Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Ambientalismo, eugenetica, razzismo: i panni sporchi delle organizzazioni verdi

Pubblicato

il

 

 

 

 

In quella che è quasi certamente una mossa preventiva, l’ente ambientalista americano Sierra Club ha pubblicato sul suo sito la scorsa settimana un articolo molto rivelatore dal titolo «Tirare giù i nostri monumenti».

 

Sierra Club è la più antica e grande organizzazione ambientalista degli Stati Uniti. L’ambientalismo, come sappiamo, in una vastità di casi si coniuga con l’antiumanismo. Molti gruppi ambientalisti credono al mito della sovrappopolazione e quindi lavora per il fine del reverendo Malthus, cioè la riduzione della popolazione umana.

L’ambientalismo, come sappiamo, in una vastità di casi si coniuga con l’antiumanismo. Molti gruppi ambientalisti credono al mito della sovrappopolazione e quindi lavora per il fine del reverendo Malthus, cioè la riduzione della Popolazione umana

 

«I leader passati e presenti del gruppo, tutti i principali malthusiani, desiderano unire il “verde” con il “nero” (come i Black Lives Matter finanziati da Soros) – e hanno deciso di mettere in luce la loro storia oscura, in un finto sforzo di “espiazione”. Ed è una storia molto lunga, molto oscura» scrove EIR.

 

«È tempo di smantellare alcuni dei nostri monumenti – scrive il direttore esecutivo del Sierra Club Michael Brune – a partire da un po ‘di verità sulla storia antica del Sierra Club».

 

Il principale monumento di cui al Sierra Club potrebbero essere preoccupati è quello del loro stesso fondatore, John Muir, e delle sue connessioni con il movimento eugenetico, che all’epoca (fine XIX secolo) altro non era se non una versione scientista del suprematismo bianco.

 

Theodor Roosevelt e John Muir, 1906

 

«Altri primi membri e leader del Sierra Club – come Joseph LeConte e David Starr Jordan – erano sostenitori vocali della supremazia bianca e del suo braccio pseudo-scientifico, l’eugenetica»

Conosciuto come un abbracciatore di alberi , il Muir non era solo personalmente un razzista – raccontava barzellette indisponenti con «stereotipi razzisti offensivi», ma «manteneva amicizie con persone come Henry Fairfield Osborn, che ha lavorato sia per la conservazione della natura che per la conservazione della razza bianca. Capo della New York Zoological Society e consiglio di amministrazione dell’American Museum of Natural History, l’Osborn ha anche contribuito a fondare l’American Eugenics Society negli anni successivi alla morte di Muir».

 

Fornendo collegamenti per le prove (e per i liberali allarmati), continua Brune:

 

«Altri primi membri e leader del Sierra Club – come Joseph LeConte e David Starr Jordan – erano sostenitori vocali della supremazia bianca e del suo braccio pseudo-scientifico, l’eugenetica».

 

«Ha spinto per leggi e programmi di sterilizzazione forzata che hanno privato decine di migliaia di donne del loro diritto a dare alla luce bambini – per lo più neri, latini, indigeni e donne povere, e coloro che vivono con disabilità e problemi mentali malattia. Ha co-fondato la Human Betterment Foundation, le cui ricerche e leggi modello sono state utilizzate per creare la legislazione eugenetica della Germania nazista»

«Jordan, ad esempio, ha fatto parte del consiglio di amministrazione durante la presidenza di Muir. Un “perno” del movimento eugenetico, ha spinto per leggi e programmi di sterilizzazione forzata che hanno privato decine di migliaia di donne del loro diritto a dare alla luce bambini – per lo più neri, latini, indigeni e donne povere, e coloro che vivono con disabilità e problemi mentali malattia. Ha co-fondato la Human Betterment Foundation, le cui ricerche e leggi modello sono state utilizzate per creare la legislazione eugenetica della Germania nazista».

 

Non solo, ma lo stesso Sierra Club è stato progettato come un club per bianchi privilegiati:

 

«L’adesione potrebbe essere concessa solo attraverso la sponsorizzazione di membri esistenti, alcuni dei quali hanno eliminato tutti i candidati di colore», scrive l’articolo espiatorio.

 

Piuttosto che essere un esercizio di espiazione, articoli come questo ci fanno pensare che vi sia un progettato per far sì che il network di Black Lives Matter abbracci più chiaramente le idee malthusiane nelle loro operazioni.

 

Il movimento nero sta già abbracciando il New Deal verde, la proposta anti-crescita di cui è campionessa la politica goscista USA Alexandra Ocasio-Cortez.

 

Un bambino nero su tre in America oggi viene abortito

La storia è ancora una volta tragica per le persone di origine africana. Il movimento eugenetico ha sempre predicato la riduzione della popolazione nera: Planned Parenthood, multinazionale dell’aborto finanziata agli albori dai Rockefeller (come continuazione del loro sostegno agli Istituti di Eugenetica, compresi quelli tedeschi degli anni Trenta) e oggi sostenuta anche da Bill Gates, ha sempre preso di mira le donne di colore, con campagne mirate soprattutto nelle periferie meno abbienti.

 

Un bambino nero su tre in America oggi viene abortito. Si tratta di una ecatombe che qualche attivista pro-life di colore ha chiamato Maafa, cioè la parola in lingua swahili per dire «Olocausto».

Il massivo sacrificio umano del nero può passare dal verde

 

Il massivo sacrificio umano del nero può passare dal verde. Teniamolo a mente – sempre.

 

 

 

 

 

ABBIAMO PARLATO DI

Per approfondire


In affiliazione Amazon

 

 

 

Immagine: Halloween, vettore creato da upklyak – it.freepik.com

Continua a leggere

Ambiente

L’Europa aveva detto all’Olanda di continuare con la chiusura forzata delle fattorie

Pubblicato

il

Da

L’Unione Europea è stata accusata di «ingerenza» nella politica interna olandese dopo che è stato rivelato che un eurocrate non eletto aveva consigliato al governo Rutte di portare avanti piani per attuare la chiusura delle fattorie in cambio di maggiore «flessibilità» dal blocco sui regolamenti. Lo riporta il sito americano Breitbart.

 

Diederik Samsom, l’ex capo del Partito del Lavoro olandese che ora ricopre il ruolo di capo di gabinetto non eletto per il primo vicepresidente della Commissione Europea Frans Timmermans, avrebbe detto al governo filo-UE di Mark Rutte a novembre  che doveva procedere con i piani per l’acquisizione delle fattorie nonostante la rivolta iniziata la scorsa estate con proteste di massa con i trattori culminata  pochi giorni fa con l’immensa vittoria del partito dei contadini BBB alle recenti elezioni.

 

Secondo un servizio dell’emittente olandese NOS, Samsom, in una conversazione con il governo a novembre, avrebbe affermato che un’azione statale meno invasiva da parte dello Stato neerlandese non sarebbe stata sufficiente per evitare che la Commissione Europea imponesse sanzioni per le emissioni di azoto, come vietare la costruzione di nuovi edifici in alcune aree o impedire la costruzione di quasi tutte le nuove strade nel Paese.

 

Samson avrebbe continuato affermando che se il governo dovesse imporre l’acquisto obbligatorio delle fattorie degli agricoltori, la Commissione sarebbe divenuto meno severa con i Paesi Bassi su altre questioni relative alla politica, affermando che il governo olandese dovrebbe «prima  adempiere».

 

La leader del partito Farmer-Citizen Movement (BBB), Caroline van der Plas ha scritto sui social media di aver scritto al governo per chiarire la «strana ingerenza» di Samson, che ha notato «non è nemmeno un rappresentante eletto».

 

Il leader del Partito populista per la libertà (PVV) Geert Wilders è andato oltre, affermando che Samsom «vuole demolire completamente i Paesi Bassi dalle stanze sul retro di Bruxelles», aggiungendo: «quanto desidero una Nexit», in riferimento al concetto di Paesi Bassi uscire dall’UE come il Regno Unito con la Brexit.

 

La politica di costringere gli agricoltori a vendere le loro terre con ordini di acquisto forzato sostenuti dal governo e i piani per ridurre le emissioni di azoto nelle fattorie tra il 50 e il 95% hanno scatenato proteste a livello nazionale, con gli agricoltori che hanno utilizzato i loro trattori per bloccare autostrade e altre infrastrutture critiche.

 

Come riportato da Renovatio 21, le manifestazioni di questi mesi sono state molto intense, con la polizia che è arrivata a sparare sui trattoriurtarli con le ruspe, mentre sono state filmate camionette delle forze dell’ordine portar via con la forza i manifestanti tramite agenti in borghese. La repressione della polizia olandese del movimento dei contadini segue quella contro chi protestava per le restrizioni pandemiche: abbiamo visto anche lì le forze dell’ordine sparare, picchiare e far sbranare i dimostranti con cani poliziotto.

 

Le proteste olandesi avevano avuto eco in tutto il mondo, arrivando a contagiare anche gli allevatori tedeschi.

 

Mentre il governo ha affermato che le acquisizioni sarebbero state una misura di ultima istanza, a novembre ha rivelato piani per acquistare tra le duemila e le tremila aziende agricole già il mese prossimo e con la forza se necessario. L’anno scorso il governo aveva introdotto piani per ridurre di un terzo il numero di capi di bestiame.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Minister-president Rutte from Nederland via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0).

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Proposta dello scienziato: il papa trasformato in fertilizzante

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 riprende brani di questo articolo di Bioedge.

 

 

Papa Francesco sarà trasformato in fertilizzante organico invece che sepolto nella Basilica di San Pietro a Roma con i suoi predecessori?

 

È improbabile. Ma un ex direttore del BMJ dice che dovrebbe. Richard Smith sostiene che sarebbe un grande esempio per il resto del mondo.

 

«Il risparmio di 1,4 tonnellate di carbonio dal compostaggio di Papa Benedetto XVI farebbe poca differenza per la crisi ecologica, ma il messaggio e il simbolismo del suo compostaggio sarebbe enorme. La Chiesa cattolica ha 1,3 miliardi di seguaci con circa nove milioni che muoiono ogni anno. Il compostaggio di quei nove milioni risparmierebbe enormi quantità di gas serra e genererebbe molto terreno fertile. E il Papa che viene compostato potrebbe avere un’influenza più ampia tra i 60 milioni di persone che muoiono ogni anno».

 

Il dottor Smith ritiene che il compostaggio sia «il modo migliore per smaltire i morti». Una società chiamata Recompose nello stato americano di Washington offre un servizio di 7.000 dollari per trasformare un cadavere in terreno fertile. Il corpo viene posto in una cassa con trucioli di legno, erba medica e paglia, mantenuto a circa 55°C per permettere ai batteri termofili di allontanarsi, e girato lentamente. Il processo dura un mese.

 

Finora, sei stati negli Stati Uniti lo hanno legalizzato finora: Washington, Colorado, Oregon, Vermont, California e New York.

 

La Chiesa cattolica non aveva rilasciato una dichiarazione definitiva sul compostaggio umano, ma i vescovi cattolici dello stato di New York si sono opposti. In un commento sulla legislazione di New York all’inizio di quest’anno hanno dichiarato:

 

«Nel corso della storia umana e in ogni cultura, la disposizione dei resti umani ha seguito una varietà di rituali, ma sempre con inumazione o cremazione. Il processo di compostaggio è associato allo smaltimento sostenibile dei rifiuti organici domestici o agricoli da riutilizzare come fertilizzante per giardini o colture. Ma i corpi umani non sono rifiuti domestici; sono vasi dell’anima».

 

Il dottor Smith suggerisce che il re Carlo III dovrebbe prendere in considerazione l’opzione, poiché il suo esempio sarebbe molto convincente. La sua bis-bisnonna, la regina Vittoria, ha chiesto il cloroformio durante il parto. Si dice che questo abbia aperto la strada all’uso diffuso di anestetici durante il travaglio.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Immagine di Ricardo Stuckert/PR via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Brazil (CC BY 3.0 BR)

 

 

 

Continua a leggere

Alimentazione

Bill Gates investe milioni in mascherine elettroniche per mucche

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

La Bill & Melinda Gates Foundation questo mese ha assegnato una sovvenzione di 4,8 milioni di dollari a ZELP, che afferma che la sua tecnologia di mascherine a Intelligenza Artificiale per il bestiame ridurrà le emissioni di metano e frenerà il cambiamento climatico.

 

 

La Bill & Melinda Gates Foundation questo mese ha assegnato una sovvenzione di 4,8 milioni di dollari a un’azienda che vende mascherine «intelligenti» per le mucche.

 

ZELP, che sta per Zero Emissions Livestock Project [Processo per il bestiame a emissioni zero, ndt], afferma che la sua tecnologia di mascherine a Intelligenza Artificiale (AI) per il bestiame ridurrà le emissioni di metano, considerato il principale gas serra, e frenerà il cambiamento climatico.

 

Le mucche e altri ruminanti emettono metano nel processo di digestione del cibo.

 

La maschera gira intorno alla testa della mucca e cattura il gas metano espirato dall’animale, ossidandolo e poi rilasciandolo nell’aria come anidride carbonica e vapore acqueo, secondo ZELP.

 

Dispone inoltre di sensori che raccolgono continuamente milioni di punti dati sugli animali che vengono elaborati da algoritmi di apprendimento automatico.

 

«La nostra Intelligenza Artificiale è addestrata per rilevare il calore, segnalare le condizioni di benessere e identificare gli animali più efficienti con un alto livello di precisione», ha affermato ZELP.

 

Ma i critici, incluso l’agricoltore di terza generazione Howard Vlieger, hanno affermato che l’impresa finanziata da Gates è illogica e guidata dall’avidità.

 

Vlieger, che consiglia agricoltori e allevatori negli Stati Uniti, ha dichiarato: «questo è ciò che si otterrebbe quando combini avidità e stupidità».

 

Commentando la notizia, Will Harris , un agricoltore rigenerativo di quarta generazione che gestisce la fattoria della sua famiglia White Oak Pastures, ha detto a The Defender che tutto ciò che poteva dire era: «sicuramente questa è una bufala».

 

Critical Sway, ricercatore e investigatore, ha twittato: «non puoi inventare questa roba. … Viviamo in tempi ridicoli, amici miei».

 

 

 

ZELP, che collabora con il gigante agricolo Cargill, guadagna affittando le mascherine intelligenti agli agricoltori e vendendo crediti di compensazione del carbonio, ha affermato Critical Sway.

 

«La storia dimostrerà che la stragrande maggioranza dei cosiddetti progetti benefici per l’ambiente come questo faranno sembrare Bernie Madoff un chierichetto», ha detto Vlieger.

 

Madoff, il cui nome è diventato sinonimo di frode finanziaria, era dietro lo schema Ponzi da 20 miliardi di dollari che la CNN ha definito la più grande frode finanziaria della storia.

 

 

La storia d’amore di Gates con le soluzioni tecnologiche

Le mascherine intelligenti per le mucche non sono la prima soluzione tecnologica redditizia che Gates ha tentato di applicare a un problema naturale.

 

L’anno scorso, il miliardario ha collaborato con Samsung nel tentativo di realizzare una toilette che trasformasse le feci umane in cenere.

 

Gates ha recentemente affermato che i suoi semi geneticamente modificati erano necessari per risolvere la fame nel mondo perché il cambiamento climatico altera le condizioni di crescita.

 

Promuove anche l’agricoltura digitale guidata dall’intelligenza artificiale che si basa su monocolture su larga scala ed è «fondamentalmente un’agricoltura di sorveglianza », secondo l’attivista ambientale Vandana Shiva, Ph.D.

 

La tecnologia costringe gli agricoltori «a diventare dipendenti da sostanze chimiche e fertilizzanti chimici» che danneggiano il pianeta e le persone riducendo la biodiversità naturale, ha affermato Shiva.

 

Shiva ha affermato che le soluzioni di Gates ignorano gli ovvi rimedi naturali per i problemi ambientali, come le pratiche di agricoltura rigenerativa del pascolo gestito e l’arricchimento naturale del suolo.

 

 

Le pratiche agricole industriali, non le mucche, sono il problema

Il progetto di ZELP è stato uno dei quattro vincitori lo scorso anno del Terra Carta Design Lab, un concorso di sostenibilità ambientale per la riduzione delle emissioni di metano.

 

Il principe Carlo, che ha lanciato il concorso nell’ambito della sua iniziativa per i mercati sostenibili, ha elogiato il design della maschera come «affascinante», ha riferito Business Insider nell’aprile 2022.

 

Ma secondo Vlieger, i ruminanti nel loro habitat naturale non sono i fattori chiave dei problemi ambientali.

 

«Quando i coloni si fecero strada attraverso le pianure, c’erano milioni di bufali», ha detto Vlieger. «Se i ruminanti erano il problema, perché allora non abbiamo avuto problemi di cambiamento climatico?»

 

Tecno-correzioni come le maschere intelligenti di ZELP ignorano il problema di dove e come pascolano gli animali, hanno detto Vlieger e altri.

 

La produzione di bestiame convenzionale – che include il confinamento di un gran numero di animali in operazioni di alimentazione animale concentrate, più comunemente note come allevamenti intensivi – «manipola parti dell’ecosistema nel tentativo di massimizzare la produzione e i profitti, portando così alla complicazione e alla spesa di affrontare involontari conseguenze», secondo un rapporto del 2015 del Savory Institute, un’organizzazione di agricoltura rigenerativa che promuove la gestione olistica del bestiame.

 

Un ecosistema intatto bilancia efficacemente la produzione e la scomposizione del metano dei ruminanti, affermano gli autori del rapporto.

 

In effetti, i ricercatori, tra cui W. Richard Teague, Ph.D., professore emerito ed ecologista del pascolo presso il Texas A&M AgriLife Research & Extension Center, ha scoperto che con un’appropriata gestione rigenerativa delle colture e del pascolo, i ruminanti non solo riducono le emissioni complessive di gas serra, ma forniscono anche servizi ecosistemici essenziali che aumentano il sequestro del carbonio nel suolo e riducono il danno ambientale.

 

Teague e i suoi colleghi hanno affermato in un articolo del 2016 pubblicato sul Journal of Soil and Water Conservation che «per garantire la sostenibilità a lungo termine e la resilienza ecologica degli agroecosistemi, la produzione agricola dovrebbe essere guidata da politiche e protocolli di gestione rigenerativa che includano il pascolo dei ruminanti».

 

Consentire alle mucche di pascolare liberamente «sotto una gestione appropriata si traduce in un sequestro di carbonio maggiore rispetto alle emissioni», ha dichiarato Teague a Successful Farming.

 

I sistemi di pascolo che sono rigenerativi causano un aumento dei microrganismi del suolo, che aiuta a guidare il sequestro del carbonio e l’ossidazione del metano, ha aggiunto Teague.

 

 

«Questo è sbagliato in tanti modi»

Vlieger ha affermato che la maschera intelligente di ZELP genererebbe radiazioni elettromagnetiche che potrebbero danneggiare gli animali.

 

«Molti anni fa, quando l’USDA [Dipartimento dell’agricoltura degli Stati Uniti] parlava dei marchi auricolari di identificazione elettronica per il bestiame, ho scritto un articolo sui pericoli delle frequenze elettromagnetiche – e questo è stato molto prima che avessimo una frazione delle informazioni che abbiamo avere oggi», ha detto.

 

«Il potenziale di tumori e altri effetti sulla salute è significativo», ha aggiunto Vlieger.

 

La blogger Tessa Lena ha anche criticato la mascherina intelligente della mucca perché è un passo avanti nella normalizzazione degli indumenti per il viso «intelligenti» sia per gli animali che per gli umani – qualcosa che è «una vittoria per tutti i fascisti”, ha detto in un post di Substack del 14 marzo.

 

«È una “curva di adozione del prodotto» molto redditizia per Big Tech ed estremamente coerente con il modo in cui hanno seguito le loro “curve di adozione del prodotto” sin dal primo giorno dell’esistenza del settore».

 

Il faceware intelligente è anche «utile per i tipi totalitari al governo» e un «tesoro di deliziosi dati biometrici del “nuovo petrolio” per la gioia di tutti i fascisti», ha aggiunto Lena.

 

La sua soluzione?

 

Le persone devono svegliarsi e rifiutarsi di farlo, ha detto.

 

 

Suzanne Burdick

Ph.D.

 

 

© 20 marzo 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari