Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Nuovo lockdown questo autunno?

Pubblicato

il

Nel mondo anglofono sta diffondendosi una voce: l’amministrazione Biden starebbe ricaricando le regole pandemiche del protocollo COVID 2020-2021: mascherine, distanziamento sociale, lockdown.

 

La nuova ondata di sottomissione pandemica sarebbe motivata dalle nuove varianti COVID che stanno sbucando con insistenza nel mondo anglofono. Forse non avete sentito: secondo gli inglesi, sarebbe arrivata la variante Eris, o EG.5, che sarebbe comparsa anche in Canada. Ma ci sarebbe anche l’israeliana BA.2.86, che avrebbe fatto capolino anche in terra danese.

 

Insomma, la giustificazione, per il ritorno della clausura, la si troverebbe.

 

Quindi l’idea del nuovo lockdown ha preso consistenza su Twitter, dove ha cominciato ad essere di tendenza l’espressione «DO NOT COMPLY», cioè «non obbedire».

 

A originare la voce è Infowars, la testata del noto Alex Jones, considerato la più grande voce del cospirazionismo americano, ma al contempo osservatore che in questi lustri ha avuto ragione troppe volte: quello che diceva sarebbe accaduto, e che sembrava follia, poi si è puntualmente avverato – da Epstein alle rane divenute ermafrodite causa atrazina, era stato sempre corretto e preciso nelle sue tesi.

 

Jones in questi giorni avrebbe ricevuto le confidenze di alcuni informatori della TSA (l’ente che controlla i passeggeri negli aeroporti) e pure della Border Patrol (la polizia di frontiera statunitense). Le gole profonde avrebbero detto a Jones che l’amministrazione Biden sta lentamente introducendo nuove linee guida sulle mascherine, regole di distanziamento sociale e misure di blocco a partire dai lavoratori federali.

 

«Martedì ci hanno chiamato e ci hanno detto che per metà settembre le nuove politiche saranno scritte… è fatta, sta accadendo, non è ipotetico» ha detto Jones durante la sua trasmissione video bannata in ogni dove. «Dovrete tutti indossare ancora una volta le mascherine, e così dovranno anche gli impiegati degli aeroporti».

 

«Poi, da metà ottobre faranno in modo che chiunque voli debba indossare la mascherina». Jones dice che gli informatori gli hanno riferito di meeting sulla questione, nei quali il personale aeroportuale avrebbe domandato quindi ai dirigenti perché questo dovrebbe mai succedere ancora, ottenendo come risposta «perché ci sono le varianti in Canada, l’OMS… ci hanno detto che questo accadrà».

 

Gli informatori dichiarano quindi che sarebbe stato detto loro che ci si aspetta «che per dicembre l’intero protocollo COVID 2020-2021 sia re-implementato».

 

Jones ritiene di aver ricevuto conferme da contatti separati, due agenti federali che sono sue fonti.

 

Poco dopo l’allarme lanciato da Jones, vari servizi dei media mainstream hanno cominciato a parlare di un «ritorno delle mascherine».

 

Questa ad esempio è il network americano NBC:

 

 

 

Idem il caso della concorrente CBS, che spiega che stanno arrivando nuovi booster, e bisogna iniettarseli.

 

 

Il WWLP-22, un canale affiliato a NBC, dichiara al suo pubblico che la nuova sottovariante COVID Omicron «EG.5» rappresenta un rischio per la salute e si sta diffondendo rapidamente in tutta l’America.

 

 

Il COVID sta tornando. Università come Rutgers hanno ripreso i rigorosi requisiti di vaccino per gli studenti che si iscrivono per il semestre autunnale. L’Atlanta Journal-Constitution, un giornale della Georgia, ha riferito lunedì che il Morris Brown College, un ateneo privato di arti liberali frequentato da neri, ha ripristinato le misure come parte di una “misura precauzionale”.

 

Ricordiamo che alla fine del 2020, come emerso dagli scoop sulla politica pandemica britannica, l’ex segretario alla Sanità di Londra Matt Hancock discuteva di «dispiegare una nuova variante» per «spaventare a morte tutti con il nuovo ceppo».

 

E tutto questo nonostante numerosi studi abbiano riscontrato che i lockdown, le mascherine e le misure di distanziamento sociale si sono rivelati inefficaci ed economicamente e socialmente dannosi.

 

Tutto questo quando vi sono studi sempre più preoccupanti che parlano non solo dell’inefficacia, ma dei pericoli delle iniezioni geniche sperimentali mRNA.

 

Negli USA dicono che l’establishment ha deciso una nuova campagna di paura della pandemia «per reintrodurre il voto universale per corrispondenza che ha installato con successo Joe Biden alla Casa Bianca nel 2020», scrive Infowars.

 

Qui dall’Europa, dove il lockdown si abbatterebbe di certo, possiamo avere una prospettiva ancora più cupa: immaginiamo un lockdown in tempore belli, con la guerra che infuria a pochi chilometri e le persone costrette in casa a suon di repressione, denunce, manganellate o perfino peggio, impossibilitate ad organizzare una qualsiasi forma di protesta di fronte all’entrata in guerra del Paese.

 

Rammentiamo le folle oceaniche no-green pass; abbiamo idee che le manifestazioni di massa pacifiste, o filorusse, sarebbero ancora più immense.

 

Con il lockdown, come abbiamo imparato, nessun dissenso è possibile, grazie al monopolio cognitivo di tutti i media e pure di internet esercitato dallo Stato e dal Superstato. La popolazione in gabbia, mentre la guerra infuria con uno scontro diretto NATO-Mosca che può incenerirci tutti, mentre guardiamo Netflix o scopriamo le meraviglie della panificazione domestica.

 

È uno scenario osceno, grottesco. Ricordiamo al lettore che stiamo solo ipotizzando.

 

Così come possiamo ipotizzare che il lockdown COVID della Terza Guerra magari non avrà come oggetto solo la Federazione Russa, ma anche la Repubblica Popolare Cinese. Osservate che la porta della colpevolezza cinese, con la teoria della fuga dal laboratorio di Wuhano, è in qualche modo stata lasciata aperta anche dall’amministrazione Biden, che l’aveva censurata inizialmente con brutalità assoluta (Renovatio 21 ne sa qualcosa: fu sospesa e poi disintegrata da Facebook quando sosteneva, tra le altre cose, che il virus veniva dagli esperimenti di cui, nonostante le smentite sempre più ridicole, tutti oramai sapevano).

 

Che il clan Biden abbia speciosi legami con la Cina, e financo con il cerchio magico di Xi, è qualcosa che non diciamo solo noi, ma perfino lo sfidante diretto alle presidenziale, Donald J. .Trump.

 

Biden pupazzo di Pechino, si dice… tuttavia ciò non esclude che proprio per questo, proprio per la quantità assurda di materiale compromettente su Biden e famiglia a disposizione di Pechino, il vegliardo del Delaware non cerchi uno scontro di qualche intensità – così che ogni cosa esca  sul suo conto possa essere abbuonata come propaganda nemica.

 

Magari una guerra di piccola durata, magari fatta per mollare Taiwan con una bella resistenza simbolica a stelle e strisce: tuttavia una guerra vera e propria, una guerra presidenziale e «reputazionale», come lo fu il bombardamento della Serbia da parte di Bill Clinton all’altezza dello scandalo Lewinsky.

 

In quel caso, una recrudescenza del COVID farebbe proprio al caso di Washington, che potrebbe finalmente rompere gli argini e accusare i cinesi di essere dietro alla nuova variante, oltre che a quella vecchia, chiedere i danni, etc. Ecco che la via del laboratorio impazzito aiuta il lancio di portaerei e missili vari.

 

Una popolazione intontita di nuovo dal lockdown, magari anche a fronte di un virus casualmente più feroce, aiuterebbe lo svolgersi di una guerra altrimenti ingiustificabile, specie dopo che la popolazione americana, memore di Iraq ed Afghanistan e persino del Vietnam, è divenuta sempre più scettica sugli interventi militari esteri promossi dai neocon, e «isolazionista», trumpiana…

 

Tutti rinchiusi, impauriti, perché c’è di nuovo la morte in strada, quindi… obbedite. Stop.

 

Sono solo teorie. Epperò qualcosa là sotto si sta muovendo, in un moto la cui direzione è farci tornare nello stato di sottomissione pandemica, tanto caro al potere.

 

Ora, il combinato disposto della guerra e del lockdown sappiamo che potrebbe produrre mostri ancora più spaventosi di quelli visti nel biennio coronavirale. Il totalitarismo bioelettronico del green pass potrebbe, con quello che tireranno fuori, divenire un caro ricordo di un’era di moderazione.

 

Abbiamo detto, oramai un anno fa, che ruolo potrebbe avere il nuovo esecutivo di Roma: divenire il governo della repressione. Nessun dato ci fa pensare, di fatto, che il governo Meloni possa opporsi al nuovo imperativo di chiudere tutto.

 

Tenendo sempre a mente che il lockdown sarebbe un toccasana per il disastro inflattivo e la catastrofe energetica: è di ieri la notizia che in questo agosto torrido l’Italia, con le sue industrie manifatturiere energivore, ha consumato meno che durante le settimane del lockdown 2020, quando eravamo tutti a casa. Nel collasso energetico, l’Italia si salva dai blackout solo perché deindustrializzata.

 

Il grande cambio di paradigma in corso forse ha bisogna di un’altra bottarella: i padroni del mondo possono aver pensato così. Forse che si siano resi conto che, alla fine, la storiella del Clima da controllare non attacca? Forse che hanno pensato che strategia che vince non si cambia?

 

L’effetto non cambia: nuova clausura per la Nazione, il continente, l’umanità.

 

A questo punto sappiamo cosa significherà: l’estinzione definitiva della piccola impresa e della classe media, la polarizzazione psicotica della società, la fine di ogni concetto di stato di diritto. La sottomissione del consorzio umano realizzata senza più possibilità di riscossa.

 

Non sappiamo nemmeno cosa dirvi di fare. Ma ci viene, automatico, dal profondo, avendo imparato qualcosa da questi anni, di dire: per prima cosa, proteggiamo i nostri piccoli.

 

 

 

 

Epidemie

Un uomo in Israele muore dopo essere stato infettato da un’ameba mangia-cervello

Pubblicato

il

Da

Un giovane è morto di encefalite in Israele pochi giorni dopo aver contratto l’ameba Naegleria fowleri, chiamata anche «ameba mangia-cervello», che penetra nel cervello umano attraverso il naso, in un secondo caso simile registrato nel Paese, ha riferito domenica il quotidiano online, citando l’ospedale in cui il paziente era stato curato.

 

L’uomo potrebbe aver contratto l’infezione mentre nuotava nel lago Kinneret, noto anche come Mar di Galilea, nel nord del paese, dove la temperatura dell’acqua in estate raggiunge i 30 gradi, un ambiente favorevole allo sviluppo di tali microrganismi

 

Tuttavia, il Ministero della Salute israeliano ha successivamente prelevato campioni sulla spiaggia dove l’uomo aveva fatto il bagno, ma non ha trovato alcuna prova di contaminazione da amebe nell’acqua.

 

La Naegleria fowleri è un’ameba che prospera in laghi di acqua dolce calda, fiumi e sorgenti termali, ma può essere trovata anche nell’acqua del rubinetto, secondo l’ente epidemico americano CDC. L’ameba potrebbe causare infezioni cerebrali se l’acqua che la contiene entra nel cervello attraverso il naso. Tale infezione cerebrale è rara, ma quasi sempre fatale con un tasso di mortalità del 97%, secondo l’autorità statunitense.

Iscriviti al canale Telegram

Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato un cittadino dello Stato americano della Georgia era morto per infezione dell’ameba mangia-cervello.

 

Si trattava all’epoca della terza persona a morire negli Stati Uniti in un solo anno a causa della mostruosa creatura microscopica, che pare diffondersi sempre più a Nord.

 

Uno studio del CDC pubblicato nel 2020, ha rilevato che cinque dei sei casi di meningoencefalite amebica primaria (PAM), come viene chiamata l’infezione cerebrale causata da Naegleria fowleri, si sono verificati durante o dopo il 2010.

 

Come riportato da Renovatio 21, nel 2022 un cittadino del Missouri e un bambino del Nebraska sono stati ammazzati dall’ameba mangia-cervello.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’anno scorso è emersa la rilevazione di vibrio vulnificus, cioè di un tipo di batteri «carnivori», nelle spiagge della Florida.

 

Negli ultimi 15 anni, una malattia neurodegenerativa estremamente rara che mangia il cervello umano lasciando buchi è diventata sempre più comune in Giappone, ma il caso PAM statunitense sembra molto diverso.

 

Prioni sarebbero stati invece alla base di un’epidemia di cervi-zombie nel 2019.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia; modificata

Continua a leggere

Epidemie

Dottoressa tedesca condannata a oltre 2 anni di carcere per aver concesso esenzioni alle mascherine e vaccini anti-COVID

Pubblicato

il

Da

Un medico tedesco è stato condannato a due anni e otto mesi di carcere per aver concesso esenzioni per mascherine e vaccini anti-COVID.   Alla dottoressa Bianca Witzschel, 67 anni, è stato anche vietato di esercitare la professione medica per tre anni e multata di circa 47.000 euro, che secondo il tribunale equivale all’importo che avrebbe versato per aver concesso circa 1.000 esenzioni.   Il sito Apollo News riferisce che si dice che Witzschel abbia rilasciato certificati «falsi» che esentavano i pazienti dall’indossare maschere o dal ricevere il vaccino sperimentale COVID in 1.003 casi in tutta la Germania tra il 2021 e il 2022.

Iscriviti al canale Telegram

La corte ha anche punito Witzschel per il possesso di una pistola stordente senza licenza.   La sentenza menziona anche il fatto che la 67enne si sarebbe identificata come membro del movimento «Reichsbürger» – un gruppo che si dice rifiuterebbe il moderno Stato tedesco.   Il giudice tedesco ha completamente ignorato le prove secondo che le iniezioni sperimentali di COVID hanno causato di morti e gravi danni nella popolazione, e perfino prove della crescente consapevolezza politica di ciò, come e la drammatica recente dichiarazione dell’ex ministro del governo giapponese Kazuhiro Haraguchi che si scusa per la catastrofe inflitta ai cittadini.   La corte tedesca ha parimenti ignorato le prove diffuse che le mascherine non fermano la diffusione del COVID e può effettivamente danneggiare le persone.   Il caso del medico è stato trattato dalle autorità tedesche come quello di un criminale eccezionalmente pericoloso e violento. Witzschel era detenuta dal 28 febbraio 2023. Il primo giorno del processo si è svolto il 14 novembre, otto mesi dopo la sua incarcerazione.   Il processo non è iniziato nella solita aula penale del tribunale distrettuale di Dresda, ma in un’ala di massima sicurezza della prigione di Dresda sull’Hammerweg. Inoltre, alla dottoressa Witzschel è stato condotto in aula da diversi agenti di sicurezza il primo giorno del processo, ha riferito Apollo News.   Prima del processo, le autorità avevano già effettuato perquisizioni su larga scala nelle case dei testimoni. La polizia ha perquisito 140 abitazioni private, soprattutto in Baviera. Sono state sequestrate complessivamente 174 esenzioni. Secondo Apollo News, nelle perquisizioni domiciliari sono stati coinvolti 360 agenti di polizia.   Dopo l’arresto di Witschel nel febbraio 2023, il giornalista Boris Reitschuster ha paragonato gli immensi sforzi e le risorse che le autorità tedesche hanno dedicato al suo caso a criminali molto peggiori e violenti che spesso ricevono un trattamento più indulgente.   «Se lo Stato lascia quasi regolarmente liberi criminali gravi perché il sistema giudiziario è sopraffatto e i molestatori di bambini, ad esempio, se la cavano ripetutamente senza pene detentive, mentre allo stesso tempo i crimini con un background politico vengono perseguiti in modo eccessivo, allora il giornalismo deve contrastarlo» ha scritto lo Reitschuster.   Secondo la testata a finanziamento statale Tagesschau, i sostenitori di Witzschel hanno dovuto essere scortati fuori dall’aula quando il giudice ha letto la sentenza, perché hanno iniziato a lamentarsi ad alta voce e hanno cantato l’inno nazionale tedesco.   Nella sua spiegazione della sentenza, il giudice ha affermato riguardo al COVID: «Abbiamo avuto un’epidemia paragonabile al colera del 19° secolo».

Sostieni Renovatio 21

Il giornalista Stefan Magnet ha commentato in risposta a X, dicendo: «il giudice che ha condannato il dottor Witzschel a una lunga pena detentiva ha paragonato il coronavirus, nella sua giustificazione, alle epidemie di colera del 19° secolo! Allora moriva una persona infetta su due!»   «È completamente folle il modo in cui agisce oggi questo sistema giudiziario», ha aggiunto.   Oltre all’evidenza di decessi e feriti gravi dovuti ai colpi di COVID, è stato inoltre dimostrato che le iniezioni sono inefficaci nel prevenire la trasmissione del virus, scrive RT.   Numerosi studi hanno dimostrato che le mascherine non aiutano a mitigare la diffusione del COVID-19 e possono avere effetti negativi sulla salute di chi le indossa.   Uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine nel novembre 2022 non ha rilevato alcuna differenza tra i respiratori N95 e le maschere chirurgiche nel fermare la diffusione di COVID-19. Questi risultati sono stati rispecchiati in una meta-analisi Cochrane del gennaio 2023 sull’efficacia delle mascherine.   Uno studio del maggio 2023 pubblicato su Ecotoxicology and Environmental Safety indica che i respiratori N95 possono esporre chi li indossa a livelli pericolosi di composti tossici legati a convulsioni e cancro.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Epidemie

Un uomo muore in Messico per il primo caso umano conosciuto di influenza aviaria H5N2

Pubblicato

il

Da

Un uomo di 59 anni in Messico è morto a seguito di un’infezione da un sottotipo di influenza aviaria: è il primo caso noto di ceppo H5N2 che infetta un essere umano. Dal 1996 si sono verificati circa 900 casi umani di un altro ceppo, l’H5N1, e circa la metà delle persone infette sono morte.

 

Gli esperti affermano che non vi è alcuna minaccia per il grande pubblico e che nessuno vicino al 59enne ha contratto il virus, secondo i rapporti.

 

Il paziente, morto ad aprile, era stato ricoverato in ospedale a Città del Messico dopo aver sviluppato febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale, ha detto mercoledì l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

 

«Sebbene la fonte di esposizione al virus in questo caso sia attualmente sconosciuta, il virus A (H5N2) è stato segnalato nel pollame in Messico», ha affermato l’OMS in una nota.

 

Sebbene sia l’H5N1 che l’H5N2 colpiscano sia gli uccelli d’allevamento che quelli selvatici, il paziente in Messico non aveva avuto alcuna esposizione nota al pollame o ad altri animali prima che gli fosse stata formalmente diagnosticata l’influenza. Ma era stato costretto a letto per settimane per altri motivi di salute prima del contagio.

Sostieni Renovatio 21

«A causa della natura in continua evoluzione dei virus influenzali, l’OMS continua a sottolineare l’importanza della sorveglianza globale», ha affermato l’OMS in una nota, aggiungendo che l’attuale rischio per la popolazione generale è «basso». «Questo caso non modifica le attuali raccomandazioni dell’OMS sulle misure di sanità pubblica e sulla sorveglianza dell’influenza».

 

I ricercatori chiariscono che il caso non è correlato a un’epidemia di H5N1 – un ceppo diverso da quello avvenuto in Messico – negli Stati Uniti che ha infettato mandrie di mucche da latte; quattro casi umani di influenza aviaria sono stati segnalati negli Stati Uniti dal 1 aprile.

 

L’allarmismo nei confronti della nuova aviaria è stato propalato in USA dai vertici dell’ente di controllo del farmaco FDA, il cui commissario ha parlato di un’epidemia «10 volte peggiore del COVID»OMS – il cui direttore Tedros ha da tempo detto che «dobbiamo prepararci» ad un focolaio di aviaria umana – e giornali internazionali da mesi stanno insistendo sul pericolo della malattia per gli esseri umani.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaccino contro l’influenza aviaria è stato dichiarato «pronto per la produzione di massa». Gli esperimenti del caso sono stati fatti anche con il famigerato enzima luciferasi.

 

Mosca nel 2023 aveva accusato di aver trovato patogeni letali dell’influenza aviaria in un biolaboratorio USA in Ucraina.

 

Secondo uno studio preprint recentemente pubblicato, anche H5N1 potrebbe essere un virus fuggito al laboratorio.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

 

Continua a leggere

Più popolari