualche modo la domanda attraverso la conservazione, e l’altro è aumentare in qualche modo l’offerta. E il cloud seeding è una proposta relativamente poco costosa».

 

C’è un grosso problema, tuttavia: non siamo del tutto sicuri di quanto bene funzioni. Gli esperimenti nella seconda metà del XX secolo hanno prodotto risultati deludenti, scrive Futurism.

 

Gli americani non sono i soli a ricorrere a tecnologie di controllo metereologico:il governo cinese ha annunciato che intende aumentare drasticamente l’uso del cloud seeding

Ciò non impedisce a stati come Colorado, Utah e Wyoming di tentare di far piovere usando la tecnica. Alcuni programmi, secondo Scientific American , hanno registrato un aumento dal 5% al 15% in più di nevicate rispetto alle aree prive di cloud seeding, ma questi programmi non sono stati in grado di dimostrare scientificamente un nesso causale tra la «semina» delle nuvole e una maggiore quantità di neve.

 

Scienziati come French non sono ancora del tutto convinti che il cloud seeding sarebbe una soluzione praticabile alla siccità.

 

Gli americani non sono i soli a ricorrere a tecnologie di controllo metereologico. Come riportato da Renovatio 21, a fine 2020 il governo cinese ha annunciato che intende aumentare drasticamente l’uso del cloud seeding, tecnologia di cui la Repubblica Popolare di Pechini fa già un uso assiduo.

 

Altri Paesi potrebbero divenire oggetto di modifiche (di attacchi) tecno-meteorologici, seminando, più che nuvole della pioggia,  un conflitto internazionale con armi di nuovo: le armi climatiche

Il Partito Comunista Cinese entro il 2025 vuole aumentare la dimensione totale della sua area di test di modifica meteorologica a 5,5 milioni di miglia quadrate – un enorme aumento e un’area più grande di quella dell’intero paese dell’India, che potrebbe influenzare l’ambiente. Un’operazione di proporzioni colossali che potrebbe persino potenzialmente avviare conflitti con i Paesi vicini.

 

Per cui, ora anche altri Paesi potrebbero divenire oggetto di modifiche (di attacchi) tecno-meteorologici, seminando, più che nuvole della pioggia,  un conflitto internazionale con armi di nuovo: le armi climatiche