Il figlio di Biden in affari con Xi Jinping?

 

 

 

Nel programma web del direttore di Lifesitenew John-Henry Westen è stata data una notizia non di poco conto.

 

Westen ha intervistato Jack Maxey, ex co-conduttore di Steve Bannon’s War Room e una delle prime persone a esaminare i contenuti del presunto computer portatile del Biden junior lo scorso ottobre.

 

Hunter Biden potrebbe aver avuto legami d’affari con la cinese Xi Jinping, sulla base delle e-mail contenute nel laptop

Maxey ha rivelato che Hunter Biden potrebbe aver avuto legami d’affari con la cinese Xi Jinping, sulla base delle e-mail contenute nel laptop. La corrispondenza collega anche i Biden a possibili accordi di spionaggio cinese e affari illegali sostenuti da Pechino.

 

Non solo. Maxey arriva a sostenere che Hunter Biden potrebbe essere arrivato al punto di cercare di incriminare intenzionalmente suo padre, ora presidente degli Stati Uniti.

 

I contenuti del famigerato «laptop dall’inferno», scoperto per la prima volta nel 2019 in un negozio di computer vicino alla casa dei Biden nel Delaware, sono stati confermati dall’ex socio in affari di Hunter Biden Tony Bobulinksi. Almeno un’e-mail chiave è stata convalidata da esperti di sicurezza informatica e le forze dell’ordine hanno anche segnalato che il laptop è autentico.

 

Non è la prima volta che Hunter riceve soldi dall’estero senza avere alcune esperienza di un business: basti pensare al caso ucraino, in cui fu fatto sedere nel board del gigante energetico Burisma senza ne sapesse qualcosa di energia né di Ucraina

Maxey ha ribadito che i dati del laptop Hunter Biden sono effettivamente «reali al 100%». «Beh, ad esempio, ho chiesto a diversi agenti della CIA in pensione di esaminarlo, un ex appaltatore della NSA, esperti di sicurezza informatica. Tutti coloro che lo hanno esaminato confermano che è reale al 100%».

Maxey menziona Bohai Harvest RST Partners (BHR), una società di capitali che Hunter Biden e Devon Archer, un criminale condannato e amico di famiglia del Segretario  di Stato John Kerry, ha fondato con le migliori società di investimento cinesi nel 2014. Biden jr. aveva avuto solo pochi precedenti successi in l’industria finanziaria prima di lanciare BHR con il sostegno della Bank of China.

Non è la prima volta che Hunter riceve soldi dall’estero senza avere alcune esperienza di un business: basti pensare al caso ucraino, in cui fu fatto sedere nel board del gigante energetico Burisma senza ne sapesse qualcosa di energia né di Ucraina.

Secondo un’e-mail fornita da Maxey, BHR si è consultato con Biden e Archer per organizzare un incontro tra il presidente Xi Jinping e potenziali partner commerciali durante la visita di stato di Xi in America nel 2015.

Altre mail sono più disturbanti e riguarderebbero presunte accuse di molestie a minori all’interno della famiglia.

Altre mail sono più disturbanti e riguarderebbero presunte accuse di molestie a minori all’interno della famiglia.

 

«Penso che una delle cose che i tuoi spettatori dovrebbero davvero capire, però, è che l’FBI ha ricevuto questo laptop il 9 dicembre 2019», ha detto Maxey al Westen Show. «E quindi hanno saputo tutto ciò che c’è in questo per ora, quasi un anno e mezzo, e se il popolo americano fosse stato consapevole di questo, non c’era modo nella mia mente che Joe Biden sarebbe potuto entrare nelle primarie democratiche».

 

«L’FBI ha ricevuto questo laptop il 9 dicembre 2019. E quindi hanno saputo tutto ciò che c’è in questo per ora, quasi un anno e mezzo, e se il popolo americano fosse stato consapevole di questo, non c’era modo nella mia mente che Joe Biden sarebbe potuto entrare nelle primarie democratiche»

«E dobbiamo chiederci perché? Perché non dovrebbero rivelarlo al popolo americano? Perché avrebbero lanciato un racket di protezione per Joe Biden? Penso che sia una domanda a cui bisogna rispondere » ha detto Maxey.

 

Ha indicato una lettera firmata da 50 ex funzionari dell’intelligence statunitense, tra cui i direttori della CIA dell’era Obama John Brennan e Leon Panetta, sostenendo che il laptop Hunter Biden probabilmente faceva parte di una campagna di disinformazione russa. «Ora, sappiamo che oggi questa è una menzogna completa», ha detto Maxey, chiamando la lettera «interferenza elettorale».

 

«Al cento per cento, non credo, in una sfida faccia a faccia, non importa se abbiamo avuto elezioni perfette o meno, (Biden) potrebbe essere eletto dal popolo americano se sapesse quello che so io, e cosa l’FBI lo sa dal 9 dicembre 2019», ha detto Maxey.

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di Center for Strategic & International Studies via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)