Connettiti con Renovato 21

Economia

La Fondazione Soros raddoppia il finanziamento alle «organizzazioni di giustizia guidate dai neri»

Pubblicato

il

 

 

 

In un’intervista con il New York Times, il presidente delle  Open Society Foundations Patrick Gaspard ha annunciato che l’organizzazione, guidata dal miliardario George Soros, intende «raddoppiare» il finanziamento di «organizzazioni per la giustizia a guida nera».

 

L’intervista è stata accompagnata da un comunicato stampa della Open Society in cui si afferma che «La maggior parte di questo sostegno – 150 milioni di dollari – sarà attraverso una serie di sovvenzioni quinquennali a organizzazioni giudiziarie a guida nera che hanno contribuito a creare e ora sostenere lo slancio verso l’uguaglianza razziale».

Il presidente delle  Open Society Foundations Patrick Gaspard ha annunciato che l’organizzazione, guidata dal miliardario George Soros, intende «raddoppiare» il finanziamento di «organizzazioni per la giustizia a guida nera»

 

«La risposta della Open Society  riflette la nostra convinzione che i progressi reali richiedono un sostegno duraturo per molti anni e che i leader responsabili delle comunità colpite modellano la strada da percorrere».

 

Altri 70 milioni di dollari saranno destinati a «sforzi più immediati per far avanzare la giustizia razziale», che includono gli sforzi per «reimmaginare» la polizia.

 

Gaspard ha osservato che la recente rivolta negli Stati Uniti e in tutto il mondo è «il momento in cui abbiamo investito negli ultimi 25 anni».

 

«La maggior parte di questo sostegno – 150 milioni di dollari – sarà attraverso una serie di sovvenzioni quinquennali a organizzazioni giudiziarie a guida nera che hanno contribuito a creare e ora sostenere lo slancio verso l’uguaglianza razziale»

«C’è questo appello alla giustizia nelle comunità nere e marroni, un’esplosione non solo di simpatia ma di solidarietà su tutta la linea», ha affermato, aggiungendo che «è tempo di raddoppiare».

 

«E abbiamo capito che possiamo scommettere su questi attivisti – in bianco e nero – che vedono questo come un momento non solo di incrementalismo, ma di riforma su vasta scala», ha affermato il presidente della Fondazione Patrick Gaspard.

 

Gaspard ha fatto direttamente riferimento al movimento Black Lives Matter, sostenendo che «abbiamo bisogno di sostenere questi momenti . Se stiamo per dire “Le vite dei neri contano”, dobbiamo dire “Le organizzazioni e le strutture dei neri contano”».

 

È «il momento in cui abbiamo investito negli ultimi 25 anni»

Come ricorda Summit News, l’audace ammissione della Open Society solleverà qualche sopracciglio dato che solo poche settimane fa chiunque suggerisse che le basi di Soros fornissero assistenza finanziaria agli agitatori BLM era  etichettato come un «teorico della cospirazione». Lo stesso Soros ha negato che la sua organizzazione fornisse finanziamenti per le proteste in caso di violenza (vedi articolo di Renovatio 21 «Soros e le rivolte USA, “non sono stato io”».

 

Renovatio 21 ha inoltre pubblicato un esauriente articolo di William F. Engdahl sulle rivolte americane come Rivoluzione Colorata, con molti dati importanti sulle fonte di finanziamento delle sigle dietro al caos e alla guerriglia.

 

Come abbiamo notato, le rivolte pseudo-razziali americane, sempre più violente, partono da presupposti patologici, per esempio l’assenza della figura paterna nella vita di tanti ragazzi.

Solo poche settimane fa chiunque suggerisse che le basi di Soros fornissero assistenza finanziaria agli agitatori BLM era  etichettato come un «teorico della cospirazione»

 

Attivisti di Black Lives Matter hanno ucciso a pistolettate una madre ventenne, Jessica Doty Whitaker, per aver detto durante un alterco che «all lives matter» («tutte le vite contano»).

 

Non paghi della tragedia, ora  i sostenitori di Black Lives Matter hanno inondato la pagina Facebook della povera Whitaker per giustificare e celebrare la sua brutale uccisione.

 

 

 

Immagine di World Forum Davos via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

Continua a leggere

Economia

Segni di recessione negli USA

Pubblicato

il

Da

Nell’economia americana si moltiplicano i segnali di un’aggravarsi della recessione.

 

La Federal Reserve Bank di Atlanta sta ora seguendo una contrazione dell’economia del -1,0% nel secondo trimestre (sebbene non sia disposta a prevederlo, né lo è nessun economista bancario finora), dopo che la contrazione nel primo trimestre è stata finalmente rivista al ribasso a -1,6% dal Dipartimento del Commercio.

 

Il motivo della stima in calo della FED di Atlanta è lo stesso dei suoi comunicati nelle ultime sei settimane: un continuo calo delle spese per consumi delle famiglie e un rapido calo del ritmo degli investimenti di capitale delle imprese.

 

Un’indagine sugli Stati della costa atlantica riportata dal sito ZeroHedge ha riportato il 30 giugno  ha rilevato che quasi tutti gli intervistati hanno ridotto i consumi delle famiglie.

 

Più del 10% dei 600 intervistati ha eliminato tutti gli acquisti non essenziali e un altro 72% ha effettuato alcuni tagli specifici alle proprie spese di soggiorno.

 

Il rapporto della banca afferma: «mentre alcuni consumatori hanno ridotto alcune spese non essenziali, come cenare fuori e viaggi non necessari, altri hanno segnalato cambiamenti molto più drastici come saltare i pasti, conservare l’acqua ed eliminare la carne dalla loro dieta. Le persone stanno sentendo un’immensa pressione finanziaria in questo momento. Sfortunatamente, questo non sorprende dopo che il dipartimento del lavoro ha riferito all’inizio di questo mese che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti ha raggiunto il massimo degli ultimi 40 anni a maggio».

 

Si consideri quindi il contesto dei rapporti della Federal Reserve di marzo, aprile e maggio sull’aumento del debito delle carte di credito di 40-50 miliardi di dollariogni mese, o del 5% al ​​mese, una delle cose su cui il presidente Biden ha mentito sul suo discorso sull’inflazione lo scorso 16 giugno.

 

«In risposta a questi chiari segnali di recessione, i tassi di interesse del Tesoro USA a lungo termine hanno iniziato a scendere così rapidamente negli ultimi 10 giorni, che se la FED aumenta effettivamente il tasso dello 0,75% a luglio e dello 0,5% a settembre, il tasso sui fondi federali potrebbe essere superiore a quelli dei buoni del Tesoro a 5 o 10 anni, una situazione straordinaria» scrive EIRN.

 

«Quindi, sotto la guida dell’incompetenza delle politiche finanziarie di Wall Street, vedremo il ritorno di denaro facile dalla Fed e un’inflazione ancora più alta».

 

I media mainstream USA sta già da tempo preparando la popolazione al collasso economico. Memorabile l’articolo di Bloomberg di tre mesi fa che diceva alla popolazione di mangiare lenticchie e lasciare morire il proprio cane.

 

Nel frattempo, si sono fatti presenti segni terrificanti come la carenza del latte in polvere.

 

Continua a leggere

Economia

La Cina: le criptovalute sono il «più grande schema Ponzi della storia». Il Bitcoin scenderà a zero

Pubblicato

il

Da

L’edizione del 26 giugno del Quotidiano del Popolo, il quotidiano del Partito Comunista Cinese, ha pubblicato un articolo di due dirigenti della Blockchain-based Service Network (BSN), Shan Zhiguang e He Yifan.

 

I due esperti in cripto e hanno avvertito che l’attuale tracollo del mercato delle criptovalute dai 3 trilioni di dollari  valutazione di mercato dello scorso novembre a meno del 1 trilione di oggi, è solo l’inizio.

 

«Una volta che si verificano vendite allo scoperto dannose, nessun successore, fondi limitati o modifiche alle politiche normative che influiscono sulla fiducia dei partecipanti o sulla determinazione dei ritardatari, questo farà crollare istantaneamente questo ciclo apparentemente squisito e il valore sarà zero», affermano nello scritto del Renmin Ribao.

 

Gli autori definiscono le criptovalute «il più grande schema Ponzi nella storia umana», sostenuto da comunità che «stanno provando ogni mezzo per far andare avanti la frode».

 

«Il Bitcoin non è altro che una stringa di codici digitali, e i suoi rendimenti derivano principalmente dall’acquisto basso e dalla vendita alta», scriveva un articolo del 22 giugno sul cinese Economic Daily riportato dal quotidiano hongkonhese South China Morning Post,.

 

«In futuro, una volta che la fiducia degli investitori crollerà o quando i Paesi sovrani dichiareranno illegale il Bitcoin, tornerà al suo valore originale, che è assolutamente privo di valore».

 

Le autorità cinesi hanno anche appena pubblicato un rapporto che documenta l’uso delle criptovalute nel riciclaggio di denaro della droga, inclusa la spiegazione che «la circolazione dei capitali della droga è estesa dai trasferimenti bancari online alle valute virtuali e alle monete di gioco».

 

Gran parte dei media finanziari occidentali si sono sentiti obbligati a coprire l’avvertimento cinese del prossimo crollo delle criptovalute.

 

Forbes, ad esempio, ha intitolato il suo articolo sull’argomento «”Verso lo zero”: la Cina emette un avviso sui prezzi dei bitcoin shock in mezzo a un enorme crollo delle criptovalute da 2 trilioni di dollari».

 

La CNBC ha riferito il 27 giugno: «Il presidente del Salvador e la Banca d’Inghilterra predicono un futuro brillante per Bitcoin; la Cina afferma che il Bitcoin si sta dirigendo verso lo zero».

 

Il vice governatore della Banca d’Inghilterra Jon Cunliffe ha dichiarato a Bloomberg: «Qualunque cosa accadrà nei prossimi mesi alle risorse crittografiche, mi aspetto che la tecnologia crittografica e la finanza continuino. Ha la possibilità di enormi efficienze e cambiamenti nella struttura del mercato».

 

E il presidente salvadoregno Nayib Bukele, che l’anno scorso ha reso El Salvador il primo paese a rendere il Bitcoin a corso legale, ha twittato che le persone dovrebbero «smetterla di guardare il grafico e godersi la vita»”, perché «è fiducioso che i prezzi si riprenderanno».

 

Come riportato i Paesi BRICS sembrano negli ultimi mesi aver preso una piega totalmente contraria alle criptovalute.

 

La Russia, dopo ripetuti avvertimenti (forse anche nel vicino Kazakistan, Paese fino a ieri crypto-friendly) ha imbrigliato il Bitcoin.

 

Anche l’India, per tramite di un alto funzionario della Banca Centrale del Paese, aveva usato per le cripto le stesse parole dei cinesi: «schema Ponzi» che «minaccia la sovranità finanziaria del Paese»

 

Lo stesso Biden a inizio mandato aveva promesso che avrebbe attaccato il Bitcoin., e di fatto poco dopo il governo USA ha dichiarato illegali alcuni NFT. Tuttavia, il capo della CIA aveva ammesso che l’agenzia di spionaggio stava «lavorando» sulle criptovalute.

 

Il miliardario Venture Capitalist americano, noto per le sue teorie eterodosse e i suoi investimenti azzecatissimi (Facebook, PayPal, SpaceX, Palantir) un anno fa avvertiva che il Bitcoin «potrebbe essere un’arma finanziaria cinese contro gli USA». Tuttavia, egli stesso, emerse, aveva investito cifre enormi nella criptovaluta.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Putin firma una nuova legge che vieta l’uso delle risorse minerarie russe da parte degli stranieri

Pubblicato

il

Da

Il presidente russo Vladimir Putin ha appena firmato una nuova legge che vieta a tutti gli stranieri di utilizzare minerali e altre risorse trovate nel sottosuolo russo.

 

Questo è un decreto forte che garantisce efficacemente che le formidabili risorse naturali della Russia saranno interamente nelle mani pubbliche e private russe.

 

L’agenzia russa TASS ha riferito che «per continuare a lavorare in Russia, le società straniere dovranno creare entità legali nella Federazione Russa e trasferire loro i diritti di utilizzo dei lotti del sottosuolo. Le licenze valide per il diritto di utilizzo del sottosuolo detenute da stranieri saranno trasferite a entità russe o restituite al fondo del sottosuolo».

 

Agli stranieri è stata data una scadenza di 30 giorni.

 

La legge afferma inoltre che la compagnia delle ferrovie russe ha il diritto di «utilizzare i lotti del sottosuolo locale per estrarre minerali per la costruzione delle ferrovie Baikal-Amur e Transiberiana senza aste», secondo TASS.

 

Come riportato da Renovatio 21, al recente incontro BRICS (Brasile Russia Cina Sudafrica) Putin ha intavolato la discussione su valute per il commercio mondiale alternative al dollaro.

 

Il mese scorso, parlando delle sanzioni comminate dall’Europa alla Russia, il presidente della Federazione Russa parlò di un «autodafé economico» dei Paesi UE.

 

La Russia forse può fare a meno dell’economia europea. Ma l’Europa può fare a meno delle risorse russe?

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

Continua a leggere

Più popolari