Connettiti con Renovato 21

Civiltà

Un altro sogno del collasso. L’apocalisse in moto con mio figlio

Pubblicato

il

 

 

 

Ieri notte ho fatto uno di quei sogni che non ho dimenticato subito. Chi mi conosce sa che mi capita una o due volte l’anno. Se ne vale la pena, decido di scriverne.

 

Quello di ieri è stato considerevole. Forse questo sogno così denso e cristallino è dovuto al fatto che sono entrato in digiuno. Non so.

 

Non si tratta di cercarvi un significato esoterico o di darne letture freudiane, junghiane, etc. Non mi interessa: racconto quei sogni che credo stiano parlando con potenza dell’ora presente.

 

State per leggere il sogno, illogico e scombiccherato come sono queste strane visioni che esperiamo la notte: se non vi interessa andate pure altrove.

State per leggere il sogno, illogico e scombiccherato, ma se volete anche denso e cristallino

 

Il sogno iniziava in una non meglio precisata aula di un edificio da qualche parte della bassa, forse da qualche parte in Romagna, non lontani dalla costa – ma nel sonno era un continuum innominato senza confini precisi. L’occasione era una conferenza del mio amico Camillo Langone, e la cosa è di per sé piuttosto onirica, perché molto raramente Camillo fa conferenze ed era improbabile vedere lui condurre un incontro in un’ aula con il proiettore acceso.

 

Tuttavia, al momento dei saluti iniziali, Camillo ringraziava un gruppo di spettatori italiani venuti dalla città di Zara. Ecco, pensavo, quanto è straordinario che vi siano ancora in Dalmazia persone così? Nel rispondere ai ringraziamenti, gli zaratini facevano intendere che era venuti con grande sforzo, rischiando, con l’unico mezzo possibile: per essere lì avevano attraversato l’Adriatico in barca. Realizzavo, a quel punto, che tutte le strade erano legalmente bloccate. Non si tratta solo del sogno: è così nella realtà, vige il divieto di traffico tra le regioni, e figuriamoci se una conferenza, o peggio un ritrovo («assembramento!»), posso costituire materia per l’autocertificazione da esibire alle Forze dell’Ordine.

 

Sì, essere lì era rischioso. Sì, il sogno non era diverso dalla realtà. Mi rendo conto ora che per anni ho sognato strade deserte o bloccate, il set ideale di quei mezzi incubi che ti rendono la notte non gradevolissima. Ora il mezzo incubo è realtà.

Per anni ho sognato strade deserte o bloccate, il set ideale di quei mezzi incubi che ti rendono la notte non gradevolissima. Ora il mezzo incubo è realtà

 

Il sogno si spostava altrove. Andavo a prendere mio figlio all’asilo. Questo però non si trovava al suo posto, nella casetta in centro dove lo porto ogni mattina: per qualche motivo, nel sogno stava su un palazzo alto, di quelli improbabili che vedi quando le zone industriali si stemperano verso la campagna in Alta Italia. Era fuori città. Per qualche motivo ci attardavamo fino a che gli altri bambini non erano andati via tutti, tanto che vedevo la maestra che iniziava a pulire. C’era qualcun altro lì, con cui stavo discutendo animatamente, ma in questo momento la mente, chissà perché, cripta i contenuti di quella discussione. Stavo perdendo tempo.

 

Nell’ultima fase del sogno ero sulla strada con il bambino, direzione casa. Per qualche motivo, eravamo con la mia Monster, che non tocco praticamente da 3 anni. Mentre sfrecciavamo per i vialoni provinciali conosciuti, mi rendevo conto che qualcosa non quadrava. Il cielo era divenuto nero, le strade erano davvero troppo deserte. Nessuno – ma davvero nessuno – era in circolazione. Non un’anima viva.

 

Rallentavo. Avvicinandomi al centro cominciavo a scorgere una quantità di palazzi devastati. Condomini crepati, edifici semi-crollati. Il Tribunale era a pezzi. Vedevo campanili di cui era rimasta in piedi solo metà della struttura – adesso scrivendolo capisco che sono scene che ho visto durante il terremoto in Emilia nel 2012. Era tutto vuoto e distrutto. Il vialone che corre sopra la ferrovia era spettrale, costellato di case sbriciolate.

 

Rallentavo. Avvicinandomi al centro cominciavo a scorgere una quantità di palazzi devastati. Condomini crepati, edifici semi-crollati. Il Tribunale era a pezzi. Il vialone che corre sopra la ferrovia era spettrale, costellato di case sbriciolate

Cosa era successo mentre ero stato via? Mentre ero alla conferenza con gli zaratini, mentre ero all’asilo di mio figlio in provincia? Non c’era modo di saperlo, nessuno in giro, e non volevo fermarmi a consultare il telefonino.

 

Arrivati al grande parco vicino alla stazione, fermavo la moto. Come mettevo mano al telefonino, realizzavo che l’imperativo era sapere se stessero bene i miei cari. La madre di mio figlio, mia madre… se è stato un terremoto, sono riuscite a mettersi in salvo? A cosa mi devo preparare? Chi ha più possibilità di aver bisogno di aiuto?

 

Ma il telefono era morto. Nessun segnale, né per telefonare, né per capire cosa potesse essere successo. Internet non esisteva più, e nemmeno le comunicazioni a distanza tra le persone.

 

Ecco che però arriva qualcuno. Sono tecnicamente degli sfollati, sono anche molti, non si capisce dove vadano (alla stazione? Non c’era traccia di treni che normalmente lì si sentono passare continuamente), e camminavano non velocissimi sotto il cielo nero. Capivo che con evidenza ne sapevano di più su ciò che era accaduto.

Il telefono era morto. Nessun segnale, né per telefonare, né per capire cosa potesse essere successo. Internet non esisteva più, e nemmeno le comunicazioni a distanza tra le persone

 

Sempre in groppa alla moto con mio figlio sul sedile posteriore, mi risolvevo a fermare uno sfollato. Era un ragazzo più giovane di me, alto e magro, i capelli lunghi solo sulla nuca. Non aveva esattamente l’aria di uno intelligente – tuttavia di certo aveva più informazioni di me.

 

«Che cosa è successo?» chiedevo sconvolto.

 

«Eh, il governo inglese ne ha fatta una delle sue solite» rispondeva con naturalezza. «Hanno sganciato vicino ai Dardanilli». Lo diceva come si trattasse di qualcosa di largamente previsto. Io ovviamente fingevo di sapere cosa stesse dicendo. Nella mia testa ricostruivo con vaghezza uno scenario in cui la Gran Bretagna sgancia una bomba atomica – o forse non esattamente quello, ma un’arma misteriosa ed equivalente – sui Dardanelli, lo stretto tra l’Europa e la Turchia, che il ragazzo pronunciava strambamente. Cosa ha provocato tutta questa distruzione? L’onda d’urto della megaesplosione dall’Asia sino al Veneto? Che i Dardanilli fossero invece un luogo più vicino di cui non avessi contezza, un’oscura frazione della provincia di Vicenza? O forse non avevo capito davvero nulla di quello che diceva, tanto ero tagliato fuori dal ciclo delle informazioni?

 

Cercavo di capire cosa avrebbero fatto tutte quelle persone.

 

Stava accadendo, e non mi ero reso conto di niente. L’apocalisse mi aveva preso di sorpresa, e ora che sono sveglio realizzo evangelicamente che non può che essere così – perché «non sapete né il giorno né l’ora»

«Non lo so, ma sta diventando pericoloso qui. C’è già chi in strada vende le armi» e mi indicava una via del centro con un ristorantino che in realtà non esiste ma che nella topografia del sogno mi era conosciutissima. L’informatore manteneva il sorriso ebete di un campagnolo fiero di spiegare qualcosa in italiano.

 

Cominciavo a realizzare che, qualsiasi cosa fosse successa, l’emergenza era più grave della devastazione urbana. Stava crollando l’ordine sociale. Stava disintegrandosi il tacito contratto di non-aggressività che esiste tra gli uomini.  Stava fondendosi il nocciolo della Civiltà. Un pensiero al quale ho dedicato tanti ragionamenti e tante parole scritte.

 

Stava accadendo, e non mi ero reso conto di niente. L’apocalisse mi aveva preso di sorpresa, e ora che sono sveglio realizzo evangelicamente che non può che essere così – perché «non sapete né il giorno né l’ora».

 

Cosa ci facevo su di una moto, il mezzo di trasporto più vulnerabile che esista, e per di più portandoci sopra quanto di più prezioso ho, la mia prole? Com’era possibile che non avessi la benché minima informazione di ciò che stava sconvolgendo l’umanità?

Preso alla sprovvista, totalmente. Cosa ci facevo su di una moto, il mezzo di trasporto più vulnerabile che esista, e per di più portandoci sopra quanto di più prezioso ho, la mia prole?

 

Com’era possibile che non ne sapessi nulla? Com’era possibile che non avessi la benché minima informazione di ciò che stava sconvolgendo l’umanità?

 

E poi perché ero senza casco? Immagino che questo sia un surrogato motociclistico del momento di alcuni sogni in cui ci si rende conto di essere nudi. Tuttavia nella mia dimensione onirica ciò spingeva un altro pensiero: le Forze dell’Ordine a questo punto non esistono più – ecco perché c’era già in strada un vistoso mercato nero di Kalashnikov – e anzi bisogna stare attenti, perché sono i membri armati dello Stato ora collassato che possiedono l’accesso ad armi a ripetizione proibite al comune cittadino.

 

Mi giravo a guardare mio figlio seduto sul passeggero della Ducati. Fortunatamente, non stava rendendosi conto del disastro. Aveva la testa china su un Gameboy in bianco e nero che, nel mondo reale, qualche settimana fa ho ripescato e restaurato per lui. Per una volta, ero felice che fosse così immerso nei videogiochi da non badare a nulla. Lo guardavo e comprendevo che il mio compito era solo quello di proteggerlo. Preservarlo dalla rovina materiale e morale che avevamo dinanzi. Portarlo al sicuro, nel corpo e nella psiche. Trovare, creare uno spazio dove offrire questa protezione potesse essere possibile senza interferenza alcuna.

 

Nessuno esce di casa, ogni attività era chiusa, le strade erano deserte, la Polizia meglio evitarla, gli effetti del trauma avvenuto, che rimane avvolto nel mistero, e di cui si hanno notizie aneddotiche non certe se non incomprensibili riportate da persone inaffidabili, si presumono spaventosi. Ora forse il lettore comincia a capire perché ho voluto raccontargli questo sogno.

Riaccendevo la Monster e inforcavo il viale accanto la stazione. La strada era cambiata, con evidenza l’impatto dell’evento aveva come creato sull’asfalto delle dune, delle paraboliche. Procedevo spedito sul bordo cercando di non perdere l’equilibrio: il bambino era dietro di me, non deve succedergli nulla, specialmente ora.

 

Tutto era diventato, improvvisamente, pericoloso, potenzialmente mortale. Tutto era caduto in uno stato di desolazione mai visto.

 

A questo punto la giurìa del mio foro interiore decretava che si era concettualmente passata la soglia che porta all’incubo. Sveglia. Apri gli occhi. Mattino.

 

Strofinati il volto mettiti seduto a bordo del letto, e ricapitola.

 

Nessuno esce di casa, ogni attività è chiusa, le strade deserte, la pattuglia meglio evitarla, gli effetti del trauma avvenuto – che rimane avvolto nel mistero e di cui si hanno notizie aneddotiche non certe se non incomprensibili riportate da persone inaffidabili – si presumono spaventosi. Ora forse il lettore comincia a capire perché ho voluto raccontargli questo sogno.

 

È andata esattamente così. È successo qualcosa che ha devastato il mondo, e con esso le nostre vite. Tanta è la vastità del danno, non abbiamo nessuna certezza riguardo al fenomeno – quella ce l’hanno solo gli idioti, o meglio i covidioti, che ripetono a pappagallo i brandelli di informazione preparati per loro

Ora forse è comprensibile quanto questo sogno assomigli alla realtà di oggi – cioè dall’incubo dal quale non ancora ci siamo svegliati.

 

È andata esattamente così. È successo qualcosa che ha devastato il mondo, e con esso le nostre vite. Tanta è la vastità del danno, non abbiamo nessuna certezza riguardo al fenomeno – quella ce l’hanno solo gli idioti, o meglio i covidioti, che ripetono a pappagallo i brandelli di informazione preparati per loro.

 

Non sappiamo cosa sia successo, non sappiamo costa stia succedendo – e soprattutto, esattamente come nel mio sogno, non vi è più percezione diffusa che vi sia qualcuno al comando, né vi può essere fiducia nelle autorità costituite.

 

È la ricetta del collasso sociale. Lo avevo scritto a marzo, quando si rivoltarono – con morti, di cui però non importa nulla a nessuno – le carceri. La situazione era pronta, bastava una spintarella fatta da qualche interessato. Le prigioni erano in fiamme, a Napoli i ragazzini cominciavano a sfidare la Polizia. A Palermo dissero c’erano strane proteste organizzate nei supermercati. Poi liberarono qualche centinaio di mafiosi dal carcere. Ricordate quei giorni? I momenti del primissimo lockdown. La gente felice di cantare dal balcone, obbligo guanti monouso per chi esce di casa, enigmatici osanna alla Cina untrice da tutte le parti, la Borsa italiana fottuta per l’ennesima volta da Francesi  &Co, i permessi di uscire di casa per i cani che pisciano, non per i bambini al parco.  La violenza, dapprima avvertita, tuttavia era sparita. Il collasso della Nazione era stato risparmiato. Arcobaleni dipinti a mano sul poggiolo: «Andrà tutto bene».

Non sappiamo cosa sia successo, non sappiamo costa stia succedendo – e soprattutto, esattamente come nel mio sogno, non vi è più percezione diffusa che vi sia qualcuno al comando, né vi può essere fiducia nelle autorità costituite.

 

Non sono convinto che il pericolo sia passato tuttavia, neanche ora.

 

Perché quello che ci ha insegnato questo anno indicibile, è che lo Stato moderno è mostruosamente debole. Lo Stato moderno può crollare per un raffreddore: e non metaforicamente.

 

Poggiando sul nulla, privo di un sostegno etico e di un fine religioso, lo Stato moderno alla prima scossa si sbriciola come le case del mio sogno, mandando tranquillamente in malora tutta la Civiltà.

 

Quello che ci ha insegnato questo anno indicibile, è che lo Stato moderno è mostruosamente debole. Lo Stato moderno può crollare per un raffreddore: e non metaforicamente

Il vuoto dello Stato moderno lo rende incapace di contenere la violenza, anzi: diventa, nella fase in cui si ammala e muore, un moltiplicatore di violenza, un untore di caos e sangue.

 

Il crollo della Civiltà è una prospettiva che l’uomo di oggi tenere presente sempre, perché lo Stato moderno e i suoi boiardi la Civiltà non la rispettano, non la comprendono oppure – ai livelli più alti – la combattono, infettandola con la Cultura della Morte, cosicché, come diceva Malthus, carestie e guerre diventano desiderabili per ridurre la popolazione.

 

La società che viviamo è vacua, stupida, senza scopo. L’Utilitarismo reso unica filosofia umana ha fatto sì che solo il piacere sia contemplato come motore dell’iniziativa umana: per cui ecco che improvvisamente ogni realtà diventa paranoicamente risk-averse, renitente al rischio, incapace di comprendere il male, la possibilità di ammalarsi, la necessità di sacrificarsi.

Il crollo della Civiltà è una prospettiva che l’uomo di oggi tenere presente sempre, perché lo Stato moderno e i suoi boiardi la Civiltà non la rispettano, non la comprendono oppure – ai livelli più alti – la combattono, infettandola con la Cultura della Morte

 

La natalità, lo abbiamo scritto qui, nel 2020 è crollata. In Italia come ovunque, in USA, in Cina… Ora, senza più nemmeno la continuità organica dell’essere per mezzo della nostra prole, che cosa può salvare il consorzio umano dalla sua distruzione? Con quale molla, possono continuare a vivere restando sani di mente coloro a cui la catastrofe può togliere libertà, passatempi e financo la nutrizione?

 

Sono domande a cui bisogna filosoficamente e concretamente siamo chiamati a rispondere. Assieme a quelle ancora più stringenti.

 

Come ci difenderemo? Dove dobbiamo informarci? Come proteggeremo i nostri figli?

 

L’Utilitarismo reso unica filosofia umana ha fatto sì che solo il piacere sia contemplato come motore dell’iniziativa umana: per cui ecco che improvvisamente ogni realtà diventa paranoicamente risk-averse, renitente al rischio, incapace di comprendere il male, la possibilità di ammalarsi, la necessità di sacrificarsi

Rimango dell’idea che un po’ di preparazione la farei sempre, riguardo al cibo e all’acqua e se hanno i mezzi pure per l’energia elettrica. L’iscrizione al Tiro a Segno Nazionale, per l’esperienza sportiva che offre, la farei. E riguardo alle scuole dei miei figli, un’occhio alle aggregazioni sotterranee di homeschooling (con la legge Lorenzin dal 2017 ne sono sorte tante…) gliela darei.

 

Per le informazioni: abbiamo creato Renovatio 21 proprio per questo, tentare di dare nel panorama infestato di ogni porcheria una fonte di informazione pulita, che fornisce le cose che bisogna sapere e sappia distinguere le inezie, gli abbagli, le falsità.

 

La realtà è che Renovatio 21 è nata proprio per resistere a Internet: vogliamo fare sì che essa funzioni anche senza la rete, in parte già lo facciamo, vista le continue censure e shadowban che subiamo da Facebook e probabilmente non solo da quello. Renovatio 21 deve riuscire ad esistere anche in condizione di shutdown totale dei mezzi informatici: ecco perché non ci vedrete organizzare mosaici scemi di camerette e soggiorni su Zoom e Meet; abbiamo sempre preferito la realtà degli eventi dal vivo, e li abbiamo fatti in molta parte del Paese, andando su e già per l’Appennino, la Pianura Padana e perfino le Isole.

 

Il Messaggio da portare avanti è troppo importante per lasciarlo alla telematica: il messaggio – che è la Vita contro la Morte – richiede che a portarlo avanti siano esseri viventi. Il prima possibile, torneremo a vederci di persona, organizzeremo conferenze, eventi, processioni religiose – come abbiamo fatto prima che il fenomeno si abbattesse sul nostro mondo.

Il Messaggio da portare avanti è troppo importante per lasciarlo alla telematica: il messaggio – che è la Vita contro la Morte – richiede che a portarlo avanti siano esseri viventi

 

Ora, state tranquilli: Non «andrà tutto bene», perché è già andato tutto malissimo – guardate le piste da sci, guadate i ristoratori, guardate la mia Partita IVA. Non «andrà tutto bene» perché coloro che vi comandano e lo Stato che sostengono è calibrato sulla vostra depauperazione sulla vostra diminuzione numerica, sulla vostra sterilizzazione: è lo Stato moderno, è la Necrocultura al potere. Non domandatevi, quindi, perché questa pandemia duri così a lungo…

 

Ma notate anche un’altra cosa: la battaglia è ancora aperta, e – guardiamoci negli occhi – persone che vogliono combattere ce ne sono eccome. Non è una cosa così scontata, oggi.

 

Il quadro, con il nostro sacrificio e con l’aiuto di Dio, può cambiare.  Certo, non è facile, è un lavoro, è un’avventura. È costoso, faticoso, tuttavia non negatelo: è eccitante.

 

La realtà, per quanto gli somigli, non è un brutto sogno. E dobbiamo continuare per trasformare l’incubo che sentiamo di vivere in un remoto ricordo

La realtà, per quanto gli somigli, non è un brutto sogno.

 

Dobbiamo continuare a battagliare per trasformare l’incubo che sentiamo di vivere in un remoto ricordo.

 

Nostro figlio è lì sul sedile del passeggero.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Il mulino di Amleto per la distruzione finale dell’Europa

Pubblicato

il

Da

 

Come sa il lettore di Renovatio 21, Amleto non è solo il principe di Danimarca di Shakespeare. Amleto è una figura mitica nordica antecedente. La storia di Amleth, o Amlóði attraversa tutto il Nord dall’Islanda alla Scandinavia.

 

Secondo alcuni, la figura di questo Amleto metastorico sarebbe portatrice di un messaggio immane per l’umanità. Tre equinozi fa, ricordammo il misterioso libro Il Mulino di Amleto (1969), dove lo storico della Scienza Giorgio De Santillana ritiene che vi sarebbe contenuto il segreto della precessione degli equinozi, carpito già da una sofisticata civiltà megalitica e trasmesso a noi tramite i miti.

 

Ma che cos’è questo «mulino di Amleto»?

 

Nella mitologia norrena, Amleto possiede un favoloso mulino che, nei tempi antichi, portava molta pace e prosperità. Più tardi, durante la decadenza, esso cominciò a macinare il sale. Caduto in fondo al mare, ora macina rocce e sabbia, creando un grande vortice identificato con il «Maelstrom, la corrente che macina». Un gorgo che tutto inghiotte.

 

Il mulino di Amleto è in pratica come Scilla e Cariddi. Un mostro marino, che sconvolge il mare e l’umanità che vi si affaccia, e minaccia di portare con sé l’intero universo.

 

Ho pensato al mulino di Amleto quando ho visto le immagini del gas fuoriuscito nel Baltico dal gasdotto Nord Stream. Un braccio di mare interamente divenuto canuto, forse una bolla larga un chilometro… no, non avevo mai visto niente del genere. Nessuno lo ha mai visto, perché credo che un gasdotto subacqueo mai sia stato bombardato.

 

È, decisamente, un mostro marino, un buco in fondo al mare in grado di far vorticare tutto quanto, la terra e gli uomini.

 

Siamo arrivati al momento della vertigine. Il mulino di Amleto ci parla, e ci dice qualcosa di indicibile.

 

Ci dice che l’Europa sarà devastata: se non dal freddo e dalla fame, dalla guerra. Ci dice che è stato deciso, da qualche parte in alto, che l’Europa sarà sacrificata.

 

Ci dice che in realtà questa non è una guerra in Ucraina, non è una guerra contro la Russia: è una guerra contro l’Europa tutta. La Terza, in poco più di un secolo.

 

Andiamo con ordine: non vi è dubbio che sia un attentato. I tedeschi ora parlano di una detonazione di almeno 500 chili di TNT. Le esplosioni sono state così forti da essere registrate dalla scala Richter – gli svedesi parlano di una scossa da 1,9 e una da 2,3. Era necessario: il tubo ha pareti di 4,1 cm rinforzata con 11 cm cemento armato. Ogni sezione del tubo pesa 11 tonnellate, che vanno a 24-25 tonnellate dopo l’applicazione del calcestruzzo.

 

Quindi no, non è stato l’urto di un capodoglio. Lo stanno ammettendo un po’ tutti: è un sabotaggio. Lo hanno confessato subito perfino i tedeschi, i veri beneficiari del Nord Stream 2: ed è curioso, perché il giorno prima in Germania vi era stata una protesta in strada per chiedere l’apertura del gasdotto (che ricordiamolo, doveva inaugurare bizzarramente proprio nei giorni dello scoppio del conflitto).

 

Renovatio 21 ha riportato i casi di sindaci e industriali che hanno chiesto, poche settimane fa, l’apertura del Nord Stream 2 per salvare il Paese. Ora non lo faranno più: parlano di «mesi» per le riparazioni. Alcuni dicono che il tubo è invece irreparabile.

 

Ricordando, sempre, che il danno è anche al tubo gemello, il Nord Stream. E che le esplosione, al momento in cui scriviamo, sarebbero almeno tre, e le falle quattro.

 

Quindi, la domanda vera: chi è stato?

 

Non c’è dubbio per la stampa occidentale: sono stati i russi, non c’è dubbio. Hanno fatto saltare una infrastruttura in larga parte loro, costruita in anni, e dalle quale volevano avere i proventi della vendita del loro core business, le risorse naturale. Non una grinza.

 

Qualcuno dice: ci sarebbe il caso dei britannici che hanno addestrato gli ucraina all’uso di droni sottomarini e tecnologia per lo sminamento del Mar Nero… Non siamo molto convinti di questa tesi, perché bisogna stiracchiare non poco i dati a disposizione: dallo sminamento al piazzamento di esplosivi? Dal Mar Nero al Baltico?

 

La realtà è che un po’ tutti sanno che la gallina che canta ha fatto l’uovo.

 

La rivista tedesca Der Spiegel aveva scritto  che la CIA aveva recentemente avvertito Berlino dei segnali crescenti di un possibile attacco pianificato al sistema di gasdotti Nord Stream.

 

Un ex ministro della Difesa polacco, l’europarlamentare Radek Sikorski – uomo attivo ai tempi del golpe di Maidan nonché marito della attivista neocon americana russofoba Ann Applebaum (di cui Renovatio 21 vi ha parlato)  ha senza troppo indugio attribuito agli Stati Uniti il ​​sabotaggio di ambedue i gasdotti, il Nord Stream 1 e 2, che trasportano gas naturale dalla Russia alla Germania. «Grazie, USA», ha scritto Sikorski su Twitter.

 

Se questi per voi non sono abbastanza per essere indizi, vi facciamo vedere un video della gallina che canta in primo piano. Joe Biden che dichiara, poco più di due settimane prima della guerra, che «se la Russia invade… allora non ci sarà più un Nord Stream 2. Porremo fine a tutto questo».

 

Alla giornalista che aveva giustamente chiesto come aveva intenzione di farlo, ha risposto non troppo vagamente: «Te lo giuro, saremo in grado di farlo».

 

 

Vi è purtuttavia un momento «gallina che canta perché ha deposto» ancora più pazzesco.

 

A parlare è Victoria Nuland, alta funzionaria neocon del dipartimento di Stato, moglie di famiglia neocon (Kagan), discendente di profughi ebrei russi che si trasmettono geneticamente di generazione in generazione l’odio per lo Zar.

 


«Se la Russia invaderà l’Ucraina, in un modo o nell’altro, Nord Stream 2 non andrà avanti». Sì, lo aveva detto ufficialmente, davanti alle telecamere, nella sua solenne funzione di sottosegretario al Dipartimento di Stato per l’Eurasia – in pratica, considerando che il Segretario di Stato è un chitarrista fallito, di signora incontrastata della politica estera americana.

 

Non dobbiamo ricordare al lettore di Renovatio 21 il fatto che la Nuland è l’architetto del golpe di Maidan e di tutto ciò che è venuto dopo, compreso, crediamo, questa guerra.

 

Ricordate cosa disse la Nuland intercettata mentre parlava con il suo ambasciatore a Kiev? «Fuck the EU». Fanculo l’Europa.

 

Le sue parole ora assumono un senso maggiore. Perché, di fatto, ora l’Europa è fottuta.

 

La faccenda è questa: il sabotaggio impedisce, rende inutile un accordo tra Mosca e l’Europa – che rimane comunque al freddo.

 

Immaginate le prime ondate di anziani morti assiderati in casa, causa mancanza di riscaldamento: sappiamo che Berlino prepara la sua popolazione a questo scenario già dallo scorso inverno.

 

Immaginate: uno tsunami di disoccupati, tutte le imprese tedesche chiudono. Immaginate le conseguenti rivolte, che il governo tedesco si appresta dichiaratamente a reprimere.

 

Immaginate il governo Scholz che si frantuma: si sfilano i liberali (che vorrebbero pure tornare pienamente al nucleare), oppure parte del SPD: i Verdi sappiamo che nell’ora grottesca che stiamo vivendo sono il partito più pro-NATO dell’arco costituzionale germanico.

 

Immaginate un colpo di Stato: un militare, magari un generale illuminato (la Germania ne ha…) prende il potere promettendo elezioni quando la crisi energetica sarà superata.

 

Immaginate invece quello che chiamano il Tag X, il giorno X, con il collasso dello Stato federale e un network di fantomatici estremisti di destra che prende il potere – sempre, come in tutti gli scenari summenzionati, per fare la pace con Putin e riavere il gas.

 

Ebbene, nessuna di queste opzioni è ora percorribile. Perché anche se si decidesse di resettare la crisi col Cremlino (difficile…), il gas non arriverebbe. Hanno tagliato i ponti. Hanno reso materialmente inutile ogni riconciliazione.

 

I sabotatori angloidi, lo abbiamo scritto, avevano già disintegrato gli accordi di pace che sembravano raggiunti ad aprile, abbiamo appreso.

 

Ora il sabotaggio diviene materiale. Ora non si tratta più di diplomazia: si tratta della devastazione del Paese più importante dell’Unione Europea, e di conseguenza dell’Europa stessa.

 

C’è chi dice che questo atto sconsiderato – il più sconsiderato che si possa ricordare, peggio dell’affondamento del Lusitania  – porterà giocoforza ad un’escalation. Ora i russi magari tranciano un po’ di cavi sottomarini transatlantici, buttando giù la rete americana e globale.

 

È possibile, la ritorsione è nell’ordine naturale delle cose. Da lì, a salire. Altri dispetti, che crescono sino a divenire termonucleari – e ipersonici

 

Tuttavia, a noi interessa riflettere su ciò che il vortice di pazzia sul Baltico (un lago NATO, secondo i polacchi…) realmente significa in prospettiva.

 

Qualche settimana fa ho scritto su Renovatio 21 un pezzo che ha avuto molti lettori, intitolato «L’obiettivo di Putin siete voi». In esso ipotizzavo che la lunga durata dell’operazione militare speciale poteva spiegarsi solo con la volontà di fiaccare l’Europa riguardo al gas.

 

Il sabotatore ha capito esattamente questo discorso, e ha agito. Putin non ha più nessuna arma di ricatto verso i Paesi europei. Anche se volesse, non potrebbe vendere loro il gas, nemmeno regalandoglielo. Di più: anche qualora, come fantasticano sciagurati e perdigiorno, Putin fosse detronizzato, il governo fantoccio che salirebbe al Cremlino non potrebbe mandare idrocarburi al cliente principale, noi.

 

La mossa di cui stiamo parlando ha un prezzo: la rovina dell’Europa. L’Europa senza gas esploderà. Precipiterà nella povertà, nel caos. Ci saranno tensioni, morti. I sopravvissuti poi, affamati e sconvolti, decideranno di obbedire a qualcuno…

 

In pratica si tratta, davvero, di una guerra contro l’Europa. Siamo l’obiettivo dei padroni del mondo, che sono diventati spietati al punto da decretare il sacrificio del continente culla della Civiltà.

 

C’è questa battura che circola: Washington è disposta a combattere la Russia fino all’ultimo ucraino, uomo,  donna o bambino. La verità invece è che l’America vuole combattere la Russia fino all’ultimo europeo. Siamo noi, non i ragazzi di Kiev, l’ultima carne da cannone di questo conflitto.

 

O forse, ci viene in mente, non è nemmeno così. Non usano la devastazione dell’Europa per combattere la Russia: no, usano la Russia per la distruzione dell’Europa.

 

La cosa assume senso, se posta in una prospettiva storica e metastorica.

 

Chi non teme di guardare le cose per come sono sa che la Prima Guerra Mondiale è stata scatenata per distruggere l’Europa nei suoi imperi centrali, quello tedesco e soprattutto quello asburgico.

 

La Seconda Guerra Mondiale, oltre ad averla rasa al suolo, ha avuto come risultato – guarda guarda – la fine del potere europeo, diventuo condominio di Stati eunuchi alla corte delle due superpotenze (ricordate: tesi ed antitesi, i padroni del vapore sono hegeliani…).

 

Ed eccoci alla Terza, che annullerà definitivamente l’Europa e la renderà forse una «zona di barbarie», un continente intero che imploderà nella ferocia.

 

Del significato conflitti mondiali ne parlava, molto prima che essi avvenissero, l’americano Albert Pike nelle sue lettere a Mazzini, giudicate ovviamente da alcuni storici (fact-checker ante litteram) come un falso.

 

«Noi scateneremo i nichilisti e gli atei e provocheremo un cataclisma sociale formidabile che mostrerà chiaramente, in tutto il suo orrore, alle nazioni, l’effetto dell’ateismo assoluto, origine della barbarie e della sovversione sanguinaria» scrive il 15 agosto 1871 Pike in risposta all’agente della sovversione mondiale Giuseppe Mazzini.

 

Ma non bisogna nemmeno andare così indietro, né pescare nel torbido della storia massonica: la sottomissione dell’Europa perché potenziale avversario degli USA è concetto espresso dai neocon – sì, la famiglia di Victoria Nuland… – negli scritti del Project for New American Century («Progetto per un nuovo secolo americano: il famoso PNAC che, poco primo dell’11 settembre, si augurava «una nuova Pearl Harbor» e perfino in documenti strategici del Dipartimento della Difesa USA del 1992.

 

«La missione politica e militare dell’America nell’era del dopoguerra fredda sarà di assicurare che nessuna superpotenza rivale possa emergere nell’Europa occidentale, in Asia o nel territorio dell’ex Unione Sovietica» era scritto nelle 46 pagine passate per le mani, riportava all’epoca il New York Times, del solito Dick Cheney…

 

E se anche questo vi sembra cospiratorio, pensate solo alla famosa definizione della NATO che ne diede il suo primo segretario generale, il barone Hastings Ismay, nel 1953: «to keep the Soviet Union out, the Americans in, and the Germans down». L’Alleanza Atlantica, sin dalle sue origini, doveva «tenere l’Unione Sovietica fuori, gli americani dentro, e i tedeschi sotto».

 

In breve, la sottomissione della Germania – e dell’Europa.

 

Ebbene, ci siamo. Con le bombe sul fondo del Baltico il padrone non solo rinsalda le nostre catene, ma ci fa capire che non gli importa se ne moriremo strangolati, anzi forse se lo augura pure, quantomeno per una larga parte di noi, perché gli altri, coloro che sopravvivranno, saranno ancora più schiavi.

 

Sì, il mulino di Amleto ora è visibile sino in superficie.

 

Il suo gorgo trascinerà nell’abisso il nostro continente, e con esso una buona parte della Civiltà umana, o quel che ne resta.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

Deputato USA: la tirannia arriverà «dritta nel soggiorno di tutti molto, molto presto»

Pubblicato

il

Da

Il deputato del Partito Repubblicano Pennsylvania Scott Perry ha dichiarato che i suoi concittadini americani  dovrebbero  accettare il fatto che la «tirannia» entrerà nelle loro case sotto forma di agenti federali se si rifiutano di comportarsi bene con le autorità.

 

Perry, presidente dell’House Freedom Caucus, ha rivelato che l’FBI ha recentemente sequestrato il suo telefono, poche ore dopo che i federali avevano effettuato un raid nel complesso di Mar-a-Lago del presidente Trump.

 

«Un giorno dopo l’irruzione nella casa del presidente, gli agenti dell’FBI si sono presentati mentre viaggiavo con la mia famiglia, mia moglie ei nostri due bambini piccoli, i miei suoceri, la famiglia allargata», ha dichiarato Perry in un’apparizione su Fox News.

 

Il membro del Congresso ha raccontato come i federali «si sono presentati e hanno chiesto il mio cellulare, hanno detto che avrebbero immaginato che non lo avrebbero cercato e poi alla fine lo hanno restituito».

 

Perry, che siede nella commissione per gli affari esteri della Camera, ha inoltre dichiarato di «aver sempre sostenuto le forze dell’ordine. L’ho sempre fatto, abbiamo venerato l’FBI, ma questo è un abuso di potere».


 

«Non c’è stata alcuna responsabilità», ha continuato Perry, spiegando che «James Comey, il direttore dell’FBI ha utilizzato informazioni riservate in modo improprio per ottenere un secondo consiglio speciale, no, no, nessuna responsabilità per questo».

 

«Che si tratti di John Eastman, di Scott Perry, del presidente Trump e dell’approvazione di un disegno di legge che pagherà l’assunzione di 87.000 agenti dell’IRS, la tirannia entrerà nel soggiorno di tutti molto, molto presto», ha proclamato Perry.

 

«Si tratta di intimidire chiunque si rifiuti di piegare il ginocchio alla narrativa», ha ulteriormente avvertito il membro del Congresso.

 

«Questo è un abuso di potere e ovviamente stanno usando queste tattiche fiscali per intimidire le persone per costringere le persone».

 

«Chiunque non si pieghi in ginocchio, non sia intimidito, che non stia ripetendo a pappagallo la narrativa è ora soggetto a questo tipo di tattiche da repubblica delle banane del terzo mondo», ha sottolineato Perry.

 

Altrove durante l’intervista, Perry ha detto agli spettatori che «dovrebbe essere abbastanza evidente a chiunque sia stato vivo negli ultimi 5 anni che la famiglia Biden è completamente compromessa dal Partito Comunista Cinese».

 

Come riportato da Renovatio 21, i controversi intrecci economici tra il clan Biden e la Cina passano attraverso personaggi importanti dell’Intelligence cinese e forse addirittura per lo stesso presidente Xi Jinping.

 

A dimostrarlo ci sarebbe il contenuto del PC di Hunter Biden, in possesso dell’FBI da anni, ma sul quale le autorità mai hanno voluto davvero indagare.

 

Come noto, in questo momento di crisi energetica con il prezzo del carburante alle stelle per il comune cittadino americano, il presidente Biden a venduto 1 milione di barili dalla riserva di petrolio strategica USA all’azienda cinese in cui ha investito suo figlio Hunter.

 

 

 

 

Immagine di rachaelvoorhees via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Civiltà

«Il mondo unipolare è finito»: il discorso di Civiltà del presidente Putin contro le élite globaliste occidentali

Pubblicato

il

Da

Nel suo discorso di apertura alla 10ª Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la fine dell’ordine mondiale unipolare guidato dagli Stati Uniti e la sua sostituzione con un ordine multipolare basato sul diritto internazionale e sulle giuste relazioni tra le nazioni. Renovatio 21 ne pubblica la traduzione traendola dal sito ufficiale del Cremlino.

 

 

 

Stimati ospiti stranieri,

 

Permettetemi di darvi il benvenuto all’anniversario della decima conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale.

 

Nell’ultimo decennio, il vostro forum rappresentativo è diventato un luogo importante per discutere i problemi politico-militari più urgenti.

 

Oggi, una discussione così aperta è particolarmente pertinente.

 

La situazione nel mondo sta cambiando dinamicamente e stanno prendendo forma i contorni di un ordine mondiale multipolare. Un numero crescente di Paesi e popoli sta scegliendo un percorso di sviluppo libero e sovrano basato sulla propria identità, tradizioni e valori distinti.

 

A questi processi oggettivi si oppongono le élite globaliste occidentali, che provocano il caos, alimentando conflitti di vecchia data e nuovi e perseguendo la cosiddetta politica di contenimento, che di fatto equivale al sovvertimento di ogni alternativa, opzione di sviluppo sovrano.

 

Quindi, stanno facendo tutto il possibile per mantenere l’egemonia e il potere che stanno scivolando dalle loro mani; stanno cercando di mantenere Paesi e popoli nella morsa di quello che è essenzialmente un ordine neocoloniale.

Le élite globaliste occidentali (…) provocano il caos, alimentando conflitti di vecchia data e nuovi e perseguendo la cosiddetta politica di contenimento, che di fatto equivale al sovvertimento di ogni opzione di sviluppo sovrano

 

La loro egemonia significa stagnazione per il resto del mondo e per l’intera Civiltà; significa oscurantismo, cancellazione della cultura e totalitarismo neoliberista.

 

Stanno usando tutti gli espedienti. Gli Stati Uniti e i loro vassalli interferiscono grossolanamente negli affari interni degli stati sovrani mettendo in scena provocazioni, organizzando colpi di stato o incitando guerre civili.

 

Con minacce, ricatti e pressioni, stanno cercando di costringere gli stati indipendenti a sottomettersi alla loro volontà ea seguire regole che sono loro estranee.

 

Questo viene fatto con un solo obiettivo in vista, che è quello di preservare il loro dominio, il modello secolare che consente loro di spugnare tutto nel mondo. Ma un modello di questo tipo può essere mantenuto solo con la forza.

 

Per questo l’Occidente collettivo – il cosiddetto Occidente collettivo – sta deliberatamente minando il sistema di sicurezza europeo e mettendo insieme sempre nuove alleanze militari. La NATO sta strisciando verso Est e sta costruendo la sua infrastruttura militare. Tra le altre cose, sta dispiegando sistemi di difesa missilistica e migliorando le capacità di attacco delle sue forze offensive. Ciò è ipocritamente attribuito alla necessità di rafforzare la sicurezza in Europa, ma in realtà sta avvenendo proprio il contrario. Inoltre, le proposte sulle misure di sicurezza reciproca, avanzate dalla Russia lo scorso dicembre, sono state ancora una volta disattese.

 

Hanno bisogno di conflitti per mantenere la loro egemonia. Per questo hanno destinato il popolo ucraino ad essere usato come carne da cannone.

La loro egemonia significa stagnazione per il resto del mondo e per l’intera Civiltà; significa oscurantismo, cancellazione della cultura e totalitarismo neoliberista

 

Hanno attuato il progetto anti-russo e sono stati conniventi nella diffusione dell’ideologia neonazista.

 

Si sono voltati dall’altra parte quando i residenti del Donbass sono stati uccisi a migliaia e hanno continuato a mandare armi, comprese armi pesanti, ad uso del regime di Kiev, cosa che continuano a fare ora.

 

In queste circostanze, abbiamo preso la decisione di condurre un’operazione militare speciale in Ucraina, decisione che è pienamente conforme alla Carta delle Nazioni Unite. È stato chiaramente affermato che gli obiettivi di questa operazione sono garantire la sicurezza della Russia e dei suoi cittadini e proteggere i residenti del Donbass dal genocidio.

Hanno bisogno di conflitti per mantenere la loro egemonia. Per questo hanno destinato il popolo ucraino ad essere usato come carne da cannone

 

La situazione in Ucraina mostra che gli Stati Uniti stanno cercando di tirare fuori questo conflitto. Agiscono allo stesso modo altrove, fomentando il potenziale conflitto in Asia, Africa e America Latina.

 

Come è noto, gli Stati Uniti hanno recentemente compiuto un altro tentativo deliberato di alimentare le fiamme e suscitare problemi nell’Asia-Pacifico.

 

La bravata degli Stati Uniti verso Taiwan non è solo un viaggio di un politico irresponsabile, ma fa parte della strategia americana mirata e deliberata progettata per destabilizzare la situazione e seminare il caos nella regione e nel mondo. È una sfacciata dimostrazione di mancanza di rispetto per gli altri paesi e per i propri impegni internazionali. Consideriamo questa come una provocazione completamente pianificata.

 

È chiaro che con queste azioni le élite globaliste occidentali stanno tentando, tra le altre cose, di distogliere l’attenzione dei propri cittadini da problemi socioeconomici pressanti, come il crollo del tenore di vita, la disoccupazione, la povertà e la deindustrializzazione.

 

Vogliono scaricare la colpa dei propri fallimenti su altri Paesi, cioè Russia e Cina, che stanno difendendo il loro punto di vista e progettano una politica di sviluppo sovrano senza sottostare ai diktat delle élite sovranazionali.

 

Vediamo anche che l’Occidente collettivo si sta sforzando di espandere il suo sistema basato sui blocchi nella regione dell’Asia-Pacifico, come ha fatto con la NATO in Europa. A tal fine, stanno creando unioni politico-militari aggressive come AUKUS e altri.

 

È ovvio che è possibile solo ridurre le tensioni nel mondo, superare le minacce ei rischi politico-militari, migliorare la fiducia tra i paesi e garantire il loro sviluppo sostenibile attraverso un rafforzamento radicale del sistema contemporaneo di un mondo multipolare.

 

Ribadisco che l’era del mondo unipolare sta diventando un ricordo del passato. Non importa quanto fortemente i beneficiari dell’attuale modello globalista si attacchino allo stato delle cose a loro familiare, esso è condannato. I cambiamenti geopolitici storici stanno andando in una direzione completamente diversa.

 

E, naturalmente, la vostra conferenza è un’altra importante prova dei processi oggettivi che formano un mondo multipolare, che riunisce rappresentanti di molti Paesi che vogliono discutere questioni di sicurezza su un piano di parità e condurre un dialogo che tenga conto degli interessi di tutte le parti , senza eccezioni.

 

Voglio sottolineare che il mondo multipolare, basato sul diritto internazionale e su relazioni più giuste, apre nuove opportunità per contrastare le minacce comuni, come i conflitti regionali e la proliferazione delle armi di distruzione di massa, il terrorismo e la criminalità informatica. Tutte queste sfide sono globali, e quindi sarebbe impossibile superarle senza combinare gli sforzi e le potenzialità di tutti gli Stati.

 

Come prima cosa, la Russia parteciperà attivamente e con determinazione a tali sforzi congiunti coordinati; insieme ai suoi alleati, partner e compagni di pensiero, migliorerà i meccanismi esistenti di sicurezza internazionale e ne creerà di nuovi, oltre a rafforzare costantemente le forze armate nazionali e altre strutture di sicurezza fornendo loro armi avanzate e equipaggiamento militare.

La Russia garantirà i suoi interessi nazionali, così come la protezione dei suoi alleati, e intraprenderà altri passi verso la costruzione di un mondo più democratico in cui siano garantiti i diritti di tutti i popoli e la diversità culturale e di Civiltà

 

La Russia garantirà i suoi interessi nazionali, così come la protezione dei suoi alleati, e intraprenderà altri passi verso la costruzione di un mondo più democratico in cui siano garantiti i diritti di tutti i popoli e la diversità culturale e di Civiltà.

 

Occorre ripristinare il rispetto del diritto internazionale, delle sue norme e principi fondamentali. E, naturalmente, è importante promuovere agenzie universali e comunemente riconosciute come le Nazioni Unite e altre piattaforme di dialogo internazionale. Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e l’Assemblea generale, come previsto inizialmente, dovrebbero servire come strumenti efficaci per ridurre le tensioni internazionali e prevenire i conflitti, nonché facilitare la fornitura di sicurezza e benessere affidabili di paesi e popoli.

 

In conclusione, voglio ringraziare gli organizzatori della conferenza per il loro importante lavoro preparatorio e auguro a tutti i partecipanti discussioni sostanziali.

 

Sono certo che il forum continuerà a dare un contributo significativo al rafforzamento della pace e della stabilità sul nostro pianeta e faciliterà lo sviluppo di un dialogo e di un partenariato costruttivi.

 

Grazie per l’attenzione.

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari