Connettiti con Renovato 21

Oligarcato

Sequestrato telefono e iPad al sindaco massone di Nuova York

Pubblicato

il

Un avvocato del sindaco di Nuova York Eric Adams ha confermato venerdì che l’FBI ha sequestrato i telefoni e un iPad del sindaco come parte di un’indagine sul finanziamento della sua campagna elettorale. Lo riporta la testata americana Epoch Times.

 

«Dopo aver appreso dell’indagine federale, si è scoperto che un individuo aveva recentemente agito in modo improprio. In uno spirito di trasparenza e cooperazione, questo comportamento è stato immediatamente e proattivamente segnalato agli investigatori. Il sindaco è stato e rimane impegnato a collaborare in questa questione», ha dichiarato l’avvocato Boyd Johnson in una nota.

 

«Lunedì notte, l’FBI si è avvicinata al sindaco dopo un evento. Il sindaco ha immediatamente accolto la richiesta dell’FBI e ha fornito loro dispositivi elettronici. Il sindaco non è stato accusato di alcun illecito e continua a collaborare alle indagini».

 

Il sindaco Adams ha negato qualsiasi illecito in una dichiarazione: «come ex membro delle forze dell’ordine, mi aspetto che tutti i membri del mio staff rispettino la legge e collaborino pienamente a qualsiasi tipo di indagine, e continuerò a fare esattamente questo. Non ho nulla da nascondere», ha affermato. Adams ha lavorato a lungo nella polizia della Grande Mela.

 

La settimana scorsa, l’FBI ha fatto irruzione nell’abitazione di Brianna Suggs, una delle principali consulenti politici del sindaco, dopo di che il sindaco ha anche rilasciato una dichiarazione in cui si dichiarava innocente di qualsiasi illecito.

 

«Mi sento estremamente a mio agio nel rispetto delle regole e delle procedure. L’ho affermato più e più volte. Mi mantengo ad uno standard elevato, mantengo la mia campagna ad uno standard elevato e mantengo uno standard elevato per il mio staff in municipio», ha affermato il sindaco neoeboraceno, dicendo che la Suggs era una «vera professionista» e che sarebbe rimasta nella sua squadra per la sua campagna di rielezione del 2025.

Sostieni Renovatio 21

«Sono indignato e arrabbiato se qualcuno tentasse di utilizzare la campagna per manipolare la nostra democrazia e frodarla», chiosa l’Adams nella dichiarazione. «Voglio essere chiaro, non ho alcuna conoscenza, diretta o meno, di alcuna attività impropria di raccolta fondi, e certamente non di denaro straniero».

 

Un portavoce del procuratore americano a Manhattan ha rifiutato di commentare.

 

L’FBI non ha reso pubblici i dettagli dell’indagine, ma un mandato di perquisizione è stato riportato per la prima volta dal New York Times, secondo il quale l’indagine federale è collegata alla presunta corruzione nella campagna 2021 di Adams e a possibili legami con il governo turco.

 

I dispositivi sequestrati, di cui probabilmente l’FBI ha fatto delle copie, sono stati restituiti giorni dopo. Lo staff del sindaco ha confermato che il suo ufficio ha incontrato i procuratori federali, ma non ha rivelato di cosa hanno discusso.

 

Dopo l’irruzione nella casa della Suggs, i media hanno riferito che il rapporto tra la campagna 2021 del sindaco e i legami del KSK Construction Group con sede a Brooklyn con la Turchia è al centro dell’indagine. l KSK Construction Group possiede condomini e condomini in tutta la città. È di proprietà della KiSKA Construction Corp., una società che possiede due filiali di una catena alberghiera turca negli Stati Uniti.

 

L’Adams ha visitato la Turchia più volte, anche nell’ambito di compiti ufficiali in diversi uffici pubblici. «Probabilmente sono l’unico sindaco nella storia di questa città che non solo ha visitato la Turchia una volta, ma penso di essere alla mia sesta o settima visita in Turchia», aveva detto Adams durante una recente cerimonia dell’alzabandiera turca a New York.

 

Due di questi viaggi furono effettuati mentre era presidente del distretto di Brooklyn. I documenti della campagna mostrano che ha ricevuto donazioni da tre membri di una fondazione fondata dal figlio del presidente turco.

 

Ad un evento di questa settimana, il sindaco ha risposto alle domande dei giornalisti sull’indagine e sui suoi legami con la Turchia. «Abbiamo semplicemente pensato che fosse una grande opportunità per scambiare idee come facciamo con tutti questi… Paesi e vogliamo attrarre imprese qui», ha detto riguardo ai suoi viaggi, secondo The City.

 

«Quindi, la Turchia… così come qualsiasi altro Paese, voglio attirarne le persone in città. Non c’è nulla di specifico in quel particolare paese» ha detto il sindaco, aggiungendo che spesso diceva al suo staff di «seguire la legge».

 

«Credo fermamente che tu debba seguire la legge. Sarei davvero scioccato se qualcuno assunto dalla mia campagna facesse qualcosa di inappropriato», ha dichiarato l’Adams.

 

Come riportato da Renovatio 21, due mesi fa Adams e il commissario di polizia di New York Edward Caban e il capo del dipartimento di polizia di New York Jeffrey Maddrey sono stati tutti introdotti come «Maestri massoni» durante una cerimonia massonica alla Gracie Mansion, che funge da residenza ufficiale dei sindaci della città.

 

La loggia in questione è la Prince Hall Masonic Temple, che fa parte della «Prince Hall Freemasonry», una versione afro-americana della massoneria.

 

«Oggi abbiamo tenuto una Gran Loggia occasionale con gli ufficiali e i Fratelli della Rotta Maggiore per la prima volta nella storia a Gracie Mansion», ha pubblicato su Facebook il 23 settembre la Venerabilissima Gran Loggia Prince Hall. «Il risultato di questa occasione speciale ha portato alla Nuova Il sindaco della città di York, l’onorevole Eric Adams, il commissario di polizia Edward Caban e il capo del dipartimento Jeffrey Maddrey vengono elevati a maestri massoni».

 

I risvolti anticattolici di tale notizia non sono da prendere alla leggera: nella massoneria di rito scozzese vi sia il 30° grado sia chiamato, cavaliere Kadosh, e comprenda nella cerimonia, secondo l’Enciclopedia Cattolica del 1918, il calpestamento da parte dell’iniziando della tiara papale, in odio diretto al papato e al cattolicesimo. L’iniziando quindi giura di liberare l’umanità «dalla schiavitù del dispotismo e dalla schiavitù della tirannia spirituale» spiegò padre William Saunders in un seminale articolo sull’argomento pubblicato dall’Arlington Catholic Herald nel 1996.

 

Rispetto alla questione non risulta che la diocesi di Nuova York abbia reagito in alcun modo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Metropolitan Transportation Authority of the State of New York via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Continua a leggere

Economia

Clan Rothschild in lotta fra loro

Pubblicato

il

Da

I rami svizzero e francese della famiglia Rothschild stanno combattendo per il dominio nel settore della gestione patrimoniale, il che sta causando tensioni e scatenando speculazioni su una fusione che avrebbe un impatto significativo sul panorama finanziario globale. Lo riporta Bloomberg.   La banca privata svizzera, il gruppo Edmond de Rothschild, e il più piccolo istituto di credito francese, Rothschild & Co., sono le uniche banche rimaste con legami con la famiglia il cui nome è stato sinonimo di ricchezza e potere per più di due secoli.   La famiglia Rothschild emerse dal ghetto ebraico di Francoforte nel XIX secolo per diventare una delle dinastie finanziarie più ricche e potenti del mondo, che finanziò guerre e imperi e contribuì a plasmare la storia economica e politica dell’Europa.

Sostieni Renovatio 21

Dopo decenni di attività in segmenti relativamente diversi, le filiali svizzera e francese si rivolgono ora agli stessi facoltosi clienti. Le probabilità di una fusione all’interno della rinomata famiglia sono ora in aumento poiché entrambe le banche stanno lottando per una quota maggiore del settore globale della gestione patrimoniale da 250 trilioni di dollari, scrive la testata economica neoeboracena.   «Ora si rivolgono a clienti simili», spiega Christoph Kunzle, docente di gestione patrimoniale all’Università di Scienze Applicate di Zurigo. «È molto competitivo e il loro nome secolare è una grande risorsa che entrambi stanno cercando di sfruttare».   La Rothschild & Co. con sede a Parigi, gestita da Alexandre de Rothschild, il 43enne rampollo della settima generazione, è la più piccola delle due banche. A metà del 2023 la banca aveva oltre 102 miliardi di euro di asset in gestione. Tuttavia, è cresciuto rapidamente aprendo più uffici nello stesso segmento, rivaleggiando con il ramo elvetico.   Un’espansione aggressiva che arriva mentre Edmond de Rothschild, con sede in Svizzera, guidato dalla baronessa Ariane de Rothschild, è alle prese con un business stagnante, afferma l’articolo. Alla fine del 2022, il patrimonio gestito dalla banca era sceso a 158 miliardi di franchi svizzeri (179 miliardi di dollari) rispetto ai 178 miliardi dell’anno precedente.   Nel frattempo, negli ultimi anni, l’azienda con sede a Parigi ha aperto uffici di gestione patrimoniale in Italia, Lussemburgo, Regno Unito e ha persino effettuato alcune acquisizioni in Svizzera, il cortile di Ariane.   Gli esperti sottolineano anche la confusione tra i clienti poiché due distinte attività Rothschild si stanno spostando l’una nei territori dell’altra.   «Tra la clientela c’è sicuramente confusione tra i due», ha affermato Declan Ahern, direttore della strategia e delle valutazioni presso Brand Finance.   Gli esperti affermano che una fusione darebbe peso all’impero Rothschild in un’economia globalizzata, dove i confini tra tradizione e innovazione sono sempre più sfumati. Le due banche sono troppo piccole se confrontate con colossi del settore come Morgan Stanley e UBS Group AG o anche con le banche private svizzere Julius Baer e Banque Pictet.   «C’è bisogno di consolidamento, in particolare per i piccoli gestori patrimoniali a causa dell’aumento dei costi e della regolamentazione», ha affermato Nicolas Payen, analista di Kepler Cheuvreux. «Ora una regola per l’industria è che hanno bisogno di dimensioni».   L’idea di unire le forze è stata proposta in passato dalla filiale francese, ma respinta dalla parte svizzera. La baronessa Ariane ha ripetutamente rifiutato l’iniziativa, anche se alcuni dei suoi banchieri privati ​​di alto rango credevano che un riavvicinamento avrebbe avuto senso.   Secondo quanto riferito, il 58enne CEO della banca svizzera sta ora guardando ad un’espansione a breve termine nel Medio Oriente ricco di petrolio e nel mercato asiatico molto promettente.   «Da un lato c’è una logica economica, dall’altro c’è l’orgoglio personale», ha affermato Philippe Pelé-Clamour, professore a contratto presso la business school HEC di Parigi, che ritiene che il periodo degli «ego e delle controversie» sia relativamente breve se si considerano i loro 200 anni di storia e prevede che una fusione dei due rami potrebbe avvenire entro una generazione.

Aiuta Renovatio 21

Dalla banca francese dei Rothschild è passato, notoriamente, l’attuale presidente francese Emmanuel Macron.   Uno dei principali patriarchi della famiglia, espansasi anche a Londra e Nuova York, Evelyn Rothschild, è morto nel 2022.   Come riportato da Renovatio 21, la vedova Lynn Forester de Rothschild ha attaccato l’inchiesta dei trumpiani sull’integrità delle elezioni 2020; la famiglia avrebbe triplicato il loro investimento in Bitcoin.   Nel 2020, la famiglia Rothschild, capeggiato dalla Lynn Forester de Rothschild ha formato una coalizione con il Vaticano, le Nazioni Unite, varie multinazionali e la Fondazione Rockefeller chiamata Council for Sustainable Capitalism.   Questo gruppo di élite, che si fa chiamare «The Guardians» – «i guardiani» – vuole mettere in atto una «collaborazione storica di amministratori delegati e leader globali che lavorano con la guida morale di Papa Francesco per sfruttare il potere degli affari per il bene», secondo il loro sito web. Tra sedicenti «guardiani», il capo di DuPont, un gigante degli OGM e di un gruppo chimico; altri guardians verrebbero da farmaceutiche e produttori di vaccini con il loro bagaglio di scandali.   Nei secoli la storia ricorda diversi prestiti che i Rothschild hanno concesso al Vaticano. Il primo prestito, avviato nel 1832, avvenne all’indomani delle guerre napoleoniche durante il pontificato di papa Gregorio XVI . Questo prestito concordato era per una somma di 400.000 sterline (equivalenti a 4 miliardi di sterline odierne). Un secondo prestito avvenne durante il pontificato di papa Pio IX all’inizio degli anni Cinquanta dell’Ottocento con gli stessi membri della famiglia Rothschild dopo il crollo della breve repubblica rivoluzionaria romana di Giuseppe Mazzini e la restaurazione dello Stato Pontificio.   Come riportato da Renovatio 21, Alexandre de Rothschild l’estate scorsa ha abboccato ad uno scherzo telefonico dei due ineffabili burloni russo Vovan e Lexus che, fingendo di essere Zelens’kyj, hanno raccolto la dichiarazione del Rothschild che diceva come la sua famiglia abbia una «relazione fantastica» con i membri del governo ucraino».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
   
Continua a leggere

IVF

La figlia in provetta di Obama cambia nome

Pubblicato

il

Da

Malia Obama, figlia dell’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha abbandonato il cognome del padre per il suo debutto a Hollywood. Malia Ann ha tranquillamente annunciato il suo nom de plume quando il suo primo cortometraggio, The Heart, è stato recentemente presentato in anteprima al Sundance Film Festival, prestigiosa rassegna di cinema indipendente ideata da Robert Redford a Park City, in Utah.

 

Il cambio di nome della figlia maggiore di Obama è stato rivelato in un video «Meet the Artist» di intervista con il regista, pubblicato dagli organizzatori del festival il mese scorso, e da allora è stato oggetto di gossip sui tabloid. Nel video, la piccola Obama ha descritto il suo film come «una piccola storia strana, una specie di favola, su un uomo in lutto per la morte di sua madre», ma non ha fatto menzione dell’abbandono del suo cognome riconosciuto a livello mondiale.

 

La venticinquenne ha tentato per la prima volta di entrare nel mondo dello spettacolo nel 2017, quando aveva svolto uno stage con il magnate del cinema e molestatore sessuale Harvey Weinstein, onnipotente figura nella produzione di film di qualità nonché massima figura di fiancheggiatore hollywoodiano del Partito Democratico USA e dei suoi più alti papaveri, da Hillary Clinton in giù.

 

 

Sostieni Renovatio 21

Dopo essersi laureata all’Università di Harvard nel 2021, ha lavorato come sceneggiatore nella serie televisiva di Amazon Prime Video Swarm. Sui social media vari utenti hanno sostenuto con insistenza che la sua ascesa nel settore è stata il risultato del nome di suo padre.

 

Anche Barack Obama e l’ex First Lady Michelle Obama si sono dedicati all’intrattenimento dopo aver lasciato la Casa Bianca. La loro società, Higher Ground Productions, ha prodotto serie e documentari per Netflix e podcast per Spotify. L’ex presidente ha vinto un Emmy Award nel 2022 per la narrazione «eccezionale» in una serie sui parchi nazionali degli Stati Uniti.

 

L’ex presidente non ha ritirato il premio di persona, né ha assistito alla première sul tappeto rosso di sua figlia al Sundance.

 

Come riportato da Renovatio 21, Obama e la moglie hanno prodotto un kolossal para-apocalittico, Il mondo dietro di te, che immagine un attacco cibernetico che scatena il caos negli USA – una storia, con tanto di star di primo piano come Julia Roberts, che potrebbe lasciar trasparire la sua natura di predictive programming, ossia l’intento di preparare la popolazione agli sviluppi di un’agenda prefissata.

 

Sebbene il New York Times abbia definito The Heart un «debutto ben girato e scarno», ha ricevuto recensioni per lo più negative su Letterboxd, una piattaforma di social media per appassionati di cinema e critici da poltrona. «Onorare l’eredità di suo padre lanciando una bomba gigante [cioè, in gergo, «fare flop», ndr] e non ricevere alcuna critica per questo», ha scritto un critico aspro, riferendosi agli innumeri attacchi con droni del personaggio di origini kenyoto-havaiane durante la sua presidenza.

 

Accusare la piccola Obama di star intraprendendo una carriera preparata in laboratorio sarebbe in giusto, anche se in linea con la sua esistenza: secondo le rivelazioni della stessa madre, le due figlie Malia e Sasha sono state prodotte con la fecondazione in vitro, con la riproduzione artificiale. Si è trattato, con probabilità, delle prime first daughters uscite dalla provetta.

 

La rivelazione, contenuta nel libro di Michelle Becoming Mrs. Obama (2018) non si sposa benissimo con le voci, ritornate a galla con particolare insistenza, sull’omosessualità del marito ex presidente, documentata da testimoni sedicenti ex amanti, cugini africani e pure da lettere ad ex fidanzate.

Aiuta Renovatio 21

Come noto, una volgare teoria della cospirazione diffusa non solo in rete sostiene che Michelle Obama sia un uomo, tanto che molti la chiamano «Big Mike».

 

Con Biden agli sgoccioli della sua candidabilità per questioni di demenza senile, il nome di Michelle Obama come nomination per la corsa presidenziale di quest’anno è ancora nella rosa non-detta del Partito Democratico USA.

 

Qualora venisse eletta, la famiglia otterrebbe un nuovo record: l’attrice Joan Rivers nel 2014 disse che con Obama gli USA avevano già avuto un primo presidente gay, con Michelle – definita sempre dal vetusto volto hollywoodiano «una trans» – si darebbe quindi il primo presidente americano transgender, con buona pace delle donne, scavalcate – qui come in ogni altro sport – ancora una volta da transessuali rampanti.

 

 

Un consiglio alla giovane Obama, regista in erba (e in provetta): se raccontasse la storia della sua famiglia, tra nonna e bisnonni di cui si sospetta l’appartenenza alla CIA e le avventure chicaghesi del padre (quel direttore del coro della chiesa che frequentava trovato morto crivellato di colpi…), l’accusa del possibile uso di crack del genitore 1 e i cuochi che muoiono annegati nella reggia sull’oceano, forse i suoi film potrebbero divenire davvero interessanti.

 

Anche se il genere va inquadrato bene: fantascienza, thriller, horror.

 

Il materiale è proprio tanto.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

I banchieri europei hanno un «club segreto»

Pubblicato

il

Da

Da oltre settant’anni un’organizzazione segreta e molto influente riunisce due volte l’anno i capi delle più grandi banche europee in hotel di lusso e palazzi reali in tutto il continente per discutere, tra le altre questioni, delle politiche globali. Lo riporta un articolo del Financial Times pubblicato a inizio settimana.   Il pezzo della rivista economica internazionale sottolinea che l’esistenza dell’Institut International d’Etudes Bancaires (IIEB) è appena conosciuta al di fuori dei suoi membri, mentre il gruppo non ha un sito web e gli ordini del giorno delle sue riunioni non sono resi pubblici.   Secondo quanto riferito, i membri sono scoraggiati dal condividere i dettagli delle discussioni. «Non è come Davos, dove chiunque può entrare», ha detto al FT un membro di lunga data a condizione di anonimato. «Questo è davvero esclusivo».

Sostieni Renovatio 21

Alcuni membri si sono lamentati della mancanza di trasparenza all’interno del gruppo, che è stato istituito per incoraggiare legami più stretti tra le banche in un momento di tensioni geopolitiche e sfide alla stabilità finanziaria in tutta Europa. «Siamo stati membri per decenni, quando l’organizzazione aveva lo scopo di avvicinare le banche europee», ha detto al FT Par Boman, presidente della banca svedese Handelsbanken. «Ma dopo la crisi finanziaria abbiamo ritenuto che la sua stravaganza e la mancanza di trasparenza non si adattassero ai nostri valori».   Secondo l’articolo, l’IIEB è stato fondato a Parigi nel 1950 dai capi di quattro istituti di credito di tutto il continente: Crédit Industriel et Commercial, Union Bank of Switzerland, Société Générale de Belgique e Amsterdamsche Bank. L’obiettivo era quello di tenere regolarmente discussioni ad alto livello sugli sviluppi nel settore bancario, nonché sull’economia e sul sistema monetario.   Gli argomenti in discussione, scrive FT, rifletterebbero le preoccupazioni dei banchieri europei in determinati periodi di tempo. Negli anni ’50, ad esempio, si trattava della creazione di filiali nelle ex colonie, mentre negli anni ’60 l’attenzione si era spostata sul ruolo globale del dollaro USA, sui problemi con il sistema di tassi di cambio fissi di Bretton Woods e sulla minaccia di acquisizione da parte degli USA delle banche europee.   Verso la fine del secolo, le discussioni dell’IIEB riguardavano maggiormente l’impatto dell’euro, il crescente mercato dei derivati ​​e le operazioni di fusione e aquisizione tra le grandi banche, scrive la rivista.   «Mentre i creditori europei sono sotto pressione per migliorare le loro valutazioni poco brillanti – essendo rimasti molto indietro rispetto ai loro rivali statunitensi in termini di redditività negli ultimi anni – e con il continente che si prepara ad un’ondata di accordi transfrontalieri da tempo annunciata, l’IIEB sta entrando in una delle sue periodi più importanti da quando è stato fondato all’indomani della Seconda Guerra Mondiale», scrive il giornale.

Aiuta Renovatio 21

Oltre ad essere un forum in cui i migliori finanziatori europei possono scambiarsi idee, l’IIEB funge da club sociale d’élite dove, per tre giorni, i coniugi dei banchieri possono godersi cene di gala, tour privati ​​di monumenti storici e shopping di lusso.   Il rapporto rileva che non c’è stata quasi nessuna copertura mediatica delle attività dell’IIEB durante i suoi oltre settant’anni di esistenza, nonostante l’importanza degli argomenti in discussione.   La storia ricorda da vicino quella della Banca dei Regolamenti Internazionali (BRI), un ente bancario transnazionale creato nel dopoguerra a Basilea, in Svizzera) dove confluivano i banchieri centrali del pianeta – in pratica, una sorta di Banca Centrale delle Banche Centrali, di cui nessuno ha mai sentito parlare prima per davvero.   Sull’argomento della BRI esiste libro che ne descrive esistenza e proporzioni, Tower of Basel: The Shadowy History of the Secret Bank that Runs the World (2014)

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
       
Continua a leggere

Più popolari